2008/06/27

WTC7, trapelano bozze parziali del rapporto finale NIST

di Paolo Attivissimo

Il sito cospirazionista Prisonplanet.com ha pubblicato quelle che sembrano essere delle bozze incomplete del rapporto finale sulle cause del crollo dell'Edificio 7 del World Trade Center.

Considerata la fonte e visto che il rapporto verrà pubblicato formalmente a breve, è inutile soffermarsi a valutare l'autenticità di ogni brano di testo di questi file in formato Word facilmente editabili da chiunque.

Il testo non rivela nulla di particolarmente significativo: si tratta sostanzialmente di una lunga e meticolosa spiegazione dei metodi di simulazione d'incendio e della catalogazione delle immagini mirata a ricostruire la dinamica e la mappatura dei danni e degli incendi.

Vi sono comunque numerose immagini poco note o inedite e molto interessanti degli ingenti danni subiti dalla facciata sud del WTC7, quella rivolta verso la Torre Nord (WTC1). Le immagini confermano inoltre visivamente l'impatto di importanti macerie del WTC1 contro il WTC7.

Attendiamo la pubblicazione formale del rapporto prima di proporne una valutazione completa.

22 commenti:

Anonimo ha detto...

Questi dietrologi mostrano sempre di rispettare le leggi.
Tempo fa copiarono parte dei progetti del WTC portandoli fuori illegalmente dallo studio professionale di avvocati che aveva gestito la pratica di Silverstein per il risarcimento dell'assicurazione.
Poi a parte una piccola sparata sulle blueprint, non se ne fecero granchè.
Oggi vantano di avere prima della pubblicazione le bozze del rapporto, ottenute chissà come o con quali infrazioni.
Il tutto per criticare e basta.

Paolo Attivissimo ha detto...

Trovo ironico che i complottisti accusano sempre noi debunker di avere chissà quali poteri di spionaggio e sorveglianza, oltre che ampi intrallazzi con i governi e i servizi segreti, e poi sono loro a pubblicare questo materiale trafugato.

OrboVeggente ha detto...

trovo più grave che NESSUN complottista conosca la frase "Ok, mi sono sbagliato"... proprio come i politici italiani.
Ci sono compottisti E politici italiani assieme? Ah ecco...

brain_use ha detto...

Orboveggente: LOL ;-)

alexandro ha detto...

Ieri mi sono fatto un'idea dei complottisti, visitando per la prima volta Luogocomune, partendo dal link messo da Paolo sulla sua cacciata. A parte la quantità di corbellerie che quella gente diffonde, mi sono reso conto del livello di educazione davvero basso, dello stesso Mazzucco e dei suoi accoliti. Da subito ho notato avatar con svastiche sulla bandiera USA e Bush in versione Hitler, che un webmaster normale avrebbe fatto rimuovere immediatamente, e da certi commenti ho capito che aria tiri politicamente. Chiunque dissenta, pur scrivendo in toni assolutamente pacati, diventa immediatamente un cretino o un troll. Gli intelligenti seguaci delle castronerie, perdono tempo a spedire decine di messaggi contenenti solo immagini di troll, evitando di rispondere in modo costruttivo. Impagabile il passaggio sulla terra cava, dove difendono a spada tratta il loro maestro in un modo che rasenta il fanatismo religioso. Inoltre a differenza di quanto accade qui, la politica è al centro di tutto, infatti l'assunto è che gli americani siano abbietti, quindi capaci di autoinfliggersi attacchi terroristici, e da qui partono tutte le illazioni su come potrebbero aver fatto.
Non ha importanza se poi le varie ipotesi si contraddicono tra loro, come gli aerei telecomandati che diventano ologrammi, ma che stranamente avrebbero avuto bisogno di una luce proveniente dall'interno delle torri per dirigersi nel punto preciso dove sarebbero state fatte esplodere le cariche(???). Curioso poi l'aver messo in una FAQ di sei domande la più lunga risposta su Paolo Attivissimo, descrivendolo come l'anticristo, invece di occuparsi di dare risposte precise a domande più serie. Poi ho letto i messaggi recenti e ho visto che lo stesso Mazzucco ritiene pistole fumanti le frasi dette dalle persone che si trovavano al WTC, come se di fronte ad una catastrofe simile la gente possa rimanere razionale. Io mi trovavo a casa comodamente sul divano quando ho visto in TV il secondo aereo in diretta, e mi sono sentito male. Quando ho visto la gente saltare nel vuoto per evitare "quei 2 o 3 piccoli focolai" ho distolto lo sguardo dall'orrore e non so cosa potrebbero aver provato le persone che si trovavano in mezzo, e qualsiasi frase pronunciata andrebbe presa con le molle, ma per l'appunto non si butta via nulla. Ho notato il compiacimento generale per la forse futura disponibilità di un circuito di sale cinematografiche, come se diffondere il loro credo religioso sia più importante che dare risposte tecniche che non provengano dal loro teologo di riferimento. Probabilmenta prima del film ci saranno i cartoni di Road Runner, perché curiosamente molte delle leggi fisiche complottiste sembrano combaciare con quelle del coyote, come la presunzione che l'aereo al pentagono avrebbe dovuto lasciare la sagoma nel muro (si chiedono dove sia il buco lasciato dal timone). Comunque era giusto sentire la campana altrui, ma me ne guarderò bene dal tornarci, perché l'unico complotto da me rilevato è quello contro le buone maniere.

