2018/02/21

World Trade Center: an interview with ATF agent Peter Forcelli

by Hammer. An Italian translation is available here.

Undicisettembre continues its effort to preserve the memories of the tragic events of 9/11. Today we offer our readers the account of AFT agent Peter Forcelli who used to work at 6 World Trade Center and that after the plane crashes became one of the first rescuers on the scene.

We would like to thank Peter Forcelli for his kindess and willingness to help.


Undicisettembre: Can you give us a general account of what happened to you on 9/11?

Peter Forcelli: That morning I was driving to work just like any other day and two things happened on the drive. At the time I lived in a city called Yonkers, New York, which had a lot of Italians. While I was driving my wife called me on the phone to tell me she was watching the news and a plane had hit the World Trade Center, I continued the drive because I was heading down there anyway but in my mind I thought a small plane had hit the World Trade Center. I work for ATF and our offices were at 6 World Trade Center.

Shortly after my wife called me, also my boss called my on my cellphone and said "Hey, you need to get down here quick because a plane hit the World Trade Center." I continued to drive and I put the lights and the sirenes, I got there in about half an hour and for the first time ever I found a parking space very quickly behind 7 World Trade Center. I got out and walked towards the scene itself and the first thing I saw when I was walking towards Vesey Street was a plane engine. I looked up at the building and you could see a huge, huge gash and it was very clear that this was a big plane, like a commercial plane and the smoke was coming out of that hole.

I was looking around, there were a lot of police officers, a lot of people from other agencies. It was overwhelming. I had been a police office in New York City for fifteen years before 9/11 and I had just started my job at ATF three months earlier, so I had a lot of experience in law enforcement and the scene was overwhelming, like you didn't know where to start. I saw a police officer named John I used to work with and we started to get people away, towards north, because we didn't know what else to do. The rescue workers were still coming and at that point no one thought that the towers would fall.

Occasionally I looked up and saw people trapped and I worried about them, I knew I couldn't get to them and in my mind I though that maybe they could rescue them by helicopter because in 1993 when the World Trade Center was bombed I remember that the helicopters were able to get to the building. So I worried more about people that were down below to get them away, get them safely away from the area and let the firemen and police continue with the rescue.

After fifteen or twenty minutes that I was down there my supervisor, which in ATF is called the Assistant Special Agent in charge, grabbed me and said "Hey, listen, we haven't accounted for all our people so can you go into the side of the Trade Center and find our people and have them meet at 90 Church Street?" Myself and another agent called Jason went down there and began to see if we could find our people. At a point we stopped; across the street there was a store called Century 21, a big department store that sells clothes. Me and Jason stopped for a second in front of Century 21 to catch our breath and while we were standing right across the street from the south tower I saw a colleague that I used to work with, a detective named Steven Martinez, and he was crying because his wife was in the building and he couldn't account for her. He had no idea where she was and he was worried, they weren't letting anybody in and he wasn't in uniform. So he was trying to find her, I felt bad and I was trying to console him and at the same time I looked across the street and I saw six police officers I used to work with walk into the south tower. One of them looked across the street at me and I was wearing an ATF windbreaker, he grabbed his shirt, shook it and looked at me like inquiring "Why are you wearing that?" because he didn't know I had left NYPD to go and join ATF. I just had to throw my hands up like "Hey, what are you going to do?" because obviosly I didn't have time to have a conversation. I watched him and the other guys walk into the building and all of a sudden I started to hear this rumbling that sounded like a subway car. I was fixated with these guys who entered the building and Jason grabbed me by my shirt and just screamed "Run!"

I looked up and the South Tower was falling, I run north and while I was running I got hit right at the center of my back with something the size of a golf ball. I jumped under a car, as far as under the car as I could get, because I'm not that skinny, it felt like a minute even if it was more like seconds and things were hitting the car and I came to the realization "I'm going to die under this car, I can't stay here." I got up and by this time the dust cloud had completely enveloped the area so I couldn't see anything and I was trying to go north. I heard a voice saying "Hey, over here, come over here." and I went into a building, there were many people there just telling people in the street to come inside because I guess they realized that people couldn't see or breath in this cloud.


The chief of NYPD's detectives at the time was a detective whose name was William Allee, he was not a nice man, a very stern guy but he had a lot of experience, he had seen a lot of things in his career so I respected him to that. When I came in I was covered in dust and a was coughing horribly because the dust was so, so thick, the dust was in my eyes, I rinsed out my eyes because a gentleman brought me to a water fountain and William Allee who was hanging around said "Ok, what's going on?" he was annoyed because he didn't know what had just happened. I looked at him and said "The South Tower just fell." he was a man who had seen thirty years of police, I would imagine, he had seen murders and horrible things in his career, he looked at me and his face went blank. The image of disbilief in his face is etched in my brain. He didn't even go out to see it, you couldn't see it because it looked like nightime had fallen because it was so dark outside.

We waited for the dust to clear and at that point the North Tower was still standing, we went back out to see if we could find anybody. It wasn't perfectly clear obviously. It was weird because when we went out there we couldn't find anybody that was hurt, they were either gone from the scene or dead. By this time most of the people from the North Tower had left. I was still out there trying to figure "Let me see what I can do". Before the South Tower fell occasionaly you would see someone jump from the building and it was something very disturbing to see, depending on wether they hit the ground or the overhang the sound would be very different: when they would hit the pavement it almost sounded like dropping an egg, when they would hit the overhang it would sound like a thouderous noise. When you would see a body fall you would brace yourself almost as if somebody would punch you because it was such a troblesome sight you would almost recoil as if you were to take a punch, first for the fear of watching someone fall to their death, second wondering "Oh my God what sound is it going to make?"

When the North Tower was still standing people who were out were either cops or firemen, so not people who necessarly needed rescue, other than maybe water to wash the dust out of their eyes. As the dust began to settle more you would see more people jumping from the North Tower and they were jumping more frequently than the South Tower, and I remember thinking to myself "Why are these people jumping? Is it because they lost all their hope, or is it the heat? What is going on in their minds?" Then we heard again the same sound we heard when the South Tower came down and the North Tower came crumbling down. I run into another store where were many other people hiding from the dust cloud and I hid as well. I once again went out to see if we could find someone who needed help and it was the same as the previous time, there was nobody injured.

Short time later someone told me they heard on the radio that one of my colleagues who was pregnant was trapped in her car, her name is Kara. So me an another agent, I think it was Bob Schmitt, went and found Kara and had to carry her. She wasn't injured, but she was in her car and she was overwhelmed, we had to carry her to the Lower Manhattan Hospital, which is not that far. When we got there, outside of the hospital there were gurneys, doctors and nurses and there were no patients. I was expecting seeing people being treated and there was nobody. It was overwhelming emotionally, there were hospital professionals waiting for their patients and it was apparent to me at this point that people either died or run away relatively uninjured. It made you feel very bad because it made you realize how many people were trapped in those buildings and couldn't get out.

We went back to the scene to try to see who we could help, there were firemen and policemen missing, still trying to make sense of what was going on. People were saying there were more hijacked planes. I remember seeing jetfighters flying around Manhattan protecting the island. Some time later 7 World Trade Center collapsed.

We stayed there two days straight trying to see if we could find policemen and firemen who were missing. We dug around what we could with our bare hands because there was no equipment at that point, we didn't have respiratory equipment because nobody expected this to happen. We didn't really rescue anybody for the first two days, the third day I went home and it was very emotional. When the towers collapsed they destroyed the cells that made the cellphones work in lower Manhattan, so my wife didn't even know that I was still alive. When I got home three days later my wife had thought that I had perished when the buildings collapsed, she sent her mother to go get the kids from school and they were expecting to see a police chaplain to come and knock on the door to tell them that I was gone.

My kids where on their way to go to school three days later and I happened to pull up that morning and it was very emotional, even the guy from the postal truck came and gave me a hug, I don't know the guy I had never met him before but he saw me getting out of the car in my uniform and covered in dust and he knew where I was from. He gave me a big hug and I had to push him off so I could get to my wife and my kids and hug them.


Undicisettembre: Before we go into the details, can you explain us what it ATF? I'm not familiar with this agency.

Peter Forcelli: It's part of the Department of Justice and it enforces the alcohol, the tabacco and the firearms laws of the United States, we do the explosives laws as well even if they don't have an inital for that. My agency started when alcohol was prohibited, it started when people were making alcohol illegally. It's kind of like FBI but our jurisdiction is very limited to alcohol, tabacco and firearms related issues.


Undicisettembre: How long have you been to Ground Zero after 9/11?

