2019/02/11

Le traduzioni non ufficiali del 9/11 Commission Report - seconda parte

di Hammer. La prima parte di questo articolo è disponibile qui.

Si ringrazia Mr Olo per la consulenza sul francese


Traduzione in rumeno


Nel 2006 la casa editrice di Bucarest Editura ALL ha pubblicato una traduzione in rumeno del 9/11 Commission Report con il titolo 11 Septembrie 2001: Raportul final al comisiei americane de anchetă privind atacurile teroriste asupra Statelor Unite ale Americii. Gli autori della traduzione sono Gabriel Tudor, Radu Trif, Lena Călinoiu, Florin Sicoie e Simona Ceauşu.

Il testo è integrale, comprensivo di prefazione e note per ogni capitolo. Tuttavia manca una nota all'edizione rumena e non è quindi spiegato il motivo per cui la copertina sotto il titolo riporti la scritta Ediţie autorizată (Edizione autorizzata) sebbene il sito ufficiale della commissione chiarisca che nessuna traduzione può essere considerata ufficiale o autorizzata. La spiegazione più ovvia è che i traduttori abbiano banalmente riportato e tradotto la dicitura Authorized Edition che si trova sulla copertina dell'edizione in inglese sulla banda rossa.


Traduzioni in francese


In francese esistono due traduzioni del 9/11 Commission Report. La prima di queste è stata pubblicata dalla casa editrice Éditions des Équateurs con il titolo 11 Septembre: Rapport de la Commission d'Enquête. I traduttori del testo sono Josée Begaud, Alain Clément, Bérénice de Foville, Nordine Haddad, Géraldine Lenoir, Denise Luccioni, Christian Muguet e Emmanuelle Sandron.

Anche in questo caso la traduzione del testo principale è completa, ma mancano le note. Tuttavia il testo include alcune delle immagini del testo originale, quali le foto dei diciannove dirottatori, quella di Khalid Sheikh Mohammed e i disegni delle rotte percorse dai quattro voli dirottati. Il libro è introdotto da una prefazione di François Heisbourg che al tempo era presidente dell'istituto di ricerca britannico International Institute for Strategic Studies e che negli anni ha pubblicato molti libri su al-Qaeda e sul terrorismo internazionale.

Heisenburg spiega come l'11/9 sia stato un evento senza precedenti, così come anche lo sforzo della commissione d'inchiesta nel ricostruire gli eventi che hanno portato a un attacco così catastrofico è un evento rarissimo. Heisenburg cita come unico precedente l'indagine svolta dal governo Israeliano per capire la cause dell'attacco a sorpresa subito nell'ottobre del 1973 dall'esercito del loro paese da parte di Egitto e Siria.

Heisenburg riassume quindi velocemente i contenuti del rapporto, specificando che la commissione stessa ha smentito la presenza di legami tra bin Laden e Saddam Hussein, punto sulla quale la Casa Bianca insistette per anni per giustificare l'intervento militare in Iraq. In ultimo l'autore considera che le conclusioni a cui giunge la commissione devono essere utili anche per i lettori europei e non solo per quelli americani, perché il terrorismo minaccia anche l'Europa e le scelte politiche e amministrative per contrastare i movimenti jihadisti devono essere prese anche nel vecchio continente.

La seconda traduzione in francese è stata pubblicata nel 2005 dalla casa editrice Alban, il volume è intitolato 11 septembre 2001: Rapport final de la Commission Nationale sur les Attaques Terroristes Contre les Etats-Unis (un'anteprima è disponibile su Google Books) ed è stato tradotto da Tatiana Pruzan e Nathalie Quintin. Il testo principale è completo, ma anche in questo caso mancano le note. Il volume è aperto da una lunghissima introduzione (oltre venti pagine) del giornalista di France 24 Loïck Berrou. Nel suo lungo testo Berrou narra la storia della commissione a partire dalla sua fondazione dovuta alla necessità di chiarire le modalità con cui sono stati organizzati gli attentati e le responsabilità di chi ha omesso i controlli necessari; l’autore cita come casi analoghi che hanno portato alla nomina di commissioni d’inchiesta l’attacco a Pearl Harbor, l’omicidio di John Fitzgerald Kennedy e l'Irangate.

Berrou racconta di come inizialmente il presidente designato fosse Henry Kissinger, il quale rinunciò all'incarico poco dopo la nomina per essere sostituito dall'ex governatore del New Jersey Thomas Kean e dall'ex membro della Camera dei Rappresentanti per lo stato dell'Indiana Lee Hamilton. Il giornalista spiega poi come la commissione ha agito, ascoltando le deposizioni di testimoni a vari livelli per ricostruire quanto accaduto. Berrou riflette anche sulle conseguenze geopolitiche dell’11/9 e su come la guerra preventiva in Iraq abbia compromesso le relazioni internazionali degli Stati Uniti. In ultimo, osserva Berrou, l’11/9 è un esempio lampante di quali conseguenze possa avere la mancata collaborazione tra agenzie investigative e che la riforma di questi enti deve necessariamente superare le naturali resistenze.


La terza parte di questo articolo verrà pubblicata in seguito.

2019/01/29

Pentagon: an interview with survivor Ryan Yantis

by Hammer. An Italian translation is available here.

Continuing our commitment to preserve the memory of the events of 9/11, we present the account of Ryan Yantis, who was at the Pentagon when American Airlines 77 hit the building and then took part in the rescue operations.

We wish to thank Ryan Yantis for his kindness and willingness to share his experience.


Undicisettembre: What do you recall of 9/11? Can you give us an account of what you saw and experienced on that day?

Ryan Yantis: I was a United Stated Army major and I was assigned as media spokesman, leading a team of spokesmen for the Army. We handled personnel and human resources questions and we would answer questions about “don’t ask, don’t tell” or Army weight policy, or women in the Army, investigations, courts martial and so on. My office was at the second floor, E Ring - the outer ring of the Pentagon - off of corridor 6, room 36. That means that the address was 2E636, which tells you where to go in the Pentagon if you wanted to go to my office. E ring is also where the generals and important people had their offices.

On 9/11 I was coming out of a morning meeting where we were talking about a normal day-to-day plans, when we saw the first reports of the World Trade Center being struck. The initial reports was that it was a commuter aircraft, we didn’t know what had happened, but it was pretty bad. In the next 15 minutes or so I made calls to my colleagues in New York City, at Fort Drum, which is north of New York City, and Fort Dix, in New Jersey, because at that time many soldiers were just coming to work and I wanted to make sure they were awake and aware. My assignment before the Pentagon was New York City so I knew a lot of people in New York City. At 9:03 I was in our office watching a big screen TV with coverage of the World Trade Center on fire, watching the tragedy. At that point we thought it was just an accident until we saw the second plane hit World Trade Center Two.

