2021/10/14

Afghanistan and the second rise of the Taliban: an interview with former NCIS agent Craig Covert

by Leonardo Salvaggio. An Italian translation is available here.

Since last August the Taliban are back in power in Afghanistan after the US withdrew their troops. To understand what happened and why, we invited former NCIS agent Craig Covert for an interview; Covert is also a Pentagon responder and we made a first interview with him about 9/11 a few years ago.

We would like to thanks Craig Covert for his kindness and help.





Undicisettembre: Would you like to tell us something about your mission to Afghanistan? What role did you have and what were the most striking aspects of Afghanistan back then?

Craig Covert:
In 2011, I was deployed with the Second Marine Expeditionary Force, or II MEF (Fwd), to Kabul, Afghanistan, where I was assigned as the United States Marine Corps Liaison Officer to the Drug Enforcement Administration. Not many people were aware that the DEA had a field office in north Kabul aboard a small Afghan compound just several miles from the Kabul International and military Airport. DEA’s mission was to train and mentor Afghan counter-narcotics police, known as the NIU or National Interdiction Unit, as well as Afghan investigators from the Special Investigations Unit, or SIU. Though mentored and trained by the DEA, NIU and SIU were Afghan led and run, reporting to their own Afghan chain of command.The DEA agents in Kabul were similarly supervised by their own executives, and despite working in close proximity with the NIU and SIU daily, lived in a separate compound housed within the larger NIU/SIU base. This location was ideally situated to give the DEA and NIU/SIU teams independence of movement, by virtue of their separation from the larger, bureaucratic coalition forces situated at the airport, the Embassy and the various US military FOB’s (forward operating base) in Kabul.

As you well know, the Taliban funded many of their operations through the export and sale of illicit opium products that were produced in the poppy-fields of Afghanistan, mostly growing in the provinces of Kandahar and Helmand to the south.As such, the NIU and SIU were learning not only how to identify and dismantle large, well-run drug labs, but also how to conduct complex drug investigations and how to cultivate informants and utilize technology in the exercise of those operations.Drug investigations can be highly complex, especially when targeting the dangerous drug networks that were spread throughout the provinces.

DEA utilized and deployed small strike force teams in the various Provinces, and were almost always embedded with a larger U.S. or coalition military unit. The strike force teams were manned by a small team of DEA agents who trained and mentored squad-sized units of NIU paramilitary troops. Often, the existing military units in a particular area were already aware of drug labs in the vicinities of their patrols or operations and were eager to embed the DEA/NIU teams into their patrols to handle not only drug lab encounters, but also to sweep up and arrest high profile drug targets who were identified during operational planning. DEA was far more directly involved in the on-ground military operations than most U.S. civilian organizations, as they embedded directly with Marine Corps and Army units.

As the liaison to the DEA, it was my job to coordinate and de-conflict DEA operations in Helmand Province, where the Marines of II MEF (Fwd) were living and operating. As the Province with the most active drug operations and investigations in the 2011/2012 timeframe, DEA recognized a need for having an on-ground Liaison Officer who could introduce a law enforcement perspective during military operational planning events. The military understood the rule of law, as dictated by their chain of command, but few career military planners had any understanding of drug investigations; the legalities of search and seizure; or the utilization of pen registers, trap and trace operations or informants.

Weekly, I would fly to Helmand to meet with the C-3 Operations cell and coordinate in the planning of operations against the Haqqani drug network, a major source of Taliban funding. As such, the Marine Corps was very interested in suppressing the drug trade in Helmand, knowing every dollar obtained by the Taliban through the export and sale of opium would be used to purchase another bullet that would potentially be aimed at US Marines.


Undicisettembre: The next inevitable question is, was what happened in the last weeks and months the only way to end this war? Was this the only inescapable conclusion?


Craig Covert:I believe the situation that occurred this summer was preventable, but only had the U.S. and her coalition partners maintained an indefinite presence in Afghanistan.History has proven that no matter how well-armed and financed an occupying force is, the will of the Afghan people will always outlive the perseverance of the military force attempting to tame them. The British attempted to colonize Afghanistan in the 1800’s and suffered miserably during the Anglo Afghan wars.In 1979, the Soviet Union conducted an invasion of Afghanistan that eventually led to a withdrawal and absolute failure, eerily similar to ours. It is often referred to in Russia as “the Soviet Union’s Vietnam.”

While we could have stayed and continued to fund and maintain the Afghan National Army (ANA) indefinitely, there was no political will to do so within the Biden Administration. The high financial cost has always been a lightning rod within the US Congress, and after 20 years, many Americans and politicians alike felt it was time to bring our troops home. Unfortunately, the President appears to have conducted a premature withdrawal that was clearly not in line with the recommendations of his most senior military advisors. The failure was exemplified with the unexpected withdrawal of US forces from Baghram Airbase under the cover of darkness, with troops leaving behind millions of items. They included everything from insignificant bottles of water, MRE’s and office furniture to hundreds of armored vehicles and thousands of civilian vehicles.

