2020/09/21

La finale mondiale di scacchi giocata al World Trade Center nel 1995

di Leonardo Salvaggio

Le Torri Gemelle hanno dominato lo skyline di Lower Manhattan per tre decenni ed ovviamente al loro interno si sono svolti numerosi eventi di rilievo tra i quali trova spazio anche un evento sportivo: la finale del campionato del mondo di scacchi PCA del 1995.

La sfida ebbe una genesi singolare. Nel 1993 il campione russo Garry Kasparov avrebbe dovuto difendere il proprio titolo contro il contendente Nigel Short, che aveva vinto il torneo dei candidati, qualificandosi come sfidante contro il campione in carica. I due tuttavia ebbero uno scontro con la federazione organizzatrice, la FIDE, che secondo i due campioni aveva deciso la sede della competizione, a Manchester, senza consultarli come invece avrebbe previsto il regolamento. I due fondarono quindi una nuova federazione, la PCA (Professional Chess Association) e la sfida per il titolo, che vide la conferma di Kasparov, fu giocata sotto l'egida della nuova federazione.


La PCA a quel punto, ponendosi come alternativa alla FIDE, decise di organizzare un campionato del mondo analogamente a quanto faceva la federazione rivale, con un torneo di qualificazione dal quale sarebbero usciti i qualificati per la fase a eliminazione diretta che avrebbe poi sancito chi avrebbe sfidato nuovamente Kasparov per il titolo. Il torneo di qualificazione si svolse a Groningen, nei Paesi Bassi, nel dicembre del 1993 e stabilì chi erano i sette qualificati, ai quali si aggiunse anche Nigel Short direttamente dai quarti.

I quarti di finale si giocarono nella Trump Tower, a New York, a giugno del 1994 con la cerimonia di apertura presieduta dall'attuale presidente degli USA. Le semifinali furono disputate a Linares, in Spagna, a settembre del 1994 e la finale a Las Palmas, nell'isola spagnola di Gran Canaria, a marzo del 1995. Short perse in semifinale e il candidato a sfidare Kasparov fu l'indiano Anand Viswanathan.

La sfida per il titolo contro Kasparov si giocò al centosettesimo piano della Torre Sud e iniziò in una data che oggi suona come uno strano scherzo del destino: l'11 di settembre. Lo scontro si sarebbe deciso al meglio delle venti partite; secondo il racconto del giocatore della FIDE Jason Luchan che assistette alla sfida, il calendario prevedeva quattro partite a settimana di lunedì, martedì, mercoledì e venerdì. Kasparov vinse in diciotto partite. Dopo una serie di otto pareggi consecutivi Anand vinse una partita, Kasparov pareggiò i conti alla successiva, andò in vantaggio subito dopo e chiuse con quattro vittorie, una sconfitta e tredici pareggi. L'ultima partita si svolse il 16 ottobre.

Le diciotto partite furono giocate all'Observation Deck della Torre, un luogo insolito per una sfida scacchistica: infatti le foto dei due contendenti mostrano sullo sfondo la città di New York vista dall'alto.

La PCA ebbe comunque vita molto breve. Nel 1996 perse l'alleanza con il proprio sponsor principale, la Intel, e fu costretta a chiudere le attività. Al tempo si vociferò che il motivo fu che Kasparov avrebbe nei mesi successivi sfidato il supercomputer della IBM Deep Blue, ma fu lo stesso Kasparov a smentire la voce chiarendo che Intel aveva ritirato la propria disponibilità prima che lui prendesse accordi con IBM.

Non avendo più una federazione che organizzasse gli eventi, Kasparov nel 2000 scelse il proprio sfidante autonomamente e perse la gara contro il connazionale Vladimir Kramnik. Kramnik nel 2005 sfidò il campione in carica della FIDE, di fatto unendo i due titoli e ponendo fine al dualismo delle federazioni.

La federazione creata da Garry Kasparov e Nigel Short ebbe quindi poca fortuna e durò pochi anni, che però bastarono a organizzare una finale in un luogo memorabile.

2020/09/10

World Trade Center: an interview with former NYPD sergeant Darrin Porcher

by Leonardo Salvaggio. An Italian translation is available here.

For the nineteenth anniversary of the attacks of September 11th 2001, Undicisettembre offers today to its readers the personal account of former NYPD sergeant Darrin Porcher, who responded to the scene after the crash of the second plane.

We would like to thank Darrin Porcher for his kindness and availability.





Undicisettembre: Can you give us a general account of what you saw and experienced on 9/11?

Darrin Porcher: On 9/11 I was a sergeant with the NYPD and I was assigned to the Police Academy, which is relatively close to the World Trade Center. I was working at a day tour which started at 7:07 AM so I was probably there at 6:30 to get dressed, because it was a uniformed assignment. I conducted a series of inspections on the recruits that were under my control that day, after the inspection was done the recruits went into the classroom. It was 7:40 and I went through a block on instructions, at the end of the instructions I went into my office and one of the counterparts mentioned me that a plane struck the World Trade Center. I clearly saw this as an accident and didn’t think of it much further, I saw the damage from the first plane and thought “Wow, this is pretty big.” But I thought this was outside my span of control, I didn’t foresee the need to respond because we had patrol units and fire department who I thought had already been detached to the location.

Shortly after the second plane struck the second tower, I was right outside of my office and another one of my counterparts told me that a second plane struck the World Trade Center. At the point in time it was clear it was a terrorist attack. I went back to my locker and although I was wearing a uniform I put on my bulletproof vest and an attire that was suited for me to go into the streets because I clearly knew I was going to be rotating in the direction of the disturbance and sure enough there would have been a mobilization among the recruits.

I was sent outside and I was tasked to stop every city bus that was coming in the area and have all the passengers in those buses exit; those buses were commandeered for the use of the police department and we used them to transport the officers to the World Trade Center site which was maybe half a mile away. When we got there, it was primarily crowd control and setting up a traffic perimeter. While I was there the towers fell. I saw a lot of pictures and videos of the collapses, but they all pale in comparison to the on-site visual; the destruction was massive and it’s very difficult for me to explain the magnitude.

After the towers fell mass pandemonium started, there was no contingency plan that was effectively suited for a mass casualty event of that magnitude. We were waiting for directions. One of the guys who worked for me had gone into the towers and unfortunately lost his life, and another female officer who worked in the same building as me succumbed in the same horrific experience. You had a multitude of officers in the NYPD and some 300 firemen who went in and lost their lives. It was a horrid day for us, not just New Yorkers, not just NYPD, but as a nation. There was a lot of confusion, no one understood how to manage a destruction of that magnitude, we had never experienced something that was that great in stature.

I don’t remember what time I went home, that was the longest tour of my career; I started at 6:30 and I can’t tell you precisely what time I went home but I was beat tired. I had to go back the next day and just continue the rescue operation.


Undicisettembre: How long did you stay at Ground Zero after 9/11?

Darrin Porcher: I can’t really tell you, it was an extended period of time. The mission changed, firstly it was search and rescue and then it changed into making sure the supply chain was adequate to get the materials and the resources to the location, such as construction vehicles that could remove the debris or things of that effect, getting in the proper medical personnel and the family members of the deceased.


Undicisettembre: How long did it take before the situation got back to normalcy?

Darrin Porcher: Well, the term normal is very difficult to assess. What we perceived as normal back then changed drastically. One of the first things was counter-terrorism, two months after 9/11 President George Bush implemented a series of changes and the Patriot Act and that revolutionized policing and how we dealt with things, it bestowed a series of powers and authorities upon the Attorney General. And we created the Department of Homeland Security, so we since had a Secretary of Homeland Security who had a multitude of different resources to protect us as a society. Also countries all over the world begun to ramp up their fortifications in terms of anti-terrorism measures.

As far as how things changed here in New York, it’s still revolutionizing as we speak. We became more vigilant, one of the statements that came about from that was “If you see something, say something”; the paying attention to things totally changed in comparison to what we were in the past.


Undicisettembre: How does 9/11 affect the everyday work of NYPD even today?

Darrin Porcher: There were two bureaus that were created as a result of 9/11: the Counterterrorism Bureau and the Intelligence Bureau. The Intelligence Bureau was always there but its mission was diametrically different, now they look into terrorism related activities coupled with the day-to-day instances they focused on here in the US. After 9/11 they also send officers all over the world where terrorist attacks have occurred where they can capture information and send that information back to NYPD to assess and keep eight and a half million residents of New York City safe.

The Counterterrorism Bureau is something that was erected and it was a collaborative unit that teamed up members of the NYPD and the FBI with the concern of eradicating terrorist acts or fortifying us against them.

And there are so many other things that trickled down to the granular level, meaning ground level, to the officers that are on the beat walking around and gave them certain indicators to look for to prevent terror activities. We focused more on preventing terror activities than to reacting to terrorist activities.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

Darrin Porcher: We don’t take things for granted anymore here in New York, I’ll give you an example: in the past when someone left unattended bags in the street or in a subway platform, people would just walk by those things and paid no attention. But now when people see an unattended bag they call 911 and have the police respond to ensure this is not a bomb. We became more of a cohesive unit, law enforcement partnering with the public to introduce the information to the appropriate avenue to ensure that these things don’t happen.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories according to which 9/11 is an inside-job?