Peter Forcelli: Three straight days the entire time, I just took a nap when I could. After that four days a week, if not five days a week, till November. After that they sent us to work at a landfill at Staten Island which was a nauseating work. From Ground Zero they were sending debris to Staten Island where they used a machinery to level it out and we had to rake through the machinery to look for body parts, jewelry or anything that you could give back to a family member to identify people. It was nauseating because they would pick the smaller pieces and put them on convey belts and when the convery belt went by you you had a button to push if you saw something that looked like a body part or a piece of jewlry or a piece of identification. Watching these things go by you was difficult for the eyes, but it was very important. I did that till March 2002.


Undicisettembre: What happened to you, or the team you worked with, at Ground Zero from 9/11 till when you left in November?

Peter Forcelli: We did the best that we could, our spirit was not happy because we had lost so many colleagues but it felt as if you had to be there. I remember one day towards the end of my time in Staten Island I was standing in the landfill and there was a policeman with a uniform of North Carolina, and I said "Hey man, what are you doing down here? We are in March now." His response was "My kid was born on September 12th, and I wanted to come down here as an American, I felt the need to help." So this man six months later felt compelled to come and help and it was moving to me. It was the same for us, at Ground Zero we would dig for many many hours and you were exahusted.

When you would drive north on the West Side Highway there was an area where they wouldn't let anybody pass unless you were in law enforcement or a medical professional or a military, and there were hundreds of people standing there applauding. There was a great sense of appriciation for those who were working down there. I had been in law enforcement at that time for fifteen years and generally in New York you didn't feel that sense of appriciation, nodoby thanked you for doing your job. That gave tremendous motivation to go down there and do it. I recently found out I have lung cancer and I'm pretty sure it came from the days I spent down there, but even now I don't have any regrets for having gone down there.


Undicisettembre: How does 9/11 effect your everyday life?

Peter Forcelli: I didn't know until last September that I had cancer, I felt healthy but still it's something you remember, it's not something you can ever forget and you have nightmares occasionally. I mean, I love my job so it helped me to get passed it. I don't work in New York anymore partially because of 9/11. I worked in New York till 2007 and driving down to lower Manhattan was an emotional thing and I had to go there all the time; there were times where I would drive down to my work and it was difficult because it would bring back the memories of that day.

Every once in a while people call me to tell me that some of my friends died because of 9/11 and it brings that day back. So you try to forget the horrible things and remember the good things that happened like how people were getting together and the sense of urgency to help one another, but you can never forget an event of such a huge magnitude.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories that say that 9/11 was an inside job?

Peter Forcelli: I don't believe it's possible, and I tell you why, and a lot of people don't know this: the headquarters of CIA were in one of the buildings that were destroyed. And I know for a fact that they were looking for many of their documents, there were areas where even if I was a law enforcer I couldn't go and search, they wouldn't let you near there. If it was an inside job why wouldn't allow you to do that? They lost many things that were important to them.

I don't see it possible that any government would do that to its own people, and I am not a big fan of many things that our government does.


Undicisettembre: How safe do you think the country is today? Even considering the attacks that happened after 9/11, like the Boston bombing or the New Jersey pipe bombing?

Peter Forcelli: I think we do the best we can and it breaks my heart to see what's happening in countries in Europe or Africa, there are people who don't like the west. There are folks who want people to believe in what they believe and nothing else. They don't like us living in freedom and being able to listen to music and things like that. They only have to get it right occasionally, while law enforcement have to get it right every time to prevent these things and we can't. I think we are going to see terrorism happening for quite some time.


Undicisettembre: Do you think the country is still living in fear or has it regained it's standing in the world?

Peter Forcelli: A little bit of both. I think most Americans just live their lifes, a lot of Americans have forgotten about 9/11 which sometimes is a good thing, not to be in fear, but sometimes it's bad because if you don't pay attetion and you are not watching is very easy to become a victim.

Do I think that everything the United States does is good? Well, no of course. When I see things happening in Israel and those zones I think people should try to get along and understand one another, but again there are certain cultures out there that don't belive we can listen to music or that women should drive or get an education and there are folks who don't like we are close allies with Israel.

Sometimes I think the United States should mind his business and focus on our own politics, that's why I am not a politician.

World Trade Center: intervista all'agente dell'ATF Peter Forcelli

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui.

Undicisettembre continua il proprio impegno per preservare il ricordo dei tragici fatti dell'11/9. Oggi offriamo ai nostri lettori la testimonianza dell'agente dell'ATF Peter Forcelli che lavorava al World Trade Center 6 e che in seguito agli schianti aerei divenne uno dei primi soccorritori sulla scena.

Ringraziamo Peter Forcelli per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Puoi farci un racconto generale di cosa ti è successo l’11/9?

Peter Forcelli: Quella mattina stavo andando al lavoro in macchina come qualunque altro giorno e mentre guidavo successero due cose. A quel tempo vivevo in una città chiamata Yonkers, nello stato di New York, dove vivevano molti italiani. Mentre stavo guidando mia moglie mi chiamò al telefono per dirmi che stava guardando il telegiornale e che un aereo aveva colpito il World Trade center, continuai a guidare perché stavo andando lì in ogni caso ma nella mia testa pensavo che forse un piccolo aereo aveva colpito il World Trade Center. Lavoro per l’ATF e i nostri uffici erano al World Trade Center 6.

Poco dopo mia moglie, mi chiamò anche il mio capo sul cellulare e mi disse "Hey, devi venire qui velocemente perché un aereo ha colpito il World Trade Center." Continuai a guidare e inserii le luci e la sirena, arrivai lì in circa un'ora e mezza e per la prima volta trovai un parcheggio molto velocemente dietro al World Trade Center 7. Scesi dalla macchina e camminai verso la scena e la prima cosa che vidi mentre camminavo verso Vesey Street fu un motore di aereo. Guardai in alto verso il palazzo e si vedeva un buco enorme e fu molto chiaro che era un aereo grande, come un aereo commerciale e il fumo usciva dal buco.

Mi guardai in giro, c'erano molti poliziotti, molte persone di altre agenzie. Era opprimente. Ero stato un agente di polizia a New York per quindici anni prima dell’11/9 e avevo appena iniziato il mio lavoro all’ATF tre mesi prima, quindi avevo molta esperienza nelle forze dell’ordine ma la scena era opprimente, era come se non sapessimo da che parte cominciare. Vidi un ufficiale di polizia di nome John con cui avevo lavorato e iniziammo a mandare la gente via, verso nord, perché non sapevamo cosa altro fare. I soccorritori stavano ancora arrivando e a quel punto nessuno pensava che le torri sarebbero cadute.

Saltuariamente guardavo in alto e vedevo le persone intrappolate e mi preoccupavo per loro, sapevo che non potevo arrivare lì e nella mia mente pensavo che magari sarebbero state salvate dagli elicotteri perché nel 1993 quando il World Trade Center fu attaccato mi ricordo che gli elicotteri poterono arrivare fino al palazzo. Quindi mi preoccupai più delle persone che erano giù e di farle andare via, di portarle via in sicurezza dall'area e fare in modo che i pompieri e poliziotti potessero continuare il lavoro di soccorso.

Dopo quindici o venti minuti che ero lì il mio supervisore, che nell’ATF si chiama Agente Speciale Responsabile, mi prese e mi disse "Hey, ascolta, non abbiamo trovato tutte le nostre persone. Quindi puoi andare sul lato del World Trade Center a cercare le nostre persone e fare in modo che si raccolgano al numero 90 di Church Street?" Io e un altro agente che si chiamava Jason andammo là e iniziammo a cercare di vedere se potevamo trovare altre persone. A un certo punto ci fermammo; dall'altra parte della strada c'era un negozio che si chiamava Century 21, un grande magazzino che vendeva vestiti. Io e Jason ci fermammo per un secondo di fronte al Century 21 per prendere un po' di fiato e mentre eravamo lì proprio dall'altra parte della strada rispetto alla Torre Sud vidi un collega con cui avevo lavorato, un detective che si chiamava Steven Martinez, che piangeva perché sua moglie era nel palazzo e non la trovava. Non aveva idea di dove fosse ed era preoccupato, non facevano entrare nessuno e lui non indossava l'uniforme. Quindi stava cercando di trovarla, mi dispiaceva per lui e tentavo di consolarlo e a quel punto guardai dall'altra parte della strada e vidi sei ufficiali di polizia con cui avevo lavorato che entravano nella Torre Sud. Uno di loro guardò dall'altra parte della strada e vide me che indossavo un giubbotto dell’ATF, prese il suo giubbotto lo scosse e mi guardò come per dire "Perché indossi quello?" perché non sapeva che avevo lasciato la polizia di New York per andare a lavorare all’ATF. Alzai le mani come per dire "Hey, che ci vuoi fare?" perché ovviamente non avevo tempo di parlare. Lo guardai e vidi le altre persone entrare nel palazzo e all'improvviso iniziai a sentire un rumore che era come quello di un convoglio della metropolitana in arrivo. Fissavo quelle persone che entravano nel palazzo e Jason mi prese per il giubbotto e urlò “Corri!“

Guardai in alto e la Torre Sud stava crollando, corsi verso nord e mentre correvo fui colpito nel centro della schiena da qualcosa della dimensione di una palla da golf. Mi lanciai sotto una macchina per quanto mi era possibile perché non sono così magro, mi sembrò che durasse un minuto anche se in realtà furono pochi secondi e qualcosa cominciò a colpire la macchina e pensai "Morirò sotto a questa macchina, non posso stare qui." Mi alzai e a quel punto la nuvola di polvere aveva completamente avvolto l'area quindi non vedevo nulla e cercavo di camminare verso nord. Sentii una voce che diceva "Hey, vieni qui, vieni qui." ed entrai in un palazzo dove c'erano molte persone che dicevano alla gente nella strada di entrare perché penso avessero capito che la gente non vedeva nulla e non poteva respirare nella nuvola.