One could easily argue the beginning of the end actually goes back to 2014 when US forces turned over the massive forward operating base in Helmand Province, or “Camp Leatherneck”, to the ANA. Although the ANA technically took possession of the base, Leatherneck remained mostly deserted, as well as looted, thus leaving large swaths of land in the Province open to the return of the Taliban. To the east, the forward operating base in Khandahar slowly downsized and eventually closed her doors in 2021, leaving the entire southern region occupied by poorly led ANA forces with a minimal footprint.It came of little surprise that the Taliban quickly filled the vacuum created by the disappearance of coalition troops, and much like US politicians, the ANA had no will to continue the fight against them. As the Taliban presence grew, the provinces slowly returned to their old ways of life, plowing under the western-recommended wheat and cultivating new poppy fields. With the poppy, the Taliban once again had a steady source of income with which to finance their militias.

The hasty withdrawal of forces from Kabul absolutely emboldened the Taliban, who conquered Province after Province with lightning speed. All of the warning signs were there, but apparently those in charge of the Pentagon and the White House were asleep at the helm.Despite gathering at the outskirts of the city, I do not believe the Taliban would have entered Kabul had American personnel remained. Unfortunately, American politicians have no stomach for war. They only see diminishing polling percentages and short-lived careers in their current jobs. Today, American exceptionalism is measured in votes, nothing more. Hence, an immediate, unexpected and hastily conducted withdrawal was executed.Without an administration that was willing to sacrifice for the good of the Afghan government and her people, it was an inevitable conclusion.


Undicisettembre: Let's set the point straight on who made the worst mistakes on this: was it the previous administration by signing the peace deal with the Taliban or the incumbent one by withdrawing from Afghanistan so fast?

Craig Covert: Blame lies partially with both administrations, although it was indeed President Biden who made the ultimate decision to pull all troops out of Afghanistan.While it is true that President Trump started the downfall by signing the Doha Agreement with the Islamic Emirate of Afghanistan(Taliban), it can be argued that the agreement with a group that is not officially recognized by the United States cannot be considered valid and can, as a matter of record, be invalidated for good cause.

Many believe that had President Trump still been in power, he would have maintained a nominal presence of troops at KIA, if only to protect our military interests, assets and civilians still living in Kabul. What could have or would have happened had Trump been reelected will never be known, but what cannot be denied is which President ordered the actual that occurred in 2021.

President Biden had an opportunity to escape from the Doha agreement based on the failed Afghan peace talks, but for whatever reason, he chose not to do so.Unfortunately, President Biden was the Commander in Chief when the decision to withdraw was made. Therefore, the blame must rest with him and those General’s who failed to argue against his decision.It should be noted, however, that even General’s cannot make the decisions for POTUS – they can only advise. Ultimately, it is the civilian Commander in Chief – namely the President of the United States, who makes the call.

Recently, US Defense Secretary Lloyd Austin and Generals Mark Milley and Kenneth McKenzie, the Chairman of the Joint Chiefs of Staff and the Commander of Central Command respectively, all reported President Biden had been given recommendations to leave between 2,500 and 4,000 American troops on-ground. While America certainly had the military might and technology to keep the Taliban at bay and from taking over Kabul, at least for the short term, the President’s politically charged short-sightedness clearly led to the Taliban quickly taking Kabul. The President failed to grasp what nearly every military man and woman who’d served in Afghanistan already knew –if we left Afghanistan in the hands of the ANA without our support, they were doomed to fail.


Undicisettembre: How come the Afghan army collapsed so fast?

Craig Covert: There were many issues leading to the collapse of Afghanistan, with far too many to list. However, I will touch on a few.First, Afghanistan was never a country to be conquered by a foreign invader, for it isn’t a “country” in the sense that we as westerners think of a country. There is little to no sense of national unity. Afghanistan is truly a conglomeration of tribes and warlords, peasants and politicians, most of whom will fight for their tribe or clan before fighting for their government. Their true loyalty lies with the tribe, clan and group, not the capitol or political leadership. One may speak Pashto or Dari, or one of a dozen different dialects.In fact, Pashtun nationalism is believed to be as great as, if not greater than, political nationalism. This very real lack of national identity creates walls when soldiers and politicians from your country’s ruling government cannot even speak the same language as you or your neighbors. How can one expect national programs to work when dictated by one tribe or clan to another? It doesn’t. As with a lack of national identity, the value of western styled democracy falls on deaf ears throughout the provinces. One cannot introduce a constitutional republic, complete with its western business opportunities and expectations to be accepted by an Afghan national overnight, considering the history of Afghanistan. Westernization is a foreign concept to most Afghans, just as the 1700’s Samurai leadership of Japan would be unfathomable to Americans today.