Darrin Porcher: There’s no empirical evidence to support that. Khalid Sheikh Mohammed, who was the architect of 9/11, introduced information when he was captured in Pakistan that he did orchestrate this attack deeming the United States as the evil state and the enemy of Islam. Other members of al-Qaeda have since given testimony that depicted that this was not an inside job. We have hundreds of detainees at Guantanamo which were arrested because they were part of that plot in terms of the 9/11 attack.


Undicisettembre: How would you compare the crisis after 9/11 with the COVID-19 crisis in New York?

Darrin Porcher: They are two diametrically different instances. 9/11 had an immediate attack on a day incident: planes crashed into buildings, almost three thousand victims and many injuries. COVID-19 pandemic is a progressive state of emergency. This was not a calculated attack on society but a medical issue that started in Wuhan, China, and migrated throughout the world, New York City has been the epicenter of the COVID-19 pandemic in the world, not just the United States but the world: the number of deaths for the pandemic far exceeds the number of deaths caused by the 9/11 attacks.

World Trade Center: intervista all'ex sergente dell'NYPD Darrin Porcher

di Leonardo Salvaggio. L'originale inglese è disponibile qui.

In occasione del diciannovesimo anniversario degli attentati dell'11 settembre 2001, Undicisettembre offre ai suoi lettori il racconto personale dell'ex sergente dell'NYPD Darrin Porcher, che è intervenuto sulla scena dopo lo schianto del secondo aereo.

Ringraziamo Darrin Porcher per la sua cortesia e disponibilità.





Undicisettembre: Puoi farci un racconto generale di ciò che hai visto e vissuto l'11 settembre?

Darrin Porcher: L'11 settembre ero un sergente dell’NYPD ed ero assegnato all'Accademia di Polizia, che è abbastanza vicina al World Trade Center. Dovevo fare il turno diurno che iniziava alle 7:07, quindi probabilmente arrivai alle 6:30 per vestirmi, perché era un incarico in uniforme. Ho condotto una serie di ispezioni sulle reclute che erano sotto il mio controllo per quel giorno e dopo che terminai l'ispezione le reclute entrarono in classe. Erano le 7:40 e lessi una lista di istruzioni, alla fine delle istruzioni andai nel mio ufficio e uno dei miei colleghi mi disse che un aereo aveva colpito il World Trade Center. Pensai chiaramente che fosse stato un incidente e non ci pensai più, vidi il danno causato dal primo aereo e pensai "Wow, è piuttosto grande." Ma pensai che la cosa fosse al di fuori del mio controllo, non previdi la necessità di doverci andare perché avevamo unità di pattuglia e vigili del fuoco che pensai fossero già stati inviati sul luogo.

Poco dopo che il secondo aereo colpì la seconda torre, mi trovavo proprio fuori dal mio ufficio e un altro dei miei colleghi mi disse che un secondo aereo aveva colpito il World Trade Center. A quel punto fu chiaro che si trattasse di un attacco terroristico. Tornai al mio armadietto e sebbene indossassi un'uniforme, mi misi il giubbotto antiproiettile e un abbigliamento adatto ad andare in strada perché sapevo chiaramente che sarei stato inviato verso la scena e probabilmente ci avrebbero inviato anche le reclute.

Fui inviato sulla scena e mi fu assegnato il compito di fermare tutti gli autobus che arrivavano in zona e di far scendere tutti i passeggeri; quegli autobus furono requisiti dal Dipartimento di Polizia e li usammo per trasportare gli agenti al sito del World Trade Center, che era a circa ottocento metri di distanza. Quando arrivammo lì, il mio compito fu principalmente il controllo della folla e la creazione di un perimetro per il traffico. Mentre ero lì, le torri crollarono. Ho visto molte foto e video dei crolli, ma impallidiscono tutti rispetto a ciò che vedemmo lì; la distruzione fu enorme ed è molto difficile per me spiegarne l'entità.

Dopo il crollo delle torri iniziò il pandemonio di massa, non c’era alcun piano di emergenza che fosse efficacemente adatto per un evento di tale portata. Aspettavamo indicazioni. Uno dei ragazzi che lavoravano per me era entrato nelle torri e sfortunatamente aveva perso la vita, e un'altra agente che lavorava nello stesso edificio in cui lavoravo era deceduta nello stesso orribile modo. Molti agenti dell’NYPD e circa trecento pompieri entrarono nelle torri e persero la vita. Fu una giornata orribile per noi, non solo per i newyorkesi, non solo per l’NYPD, ma per la nazione. Ci fu molta confusione, nessuno capiva come gestire una distruzione di quella portata, non avevamo mai sperimentato nulla di quelle dimensioni.

Non ricordo a che ora tornai a casa, fu il turno più lungo della mia carriera; iniziai alle 6:30 e non so dirti esattamente a che ora tornai a casa, ma ero esausto. Dovetti tornare il giorno successivo per continuare l'operazione di salvataggio.


Undicisettembre: Quanto tempo sei stato a Ground Zero dopo l'11 settembre?

Darrin Porcher: Non lo ricordo con precisione, fu un periodo lungo. La missione cambiò, dapprima fu ricerca e soccorso e poi divenne assicurarsi che la catena di approvvigionamento funzionasse in modo da portare sul posto i materiali e le risorse, come i  veicoli da cantiere con cui rimuovere i detriti o cose del genere, e far entrare il personale medico e i familiari delle vittime.


Undicisettembre: Quanto tempo ci volle prima che la situazione tornasse alla normalità?

Darrin Porcher: Beh, il termine normale è molto difficile da valutare. Ciò che percepivamo come normale allora cambiò drasticamente. Una delle prime cose fu l'antiterrorismo, due mesi dopo l'11 settembre il Presidente George Bush attuò una serie di cambiamenti e il Patriot Act, e questo rivoluzionò la polizia e il modo in cui gestivamo molte cose e conferì una serie di poteri e autorità al Procuratore Generale. Fu anche creato il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale, quindi da allora c’è un segretario alla Sicurezza Nazionale che ha molte e varie risorse per proteggerci come società. Anche i paesi di tutto il mondo iniziarono a rafforzare le loro misure di sicurezza in termini di antiterrorismo.

Per quanto riguarda il modo in cui le cose sono cambiate qui a New York, la rivoluzione è ancora in corso mentre parliamo. Siamo diventati più vigili, uno dei modi di dire che è nato è "Se vedi qualcosa, di’ qualcosa"; l'attenzione è totalmente cambiata rispetto a come eravamo in passato.


Undicisettembre: In che modo l'11 settembre influisce sul lavoro quotidiano dell’NYPD anche oggi?

Darrin Porcher: Sono state create due nuove unità a seguito dell'11 settembre: l'Unità Antiterrorismo e l'Unità di Intelligence. L'Unità di Intelligence c’era anche prima, ma il suo mandato era diametralmente diverso, ora esamina le attività legate al terrorismo oltre alle attività quotidiane su cui operavano anche prima qui negli Stati Uniti. Dopo l'11 settembre mandano anche ufficiali in tutto il mondo laddove si sono verificati attacchi terroristici in modo che possano acquisire informazioni e inviarle all’NYPD affinché le valutino e tengano al sicuro gli otto milioni e mezzo di residenti di New York City.

L'Unità Antiterrorismo è stata creata apposta ed è un'unità collaborativa che unisce membri dell’NYPD e dell'FBI allo scopo di sradicare gruppi terroristici o prepararci contro i loro attacchi.

E ci sono molti altri aspetti fino al livello granulare, cioè al livello della strada, degli agenti di pattuglia che danno loro degli indicatori da cercare per prevenire le attività terroristiche. Ci concentriamo più sulla prevenzione delle attività terroristiche che sulla reazione alle stesse.


Undicisettembre: L'11 settembre come influisce sulla tua vita quotidiana?

Darrin Porcher: Non diamo più nulla per scontato qui a New York, ti faccio un esempio: in passato quando qualcuno lasciava una borsa incustodita per strada o su una banchina della metropolitana, la gente ci passava accanto senza prestare attenzione. Ma ora se qualcuno vede una borsa incustodita chiama il 911 in modo che la polizia intervenga e si assicuri che non sia una bomba. Siamo diventati più coesi, le forze dell'ordine collaborano con la popolazione in modo da dare le informazioni sui canali corretti in modo che queste cose non accadano.


Undicisettembre: Cosa ne pensi delle teorie della cospirazione secondo cui l'11 settembre è stato un inside job?

Darrin Porcher: Non ci sono prove empiriche a supporto di queste teorie. Khalid Sheikh Mohammed, che è stato l’organizzatore dell'11 settembre, ha dato delle informazioni quando è stato catturato in Pakistan su come aveva orchestrato l’attacco, perché riteneva gli Stati Uniti uno stato malvagio e un nemico dell'Islam. Da allora, altri membri di al-Qaeda hanno rilasciato testimonianze che confermano che non è stato un inside job. Ci sono centinaia di detenuti a Guantanamo che sono stati arrestati perché facevano parte dell’organizzazione dell’attentato dell’11 settembre.


Undicisettembre: Come confronteresti la crisi successiva all'11 settembre con la crisi del COVID-19 a New York?

Darrin Porcher: Sono due casi diametralmente opposti. L'11 settembre è stato un attacco istantaneo in un giorno: aerei schiantati contro edifici, quasi tremila vittime e molti feriti. La pandemia da COVID-19 è uno stato di emergenza progressivo. Questo non è stato un attacco deliberato alla società ma un problema medico che è iniziato a Wuhan, in Cina, e si è diffuso in tutto il mondo, New York City è stata l'epicentro della pandemia da COVID-19 nel mondo, non solo negli Stati Uniti ma nel mondo: il numero di morti per la pandemia supera di gran lunga il numero di morti causate dagli attacchi dell'11 settembre.

