2019/09/15

La Casa Bianca conferma: Hamza bin Laden è stato ucciso

di Hammer

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha confermato con un messaggio pubblicato sul sito internet della Casa Bianca che Hamza bin Laden, figlio di Osama bin Laden, è stato ucciso in un'operazione condotta dalle forze USA al confine tra Afghanistan e Pakistan. La notizia era apparsa su varie testate a fine luglio, ma fino ad ora il presidente Trump si era astenuto dal commentare. La nota aggiunge che non solo al-Qaeda perde un importante leader e un simbolo, ma che il decesso del terrorista mina anche le capacità di azione della stessa organizzazione per via del legami stretti da Hamza bin Laden con altri gruppi terroristici.


Una conferma importante era già arrivata ad agosto, quando il segretario della difesa degli Stati Uniti Mark Esper aveva confermato in un'intervista a Fox News, senza aggiungere altri dettagli, che Hamza bin Laden era stato ucciso da forze americane.

Non è ancora noto come l'attacco sia stato condotto né quando sia avvenuto. La famiglia bin Laden ha comunicato alla BBC che Hamza era rimato ucciso in un bombardamento e secondo il New York Times questo sarebbe avvenuto durante l'amministrazione Trump, ma non ci sono ancora conferme ufficiali né informazioni più precise.

2019/09/10

World Trade Center: an interview with U.S. Marshal Dominic Guadagnoli

by Hammer. An Italian translation is available here.

On the eighteenth anniversary of the attacks of September 11, 2001, Undicisettembre offers its readers the account of U.S. Marshal Dominic Guadagnoli, who rushed to the World Trade Center after the two plane crashes and experienced the collapses of the two towers at close range.

We wish to thank Dominic Guadagnoli for his kindness and willingness to share his experience.


Undicisettembre: Can you give us a full account of what you saw and experience on 9/11?

Dominic Guadagnoli: At that time I worked for the Warrant Squad of the SDNY Marshals Office located on the third floor of the new US Courthouse, 500 Pearl Street, about five blocks away from the Twin Towers. My colleague John Svinos and I were planning an operation to arrest someone later that night that was wanted by the ATF. We were sitting at our desks and when the first tower was attacked, the explosion actually shook our building and we thought either our building or one of the other prominent city or federal buildings close by had been the target of a bomb. Within about a city two block radius you have two US Courthouses, the US attorney’s office, NYPD headquarters, federal prison (the Metropolitan Correctional Center), the New York State supreme court, the mayor’s office, 26 Federal Plaza – which was the office of many federal agencies including the FBI - NYC municipal building, NYC courthouse.

Within less than a minute you could see all the paper and debris floating to the ground between our buildings. However, as close as we were, from the angle of the courthouse we could not see the Trade Center or the towers. John and I immediately ran outside to see what happened. While we were out there people were telling us that a plane had just struck the Twin Towers. We couldn’t believe it so we ran over to see what was happening and that’s when the second plane was flown into the second tower. At that point, we realized that the city was under attack, most likely by terrorists. We ran back to our office to see what the plan of action was. At that time there was none. So we decided on our own to go start helping people out of the buildings. On our way out we ran into another US Marshal, Bill Schuchact, who wanted to go with us and we took him along.

We started at the doors of WTC 7 and down the tunnel to the lobby. I went down the escalators and came back up. There’s a tunnel, a mall down there which is a long walkway, it is huge. We were helping people out and telling them to go north or east. As you saw people it was like all the people had asthma, and they had a hard time and needed oxygen. I remember a young pregnant lady, someone was trying to help her walk. And so I helped get her across to the triage area and in your mind, once you got them there you are like “they are okay” and I turned around go back to help more people.

The first wave of people had jackets, purses, and were trying to use their cellphones; they were upset and concerned. The next wave were a little more haggard. They were more confused. But still not panicking. Some people couldn’t handle it, they were visibly shaken. The third wave had torn clothes, cuts and scratches, definitely more wet from the sprinklers, more tired. At first I thought it was sweat. That’s what it looked like and for some people it might have been, it was a hot day in the building, no AC. I realized what it was when I saw the last wave of people because of how wet they were. They just had to be wet from the sprinklers. They weren’t “jump in the pool soaked”, but they were pretty wet. Anyway, the final wave of people looked like they were in a battle; they were bleeding profusely, bad cuts, gashes, head wounds and some needed to be carried on some kind of makeshift stretcher.

I later learned that in the meantime, an employee of the Aon Corporation named Donna Spera and her coworkers from the 101st floor waited for an express elevator on the 78th floor, along with several hundred other people, so that they could get out of their building as quickly as possible. It was then that the second plane crashed directly into the 78th floor sky lobby. With the exception of Donna and only eleven other people, everyone in that sky lobby was killed. Every single coworker that Donna was standing with had died instantly. As fire and smoke consumed the floor where she stood, she crawled past dead coworkers and over shards of glass in search of the only remaining exit on that floor. Despite the fact that she was burned and bleeding, Donna climbed down 78 flights of stairs with the help of a coworker. When she reached the base of the building, she collapsed into my arms and I carried her to a triage that was set up across the street from the burning buildings. She wasn’t wet at all. Maybe the sprinklers didn’t work up there.

Though I tried to shield her from people snapping photos, an Associated Press photographer managed to capture a shot that would tie us together in history [picture below]. After putting Donna in the back of an ambulance, I returned to help people out of the Trade Center. Shortly after that, the first tower began to collapse and I just started running. Everyone scattered in different directions. I saw there was an overhang between buildings 5 and 7 so I was going to hide under there, and with the corner of my eye I saw John running a different way.


I fell on my hands and knees for a second and that’s when I cut my hands because I saw the blood, but I did like a “tuck and roll” onto my right side and I got up and continued running again. This is when I saw a subway stairwell across from the post office. There were two cars parked in front and I saw I had just enough room to get between those two cars. And that’s when the black cloud caught up to me and things just went dark. Just as I got to the top of the subway stairs, there was a female NYPD officer who was wearing a helmet. And we literally went shoulder to shoulder we dove down the stairs and it went totally black.

As that cloudless sunny day turned shockingly black as night, I feared that I was going to be crushed and buried alive. For a moment I thought it was the end of the world, I almost expected to see Jesus come out of the clouds.

When I came out of the subway, I was disoriented and I saw the LED display on the post office and it said “Yankees/Twins PPD”, meaning “postponed”. And that’s how I realized where I was.

So I was helping people and this young black guy came up to me and he had a mask on his face and he said “We need to get you some help.” And I said “What are you talking about?” I saw a guy with silver badge around his neck, Port Authority or NYPD, he had a flannel shirt on and his wrist and his bone was sticking out and another guy in uniform was helping him. So the black guy said “We need to get you some help.” and I didn’t realize that I had blood on my arms and on my hand, but I think the blood on my arm was from Donna. He took me into Saint Peter’s church and they had everyone in the back, like behind the altar in the room back there rinsing off. I took my jacket and shirt off and I took my gun off. And he was like “Whoa.” And I said “Just so you know, I’m a cop.” Someone came in and said “It’s not safe in here, we gotta get out of here. Everyone’s got to leave.” So they gave me a rag. I got my stuff back on and as I started walking out the same cop with the bone exposed was coming in.

So I started heading back toward the building and I walked up to a patrol officer and a sergeant and they said “You gotta go back.” I said “I’m looking for my partner.” And just then we heard that rumble again, that same noise.

So we all started running and I headed toward that church again and just as I hooked to the right, a police car was coming with the lights on and I started shouting “No, No, don’t go that way. Don’t go that way.” And he went past me. And when I looked back I saw that big cloud of dust coming down the street again. But this time, it blew right behind me.

I started running back to the office, and I was trying to think about how to get back. All I could think about was John and I thought I would take care of his family. I’d had them live with me, not sure how, but we’d take care of them. At that point I gave up and figured he was dead. I saw Bill after the first tower fell, so I knew he was okay.

So I started walking toward a Greek restaurant called Mt. Everest that John and I used to go to. They had no power and the door was half open and there was a uniform cop on a pay phone. I asked the people working there if they had seen John. They didn’t know who I was either and they said “Sorry we don’t know who you are talking about, we are closed, sorry.” I said “It’s me, Dominic, you know me and my partner John.” We went to lunch there all the time. For some reason I thought John might meet me at some place that we were comfortable, to rest, maybe get a drink. I don’t know. Then they recognized me and helped clean me up.

I finally got to the office and found out that John was there. When we finally saw each other we hugged and we cried. Bill showed up too and we hugged as well. We were then brought to a hospital outside of Manhattan because of the injuries we each sustained.

On the morning of Sept. 12, 2001, I learned of the photo of Donna and me. Because it was taken by an Associated Press photographer, it made its way into newspapers and magazines around the world. It was even published by Corriere della Sera on that day. About a month later, our families met at her home in New Jersey. We have since become very good friends and we both say our friendship is the one positive thing to have come out of that horrific day. I’m not sure why that picture got so much attention, maybe it’s because it shows man helping man.


Undicisettembre: What happened to you on the next days and months?

Dominic Guadagnoli: I can remember the days, weeks even months after 9/11 the brotherhood, solidarity and unity that was felt and shown to each other.

Many of us went out and bought flags. According to the St. Petersburg Times, on September 12, 2001, Walmart sold 116,000 flags as compared to only 6400 on that same day a year earlier. There were flags flown from every home and car. I remember seeing banners and bumper stickers professing love for our country everywhere. There were people in the streets of NYC holding signs that read “Thank you for what you did”, “Thank you heroes”. This went on for months and months. People were lined up to give blood, they volunteered and supplies arrived at ground zero almost instantaneously from across the country. Donations to charities skyrocketed. Reportedly, Americans donated close to two billion dollars.

It appeared as though barriers between people seemed to disappear. It didn’t matter if you were black or white, Spanish, Asian, or European in origin. You could have believed in Jesus, God, Buddha, Allah, or no one for that matter. The common dividers fell away in place of a common uniter. To me, it was obvious that together we shared in the hurt and we were never more proud to be Americans.

I saw signs of love, kindness, spirituality, and patriotism. One could see man helping man, and people were truly grateful for one another. People leaned on each other, hoping that they could somehow get through that moment, although at the time it seemed nearly impossible.


Undicisettembre: How does 9/11 affect the everyday work of the US Marshals even today?

Dominic Guadagnoli: I can’t say it affects it in a way like it does at the airports. Things like court security for the buildings were already pretty intense because of what happened in 1993 and because at that time there were eminent threats against several judges who presided over the hearings for 1993. The sheik Omar Abdel Rahman and his group had plotted to blow up the tunnels, the FBI headquarters, the US attorney’s office and the police headquarters. So because of that the Marshals already had the security enhanced.

Since then obviously with modern technology it had been enhanced more. I don’t think there’s any daily constant changes, but when it comes to protective services obviously they are more stringent regarding judges and any kind of intel that may in come in through any kind of agency like the Joint Terrorism Task Force or the FBI.

