2020/01/07

Pentagon: an interview with former Arlington police officer Isaac Betancourt

by Hammer. An Italian translation is available here.

Today we offer our readers the personal account of former Arlington police officer Isaac Betancourt who was deployed to the scene at the Pentagon after the crash of the plane.

We would like to thank Isaac Betancourt for his kindness and willingness to help.


Undicisettembre: First of all, what was your job in 2001?

Isaac Betancourt: I was working patrol at the time for the Arlington County Police Department, I was a regular police officer in a police car responding to calls and so forth. Hostage negotiation was my specialty; in every Police Department in the United States it is an extra job, like a part time job.


Undicisettembre: Can you give us a general account of what you saw and experienced on 9/11?

Isaac Betancourt: That day, before the plane crashed into the Pentagon, I had been working nights. I lived in an area called Crystal City, in Arlington and right next to the Pentagon. I was already home and when the plane hit the Pentagon I was almost ready to go to bed; my sister called me and said “A plane just hit the Pentagon!” I looked outside the window and saw the smoke. I immediately got in my police car and I went to the scene.

There was chaos everywhere, there were cars, traffic jams, people panicking. For a few minutes I saw a congestion in one of the intersections and an ambulance was coming, so I stopped to allow the ambulance to pass by and then I proceeded to the Pentagon, and once I got there I remember there were parts of the plane everywhere. A big wheel had hit a construction trailer that was there and made a hole in it.

Firemen were trying to put the fire out and all of a sudden one of the FBI agents told us to run away because they thought another plane was coming. We started running away and he waved his hands to stop us and he said “No, it just crashed in Pennsylvania.”

All my colleagues of Arlington County Police started showing up. I was at the security post making sure that nobody unannounced would come in.

Later on they moved me outside of the post to “395”, the highway that overlooks the Pentagon, to move the people away from there, because at the time we didn’t know what was going on. We feared a sniper might be looking over so people there might have been unsafe. I stayed there till the next morning.

The next morning I needed to use the restroom and I said on the radio: “Hey guys, I’m over here at this post, can anyone come over so that I can use the restroom?” And they said “Where are you?” I said “Where you sent me yesterday, at the 395 post.” They said “We don’t have you on the list, we forgot that you were there.” So they forgot about me and they found out after twentyfour hours, only because I waited before asking to go to the restroom, because it seemed like a minor thing compared to all that was going on. So on the debriefing they reported that one of the things they had to be conscious of is where you send your people.


Undicisettembre: What happened to you on the next days?

Isaac Betancourt: I was assigned there everyday. They divided us into two teams: one team was recovery and the second team was security. I was in the security part, so I was not exposed as much as the recovery team which was in the midst of it. They were looking for belongings of people on the plane and I was hearing stories of what they found. During this period many people from the United States came to help, even people who were not authorized to come and I was the one who had to turn them away because if you were not authorized to be there, you could not go into the scene. But a lot of people came trying to help.


Undicisettembre: While you were there was anyone having doubts that a plane had hit the Pentagon?

Isaac Betancourt: No. Because everybody had seen what had happened. I heard it years later, but not in those days.


Undicisettembre: In your opinion how does 9/11 affect the everyday work of law enforcement agencies even today?

Isaac Bentancourt: Everything changed. Before 9/11 life was more relaxed, after 9/11 every day there was a threat call and you don’t even hear them anymore. As time goes by we are relaxing, and it’s natural for a society to do that. But even when I go to the airport things changed a lot since 2001.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

Isaac Betancourt: At the beginning anytime I heard a plane sound, and my area of patrol was around the Pentagon, it made me think maybe it was going to strike the Pentagon. Then it got better and now only when I really think about it, like on the anniversary, I feel sad. And let me tell you why I feel sad: it’s because when I got there I felt there was nothing I could do for them. I was powerless. My job was to protect people, but there was nothing I could do for them because it was too late.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories according to which 9/11 was an inside job?