2020/07/26

Secondo un'indagine di CIA ed FBI, al-Qaeda si è infiltrata in organi statali dell'Arabia Saudita

di Leonardo Salvaggio

Quello del coinvolgimento del governo saudita nel supporto ai dirottatori Khalid al-Mihdhar e Nawaf al-Hazmi durante il loro periodo di permanenza a San Diego è uno degli aspetti degli attentati dell'11/9 ancora avvolti da un mistero fitto. È noto che alcuni individui legati a Riyadh diedero aiuto logistico ai due terroristi, ma non è ancora chiaro quale fosse il loro ruolo e perché lo abbiano fatto.


Le agenzie investigative americane indagano su questi legami da subito dopo gli attentati e nel 2005 la CIA e l'FBI redassero un rapporto sul supporto saudita ai terroristi; di questo rapporto è stata resa pubblica solo una sintesi di una pagina firmata dai due direttori dell'epoca: Robert Muller (più recentemente noto per il Muller Report sulle ingerenze russe sulle elezioni presidenziali americane del 2016) per l'FBI e Porter Goss per la CIA.

Il breve documento, di cui alcune frasi sono ancora censurate, dice che non ci sono prove del fatto che il governo saudita o i suoi esponenti sapessero quali erano le vere intenzioni di al-Mihdhar e al-Hazmi, e cita espressamente Omar al-Bayoumi e Osama Basnan chiarendo che non fornirono aiuto fattuale nell'organizzazione degli attentati e che non ci sono prove che fossero agenti segreti sauditi (anche se su questo punto molte evidenze puntano nella direzione opposta).

Il dettaglio più importante che emerge dal documento è che secondo l'indagine congiunta alcuni individui legati ad al-Qaeda potrebbero essersi infiltrati nel governo saudita o in agenzie statali. Undicisettembre sostiene da tempo che al-Bayoumi e Basnan fossero in California con il compito di reclutare i due terroristi come informatori per i servizi segreti sauditi, anche perché (come spiegato estesamente dall'ex agente speciale dell'FBI Mark Rossini) è probabile che alcuni organi della CIA fossero a conoscenza dell'operazione. Ovviamente le due circostanze non si escludono vicendevolmente: al-Bayoumi e Basnan potrebbero essere stati inviati da vertici deviati ad aiutare i terroristi giustificando il loro incarico con un possibile reclutamento, oppure gli stessi al-Bayoumi e Basnan potrebbero essere stati legati ad al-Qaeda e aver chiesto l'incarico di reclutamento proprio per aiutare terroristi.

Purtroppo restano moltissimi misteri sul coinvolgimento saudita negli attentati dell'11/9. Quale fosse il vero ruolo di al-Bayoumi e di Basnan resta una tra le tantissime domande che ancora non hanno una risposta.

2020/06/21

L'indagine preliminare dell'FBI su al-Bayoumi del 1998

di Leonardo Salvaggio

Omar al-Bayoumi è uno dei personaggi più misteriosi relativamente agli attentati dell'11/9. L'uomo, un saudita con forti legami con il governo di Riyadh, diede supporti logistico a Khalid al-Mihdhar e Nawaf al-Hazmi, due di quelli che l'11 settembre sarebbero diventati i muscle hijackers del volo American Airlines 77, durante la loro permanenza a San Diego, e ad oggi non è chiaro perché lo fece né quale fosse il suo ruolo tra i funzionari sauditi.

Omar al-Bayoumi

Nel 2001 il nome di Omar al-Bayoumi non risultò nuovi agli inquirenti, infatti l'FBI condusse un'indagine preliminare su di lui già nel 1998. Secondo il rapporto del Dipartimento di Giustizia A Review of the FBI's Handling of Intelligence Information Related to the September 11 Attacks (in cui valuta la gestione dell'FBI delle informazioni raccolte prima dell'11/9), il nome di al-Bayoumi comparve all'attenzione dell'FBI nel 1995 nell'ambito di un'altra indagine, di cui non è fornito nessun dettaglio. Il 31 agosto del 1998 l'FBI fu contattato dal gestore del comprensorio di San Diego in cui abitava che segnalò attività sospette legate al saudita. Lo US Postal Inspection Service (la polizia postale degli USA) aveva infatti comunicato che al-Bayoumi aveva ricevuto un pacco postale definito sospetto che si era aperto, rivelando dei cavi elettrici al proprio interno; inoltre l'idraulico del palazzo aveva riportato di aver visto cavi elettrici sporgere da sotto uno dei lavelli del suo appartamento. In ultimo, aggiunse il gestore, al-Bayoumi organizzava presso il suo appartamento ritrovi con numerosi uomini di provenienza mediorientale durante i weekend e i suoi ospiti spesso occupavano abusivamente i parcheggi riservati agli inquilini.

L'agente dell'FBI assegnata al caso contattò l'ispettore postale che aveva fatto la segnalazione sul pacco, ma l'ispettore smentì che dal pacco fossero spuntati dei cavi e aggiunse che il motivo per cui lo aveva definito sospetto era che non vi era lettera di accompagnamento, non era stato affrancato correttamente e proveniva dall'Arabia Saudita. L'agente dell'FBI quindi chiese al gestore del residence di annotare i numeri di targa delle auto degli ospiti di al-Bayoumi, ma poco dopo il numero di partecipanti agli incontri nell'appartamento del saudita scese fino a quando gli incontri stessi non si verificarono più.

Nell'ambito dell'indagine l'FBI scoprì che al-Bayoumi aveva circa trent'anni (in realtà nel 1998 ne aveva 40 o 41), era sposato con figli piccoli, si era da poco laureato e intendeva iscriversi al dottorato ma al momento era senza lavoro; nonostante ciò aveva donato 400.000 dollari a una comunità islamica di El Cajon, in California, per la costruzione di una moschea. Una delle fonti riferì anche che riteneva che al-Bayoumi fosse un agente dei servizi segreti di un governo estero, probabilmente dell'Arabia Saudita.

Dall'indagine emerse anche che al-Bayoumi si trovava negli USA con un visto per studenti e che aveva intenzione di chiedere la green card. L'FBI contattò anche l'Immigration and Naturalization Service (l'ente che al tempo gestiva l'immigrazione e la nazionalizzazione), che confermò che il visto di al-Bayoumi era in scadenza ma che poteva essere rinnovato.

Non avendo trovato nulla che collegasse al-Bayoumi al terrorismo islamico, l'unica opzione rimanente sarebbe stata proprio quella di interrogare lo stesso al-Bayoumi, ma il supervisore dell'agente decise che non fosse necessario in quanto non c'erano i presupposti per ritenere che l'uomo costituisse una minaccia. Inoltre convocare al-Bayoumi avrebbe potuto avere ripercussioni negative su un'altra indagine in corso, di cui non vengono forniti dettagli, probabilmente perché l'uomo avrebbe potuto parlarne nella propria cerchia di conoscenze e l'informazione avrebbe potuto giungere a soggetti su cui l'FBI stava indagando. Il 7 giugno del 1999 l'indagine preliminare su Omar al-Bayoumi venne chiusa.

Parkwood Apartments, il complesso residenziale
di San Diego dove abitava al-Bayoumi

Interrogata dall'ufficio dell'ispettore generale, l'agente dell'FBI che condusse l'indagine disse di aver ritenuto corretta la decisione dei suoi responsabili di interrompere l'indagine per mancanza di evidenze. L'investigatrice aggiunse che durante l'indagine arrivò a pensare che al-Bayoumi fosse legato al governo saudita, ma l'Arabia Saudita non era ritenuta una nazione ostile e quindi questo non ebbe alcun effetto sulla decisione di interrompere le indagini. In ultimo, chiarì l'agente, per via delle restrizioni imposte dalle linee guida del procuratore generale sulle operazioni di intelligence su cittadini stranieri, non sarebbe stato possibile adottare tecniche di indagine più intrusive, come intercettazioni o controlli delle attività bancarie.

L'ispettore generale del Dipartimento di Giustizia conclude il proprio capitolo dedicato all'indagine preliminare sostenendo che la condotta dell'FBI fu corretta perché non c'erano motivazioni per proseguirla ed è apparsa corretta anche la decisione di non compromettere un'altra importante indagine. Purtroppo con il senno di poi è ovvio che se le intenzioni di al-Bayoumi fossero state chiarite nel 1999, probabilmente l'11/9 sarebbe stato evitato.

South Park e il complottismo sull'11/9

di Leonardo Salvaggio

Il 2006 fu l'anno in cui le teorie della cospirazione sull'11/9 raggiunsero la maggiore diffusione, grazie anche ad alcune scelte scellerate di trasmissioni televisive su canali generalisti che ospitarono video e autori di contenuti cospirazionisti trattandoli al pari di chi sostiene teorie legittime.


In mezzo al diffondersi di queste teorie strampalate, anche il cartone animato South Park trattò l'argomento nel suo consueto stile. Nell'episodio Mystery of the Urinal Deuce (tradotto in italiano con Il Mistero dell'Orinatoio), andato in onda la prima volta l'11 ottobre del 2006, il protagonista Kyle si trova a dover indagare sui mandanti dell'11/9 in quanto viene accusato da Cartman di essere lui stesso l'organizzatore degli attentati. Tralasciando le volgarità di cui il cartone è infarcito, Kyle incontra un gruppo di sedicenti indagatori sull'11/9 che in realtà sono complottisti che gli ripetono le stesse argomentazioni che si ritrovano in qualunque video o testo cospirazionista.