Corruption within the civilian and military leadership was certainly a factor in the collapse of Afghanistan. We empowered warlords to garner provincial cooperation; we overlooked bribery among politicians; we allowed the Afghan government to by-pass safeguards against the smuggling of cash from Afghanistan to neighboring countries.For every pair of boots we gave to an Afghan Commander for his troops, a certain percentage ended up at the local bazaar, often sold by the Commander himself, with troops showing up to formation in slippers and sandals.Corruption was and remains wide-spread and a lack of will, combined with the lack of resources, to stop the corruption simply led to a deteriorating system of government that would never stand on its own for very long.

The collapse of the ANA itself was always on the mind of every soldier or Marine who had served with them. While there are certainly exceptions, most troops had little confidence in the abilities and the capabilities of the ANA, many of whom were illiterate, poorly educated, or who simply failed to show up for duty at specified places and times. The biggest worry among US forces was the tepid will of the average soldier, which seemed to come and go with no apparent reason beyond how hard the soldier was pushed or how difficult his mission was presumed to be.

There is an old adage that goes something like this:“Give a man a fish, he eats for a day. Teach a man to fish, he eats for a lifetime.”There couldn’t be a better explanation for the ANA’s failure. The US and our partners spoon-fed the ANA, day in and day out, for twenty years. We provided them with resources; we effectively paid their salaries. We allowed the ANA to place incapable and ineffective leaders within their ranks without saying anything for fear of offending them. We provided all logistical resources and combat equipment used by their units, from uniforms to small arms and vehicles. The ANA never took true “ownership” of their end-item equipment when it came to maintenance and caring for that equipment. American service members are expected to master their military occupational specialties and become experts in their field after the first three years of their enlistment, which results in advancement in rank and responsibility. Yet somehow, despite giving the ANA twenty years worth of training and equipment, they mastered little. It all boiled down to dependency. As long as US and coalition forces provided the beans, bullets and band-aids, maintained the vehicles and weapons and babysat the ANA on every patrol and route reconnaissance, the ANA would stay nothing more than a uniformed group of individuals who collected a semi-reliable paycheck, but were ineffective on their own as a fighting force. This became apparent when the ANA quickly laid down its arms at the first hint of an oncoming Taliban offensive. We created a monster that all of the money in the world couldn’t fix.


Undicisettembre: As far as you know are the Taliban in possession of American vehicles and weapons? If so, how come that happened?

Craig Covert: Absolutely!It only takes a quick search on YouTube, social media or any reputable online news agency to find dozens of videos proving US assets fell into the hands of the Taliban. Uniforms, armor, radios, vehicles, trucks, armored personnel carriers, munitions…. the list is endless.Naysayers will state that US troops ensured that the armored vehicles and aircraft at KIA were disabled before the pullout, and that may be true, but those actions have no bearing on the thousands of vehicles, the tens of thousands of weapons, nor the millions of rounds of small ammunition that were captured by the Taliban from surrendering ANA forces who simply dropped or handed over the equipment without a fight.The withdrawal of US forces from Afghanistan has effectively outfitted the Taliban with enough gear and weaponry to become a formidable military force that we will one day have to face on the battlefield.


Undicisettembre: The Taliban are somehow presenting themselves as more modern and maybe more moderate than before. In my opinion they are just faking it and they will prove themselves as violent as they were in the 90s. What do you think, are they somehow reliable in this case?

Craig Covert: The Taliban have proven themselves dishonest and disingenuous and were not in power for more than several weeks before showing their true colors. Barbershops can no longer cut men’s beards or play music.Convicted “prisoners” (for what crimes we may never know) have been strung up beneath cranes and displayed throughout Kabul. Women have been denied schooling and are being segregated from men throughout the city. Interpreters and others who worked for or alongside the US and former Afghan government have been hunted down and executed. The short answer to the question is apparent - the Taliban have never been reliable or truthful and will certainly mimic the fundamentalist savagery they displayed 2 decades ago.


Undicisettembre: One important difference that I see with respect to the past is that while the Taliban used to be allies with al-Qaeda, now ISIS Khorasan is their enemy therefore they probably won't allow the terrorists to build and run their bases. What do you think of this? Can this be an important difference?

Craig Covert: Certainly there will be factions of terrorist organizations in Afghanistan who consider other radical Islamist organizations their enemy, even if both consider the US their common enemy. It would be naïve to think that ISIS-K would submit to the Taliban and vice versa, as both wish to assume power within the country. Much like the divide between the Shia and Sunni in Iraq, or for that matter, the divide between ISIS Iraq and the Iraqi Government, Islam alone will not be enough to bring ISIS-K and the Taliban into partnership. I believe the US and her allies will continue to covertly target elements of ISIS-K in the near future should they exhibit any threat toward western civilians in Afghanistan, with the inevitable targeting of Taliban forces should they continue to tamp down on the freedoms of the Afghan people. I do not believe it will be long before we see the Taliban’s first offensive movement against groups of westerners still remaining within her borders.