brain_use ha detto...

@alexandro:
diffondere il loro credo religioso sia più importante che dare risposte tecniche che non provengano dal loro teologo di riferimento

Certo che lo è.
Quella, è una setta.
Dal punto di vista strutturale, dal punto di vista dell'approccio fideistico e della visione del mondo che li contraddistingue.

Benvenuto al "Circo Massimo"!
Se ti può interessare, sul forum di crono911 c'è un omonimo thread dove alcuni seguono le più divertenti farneticazioni che si originano da quelle parti.

Personalmente, ormai, seguirli mi ha annoiato: dopo aver perso ogni parvenza di credibilità (ammesso che ne abbia mai avuta una), quel sito e quel forum stanno perdendo ogni contatto con la realtà, come tu stesso hai notato, chiudendosi in un circuito chiuso sia mentale che di frequentazioni.

Invece è ancora divertente seguire gli ultimi arrivati sulla scena del complottismo nostrano: gli "zeri" che si danno un gran daffare nell'opera di divulgazione del loro verbo.
Facilitati, credo, dagli agganci che il loro mentore ha accumulato negli anni.

Non che il loro verbo sia poi diverso da quello dei luogocomunensi, intendiamoci, anzi, ne è praticamente la fotocopia. Ma sono indubbiamente animati da più apertura al mondo esterno, verso il quale sono "portatori di Verità": i novelli evangelisti! :-D

Anonimo ha detto...

alexandro, c'è anche il sito:
http://complottismo.blogspot.com/

Purtroppo in Italia si passa dai centristi che a volte eccedono con il filoamericanismo, alle ali estreme, destra e sinistra, che eccedono nell'antiamericanismo.

"Ok, mi sono sbagliato"
---------
Sai, credono nella...."finanza cava", una versione alternativa ma del tutto uguale della "terra cava"

alexandro ha detto...

Ho visitato
http://complottismo.blogspot.com/
e sono quasi schiattato dalle risate. Avevo già avuto a che fare con creduloni assortiti, ma avevo solo intravisto la punta dell'iceberg! La stupidità congenita dei complottisti mi ha fatto capire che il pericolo non viene tanto dai terroristi, ma da un'ignoranza dilagante. Perciò per quanto possa essere divertente leggere certe "perle", sono seriamente preoccupato per la deriva che sta prendendo l'intelletto. Il fenomeno è in crescita e per quanto si possano debunkare le assurdità, queste appaiono più affascinanti della realtà, facendo proseliti ovunque.

Anonimo ha detto...

ho avuto modo di vedere su youtube il filmato della conferenza di paolo in val d'aosta....
complimenti per la pazienza!!

Paolo Attivissimo ha detto...

Anonimo, grazie. Ci sono state un paio di volte che pensavo di perdere le staffe, ma sapere che questo avrebbe fatto soltanto il gioco del cospirazionismo (non del singolo cospirazionista, che forse non era neppure consapevole di essere indottrinato) mi ha permesso di mantenere un certo distacco.