When the second plane hit it was clear it was a deliberate act. There were maybe twelve people in our group watching TV, all spokesmen, men and women, uniformed and civilians. I remember looking at a young lady who was working on my team, Elaine, who was nine months pregnant. I said “Elaine, I want you to get your stuff and go home. I want you out of here.” She argued quickly she said “No, you are going to be busy, we are going to get slammed today, we are going to have lots of media attention; you are going to need me.” I said “Elaine, I want you out of here. We’re next.” In my mind we were a “signature target”, we were a visible symbol of American and western power and might. And the Pentagon is an iconic building. Elaine refused to leave; I didn’t know that at the time, she made out fine. I recently wrote her son Andrew a letter and sent him an American flag. He’s the youngest Pentagon survivor I know, and I wanted him to know what his mom did on that day and the months after.

I told other people “Hey get up off your butts, don’t feel sorry for yourself because we got things to do, let’s get busy.” because I was in a leadership position. Little while later a Lieutenant Colonel, the next higher rank, a gentleman named Henry Huntley, who was new to our team, said “Ok, Ryan, you are the one who worked in New York City, come with me we are going to a meeting. If New York asks for help we need to be ready to send them help.” And that’s true, as American military if we are asked or invited to come and provide support we can do so, but we can’t just push our way in unless the President declares a federal emergency.

Henry and I were walking on the E ring, second floor, from Corridor 6 going to Corridors 5 and 4. The meeting was supposed to start at 9:30 in a conference room off of Corridor 4. I asked Lieutenant Colonel Huntley “Sir, where are we going? Where’s the meeting?” and he said “Corridor 4, in a conference room.” I said “Great sir, that’s the new wedge, it’s got a new floor plan, a new layout; what’s the address?” he said “I don’t know, it’s a conference room. We’ll find it.” I said “Sir, five floors and five rings, what’s the conference room? Who’s hosting this? We are late now, let’s go call and find out for sure.” He did not know the answers to my questions.

So I walked off and he followed me. We made a call and we made it to where the meeting was going to be held off Corridor 7. As we walked in in that location, there was a security desk with a sergeant and he said “Gentlemen, you need to evacuate, there has been an explosion.” And the alarms started blaring. I remember asking “Sergeant, where is the explosion?” and he said “By the helipad between Corridors 4 and 5.” - where Henry and I were arguing moments before was basically in the impact area. If I hadn’t been stubborn and wanting to know where the meeting was, we would have been wandering around and possibly badly injured or killed. Because that’s where the bulk of the folks who died were located.

After the announcement I went back up to my offices, made sure that my people had been evacuated, that nobody was there or trapped. I remember grabbing my cellphone from my desk. In our offices the lights were on, the phones were ringing off the hook, and at the same time there was this haze of smoke coming down from the ceiling. I cleared our offices and I went down the E Ring from Corridor 6 towards the corner and Corridor 5. I hadn’t got to the corner of the building and the smoke got much heavier and I thought “Ok, it’s time for me to get out.” I had a three and a half year old daughter and a ten month old daughter and I was not equipped or suited up to go into a fire. That was a tough decision, because I felt like I was leaving people who needed help, worried for my own safety. I went out of Corridor 6 entrance and walked to our rally point where we would gather after a fire drill or an evacuation.

I found some personnel from our office, we got together and I got the sergeant major, a senior non-commissioned officer, check my name off a list meaning he had seen that I was alive. Then he pointed out we were missing a number of people. I volunteered to go over the Corridor 8, which is the main north entrance into the Pentagon and is adjacent to the North Parking lot. I ran over there and that’s where I found stretchers that somebody had put out in the shade of a tree, opened up and ready. I saw people carrying what looked to be a bag out of the Pentagon, and I realized somebody got injured and they improvised a stretcher. The one I was standing by would help more than an improvised stretcher, so I grabbed it, ran and started helping carry people out of the building. That’s what I did for the next thirty minutes or so. We had what seemed to be a lot of injured people coming out of the Pentagon through Corridor 8.


Also in Corridor 8 there was the Di Lorenzo clinic, which was an in-house medical facility where there could be physicals and minor medical procedures, and they had a staff there. The Pentagon is like a self-contained city of twenty-three to thirty thousand folks; eighteen thousand uniforms, and the rest civilians. You have to have some in-house capability for medical appointments and emergencies. On 9/11 there were an estimated twenty three thousand people there. The medical folks were great, they were providing first aid and care and triage to those who were injured. I recall seeing men helping carry an improvised stretcher to a helipad where there was a helicopter setting down from a local hospital.

There was a lot of running back and forth in and out of the building, carrying people, going in and getting more medical supplies. It was hot, with warm temperatures in the 80s; sunny and the air was thick with smoke. You could smell it everywhere, and it was not a pleasant smell. It was the heavy industrial jet fuel and plastic burning smell.

There was a couple hundred people doing what I was doing, nobody was ordering us around. Just good men and women doing what needed to be done to help other folks. At a certain point the security guards were waving their arms and yelling at us to get back because there was another plane inbound.

We heard a loud “boom”, which caused some confusion but that was the part of the Pentagon collapsing at about 10:15. We also heard sonic booms which some thought was a bomb blowing up at the State Department but turned out to be jet aircraft flying unseen above us. There were rumors that there was a truck bomb at the State Department, but we could see to downtown DC and there was no plume of smoke. There were a lot of rumors.

I recall walking toward the Corridor 8 entrance – as I was tired from all the running and carrying I had been doing. I was with another officer, about fifty feet from the Corridor 8 entrance when the Security personnel started yelling at us to “GET BACK and RUN!” I could hear a jet approaching from behind me from the north low and fast. I was too close to the Pentagon to run anywhere and before I could really react, a US Air Force jet fighter flew by – low and fast – over the Pentagon heading south.

I was very happy to see the jets because it meant we had air support. That somebody was watching out for us. We took this as “Well, it’s all clear” and we went into the inner 5-acre inner courtyard of the Pentagon. We set up into teams. I was on one of those carrying a stretcher, aid and litter, search and rescue team to go look for victims, and then the medical personnel set up a triage point for treating anyone we got out. From then until 15:45 we were in the smoke-filled courtyard playing a waiting game. The fire was too hot and the smoke too thick for us to go in. Around 3:30 pm they told us to pack up and brought us out through one of the other corridors, corridor 10. We walked around to the side that had been hit. That was when I saw for the first time that that side of the Pentagon had collapsed and the fire was vastly smaller than when I had seen it at about 9:30 am.

It was then my boss saw me and said “We need to do our jobs as public affairs officers, we need to start working on a press release about this.” I remember being in the Army Operation Center and having senior officers telling me “I know this person died, put his name on the list.” and arguing back “No, we cannot do this until there’s positive ID and next-of-kin family notification” which means there’s a process that my team and I routinely handled for the announcements of soldiers who died in training or accidents. We have a process and you have to let the process work. There were people, even officers, who didn’t understand that or didn’t want to. Finally my boss said “Ok, we are not going to work on it anymore, stop it.”