Il comandante dei detective della polizia di New York a quel tempo era un uomo di nome William Allee, non era simpatico, era un uomo dal pessimo carattere ma aveva molta esperienza, aveva visto molte cose nella sua carriera quindi lo rispettavo per questo. Quando entrai ero coperto di polvere e stavo tossendo orribilmente perché la polvere era molto spessa e mi era entrata negli occhi, mi sciacquai gli occhi perché un uomo mi accompagnò a una fontanella e William Allee che era lì in giro disse "Ok, che succede?" era infastidito perché non sapeva cos'era appena successo. lo guardai e gli dissi "La Torre Sud è crollata." era un uomo che aveva trent’anni di esperienza nella polizia, immagino, aveva visto omicidi e cose orribili nella sua carriera, mi guardò e la sua faccia divenne bianca. L'immagine di incredulità sulla sua faccia è scolpita nel mio cervello. Non è nemmeno uscito a vedere, non si vedeva nulla perché sembrava che fosse calata la notte da quanto era buio fuori.

Aspettammo che la nube si depositasse e a quel punto la Torre Nord era ancora in piedi, tornammo fuori per vedere se potevamo trovare qualcuno. Non era completamente chiaro ovviamente. Era strano perché uscimmo ma non trovammo nessuno che fosse ferito, perché le persone erano scappate dalla scena oppure erano morte. A questo punto molte delle persone uscite dalla Torre Nord si erano allontanate. Stavo ancora cercando di capire "Fammi vedere cosa posso fare." Prima che la Torre Sud crollasse saltuariamente si vedeva qualcuno che saltava giù dal palazzo ed era una cosa molto dura da vedere, a seconda che cadessero sul pavimento o sulle pensiline il suono era molto diverso: quando cadevano sul pavimento sembrava il suono di un uovo che si rompe, mentre quando cadevano sulle pensiline sembrava il suono di un tuono. Quando vedevi un corpo cadere ti preparavi come se qualcuno ti stesse tirando un pugno perché era una visione così difficile che quasi ti ritraevi come se stessi per prendere un pugno, primo per la paura di vedere qualcuno che si era suicidato lanciandosi da una finestra, secondo perché pensavi “Oh mio Dio che suono farà?“

Quando la Torre Nord era ancora in piedi le persone che erano fuori erano poliziotti e pompieri, quindi non persone che necessariamente avevano bisogno di soccorso se non magari acqua per lavarsi gli occhi. Quando la polvere cominciò a depositarsi si vedevano più persone che si lanciavano dalla Torre Nord e si lanciavano con più frequenza rispetto alla Torre Sud e ricordo di avere pensato "Perché queste persone si lanciano? É perché hanno perso la speranza o per via del calore? Cosa sta succedendo nelle loro teste?" Quindi sentimmo ancora lo stesso suono che sentii quando la Torre Sud venne giù e la nuvola di polvere e di nuovo mi nascosi. Di nuovo uscii a vedere se potevo trovare qualcuno che avesse bisogno di aiuto ed era ancora come la volta precedente, non c'erano feriti.

Poco dopo qualcuno mi disse di aver sentito alla radio che una delle mie colleghe che era incinta era intrappolata nella sua macchina, il suo nome era Kara. Quindi io e non è un altro agente, penso che fosse Bob Schmitt, andammo a cercarla, la trovammo e dovemmo trascinarla. Non era ferita, ma era in macchina ed era sopraffatta dalla situazione, dovemmo trasportarla al Lower Manhattan Hospital, che non era lontano. Quando arrivammo lì, fuori dall'ospedale c'erano barelle, medici e infermieri e non c'erano pazienti. Mi aspettavo di vedere gente che veniva curata e non c'era nessuno. Era molto duro da reggere emotivamente, perché c'erano professionisti dell'ospedale che aspettavano pazienti e mi fu chiaro a quel punto che le persone erano morte o scappate relativamente in buone condizioni. Mi fece sentire molto male perché capii quante persone erano intrappolate in quei palazzi e non sono potute uscire.

Tornammo sulla scena per vedere se potevamo aiutare, c'erano pompieri e poliziotti che non si trovavano, stavamo ancora cercando di capire cosa stava succedendo. Le persone dicevano che c'erano altri aerei dirottati. Ricordo di avere visto dei caccia militari che volavano intorno a Manhattan per difendere l'isola. Un po' di tempo dopo il World Trade Center 7 crollò.

Rimanemmo lì per due giorni di seguito cercando di capire se potevamo trovare i poliziotti e i pompieri che erano scomparsi. Scavammo in giro come era possibile a mani nude perché non c'era equipaggiamento a quel punto, non avevamo i respiratori perché nessuno si aspettava che sarebbe successo questo. Non salvammo nessuno per i primi due giorni, il terzo giorno tornai a casa e fu molto emozionante. Quando le torri crollarono distrussero le celle che facevano funzionare i cellulari nella parte sud di Manhattan, quindi mia moglie non sapeva nemmeno che io ero vivo. Quando arrivai a casa tre giorni dopo mia moglie pensava che io fossi morto nei crolli, mandò sua madre a prendere i bambini a scuola e aspettavano che arrivasse un cappellano della polizia a bussare alla loro porta per dire che ero morto.

I miei figli stavano andando a scuola tre giorni dopo quando arrivai e fu molto emozionante, anche l'uomo del camion delle poste venne ad abbracciarmi, non so chi fosse non l'avevo mai incontrato prima ma mi vide uscire dalla macchina in uniforme e ricoperto di polvere e capì da dove arrivavo. Mi abbracciò e dovetti spingerlo via per poter andare da mia moglie ed ai miei figli ad abbracciarli.


Undicisettembre: Prima di entrare nei dettagli, mi puoi spiegare cos’è l’ATF? Non conosco questa agenzia.

Peter Forcelli: E parte del Dipartimento di Giustizia e fa rispettare le leggi sull'alcol, sul tabacco e sulle armi da fuoco negli Stati Uniti, ci occupiamo anche di far rispettare le leggi sugli esplosivi anche se non c'è un iniziale nella sigla per questo. La mia agenzia fu fondata quando l'alcol era proibito, iniziò l’attività quando le persone producevano alcolici illegalmente. É più o meno come l’FBI ma la nostra sfera di competenza è limitata all'alcol, al tabacco e alle armi da fuoco.


Undicisettembre: Quanto tempo sei rimasto a Ground Zero dopo l’11/9?

Peter Forcelli: Tre giorni consecutivamente a tempo pieno, riposavo solo brevemente quando potevo. Dopo di ciò quattro giorni a settimana, se non cinque giorni a settimana, fino a novembre. Dopo ci mandarono a lavorare in una discarica a Staten Island e fu un lavoro nauseante. Da Ground Zero mandavano rottami a Staten Island dove usavano un macchinario per livellarli e dovevamo rastrellare nel macchinario per cercare parti di corpi, gioielli o qualunque cosa che potessimo dare indietro alle famiglie per identificare le persone. Fu nauseante perché prendevano pezzi piccoli e li mettevano sui nastri trasportatori e mentre il nastro trasportatore ti passava accanto avevi un tasto da premere se vedevi qualcosa che sembrava un pezzo di corpo o un gioiello o un documento di identità. Vedere queste cose che passavano accanto fu difficile per gli occhi, ma fu molto importante. Ho fatto questo fino a marzo del 2002.


Undicisettembre: Cosa è successo a te, o alla squadra con cui hai lavorato, mentre eravate a Ground Zero dall’11/9 fino a quando te ne sei andato a novembre?