Kyle non si arrende e arriva a incontrare Bush, il quale gli conferma che l'11/9 fu un autoattentato organizzato dagli USA per giustificare le guerre per il controllo del Medio Oriente. Kyle non si lascia convincere dalla spiegazione del Presidente e grazie a un investigatore privato scoprirà che la verità è ancora più assurda: le teorie del complotto sull'11/9 sono un inside job. A quel punto torna in scena Bush, che gli spiega che il governo USA ha inventato le teorie del complotto sull'11/9 per far credere alla propria popolazione di essere molto più potente e sofisticato di quanto è in realtà e per non dover ammettere le proprie responsabilità sulla mancata prevenzione.

Sicuramente da un lato può sembrare di cattivo gusto (se non peggio) vedere uno spettacolo comico su un evento che ha causato circa tremila morti, basti pensare che Cartman pensa di vedere la figura di Kyle nelle volute di fumo che escono dalle torri; ma se si riesce a superare questo giustificato fastidio non si può non considerare che la soluzione inventata dal cartone mette in luce quanto siano ridicole le teorie della cospirazione che immaginano scenari da film senza alcun realismo.

Gli autori di South Park hanno capito quanto il complottismo sull'11/9 fosse ridicolo già nel 2006, i pochi cospirazionisti rimasti non lo hanno capito neanche adesso.

2020/06/08

An interview with former Air Force Security Forces officer Barry Donadio

by Leonardo Salvaggio. An Italian translation is available here.

On September 11th 2001 Barry Donadio was an Air Force Security Forces officer, a volunteer firefighter and an Emergency Medical Technician; his professional background gave him a unique view of the events as they were unfolding. To discuss his thoughts of that day, Donadio accepted our proposal for an interview which we are today offering our readers.

We would like to thank Barry Donadio for his kindness and willingness to help.





Undicisettembre: What do you recall about 9/11 generally speaking?


Barry Donadio: It was an unexpectedly shocking day for all of us. I had been to New York City the day before, I was doing some part time work as a legal document process server delivering court papers to people being summoned to court. My full time job was as an air force security police officer in New York, I was based in Westhampton Beach, Long Island. At that time I also led the Emergency Services Team, which is a police SWAT team.

On the morning of September 11 2001 I was planning on going back into Manhattan, which was forty miles away from where I was, when I received a phone call from a relative telling me to turn on the TV and said “You are not going to believe this”. At the time I had turn on the TV, only one plane had hit the Trade Center and I said to myself, "I can’t image that being an accident". Being in the military and in law enforcement you think with suspicion of such events. I remained hopeful that it somehow was an accident, maybe a mistake by the pilot, even though it was a perfectly clear day and I could not rationalize it being accidental.

I began to think that I should start to head towards New York City because I was also an experienced volunteer firefighter and I was also an Emergency Medical Technician and I had responded with ambulances for a few years. Not long after as I started to gather my things to respond to the city, the second plane hit the other tower. This occurred all on live TV. The news people were still talking and did not notice the other plane hit the building. I was thinking, "Did I just see what I thought I saw?" I was hoping not. They were not saying anything and I was not sure if I was imagining this. After about 30 seconds the TV news people caught on and announced that another plane had hit the other tower. Things became very hectic at that moment. It was terrorism or even a military attack from another nation under way. At that moment everyone became glued to the TV and seeking updates and other information. There was an overwhelming amount of information being transmitted through the news channels. People were not sure what to believe or what to do because some reports were inaccurate. Then more reports came in stating that there were more planes in the air and they were potential missiles against other targets.

While I was getting ready and trying to understand what was going on, the third plane hit the Pentagon and my priorities changed from going into the city to assist as a firefighter or EMT to a role as a soldier. I assumed since the Pentagon was hit that we were now at war and that the attacks in New York were potentially a simple diversion for the true attack that would be coming from a potential of a few belligerents such as China, Russia or North Korea. Bin Laden had even entered my mind that day, but when the Pentagon was hit I assumed the event to be a much bigger scheme then what bin Laden could do. I thought it was like Pearl Harbor.

I got into military uniform and rushed to the military base where I served. While driving there I fully expected to meet resistance on the way there by either enemy paratroopers or enemy naval infantry. Long Island is a perfect landing point for invasion. Under my assumption, that would be the next phase of the attack on September 11th. My other hypothesis for what was to come after the Pentagon was hit was that there may already be nuclear missiles on the way that would rain down on the United States, and the Pentagon attack was to destroy or hinder our response. Quite frankly, I thought to myself “I might not be alive in two hours”. I never expected to live past the first two hours after the Pentagon was hit under my assumption that the real attack still had not taken place. It was much more of a complicated day than just the towers and the Pentagon being hit strategically and militarily.

I was shocked I made it to the Westhampton Beach Air Force base in New York without an encounter with enemy forces. When I got there, I grabbed a sniper rifle and waited for an attack on the base that never came. Now we know it was a terrorist attack, but on that day anything was possible.

The Westhampton US Air Force base

Undicisettembre: What happened in the following days?

Barry Donadio: There was a lot of anger and much uncertainty in the first few days after the attack. I knew we would respond militarily but it was not happening fast enough to satisfy the need for an “eye for an eye” justice that many of us wanted immediately. But it was impossible to do it immediately because they had no idea who did this at the beginning; it took some time to understand who attacked us and how we were going to respond.

Reports began to come in from the New York City Police of officers that were missing. I knew two of them and had attended a tactical training school with them only six months before. Great men, heroes of the SWAT team, they were missing and most likely dead.

The priority of the nation was the recovery efforts in Manhattan, saving those who were still trapped and finding missing loved ones. We were obsessed as a nation with it.


Undicisettembre: Have you been to Ground Zero in the days after 9/11?

Barry Donadio: I went down there four days after it happened to serve more court documents to a business one or two blocks away from the World Trade Center. It was total devastation and it covered blocks. It wasn’t just where the towers stood, it destroyed everything. It was absolutely horrible.


Undicisettembre: What do you think of the air force response to the attacks while they were going on?

Barry Donadio: I think they did the best job they could do. I think no one anticipated American planes being hijacked and used as missiles. We are set up for that better now, but at the time no air force was ready for that, in any other country the same result would have happened. The U.S. Air Force did the absolute best they could under the circumstance.


Undicisettembre: What long term impact did 9/11 have on your job?

Barry Donadio: Law enforcement officers in America did not have the terror tactics knowledge and anti-terror training at the time of the attack. Some did, those that were in police intelligence and investigations roles. The officers on the streets did not know the terror tactics that they know today. We didn’t have the airport security we have today, before 9/11 we even had private security companies doing magnetometer checks before you entered a plane. We didn’t have the department of Homeland Security, we are a safer nation because of this.

So I would say that the long term effect would be a severe increase in training and awareness of terrorist tactics, intelligence and counter methods.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life even today?

Barry Donadio: As a career soldier and law enforcement officer, it is important for me to remember and work to make sure that it never can happen again. For me, it is the threat of terror that is always in the calculation of how I do my job and what to be on the lookout for. Even pulling over somebody who didn’t stop at a stop sign may have something to do with terrorism if you check the driver and it is found that he is wanted, some of the 9/11 hijackers were even here in Maryland where I live now.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories according to which 9/11 was an inside job?

Barry Donadio: Anything is possible, although regarding the attacks of September 11th 2001, I just don’t see a conspiracy. I am willing to believe that there may be things that have not been shared publicly, but I have to conclude that the attacks were not a conspiracy.

There are some people out that there that can find a conspiracy in the rising of the sun. Others make a lot of money creating doubt and creating a mystery.


Undicisettembre: How would you compare the crisis that followed 9/11 to the COVID-19 crisis the city is living now?

Barry Donadio: The September 11th attacks were a complete shock in one moment. You turned on the TV and you couldn’t believe it. It seemed to be much more of a quick strike at our emotions and innocence.

The COVID-19 crisis is also shocking but all of us could kind of see it coming and we had time to prepare. It was not so much of an immediate shock. It is true that none of us ever would have imagined the world being under quarantine. Our technology with computers and video conferencing had us much better prepared to deal with the pandemic.

Like September 11th 2001, the pandemic also has a positive effect. It is my opinion that the attacks on the towers eased racial tensions and brought us together as a nation. It even got Republicans and Democrats together.

Today’s pandemic has showed us all to be a great people. There has be a huge outpouring of kindness towards each other and a community unity here in the United States that I have not seen since I was a boy, which is absolutely wonderful.

Intervista all'ex ufficiale della Air Force Security Barry Donadio

di Leonardo Salvaggio. L'originale inglese è disponibile qui.

L'11 settembre 2001 Barry Donadio era un ufficiale della Air Force Security Forces, un pompiere volontario e un soccorritore medico. Il suo background professionale gli ha dato una visione unica dei fatti mentre gli stessi si stavano svolgendo. Per parlare delle sue riflessioni di quel giorno, Donadio ha accettato la nostra proposta di un'intervista che offriamo oggi ai nostri lettori.

Ringraziamo Barry Donadio per la sua cortesia e disponibilità.