In our daily work I would say it’s something that affects us per se.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

Dominic Guadagnoli: I think I saw a thousand times the clocks showing 9:11. Yesterday morning I had a power outage and the time that was blinking was 9:11. It seems like every time I stop to look at the clock it says 9:11.

I still have issues sometimes with loud noises, I can be jumpy sometimes. One thing I notice is with the years that have gone on, each year when it gets close to the anniversary I seem to be a little bit more edgy, a little bit more short tempered. When the anniversary is close, a month before I start to feel more anxious, things annoy me more. People come up with this conspiracy theories and I would normally blow off them as “no big deal” but close to the anniversary it becomes more of an issue for me.

The day of the anniversary is a kind of a numb day, I’m numb, it’s an odd situation and the next days it goes away again. It never goes out of your mind, it’s on your mind 24/7; you are watching a TV program and you see the Twin Towers or jets flying and it reminds you of 9/11. There hasn’t been a day that has gone by that something doesn’t make you think about it. Some days it’s there prominently, some days it’s there a little bit, but it’s always there.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories that claim that 9/11 was an inside job?

Dominic Guadagnoli: I think it’s garbage. I don’t know how people can put that together in their minds and think that. Even if I weren’t there I can’t understand how people can come up with that; I think it’s a political thing or for personal attention.

I remember on the tenth anniversary I was here in Florida, I was driving down the road and I saw someone nailed to a tree a sign with www.911truth.org. I stopped my car, I ripped it off and threw it in the woods. That’s what I think about it.


Undicisettembre: What do you think of security today? Is the nation safer than in 2001?

Dominic Guadagnoli: I think there are mechanisms that are in place that make us feel safer, so in some ways yes, we learned hopefully. But being in law enforcement I walk around and as people say “You are as strong as your weakest link”; sometimes we go through security check points, such as at a concert or to a stadium, and they don’t check me, or the check this person but not that person.

I recently went to a well known amusement park in Florida, where there are shops and different things, I parked my car in the garage and I walked right in and the security guy just watched people come in. No one checked me. But if you go to Magic Kingdom they do a thumbprint, you get checked and you walk through magnetometers. Even my son, he’s a 15 year old kid and they looked in his bag and said “Ok, go ahead.” I know they profile and maybe he’s not the correct profile, they weighed the bag and made sure he didn’t have guns, but nowadays they should check everybody: I don’t care if it’s a fourteen year old or a hundred year old person. If you are willing to have security you must have security. Security is either 100% or it is not; if it is not 100%, why bother and why are you bothering people at all?

If we have to be 100% secure then be 100% secure, we can’t be picky and choosy. I think you have seen what happens in America with schools now; they are soft target, and even churches and supermarkets are soft targets. You saw what happened in New Zealand and El Paso and many other places. I don’t know what’s the right answer.

World Trade Center: intervista allo U.S. Marshal Dominic Guadagnoli

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui.

In occasione del diciottesimo anniversario degli attentati dell'11 settembre 2001, Undicisettembre offre ai suoi lettori la testimonianza dello U.S. Marshal Dominic Guadagnoli, che intervenne al World Trade Center dopo lo schianto dei due aerei e che sopravvisse ai crolli di entrambe le torri.

Ringraziamo Dominic Guadagnoli per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Ci puoi fare un racconto generale di ciò che hai visto e vissuto l'11/9?

Dominic Guadagnoli: A quel tempo lavoravo per la Warrant Squad [quadra che si occupa di ricercare criminali colpevoli di crimini violenti N.d.T] dell’ufficio del Marshal per il distretto meridionale di New York, che si trova al terzo piano delle nuova corte federale, al numero 500 di Pearl Street, a circa cinque isolati dalle Twin Towers. Il mio collega John Svinos e io stavamo pianificando un'operazione per degli arresti più tardi quel giorno che era voluta dall'ATF. Eravamo seduti ai nostri tavoli e quando la prima torre fu attaccata, l'esplosione fece davvero tremare il nostro edificio e pensammo che il nostro o uno degli altri importanti edifici della città o quelli federali nelle vicinanze fossero stati colpiti da una bomba. Nel raggio di due isolati si trovano le corti federali, l'ufficio del procuratore degli Stati Uniti, il quartier generale dell’NYPD, la prigione federale (il Metropolitan Correctional Center), la corte suprema dello stato di New York, l'ufficio del sindaco, il 26 Federal Plaza, che era l'ufficio di molte agenzie federali tra cui l'FBI, il municipio di New York, il tribunale di New York.

In meno di un minuto vedemmo carta e detriti che fluttuano fino a terra tra i nostri edifici. Tuttavia, nonostante fossimo così vicini, dall'angolo del tribunale non potevamo vedere il Trade Center o le torri. John e io corremmo fuori per vedere cosa fosse successo. Mentre eravamo là fuori la gente ci diceva che un aereo aveva appena colpito le Torri Gemelle. Non potevamo crederci, così ci precipitammo a vedere cosa stesse succedendo e fu allora che il secondo aereo si schiantò contro la seconda torre. A quel punto, capimmo che la città era sotto attacco, molto probabilmente da parte di terroristi. Tornammo di corsa nel nostro ufficio per vedere quale fosse il piano d'azione. In quel momento non ce n'era uno. Quindi decidemmo da soli di iniziare ad aiutare le persone a uscire dagli edifici. Mentre uscivamo, incontrammo un altro US Marshal, Bill Schuchact, che voleva venire con noi e ci venne.

Iniziammo all'ingresso del WTC7 e al tunnel che conduce alla alla lobby. Scesi le scale mobili e tornai su. C'era un tunnel, un centro commerciale sotto la piazza che era enorme e che si attraversava a piedi. Aiutavamo le persone a uscire e indicavamo loro di andare verso nord o est. Vedendo le persone sembrava che avessero attacchi di asma, perché avevano difficoltà ed ebbero bisogno di ossigeno. Ricordo una giovane donna incinta, qualcuno la stava aiutando a camminare. La aiutai ad attraversare la strada e ad arrivare nell'area del primo soccorso e nella tua mente, una volta che li hai mandati via, pensi "sono al sicuro" e ti rigiri indietro.

La prima ondata di persone aveva giacche, borse, e stavano cercando di fare telefonate con i cellulari; erano agitati e preoccupati. Nella successiva ondata erano un po' più spaventati. Erano più confusi. Ma non ancora nel panico. Alcune persone non riuscivano a reggerlo, erano visibilmente scossi. La terza ondata aveva vestiti lacerati, tagli e graffi, erano molto più bagnati dai sistemi antincendio, più stanchi. All'inizio ho pensato che fosse sudore. Mi sembrava che fosse così e per alcune persone lo avrebbe potuto essere, era un giorno caldo nell'edificio, senza aria condizionata. Mi resi conto di cosa fosse quando vidi l'ultima ondata di persone e quanto fossero bagnati. Dovevano essere bagnati dal sistema antincendio. Non erano "bagnati come se si fossero tuffati in piscina", ma erano molto bagnati. Ad ogni modo, l'ultima ondata di persone sembravano usciti da una battaglia. Stavano sanguinando copiosamente, brutti tagli, lacerazioni, ferite alla testa e alcuni dovettero essere trasportati su barelle improvvisate.

In seguito appresi che nel frattempo un’impiegata della Aon Corporation di nome Donna Spera e i suoi colleghi del centounesimo piano aspettavano un ascensore espresso al 78° piano, insieme a diverse centinaia di persone, in modo che potessero uscire dall'edificio il più rapidamente possibile. Fu allora che il secondo aereo si schiantò direttamente nella sky lobby del 78° piano. Tranne Donna e altre undici persone, tutti quelli che si trovavano in quella lobby rimasero uccisi. Ogni singolo collaboratore con cui si trovava Donna era morto all'istante. Mentre il fuoco e il fumo consumavano il pavimento su cui si trovava, strisciava davanti a colleghi morti e su schegge di vetro alla ricerca dell'unica uscita rimasta su quel piano. Nonostante il fatto che fosse ustionata e sanguinante, Donna scese 78 rampe di scale con l'aiuto di un collega. Quando raggiunse il piano terra, crollò tra le mie braccia e la portai in una zona per lo smistamento dei feriti che si trovava dall'altra parte della strada rispetto agli edifici in fiamme. Non era per nulla bagnata. Forse il sistema antincendio non funziona a quell'altezza.

Anche se cercai di proteggerla da chi stava scattando delle foto, un fotografo dell’Associated Press riuscì a catturare uno scatto che ci legò insieme nella storia [foto sotto, N.d.T]. Dopo aver messo Donna su un'ambulanza, tornai ad aiutare le persone a uscire dal Trade Center. Poco dopo, la prima torre iniziò a crollare e io iniziai a correre. Corremmo tutti in direzioni diverse. Vidi una pensilina tra gli edifici 5 e 7, stavo per nascondermi lì sotto, e con la coda dell'occhio vidi John correre in una direzione diversa.


Caddi sulle mani e sulle ginocchia per un secondo e mi tagliai le mani e vidi del sangue, feci una capriola verso destra, mi rialzai e ricominciai a correre. Fu allora che vidi le scale della metropolitana dall'altra parte della strada rispetto all'ufficio postale. C'erano due macchine parcheggiate davanti e vidi che avevo abbastanza spazio per infilarmici in mezzo. E quello fu il momento in cui la nuvola nera mi raggiunse e tutto divenne buio. Appena arrivai alle scale della metropolitana, c'era un ufficiale donna della polizia di New York che indossava un casco. Andammo spalla a spalla e ci lanciammo giù dalle scale e tutto divenne completamente nero.

Mentre quella giornata di sole senza nuvole diventava incredibilmente nera come la notte, temevo di rimanere schiacciato e sepolto vivo. Per un attimo pensai che fosse la fine del mondo, quasi mi aspettavo di vedere Gesù uscire dalle nuvole.

Quando uscii dalla metropolitana, ero disorientato e ho visto il display a LED sull'ufficio postale che diceva "Yankees / Twins PPD", che significa che la partita era stata rinviata. E fu così che capii dov'ero.

Quindi stavo aiutando le persone e un giovane uomo di colore si avvicinò a me con una maschera sul viso e mi disse "Hai bisogno di aiuto." E gli dissi "Ma che dici?" Vidi un ragazzo con un distintivo d'argento al collo, Port Authority o NYPD, con una camicia di flanella e gli usciva l’osso del polso e un altro in uniforme lo stava aiutando. Quindi l’uomo di colore mi disse "Hai bisogno di aiuto." E non mi resi conto che avevo sangue sulle braccia e sulla mano, ma penso che il sangue sul mio braccio fosse di Donna. Mi portò nella chiesa di Saint Peter e avevano portato tutti nella parte posteriore, dietro l'altare e in una stanza per sciacquarsi. Mi tolsi la giacca e la camicia e mi tolsi la pistola. Lui disse "Whoa." E io dissi "Solo perché tu lo sappia, sono delle forze dell’ordine." Qualcuno entrò e disse “Non è sicuro qui, dobbiamo uscire. Tutti devono uscire.” Quindi mi diedero una benda. Recuperai la mia roba e quando stavo uscendo lo stesso poliziotto con l'osso esposto stava arrivando.