Peter Forcelli: Abbiamo fatto il meglio che potevamo, il nostro spirito non era felice perché avevamo perso così tanti colleghi ma era come se fosse un dovere essere lì. Ricordo un giorno verso la fine del periodo che passai a Staten Island ero in piedi alla discarica e c'era un poliziotto con un uniforme del North Carolina, e gli dissi "Ehi che fai qui? Siamo in marzo adesso." Mi rispose "Mio figlio nacque il 12 di settembre e come americano ho voluto venire qui, ho sentito la necessità di venire ad aiutare." Quindi quest'uomo sei mesi dopo si sentì in obbligo di venire ad aiutare e fu una cosa toccante. Fu lo stesso per noi, a Ground Zero scavavamo per molte molte ore ed eravamo esausti.

Quando guidavi verso nord sulla West Side Highway c'era un’area dove non lasciavano passare nessuno a meno che fossi nelle forze dell’ordine, un medico o militare, e c'erano centinaia di persone che stavano lì in piedi ad applaudire. C'era un grande senso di apprezzamento per coloro che lavoravano laggiù. Avevo lavorato nelle forze dell’ordine per quindici anni a quel tempo e di solito a New York non sentivi quel senso di apprezzamento, nessuno ti ringraziava perché facevi il tuo lavoro. Dava molta motivazione per andare là a lavorare. Recentemente ho scoperto di avere un cancro ai polmoni e sono abbastanza sicuro che è causato dai giorni che ho passato là, ma tuttora non mi sono pentito di esserci andato.


Undicisettembre: L’11/9 come condiziona la tua vita quotidiana?

Peter Forcelli: Fino allo scorso settembre non sapevo di avere un cancro ai polmoni, mi sentivo bene ma è comunque qualcosa che ricordi, non è qualcosa che puoi dimenticare e talvolta vengono gli incubi. Voglio dire, amo il mio lavoro e questo mi ha aiutato a superarlo. Non lavoro più a New York in parte a causa dell’11/9. Ho lavorato a New York fino al 2007 e andare a Lower Manhattan in macchina era una cosa toccante e ci dovevo andare costantemente; c'erano momenti in cui andavo al lavoro ed era difficile perché mi ricordava quel giorno.

Ogni tanto qualcuno mi chiama per dirmi che qualcuno dei miei amici è morto a causa dell’11/9 e mi riporta indietro a quel giorno. Quindi provi a dimenticare le cose orribili e a ricordare le cose buone che sono successe come il modo in cui la gente si è unita e il senso di urgenza nell'aiutarsi vicendevolmente, ma non puoi mai dimenticare un evento di tale grandezza.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie del complotto secondo cui l’11/9 è stato un autoattentato?

Peter Forcelli: Non credo che sia possibile, e ti dico perché, e molte persone non sanno questo: il quartier generale della CIA era in uno dei palazzi che furono distrutti. E so per certo che stavano cercando molti documenti, c'erano aree dove anche se io ero nelle forze dell’ordine non potevo andare a cercare, non lasciavano avvicinare. Se fosse stato un inside job perché non avrebbero dovuto permettere di farlo? Hanno perso molte cose che per loro erano importanti.

Non credo sia possibile che un governo qualunque faccia questo alle sue persone, e non sono un grande fan di molte cose che il nostro governo fa.


Undicisettembre: Quanto pensi che sia sicura la nazione oggi? Anche considerando gli attentati avvenuti dopo l’11/9, come quello alla maratona di Boston o il pipe bomber nel New Jersey?

Peter Forcelli: Penso che facciamo del nostro meglio e mi spezza il cuore vedere ciò che succede in altre nazioni in Europa o in Africa, ci sono persone a cui non piace l'occidente. Ci sono persone che vogliono che gli altri credano in ciò che loro credono e null'altro. A loro non piace che noi viviamo nella libertà e che possiamo sentire la musica e cose di questo tipo. Loro devono solo riuscire nel loro intento una volta ogni tanto, mentre i tutori della legge devono riuscire tutte le volte per evitare che queste cose succedano e non è possibile. Penso che vedremo il terrorismo ancora per un po'.


Undicisettembre: Pensi che la nazione viva ancora nella paura o ha recuperato la sua posizione mondiale?

Peter Forcelli: Un po’ di entrambe le cose. Credo che la maggior parte degli americani semplicemente viva la propria vita, molti americani hanno dimenticato l’11/9 e talvolta è una cosa buona, non avere paura, ma alle volte è negativo perché se non fai attenzione e non stai in guardia è molto semplice diventare una vittima.

Penso che tutto ciò che gli Stati Uniti facciano sia giusto? Beh, ovviamente no. Quando vedo le cose che succedono in Israele e in quelle zone penso che le persone dovrebbero provare ad andare d'accordo e a capirsi l'un l'altro, ma di nuovo ci sono alcune culture là fuori che non credono che dovremmo ascoltare musica o che le donne possano guidare o ottenere un’istruzione e ci sono persone a cui non piace che siamo alleati stretti di Israele.

Alle volte credo che gli Stati Uniti Dovrebbero farsi gli affari loro e preoccuparsi della propria politica, per questo non sono un politico.

2017/12/04

Il diario di Osama bin Laden

di Hammer

Lo scorso 1 novembre la CIA ha rilasciato parte del materiale documentale trovato nel compound di Abbottabad dove si nascondeva Osama bin Laden prima di essere ucciso nella notte tra l’1 e il 2 maggio del 2011. All'interno dell'immensa mole di documenti che sono stati resi pubblici si trova un diario di 228 pagine scritte a mano dallo stesso terrorista saudita tra il 5 marzo e l’1 maggio, cioè fino a poche ore prima della sua morte.


Purtroppo il testo è disponibile solo in arabo, tuttavia alcune testate occidentali hanno pubblicato degli articoli sull'argomento cercando di spiegarne i contenuti più importanti. L'analisi più completa è quella del giornalista americano Hassan Hassan (probabilmente per il fatto che essendo di origine siriana è in grado di leggere il testo in autonomia senza aiuto di traduttori), che in una lunga serie di post su Twitter ha pubblicato numerosi stralci di traduzione del testo originale. Hassan ha anche pubblicato due articoli sulla testata online The National (il 2 novembre e l'8 novembre) in cui si addentra nel contenuto del diario.

Nel testo Osama cita come ispirazione per la sua radicalizzazione l'ammirazione per l'ex primo ministro turco Necmettin Erbakan e la militanza nei Fratelli Musulmani, di cui però critica la scarsità di mezzi e di conoscenze. Per esempio, Osama lamenta che nelle riunioni settimanali per leggere la Sira (testo islamico che raccoglie le biografie tradizionali di Maometto) il testo fosse incompleto e sottolinea come dal punto di vista religioso l'influenza del movimento su di lui fu scarsa. La sua ammirazione per Erbakan lo spinse nel 1976 a intraprendere un viaggio in Turchia, finanziato dai Fratelli Musulmani, dove venne per la prima volta in contatto con dei movimenti jihadisti. Di nuovo bin Laden lamenta la scarsa organizzazione dei Fratelli Musulmani, che lo ha costretto a 12 ore di trasporto in pullman, anziché un volo che sarebbe stato molto più breve. Il suo odio per il mondo occidentale nacque durante un viaggio scolastico in UK, che lo portò anche a visitare la casa natale di Shakespeare a Stratford-upon-Avon. Un articolo di The Guardian sul medesimo argomento aggiunge che in questa occasione bin Laden giunse alla conclusione che la società occidentale è decadente e troppo libertina.

La testata online Long War Journal, che ha ricevuto il testo in anticipo dalla CIA, aggiunge anche che una sezione del diario è dedicata alla primavera araba, che nei primi mesi del 2011 era un tema di attualità. Al Jazeera entra in maggiore dettaglio sull'argomento (anche in questo caso probabilmente grazie al fatto che l'autore dell'articolo può leggere il testo originale senza traduzione), spiegando che bin Laden nutriva il timore che Gheddafi potesse riuscire a sottomettere i ribelli e questo avrebbe avuto ripercussioni negative in quanto, riteneva il terrorista, il caos e il vuoto di potere avrebbero potuto creare un terreno fertile che avrebbe consentito ad al Qaeda di attecchire nel paese. Al contrario la stessa situazione favorevole al terrorismo non avrebbe avuto luogo in altri paesi come la Tunisia o l'Egitto. Purtroppo l'articolo non entra nel dettaglio di perché bin Laden sostenesse questa tesi.

Il terrorista esprime nel proprio scritto anche il timore che lo Yemen potesse essere coinvolto da un movimento rivoltoso analogo alla primavera araba, tuttavia non ritiene il popolo pronto a un simile evento; cadendo in un’evidente contraddizione, scrive anche che al Qaeda avrebbe potuto contribuire a far nascere una rivolta nel paese per poi approfittare del caos che si sarebbe verificato. Il Time, in un articolo firmato da cinque giornalisti dell'Associated Press di cui quattro hanno nomi di origine araba, fa notare che nonostante l'estesa presenza di al Qaeda nella penisola arabica, bin Laden non sembra avere avuto più informazioni di quelle diffuse dalla stampa; il motivo può essere che il leader si trovava effettivamente isolato oppure che non voleva lasciare tracce scritte delle informazioni che gli arrivavano dai membri della propria organizzazione.