Undicisettembre: Cosa ricordi dell'11 settembre, in generale?

Barry Donadio: Fu una giornata inaspettatamente scioccante per tutti. Ero stato a New York il giorno prima, avevo un lavoro part-time come ufficiale giudiziario e consegnavo documenti giudiziari alle persone convocate in tribunale. Il mio lavoro principale era di agente della Air Force Secuirty [agenzia di sicurezza a terra dell’aviazione militare, N.d.T.] di New York, con sede a Westhampton Beach, Long Island. Ero anche a capo del team dei Servizi di Emergenza, che è la SWAT della polizia.

La mattina dell'11 settembre 2001 avevo in programma di tornare a Manhattan, che è a circa sessanta chilometri da dove abitavo, quando ricevetti la telefonata di un parente che mi diceva di accendere la TV e disse: "Non ci crederai”. Quando accesi la TV solo il primo aereo aveva colpito il Trade Center e mi dissi: "Non riesco a immaginare come possa trattarsi di un incidente". Essere nell'esercito e nelle forze dell'ordine ti fa pensare con sospetto a eventi di quel genere. Mantenevo la speranza che in qualche modo fosse stato un incidente, forse un errore del pilota, anche se era una giornata perfettamente limpida e non potevo concepire il fatto che fosse accidentale.

Iniziai a pensare che avrei dovuto andare verso New York perché ero anche un vigile del fuoco volontario esperto ed ero anche un soccorritore medico e da anni intervenivo con le ambulanze. Poco dopo che iniziai a raccogliere le mie cose per andare in città, il secondo aereo colpì l'altra torre. Questo successe in diretta TV. I presentatori del notiziario stavano parlando e non si accorsero dell’aereo che colpì l'edificio. Pensai: "Ho davvero visto ciò che credo di aver visto?" Speravo di no. Non ne parlavano e non ero sicuro di non essermelo immaginato. Dopo circa 30 secondi i conduttori se ne accorsero e annunciarono che un altro aereo aveva colpito la seconda torre. Tutto divenne frenetico a quel punto. Era un attacco terroristico o addirittura un attacco militare da parte di un altro stato. Da quel momento tutti rimasero incollati alla TV e cercarono aggiornamenti e altre informazioni. C'è stata un'enorme quantità di informazioni che venivano trasmesse dai media. Le persone non sapevano a cosa credere o cosa fare perché alcune informazioni erano sbagliate. Poi arrivarono altre notizie secondo cui che c'erano altri aerei in volo che potevano essere lanciati contro altri obiettivi.

Mentre mi preparavo e cercavo di capire cosa stesse succedendo, il terzo aereo colpì il Pentagono e le mie priorità cambiarono dall'andare in città ad aiutare come pompiere o come soccorritore a diventare un soldato. Quando il Pentagono fu colpito ipotizzai che fossimo in guerra e che gli attacchi a New York erano potenzialmente un semplice diversivo per il vero attacco che sarebbe venuto da altre nazioni che ci erano ostili come la Cina, la Russia o la Corea del Nord. Anche bin Laden mi venne in mente quel giorno, ma quando il Pentagono fu colpito immaginai che l'evento fosse uno schema molto più grande di quello che bin Laden poteva mettere in atto. Pensai che fosse come Pearl Harbor.

Mi misi l’uniforme militare e mi precipitai verso la base militare dove avevo prestato servizio. Mentre mi avvicinavo in macchina, mi aspettavo di incontrare posti di blocco durante il tragitto da parte di paracadutisti nemici o della fanteria navale nemica. Long Island è un punto di sbarco perfetto per un'invasione. Secondo la mia ipotesi, quella sarebbe la fase successiva dell'attacco dell'11 settembre. La mia seconda ipotesi su ciò che sarebbe avvenuto dopo che il Pentagono era stato colpito era che ci fossero missili nucleari in arrivo che sarebbero caduti sugli Stati Uniti e che l'attacco del Pentagono serviva a indebolire o ostacolare la nostra reazione. Francamente, pensai tra me e me "Tra due ore potrei essere morto". Non mi sarei mai aspettato di vivere oltre le prime due ore dopo che il Pentagono era stato colpito in base al mio presupposto che il vero attacco non fosse ancora avvenuto. Fu una giornata molto più complicata strategicamente e militarmente che le Torri e il Pentagono che venivano colpiti.

Rimasi scioccato quando arrivai alla base dell'aeronautica di Westhampton Beach a New York, senza incontrare forze nemiche. Quando arrivai, presi un fucile da cecchino e attesi un attacco alla base che non arrivò mai. Ora sappiamo che è stato un attacco terroristico, ma quel giorno tutto era possibile.

La base dell'aeronautica di Westhampton

Undicisettembre: Cosa successe nei giorni seguenti?

Barry Donadio: Ci fu molta rabbia e incertezza nei primi giorni dopo l'attacco. Sapevo che avremmo risposto militarmente, ma non abbastanza in fretta da soddisfare la necessità della giustizia "occhio per occhio" che molti di noi volevano immediatamente. Ma era impossibile farlo immediatamente perché dapprima non avevamo idea di chi fosse stato; ci volle del tempo per capire chi ci aveva attaccato e come avremmo reagito.

Arrivarono resoconti della polizia di New York di ufficiali dispersi. Ne conoscevo due e avevo frequentato una scuola di addestramento tattico con loro solo sei mesi prima. Grandi uomini, eroi della squadra SWAT, erano dispersi e molto probabilmente morti.

La priorità della nazione erano i lavori di recupero a Manhattan, salvando coloro che erano ancora intrappolati e trovando i i cadaveri dei dispersi. Come nazione ne eravamo ossessionati.


Undicisettembre: Sei stato a Ground Zero nei giorni successivi all'11 settembre?

Barry Donadio: Ci andai quattro giorni dopo per portare altri documenti giudiziari a un’azienda a uno o due isolati di distanza dal World Trade Center. C’era una devastazione totale e che copriva isolati interi. Non solo dove si trovavano le torri, distrusse tutto. Era assolutamente orribile.


Undicisettembre: Cosa pensi della reazione dell'aeronautica agli attacchi mentre erano in corso?

Barry Donadio: Penso che abbiano fatto il miglior lavoro possibile. Penso che nessuno avesse previsto che degli aerei americani venissero dirottati e usati come missili. Ora siamo più pronti per questo scenario, ma al momento nessuna forza aerea lo sarebbe stata, in qualsiasi altro paese ci sarebbe stato lo stesso risultato. L’aviazione militare ha fatto il meglio che poteva in quelle condizioni.


Undicisettembre: Quale impatto a lungo termine ha avuto l'11 settembre sul tuo lavoro?

Barry Donadio: Le forze dell'ordine in America non avevano una conoscenza tattica del terrorismo e l'addestramento antiterrorismo quando avvennero gli attacchi. Alcuni l’avevano, quelli che avevano ruoli di intelligence e di indagine. Gli agenti che lavoravano nelle strade non avevano le conoscenze delle tattiche del terrorismo che hanno oggi. Non avevamo la sicurezza aeroportuale di cui disponiamo oggi, prima dell'11 settembre avevamo persino delle società di sicurezza private che facevano i controlli con i magnetometri prima degli imbarchi. Non avevamo il dipartimento di Homeland Security, che oggi ci rende una nazione più sicura.

Quindi direi che l'effetto a lungo termine è un forte aumento dell'addestramento e della consapevolezza delle tattiche terroristiche, dell’intelligence e di come contrastarli.


Undicisettembre: In che modo l'11 settembre influisce sulla tua vita quotidiana anche oggi?

Barry Donadio: Come soldato professionista e agente delle forze dell'ordine, è importante per me ricordare e lavorare per fare in modo che non accada mai più. Per me la minaccia del terrorismo è sempre nel calcolo di come faccio il mio lavoro e di cosa cercare. Anche fermare chi non si ferma a uno stop può avere a che fare con il terrorismo se dai controlli sul guidatore emerge che è ricercato, alcuni dei dirottatori dell'11 settembre erano persino qui nel Maryland dove vivo adesso.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie della cospirazione secondo cui l'11 settembre è stato un inside job?

Barry Donadio: Tutto è possibile, anche se per quanto riguarda gli attacchi dell'11 settembre 2001, non vedo una cospirazione. Sono disposto a credere che potrebbero esserci cose che non sono state condivise pubblicamente, ma devo concludere che gli attacchi non sono stati una cospirazione.

Ci sono alcune persone là fuori che troverebbero una cospirazione nel sorgere del sole. Altri fanno molti soldi creando dubbi e creando misteri.


Undicisettembre: Come confronteresti la crisi che seguì l'11 settembre con la crisi del COVID-19 che la città sta vivendo ora?


Barry Donadio: Gli attacchi dell'11 settembre sono stati uno shock totale in un solo momento. Accendevi la TV e non ci potevi credere. È sembrato un colpo rapido alle nostre emozioni e alla nostra innocenza.

Anche la crisi del COVID-19 è scioccante, ma tutti noi abbiamo l’abbiamo vista arrivare e abbiamo avuto il tempo di prepararci. Non è stato uno shock immediato. È vero che nessuno di noi avrebbe mai immaginato che il mondo sarebbe stato in quarantena. La tecnologia che abbiamo con i computer e le videoconferenze ci ha resi più pronti ad affrontare la pandemia.