Undicisettembre: Isn't it unfair to say the war was lost by the US? I mean, the reason why the US went to Afghanistan was to destroy terrorists' bases, which they did and another 9/11-like attack is now unlikely. What do you think?

Craig Covert: The last war won by the US was World War II. America withdrew her forces from Korea following the signing of the Korean Armistice in 1953. America left Vietnam following the signing of the Case-Church Amendment in 1973, officially ending US involvement. This resulted in the failure of the Paris Peace Accord and the eventual capture of Saigon. Since that time, America has done a great job winning battles, but winning wars has become a lost art. Some will argue that America and her allies “won” Desert Storm (the Gulf War), but Saddam Hussein remained in power and the war was reignited only a decade later.

It was not unexpected that once again, American politicians would bow to the will of the people (aka: the power of the vote) and withdraw her forces from Afghanistan.What was unexpected by most was the manner in which it was done and the speed of the withdrawal. In my opinion, it was done without forethought and thorough planning; in haste and with reckless disregard for the interpreters and Afghan civilians who’d previously assisted US forces.

We left before credible governance was accepted by her own people. We left an Afghanistan that was either unable, or perhaps unwilling to save itself from the Taliban.

Afghanistan e il ritorno al potere dei Talebani: intervista all'ex agente dell'NCIS Craig Covert

di Leonardo Salvaggio. L'originale inglese è disponibile qui.

Dallo scorso agosto i Talebani sono tornati al potere in Afghanistan, dopo il ritiro delle truppe americane. Per capire cosa è successo e perché abbiamo invitato per un'intervista l'ex agente dell'NCIS Craig Covert: Covert è stato anche un soccorritore dell'attacco al Pentagono e alcuni anni fa abbiamo già fatto un'intervista con lui sull'11/9.

Ringraziamo Craig Covert per la sua cortesia e disponibilità.





Undicisettembre: Ci racconti qualcosa della tua missione in Afghanistan? Che ruolo avevi e quali erano gli aspetti più importanti dell'Afghanistan di allora?

Craig Covert:
Nel 2011 sono stato inviato con la Second Marine Expeditionary Force [forza aeroterrestre dei Marines composta principalmente dalla seconda divisione, NdT], altresì detta II MEF (Fwd), a Kabul, in Afghanistan, dove avevo il ruolo di Ufficiale di Collegamento del Corpo dei Marines con la Drug Enforcement Administration. Non molti sapevano che la DEA aveva un ufficio sul campo a nord di Kabul, in un piccolo compound a pochi chilometri dall'aeroporto internazionale e militare. La missione della DEA era quella di addestrare e fare consulenza per la polizia antidroga afgana, nota come NIU o National Interdiction Unit, e agli investigatori afgani dell'Unità Investigativa Speciale, o SIU. Sebbene si avvalessero della formazione e della consulenza dalla DEA, NIU e SIU erano guidati e gestiti da afgani, che riportavano alla loro catena di comando afghana. Gli agenti della DEA a Kabul erano analogamente supervisionati dai propri dirigenti e, nonostante lavorassero quotidianamente in stretta vicinanza con la NIU e la SIU, vivevano in un complesso separato all'interno della base principale della NIU e della SIU. Questa posizione era idealmente situata per dare alle squadre DEA e NIU/SIU indipendenza di movimento, per via della loro separazione dalle più numerose forze burocratiche della coalizione situate all'aeroporto, all'ambasciata e nelle varie basi operative avanzate dei militari statunitensi a Kabul.

Come ben sai, i talebani finanziavano molte delle loro operazioni con l'esportazione e la vendita di prodotti illeciti dell'oppio che venivano prodotti nei campi di papaveri dell'Afghanistan, per lo più ​​nelle province di Kandahar e Helmand a sud. Pertanto, la NIU e la SIU stavano imparando non solo come identificare e smantellare grandi laboratori di droga ben gestiti, ma anche come condurre complesse indagini antidroga e come ottenere informatori e utilizzare la tecnologia in tali operazioni. Le indagini antidroga possono essere molto complesse, soprattutto se si prendono di mira le pericolose reti della droga diffuse in tutte le province.

La DEA utilizzava e dispiegava piccole squadre di forze d'attacco nelle varie province, quasi sempre in collaborazione con una più grande unità militare statunitense o della coalizione. Le squadre delle forze d'attacco erano gestite da una piccola squadra di agenti della DEA che addestravano e guidavano unità di truppe paramilitari della NIU. Spesso, le unità militari di in una particolare area erano già a conoscenza di laboratori di droga nelle vicinanze delle loro pattuglie o di dove operavano ed erano ansiose di collaborare con le squadre DEA/NIU non solo per gestire gli incontri con i laboratori di droga, ma anche per spazzare via e arrestare narcotrafficanti di alto profilo che erano stati identificati durante la pianificazione operativa. La DEA era molto più direttamente coinvolta nelle operazioni militari a terra rispetto alla maggior parte delle organizzazioni civili statunitensi, poiché lavoravano direttamente all’interno delle unità del Corpo dei Marines e dell'Esercito.