Osama auspica anche la caduta del regime saudita ed esprime contrarietà a molti governi arabi al pari degli Stati Uniti. Questi ultimi vengono descritti come la testa del serpente che, una volta tagliata, avrebbe tolto la protezione ai regimi arabi, che sarebbero caduti di conseguenza.

Hassan Hassan chiude la sua lunga serie di tweet con una considerazione sul cartellino del prezzo che è stato scansionato insieme al diario e dal quale si evince che il quaderno è stato acquistato in un negozio a 113 chilometri da Abbottabad (distanza per la quale Google Maps mostra il sorprendente tempo di percorrenza di tre ore) per 125 rupie, equivalente di circa un euro al cambio attuale.


Purtroppo le informazioni disponibili su questo testo sono poche e frammentarie; in 228 pagine il terrorista saudita ha sicuramente scritto molto altro. Hassan Hassan commenta in chiusura al proprio articolo che questo documento, oltre a fornire un prezioso quanto raro spaccato della mente di un leader della jihad, fornisce informazioni poco note in precedenza, come per esempio quanto il cosiddetto Islam politico abbia influenzato il pensiero di bin Laden.

Hassan conclude dicendo che il diario di bin Laden può essere di grande aiuto ai ricercatori per capire perché l'Islam radicale continua a raccogliere adepti nonostante sedici anni di guerra al terrorismo. Il livello di comprensione attuale sullo jihadismo, continua il giornalista, si basa su studi vecchi di decenni redatti quando le conoscenze del fenomeno erano notevolmente inferiori. Anche Long War Journal conclude con una riflessione analoga, cioè che il documento appena pubblicato può essere utile alle ricerche sulla jihad e auspica che giornalisti, esperti e ricercatori uniscano le loro forze nello studio di questo diario. A questo auspicio ci uniamo anche noi di Undicisettembre.

2017/11/05

Visita al World Trade Center

di Hammer

Ero arrivato a New York la sera prima e avevo incontrato per cena uno dei soccorritori che ho intervistato in questi anni. A cena con noi c'era anche un suo amico e collega che lavora come ospite esterno presso gli uffici della FEMA al World Trade Center. Gli ho chiesto se poteva farmi entrare nella torre, mi ha risposto positivamente, ma avrebbe dovuto comunicare la mia presenza all'agenzia che si occupa della sicurezza al WTC il giorno prima, cioè in quello stesso momento. Lo ha fatto e ha ottenuto l'approvazione in pochi minuti, così la mattina del 27 ottobre, molto presto, ho potuto entrare nel nuovo One World Trade Center.

Siamo passati attraverso l'imponente struttura chiamata Oculus, disegnata dall'architetto spagnolo Santiago Calatrava, che, da quanto mi hanno raccontato, ogni 11/9 alle 8:46 (orario dello schianto del volo American Airlines 11) si oscura completamente senza lasciare entrare la luce solare. Attraverso Oculus si accede al centro commerciale sotterraneo che si sviluppa per due piani interrati e da cui si arriva alla lobby del One World Trade Center, dove le guardie mi hanno chiesto il passaporto (la carta d'identità non è stata sufficiente) per ricevere il badge che mi autorizzava ai soli piani 52 e 64, dove si trovano gli uffici della FEMA. Sono passato attraverso il metal detector e poi finalmente sono arrivato all'ascensore.

La vista dalle finestre della torre è strabiliante: si vede la città con i suoi simboli più riconoscibili come l'Empire State Building e il Chrysler Building, si vedono il fiume Hudson e il World Financial Center, si vede lo stato del New Jersey e da lassù la Statua della Libertà sembra piccola come un giocattolo.

Non ero mai stato nelle Torri Gemelle (le ho solo viste dal battello), ma dalle foto mi sembra che gli uffici non fossero così luminosi come quelli dell'attuale prodigioso edificio a base quadrata, che diventa un ottagono salendo, per poi tornare ad essere un quadrato in cima ruotato di 45 gradi rispetto a quello di base.

Terminata la visita sono ridisceso nella Plaza, che rispetto alla mia ultima visita di tre anni fa è molto migliorata. I due cantieri che stanno costruendo gli edifici 2 e 5 non impediscono alla piazza di essere un luogo pieno di attività, dove la gente passeggia, si incontra o si siede a riposare.

Poco dopo ho incontrato un sopravvissuto che intervistai qualche anno fa e che è anche una guida al 9/11 Memorial Museum ma che quella mattina era in visita privata e quindi ha potuto fare a me da guida personale. Prima di entrare al museo mi ha spiegato che le due fontane che occupano il posto delle Torri Gemelle sono leggermente più piccole dei compianti edifici e che il perimetro delle torri è oggi occupato dagli alberi che circondano le fontane stesse.

La struttura esterna delle fontane su cui sono incisi i nomi delle vittime è riscaldata in modo che non geli d'inverno e che non venga coperta dalla neve. Nei nomi delle persone vengono infilati quotidianamente dei fiori bianchi nei giorni dei loro compleanni, con una media di otto al giorno. Nella Plaza è piantato anche l'unico albero sopravvissuto all'11/9, i cui semi verranno ripiantati in modo che non muoia mai.

Dopo il giro nella Plaza siamo scesi nel museo, che rispetto a tre anni fa è stato completato con alcuni reperti che all'epoca mancavano, come l'unico pannello di vetro intatto recuperato da Ground Zero (immagine a destra), un mattone del compound di Abbottabad dove si nascondeva Osama bin Laden e la casacca indossata da uno dei Navy SEALs che condussero la missione che uccise il terrorista saudita.

Il memoriale offre un toccante e tuttora doloroso ricordo di quell'incredibile tragedia, ma anche dell'eroismo dei soccorritori e della lotta e della speranza per la rinascita e la ricostruzione. Il museo tratta anche in dettaglio la storia di al Qaeda e di come gli inquirenti abbiano identificato i responsabili dell'attacco.

Tra i vari reperti conservati al museo si trova anche una rampa di scale di una delle Torri Gemelle (immagine sotto), che già alla vista appare da subito molto stretta; si può chiaramente intuire quale fatica abbiano sopportato i pompieri nel salire carichi del loro equipaggiamento mentre la folla scendeva in cerca di salvezza.

L'allargamento delle scale, mi ha spiegato la mia guida personale, è solo una delle tante migliorie di sicurezza introdotte nelle nuove strutture; tra queste vi è anche il fatto che i primi 19 piani alla base della torre sono di cemento e non abitabili (nelle Torri Gemelle erano solo 5) per resistere a nuove eventuali esplosioni nei piani bassi.

Dopo essere uscito dal museo e prima di allontanarmi dalla Plaza ho rivisto anche The Sphere, il monumento che era al centro del complesso prima dell'11/9 (di cui abbiamo raccontato la storia in passato), che solo due mesi fa è stata spostata da Battery Park (alla punta meridionale di Manhattan) a Liberty Park, che si trova proprio accanto al World Trade Center.

Sono tornato nella Plaza nel tardo pomeriggio per incontrare un altro soccorritore con cui avevo appuntamento per cena. Anche lui è una guida al museo e mi ha raccontato altri dettagli, come il fatto che le sorgenti d'acqua che formano le fontane sono nello stesso numero delle vittime delle torri e che le fontane non hanno angoli di novanta gradi (ai vertici del quadrato ci sono lati più corti) in modo che ci si possa avvicinare anche in carrozzina. In ultimo mi ha fatto vedere la copertina dei manuali dei corsi antiterrorismo che i pompieri devono frequentare: prima dell'11/9 vi era l'immagine del WTC con un mirino puntato, dopo solo uno sfondo bianco.


Fortunatamente ancora una volta ho notato che i complottisti sono spariti. Non ci sono al World Trade Center né in nessuna altra zona della metropoli. Anche i banchetti di venditori ambulanti che nelle zone periferiche dei five boroughs vendono le cose più strane del mondo, tra cui DVD su ogni teoria del complotto immaginabile, non hanno quelli sull'11/9. Nemmeno chiedendoli, non li vendono proprio.

Al mio terzo viaggio a New York dopo l'11/9 posso constatare che la prima volta, nel 2008, regnava ancora il dolore, la seconda volta si respirava la speranza e la voglia di rinascere, mentre oggi la vita è tornata a colmare questa città, che è tra le più importanti al mondo.

2017/10/16

Le teorie del complotto sull'attentato alla maratona di Boston - prima parte

di Hammer. Alcune foto particolarmente impressionanti non sono state inserite nell'articolo, ma caricate altrove e qui solo linkate. I lettori possono aprire i link a loro discrezione.