Come l'11 settembre 2001, anche la pandemia ha anche un effetto positivo. Secondo me gli attacchi alle torri allentarono le tensioni razziali e ci unirono come nazione. L’11/9 unì anche repubblicani e democratici.

La pandemia di oggi ha dimostrato che siamo un grande popolo. C'è tanta gentilezza reciproca e un'unità comunitaria qui negli Stati Uniti che non vedo da quando ero un ragazzo, il che è assolutamente meraviglioso.

2020/05/27

Chi sono i sauditi coinvolti nei rapporti con i dirottatori

di Leonardo Salvaggio (Hammer)

Alcune settimane fa l'FBI ha per errore depositato in tribunale, nell'ambito di una causa intentata da famiglie delle vittime dell'11/9 contro il regime saudita, un documento che rivelava il nome di un funzionario dell'ambasciata di Riyadh a Washington che fornì aiuto logistico a Khalid al-Mihdhar e Nawaf al-Hazmi durante il periodo che trascorsero in California.


Il nome dell'uomo è Mussaed Ahmed al-Jarrah e le informazioni su di lui sono al momento molto scarse. In ogni caso, il fatto che Fahad al-Thumairy e Omar al-Bayoumi, i due sauditi citati dalle 28 pagine del Joint Inquiry desecretate nel 2016, non avessero agito da soli nel fornire aiuto logistico ai dirottatori era noto da tempo.

Da una dichiarazione dell'ex agente speciale dell'FBI Catherine Hunt, pubblicata dal giornalista investigativo Michael Isikoff nella suo recente articolo sul al-Jarrah, e da un rapporto dell'FBI del 2012, reso pubblico nel 2016 ancora fortemente censurato, le persone riconducibili al governo saudita che collaborarono con al-Thomairy e al-Bayoumi nel dare supporto ai due terroristi sono addirittura sette e nella dichiarazione di Hunt è riportata la lista integrale dei loro nomi. Tra loro compare al-Jarrah e Smail Mana (anche noto come Ismail Mana), che è un altro funzionario governativo, in quanto lavorava per il consolato saudita a Los Angeles. Due delle persone elencate, Adel Mohamed al-Sadhan e Mutaeb Abdelaziz al-Sudairy, lavoravano per il Ministero degli Affari Islamici. Al-Bayoumi incaricò inoltre altre tre persone di assistere i due dirottatori: i nomi del collaboratori sono Mohdar Abdullah, Mohamed Johar e Akram Alzamari. Il primo dei tre è yemenita; non sono note le nazionalità degli altri due.

Una dichiarazione dell'ex agente dell'FBI Stephen Moore, che oggi assiste le famiglie delle vittime, chiarisce che il primo punto di contatto per al-Mihdhar e al-Hazmi era al-Thumairy, e che il gruppo guidato dai sauditi diede loro aiuto nel trovare una casa, pagare l'affitto, trovare un'automobile, imparare la lingua e anche frequentare la formazione da pilota di linea (anche se poi il pilota di American Airlines 77 fu Hani Hanjour). Senza questo supporto, specifica Moore, sarebbe stato molto difficile per loro muoversi negli Stati Uniti, visto che non parlavano inglese né conoscevano gli usi locali.

Undicisettembre ha chiesto all'ex agente speciale dell'FBI Mark Rossini (che svolge consulenza per Undicisettembre dal 2016 e che ci ha concesso un'intervista, ha scritto una dichiarazione sulle 28 pagine e ci ha autorizzato a tradurre e pubblicare un suo lungo scritto sulle responsabilità del governo di Riyadh) un parere sul fatto che i sauditi abbiano aiutato i terroristi di al-Qaeda a frequentare le scuole di volo e come questo sia compatibile con l'ipotesi che al-Bayoumi e i suoi collaboratori fossero in realtà agenti dei servizi segreti che stavano indagando su al-Qaeda e che volevano reclutare al-Hazmi e al-Mihdhar come informatori. Rossini ritiene tuttora che lo scopo dell'avvicinamento ai terroristi fosse quello di reclutarli, ma nel fare ciò a causa dell'incompetenza di al-Bayoumi e al-Jarrah non capirono le intenzioni dei terroristi né perché volessero frequentare scuole di volo, portando così al disastro che avvenne nel 2001. Undicisettembre concorda con il parere di Mark Rossini, anche perché non emerge da nessuna parte che al-Bayoumi o al-Jarrah conoscessero le vere intenzioni di al-Hazmi e al-Mihdhar.

Quanto noto finora è frutto di un'indagine sui rapporti tra Riyadh e i terroristi avviata dall'FBI nei primi anni 2000 chiamata Operation Encore: il nome dell'operazione è stato rivelato dal New York Times solo a gennaio di quest'anno. Quello tra le connessioni tra il regime saudita e i dirottatori è il più fitto mistero riguardo agli attentati dell'11/9, e finalmente grazie alle indagini dell'FBI qualche pezzo del puzzle si sta componendo.

2020/05/13

L'FBI rivela il nome di un funzionario dell'ambasciata saudita che aiutò i dirottatori

di Leonardo Salvaggio (Hammer)

Un documento depositato in tribunale dall'FBI nell'ambito di una causa intentata da alcune famiglie di vittime degli attentati dell'11/9 contro il regime saudita, ritenuto complice dell'attacco, rivela il nome di un funzionario dell'ambasciata dell'Arabia Saudita negli Stati Uniti che avrebbe aiutato e dato supporto logistico a Khalid al-Mihdhar e Nawaf al-Hazmi, dirottatori del volo American Airlines 77 che si schiantò contro il Pentagono, durante il periodo che trascorsero negli USA.

Il documento è stato depositato erroneamente dall'assistente direttrice della divisione antiterrorismo Jill Sanborn: infatti il nome del funzionario saudita è censurato in quasi tutto il testo ed è visibile in una sola occasione.

L'ambasciata saudita a Washington


Nel documento compare solo il cognome dell'uomo: Jarrah. Secondo la ricostruzione del giornalista investigativo Michael Isikoff si tratterebbe di Mussaed Ahmed al-Jarrah che lavorò a Washington nel 1999 e nel 2000. Nei suoi incarichi rientrava quello di supervisionare le attività delle moschee che ricevevano sovvenzioni dall'Arabia Saudita per conto del Ministero degli Affari Islamici. Dopo aver lavorato negli USA l'uomo fu spostato alle ambasciate saudite di Malesia e Marocco, dove sarebbe rimasto almeno fino allo scorso anno.

Il nome di Mussaed Ahmed al-Jarrah (che non ha alcun legame con il dirottatore pilota di United Airlines 93 Ziad Jarrah, essendo quest'ultimo libanese) si aggiunge a quelli di Fahad al-Thumairy, citato nelle 28 pagine del Joint Inquiry rilasciate nel 2016, e a quello del ben più noto Omar al-Bayoumi, che ad oggi sembra aver avuto il ruolo principale nell'aiuto logistico ai due dirottatori.

La teoria più probabile per giustificare il supporto dato ai dirottatori è che degli agenti dei servizi segreti sauditi stessero indagando su degli individui legati ad al-Qaeda, forse allo scopo di arruolarli come informatori, e che abbiano al contempo sottovalutato la minaccia.

Questo documento da poco trapelato conferma che l'Arabia Saudita ha in ogni caso delle grosse responsabilità, e anche che per quanto l'amministrazione Trump tenti di nascondere il ruolo dei sauditi in quanto accaduto, prima o poi anche i peggiori segreti emergono.

2020/05/11

L'aereo che si schiantò contro un grattacielo a Wall Street

di Leonardo Salvaggio (Hammer)

Il bombardiere B-25 che si schiantò contro l'Empire State Building nel luglio del 1945 non fu l'unico velivolo a colpire un grattacielo di New York per errore. Pochi mesi dopo, il 20 maggio del 1946, un Beechcraft C-45 militare si schiantò contro la facciata a nord-ovest del palazzo al numero 40 di Wall Street, al tempo noto semplicemente come 40 Wall Street e oggi chiamato Trump Building (da non confondere con la Trump Tower della Quinta Avenue) da quando nel 1995 l'attuale presidente degli USA comprò la struttura. L'edificio, completato nel 1930, ha 72 piani ed è alto 283 metri.

Il velivolo era decollato dal Chennault International Airport di Lake Charles, in Louisiana, alle 14:16 locali (le 15:16 a New York) ed era diretto all'aeroporto di Newark. Alle 20:10, mentre si trovava in fase di avvicinamento alla propria destinazione, l'aereo colpì il palazzo di Wall Street all'altezza del cinquantottesimo piano. Il Beechcraft C-45 ha una massa a vuoto di circa due tonnellate e mezza e raggiunge una velocità massima di 230 chilometri orari: è quindi ovviamente molto più piccolo e leggero dei Boeing 767 che si schiantarono contro le Torri Gemelle e anche del B-25 che colpì l'Empire State Building.

Lo schianto causò un buco nella facciata di sei metri per tre e parte dei detriti cadde all'esterno: un pezzo del carrello e un pezzo di motore caddero in Pine Street (la strada su cui si affaccia il lato nord-est dell'edificio) mentre un altro pezzo di motore uscì dalla fiancata di sud-est del palazzo e fu trovato nei piani interrati dell'edificio adiacente, al numero 44 di Wall Street. La valigia di uno dei passeggeri fu trovata intatta sul davanzale di una finestra al sedicesimo piano del numero 30 di Pine Street e un paracadute aperto fu trovato sulla pensilina dell'ottavo piano, forse in seguito di un disperato tentativo di fuga di uno degli occupanti resosi conto del tragico destino a cui il velivolo stava andando incontro. Nel palazzo si svilupparono due incendi: uno nella zona dello schianto e uno al ventiquattresimo piano, dove erano atterrati alcuni detriti.