Then I got tasked to be an escort to bring media – the Pentagon Press Corps and others - into the Pentagon. Security was tight and we escorted forty or fifty news media to the DoD Press Room near Corridor 7. There Secretary of Defense Rumsfeld, Tom White, Secretary of the Army, General Hugh Shelton, Chairman of the Joint Chiefs of Staff, and Senators Warren and Levin held a press conference at about 18:30 and myself and a couple of others who knew the Pentagon press core by sight worked with them. I’m a big guy, I’m 6 foot 2 and a hundred and ten kilos, so I can be intimidating without meaning to. I got told “Ok, go visit, go to corridor eight.” and we walked them to the Department of Defense press room where Mr Rumsfeld and those gentlemen did their press conference that was no more than a “proof of life” like “We are still here, we are in the Pentagon, the Pentagon is still open for business, still functioning. You’ve hurt us but you did not kill us and you will hear from us soon.”

The last think I did was I had to make sure I could get my car keys and my wallet which were in my desk, which was behind the crime scene. I had to sneak my way in and I got things for everybody in my office which they needed to get home. I got told “Go home and get some sleep, get back here first thing tomorrow” because I was designated as essential staff member during an emergency.


Undicisettembre: While you were there at the Pentagon was anyone having doubts about the fact that a plane had hit the Pentagon?

Ryan Yantis: No. I saw many parts of an airplane in several areas, and one of the folks I talked to in the courtyard was driving and saw the plane hit. He said “It was a big jetliner, it came in fast and it was silver, red and blue.”


Undicisettembre: What happened in the next days?

Ryan Yantis: On September 12th I got up at about four in the morning after about four hours of sleep, put on my camouflage uniform, BDUs or Battle Dress Utility uniform, and drove back to the Pentagon. The streets were deserted, it took me about twentyfive minutes to drive up there. I got to the Pentagon before the sun came up and from the freeway, I-395, I could see that the west side of the Pentagon was still on fire. The central part around Corridor 3 was without power so it was black. Corridor 2 entrance was brightly lit. As I pulled off the interstate to park, the Military Police told me that the South Parking lot was closed and I needed to park elsewhere and walk in. So I parked a quarter of a mile away and walked in. Underneath the freeway there’s a pedestrian passageway, a viaduct, that opens up into South Parking. From there I could see on ground level the Pentagon. It was still on fire and there were water hoses spraying water on the fires.

I walked through this abandoned parking lot of some two thousand parking slots towards the Pentagon. Maybe twenty or thirty cars were scattered here and there, and I had the realization that those cars likely belong to somebody who was injured or died in the attack. As I was crossing this parking lot out of the darkness in front of me, behind me, beside me were men and women. They were in combat uniforms, or flight suits, or jeans and sports coats and work boots for the civilians. We were all walking calmly and quietly across the empty South Parking to the building. When we got to the Corridor 2 entrance, there was heavy security. There Military Police (MPs) and the Pentagon police force had bomb dogs, they were stopping people to check IDs and sniff bags. And before we were allowed to climb the stairs to Corridor 2 entrance we all had to show identification. As we went up there were other security checks, at the top of the stairs people formed in a line to go through a magnetometer for weapons and having their bags checked again. All this to go into a building that was still on fire, without power in parts of it, to go to work. It was impressive and humbling, and I’m incredibly proud of them because no one was barking order or forcing them: this was expected and this they were doing.


Undicisettembre: How long did it take before the situation at the Pentagon got back to normalcy?

Ryan Yantis: There was a little more normalcy every day. On September 13th we had to set up hotlines for people to call in and report in that they were okay. They could call and say “This is my social security number, here’s who I am assigned to, I’m fine.” and then later people would be asked to show up with their ID to make sure they were who they said they were and not imposters because there’s always that chance, or someone who tries to fake a death so that they get insurance money. We also had to set up lines for families and others concerned to find out about who was missing.

Where the plane hit was Wedge 1, a “new” wedge which had just finished renovating which had sprinklers and life safety features, into Wedge 2 which was 1940’s and 50’s construction. We had started repopulating that new Wedge and moving people out of Wedge 2 in anticipation to that wedge being renovated next. So these two wedges where the plane hit was the best place they could have, if they had it off of Corridor 8 or towards Corridor 2 they would have hit fully manned areas.

“Normalcy” took weeks and months to get back to. I was there every day, but we had military and civilians who didn’t come back until a week or ten days later. Their “Day One” back in the building might be my day eleven for example. I had already processed beyond them, the Pentagon chaplains and behavioral health came and visited with people and helped them process through anger, grief and guilt, because the “Why them? Why not me?” was a common thought. For the Pentagon survivors there was never a day when it was “normal” anymore, it was like “that was then, and this is here and now”.


Undicisettembre: How is working in the Pentagon today different from before 9/11?

Ryan Yantis: I left the Pentagon for good in 2003 and moved to Chicago. While I was still technically assigned to the Army Staff in the Pentagon with duty in Chicago, day after day I would talk to people in the Pentagon and I also had a lot of friends and contacts there. People I worked with were very kind to me. They thought that I demonstrated care and concern for others, and that I was more focused on them than I was on myself on September 11th and days and weeks afterward, because that’s what I expect a leader to do.

We are a fairly tight group. We stay in touch through social networks, we tend to follow each other. We are survivors.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories that claim that 9/11 was an inside job?

Ryan Yantis: I do public speaking about my 9/11 experience, and I work with World Trade Center survivors and others. I know what I saw and I know what I’ve seen about the Pentagon, and the limited amount of security footage. The explosion is consistent with a plane hitting the building and a jet fuel explosion: a large red fireball followed by the thick black smoke.

It was not black smoke followed by a fireball, which is more like an explosive, such as a cruise missile or a bomb. Plus the impact was into the building and then spread, leading to the collapse. Had it been an explosive device or bomb, it would rupture and collapse the building right away instead of the time that it took.

When I deal with conspiracy theorists I want to find out what their rationale is. Do they think it was the US government? Do they think it was Mossad? Did the Jews get told to stay home from work that day because it was an Israeli plot?

These folks and the conspiracy theories have some other alternative narrative and don’t want to believe their own eyes. They are ignoring the reality and replacing it with some other more easily digestible crap that makes them feel better or lets them sleep at night.

The conspiracy theorists push forward an agenda that is false to support something they believe in, which is often not true or supportable.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

Ryan Yantis: When I moved to Chicago I was used to being around a bunch of other 9/11 survivors every day at the Pentagon. When scuba diving and your body normalizes at being twenty meters underwater, if you come up too fast from that depth you get nitrogen bubbles that form in your blood. That can cause a physical condition called the “Bends”. When I got here in Chicago people knew I was from the Pentagon and someone would say “You were in the Pentagon, what was that like?” I didn’t have words and I was more emotional about it than I should have been. But I was very proud of the people I served with and what they did. In a way I was proud of what I did but I was also ashamed because it happened on my watch and I felt responsible.

When people would ask me “Would you come and talk to my school?” I would try, but it was very difficult. I tried to step away from being the Pentagon survivor but I then realized it was like being tall or short: you are what you are. Own it and make yourself better at talking about it.

I got involved in raising money for the Pentagon Memorial Fund, which was important to me, and I also got to meet with World Trade Center survivors and victim families. That was very healthy and healing for me. Many World Trade Center survivors here in Chicago were in New York only for a business trip – say a week of work - and they happened up being in the wrong place at the wrong time and almost died. They needed to process and talk about what they had been through, and I was able to talk to them and help them, and that helped me.