Il 15 aprile del 2013 due ordigni esplosivi realizzati con pentole a pressione, chiodi, pezzi di ferro e sfere metalliche esplosero a distanza di dodici secondi vicino alla linea del traguardo della maratona di Boston, gara podistica organizzata annualmente in occasione del Patriot's Day. I perpetratori dell'attacco furono i fratelli Tamerlan e Džochar Tsarnaev, il primo dei quali fu ucciso dalla polizia quattro giorni dopo l'attentato, mentre il secondo è attualmente detenuto ed è stato condannato alla pena capitale nel 2015.

Nonostante le indagini abbiano individuato i responsabili, in rete sono nate numerose teorie del complotto secondo cui l'attentato sarebbe un inside job, come accade in occasione di tutti gli attentati di matrice islamica in Europa o in America. Queste teorie non reggono a un minimo di analisi critica e spiegare che si tratta di menzogne fantasiose e infondate dimostra ciò che i complottisti vorrebbero negare: cioè che il terrorismo islamico esiste e colpisce veramente. Non sono i governi a compiere questi atti, ma le organizzazioni terroristiche; lo hanno fatto a New York, Washington e Shanksville nel 2001, a Boston nel 2013 e molte altre volte in vari luoghi del mondo.

Le teorie alternative sull'attentato di Boston vogliono che cinque delle persone coinvolte nella strage siano in realtà attori il cui scopo era quello di far apparire i danni causati dagli esplosivi maggiori di quanto siano stati in realtà. Le cinque persone indicate dal complottisti sono il soccorritore Carlos Arrendono e i feriti Jeff Bauman, Christian Williams (chiamato dai complottisti hoody guy [sic], per via della felpa con cappuccio che indossava il giorno dell'attentato), Redcoat (così soprannominata per via del giubbotto rosso che indossava) e Nicole Gross.

Nella prima foto da sinistra, stesi a terra, Redcoat e Christian Williams; nella foto centrale, Carlos Arredondo e Jeff Bauman; nella terza foto, Nicole Gross.

Le teorie complottiste si sono sviluppate da analisi effettuate in parte sulle foto pubblicate dal fotografo Benjamin Thorndike (le cui versioni originali sono disponibili a questo indirizzo) e su altre riportate da varie testate online.

Nella prima delle foto proposte dai complottisti (riportata di seguito, l'evidenziazione è nostra), questi sostengono che hoody guy appena dopo l'esplosione indossi gli occhiali da sole per nascondere la propria identità. Va anzitutto considerato che l'identità dell'uomo è ben nota: si tratta come già detto di Christian Williams, circostanza che i complottisti non sono stati in grado di verificare nonostante basti una semplice ricerca con Google e nonostante l'identità dell'uomo sia nota già dal 2013.


Inoltre non è per nulla strano che Williams abbia indossato gli occhiali dopo l'esplosione, in primo luogo per proteggersi gli occhi da oggetti proiettati dall'esplosione stessa, in secondo luogo per avere le mani libere e potersi divincolare dal groviglio di corpi in cui si trova. In ultimo, se Williams avesse voluto nascondere la propria identità avrebbe indossato gli occhiali prima dell'esplosione e non dopo, quando fotografi e passanti stavano scattando foto dell'evento drammatico.

Analizzando le foto successive i complottisti passano a sostenere che Williams e Redcoat sembrano stranamente poco sporchi del sangue di Bauman, che ha appena perso entrambe le gambe nell'esplosione.


In realtà i complottisti ignorano un dettaglio molto evidente: ingrandendo l'immagine emerge chiaro che Redcoat si ritrova sull'addome brandelli della gamba di Bauman mutilato. Il dettaglio è visibile in questa immagine.

Per quanto riguarda la presenza di sangue sulla scena va precisato che Bauman, cioè la persona che verosimilmente ha perso più sangue, si trova sotto agli altri dopo l'esplosione. Infatti il suolo sotto di loro è coperto da copiose quantità di sangue, come si vede in alcune foto come questa o questa. Francamente l'obiezione dei complottisti in questo caso è incomprensibile.

Le fonti che sostengono la teoria del false flag sostengono anche che Williams non mostrerebbe particolari ferite nelle foto. In realtà dalle fotografie non si capisce chiaramente, ma Williams riportò notevoli danni a una mano, che risultò parzialmente scuoiata. Dalle stesse foto indicate dai complottisti, di cui riportiamo di seguito il dettaglio, si vede chiaramente che Williams tiene la mano sinistra sospesa, non appoggiandola da nessuna parte in una posizione estremamente innaturale per chiunque abbia una mano sana.


Inoltre, in seguito all'attentato Williams e la moglie avviarono una campagna di raccolta fondi per pagarsi le spese mediche; dalle foto pubblicate in tale occasione si vedono chiaramente i due ricoverati all'ospedale, i danni riportati alle gambe da entrambi e la mano bendata di Williams. Il fantomatico complotto deve quindi necessariamente includere anche lo staff dell'ospedale.

Come anticipato, anche il soccorritore Carlos Arredondo viene accusato dai complottisti di aver mentito e di essere anch'egli parte della recita. Il motivo per cui Arredondo viene accusato di falso è che non si sarebbe precipitato a soccorrere Bauman, come dichiarato in un'intervista, ma avrebbe perso tempo, in quanto nella foto precedente (di cui riportiamo di seguito un dettaglio) lo si vede vicino alla barriera che separa il marciapiede dalla carreggiata e altre foto (tra cui quella che segue a destra) lo mostrano poco dopo impegnato nell'atto di abbattere la medesima barriera. Premettiamo che questa teoria è completamente inconsistente; quand'anche Arredondo avesse perso tempo e dichiarato il falso, non si capisce come questo indicherebbe che lo stesso Arredondo sia una dei cospiratori.


Per capire meglio gli spostamenti di Arredondo, dobbiamo anzitutto considerare la scena dove è avvenuta l'esplosione. Come si vede dall'immagine seguente, che ritrae il momento della prima esplosione avvenuta tra i numeri civici 671 e 673 di Boylston Street, gli spalti si trovano nell'area a sinistra rispetto alla carreggiata principale dove si svolge la maratona, mentre la bomba è esplosa nella zona di destra dove il pubblico era libero di spostarsi a piedi.


Al momento dell'esplosione Arredondo si trovava sugli spalti (cioè a sinistra nella foto), e dopo la detonazione saltò la recinzione che li delimitava e attraversò rapidamente la strada arrivando alla barriera che delimitava l'area dove era stata posizionata la bomba.

Come mostrato in un'altra foto su cui si accaniscono i complottisti (di cui di seguito riportiamo il dettaglio ingrandito), una volta giunto nella zona dove era avvenuta l'esplosione Arredondo dapprima si fermò un attimo, probabilmente per capire dove il suo aiuto sarebbe stato maggiormente richiesto, e poi iniziò ad aiutare nella rimozione della barriera al fine di facilitare l'arrivo dei soccorsi e il trasporto dei feriti, operazioni che avrebbero dovuto svolgersi attraverso la strada principale dove fino a poco prima si stava svolgendo la maratona.


Riguardo alla foto che mostra Arredondo fermo vicino alla barriera, i complottisti sostengono che l'uomo indichi verso di sé con la mano destra, come se stesse ricevendo istruzioni su cosa avrebbe dovuto fare. In realtà dalla foto si vede che la mano di Arredondo non è chiusa a pugno e il suo indice non è teso verso di sé, Arredondo quindi non si sta indicando; di nuovo, però, va notato che la teoria complottista è completamente folle. I complottisti ci stanno dicendo che Arredondo è un cospiratore e che non sa cosa deve fare una volta arrivato nelle vicinanze dell'esplosione e che deve attendere indicazioni lì stesso. Inoltre abbattere la barriera non è una perdita di tempo, ma è parte stessa della sua operazione di soccorso; infatti una volta arrivato lì, la cosa più importante che Arredondo dovette fare fu facilitare l'accesso dei paramedici e del personale di soccorso.

I complottisti dedicano anche parte della loro fantasia a Jeff Bauman, che secondo loro non sarebbe rimasto ferito durante l'attentato ma sarebbe arrivato lì già senza le gambe per prendere parte alla recita. Le prove sarebbero, secondo i complottisti, che nelle immagini da loro analizzate il sangue sparso a terra sembra finto, che Bauman fu rimosso in carrozzina e non in barella, senza un lenzuolo o coperta che gli coprissero gli arti mutilati, e che durante il trasporto non perse sangue.