Immagine tratta dal sito di vendita online di giornali storici RareNewspapers.com

Tutti i cinque passeggeri del velivolo, un maggiore, un capitano e tre tenenti dell'esercito, persero la vita nello schianto, mentre nessuno dei duemila occupanti del palazzo fu coinvolto nell'incidente, così come nessuno per strada fu colpito dalle macerie dell'aereo cadute all'esterno, in quanto a quell'ora non passava nessuno per le strade adiacenti al palazzo.

La causa dell'incidente fu la fitta nebbia che quella sera avvolgeva la città di New York, causando scarsa visibilità e costringendo il pilota a volare sotto la nube di foschia. Due incidenti nel giro di meno di un anno confermarono che il rischio di schianti analoghi era concreto ed era infatti proprio questo lo scenario previsto dai progettisti delle Torri Gemelle: lo schianto volontario e a pieno carico di carburante non era immaginabile negli anni 60.

2020/04/20

Il Boeing dell'Aerolíneas Argentinas che rischiò di schiantarsi contro la Torre Nord

di Leonardo Salvaggio (Hammer). L'articolo è stato corretto dopo la pubblicazione iniziale.


Il 20 febbraio del 1981 un Boeing 707 della compagnia statale argentina Aerolíneas Argentinas rischiò di schiantarsi contro la Torre Nord del World Trade Center. Il disastro fu evitato solo grazie alla prontezza del controllore di volo che si accorse della situazione e ordinò al pilota di riportarsi all'altitudine corretta.

Il volo Aerolíneas Argentinas 342, che trasportava quarantanove passeggeri più nove persone dell'equipaggio, era partito dalla città di Guayaquil, in Ecuador, ed era diretto all'aeroporto JFK di New York. Durante la fase di avvicinamento alla città, l'aereo si trovò a 450 metri di altitudine, invece degli 800 a cui avrebbe dovuto trovarsi; considerando la sua linea di discesa questo avrebbe portato il velivolo a colpire la Torre Nord circa sessanta metri sotto la punta dell'antenna, cioè a metà dell'altezza della stessa.

Il controllore di volo Donald Zimmerman si accorse di quanto stava accadendo quando l'aereo era a meno di quattro miglia dalla Torre e a circa un minuto e mezzo dallo schianto. L'uomo fu anche avvisato dal sistema di allarme sonoro della FAA che risuonò negli uffici dei controllori.

Un Boeing 707 dell'Aerolíneas Argentinas

Zimmerman allora ordinò prontamente al pilota di virare verso destra e di aumentare la propria quota fino a 900 metri; il pilota ovviamente accettò le indicazioni e fece quanto Zimmerman aveva ordinato evitando il disastro. Zimmerman dovette quindi ritardare l'atterraggio del volo 342 all'aeroporto JFK dopo averlo fatto alzare così tanto. Il controllore segnalò anche al pilota che davanti alla sua traiettoria c'era un edificio molto alto: probabilmente il pilota non vedeva il complesso per via delle nubi basse che limitavano la visibilità sulla città di New York.

Alcuni giorni dopo un portavoce dell'FAA disse che la causa del disastro sfiorato fu un malinteso tra il controllore di volo e il pilota, che non capì le indicazioni del primo. In ogni caso Zimmerman lodò la prontezza di reazione del pilota, che fu in grado di reagire e cambiare rotta a a una velocità di circa 450 chilometri orari. Lo shock per il mancato disastro fu comunque tale per Zimmerman che dovette assentarsi da lavoro per oltre tre settimane.

Un mese dopo l'accaduto la compagnia aerea spiegò che il proprio pilota aveva tentato di contattare Zimmerman prima che questo intervenisse e che il controllore non aveva risposto alle chiamate per circa tre minuti. L'FAA rispose in ogni caso che una mancata risposta da parte del controllore non autorizzava il pilota ad abbassarsi di quota fino a quel livello. Le procedure dell'FAA non furono cambiate in seguito a questo episodio.


La compagnia Aerolíneas Argentinas non era nuova a questo tipo di incidenti. Nel gennaio del 1977 un altro Boeing 707 rischiò di schiantarsi in un'area residenziale di Long Island dopo un decollo durante una tempesta di neve; il New York Times cita anche un secondo caso a marzo del 1980 che coinvolse un aereo cargo di cui non fornisce altri dettagli.

Questo incidente sfiorato ci spiega un dettaglio molto importante sull'11/9, cioè che era questo lo scenario che i progettisti avevano previsto durante la realizzazione delle Torri: i due grattacieli erano progettati per reggere lo schianto di un aereo di linea in fase di atterraggio, e quindi con carico di carburante limitato, e a velocità contenute. Infatti il Boeing argentino viaggiava a circa la metà della velocità dei voli American Airlines 11 e United Airlines 175 al momento dello schianto contro le Torri Gemelle. Purtroppo i complottisti non hanno chiaro questo aspetto e probabilmente non conoscono lo strano episodio del volo 342.

2020/04/06

1998: la rapina alla Bank of America nella Torre Nord del World Trade Center

di Leonardo Salvaggio (Hammer)

I due attentati terroristici del 1993 e del 2001 non furono gli unici eventi nefasti che si svolsero nelle Torri Gemelle del World Trade Center di Manhattan; nel 1998 infatti nel complesso avvenne anche una rapina ai danni della sede della Bank of America all'undicesimo piano della Torre Nord.

Questa folle vicenda è narrata in dettaglio nel libro Made Men del giornalista del New York Daily News Greg Smith del 2003. Poco prima delle otto e trenta del mattino del 13 gennaio tre rapinatori salirono con un ascensore per passeggeri fino all'undicesimo piano e si spostarono davanti al montacarichi da cui sapevano che sarebbero arrivati, come ogni giorno, delle guardie della Brink's che portavano riserve di denaro contante alla Bank of America, i cui uffici a quel piano non erano aperti al pubblico.

Quando il montacarichi arrivò al piano le due guardie della Brink's, che portavano sette sacchi di banconote in un carrello di metallo, e altre cinque persone, che si trovavano sull'elevatore per andare ad altri piani, si trovarono di fronte i tre rapinatori con i volti coperti da passamontagna. Due dei rapinatori puntarono delle pistole contro le sette persone e uno di loro urlò di stare fermi e girarsi verso la parete dell'elevatore. Mentre i due rapinatori armati costringevano le sette persone a stare immobili, il terzo le legava alle mani e alle caviglie con cavi elettrici.


I rapinatori tagliarono quindi le borse con il contante e trasferirono i soldi rubati in borse di tela che portavano con sé. L'intera operazione durò otto minuti, dopo i quali i rapinatori mandarono il montacarichi con gli occupati ammanettati al ventiduesimo piano, che al tempo era vuoto per via di lavori di manutenzione. Ripresero quindi uno degli ascensori per scendere, tolsero i passamontagna, nascosero le pistole nelle borse e uscirono dalla Torre. Il contante rubato ammontava a un milione e seicentomila dollari, parte dei quali in valuta estera.

Per gli inquirenti fu chiaro fin da subito che i rapinatori avevano ricevuto l'aiuto di qualcuno che conosceva bene il palazzo. Sapevano infatti a quale piano e a quale ora sarebbero arrivate le guardie con il contante e avevano evidentemente dei badge abilitati all'ingresso nella torre, perché in seguito all'attentato del 1993 si poteva entrare nelle Torri solo con un tesserino. Curiosamente il New York Times usò il termine inside job per descrivere i sospetti della polizia; oggi i complottisti usano lo stesso termine per definire gli attentati dell'11/9.

Un aspetto che i rapinatori non avevano previsto, però, era che sarebbero stati facilmente riconoscibili nei filmati delle videocamere di sicurezza per via delle borse che portavano con sé e che le persone immobilizzate sul montacarichi avevano visto chiaramente. I volti di due di loro si vedevano in modo nitido, il terzo indossava un giubbotto della squadra di football dei Green Bay Packers con un cappuccio che aveva sollevato sulla testa in modo da coprirsi almeno parzialmente il viso. I testimoni riferirono anche che i tre erano molto nervosi, segno che non erano rapinatori esperti. Nel giro di ore i volti dei rapinatori furono diffusi sui media nazionali e in poco tempo due di loro furono identificati da persone che vivevano nelle rispettive aree, anche grazie a una ricompensa di 26.000 dollari promessa delle autorità a chi avrebbe aiutato a identificare i malviventi. Solo due giorni dopo due uomini, chiamati Melvin Folk e Mike Reed, furono arrestati a Brooklyn per la rapina alla Bank of America.