Isaac Betancourt: I think it’s easy for somebody who wasn’t there to come up with these theories, which are only based on skepticism towards the system who should create this huge machine. About 9/11 I know what I saw and there’s no way it was made up. Conspiracy theories are spreading lies, the government did not make it happen.


Undicisettembre: What’s your reaction when you hear them?

Isaac Betancourt: I turn it into a teaching moment, because I’m lucky that I’m able to tell them what happened, because I was there. I don’t expect that their minds to change, but I think I give them a truthful thought to think about.


Undicisettembre: What do you think of security today? Is the nation safer than in 2001?

Isaac Betancourt: Yes. A lot of things changed regarding not only what we see. I was in the military also and I went to war and I see how the military operates. I don’t think the US is only protecting in the public eye but also in the private, there’s a lot of things going on people don’t hear about to prevent that from happening again.

If you look at the American history and you think of Pearl Harbor, the US did a great job to make Pearl Harbor not repeat itself, and with 9/11 they did the same.

Pentagono: intervista all'ex agente della polizia di Arlington Isaac Betancourt

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui.

Offriamo oggi ai nostri lettori il racconto personale dell'ex agente della polizia di Arlington Isaac Betancourt che fu inviato sulla scena al Pentagono dopo lo schianto dell'aereo.

Ringraziamo Isaac Bentancourt per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Come prima cosa, che lavoro facevi nel 2001?

Isaac Betancourt: All'epoca lavoravo come agente pattuglia per il dipartimento di polizia della contea di Arlington, ero un normale ufficiale di polizia con un'auto della polizia che rispondeva alle chiamate e così via. La mia specialità era la negoziazione degli ostaggi; in tutti i dipartimenti di polizia degli Stati Uniti è un lavoro extra, come un incarico part-time.


Undicisettembre: Ci puoi fare un racconto generale di ciò che hai visto e vissuto l'11 settembre?

Isaac Betancourt: Quel giorno, prima che l'aereo si schiantasse contro il Pentagono, avevo fatto il turno di notte. Vivevo in una zona chiamata Crystal City, ad Arlington e proprio accanto al Pentagono. Ero già a casa e quando l'aereo colpì il Pentagono ero quasi pronto per andare a letto; mia sorella mi chiamò e mi disse "Un aereo ha appena colpito il Pentagono!" Guardai fuori dalla finestra e vidi il fumo. Salii subito sulla mia macchina della polizia e andai sulla scena.

C'era caos ovunque, c'erano macchine, ingorghi, gente in preda al panico. Per alcuni minuti vidi una congestione a uno degli incroci e stava arrivando un'ambulanza, quindi mi fermai per consentire all’ambulanza di passare e poi proseguii verso il Pentagono, e una volta arrivato ricordo che c'erano parti dell'aereo ovunque. Una grande ruota aveva colpito un container che era lì e aveva fatto un buco.

I pompieri stavano cercando di spegnere l'incendio e all'improvviso uno degli agenti dell'FBI ci disse di scappare perché pensavano che stesse arrivando un altro aereo. Iniziammo a scappare e quindi ci richiamò per fermarci e disse "No, si è appena schiantato in Pennsylvania".

Iniziarono ad arrivare tutti i miei colleghi della polizia della contea di Arlington. Ero nel gabbiotto delle guardie e mi assicuravo che nessuno entrasse senza autorizzazione.

Più tardi mi spostarono alla guardiola della "395", l'autostrada che affianca il Pentagono, per allontanare la gente da lì, perché al momento non sapevamo cosa stesse succedendo. Temevamo che un cecchino potesse sparare sulla folla e che le persone non fossero al sicuro. Rimasi lì fino al mattino dopo.

La mattina dopo dovetti andare in bagno e dissi alla radio: "Ehi ragazzi, sono qui alla guardiola, qualcuno può venire in modo che io possa andare in bagno?" Mi risposero "Dove sei?" Dissi "Dove mi avete inviato ieri, alla guardiola della 395". Dissero "Non ti abbiamo in elenco, ci siamo dimenticati che eri lì." Si erano dimenticati di me e lo scoprirono dopo ventiquattro ore, solo perché ho aspettato prima di chiedere di andare in bagno, perché sembrava una cosa di poca importanza rispetto a tutto quello che stava succedendo. Quindi durante il debriefing riportarono che una delle cose di cui dovevano essere consapevoli era dove mandavano il personale.