Anzittutto va sottolineato che tutte le foto di Bauman successive all'esplosione mostrano l'uomo con le tibie esposte. I complottisti stanno quindi sostenendo che Bauman, mutilato prima degli attentati, andasse in giro abitualmente con le tibie esposte. Inoltre l'asserzione secondo cui le macchie di sangue sembrerebbero innaturali è del tutto priva di senso. Ci sono molte foto che mostrano larghe pozze di sangue (alcune delle quali abbiamo già linkato in precedenza) e non ci vediamo nulla di sospetto.

Anche per quanto riguarda il trasporto di Bauman in carrozzina, non vediamo cosa ci sia di misterioso. Bauman era tra i feriti più gravi e la carrozzina si muove più velocemente di qualunque barella, che deve essere portata da due persone. Il motivo per cui l'uomo non sanguina, e per cui non è stato coperto, è più che ovvio: durante il trasporto Arredondo gli chiude con le dita l'arteria femorale per evitare che muoia dissanguato, come si vede chiaramente da foto come questa.

In ultimo, i complottisti si stupiscono che Bauman possa piegare il ginocchio. Di nuovo, non si capisce come anche questo possa essere indizio di una cospirazione, comunque sia le gambe di Bauman sono state mutilate sotto al ginocchio per cui non si capisce perché dovrebbe essere strano che le possa piegare.

La fantasia dei complottisti non risparmia neanche Nicole Gross, ritratta in un'iconica foto a terra con lo sguardo perso nel vuoto avanti a sé. Secondo i complottisti i danni riportati dalla donna secondo i media, come una frattura a una caviglia, una lesione del tendine d'Achille e due fratture alla braccia, sarebbero fasulli, in quando Nicole nella foto appare secondo loro perfettamente sana e in grado di reagire.


I complottisti a tal proposito ignorano che sicuramente la Gross si è trovata nell'onda d'urto dell'esplosione perché nella foto si trova seduta su del sangue non suo (verosimilmente di Bauman), ha gli abiti strappati (sia i pantaloni, sia le maniche della felpa) e almeno una delle due scarpe le è stata sfilata dalla caduta. Quindi sicuramente la donna ha riportato delle ferite, e se fosse stata un'attrice parte di una cospirazione si sarebbe tenuta a distanza dall'esplosione. Inoltre anche in questo caso, in rete si trovano facilmente molte foto di Nicole Gross all'ospedale dopo l'attentato e di nuovo medici e infermieri dovrebbero essere parte della cospirazione. In ultimo, guardando proprio la foto su cui si accaniscono i complottisti si vede chiaramente che la donna ha numerose ferite alle gambe.

Come nel caso dell'11/9 anche analizzando le teorie del complotto sull'attentato di Boston non ci si trova davanti a nessun valido motivo per credere al false flag. Infatti questa breve analisi conferma che le teorie del complotto riguardanti gli attentati di Boston sono frutto di teorie preconcette basate nella migliore delle ipotesi su estrema superficialità.

2017/09/26

An interview with Robert O'Neill: the Navy SEAL who killed Osama bin Laden

by Hammer. An Italian translation is available here.

On the night between 1-2 May 2011, Osama bin Laden was killed by a special team of the Navy SEALs in the compound at Abbottabad, in Pakistan, where he had been hiding for years. Robert O'Neill is the man who fired the killing shot during that mission. Since 2013, he has given his account many times in interviews, in documentaries and in his autobiography The Operator (Amazon), published in April 2017.

O'Neill accepted our request to grant us an interview, which we now offer to our readers.

We would like to thank O'Neill for his kindness and willingness to share his experience.


Undicisettembre: Hi Rob, first of all thanks for the time you are giving us. You got a chance to see Osama bin Laden alive for a brief moment, did anything in particular strike you of him as a person?

Robert O’Neill: I was surprised by how tall he was and I was surprised how short his beard was and that it was gray. He was skinny too.


Undicisettembre: How was this mission different from the others you were involved in?

Robert O’Neill: Just because we were going into Pakistan and we didn’t clear with Pakistan, a sovereign nation, even though we told the Pakistani government “If we find him, we are going to go get him”, it was very unique because if they saw us coming they could have defended themselves by trying to shoot down our helicopter. So it was very, very different.

Other that that it was pretty routine, we knew what we were going to do and we just did our jobs.


Undicisettembre: What can you tell us about the aerodynamic problems faced by the helicopter that crashed on the ground while you guys were approaching the compound?

Robert O’Neill: I’m not sure what it was because I’m not a pilot but what the pilot did tell me was that the weather was a few degrees Celsius warmer than we thought and because the wall was made of stone and mud there was some reaction with the updraft and he knew he needed to land it or it would have crashed.

It did crash, but it was a controlled crash.


Undicisettembre: What are your thoughts about the decision not to show pictures of Osama bin Laden dead?

Robert O’Neill: I think it was a good decision, because they are very graphic. They just wanted to tell people “take the word for it”. I do think they eventually will release them and it will probably be for political reasons; I mean, the pictures exist and they are somewhere in Washington D.C.

But I think it was a good decision not to show them, it was a good decision to bury him at sea and it was a good decision to tear the house down.


Undicisettembre: I get your point, but this is raising a lot of controversy because some people say that he was not killed there because they are not showing the pictures.

Robert O’Neill: Well, it is one of those things where I have a difficult time trying to defend it, because I can understand why they say that, but I saw that happen. So when I hear people trying to tell me it’s not real I don’t think they are very serious because everybody there risked their lives, everybody there said “goodbye” to their children, everyone there pretty much knew we were going to die.

We all did it, we all went, we did it right, we brought him back, so when someone behind a keyboard decides they know more that we do I don’t take it very seriously.


Undicisettembre: Even if you already answered part of my next question, I’m going to ask it anyway. What do you think about the decision to bury him at sea within a few hours?

Robert O’Neill: It’s a great decision because whether they like it or not it stands with Muslim beliefs that you must bury him within the next 24 hours. We knew if we killed him that was going to happen anyway.

It’s a great decision. I didn’t personally bury him at sea, we handed him off to another unit who took him out to that ship. It was a good idea.


Undicisettembre: Has this mission given you a new insight into being a Navy SEAL?

Robert O’Neill: Well, everybody there had many, many years of experience and it wasn’t even the hardest mission we’ve ever done. We learned from everything we did in Somalia, or Iraq, or Pakistan, or Afghanistan, so it was a pretty standard thing and it didn’t teach us anything new.


Undicisettembre: What can you tell us about the wife bin Laden used to cover himself with? It’s crazy to me that he was covering himself with a little girl.

Robert O’Neill: I’ve seen that before with a lot of high value al Qaeda. They say you should be a martyr but when it comes down to it they turn into cowards. Her name is Amal. There are parts in The Operator where we quote some of the stuff that she said when she was interviewed by the Pakistanis, and her account is the same as my account.


Undicisettembre: I have a question about your book also. It’s very strange that the number of the SEAL Team you were in is redacted. I mean, it very well known it was Team 6. It has been known for six years and now they are redacting it, to me it doesn’t add up. What are your thoughts about it?

Robert O’Neill: The Pentagon was very good to me. They took the book, there wasn’t anything classified in it and they were very generous, I think they felt the need to redact something. So they took that number out, playing along I don’t say the name of it anymore but we all can figure out when I say “SEAL Team 2, SEAL Team 4, SEAL Team ‘blank’.”

It’s fine, they redacted it, I respect what they did. It is what it is.


Undicisettembre: What do you think of the probable Saudi responsibilities in 9/11? Do you have an opinion on this?

Robert O’Neill: Well, 15 of the 19 hijackers were from Saudi Arabia. And the core beliefs of al Qaeda, Isis, al Shabbab and other groups are based on radical theories on Wahabi, Salafi version of Sunni Islam that has come out of Mecca. So I wouldn’t say so much that the Saudi Royal family is involved, but I know there are oil rich Saudis who fund it. We have to admit the truth that the problem comes from places like Saudi Arabia and Qatar. It is from there, that’s who they are.


Undicisettembre: You said and wrote that at the very beginning of the planning of the Abbottabad mission there were three options: involving the Pakistanis, bombing the compound and a mission by special forces. What do you think of the decision of going with a special force? I’m asking this because now Russia is saying they killed al Baghdadi but we are not sure because they bombed him.

Robert O’Neill: Yes, Russia said they killed al Baghdadi by them, but actually who knows? I think when president Obama told us about bin Laden after we were finished he said “I was not 100% sure bin Laden was there but I was 100% sure your team could go in.”

Imagine if we bombed him! I shot him in the face after seeing him man to man and there are still conspiracy theories, imagine if we bombed him and said “Yes, we got him!”. It would be all over the place. So, it was a great call to use a special force.


Undicisettembre: How does the Abbottabad mission affect your everyday life?