Anonimo ha detto...

quindi non ti vengono sentimeti ostili nei confronti di gente come quella?

Paolo Attivissimo ha detto...

quindi non ti vengono sentimeti ostili nei confronti di gente come quella?

Ostili? Dipende cosa intendi. Di certo non li picchierei, se è questo che intendi. Ma vorrei tanto poterli mettere a confronto con i pompieri di New York e di Arlington e lasciare che siano loro a dare la lavata di capo umiliante che si merita chiunque accusi i pompieri di far parte della cospirazione.

Inoltre distinguo fra chi, come la persona intervenuta a Verrès, ha chiaramente assimilato acriticamente le teorie complottiste perché ha riposto male la propria fiducia e non si è informato, e chi invece vende paccottiglia e mente sapendo di mentire. Questi mi stanno veramente sul gozzo e li manderei volentieri a fare due chiacchiere con Osama bin Laden o i suoi soci.

Poi ci sono i guru complottisti che sono afflitti da paranoia catastrofista e quindi sono più che altro malati da compatire.

Per cui non parlerei di ostilità. Irritazione? Senz'altro. La stessa che proverebbe chiunque se venisse interrotto in continuazione e si sentisse dire delle scemenze.

Anonimo ha detto...

è che la loro strafottenza e intolleranza al dialogo mi è insopportabile...
forse qualche sberla li ricondurrebbe alla ragione

Paolo Attivissimo ha detto...

Temo di no. Scenderesti al loro livello e loro avrebbero modo di dire "ecco come ci trattano gli 'ufficialisti'".

Oltretutto si esalterebbero perché otterrebbero ciò che più vogliono: sentirsi martiri.

Anonimo ha detto...

quando si accorgeranno che la loro visione del mondo è totalmente errata sarà troppo tardi... del resto non si negano nessuno dei lussi che questa società "capitalista e sfruttatrice" garantisce... compreso quello di dire le loro cretinate senza rischiare la vita

Anonimo ha detto...

certo che al centro di tutto c'è la politica... non si può negare che in genere le posizioni complottiste coincidano con quella sinistra antiamericana che rimprovera agli USA di affamare il mondo... (quando poi l'unione europea, in virtù delle sue norme sull'agricoltura di stampo protezionistico, butta via ogni anno tonnellate di derrate alimntari di cui si potrebbe fare uso sicuramente migliore, ma questa è un'altra storia) nessuno di questi si rende conto che gli Stati Uniti, pur con tutti i loro difetti, sono quelli che più di ogni altro si sono avvicinati alla realizzazione dell'integrazione tra i popoli, integrazione che da noi si vorrebbe compiere con la distruzione e la censura della nostra cultura, delle nostre tradizioni, dei nostri valori, dovunque a cominiciare dalle scuole, dove non viene certo insegnato ai giovani a riflettere, e non vengono dati loro nemmeno gli strumenti per farlo.. da qui si vede la ragione per cui discutere con certe persone è inutile... addirittura in una scuola in veneto (notizia di prima mano, quindi non bufala) in'insegnante di storia è arrivata a dire che il 9/11 è stato organizzato dalla CIA che paga profumatamente persone in mezzo mondo per far credere il contrario (paolo ti abbiamo beccato ;-)) questa gente pensa che sia possibile realizzare "l'uomo nuovo" di marxistica memoria tramite la distruzione di ogni identità (ogni identità è fascista): lo stanno facendo qui e poi pensano di "indottrinare" in modo simile anche gli altri, non rendendosi conto che loro sarebbero proprio i primi a subire le ira di Allah "giusto e misericordioso".
Oltretutto il disprezzo e a volte il divertimento con cui alcuni (ne conosco tanti) ricordano quelli che dalle torri si buttavano, o i soccorritori morti durante il loro lavoro, dicendo che se lo sono meritato, sono veramente agghiaccianti, dimostrano la stessa mancanza di carità tipica dei terroristi...
Del resto sono ben simili, entrambi vogliono cambiare il mondo adattandolo alla loro visione, e agiscono in questo con arroganza e senso di superiorità, non curandosi del prossimo, adattandosi egrgiamente alla visione del male come "ybris" che era stata delineata già al tempo dei padri della chiesa "il demonio è colui che si prende sempre sul serio, non ridendo mai di se stesso"

Anonimo ha detto...