Così iniziai a dirigermi verso l'edificio e mi avvicinai a un ufficiale di pattuglia e a un sergente che mi dissero "Devi tornare indietro". Dissi "Sto cercando il mio compagno". E proprio in quel momento sentimmo di nuovo il rombo, quello stesso rumore.

Così iniziammo a correre e io mi diressi di nuovo verso quella chiesa e, mentre giravo a destra, una macchina della polizia stava arrivando con le luci accese e io iniziai a gridare "No, no, non andare in quella direzione. Non andare in quella direzione." E mi superò. E quando guardai indietro, vidi di nuovo quella grande nuvola di polvere che veniva giù per la strada. Ma questa volta, mi passò proprio dietro.

Ricominciai a correre verso l’ufficio, stavo cercando di pensare a come tornare. Tutto ciò a cui riuscivo a pensare era John e pensavo che mi sarei preso cura della sua famiglia. Li avrei fatti vivere con me, non so come, ma ci saremmo presi cura di loro. A quel punto mi ero arreso e pensavo che fosse morto. Avevo visto Bill dopo il crollo della prima torre, quindi sapevo che stava bene.

Così iniziai a camminare verso un ristorante greco chiamato Mt. Everest a cui io e John andavamo regolarmente. Non avevano corrente elettrica, la porta era semiaperta e c'era un poliziotto che stava usando un telefono a pagamento. Chiesi alle persone che ci lavoravano se avessero visto John. Non mi riconobbero e dissero "Scusa non sappiamo di chi stai parlando, siamo chiusi, mi dispiace". Dissi "Sono io, Dominic, tu conosci sia me sia il mio compagno John." Andavamo spesso lì a pranzo. Per qualche motivo pensavo che John potesse aspettarmi in un posto che conoscevamo, per riposare, bere qualcosa. Non so. A quel punto mi riconobbero e mi aiutarono a pulirmi.

Finalmente salii in ufficio e scoprii che John era lì. Quando finalmente ci vedemmo ci abbracciammo e abbiamo pianto. Bill arrivò e ci abbracciammo anche con lui. Ci portarono in un ospedale fuori Manhattan a causa delle ferite che riportammo.

La mattina del 12 settembre 2001, seppi della foto con me e Donna. Dato che era stata scattata da un fotografo dell'Associated Press, è stata diffusa sui giornali e sulle riviste di tutto il mondo. È stata anche pubblicata dal Corriere della Sera quel giorno. Circa un mese dopo, le nostre famiglie si sono incontrate a casa sua nel New Jersey. Da allora siamo diventati ottimi amici e entrambi diciamo che la nostra amicizia è l'unica cosa positiva che è venuta fuori da quella giornata orribile. Non so bene perché quella foto abbia ricevuto così tanta attenzione, forse perché mostra che l’umanità che si aiuta.


Undicisettembre: Cosa ti è successo nei giorni e nei mesi successivi?

Dominic Guadagnoli: Ricordo i giorni, le settimane, anche mesi dopo l'11 settembre, la fratellanza, la solidarietà e l'unità che si sentivano e si vedevano.

Molti di noi uscirono e comprarono bandiere. Secondo il St. Petersburg Times, il 12 settembre 2001, Walmart ha venduto 116.000 bandiere rispetto alle 6400 dello stesso giorno dell'anno precedente. C'erano bandiere che sventolavano da ogni casa e macchina. Ricordo di aver visto ovunque striscioni e adesivi che testimoniavano l'amore per il nostro paese ovunque. C'erano persone per le strade di New York con cartelli che dicevano "Grazie per quello che hai fatto", "Grazie eroi". Andò avanti per mesi e mesi. Le persone erano in fila per donare il sangue, si offrivano volontariamente e arrivarono provviste a Ground Zero quasi istantaneamente da tutto il paese. Le donazioni alle associazioni di beneficenza salirono alle stelle. Secondo quanto riferito, gli americani donarono quasi due miliardi di dollari.

Sembrava che le barriere tra le persone scomparissero. Non importava se eri nero o bianco, ispanico, asiatico o europeo. Potevi credere in Gesù, Dio, Buddha, Allah o nessuno per quel che importava. Le divisioni caddero per far posto all’unione. Per me era ovvio che insieme avevamo condiviso il dolore e non siamo mai stati più orgogliosi di essere americani.

Ho visto segni di amore, gentilezza, spiritualità e patriottismo. Si vedeva l’umanità aiutare l’umanità, e le persone erano veramente grate l'una all'altra. La gente si appoggiava l'un l'altra, sperando di riuscire in qualche modo a superare quel momento, anche se all'epoca sembrava quasi impossibile.


Undicisettembre: In che modo l'11/9 influenza ancora oggi il lavoro quotidiano degli US Marshals?

Dominic Guadagnoli: Non posso dire che lo influenza come accade ad esempio per gli aeroporti. Cose come la sicurezza negli uffici dei tribunali erano già piuttosto intense a causa di ciò che accadde nel 1993 e perché al tempo c'erano state importanti minacce contro diversi giudici che presiedevano le deposizioni per l’attentato del 1993. Lo sceicco Omar Abdel Rahman e il suo gruppo avevano pianificato di saltare in aria i tunnel, il quartier generale dell'FBI, l'ufficio del procuratore degli Stati Uniti e il quartier generale della polizia. Quindi a causa di ciò i Marshals avevano già avuto un aumento della sicurezza.

Da allora ovviamente con la tecnologia moderna era ulteriormente migliorata. Non penso ci siano stati cambiamenti con effetti quotidiani, ma i servizi di protezione per i giudici o i servizi di intelligence come la Joint Terrorism Task Force o l’FBI ovviamente sono più rigidi.

Nel nostro lavoro quotidiano direi che è non qualcosa che ha effetti di per sé.


Undicisettembre: In che modo l'11/9 influisce sulla tua vita quotidiana?

Dominic Guadagnoli: Penso di aver visto mille volte gli orologi che mostrano le ore 9:11. Ieri mattina è andata via la corrente e l’orario che lampeggiava era 9:11. Sembra che ogni volta che mi fermo a guardare l'orologio siano le 9:11.

Ho ancora problemi a volte con forti rumori, a volte posso essere nervoso. Una cosa che noto con gli anni che sono passati è che ogni anno quando si avvicina l'anniversario mi sembra di essere un po' più irritabile, un po' più irascibile. Quando si avvicina l'anniversario, un mese prima inizio a sentirmi più ansioso, mi irrito più facilmente. La gente se ne esce con queste teorie del complotto e normalmente le escluderei come "un piccolo problema", ma vicino all'anniversario mi danno più fastidio.

Il giorno dell'anniversario è una giornata in cui mi sento intontito, è una situazione strana e nei giorni successivi torna tutto normale. Non esce mai dalla tua mente, è nella tua mente 24 ore su 24; stai guardando un programma TV e vedi le Twin Towers o dei jet che volano e ti viene in mente l'11/9. Non è passato un giorno in cui qualcosa non ti ci faccia pensare. Alcuni giorni è lì in primo piano, alcuni giorni c'è solo un po’, ma è sempre lì.


Undicisettembre: Cosa ne pensi delle teorie del complotto secondo cui l'11/9 è stato un inside job?

Dominic Guadagnoli: Penso che sia spazzatura. Non so come la gente possa creare queste idee nelle loro menti. Anche se non fossi stato lì, non capirei come la gente possa inventare queste cose; penso che sia una cosa politica o per ottenere attenzione.

Ricordo che nel decimo anniversario ero qui in Florida, stavo guidando lungo una strada e vidi che qualcuno aveva attaccato a un albero un cartello con l’indirizzo del sito www.911truth.org. Fermai la macchina, lo strappai e lo gettai nel bosco. Questo è ciò che penso.


Undicisettembre: Cosa pensi della sicurezza oggi? La nazione è più sicura rispetto al 2001?

Dominic Guadagnoli: Penso che ci siano meccanismi che ci fanno sentire più sicuri, quindi in qualche modo sì, spero che abbiamo imparato. Ma essendo nelle forze dell'ordine, vedo varie cose e come si suol dire "Una catena è tanto forte quanto il suo anello più debole"; a volte passiamo attraverso i controlli di sicurezza, come ad un concerto o allo stadio, e non mi controllano, o controllano una persona ma non l’altra.

Di recente sono andato a un famoso parco di divertimenti della Florida, dove ci sono negozi e altre cose, ho lasciato la macchina nel parcheggio e sono entrato direttamente e l’addetto alla sicurezza ha solo guardato la gente che entrava. Nessuno mi ha controllato. Ma se vai a Magic Kingdom [parco tematico all’interno di Disney World], ti prendono l'impronta digitale, vieni controllato e passi attraverso i magnetometri. È successo anche a mio figlio, è un ragazzino di 15 anni e gli hanno guardato la borsa e hanno detto "Ok, vai." So che fanno profiling e forse lui non ricade nel profilo corretto, hanno soppesato la borsa e si sono assicurati che non avesse armi da fuoco, ma al giorno d’oggi dovrebbero controllare tutti: indipendentemente dal fatto che abbiano quattordici o cento anni. Se vuoi avere sicurezza, devi avere sicurezza. La sicurezza è al 100% oppure non è sicurezza; se non è al 100%, perché preoccuparsi e perché infastidire le persone?

Se dobbiamo essere sicuri al 100%, dobbiamo essere sicuri al 100%, non possiamo essere schizzinosi. Penso che tu sappia cosa succede in America nelle scuole ora; sono obiettivi vulnerabili, persino le chiese e i supermercati sono obiettivi vulnerabili. Hai visto cosa è successo in Nuova Zelanda e a El Paso e in molti altri luoghi. Non so quale sia la risposta per questo, ma se vuoi avere sicurezza devi andare fino in fondo. Solo metà non ha senso.

2019/07/31

Morto Hamza bin Laden, figlio di Osama e leader di al-Qaeda

di Hammer. L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Il 31 luglio del 2019 la NBC News ha riportato la notizia che secondo alcune fonti di intelligence americane Hamza bin Laden, figlio di Osama e leader di alto livello di al-Qaeda, sarebbe morto.


Secondo quanto aggiunto dal New York Times, gli Stati Uniti hanno avuto un ruolo nell'uccisione del terrorista saudita, anche se non è ancora noto quale. Hamza bin Laden sarebbe deceduto negli ultimi due anni, quindi durante l'amministrazione Trump, ma la notizia è stata data con ritardo perché è servito molto tempo a verificare il decesso.