Undicisettembre: Cosa ti è successo nei giorni successivi?

Isaac Betancourt: Fui assegnato lì tutti i giorni. Ci divisero in due squadre: una squadra faceva soccorso e la seconda sicurezza. Io ero nella parte della sicurezza, quindi non sono stato in prima linea come il team di soccorso. Loro cercavano effetti personali di passeggeri dell'aereo e sentivamo le storie di ciò che trovavano. Durante questo periodo molte persone da ogni parte degli Stati Uniti vennero per dare aiuto, anche persone che non erano autorizzate e le dovetti respingere perché se non erano autorizzati non potevano andare sulla scena. Ma molti vennero per cercare di aiutare.


Undicisettembre: Mentre eri lì c'era qualcuno che dubitava che un aereo avesse colpito il Pentagono?

Isaac Betancourt: No. Perché tutti avevano visto cosa era successo. Sentii questa storia anni dopo, ma non in quei giorni.


Undicisettembre: Secondo te in che modo l'11 settembre influisce sul lavoro quotidiano delle forze dell'ordine anche oggi?

Isaac Bentacourt: Tutto è cambiato. Prima dell'11 settembre la vita era più rilassata, dopo l'11 settembre ogni giorno c'era una minaccia e non ci facevi neanche più caso. Con il passare del tempo ci stiamo rilassando ed è naturale che una società lo faccia. Ma anche quando vado in aeroporto le cose sono cambiate molto dal 2001.


Undicisettembre: In che modo l'11 settembre influisce sulla tua vita quotidiana?

Isaac Betancourt: All'inizio ogni volta che sentivo un suono di aereo, e la mia area di pattuglia era attorno al Pentagono, pensavo che forse avrebbe colpito il Pentagono. Poi la situazione è migliorata e ora solo quando ci penso davvero, come in occasione dell'anniversario, mi sento triste. E ti dico perché mi sento triste: è perché quando arrivai lì sentii che non c'era nulla che potessi fare. Ero impotente. Il mio compito era proteggere le persone, ma non c'era nulla che potessi fare per loro perché era troppo tardi.


Undicisettembre: Cosa ne pensi delle teorie della cospirazione secondo cui l'11 settembre sarebbe stato un inside-job?

Isaac Betancourt: Penso che sia facile per qualcuno che non era lì elaborare queste teorie, che si basano solo sullo scetticismo nei confronti del sistema che dovrebbe creare questa enorme macchinazione. Sull'11 settembre so cosa ho visto e sicuramente non è stata una messinscena. Le teorie della cospirazione diffondono bugie, non è stato il governo.


Undicisettembre: Qual è la tua reazione quando le senti?

Isaac Betancourt: Lo trasformo in un momento di insegnamento, perché ho la fortuna di poter spiegare cosa è successo, perché ero lì. Non mi aspetto che cambino idea, ma penso di dar loro un pensiero veritiero su cui riflettere.


Undicisettembre: Cosa ne pensi della sicurezza oggi? La nazione è più sicura che nel 2001?

Isaac Betancourt: Sì. Molte cose sono cambiate non solo in ciò che il pubblico vede. Ero nell'esercito e sono andato in guerra e vedo come funziona l'esercito. Non credo che gli Stati Uniti si stiano proteggendo solo agli occhi del pubblico, ma anche in ciò che il pubblico non vede, ci sono molte cose che vengono fatte per evitare che accada di nuovo di cui la gente non sente parlare.

Se guardi alla storia americana e pensi a Pearl Harbor, gli Stati Uniti hanno fatto un ottimo lavoro per evitare che Pearl Harbor si ripetesse, e con l'11 settembre hanno fatto lo stesso.