Robert O’Neill: Well, a lot of the reason why I came out with the story is to help families of 9/11 victims that tell me every single day it helps them to sleep better at night; so it’s worth just to help them in the healing process.

It definitely changed my life, but that’s that.

Intervista a Robert O'Neill, il Navy SEAL che uccise Osama bin Laden

di Hammer. L'originale in inglese è disponibile qui.

Nella notte tra l'1 e il 2 maggio del 2011 Osama bin Laden fu ucciso da una squadra speciale dei Navy SEALs nel compound di Abbottabad, in Pakistan, in cui viveva nascosto da anni. Robert O'Neill è l'uomo che durante quella missione sparò il colpo mortale al terrorista saudita; dal 2013 ha raccontato varie volte la propria storia in interviste, documentari e nella sua autobiografia intitolata The Operator, pubblicata nell'aprile del 2017 e di prossima uscita in italiano (Feltrinelli).

O'Neill ha accettato la nostra richiesta di rilasciarci un'intervista, che offriamo di seguito ai nostri lettori.

Ringraziamo O'Neill per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Ciao Rob, anzitutto grazie del tempo che ci stai dedicando. Hai avuto un’occasione di vedere Osama bin Laden vivo per un momento, ti ha colpito qualcosa in particolare di lui come persona?

Robert O’Neill: Fui sorpreso da quanto fosse alto e fui sorpreso da quanto fosse corta la sua barba e del fatto che fosse grigia. Era anche magro.


Undicisettembre: Cosa aveva di diverso questa missione rispetto alle altre a cui hai partecipato?

Robert O’Neill: Solo per il fatto che stavamo entrando in Pakistan e che non avevamo preso accordi con il Pakistan, una nazione sovrana, anche se avevamo detto al governo pakistano “Se lo troviamo, lo prendiamo”, è stata una missione molto particolare, perché se ci avessero visto arrivare avrebbero potuto difendersi cercando di abbattere il nostro elicottero. Quindi è stata molto, molto diversa.

A parte questo era piuttosto routinaria, sapevamo cosa dovevamo fare e abbiamo semplicemente fatto il nostro lavoro.


Undicisettembre: Cosa puoi dirci dei problemi aerodinamici occorsi all’elicottero che si è schiantato al suolo mentre vi avvicinavate al compound?

Robert O’Neill: Non so con precisione cosa sia successo, perché non sono un pilota, ma ciò che il pilota mi disse era che le condizioni meteo erano di qualche grado Celsius più calde di quanto ci aspettassimo e siccome il muro era fatto di pietra e fango c'è stata una reazione con la corrente ascensionale e lui sapeva che era necessario far atterrare l'elicottero o si sarebbe schiantato.

Effettivamente si è schiantato, ma è stato uno schianto controllato.


Undicisettembre: Cosa pensi della decisione di non mostrare foto di Osama bin Laden morto?

Robert O’Neill: Credo che sia stata una buona decisione, perché sono molto impressionanti. Hanno semplicemente voluto dire alla gente “Credeteci sulla parola”. Penso che prima o poi verranno pubblicate e avverrà probabilmente per motivi politici; voglio dire, le foto esistono e sono da qualche parte a Washington.

Ma penso che sia stata una buona decisione non mostrarle, che sia stata una buona decisione seppellirlo in mare e che sia stata una buona decisione demolire la casa.


Undicisettembre: Capisco il tuo punto di vista, ma questo genera molte polemiche perché qualcuno dice che non è stato ucciso lì perché non mostrano le foto.

Robert O’Neill: Beh, è una di quelle cose che ho difficoltà a giustificare, perché posso capire perché lo dicono, ma io l'ho visto succedere. Quindi quando sento gente che cerca di dirmi che non è vero, non la prendo molto seriamente, perché lì tutti noi abbiamo rischiato la nostra vita, tutti abbiamo salutato i nostri figli, tutti pensavamo che saremmo morti.

Lo abbiamo fatto insieme, tutti siamo andati, lo abbiamo fatto bene, l'abbiamo riportato indietro, quindi quando qualcuno che si nasconde dietro una tastiera decide che ne sa più di noi non lo prendo molto seriamente.


Undicisettembre: Anche se in parte hai già risposto alla mia prossima domanda, te la faccio lo stesso. Cosa pensi della decisione di seppellirlo in mare nel giro di poche ore?

Robert O’Neill: È stata un'ottima decisione, perché che piaccia loro o no è coerente con il credo islamico secondo cui avremmo dovuto seppellirlo nelle successive 24 ore. Sapevamo che se l'avessimo ucciso sarebbe andata così in qualunque caso.

È stata un'ottima decisione. Non l'ho seppellito in mare personalmente io, l'abbiamo affidato a un'altra unità che l'ha portato su quella nave. È stata una buona idea.


Undicisettembre: Questa missione ti ha dato una nuova visione dell’essere un Navy SEAL?

Robert O’Neill: Beh, tutti lì avevano molti, molti anni di esperienza e non è stata nemmeno la missione più difficile che abbiamo compiuto. Abbiamo imparato da tutto ciò che abbiamo fatto in Somalia, o in Iraq, o in Pakistan, o in Afghanistan, quindi è stata una cosa piuttosto standard e non ci ha insegnato nulla di nuovo.


Undicisettembre: Cosa ci puoi dire della moglie che bin Laden ha usato come scudo? Trovo pazzesco che si coprisse con una ragazzina.

Robert O’Neill: L'avevo già visto fare da altre persone di alto livello di al Qaeda. Dicono che bisogna essere martiri, ma quando succede a loro si trasformano in codardi. Il suo nome è Amal. Ci sono dei brani in The Operator dove citiamo alcune delle cose che ha detto quando è stata intervistata dai pakistani, il suo racconto è uguale al mio.


Undicisettembre: Ho anche una domanda sul tuo libro. È molto strano che il numero della squadra a cui appartenevi sia stato censurato. Voglio dire, è ben noto che si trattava del SEAL Team 6. È noto da 6 anni e adesso lo censurano, per me non ha senso. Cosa ne pensi?

Robert O’Neill: Il Pentagono con me si è comportato molto bene. Hanno preso il libro, non conteneva nulla di riservato e sono stati molto generosi. Credo che abbiano sentito la necessità di censurare qualcosa. Quindi hanno tolto il numero della squadra, e adeguandomi alla loro decisione non lo dico più nemmeno io, ma tutti lo possono immaginare quando dico “SEAL Team 2, SEAL Team 4, SEAL Team ‘omissis’”.

Va bene così, l'hanno tolto, rispetto ciò che hanno fatto. Le cose stanno così.


Undicisettembre: Cosa pensi delle probabili responsabilità saudite nell’11/9? Hai un’opinione in proposito?

Robert O’Neill: Beh, 15 dei 19 dirottatori erano sauditi. E le credenze principali di al Qaeda, dell'Isis, di al Shabbab e di altri gruppi sono basate su teorie radicali del wahabismo, la versione salafita dell'Islam sunnita, che arriva dalla Mecca. Quindi non direi tanto che la famiglia reale saudita è coinvolta, ma so che ci sono dei sauditi, arricchiti con il petrolio, che lo finanziano. Dobbiamo ammettere la verità che il problema viene da posti come l'Arabia Saudita e il Qatar. Viene da lì, loro sono così.


Undicisettembre: Hai detto e scritto che nelle primissime fasi della pianificazione della missione di Abbottabad c’erano tre opzioni: coinvolgere il Pakistan, bombardare il compound e usare una squadra delle forze speciali. Cosa pensi della decisione di usare le forze speciali? Te lo chiedo perché adesso la Russia dice di aver ucciso al Baghdadi, ma non ne abbiamo la certezza perché lo hanno bombardato.

Robert O’Neill: Sì, la Russia dice di aver ucciso al Baghdadi, ma in realtà chi lo sa? Mi sembra che il presidente Obama ci abbia detto quando avevamo completato la missione “Non ero sicuro al 100% che bin Laden fosse lì ma ero sicuro al 100% che la vostra squadra avrebbe potuto entrare.”

Immaginati se l'avessimo bombardato! Gli ho sparato in faccia dopo averlo visto uomo a uomo e ancora ci sono le teorie del complotto; immaginati se l'avessimo bombardato e se avessimo detto “Sì, l'abbiamo preso!” Ci sarebbe una polemica enorme. Quindi credo che sia stata una buona idea usare delle forze speciali.


Undicisettembre: La missione di Abbottabad come condiziona la tua vita quotidiana?

Robert O’Neill: Beh, gran parte del motivo per cui sono uscito pubblicamente con questa storia è per aiutare le famiglie delle vittime dell’11/9, che mi dicono ogni giorno che li aiuta a dormire meglio la notte; quindi ne vale la pena anche solo per essere parte del processo di guarigione.

Sicuramente ha cambiato la mia vita, ma questo è tutto.