Hamza bin Laden era nato nel 1989 ed era apolide da marzo del 2019, in quanto l'Arabia Saudita gli ha tolto la cittadinanza, come fatto in passato con il padre, dopo che il Dipartimento di Stato degli USA ha posto una taglia da un milione di dollari sulla sua testa. Tuttavia secondo il New York Times a quella data il terrorista era già morto. L'ultima apparizione mediatica di Hamza bin Laden risale a gennaio del 2018, quando minacciò l'Arabia Saudita invitando gli abitanti della penisola alla rivolta.

Lo scorso anno emerse da un'intervista del Guardian alla madre di Osama bin Laden che Hamza aveva sposato una figlia di Mohamed Atta, ma il fratello Omar bin Laden smentì tale circostanza aggiungendo che una delle mogli di Hamza era invece la figlia di Abu Mohammed al-Masri (noto anche come Abdullah Ahmed Abdullah), terrorista ricercato per il suo ruolo di organizzatore degli attentati del 1998 contro due ambasciate americane in Africa. Come riportato dalla biografia di Hamza bin Laden dell'ex agente speciale dell''FBI Ali Soufan, i due hanno avuto due figli che hanno chiamato Osama and Khairia come i genitori di Hamza.

Le informazioni sulla morte di Hamza bin Laden sono comunque al momento vaghe e lacunose, e l'uomo è ancora indicato come ricercato sua sul sito dell'FBI sia su quello di Rewards For Justice (uno dei programmi antiterrorismo del Dipartimento di Stato). Inoltre sia Ali Soufan sia l'analista della CNN Paul Cruickshank hanno asserito che se Hamza è morto mesi fa è strano che al-Qaeda non lo abbia ancora comunicato con un elogio che lo facesse ricordare come un martire, come l'organizzazione terroristica è solita fare.



Aggiornamento (01/08/2019): La giornalista Cathy Scott-Clark della BBC ha riportato di aver ricevuto conferma dalla famiglia bin Laden, e in particolare da una delle mogli di Hamza, che l'uomo è effettivamente morto a seguito di un bombardamento aereo nella regione di Paktika, in Afghanistan. Il terrorista sarebbe stato ferito nel dicembre del 2018 ed è morto in seguito alle ferite riportate.

2019/07/29

Qual era l'obiettivo di United 93?

di Hammer

Il volo United 93 fu l'unico dei quattro dirottati dai terroristi di al-Qaeda l'11 settembre 2001 a non raggiungere il proprio obiettivo, in quanto il terrorista Ziad Jarrah decise di farlo schiantare al suolo quando si rese conto che non sarebbe riuscito a concludere la propria missione suicida a casa di una rivolta dei passeggeri che misero fuori combattimento, o forse uccisero, uno dei muscle hijacker e che erano intenzionati a riprendere il controllo del velivolo.

Il Boeing 757 utilizzato per il volo United 93, fotografato tre giorni prima dell'attentato.

Non sapremo mai quindi con certezza quale fosse l'obiettivo verso cui Jarrah stava dirigendo l'aereo; comunemente si ritiene che potesse essere la Casa Bianca, considerando che al-Qaeda voleva colpire i simboli del potere economico, militare e politico degli Stati Uniti. In realtà la risposta non è così ovvia, perché ci sono forti indicazioni che il quarto obiettivo potesse essere invece il Campidoglio, la sede del congresso americano.

Secondo quanto riportato dal 9/11 Commission Report, la selezione degli obiettivi dell'attacco fu svolta dai soli Osama bin Laden, Khalid Sheikh Mohammed e Muhammad Atef, capo militare di al-Qaeda. La lista iniziale prevedeva il World Trade Center, il Pentagono, il Campidoglio e la Casa Bianca: bin Laden voleva colpire il Pentagono e la Casa Bianca, Khalid Sheikh Mohammed propose il World Trade Center e tutti e tre concordarono sul Campidoglio. Il fatto che avessero scelto le Torri Gemelle più altri tre obiettivi è probabilmente dovuto al fatto che nei piani originali avrebbe dovuto esserci una quinta cellula, che al-Qaeda non riuscì ad assemblare.


Il 9 luglio del 2001 Mohamed Atta incontrò Ramzi Binalshibh (uno dei facilitatori nell'organizzazione degli attentati) a Madrid per discutere i dettagli. Binalshibh comunicò ad Atta che bin Laden intendeva colpire la Casa Bianca, il World Trade Center e il Pentagono; Atta ribatté che sarebbe stato troppo difficile raggiungere la sede presidenziale ma che ne avrebbe valutato la fattibilità. Aggiunse Atta che i piloti erano già stati individuati all'interno del commando suicida, che Hanjour avrebbe colpito il Pentagono, lui stesso e Marwan al-Shehhi le due torri del World Trade Center e Jarrah aveva fino a quel momento come obiettivo il Campidoglio. Gli accordi potevano comunque ancora essere cambiati e come ulteriore indicazione fu detto ai piloti che se non fossero riusciti a portare a compimento la missione avrebbero dovuto far schiantare l'aereo al suolo; lo stesso Atta avrebbe lanciato l'aereo nel centro di New York se non fosse riuscito a colpire le Torri Gemelle. Atta aggiunse che aveva valutato come obiettivo alternativo una centrale nucleare, ma questa ipotesi fu scartata per l'opposizione degli altri tre piloti che temevano che sarebbe stato più difficile arrivare all'obiettivo sfuggendo alla difesa antiaerea e perché non era tra quelli scelti dai vertici di al-Qaeda.

Atta e Binalshibh si sentirono di nuovo il 3 agosto e Binalshibh ribadì ad Atta la volontà di bin Laden di colpire la Casa Bianca. Atta ribatté di nuovo che sarebbe stato difficile, ma accettò gli ordini riservandosi di tenere il Campidoglio come alternativa nel caso in cui non fosse stato possibile raggiungere l'obiettivo prescelto. Si trattava in ogni caso di una situazione eccezionale, perché da quanto emerso United 93 era l'unico dei quattro voli ad avere una soluzione alternativa. Comunque, a conferma della ricezione delle indicazioni, in una conversazione tra Binalshibh e Atta del 9 settembre 2001 quest'ultimo confermò che l'obiettivo prescelto per la missione guidata da Jarrah era la Casa Bianca.


In seguito all'11/9, il miliziano di al-Qaeda Abu Zubaydah dopo essere stato catturato confermò che l'obiettivo di United 93 era la Casa Bianca. Tuttavia Khalid Sheikh Mohammed e Binalshibh dissero invece nella celebre intervista rilasciata nel 2002 al giornalista egiziano Yosri Fouda che le intenzioni di Jarrah erano quelle di portare il velivolo contro il Campidoglio, questa teoria fu sostenuta in tribunale nel 2008 anche dall'autista personale di bin Laden, Salim Hamdan, dopo essere stato catturato in Afghanistan.

Purtroppo c'è quindi molta confusione e incertezza su quale fosse l'obiettivo del volo United 93. La versione più autorevole è sicuramente quella di Khalid Sheikh Mohammed e quindi l''ipotesi più probabile è che Jarrah abbia ricevuto istruzioni di portare l'aereo contro la Casa Bianca ma che non si fosse adeguato agli ordini e che intendesse invece farlo schiantare contro il Campidoglio. Il fatto che il terrorista abbia quindi escluso la residenza del presidente come suo obiettivo dovrebbe far riflettere chi crede che per i terroristi fu tutto troppo facile e che poterono colpire indisturbati il "posto più sorvegliato al mondo", espressione con cui i complottisti descrivono il Pentagono, perché in realtà Atta manifestò i propri dubbi sulla possibilità di colpire la Casa Bianca proprio perché la sorveglianza sarebbe stata troppo difficile da superare ed è probabile che Jarrah avesse già deciso di abbandonare questa possibilità.

2019/07/02

Il primo attentato di al-Qaeda negli Stati Uniti: l'omicidio di Meir Kahane

di Hammer

Contrariamente a quanto comunemente si ritiene, il primo attentato sul suolo americano compiuto da terroristi legati ad al-Qaeda non fu quello contro il World Trade Center del 26 febbraio del 1993, ma l'assassinio del rabbino israelo-americano Meir Kahane che fu ucciso da un colpo di pistola sparatogli da distanza ravvicinata dal terrorista egiziano El Sayyid Nosair nel 1990.

Meir Kahane
Meir Kahane nacque a Brooklyn nel 1932 e la sua politica era nota per le posizioni nazionaliste e favorevoli alla deportazione di tutti i palestinesi dalla Cisgiordania e dalla striscia di Gaza. Negli Stati Uniti Kahane fondò la Lega di Difesa Ebraica, movimento considerato un gruppo terrorista dall'FBI nonostante si professasse contrario al razzismo e al terrorismo, e il Kach, partito politico israeliano sionista nelle cui intenzioni vi era di concedere la cittadinanza israeliana ai soli ebrei e l'uso della guerra per risolvere la questione palestinese.

Kahane fu anche eletto al parlamento israeliano nel 1984 e vi rimase per un solo quadriennio, in quanto nel 1985 il governo dichiarò il Kach un partito razzista impedendo così al partito stesso di ripresentarsi alle elezioni del 1988.

La sera del 6 novembre del 1990 Meir Kahane tenne un discorso davanti a oltre trecento persone nella sala conferenze del secondo piano del Marriott Hotel al numero 525 di Lexington Avenue, a Manhattan. Al termine dell'evento il rabbino si sedette a uno dei tavoli usati per la conferenza e venne attorniato da un gruppo di persone che avevano assistito al discorso che gli fecero delle domande a cui Kahane stava rispondendo. Un uomo vestito da ebreo ortodosso gli si avvicinò da dietro e gli sparò due colpi con una pistola calibro .357. Il primo perforò la testa di Kahane dal collo alla guancia sinistra, il secondo lo mancò. L'attentatore corse quindi verso l'uscita per scappare e si scontrò con un uomo dello staff di Kahane, il settantatreenne Irving Franklin, a cui sparò nella gamba per riprendere la propria fuga.

Arrivato in strada l'attentatore tentò di dirottare un taxi davanti a una sede delle poste puntando la pistola al guidatore. Intervenne sulla scena l'agente della polizia postale Carlos Acosta, che indossava un giubbotto antiproiettile, il quale estrasse la pistola e intimò al fuggitivo di non muoversi. L'assassino di Kahane gli sparò al petto, ma nonostante l'impatto del proiettile l'agente riuscì a rispondere al fuoco colpendo l'attentatore al mento e immobilizzandolo. L'assassino fu identificato come il trentaquattrenne El Sayyid Nosair. Meir Kahane e i tre feriti, tra cui lo stesso Nosair, furono portati al Bellevue Hospital dove il rabbino fu dichiarato morto alle 21:57.

El Sayyid Nosair
El Sayyid Nosair fu condannato da un tribunale dello stato di New York a 22 anni di reclusione solo per possesso illegale di arma da fuoco e per aver sparato ad Acosta, ma non per l'omicidio di Kahane in parte per il fatto che la famiglia di questi non acconsentì allo svolgimento dell'autopsia rendendo impossibile il recupero del proiettile mortale.