Come collegamento con la DEA, era compito mio coordinare e risolvere i conflitti delle operazioni della DEA nella provincia di Helmand, dove stavano e operavano i Marines del II MEF (Fwd). Siccome era la provincia con le operazioni e indagini antidroga più attive nel periodo 2011/2012, la DEA riconobbe la necessità di disporre di un Ufficiale di Collegamento a terra che potesse introdurre una visione da forze dell’ordine durante la pianificazione di operazioni militari. I militari capivano il ruolo delle forze dell’ordine, come dettato dalla loro catena di comando, ma pochi militari di carriera avevano una qualche comprensione di come funzionano le indagini antidroga; la legittimità di perquisizioni e sequestri, o l'uso di registri cartacei, operazioni di intercettazioni e tracciamento o informatori.

Ogni settimana volavo a Helmand per incontrare la cellula operativa C-3 e coordinarmi nella pianificazione delle operazioni contro la rete di droga Haqqani, una delle principali fonti di finanziamento dei talebani. Per questo motivo, il Corpo dei Marines era molto interessato a sopprimere il traffico di droga a Helmand, sapendo che ogni dollaro ottenuto dai talebani attraverso l'esportazione e la vendita di oppio sarebbe stato utilizzato per acquistare altre armi che avrebbero potuto essere usate contro i Marines statunitensi.


Undicisettembre: La prossima inevitabile domanda è: quello che è successo nelle ultime settimane e negli ultimi mesi era l'unico modo in cui si poteva concludere questa guerra? Era questa l'unica conclusione inevitabile?

Craig Covert: Credo che la situazione che si è verificata quest'estate fosse evitabile, ma solo nel caso in cui gli Stati Uniti e i loro alleati fossero rimasti in Afghanistan per un tempo indefinito. La storia ha dimostrato che non importa quanto ben armata e finanziata sia una forza di occupazione, la volontà del popolo afghano sopravvivrà sempre alla perseveranza della forza militare che tenta di domarli. Gli inglesi tentarono di colonizzare l'Afghanistan nel 1800 e soffrirono miseramente durante le guerre anglo-afghane. Nel 1979, l'Unione Sovietica invase l'Afghanistan e finì con un ritiro e un fallimento assoluto, stranamente simile al nostro. In Russia viene spesso definito "il Vietnam dell'Unione Sovietica".

Avremmo potuto restare e andare avanti a finanziare e mantenere l'esercito afghano a tempo indeterminato, ma non c'era alcuna volontà politica di farlo all'interno dell'amministrazione Biden. L'alto costo finanziario è sempre stato un parafulmine all'interno del Congresso degli Stati Uniti e, dopo 20 anni, molti americani e politici ritenevano allo stesso modo che fosse giunto il momento di riportare a casa le nostre truppe. Sfortunatamente, il presidente sembra aver condotto un ritiro prematuro che chiaramente non era in linea con le raccomandazioni dei suoi consiglieri militari di più alta esperienza. Il fallimento è stato esemplificato con il ritiro inaspettato delle forze statunitensi dalla base aerea di Baghram con il favore dell'oscurità, con le truppe che hanno lasciato dietro di sé milioni di oggetti. C’era di tutto, da insignificanti bottiglie d'acqua, cibo militare e mobili da ufficio a centinaia di veicoli blindati e migliaia di veicoli civili.

Si potrebbe facilmente sostenere che l'inizio della fine risale in realtà al 2014, quando le forze statunitensi consegnarono la grande base operativa avanzata nella provincia di Helmand, o "Camp Leatherneck", all'esercito afghano. Sebbene l'esercito afghano abbia tecnicamente preso possesso della base, Leatherneck è rimasta per lo più deserta, oltre che saccheggiata, lasciando così ampie aree di terra nella provincia aperte al ritorno dei talebani. A est, la base operativa avanzata a Khandahar si è lentamente ridimensionata e alla fine ha chiuso i battenti nel 2021, lasciando l'intera regione meridionale occupata da forze dell'esercito mal governate e con una minima presenza. Non è stata una sorpresa che i talebani abbiano rapidamente riempito il vuoto creato dalla scomparsa delle truppe della coalizione e, proprio come i politici statunitensi, l’esercito afghano non aveva alcuna volontà di continuare la lotta contro di loro. Man mano che la presenza dei talebani cresceva, le province tornarono lentamente ai loro vecchi stili di vita, abbandonando le coltivazioni di grano, raccomandate dall'Occidente, e coltivando nuovi campi di papavero. Con il papavero, i talebani avevano di nuovo una fonte di reddito costante con cui finanziare le loro milizie.