1) c'è qualche link riguardo alla notizia della professoressa di storia che ha appoggiato la teoria cospirazionista? ricorda un evento analogo successo in Giappone. E' curioso che in diversi ambienti vi sia un'eguale casistica di comportamento.
2) i modelli di integrazione hanno fallito in tutto il mondo, dal Brasile di Lula che qualche anno fa proponeva diverso trattamento per gli studenti meticci, alle rivolte francesi (mai domate, ma solo attenuate), alla condizione del Bronx, al fallimento sia della linea dura e che di quella morbida italiana negli ultimi 30 anni nel trattare la questione ROM, ecc...
3) mia personale opinione è di lasciare fuori dalle scuole la storia recente sia nella visione dietrologica che nella versione ufficiale. Ai ragazzi conviene insegnare qualcosa di consolidato su cui non ci siano contrasti politici, in modo tale da non creare delle persone schierate che si propongono alla seconda fase della loro vita (lavoro, famiglia, essere adulti) con una visione estremamente ideologizzata e radicale che potrebbe interferire con le capacità e la professione acquisite.
3) Traspare effettivamente una caratteristica curiosa. L'evoluzione delle forme politiche moderne tende ad inglobare le forme della società. In altre parole oggi va di moda ragionare per caste (a volte avendone tutto il diritto e le prove per farlo). Se da un lato si può parlar di casta che raggruppa un certo numero di professioni e professionisti (politica + spettacolo + certo cinema + banche + immobiliaristi), dall'altro si potrebbe dare un'eguale descrizione anche ad altri gruppi che legano politica, informazione, teatro, un certo tipo di cinema, mondo cooperativo ecc...Ciò sembra trascendere l'intento antistatale ed appannare sia chi fa buon uso o non ne fa buon uso (sempre che esista chi ne fa buon uso).
Tuttavia tutto ciò esce dalla questione undici settembre 2001, e forse a tale discussione vi si potrebbe arrivare con casi simili agli attentati terroristici dell'undici settembre.
Di tali argomenti si dovrebbero occupare chi fa studi di scienze politiche che dovrebbe studia e proporre modifiche a quel sistema dinamico chiamato "stato". Dinamico per la presenza di un elemento di forte variazione ed evoluzione qual è l'uomo.
4) ho notato con piacere che nel rapporto provvisorio fra i vari documenti vi è la foto di Shepard e quella di Cirione, entrambe documentate da undicisettembre.blogspot.com nel post sul Bent Propeller e in campo americano da Screw Loose Change ben 1.5 annii fa!!!

http://undicisettembre.blogspot.com/2006/12/bent-propeller-monumento-wtc7.html

Paolo Attivissimo ha detto...

c'è qualche link riguardo alla notizia della professoressa di storia che ha appoggiato la teoria cospirazionista?

Quale professoressa?

marcov ha detto...

Quale professoressa?

Penso si riferisca ad una tipa che fa parte dell'associazione megachip e che ha invitato qualche mese fa il proprio presidente (chiesa) a parlare nell'istituto in cui insegna.
Un comportamento ovviamente non condivisibile. Mi pare però eccessiva la tirata di anonimo sul sistema educativo partendo dai casi di due (2) insegnanti di storia, una giapponese e una italiana. Capirai. In altri ambienti le tesi complottiste hanno bel altro seguito.

marcov ha detto...

il link dovrebbe essere questo
http://complottismo.blogspot.com/2008/02/scuola-di-bufale.html

Paolo Attivissimo ha detto...

Grazie del chiarimento, Marcov.

sisko ha detto...

"Mi pare però eccessiva la tirata di anonimo sul sistema educativo partendo dai casi di due (2) insegnanti di storia, una giapponese e una italiana. Capirai."

Se è per questo, io ho avuto una insegnate di storia che parlava delle stragi delle foibe come di propaganda di destra. E un altro insegnante che dichiarava che non c'erano prove del coinvolgimento di Hitler negli stermini razziali.

Gli insegnanti non sono certo una categoria immune dai ditrologi e negazionisti di varia natura.