Nosair venne dapprima detenuto nel carcere di Attica e una cellula jihadista guidata da Omar Abdel-Rahman (più noto con il soprannome di The Blind Sheik) tentò di pianificare un attentato con un camion bomba contro il penitenziario allo scopo di far fuggire lo stesso Nosair. Il piano fu abbandonato a seguito dell'arresto di Abdel-Rahman per il primo attentato al World Trade Center.

Proprio nell'ambito del processo ad Abdel-Rahman, nel 1995 Nosair fu sottoposto al giudizio di un tribunale federale il quale lo condannò all'ergastolo per aver partecipato alla pianificazione di attentati contro alcuni obiettivi nella città di New York e anche per l'omicidio di Meir Kahane. Il tribunale stabilì che Nosair non agì da solo, ma che era legato a una cellula terroristica.

Nel 2002 emerse dalle indagini sull'11/9 che Osama bin Laden aveva finanziato la difesa di Nosair al primo processo e che alcuni parenti del terrorista avevano compiuto un viaggio in Arabia Saudita per raccogliere dei fondi messi a disposizione dal leader di al-Qaeda.

Secondo quanto riportato dal Jerusalem Post, Nosair ammise agli inquirenti nel 2005 di essere l'autore materiale dell'omicidio di Meir Kahane e aggiunse di non aver intrapreso questo progetto criminale da solo perché al Marriott Hotel di Lexinton Avenue c'erano con lui due complici, il giordano Bilal al-Kaisi e il palestinese Mohammed Salameh, il secondo dei quali fu anche uno degli attentatori del primo attacco contro le Torri Gemelle. In ogni caso, secondo quanto riportato dal giornalista Peter Lance, i legami tra Nosair e bin Laden risalgono a molto prima dell'omicidio di Kahane, l'egiziano infatti ammise anche di aver sorvegliato un aeroporto nell'ambito del suo piano per uccidere Kahane insieme a un uomo chiamato Ephron Gilmore che lavorava per bin Laden.

L'omicidio di Meir Kahane è purtroppo meno noto di quanto dovrebbe essere e spesso viene relegato alla cronaca nera e non considerato un vero atto di terrorismo. Al contrario questo avvenimento mostra quanto pericolosa fosse al-Qaeda più di dieci anni prima del 2001 e conferma che il nome di Osama bin Laden era noto agli inquirenti molto prima dei sanguinosi eventi dell'11/9.

2019/05/28

World Trade Center: an interview with former NYPD detective Anthony Agnelli

by Hammer. An Italian translation is available here.

Anthony Agnelli is a former NYPD detective who on 9/11 was sent to the site and arrived at the World Trade Center after the collapse of the second tower. To discuss the events of that day Agnelli accepted our request for an interview which we are offering our readers today.

We would like to thank Anthony Agnelli for his kindness and willingness to help.


Undicisettembre: Can you give us a general account of what you saw and experienced on 9/11?

Anthony Agnelli: I was home, I lived a little outside the city at that time and I was going to get into work in the afternoon because it was a primary day, an election day. So they had everybody working at the election holding places. I got up in the morning and my wife called me on the phone, she was working in the city and she was driving down there, and she told me she heard on the radio that a plane run into the World Trade Center. I looked outside and it was a beautiful day and I was trying to figure out how a plane can fly into the World Trade Center on a perfectly clear day. Immediately I turned on the television and I saw the second plane crash into the World Trade Center and everybody knew what was going on.

Right after that they announced on television that any off duty police officer or firefighter was requested to report to work immediately, so I got dressed and ready to go, got in my car and started racing down to the city. I got there pretty quick, there was a whole bunch of cars on the expressway that were all cops and firemen and EMS workers and we were all driving as fast as we could. When I got to the site I met up with a couple of people among whom my lieutenant. We got into a car, we were driving right by the World Trade Center and I wanted to get out of the car and get down there. The second tower had already come down. I jumped out of the car and separated from the guys I was working with and run down to the site, I was 50 or 60 feet from where the South Tower was, and there was a bunch of cops staring at the pile and we couldn’t believe what we were seeing, it was almost dark in the middle of the daytime.

After that we tried to get organized into teams and trying to figure out what we were going to do and how we were going to do it; basically we had no tools, we had nothing, no masks, no work clothes. We just started climbing on the pile and digging with a pair of my handcuffs in the debris trying to make a hole. We spent a lot of the day doing that. Around five o’clock in the afternoon somebody put up a temporary cell site because all the power and cell service was knocked out in lower Manhattan, so I immediately picked up my phone and called home. My wife answered the phone and my daughter was there too, she was 16, I explained them where I was and a minute into the conversation 7 World Trade Center started to fall. Everybody started running and the dust cloud came over us and I was on the phone and my wife and my daughter were watching the TV coverage, so they saw the building starting to come down and they heard me starting to run and they figured “Oh my God, he’s in danger!”. I could hear that screaming on the phone as I was running down the street.

The dust cloud covered us with a lot of debris. Eventually I got back on the phone and told them everything was okay.

We stayed there on that day till about 2AM, and then they told us to go home, get some rest and be back at five which was crazy. My parents lived in Queens which was only about five or ten miles from the World Trade Center; I went there and they weren’t even home, they were on vacation, but I went to their house, laid down for a couple of hours, got up, took a shower and went back right down there.


Undicisettembre: Can you confirm 7 World Trade Center was burning out of control?

Anthony Agnelli: Oh, the whole front of the building was torn out; even if sometimes you see pictures of the back of the building when it collapses and it looks okay. There was a big, big, giant hole in the front of the building where one of the towers fell and did a lot of damage. It was burning all day. It was burning from the morning and the fire department was not even fighting the fire, they had abandoned it because of all the things that were happening. They were not even pouring water on the fire, they just left it alone.


Undicisettembre: While 7 World Trade Center collapsed did you hear any mysterious explosion?

Anthony Agnelli: No. And the funny thing was that just before 7 World Trade Center collapsed we were working at some place and a captain came over and grabbed a bunch of us, maybe fifteen or twenty detectives that were in my unit, and we were in plain clothes; he told us “I have something for you guys to do, all of you come with me.” We were on the street that was right in front of 3 World Trade Center and he walked us within a half of block from 7 World Trade Center and he told us “Stay here, I got something for you guys to do, I’ll be right back.” He walked away and two minutes after that was when I got on the phone with my wife, I was maybe 400 feet from one of the corners of the building, that’s how close I was to 7 World Trade Center. I was on the phone and I was looking directly at 7 World Trade Center and I was even saying to myself “Wow, this building is about to collapse!” The bottom couple of floors were ripped in fire. We were commenting with each other “FD is not even doing anything with this building, they gave up on it.”

A minute or two later I was on the phone and staring directly on 7 World Trade Center, the windows started to vibrate and the building started to sway a little bit, seconds after that it collapsed. There were no explosions and I was literally 400 feet away from it.


Undicisettembre: What did you guys do on the next days?

Anthony Agnelli: Everyday it got a little more organized, because in the very first day there was very little organization, nobody had an assignment nor knew what to do; nobody ever encountered something like this, we didn’t have tools or anything like that.

What they do in the police department is that a sergeant has a roster, he’ll put his name on it because he’s the supervisor, and he would take say ten detectives or police officers from his team and he’ll write their names on it. He’ll then go to his superior, lieutenant or captain, and they’ll tell him “Take your team, go there and do this.” That second morning we got organized onto a roster with my sergeant, we went down right to the foot of the South Tower and everybody was doing their own thing. We got to the pile, started digging and looking for things, for people and we teamed up with the fire department. You could see pictures of what they call “the bucket brigade” where they were filling buckets with debris from the pile, which was very high like four or five stories in some places; you would crawl up on top and start digging, passing the buckets back and dumping them out on the street, bring it up again.

We were also trying to find people, we of course didn’t find anybody. The first day was much more chaotic because nobody knew what was going on, there were military planes flying over Manhattan which never happens and people would freak out.

A lot of buildings around the site were damaged and there was a lot of fear that those buildings could collapse like 7 World Trade Center did. There were rumors that some buildings were not sound and that they were evacuating them, people were running around. As the days passed people got a bit calmer, as calm as it could possibly be, and more organized. We started doing the bucket brigade and taking stuff out and looking for survivors. We were finding people partially buried that were dead, tried to uncover them and get them out. There was a lot of that going on in the first week, we did that for twelve to eighteen hours a day.


Undicisettembre: How long did it take before it got back to normalcy?

Anthony Agnelli: It never did, until the last month I spent down there when it was pretty much cleaned out. When that happened I was in a narcotics investigative unit in Manhattan, we were basically told “Forget about your cases, forget about doing enforcement. Just go down there every single day till it’s done.” So we worked there all the time. The first week we worked seven days straight, the second week we did six days for three or fours weeks, and then it tapered down to a twelve hours shift five days a week, but that was later on. Then I spent some time at the landfill in Staten Island too.


Undicisettembre: How does 9/11 affect the daily work of NYPD even today?

Anthony Agnelli: Before 9/11 we didn’t have a big anti terrorism investigative unit, our main goal was not terrorism. Now big part of what they do is anti terror stuff, whole units have been formed just to deal with terrorism. But NYPD is very, very unique in a lot of ways: it’s a giant department, we have 40.000 members, so if they changed things up as if they were a small department they would be destroyed, they would not be able to deal with it. Because we had to do patrol, do the things you would do on a normal day and we were able to do that and do the cleanup and switch into an anti terror mode. In Times Square you can see police everywhere with long guns, assault rifles, full body armor; before 9/11 there was none of that.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

Anthony Agnelli: In the beginning there was never one day when I didn’t think about it, up till probably 2015. Every single day I thought about it. I looked up in the sky, saw a plane flying over my house and think about 9/11. If I was barbecuing, or someone next door was, I would smell the smoke and think about 9/11. If I heard loud noises or certain smells, I would trigger the memory of 9/11. Now I still do but I’m slowly putting it in the back of my head; it’s still there, I still think about it because of the many people that are sick from the 9/11 dust, but it’s less negative to me now. And when I talk about it it’s a kind of therapy to me, it helps me.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories according to which 9/11 was an inside job?

Anthony Agnelli: I think it’s ridiculous. It doesn’t make any sense. I listened to them, I read things about them, I have seen videos in which people address these conspiracy theories, but I was there and they weren’t. Most of them are focused on World Trade Center 7, that’s the nexus of conspiracy theories. I know from doing investigations that people would take a little tiny thread and they’ll weave that into a giant sweater.

When you look at the building it looks okay from some of the angles, so they make these stories up but it doesn’t pane out and I know because I was there. I don’t know what the reason for this is, maybe because they want to have some kind of fame or because they are anti government. They live in the United States, but they hate the United States and they want to make it sound like the United States is always doing something bad. But I don’t get insulted by it, I just think it’s ridiculous.


Undicisettembre: What do you think of security today? Is the country safer than in 2001?