Earlier today I was at a business meeting. There I made sure to say “I’m a Pentagon survivor. If you have a question, ask it.” because I don’t want to be surprised. If I try not to think about it and someone asks me a question and I’m not ready I don’t like being surprised and emotional.


Undicisettembre: What do you think of security in the US today? Is the nation safer than in 2001?

Ryan Yantis: Short answer is I think we are safer, as there hasn’t been a 9/11 style attack in 17 years. But at the same time we have a significant challenge with unstable people getting access to firearms. These people should never have firearms but they have them and use them to kill innocent women and children. The big challenge for us is to maintain individual liberties and freedoms while protecting the population.

Some of the steps the government has taken for airport security are more annoying than realistic or effective. I understand and I would much rather take off my shoes and let them x-ray my laptop instead of having a shoe-bomb in the plane. That’s scary stuff.

Pentagono: intervista al sopravvissuto Ryan Yantis

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui.

Nel continuo impegno affinché non si perda la memoria di quanto accaduto l'11/9, offriamo oggi ai nostri lettori il racconto di Ryan Yantis che era al Pentagono quando il volo American Airlines 77 colpì il palazzo e che dopo divenne uno dei primi soccorritori.

Ringraziamo Ryan Yantis per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Cosa ricordi dell’11/9? Ci puoi fare un racconto di ciò che hai visto e vissuto quel giorno?

Ryan Yantis: Ero un maggiore dell'esercito degli Stati Uniti e il mio incarico era di portavoce verso i media ed ero a capo di un gruppo di portavoce dell'esercito. Ci occupavamo delle domande sul personale e sulle risorse umane e rispondevamo a domande riguardo al “non chiedere, non dire” [La linea tenuta verso l'orientamento sessuale dei membri dell'esercito N.d.T.] o alle normative sul peso nell'esercito o alle donne nell'esercito, indagini, corti marziali e altro. Il mio ufficio era al secondo piano, anello E, l'anello più esterno del Pentagono, sul corridoio 6, stanza 36. Questo significa che l'indirizzo era 2E636, che dice esattamente dove devi andare nel Pentagono se volevi arrivare nel mio ufficio. L'anello E è anche quello dove i generali e le persone importanti hanno i loro uffici.

L’11/9 stavo uscendo da una riunione del mattino e stavamo parlando delle normali attività quotidiane, quando sentimmo i primi racconti che il World Trade Center era stato colpito. Le prime notizie erano che era stato un aereo da turismo, non sapevamo cosa fosse successo, ma era molto brutto. Nei successivi 15 minuti circa chiamai alcuni miei colleghi a New York, a Fort Drum, che a nord di New York, e a Fort Dix, nel New Jersey, perché a quell'ora molti soldati stavano andando al lavoro e volevo assicurarmi che fossero svegli e a conoscenza di ciò che era successo. Il mio incarico prima del Pentagono era a New York quindi conoscevo molte persone a New York. Alle 9:03 ero nel nostro ufficio e guardavo un grosso televisore che trasmetteva le notizie sul World Trade Center incendiato, guardavamo la tragedia. A quel punto pensavamo che fosse solo un incidente fino a quando vedemmo il secondo aereo colpire la Torre Sud.

Quando il secondo aereo colpì fu chiaro che fosse un atto volontario. C'erano circa dodici persone in quel gruppo che guardavano la televisione, tutti portavoce, uomini e donne, civili e militari. Ricordo di aver guardato una giovane donna che lavorava nella mia squadra, Elaine, che era incinta di nove mesi. Le dissi “Elaine, voglio che tu raccolga le tue cose e che vada a casa. Voglio che tu te ne vada.” Mi rispose prontamente “No, avrai molto da fare, saremo sommersi oggi, avremo molta attenzione da parte dei media; avrai bisogno di me.” Le dissi “Elaine, voglio che tu te ne vada. Noi siamo i prossimi.” Nella mia testa eravamo un obiettivo ovvio, eravamo un simbolo visibile del potere e della forza americani e occidentali. E il Pentagono è un edificio iconico. Elaine rifiutò di andarsene; al tempo non lo sapevo, ma ne uscì viva. Recentemente ho scritto a suo figlio Andrew una lettera e gli mandai una bandiera americana. E’ il più giovane sopravvissuto del Pentagono che io conosca e volevo che lui sapesse cosa fece sua madre quel giorno e nei mesi a seguire.

Dissi alle altre persone “Hey, alzate il culo, non compiangetevi perché abbiamo da fare, diamoci da fare.” perché ero in una posizione di comando. Poco dopo un tenente colonnello, il grado superiore al mio, un uomo chiamato Henry Huntley, che era nuovo nella mia squadra, mi disse “Ok, Ryan, tu sei quello che ha lavorato a New York, vieni con me e andiamo in una riunione. Se New York chiede aiuto dobbiamo essere pronti a mandarlo.” Ed è vero, come esercito americano potevamo dare supporto se ci veniva chiesto o eravamo invitati ad andare, ma non potevamo imporre la nostra presenza a meno che il presidente dichiarasse un'emergenza nazionale.

Henry e io eravamo nell'anello E, secondo piano, e stavamo andando dal corridoio 6 ai corridoi 5 e 4. La riunione doveva cominciare alle 9:30 in una stanza sul corridoio 4. Chiesi al Tenente Colonnello Huntley “Signore, dove stiamo andando? Dov'è la riunione?” e mi disse “Corridoio 4, in una stanza per conferenze.” gli dissi “Ottimo signore, quella è l’ala nuova, ha una nuova planimetria, una nuova disposizione; qual è l'indirizzo?” Mi disse “Non lo so, è una sala conferenze. La troveremo.” gli dissi “Signore, cinque piani e cinque anelli, qual è la sala riunioni? Chi la organizza? Siamo già in ritardo, facciamo una telefonata e accertiamocene.”.Non sapeva rispondere alle mie domande.

Quindi mi allontanai e lui mi seguì. Facemmo una telefonata e arrivammo dove doveva tenersi la riunione sul corridoio 7. Arrivati lì, c'era un banco della sicurezza con un sergente che ci disse “Signori, dovete lasciare il palazzo, c'è stata un'esplosione.” Gli allarmi cominciarono a suonare e ricordo di aver chiesto “Sergente, dove l'esplosione?” e lui mi disse “Vicino all'eliporto tra i corridoi 6 e 5”, dove io Henry stavamo discutendo pochi minuti prima era praticamente l'area dell'impatto. Se non fossi stato testardo e avessi voluto sapere dove era la riunione avremmo vagato lì intorno e avremmo potuto rimanere gravemente feriti o uccisi. Perché era lì che si trovava la maggior parte delle persone che sono morte.