Il 16 gennaio il terzo rapinatore, Richie Gillette, prese un treno diretto in California e fu segnalato alla sicurezza da un altro passeggero per il comportamento anomalo: fumava in modo compulsivo e sembrava avere con sé un'abnorme quantità di denaro; inoltre indossava un giubbotto dei Green Bay Packers, proprio come quello del rapinatore del World Trade Center. La polizia ferroviaria lo interrogò quando il convoglio si fermò nella stazione di Albuquerque, nel New Mexico, e Gillette non fu in grado di spiegare l'origine del denaro che portava con sé. Il denaro gli venne confiscato, ma l'agente di polizia che fece la confisca non procedette subito all'arresto e tornò alla sua auto per informare via radio la polizia locale di quanto stava avvenendo. Quando tornò sulla carrozza per fermare Gillette, l'uomo era fuggito. La polizia lo cercò per le strade di Albuquerque; una cameriera del bar Famous Sam's (al numero 1001 di Central Avenue, oggi chiamato Cafe Oaxaca) segnalò alla polizia la presenza nel suo locale di un uomo che assomigliava al ricercato; Gillette fuggì da una porta sul retro, ma l'FBI riuscì a bloccarlo in un hotel poco distante la sera dello stesso giorno.


L'FBI però capì presto che i tre uomini arrestati non avevano un livello intellettivo e uno spirito organizzativo sufficiente ad aver architettato la rapina; si trattava quindi solo di esecutori mentre i mandanti erano ancora in libertà. Il vero ideatore della rapina era infatti il criminale locale Ralph Guarino, che aveva chiesto aiuto logistico a Salvatore Calciano, che lavorava da vent'anni per l'American Building Maintenance, la società che aveva in carico le pulizie delle Torri Gemelle.

Calciano aveva fornito a Guarino le informazioni necessarie sui movimenti di denaro della Bank of America e i tre badge aziendali che avevano consentito ai rapinatori di accedere al palazzo. I badge forniti da Calciano erano tutti suoi, i tre rapinatori quindi entrarono tutti nel palazzo con lo stesso nome; sarebbe stato sufficiente un controllo più preciso all'ingresso per sventare la rapina. Guarino aveva un motivo preciso per aver scelto tre esecutori di basso profilo intellettivo: aveva fatto credere loro che la mafia li avrebbe uccisi se non avessero portato a compimento il loro incarico, millantando di essere un mafioso di rilievo.

I due organizzatori, sentendo ai notiziari che gli esecutori della rapina erano stati catturati, capirono di correre seri rischi. Inoltre entrambi avevano già impegnato i soldi: Guarino doveva quarantamila dollari alla famiglia mafiosa Gambino, mentre Calciano aveva speso cinquantamila dollari per la ristrutturazione di casa. Guarino considerò una possibilità: un criminale di sua conoscenza di era offerto di ripulire la valuta estera e riconsegnargli dollari statunitensi in cambio, ma voleva per sé metà dell'importo. Guarino rifiutò la proposta. Guarino e Calciano si incontrarono per una cena a base di pesce in un ristorante di Brooklyn il 19 gennaio per discutere su come togliersi dai guai, ma vista la complessità della situazione non raggiunsero un accordo su come agire. E prima che Guarino potesse decidere come risolvere la situazione, l'FBI lo raggiunse nella sua casa di Staten Island e lo arrestò per aver organizzato la rapina.

Dopo l'arresto Guarino divenne un informatore dell'FBI nell'ambito delle indagini contro la famiglia mafiosa italo-americana DeCavalcante, per la quale lavorava anche Calciano. Guarino mantenne i rapporti con quest'ultimo, che non era a conoscenza del fatto che Guarino fosse in arresto, e gli fece credere che le possibilità di essere arrestati per la rapina al World Trade Center fossero minime, in modo da continuare ad avere informazioni sull'attività dei DeCavalcante. Salvatore Calciano fu infine arrestato come organizzatore della rapina nel dicembre del 1999.

2020/03/16

Able Danger: an interview with former US army major Erik Kleinsmith

by Leonardo Salvaggio (Hammer). An Italian translation is available here.

Military data mining project Able Danger is one of the grey areas surrounding the 9/11 attacks. To help shed some light on it, former EU army mayor Erik Kleinsmith, who was one of the members of the Able Danger team, accepted our proposal for an interview, which we are today offering our readers.

We would like to thank Erik Kleinsmith for his kindness and willingness to help.


Undicisettembre: Can you confirm you still maintain Able Danger identified Atta and three other hijackers when they were already in the USA?

Erik Kleinsmith: Yes, even if it’s been twenty years since we did the analysis. Our mission was to map al-Qaeda worldwide for the US Special Operations Command, because they wanted to take actions to prevent future attacks. Our group at the Land Information Warfare Activity (LIWA) was requested by SOCOM to use our data mining tools to identify and track al-Qaeda members and it was a shock to us when we found that Atta and other hijackers were already in the United States when we did our analysis, specifically in New Jersey and in some other locations in the US.


Undicisettembre: Without breaching classified information can you explain, generally speaking, what kind of data mining techniques Able Danger used to do so?

Erik Kleinsmith: The Land Information Warfare Activity, which I was chief of the intelligence for, was the first organization within the Department of Defense, or maybe the entire US intelligence community, that had a data mining program that was successful in supporting all kinds of operations and that’s why Special Operations Command came to us. A lot of it was centered on being able to harvest massive amounts of information, and instead of having an analyst manually read through each page or message or note or website we then had a tool to read through each of them and give us a visualization of the overall data.

One of the first techniques we used was based on a tool which was called Themescape and we would regularly take four thousand different messages or webpages and the tool would read them and sort each message or each webpage by the phrases that were common between the two. So think of each message as a piece of paper, it would stack them on top of each other and you’d then have a two dimensional map to look down on. This map could then be analyzed for trending topics, outliers, and connections that we didn’t know existed. Instead of the analyst trying to read each of the four thousand messages at one time, they were visualizing all of them together in context with each other.

So we did a search for “al-Qaeda” and we got a big grouping of their operations in four different areas of the world: the Magreb region of North Africa, the Middle East and then what was surprising is we had a large al-Qaeda presence within the South Pacific, specifically with Abu Sayya and al-Jama'a al-Islamiyya, and the last area was in Europe, in the Balkans and other areas of concentration.

We knew from other researches that we would get information for those areas but what was surprising was we started seeing smaller points pop up in the US. One town that did pop up was the one where I was born and raised in Michigan. We would have never been able to get information like that manually, it’s only when using data mining techniques paired with people who knew how to use them that would make them work.


Undicisettembre: Could have 9/11 been avoided if Able Danger had been authorized to share its findings with the FBI?

Erik Kleinsmith: The FBI knew kind of what we were doing because we were working with them on another mission for deception of DoD technologies from different countries that were not considered our friends. We never shared some of the data but more importantly we were never able to follow through and refine the draft of the threat map we had built that showed where they were operating around the world. So we were able to create this initial look and threat map of the organization, we delivered that to SOCOM but we were never able to refine it, go into it, look more deeply because we were shut down for fears of what data mining was doing in terms of violating US law. The main problem was that intelligence personnel is not allowed to surveil or collect information on US persons and the tool was doing it automatically because the tool didn’t care about the law, so the question was “Are these guys collecting information on US personnel directly or incidentally because the tool does it itself?” And since they shut us down I feel we could have alerted or prevented 9/11 in some ways.


Undicisettembre: How come you guys did not share their findings with the FBI? Who prevented you from doing this?

Erik Kleinsmith: It was a purely military operation, so everything stayed within the military. Because we were shut down right at the beginning we didn’t have a chance to alert the FBI. I mean, we came in to work and an order had been received that started all the way up at the Pentagon that said “Cease and desist work” and we couldn’t even open the folders and the files to look at what we had already done. US laws states that if we have information on US persons we can only hold it for ninety days before we have to delete it, so I am the one who had to delete it. We can’t just call out or extract information about a US person and delete that little piece, we are not allowed to touch or look at any of it.

The 9/11 Commission didn’t even know what we were doing because of the classification of what we were working on and when they knew about it they thought it was no big deal until, after the 9/11 Commission Report was published, one of our members, Anthony Shaffer, blew the whistle and said “No, we were a full operation, we had these guys but you guys shut us down”. It’s not like we could explain to the FBI “Hey, we have this cell in Brooklyn that is going to be conducting massive hijacking attacks.” All we knew was there was a cell in New Jersey doing something and we were never able to find them. When you send a message like that to the FBI they can’t act on it either because we are not even able to show them the data.


Undicisettembre: How come no one, not even the FBI, had ever heard of it before and it was such a shock to the intel community when the existence of Able Danger was revealed?

Erik Kleinsmith: Part of it is because it was purely a military Department of Defense operation and the FBI is not involved. And then we couldn’t refine the data, so we couldn’t give them any information. Since we were shut down so early in the process we were never able to build what we thought was a credible threat into something they can act on. So it’s not like somebody stopped us from reporting to the FBI, but we were never able to refine what we had found to the point we could make the decision to let them know.


Undicisettembre: When and by whom was it started?

Erik Kleinsmith: It was started by a member of SOCOM, they had started their own operation at their headquarters in Florida and they sent representatives to each agency of the intelligence community to ask for their help, but they were rebuffed and told “We can’t help you guys, we don’t have the capability to look into that kind of information.” After they were exhausted trying to get help from big agencies they had contacted one of our senior scientist, we gave them a demonstration of our data mining tools and showed them what nobody could show them and they said “We want you guys to work on this as the primary.”

They let us attend one of their brainstorming and planning sessions where all the agencies have their representation and I told my folks “You need to do a map real quick” and in ninety minutes we showed them more information that they had already got from all the different agencies because since we were using data mining tools we were getting information faster. It wasn’t cleared, it took time to look at it but at least it showed we could do it that quickly.