Anthony Agnelli: I think it’s safer. But I think they are not doing a good enough job in securing, I think it has become a political thing, that’s pretty sad but that’s what has become. It has become a republican and democrat polarization thing. People are coming into the country, and I think you guys have seen it too in Italy with people coming from Syria and nobody knows who they are and now that they are in your country who knows what can happen. I think Europe opened their ports a little bit more because of what is going on over there.

So I think it’s safer, they made air travel safer, they hardened other targets so that you can’t drive a truck or a car bomb onto them so we made things better but more things can be done at the border to be more vigilant on who we let in the country because that’s probably where the next attack is coming from. We had some attacks already, these little ISIS attacks where they jump in a cheap truck and drive it into a sidewalk and kill a bunch of people, they have done it in Europe too, but it’s a lot safer than it was.

World Trade Center: intervista all'ex detective dell'NYPD Anthony Agnelli

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui.

Anthony Agnelli è un ex detective dell'NYPD che l'11/9 fu inviato sulla scena e arrivo al World Trade Center dopo il crollo della seconda torre. Per raccontarci la sua esperienza di quel giorno Agnelli ha accettato la nostra proposta di un'intervista che offriamo oggi ai nostri lettori.

Ringraziamo Anthony Agnelli per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Ci puoi fare un racconto generale di ciò che hai visto e vissuto l’11/9?

Anthony Agnelli: Ero a casa, al tempo abitavo appena fuori città e sarei andato al lavoro nel pomeriggio perché quel giorno c'erano le elezioni primarie. Quindi avevano mandato tutti a lavorare ai seggi. Mi alzai la mattina e mia moglie mi chiamò al telefono, lavorava in città e stava andando là in macchina, e mi disse di aver sentito alla radio che un aereo si era schiantato contro il World Trade Center. Guardai fuori ed era una giornata bellissima e cercai di capire come fosse possibile che un aereo andasse a schiantarsi contro il World Trade Center in una giornata perfettamente limpida. Immediatamente accesi il televisore e vidi il secondo aereo schiantarsi contro il World Trade Center e a quel punto tutti capirono cosa stesse succedendo.

Appena dopo annunciarono in televisione che tutti gli ufficiali di polizia non in servizio e i pompieri dovevano recarsi immediatamente al lavoro, quindi mi vestii e mi preparai ad andare, salii in macchina e iniziai a correre giù verso la città. Ci arrivai abbastanza velocemente, c'era un bel gruppo di macchine in autostrada di poliziotti e pompieri e mezzi di soccorso che stavano tutte andando alla massima velocità possibile. Quando arrivai sulla scena incontrai un paio di altre persone tra cui il mio tenente. Salimmo su una macchina, passammo appena a destra del World Trade Center e io volli scendere dalla macchina per andare lì. La seconda torre era già crollata. Scesi dalla macchina e mi separai dalle altre persone con cui lavoravo e corsi giù verso il sito, ero a quindici o venti metri da dove si trovava la Torre Sud, e c'era un gruppo di poliziotti che guardavano la pila e non potevamo credere a ciò che stavamo vedendo, era quasi buio nel mezzo della giornata.

Dopodiché provammo a organizzarci in squadre e provammo a capire cosa avremmo dovuto fare e come; praticamente non avevamo strumenti, non avevamo nulla, non avevamo maschere, non avevamo abiti da lavoro. Iniziammo a salire sulla pila e a scavare con le manette tra le macerie cercando di fare un buco. Passammo molto tempo a fare questo. Intorno alle cinque del pomeriggio fu azionata una cellula temporanea per i telefoni cellulari perché mancava la corrente elettrica e il servizio per i cellulari non funzionava nella parte meridionale di Manhattan, quindi immediatamente presi il telefono e chiamai a casa. Mia moglie rispose al telefono e c'era con lei anche mia figlia, aveva 16 anni, spiegai loro dove mi trovavo e dopo un minuto che eravamo al telefono il World Trade Center 7 iniziò a crollare. Tutti iniziarono a correre e la nube di polvere ci investì mentre io ero al telefono con mia moglie e mia figlia che guardavano la televisione, quindi videro il palazzo che iniziava a crollare e mi sentirono iniziare a correre e pensarono: “Oh mio Dio, è in pericolo!”. Sentii le loro urla al telefono mentre correvo via per la strada.

La nube di polvere ci investì con molti detriti. Finalmente tornai al telefono e dissi loro che stavo bene.

Rimanemmo lì fino alle due del mattino, e poi ci dissero di andare a casa, di riposarci un po' e di tornare indietro alle cinque che era folle. I miei genitori vivevano nel Queens che era a circa dieci chilometri dal World Trade Center. Andai là, loro non erano a casa, erano in vacanza, ma andai a casa loro, mi stesi per un paio d'ore, mi alzai, feci una doccia e tornai subito lì.


Undicisettembre: Puoi confermare che il World Trade Center 7 stava bruciando ed era fuori controllo?

Anthony Agnelli: Oh, tutta la parte frontale dell'edificio era stata strappata via; anche se alle volte vedi foto del retro del palazzo mentre crolla e sembra che sia integro. C'era un buco gigantesco nella parte frontale dell'edificio dove una delle torri era caduta e aveva causato un danno enorme. Era tutto il giorno che bruciava. Bruciava dal mattino e i pompieri non stavano neanche tentando di spegnere l’incendio, l'avevano abbandonato per via di tutto ciò che era successo. Non stavano neanche gettando acqua sul fuoco, l'hanno semplicemente abbandonato.


Undicisettembre: Mentre il World Trade Center 7 crollava hai sentito delle esplosioni misteriose?

Anthony Agnelli: No. E la cosa divertente è che appena prima che il World Trade Center 7 crollasse stavamo lavorando in un posto e un capitano arrivò e prese alcuni di noi, circa quindici o venti detective che erano nella mia unità, eravamo in abiti civili; ci disse “Ho qualcosa da farvi fare, venite tutti con me.” Eravamo sulla strada che è proprio di fronte al World Trade Center 3 e lui ci portò fino a un isolato dal World Trade Center 7 e ci disse “State qui, ho qualcosa da farvi fare, torno subito.” Se ne andò e due minuti dopo ero al telefono con mia moglie, circa cento metri da uno dei vertici del palazzo, ero a questa distanza dal World Trade Center 7. Ero al telefono stavo guardando proprio il WTC7 e mi stavo dicendo “Wow, questo palazzo sta per crollare!” i primi piani alla base erano avvolti dalle fiamme. Stavamo commentando tra di noi “I pompieri non stanno facendo nulla per questo palazzo, si sono arresi.”

Un minuto o due dopo ero al telefono e guardavo direttamente il World Trade Center 7, le finestre iniziarono a vibrare e il palazzo iniziò ad ondeggiare leggermente, attimi dopo è crollato. Non ci furono esplosioni ed ero proprio a cento metri.


Undicisettembre: Cosa avete fatto nei giorni successivi?

Anthony Agnelli: Tutti si organizzarono un po' di più, perché nel primo giorno c'era molta poca organizzazione, nessuno aveva un incarico e nessuno sapeva cosa fare; nessuno aveva mai affrontato qualcosa del genere, non avevamo strumenti o niente del genere.

Nel dipartimento di polizia funziona che un sergente ha un ruolino, ci scrive il suo nome perché lui è il supervisore, e prende circa dieci detective o ufficiali di polizia della sua squadra e mette i suoi nomi sul ruolino. Va dal suo superiore, tenente o capitano, e gli dicono “Prendi la tua squadra, vai in questo posto e fai questo.” La seconda mattina fummo organizzati in una squadra con il mio sergente, andammo proprio alla base della Torre Sud e ognuno stava svolgendo l'incarico che gli era stato assegnato. Andammo alla pila, iniziammo a scavare e a cercare oggetti o persone e lavorammo insieme al dipartimento dei vigili del fuoco. Puoi vedere foto di ciò che chiamano la “brigata del secchio” in cui riempiono secchi con macerie della pila che era alta fino a quindici metri in alcune zone; scalavamo la pila fino alla sommità e iniziavamo a scavare passando i secchi avanti e indietro e scaricandoli in strada per poi portarli di nuovo su.

Cercavamo anche di trovare persone, ovviamente non trovammo nessuno. Il primo giorno fu molto più caotico perché nessuno sapeva cosa stava succedendo, c'erano aerei militari che volavano sopra Manhattan, che non succede mai, e le persone si spaventavano a morte.

Molti palazzi attorno al sito furono danneggiati e ci fu molta paura che quei palazzi potessero crollare come il World Trade Center 7. C'erano voci che alcuni di quegli edifici non erano stabili e che li stavano evacuando, le persone correvano via. Mentre i giorni passavano la gente si calmò, per quanto fosse possibile calmarsi, e si organizzò. Iniziammo a fare la “brigata del secchio” e a portare le cose fuori e a cercare sopravvissuti. Trovavamo persone parzialmente sepolte che erano morte, cercammo di disseppellirle e portarle fuori. Accaddero molte cose la prima settimana, facemmo questo per dodici o diciotto ore al giorno.


Undicisettembre: Quanto ci volle prima che la situazione tornasse alla normalità?

Anthony Agnelli: Non successe mai, fino all'ultimo mese che stetti lì, quando era già abbastanza pulito. A quell’epoca ero nell'unità investigativa sui narcotici di Manhattan, semplicemente ci fu detto “Abbandonate i vostri casi, dimenticate il vostro ruolo nelle forze dell'ordine. Andate là tutti i giorni finché non sarà finito.” Quindi lavorammo là tutto il tempo. La prima settimana lavorammo sette giorni di fila, dalla seconda settimana facemmo sei giorni per tre o quattro settimane, e poi abbassiamo a turni di dodici ore per cinque giorni a settimana, ma questo successe più avanti. In seguito passai del tempo anche alla discarica di Staten Island.


Undicisettembre: L’11/9 come condiziona l’attività quotidiana dell’NYPD ancora oggi?

Anthony Agnelli: Prima dell’11/9 non avevamo una grande unità investigativa antiterrorismo, i nostri obiettivi principali non riguardavano il terrorismo. Ora una gran parte di ciò che fanno è antiterrorismo, unità intere sono state formate solo per gestire il terrorismo. Ma l’NYPD è molto, molto peculiare sotto molti aspetti: è un dipartimento gigantesco, abbiamo 40.000 membri, quindi se avessero cambiato le cose gestendolo come un piccolo dipartimento ne sarebbero stati distrutti, non sarebbero stati in grado di gestirlo. Perché dovevamo fare pattugliamento, svolgevamo la nostra attività normale e siamo stati in grado al contempo di pulire il sito e di metterci in modalità antiterrorismo. A Times Square vedi la polizia ovunque con armi lunghe, fucili d'assalto, armature complete; prima dell’11/9 non c'era nulla di tutto ciò.


Undicisettembre: L’11/9 come condiziona la tua vita quotidiana?