Dopo l'annuncio tornai nei miei uffici, mi accertati che tutti se ne fossero andati e che nessuno fosse rimasto intrappolato. Ricordo di aver raccolto il mio cellulare dal tavolo. Nei nostri uffici le luci erano accese, i telefoni funzionavano, e in quel momento c'era una nebbia di fumo che scendeva dal soffitto. Feci evacuare gli uffici e percorsi l’anello E dal corridoio 6 fino all'angolo con il corridoio 5. Non ero ancora arrivato all'angolo del palazzo e il fumo si fece molto più pesante e pensai “Ok, è tempo che io me ne vada.” Avevo una figlia di tre anni e mezzo e una di dieci mesi e non ero equipaggiato e non avevo gli abiti adatti per affrontare un incendio. Fu una decisione molto dura, perché mi sentii come se stessi lasciando le persone che avevano bisogno di aiuto, preoccupato per la mia stessa sicurezza. Uscii dal corridoio 6 e camminai fino al punto di raccolta dove ci radunavamo dopo un’esercitazione antincendio o un’evacuazione.

Trovai del personale del mio ufficio, ci radunammo e il sergente maggiore, un sottufficiale, depennò il mio nome da una lista, il che significava che mi aveva visto e che ero vivo. Quindi mi disse che molte persone erano ancora disperse. Mi resi disponibile ad andare al corridoio 8, che è l'entrata principale che porta dentro il Pentagono e che è adiacente al parcheggio nord. Corsi là e fu lì che trovai delle barelle che qualcuno aveva messo da parte all'ombra di un albero, aperte pronte all'uso. Vidi alcune persone che portavano ciò che mi sembrava una borsa fuori dal Pentagono, e capii che qualcuno era rimasto ferito e che avevano improvvisato una barella. Quella che era accanto a me sarebbe stata molto più d'aiuto di una barella improvvisata, quindi la presi, corsi e iniziai ad aiutare a portare fuori le persone dal palazzo. Feci questo per la successiva mezz'ora circa. Sembrava che ci fossero molte persone ferite che uscivano dal Pentagono attraverso il corridoio 8.


Nel corridoio 8 c'era anche la clinica Di Lorenzo, che era una struttura medica interna dove potevano essere svolte piccole procedure mediche, e avevano uno staff. Il Pentagono è come una piccola città che va da 23.000 a 30.000 persone; 18.000 militari, il resto civili. Servono delle strutture interne per appuntamenti medici o emergenze. L’11/9 si stima che ci fossero 23.000 persone. Il personale paramedico fu grandioso, davano il primo soccorso e smistavano in gruppi i feriti. Ricordo di avere visto degli uomini che aiutavano a portare una barella improvvisata all'eliporto dove c'era un elicottero che era arrivato da un ospedale locale.

C'erano molte persone che correvano verso e dal palazzo, che portavano persone, che entravano e che prendevano altro materiale medico. Faceva caldo, con una temperatura di quasi 30 gradi; c’era il sole e l'aria era piena di fumo. Se ne sentiva l'odore ovunque, e non era un odore piacevole. Era la puzza di plastica bruciata e di carburante avio.

C'erano alcune centinaia di persone che facevano ciò che io stavo facendo, nessuno dava ordini. Solo uomini e donne di buona volontà che facevano ciò che doveva essere fatto per aiutare altre persone. Ad un certo punto le guardie di sicurezza si misero ad agitare le braccia e ci urlarono di allontanarci perché c'era un altro aereo in arrivo.

Sentimmo un forte “boom”, che causò della confusione ma era la sezione del Pentagono che crollava alle 10:15 circa. Sentimmo dei boom sonici che qualcuno pensò fossero una bomba che esplodeva al dipartimento di stato ma alla fine risultò che erano i caccia militari che volavano sopra di noi ma non li vedevamo. Si sparse la voce che c'era un camion bomba al Dipartimento di Stato, ma riuscivamo a vedere il centro di Washington e non c'era nessuna nuvola di fumo. C'erano molte voci incontrollate.

Ricordo di aver camminato verso l'ingresso del corridoio 8, ero stanco per tutto il correre e il trasportare che avevo fatto. Ero con un altro ufficiale, a circa quindici metri dall'ingresso del corridoio 8 quando il personale di sicurezza cominciò a urlarci “ALLONTANATEVI e CORRETE!”. Sentii un jet che si avvicinava dietro di me da nord basso e veloce. Ero troppo vicino al Pentagono per correre da qualunque altra parte prima che potessi reagire, un jet della US Air Force volò sopra di noi, basso e veloce, sopra il Pentagono verso sud.

Fui molto felice di vedere i jet perché significava che avevamo supporto aereo. Che qualcuno ci stava proteggendo. Lo prendemmo come un “Beh, non c'è più pericolo” ed andammo nel cortile interno di cinque acri del Pentagono. Ci dividemmo in squadre. Ero in una di quelle che portavano le barelle, che facevano aiuto e soccorso, e ricerca e salvataggio per cercare le vittime, quindi il personale medico allestì un punto di smistamento per i feriti per curare chiunque fosse uscito dal palazzo. Da quel punto fino alle 15:45 rimanemmo nel cortile pieno di fumo ad attendere. Il fuoco era troppo caldo e il fumo era troppo spesso perché potessimo entrare. Alle 15:30 circa ci dissero di raccogliere le nostre cose e ci condussero attraverso uno degli altri corridoi, il corridoio 10. Camminammo attorno al lato che era stato colpito. Fu allora che vidi per la prima volta il lato del Pentagono che era crollato e l'incendio che era molto più piccolo di quello che avevo visto alle 9:30 del mattino.

Fu allora che il mio capo mi vide e disse “Dobbiamo fare il nostro lavoro di ufficiali degli affari pubblici, dobbiamo cominciare a lavorare a un comunicato stampa su questo.” Ricordo che eravamo nell’Operation Center dell'esercito e c'erano degli alti ufficiali che mi dicevano “So che questa persona è morta, metti il suo nome sulla lista” e io rispondevo “No, non possiamo farlo finché non c'è un'identificazione sicura e l'abbiamo comunicata un parente stretto della famiglia” che significa che c'è una procedura per questo nella mia squadra e quotidianamente gestivo gli annunci di soldati che erano morti in esercitazioni o incidenti. C'è una procedura e devi applicarla. C'erano persone, anche ufficiali, che non lo capivano o che non lo volevano capire. Infine il mio capo mi disse “Ok non facciamolo più, interrompi.”

Quindi mi fu chiesto di accompagnare i media, l’ufficio stampa del Pentagono e altri, dentro al Pentagono. La sicurezza era rigida e portammo quaranta o cinquanta addetti dei media nella sala per le conferenze stampa del dipartimento della difesa vicino al corridoio 7. Lì il segretario della difesa Rumsfeld, Tom White, segretario dell'esercito, il generale Hugh Shelton, presidente degli stati maggiori riuniti, e i senatori Warren e Levin tenero una conferenza stampa circa alle 18:30 e io e un paio di altre persone che conoscevamo i membri dell’ufficio stampa di vista lavorammo con loro. Sono un uomo grosso, circa un metro e ottantotto per centodieci chili, quindi posso spaventare anche senza volerlo. Mi fu detto “Ok, vai a vedere, vai al corridoio 8.” e li guidammo fino alla sala per le conferenze stampa del dipartimento della difesa dove Rumsfeld e queste altre persone tennero la loro conferenza stampa che non era altro che una prova di vita del tipo “Siamo ancora vivi, siamo nel Pentagono, il Pentagono sta lavorando, sta ancora funzionando. Ci avete colpiti ma non ci avete uccisi e avrete presto nostre notizie.”