Il ritiro precipitoso delle forze da Kabul ha sicuramente dato forza ai talebani, che hanno conquistato una provincia dopo l'altra alla velocità della luce. Tutti i segnali di pericolo c'erano, ma a quanto pare i responsabili del Pentagono e della Casa Bianca dormivano mentre erano alla guida. Nonostante si siano radunati alla periferia della città, non credo che i talebani sarebbero entrati a Kabul se il personale americano fosse rimasto. Sfortunatamente, i politici americani non hanno stomaco per la guerra. Vedono solo percentuali di sondaggi in diminuzione e carriere di breve durata nei loro lavori attuali. Oggi l'eccezionalità americana si misura in voti, niente di più. Quindi, è stato eseguito un ritiro immediato, inaspettato e condotto troppo in fretta. Senza un'amministrazione disposta a sacrificarsi per il bene del governo afghano e del suo popolo, era una conclusione inevitabile.


Undicisettembre: Chiariamo subito chi ha commesso gli errori peggiori al riguardo: è stata la precedente amministrazione, firmando l'accordo di pace con i talebani, o quella in carica che si è ritirata così velocemente dall'Afghanistan?

Craig Covert: La colpa è in parte di entrambe le amministrazioni, sebbene sia stato proprio il presidente Biden a prendere la decisione finale di ritirare tutte le truppe dall'Afghanistan. Se è vero che il presidente Trump ha dato il via al precipitarsi degli eventi firmando l'accordo di Doha con l'Emirato islamico dell'Afghanistan (i Talebani), si può sostenere che l'accordo con un gruppo non ufficialmente riconosciuto dagli Stati Uniti non può essere considerato valido e può, di fatto, essere invalidato per giusta causa.

Molti credono che se il presidente Trump fosse ancora al potere, avrebbe mantenuto una presenza nominale di truppe all'aeroporto di Kabul, se non altro per proteggere i nostri interessi militari, i beni e i civili che ancora vivono a Kabul. Cosa sarebbe potuto o sarebbe successo se Trump fosse stato rieletto non si saprà mai, ma ciò che non si può negare è quale presidente ha ordinato l'effettivo avvenuto nel 2021.

Il presidente Biden ha avuto l'opportunità di sfuggire all'accordo di Doha sulla base dei falliti colloqui di pace afghani, ma per qualche motivo ha scelto di non farlo. Sfortunatamente, il presidente Biden era il comandante in capo quando è stata presa la decisione di ritirarsi. Pertanto, la colpa deve spettare a lui e ai generali che non hanno dibattuto contro la sua decisione. Va notato, tuttavia, che nemmeno i generali possono prendere le decisioni per conto del Presidente: possono solo consigliare. In definitiva, è il comandante in capo civile, cioè il presidente degli Stati Uniti, che dà l’ordine.

Recentemente, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin e i generali Mark Milley e Kenneth McKenzie, rispettivamente presidente degli Stati Maggiori Riuniti e comandante del Comando Centrale, hanno riferito che al presidente Biden era stato consigliato di lasciare a terra tra 2.500 e 4.000 soldati americani. Mentre l'America aveva certamente la potenza militare e la tecnologia per tenere a bada i talebani affinché non conquistassero Kabul, almeno a breve termine, la miopia politicamente carica del presidente ha chiaramente portato i talebani a conquistare rapidamente Kabul. Il presidente non aveva capito ciò che quasi tutti i militari che avevano prestato servizio in Afghanistan sapevano già: se avessimo lasciato l'Afghanistan nelle mani dell'esercito afghano senza il nostro sostegno, sarebbero stati destinati a fallire.


Undicisettembre: Perché l'esercito afghano è crollato così velocemente?

Craig Covert: Ci sono stati molti problemi che hanno portato al crollo dell'Afghanistan, troppi da elencare. Ne descriverò alcuni. Primo, l'Afghanistan non è mai stato una nazione facile da conquistare da parte di un invasore straniero, perché non è una "nazione" nel senso in cui noi occidentali intendiamo una nazione. C'è poco o nessun senso di unità nazionale. L'Afghanistan è un agglomerato di tribù e signori della guerra, contadini e politici, la maggior parte dei quali combatte per la propria tribù o clan prima di combattere per il governo. Sono fedeli alla tribù, al clan e al gruppo, non alla capitale o alla leadership politica. Si parlano Pashto, Dari e un’altra dozzina di dialetti diversi. Si ritiene che il nazionalismo pashtun sia importante tanto quanto, se non di più, il nazionalismo politico. Questa reale mancanza di identità nazionale crea muri quando soldati e politici del governo al potere non parlano nemmeno la stessa lingua del popolo. Come ci si può aspettare che i programmi nazionali funzionino quando sono imposti da una tribù o da un clan a un altro? Non è possibile. Come per la mancanza di identità nazionale, il valore della democrazia di stampo occidentale cade nel vuoto in tutte le province. Non si può introdurre una repubblica costituzionale, con le sue opportunità commerciali in stile occidentale e con l’aspettativa di essere accettata da un cittadino afghano dall'oggi al domani, considerando la storia dell'Afghanistan. L'occidentalizzazione è un concetto estraneo alla maggior parte degli afgani, proprio come la leadership dei samurai giapponesi del 1700 sarebbe incomprensibile per gli americani di oggi.