Anthony Agnelli: All'inizio non ci fu mai un giorno in cui non ci pensavo, fino circa al 2015. Ogni giorno ci pensavo. Guardavo il cielo, vedevo un aereo che volava sopra la mia casa e pensavo all’11/9. Se stavo facendo il barbecue, o qualcuno nella casa accanto lo stava facendo, sentivo l'odore del fumo e pensavo all’11/9. Se sentivo rumori forti o certi odori, mi scattava in testa il ricordo dell’11/9. Ora mi succede ancora ma lentamente lo sto mettendo nel retro della mia testa; è ancora lì, ci penso ancora per via di tutte le persone che sono malate per aver respirato le polveri dell’11/9, ma per me adesso è meno negativo. E quando ne parlo e terapeutico, mi aiuta.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie del complotto secondo cui l’11/9 è stato un autoattentato?

Anthony Agnelli: Penso che siano ridicole. Non ha alcun senso. Li ascolto, leggo le cose che scrivono, ho visto i video in cui le persone discutono queste tesi della cospirazione. Ma io ero lì e loro no. Molte sono concentrate sul World Trade Center 7, è il punto cruciale delle teorie del complotto. So per aver fatto delle indagini che le persone possono prendere un piccolo filo e tesserlo in un maglione gigantesco.

Quando guardi il palazzo sembra che sia integro da alcune angolazioni, quindi creano queste storie ma non hanno senso e io lo so perché ero là. Non so perché lo facciano, forse perché sono in cerca di fama o forse perché sono antigovernativi. Vivono negli Stati Uniti, ma odiano gli Stati Uniti e vogliono far sembrare che gli Stati Uniti facciano sempre qualcosa di malvagio. Ma non mi offendono, penso solo che siano ridicole.


Undicisettembre: Cosa pensi della sicurezza oggi? Credi che la nazione sia più sicura oggi rispetto al 2001?

Anthony Agnelli: Credo che sia più sicura. Ma non credo che stiano facendo un lavoro sufficiente nella sicurezza, penso che sia diventata una cosa politica ed è abbastanza triste che sia diventato così. È diventata una cosa da repubblicani contro democratici. Le persone arrivano in questa nazione, e credo che anche voi lo vediate in Italia con persone che arrivano dalla Siria e nessuno sa chi sono e ora che sono nella vostra nazione nessuno sa cosa possono fare. Credo che l'Europa abbia aperto i propri porti un po' di più per ciò che sta succedendo là.

Quindi credo che sia più sicura, hanno reso i viaggi aerei più sicuri, hanno irrobustito la sicurezza su alcuni obiettivi in modo che non puoi prendere un camion o un autobomba e andare a schiantartici, quindi abbiamo reso la situazione migliore ma c'è altro che possiamo fare ai confini per essere più attenti su chi facciamo entrare nel paese perché probabilmente il prossimo attacco verrà da lì. Abbiamo già avuto alcuni attacchi, questi piccoli attacchi dell'ISIS dove prendono un furgone a basso costo e lo guidano contro un marciapiede uccidendo un po' di persone, l'hanno fatto anche in Europa, ma credo che sia molto più sicuro di allora.

2019/05/10

Aimen Dean - Nine Lives: My time as the West's top spy inside al-Qaeda

di Hammer

Nel 2018 è stato pubblicato il libro intitolato Nine Lives: My time as the West's top spy inside al-Qaeda, autobiografia dell'ex miliziano di al-Qaeda, e collaboratore dell'MI6, noto come Aimen Dean. L'uomo è nato in Bahrein nel 1978 e trascorse i primi anni della propria vita in Arabia Saudita. A quindici anni partì per la Bosnia dove si unì alla jihad per la prima volta, assistendo più volte ai massacri compiuti dai jihadisti sui prigionieri di guerra.

Dopo aver lasciato i Balcani, Dean si unì ai campi di reclutamento di al-Qaeda in Afghanistan dove conobbe Osama bin Laden, di cui ricorda le doti di leader e le capacità di convincimento, e Khalid Sheikh Mohammed che in seguito sarebbe diventato l'ideatore e pianificatore dell'11/9. Durante il periodo trascorso in Afghanistan, Dean assistette di persona alla conquista di Kabul da parte dei Talebani e degli scontri di questi ultimi con l'Alleanza del Nord guidata da Ahmad Shah Massoud, che verrà ucciso in un attentato due giorni prima degli attentati contro le Torri Gemelle e il Pentagono. Dean assistette anche varie volte agli esperimenti di al-Qaeda per la predisposizione di armi chimiche che vennero testate sotto ai suoi occhi su animali che vide morire tra atroci sofferenze.

La brutalità della jihad provocò sempre più dubbi in Aimen Dean, che decise di lasciare definitivamente al-Qaeda dopo gli attentati contro le ambasciate americane in Kenya e Tanzania nel 1998. Pochi giorni dopo sopravvisse ai bombardamenti americani contro alcuni campi di addestramento di al-Qaeda in Afghanistan banalmente perché si trovava a una latrina ai confini del campo durante l'inizio degli attacchi.

Con la scusa di un controllo medico Dean riuscì a scappare in Qatar, da cui fuggì verso il Regno Unito, dove prese contatti con l'MI6 diventando così uno dei più importanti informatori dei servizi segreti occidentali.

Dean iniziò quindi per un lungo periodo a viaggiare tra il Bahrein, Londra e Afghanistan, unendosi a cellule terroristiche e riportando le informazioni acquisite all'MI6. Nel 1999 la Russia attaccò militarmente i separatisti ceceni come rappresaglia a seguito di attentati dinamitardi contro palazzi abitativi a Mosca e Volgodonsk. Dapprima l'MI6 temette che gli attacchi in Russia fossero un false flag ordito dal governo per giustificare i bombardamenti contro i ceceni, ma grazie alla presenza di Dean nei gruppi jihadisti l'intelligence dl Regno Unito ebbe invece la certezza che si trattò di un vero atto terroristico.

Pochi giorni prima dell'11/9 Dean riportò di aver sentito Osama bin Laden promettere imminenti attacchi contro obiettivi americani, tuttavia le informazioni furono molto vaghe e Dean pensò sulle prime che si trattasse di nuovi attentati contro sedi americane in Africa o in Asia. Del resto, aggiunge l'autore, le informazioni sulla natura degli attentati erano così riservate che anche i muscle hijacker conobbero i dettagli solo pochi giorni prima. In seguito all'11/9 Dean collaborò a sventare una nuova catena di attentati, come un attacco chimico contro la metropolitana di New York e un attentato contro la flotta americana nota come US Fifth Fleet in Bahrein.

Aimen Dean fu costretto a lasciare al-Qaeda quando nel 2006 la presenza di un importante fonte di informazioni per l'intelligence all'interno di al-Qaeda fu rivelata nel libro The One Percent Doctrine del giornalista Ron Suskind. Nonostante il libro contenga molti errori, ad esempio dice che la fonte lavorava per la CIA anziché per l'MI6, la descrizione di Suskind rendeva Dean perfettamente identificabile. Dean si dice sicuro che l'MI6 non abbia rivelato a Suskind alcuna informazione; l'ipotesi più probabile, che l'MI6 spiegò a Dean, è che dopo che l'MI6 stesso informò la CIA di avere un collaboratore in al-Qaeda, l'agenzia americana lo avrebbe rivelato alla Casa Bianca e qualcuno nello staff presidenziale lo avrebbe riportato a Suskind. Dean iniziò quindi un nuovo lavoro come consulente sulle condizioni dei paesi arabi per un gruppo bancario internazionale.

Dean chiude il proprio volume con un capitolo di considerazioni sulle guerre intestine al mondo islamico, sulla guerra in Siria e sulle differenze di scopi e di mezzi tra al-Qaeda e l'ISIS. In ultimo, conclude Dean, per sconfiggere il terrorismo islamico servono sicuramente interventi militari e intelligence occidentali, ma anche il mondo islamico stesso dovrebbe impegnarsi maggiormente nell'isolare i fomentatori di odio.

Quella di Aimen Dean non è certamente l'unica autobiografia di un informatore dei servizi segreti sul mondo della jihad; ma a differenza di altri come Omar Nasiri o Morten Storm, Dean conobbe bin Laden di persona e diede un contributo ineguagliato agli investigatori occidentali. Nine Lives è quindi una lettura fondamentale per chiunque voglia capire come funziona il terrorismo islamico, e soprattutto per chi crede che al-Qaeda non esista e sia un'invenzione della CIA, perché la testimonianza di Dean smentisce alla radice questi folli vaneggiamenti.

2019/04/15

Pentagon: an interview with former NCIS agent Craig Covert

di Hammer. An Italian translation is available here.

Craig Covert is a former NCIS Special Agent who was deployed to the Pentagon a few days after 9/11 as a first responder. To discuss the events of that day and the following months, Craig Covert accepted our proposal for an interview which we are offering our readers today.

We would like to thank Craig Covert for his availability and willingness to help.


Undicisettembre: Can you give us a general account of what you saw and experienced on 9/11?

Craig Covert: On 9/11 I was a Special Agent with the NCIS, the Naval Criminal Investigative Service, in Washington DC. That morning, I was visiting the Israeli Embassy in Washington DC in preparation for the arrival of a Official dignitary from Israel the following morning, September 12th. While we were there, the Israeli Embassy chief came into the room and asked “Have you seen what happened? A plane just crashed into the World Trade Center.” My fellow coworker from NCIS and I watched the news in the embassy and when the second plane hit, we knew the dignitary visit was going to be canceled and that we had to get back to work immediately.

I don’t recall if the Pentagon was hit before or after we left the embassy, but it was on fire as we headed back to work. We headed straight back, knowing that we were likely going to be sent to the Pentagon to be on site for whatever was to come.


Undicisettembre: What happened in the next days?

Craig Covert: As law enforcement Special Agents, we knew we were going to be involved in one way or another. When we got back to the office there was mass confusion both in the office and in reality, throughout the entire DC government. It didn’t matter whether you worked for the FBI, NCIS, secret service; everybody was terribly confused. We didn’t know how to react, as there were still reports of other possible aircrafts in the air. We were all just scrambling to try and figure out what to do next. More importantly, we knew we had to go to the Pentagon because of our profession as NCIS agents and our connection to the military, since we work for the Department of the Navy.

NCIS has a very robust crime scene response team, and the team was assembled quickly. Pretty much all of the team members were sent to the Pentagon, not knowing initially what we were going to be doing. Regardless, we were already on stand-by until it was determined by higher powers what needed to be done and what our job was going to be in the aftermath of the crash.


Undicisettembre: What happened once you were sent to the Pentagon?

Craig Covert: I was sent to the Pentagon about three days later because there was nothing we could do as investigators until the fires were put out in the building. We tried to figure out a plan on what to do, but the government was in complete confusion. We had agents standing outside NCIS headquarters in the first few days with machine guns in case there was another attack on the facility. Nobody really knew what to do or if there was more coming. So it took three or four days for the agency to come up with a plan.