L'ultima cosa che feci fu assicurarmi che potessi prendere le chiavi della macchina e il portafogli che erano nel mio tavolo, che era dietro la scena del crimine. Dovetti intrufolarmi e presi per tutti delle cose nel mio ufficio che le persone avevano bisogno per andare a casa. Mi fu detto “Vai a casa e dormi un po', torna qui domani mattina subito.” perché facevo parte dello staff essenziale in caso di emergenza.


Undicisettembre: Mentre eri al Pentagono qualcuno aveva dubbi sul fatto che un aereo avesse colpito il Pentagono?

Ryan Yantis: No, vidi molte parti di aereo in molte aree, e una delle persone con cui parlai nel cortile stava guidando quando vide l'aereo colpire. Disse “Era un grosso aereo di linea, arrivò veloce ed era argento, rosso e blu.”


Undicisettembre: Cosa successe nei giorni successivi?

Ryan Yantis: Il 12 settembre mi alzai circa alle quattro del mattino dopo quattro ore di sonno, mi misi l’uniforme mimetica, l’uniforme BDU o Battle Dress Utility, e guidai fino al Pentagono. Le strade erano deserte, mi ci vollero venticinque minuti per arrivare lì. Arrivai al Pentagono prima che il sole sorgesse e dall'autostrada vidi il lato occidentale del Pentagono che bruciava ancora. La parte centrale intorno al corridoio 3 era senza corrente elettrica quindi era al buio. L'entrata del corridoio 2 era molto illuminata. Mentre uscivo dall'autostrada per parcheggiare, la polizia militare mi disse che il parcheggio sud era chiuso e che avrei dovuto parcheggiare da un'altra parte e fare un pezzo di strada a piedi. Quindi parcheggiai a circa quattrocento metri e camminai. Sotto l'autostrada c'è un passaggio pedonale che arriva al parcheggio sud. Da lì potei vedere il piano terra del Pentagono. Stava ancora bruciando e c'era un idrante che spruzzava acqua sugli incendi.

Camminai attraverso questo parcheggio abbandonato di circa duemila posti verso il Pentagono. C'erano sparpagliate qua e là circa venti o trenta automobili, e capii che queste macchine probabilmente appartenevano a qualcuno che era rimasto ferito o che era morto nell'attacco. Mentre attraversavo questo parcheggio uscivano dal buio davanti a me, dietro di me, in fianco a me uomini e donne. Erano tutti in uniforme da battaglia, o in uniforme di volo, o in jeans giubbotto sportivo e stivali da lavoro per i civili. Camminavamo tutti con calma e in silenzio attraverso il parcheggio sud vuoto verso l'edificio. Quando arrivammo all'ingresso del corridoio 2, la sicurezza era molto rigida. La polizia militare e la polizia del Pentagono avevano cani antidroga, e fermavano le persone per controllare i documenti d'identità e per fare annusare le borse ai cani. E prima che potessimo essere autorizzati a salire le scale per arrivare all'ingresso del corridoio 2 dovevamo tutti mostrare i documenti. Mentre salivamo c'erano altri controlli di sicurezza, in cima alle scale le persone formavano una fila per passare attraverso un magnetometro che controllava la presenza di armi e poi si facevano di nuovo controllare le borse. Tutto ciò per entrare in un palazzo che bruciava ancora, senza corrente elettrica in alcune parti, per andare al lavoro. E’ stato impressionante e umiliante, e sono incredibilmente orgoglioso di loro perché nessuno stava urlando ordini o li obbligava: questo era atteso e questo facevano.


Undicisettembre: Quanto ci volle prima che la situazione al Pentagono tornasse alla normalità?

Ryan Yantis: Ci fu un po' più di normalità ogni giorno. Il 13 settembre istituimmo delle hot-line perché le persone potessero chiamare e comunicare che erano vive. Chiamavano e dicevano “Questo è il mio numero di assistenza sociale, sono assegnato a questo reparto, e sto bene.” in seguito alle persone fu chiesto di mostrare i loro documenti d'identità per provare che erano chi dicevano di essere e non degli impostori perché c'è sempre questa possibilità, o che qualcuno si finga morto per prendere i soldi dell'assicurazione. Abbiamo anche dovuto istituire delle linee telefoniche per le famiglie e per chiunque fosse preoccupato per avere notizie di chi era ancora disperso.

Dove l'aereo colpì era tra l’ala 1, una nuova ala in cui era appena finita la ristrutturazione e dove c’erano idranti e dispositivi di sicurezza, e l’ala 2 che era una costruzione degli anni 40 e 50. Avevamo iniziato a ripopolare quella nuova ala e a portare le persone fuori dall’ala 2 in previsione di ristrutturare anche quella dopo la prima. Quindi quelle due ali dove l’aereo aveva colpito erano il posto migliore dove avrebbero potuto farlo, se avessero colpito verso il corridoio 8 o il corridoio 2 avrebbero colpito aree pienamente popolate.

La “normalità” richiese settimane e mesi per tornare. Sono stato lì ogni giorno, ma c'erano militari e civili che non sono tornati fino una settimana o dieci giorni dopo. Il loro primo giorno di ritorno nel palazzo poteva essere ad esempio il mio undicesimo giorno. Avevo già processato i fatti più di loro, i cappellani del Pentagono e i consulenti per la salute comportamentale arrivarono e fecero incontri con le persone e li aiutano a superare la rabbia il dolore e senso di colpa, perché “Perché loro perché non io?” era un pensiero molto comune. Per i sopravvissuti del Pentagono non c'è più stato un giorno che fosse “normale”, era del tipo “Quello era prima e questo è oggi.”


Undicisettembre: In cosa è diverso lavorare oggi al Pentagono rispetto a prima dell’11/9?

Ryan Yantis: Ho lasciato il Pentagono definitivamente nel 2003 e mi sono trasferito a Chicago. Mentre ero lì tecnicamente ero ancora assegnato al Pentagono con responsabilità a Chicago, ogni giorno parlavo con persone al Pentagono e là avevo anche molti amici e contatti. Le persone con cui lavoravo erano molto gentili verso di me. Pensavano che io avessi dimostrato interesse e preoccupazione per gli altri, e che l'11/9 e le settimane successive mi ero focalizzato più sugli altri che su di me, perché questo è ciò che io penso un leader debba fare.

Siamo un gruppo abbastanza unito. Siamo in contatto sui social network, cerchiamo di seguirci l'un l'altro. Siamo sopravvissuti.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie del complotto secondo cui l’11/9 sarebbe un autoattentato?