La corruzione all'interno della leadership civile e militare è stata certamente un fattore nel crollo dell'Afghanistan. Abbiamo dato ai signori della guerra gli strumenti per ottenere la cooperazione delle province; abbiamo trascurato la corruzione dei politici; abbiamo permesso al governo afghano di aggirare i controlli contro il contrabbando di denaro contante dall'Afghanistan ai paesi vicini. Per ogni paio di stivali che davamo a un comandante afghano per le sue truppe, una certa percentuale finiva al bazar locale, spesso venduto dal comandante stesso, con truppe che si presentavano in formazione in ciabatte e sandali. La corruzione era e rimane molto diffusa e la mancanza di volontà, combinata alla mancanza di risorse, di fermare la corruzione ha semplicemente portato al deterioramento del sistema di governo che non sarebbe mai rimasto in piedi a lungo da solo.

Il crollo dello stesso esercito afghano era atteso da ogni soldato o Marine che aveva prestato servizio con loro. Sebbene ci siano certamente delle eccezioni, la maggior parte delle truppe aveva poca fiducia nell’abilità e nella capacità dell'esercito, perché molti erano analfabeti, scarsamente istruiti o semplicemente non si presentavano in servizio nei luoghi e orari negli orari stabiliti. La più grande preoccupazione tra le forze statunitensi era la tiepida volontà del soldato medio, che sembrava andare e venire senza una motivazione oltre all’insistenza con cui gli veniva chiesto e quanto difficile si presumeva fosse la sua missione.

C'è un vecchio modo di dire che dice qualcosa del genere: “Dai un pesce a un uomo, mangerà per un giorno. Insegna a un uomo a pescare, mangerà per tutta la vita”. Non potrebbe esserci spiegazione migliore per il fallimento dell’esercito afghano. Gli Stati Uniti e i nostri alleati hanno dato da mangiare all’esercito afghano ogni giorno per vent’anni. Abbiamo fornito loro risorse; abbiamo pagato i loro stipendi. Abbiamo permesso loro di inserire nei propri ranghi leader incapaci e inefficaci senza dire nulla per paura di offenderli. Abbiamo fornito tutte le risorse logistiche e l'equipaggiamento da combattimento utilizzato dalle loro unità, dalle uniformi alle armi leggere e ai veicoli. L'esercito afghano non ha mai preso la vera "proprietà" della propria attrezzatura in termini di cura e manutenzione. I membri del servizio americano imparano a padroneggiare le loro specialità professionali militari e diventano esperti nel loro campo dopo i primi tre anni dall’arruolamento, il che si traduce in un avanzamento di grado e responsabilità. Eppure, nonostante abbiano dato all'esercito afghano vent’anni di formazione e di attrezzature, questi hanno imparato poco. Tutto si riduceva alla dipendenza. Fintanto che le forze statunitensi e della coalizione fornivano cibo, munizioni e cerotti, facevano manutenzione ai veicoli e alle armi e facevano da babysitter all'esercito in ogni giro di pattuglia o di ricognizione, l'esercito afghano è rimasto solo che un gruppo di individui in uniforme che prendeva uno stipendio più o meno sicuro, ma erano inefficaci da soli come forza combattente. Ciò è diventato evidente quando l'esercito ha rapidamente deposto le armi al primo accenno di un'offensiva talebana in arrivo. Abbiamo creato un mostro che neanche tutti i soldi del mondo non avrebbero potuto aggiustare.


Undicisettembre: Che tu sappia i talebani sono in possesso di veicoli e armi americani? Se sì, come è successo?

Craig Covert: Assolutamente! Basta una rapida ricerca su YouTube, sui social media o su qualsiasi agenzia di stampa online credibile per trovare dozzine di video che mostrano che i materiali statunitensi sono caduti nelle mani dei talebani. Uniformi, armature, radio, veicoli, camion, mezzi corazzati, munizioni… la lista è infinita. Gli oppositori affermeranno che le truppe statunitensi si sono assicurate che i veicoli corazzati e gli aerei siano stati disabilitati prima del ritiro, e ciò potrebbe essere vero, ma tali azioni non hanno alcuna influenza sulle migliaia di veicoli, sulle decine di migliaia di armi, né sui milioni di proiettili che sono stati presi dai talebani dalla resa delle forze afghane che hanno semplicemente lasciato cadere o consegnato l'equipaggiamento senza combattere. Il ritiro delle forze statunitensi dall'Afghanistan ha effettivamente dotato i talebani di equipaggiamento e armi sufficienti per diventare una formidabile forza militare che un giorno dovremo affrontare sul campo di battaglia.