Once we, initial responders, were sent to the Pentagon, we met with all of the other various federal agencies, state and local law enforcement agencies, rescue squads, and Fire Departments that were all responding to the Pentagon crash scene. For the first six or seven days it was still too unstable to go inside. The fire department was in charge of putting out the fires and shoring up the building in the damaged areas so the first responders could enter the building and conduct recovery efforts. Initially, the Fire Department personnel were the only ones conducting rescues and body recovery, but everyone quickly realized that there weren’t going to be many if any survivors found once the fires were put out. Most of the survivors had gotten out on the first day. From the aircraft itself, there were no intact bodies, just pieces. In addition to the aircraft victims, there were some Pentagon employees that were killed, and most of them were retrieved once the Fire Department had put out the fires and agents on the different search teams started combing through the crash scene. Our team began going into the building roughly a week after 9/11, intending on doing search and rescue, but it was more or less simply body recovery, as no one survived the crash itself, and any employees inside the building anywhere near the impact site were clearly dead. The recovery effort quickly turned into an effort to collect evidence and other items from the scene.

Once everybody was aware there were going to be no other survivor found, we started focusing our search for human remains, wreckage pieces, anything possibly related to the incident like knives, box-cutters, or things like that which could help prove what the news had already started to presume in their reporting - that the hijackers perhaps used box-cutters and knives during their on-board attacks. Our mission was to retrieve the human remains first and foremost, and after that it became a recovery of items.

I was on a day-shift team; there were hundreds of agents and first responders at the Pentagon, all were law enforcement, fire and rescue or government employees of one sort or another. The NCIS personnel were divided into two teams; I was one of two day-shift team leaders, with Erin Betro serving as the second team leader. My team consisted of roughly a dozen agents from NCIS, OSI, and a few active duty military personnel.


Once the fires were out, there was no way we could continue to go into the building and stay safe, as it was too dark and dangerous inside the building to do a practical recovery of parts and evidence. I assume it was the FBI Command Center, which was in charge of the overall effort, who determined that the best way to handle it would be to bring in bulldozers, excavators and dump trucks. The plan was to scoop the rubble from the impact site into the dump trucks and move the rubble from the building to the Pentagon’s north parking lot, which was on the opposite side of the impact area when looking at the Pentagon from above. The trucks would dump the rubble into what we all called the rubble pile.

Hourly, teams would go through the rubble pile and begin clearing their individual piles. How effective each team was, I’m not sure, as other agencies have different training in conducting crime scene exams, and perhaps are not as thorough as NCIS when searching through the minutia. Regardless, before any rubble pile was searched, ATF would send in bobcats (front end loaders) to knock down the rubble pile, after which we would drag by hand or by machine all the desks, ductwork, large concrete pieces, rebars and building remnants, thus leaving only the smaller rubble and personal effects behind. Everything was wet from the days of putting out fires, and it truly was a messy job. Initially we were searching by hand for body parts, using hand rakes and shovels to assist us, but eventually the body parts started to rot and we had to bring in cadaver dogs to go through the pile and assist us with finding the human remains, as it became impossible to pinpoint where the smell was coming from. In addition to human remains, we were searching for personal effects of the airplane passengers and the Pentagon employees who were killed, such as wallets, pictures, keys... anything that we knew were personal effects belonging to the victims.

We were also tasked with looking for classified material. The plane struck a part of the Pentagon that housed a SCIF, a secured site holding classified material, so thousands of classified documents were scattered all over the place. NCIS in particular was very concerned with that information getting out, so one of our primary concern was gathering up as much of the classified material that was scattered among the debris and wreckage that we could. Unfortunately, few law enforcement agencies besides NCIS and OSI knew what to look for in order to identify the documents that were classified. I have a feeling a lot of highly classified and sensitive materials may have ended up at the landfill.

Of course, we were also looking for any airplane pieces or parts, pieces of the fuselage, and anything that we found would be gathered up and separated. Lastly, we were looking for any sort of weapons, knifes or box cutters that might be in the rubble pile. We raked through the piles with hand-rakes after the cadaver dogs went in to find the victims; we went through each pile multiple times till we were certain that we had cleared the pile of those items: the body parts, the personal effects, classified materials, airplane wreckage and any potential weapon, before the remaining rubble was scooped back up and placed into the dump truck and taken off for disposal.

That’s what we did for six weeks straight, twenty-four hours a day. Before we started removing the rubble out of the Pentagon to the North Parking lot, we were spending sixteen hours per day on scene, but eventually we got into a groove and a normal work schedule developed after which we worked 8 hour daily shifts. By the third week, we were no longer dressed in our simple work clothes. We were wearing full tyvek protective gear, masks and HEPA filters because not only had the body parts started to rot, but there were carcinogens and asbestos in the building material itself, which were dangerous and hazardous to health. Initially wearing just jeans and boots, we all ended up dressing out in what looked like space suits, basically, for the recovery efforts.

Eventually after six weeks at the rubble pile, the scene was declared complete and we wrapped things up. At that point it became a salvage effort and was turned over to construction crews to at least temporarily patch up parts of the Pentagon before they could do the rebuilding process. I don’t know if the FBI or other federal agencies like the Pentagon Force Protection Agency stayed on scene or what else occurred after we left.


Undicisettembre: Can you confirm the black box of American Airlines 77 was found by NCIS?

Craig Covert: It was found during the night shift by what I believe was one of our NCIS teams. My friend and coworker who was with me at the Israeli Embassy on 9/11, Special Agent Greg Huska, was the person whom I recall said his team found the box. Like my team, it was a mixed agency team. There were NCIS agents, OSI agents and military personnel. All I know for sure is it was found by the night shift team and some of the NCIS agents were bragging about it, but I don’t know who specifically found the black box.


Undicisettembre: Was anyone having doubts that a plane had hit the Pentagon?

Craig Covert: No. Absolutely not. The Pentagon is located adjacent to the Arlington International Cemetery; the plane came in so low that it actually sheared off some of the light-poles that line the highway. There was a cab driver on whose car one of the light-poles landed on after the plane clipped it only a couple hundred yards from the point of impact. The plane hit the Pentagon so low that it left a hole in the outer ring and unbelievably part of the upper floors on a couple of the inner rings were still intact, almost creating what appeared to be a bridge above the impact site. Since the top floor was still intact above the impact hole, it was a danger to us because it was unstable and could potentially collapse. Someone brought in a crane in and knocked it down so we could go in there safely to remove the rubble.

But there was no question and no doubt in anyone’s mind that a plane had hit. Initially there were airplane pieces all over the area between the Pentagon and the highway. There were wheels, the landing gear, and even large chunks of fuselage with windows still visible. Thousands of pieces of aircraft fuselage aluminum shards littered the area. The unmistakable smell of JP-4 or JP-5 jet fuel was ever present for several weeks. So, no. There was no doubt in anyone’s mind what had happened.

On our very last rubble pile my team worked, I personally saw the throttle controls for the plane. They were in that pile. When we recovered human remains, they were usually no bigger than your hand: a finger, a piece of shoulder, a chunk of meat. The cadaver dogs went through and recovered 95% of the human remains, but occasionally you would find human remains while raking through the pile. You would pick something that would look like wet cardboard, because everything was wet and dirty from all the ash and water inside the Pentagon. While washing off the dirt, you would see hair and skin pores and realize the wet cardboard you thought you had found was someone’s skin. I found several human scalps and in one of the scalps was an airline flight attendant’s name-tag stuck in the hair. It’s hard to refute that came from an aircraft victim. We also found pieces of the pilot’s seat cover and the airplane’s throttle controls; my team retrieved those items the last week we were there. There was no mistake: a plane hit the Pentagon.


Undicisettembre: Years after 9/11 you were also sent to Afghanistan. What was your duty there?

Craig Covert: That was a separate duty. During most of my law enforcement career, I was also a Marine Corps reservist. During a military duty drill weekend, I was approached by a Superior at Camp Lejeune who asked “Hey, you are an agent aren’t you? You speak ‘special agent’, you speak ‘law enforcement’ don’t you? We need a liaison officer to the Drug Enforcement Agency, the DEA, in Afghanistan. Are you interested in deploying?” So that’s how I ended up in Afghanistan, coordinating anti-narcotics operations in Afghanistan with the DEA and the Marine Corps.


Undicisettembre: How did 9/11 affect the daily work of NCIS?

Craig Covert: It radically changed not just the way NCIS conducted its business, but law enforcement overall. NCIS became much more anti-terrorism centric. We started developing high risk operational teams to do everything from protection details to counter-intelligence details, be that against foreign intelligence services or potential terrorists against the United States. We got involved with the FBI’s Joint Terrorism Task Force around the country, and I was even assigned to a JTTF in Hawaii for two years. So the agency became much more involved with the anti-terrorism efforts both domestically and internationally in conjunction with other agencies. Everyone changed their methodology. NCIS has agents at home, or who are stationed overseas, and even those on-board aircraft carriers; all of us faced radical changes in the ways we conducted law enforcement post 9/11.

Things just changed, new groups formed to address counter-terrorism, new positions were created. It changed us but it changed everybody in federal law enforcement.


Undicisettembre: What do you think about conspiracy theories according to which 9/11 was an inside job?

Craig Covert: I just have to laugh. As a JTTF agent I was seeing information and threat reporting that the public doesn’t get to know or hear about. They have no idea of the real threats the United States faces on a daily basis. And when I hear about the conspiracy theorists who have no basis behind their thought process, I shake my head. They don’t work for agencies with access to this kind of information and are not privy to information that I have seen or that other federal agencies have seen or investigated. They are entitled to their misinformed and misguided decisions and opinions, but they are not based in reality. The reality is that there are people out there who want to kill us, who want to destroy the western way of life and it’s going to stay that way for the near future. All we can do is try and combat it, whether it’s behind the scenes without the public’s knowledge or in the open, before it reaches our shores again.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your personal life even today?

Craig Covert: It made me more aware of the threats we face, particularly after being assigned to the JTTF the following year. It certainly made me aware that there’s much more that we, as federal law enforcement, do behind the scenes to thwart potential threats against the United States. It made me more aware of how much is going on to protect our own safety and to thwart the daily threats against our citizens than I would have ever known before 9/11. I never previously realized the level of threat we face. Most intelligence is only looked at or known by a small selected group of people in the intelligence community, the White House or high levels of government. But now that we are post 9/11, and many more agencies are involved in the effort to thwart terrorism, we are on better ground to combat those daily threats we face. The public may never be made aware of it, but these are dangerous times. Thank God for our law enforcement and intelligence communities.

I didn’t have children back then, and at that time, I considered it the crime scene of a lifetime to be involved in. However, looking back on the matter, and considering I now look at it through the lens of a father, I can see how people with children were emotionally scarred. We had several agents who developed post traumatic stress disorder, so I know a lot of people were affected personally. I wouldn’t say I was affected personally, but again, it opened my eyes to the threats we face on a daily basis.