Ryan Yantis: Faccio discorsi in pubblico sulla mia esperienza dell’11/9, e lavoro con sopravvissuti del World Trade Center e con altri. So quello che ho visto e so quello che ho visto relativamente al Pentagono, e il poco materiale di sicurezza disponibile. L'esplosione è compatibile con un aereo che colpisce il palazzo e con un esplosione di carburante avio: una grande palla di fuoco rossa seguita da fumo nero e fitto.

Non è stato fumo nero seguito da una palla di fuoco, che è più simile a un esplosivo, come un missile cruise o una bomba. Inoltre l'impatto ha penetrato il palazzo e poi si è allargato, portando al crollo. Se fosse stato un ordigno esplosivo o una bomba, avrebbe distrutto e fatto crollare il palazzo immediatamente invece del tempo che ci è voluto.

Quando discuto con questi cospirazionisti voglio capire qual è il loro fondamento logico. Pensano che sia stato il governo americano? Pensano che sei stato il Mossad? Gli ebrei sono stati avvisati di stare a casa quel giorno perché era una cospirazione israeliana?

Queste persone e i teorici del complotto hanno una storia alternativa e non vogliono credere ai loro stessi occhi. Ignorano la realtà e la sostituiscono con qualche altra porcheria più facile da digerire che li fa sentire meglio o che li fa dormire la notte.

Questi cospirazionisti portano avanti un programma di falsità per supportare qualcosa in cui credono, che spesso non è vero e non è sostenibile.


Undicisettembre: L’11/9 come condiziona la tua vita quotidiana?

Ryan Yantis: Quando mi sono trasferito a Chicago ero abituato a stare con un gruppo di altri sopravvissuti dell’11/9 tutti i giorni al Pentagono. Quando fai immersione e il tuo corpo si abitua a stare venti metri sott'acqua, se sali troppo veloce da quella profondità si creano bolle di azoto nel sangue. Si causa quella condizione fisica denominata “malattia da decompressione”. Quando sono stato sono arrivato qua a Chicago le persone sapevano che io arrivavo dal Pentagono e qualcuno mi diceva “Eri nel Pentagono, come è stato?” Non avevo parole e mi emozionavo più di quanto avrei dovuto. Ma ero molto orgoglioso delle persone con cui avevo lavorato e di ciò che hanno fatto. In un certo senso ero orgoglioso di ciò che avevo fatto ma mi vergognavo anche perché era avvenuto durante il mio turno e mi sentivo responsabile .

Quando qualcuno mi chiedeva “Verresti a parlare nella mia scuola?” ci provavo, ma era molto difficile. Cercavo di evitare di essere il sopravvissuto del Pentagono ma poi ho capito che era come essere alto o basso: sei ciò che sei. Accettalo e migliora nel parlarne.

Sono stato coinvolto nel raccogliere fondi per il Pentagon Memorial Fund, che è molto importante per me, e ho dovuto anche incontrare dei sopravvissuti del World Trade Center e le vittime delle famiglie. E’ stato molto salutare e catartico per me. Molti sopravvissuti del World Trade Center qui a Chicago erano a New York per un viaggio di lavoro, ad esempio per una settimana, e finirono per essere nel posto sbagliato al momento sbagliato e sono quasi morti. Avevano bisogno di processare e parlare di ciò che avevano vissuto, e io potei parlare con loro, e questo mi aiutò.

Stamattina sono stato una riunione di lavoro. Ho detto “Sono un sopravvissuto del Pentagono. Se avete domande, fatele.” perché non voglio essere colto di sorpresa. Se provo a non pensarci e qualcuno mi fa una domanda e io non sono pronto non mi va di essere colto di sorpresa e di emozionarmi.


Undicisettembre: Cosa pensi della sicurezza negli USA oggi? La nazione è più sicura che nel 2001?

Ryan Yantis: La risposta rapida e che penso che siamo più sicuri, non c'è stato un attentato nello stile dell’11/9 in 17 anni. Ma allo stesso tempo abbiamo una sfida significativa con persone instabili che hanno accesso alle armi da fuoco. Queste persone non dovrebbero mai avere armi da fuoco ma le ottengono e le usano per uccidere donne e bambini innocenti. La grande sfida per noi è mantenere le libertà individuali e allo stesso tempo proteggere la popolazione.

Qualche passo che il nostro governo ha fatto per la sicurezza crea più fastidi di quanto sia realistico o efficace. Lo capisco e preferisco togliermi le scarpe e lasciare che mi passino il computer ai raggi-x invece di trovarmi con qualcuno che ha una bomba nella scarpa sull'aereo. E’ spaventoso.

2019/01/10

I documenti pubblicati dagli hacker smentiscono i complottisti

di Hammer

Il 9 gennaio il gruppo di hacker The Dark Overlord ha pubblicato un secondo lotto di oltre settemila documenti sull’11/9 di cui è entrato in possesso attraverso accessi non autorizzati ai sistemi di studi legali e compagnie assicurative. Questo secondo lotto di documenti si somma al primo, che ne conteneva seicentocinquanta, pubblicato il 2 gennaio. The Dark Overlord sostiene di averne in totale 18.000 e chiede un pagamento in bitcoin per pubblicare i rimanenti e sostiene inoltre che tali documenti sarebbero estremamente compromettenti per il governo americano.


Come prima cosa va notato che il portafoglio bitcoin di The Dark Overlord è pubblicamente consultabile ed è al momento in cui scriviamo molto al di sotto della cifra che gli hacker avevano indicato nella loro comunicazione iniziale per il secondo rilascio. The Dark Overlord non sta quindi riuscendo nell'intento di raccogliere i soldi richiesti, e questo è indice del fatto che nessun ente sta offrendo per avere i documenti e che anche i proprietari legittimi dei dati non stanno pagando affinché The Dark Overlord non li pubblichi (eventualità prevista nel post iniziale degli hacker). Evidentemente questi documenti non sono poi così ambiti.

I siti cospirazionisti stanno riportando la notizia delle pubblicazioni di dati riservati da parte di The Dark Overlord con la stessa enfasi che usano ogni volta che ritengono di aver trovato un indizio a favore delle loro teorie, come se già sapessero che i documenti di The Dark Overlord contengano la smoking gun della cospirazione governativa. In realtà non solo i documenti rilasciati fino ad oggi non contengono nulla di cospirazionista, ma al contrario confermano la ricostruzione comunemente accettata dei fatti.

Dai documenti emerge, ad esempio, che alcune delle aziende che avevano sede nelle torri hanno citato in giudizio vari enti tra cui i costruttori del complesso, la Silverstein Properties che li aveva in gestione, la Port Authority e le compagnie aeree coinvolte nei dirottamenti per la perdita dei propri uffici e per l’interruzione del servizio. Tra le argomentazioni portate dai querelanti si legge che edifici progettati negli anni 60 e realizzati negli anni 70 avrebbero dovuto prevedere la possibilità di uno schianto aereo e anche del violento incendio seguente; inoltre, aggiungono i querelanti, gli edifici non avevano vie di fuga adeguate. Per quanto riguarda il WTC7 uno degli argomenti avanzati è la presenza di contenitori di carburante che contribuirono ad alimentare gli incendi e tale la situazione era già stata dichiarata come pericolosa dal dipartimento dei Vigili del Fuoco ma nessuna contromisura era stata presa.