Undicisettembre: I talebani si presentano oggi come più moderni e forse più moderati di prima. Secondo me stanno solo fingendo e si dimostreranno violenti come lo erano negli anni '90. Cosa ne pensi, sono in qualche modo affidabili in questo secondo regime?

Craig Covert: I talebani si sono dimostrati disonesti e falsi e già dopo poche settimane hanno mostrato il loro vero volto. I barbieri non possono più tagliare la barba agli uomini o accendere la radio nei negozi. I “prigionieri” condannati (per quali crimini forse non sapremo mai) sono stati impiccati a delle gru ed esposti in tutta Kabul. Alle donne è stata negata l’istruzione e vengono segregate dagli uomini in tutta la città. Interpreti e altri che hanno lavorato per o al fianco degli Stati Uniti e dell'ex governo afghano sono stati braccati e giustiziati. La risposta breve alla domanda è evidente: i talebani non sono mai stati affidabili o sinceri e certamente replicheranno la ferocia fondamentalista che hanno mostrato vent'anni fa.


Undicisettembre: Una differenza importante che vedo rispetto al passato è che mentre i talebani erano alleati di al-Qaeda, ora l'ISIS Khorasan è loro nemico quindi probabilmente non permetteranno ai terroristi di costruire e gestire le loro basi. Cosa ne pensi? Può essere una differenza importante?

Craig Covert: Certamente ci saranno fazioni di organizzazioni terroristiche in Afghanistan che considerano le altre organizzazioni islamiche radicali come loro nemico, anche se entrambi considerano gli Stati Uniti il ​​loro nemico comune. Sarebbe ingenuo pensare che l’ISIS-K si sottometta ai talebani e viceversa, poiché entrambi desiderano assumere il potere all'interno del paese. Proprio come ci sono divisioni tra sciiti e sunniti in Iraq, o tra l’ISIS in Iraq e il governo iracheno, l'Islam da solo non basta a per portare l’ISIS-K e i talebani a un accordo. Credo che gli Stati Uniti e i suoi alleati continueranno a prendere di mira segretamente elementi dell'ISIS-K nel prossimo futuro se dovessero costituire una minaccia ai civili occidentali in Afghanistan, inevitabilmente prenderanno di mira anche le forze talebane se dovessero continuare a calpestare le libertà dei popolo afghano. Non credo che passerà molto tempo prima di vedere il primo movimento offensivo dei talebani contro gruppi di occidentali che restano all'interno dei suoi confini.


Undicisettembre: Non è ingiusto dire che la guerra è stata persa dagli USA? Voglio dire, il motivo per cui gli Stati Uniti hanno invaso l’Afghanistan era distruggere le basi dei terroristi, cosa che hanno fatto al punto che un altro attacco simile all'11 settembre è ora improbabile. Cosa ne pensi?

Craig Covert: L'ultima guerra vinta dagli Stati Uniti è stata la seconda guerra mondiale. L'America ha ritirato le sue forze dalla Corea in seguito alla firma dell'armistizio coreano nel 1953. L'America ha lasciato il Vietnam dopo la firma dell'emendamento Case-Church nel 1973, ponendo ufficialmente fine al coinvolgimento degli Stati Uniti. Ciò ha provocato il fallimento dell'accordo di pace di Parigi e infine la caduta di Saigon. Da quel momento, l'America ha fatto un ottimo lavoro vincendo battaglie, ma vincere le guerre è diventata un'arte perduta. Alcuni sosterranno che l'America e i suoi alleati "vinsero" Desert Storm (la Guerra del Golfo), ma Saddam Hussein rimase al potere e la guerra ripartì solo un decennio dopo.

Non era inaspettato che ancora una volta i politici americani si piegassero alla volontà del popolo (in altre parole: il potere del voto) e ritirassero le truppe dall'Afghanistan. Ciò che è stato inaspettato per molti è stato il modo in cui è stato fatto e la velocità del ritiro. A mio parere, è stato fatto senza lungimiranza e pianificazione approfondita; in fretta e con sconsiderato disprezzo per gli interpreti e i civili afgani che in precedenza avevano aiutato le forze statunitensi.

Ce ne siamo andati prima che un governo credibile fosse accettato dal suo stesso popolo. Abbiamo lasciato un Afghanistan che non poteva, o forse non voleva, salvarsi dai talebani.