Tra i documenti rilasciati da The Dark Overlord si trovano anche indicazioni diffuse dall’FBI in seguito agli attentati sulla possibilità che armi da taglio venissero nascoste in oggetti comuni come chiavi o fibbie di cintura.

Alcuni dei documenti emersi risalgono invece a prima degli attentati e contengono istruzioni emanate dalla TSA alle compagnie aeree sul rischio di attentati terroristici contro l’aviazione civile; tra i possibile mandanti vengono esplicitamente citati gruppi militanti islamici guidati da Osama bin Laden. Tra i documenti della TSA se ne trova anche uno che indica agli equipaggi come gestire i dirottamenti ma, come più volte spiegato, lo scenario previsto era quello in cui i terroristi armati minacciano di morte i piloti e non quelli in cui i terroristi stessi prendono il controllo dei velivoli.

Parte dei documenti rilasciati da The Dark Overlord conferma anche che gli attentati dell’11/9 sono stati possibili grazie a evidenti lacune nelle procedure di sicurezza a vari livelli. Ad esempio il personale aeroportuale addetto ai controlli di sicurezza includeva immigrati illegali poco competenti nell'incarico che era stato loro assegnato; inoltre la mattina stessa dell’11/9 il sistema informatico della FAA aveva segnalato nove dei dirottatori per ulteriori controlli, ma nessuno di loro fu fermato.

Se c’è quindi una cosa che questi documenti dimostrano è che l’11/9 avrebbe potuto essere evitato e che le responsabilità stanno nelle negligenze di chi avrebbe dovuto investigare e prevenire questo tipo di eventi.

Da nessuna parte si parla di complotti governativi, di esplosivi nelle Torri Gemelle o di bombe a Shanksville. Il favore con cui i complottisti hanno accolto la pubblicazione di questi documenti si spiega solo con il fatto che non hanno neanche letto cosa contengono.

2019/01/05

Gruppo di hacker minaccia di pubblicare documenti segreti sull'11/9

di Hammer. L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Il 31 dicembre del 2018 il gruppo anonimo di hacker The Dark Overlord ha comunicato tramite un tweet (disponibile su archive.org, in quanto l'account originale è stato sospeso da Twitter) di essere entrato in possesso di oltre 18.000 documenti sull'11/9 che risponderanno a molte domande su presunte cospirazioni.

Secondo quanto riportato dal Financial Times i dati sarebbero stati trafugati dalle compagnie assicurative Hiscox e Lloyd’s, dallo studio legale Blackwell Sanders Peper Martin (oggi chiamato Husch Blackwell) e dalla Silverstein Properties di Larry Silverstein (affittuario del complesso del World Trade Center per 99 anni a partire dal luglio del 2001). Tuttavia di queste aziende, solo Hiscox ha ammesso di essere stata vittima di attacchi informatici, gli altri gruppi hanno smentito accessi non autorizzati ai loro sistemi. Sempre secondo quanto riportato dal Financial Times, The Dark Overlord avrebbe intenzione di vendere i dati trafugati e avrebbe invitato l'ISIS, al-Qaeda e alcuni governi nazionali ad acquistare i documenti pagandoli in bitcoin.


Secondo quanto riportato da Russia Today, l'1 gennaio The Dark Overloard ha pubblicato su Pastebin il link a un archivio di 10 gigabyte, minacciando di rivelare la chiave di crittografia se non fossero stati pagati dai legittimi proprietari per non farlo. Le versioni di Russia Today e del Financial Times sembrano quindi leggermente diverse, in realtà l'annuncio originale di The Dark Overlord dava entrambe le possibilità, purché ricevessero il denaro richiesto. Tuttavia a seguito della chiusura degli account di Twitter e Pastebin di The Dark Overloard, il gruppo di hacker ha reagito postando su Steemit un nuovo messaggio rivolto al governo americano in cui lo invita a stare al gioco se non vuole trovarsi in una situazione tragica per la sopravvivenza del governo stesso. Scrive infatti The Dark Overlord This entire situation will soon become far more tragick to your survival (L'intera situazione diventerà presto molto più tragica per la vostra sopravvivenza).

Mercoledì 2 gennaio, The Dark Overload ha rilasciato un primo blocco di seicentocinquanta documenti riguardanti alcune cause per la responsabilità giuridica risalenti al 2003. I documenti non contengono nulla di compromettente e includono solo accordi di riservatezza, deposizioni di dipendenti dell' American Airlines, pagamenti assicurativi e dichiarazioni dei familiari dei voli dirottati.

Forbes ha sintetizzato in un articolo apposito la storia di Dark Overlord, il cui nome è tratto da quello di un personaggio dei fumetti della serie di Howard the Duck della Marvel. Il gruppo in passato ha attaccato con la stessa strategia scuole, ospedali e banche tra cui la WestPark Capital con sede a Los Angeles che non ha ceduto alla minaccia e i cui file sono stati effettivamente pubblicati a seguito del mancato pagamento. Nel 2017 The Dark Overlord ha anche trafugato e pubblicato in anticipo la serie televisiva Orange is the New Black di Netflix. Forbes aggiunge che gli esperti come Ian Thorton-Trump, responsabile della sicurezza di AMTrust International, ritengono che The Dark Overlord esageri nei propri proclami l'importanza del materiale che riesce a ottenere e che nel caso dell'11/9 sia entrato in possesso di documenti di scarsa importanza che non cambieranno quanto già noto.

E' interessante notare come i siti complottisti stiano riportando la notizia come se sapessero per certo che The Dark Overlord sia in possesso di informazioni che confermerebbero che l'11/9 sia stato una cospirazione governativa; prima ancora che i documenti vengano davvero pubblicati. I complottisti non si chiedono, ad esempio, perché mai delle compagnie assicurative o degli studi legali dovrebbero essere in possesso di documenti segreti del governo o della CIA o le prove della presunta demolizione controllata delle Torri Gemelle. Del resto, se il livello dei documenti che The Dark Overlord non ha ancora pubblicato è lo stesso di quelli del primo lotto rilasciato qualche giorno fa, i complottisti raccoglieranno solo la loro ennesima delusione.

2018/12/17

World Trade Center: an interview with former DEA agent Jeffrey Higgins

by Hammer. An Italian translation is available here.

Today Undicisettembre offers its readers the personal account of former DEA agent Jeffrey Higgins, who on 9/11 arrived at the World Trade Center after the collapse of the second tower and was later deployed to the DEA office in Kabul.

We would like to thank Jeffrey Higgins for his kindness and availability.


Undicisettembre: Can you give us a general account of what you saw and experienced on 9/11?

Jeffrey Higgins: I was working as a DEA agent, doing domestic criminal investigations like organized crime and things like Colombian transnational criminal groups. I was at the gym that morning before going to work and I remember hearing that a plane had hit the World Trade Center. So while at the gym, I watched the attack on television. I saw the second plane hit and knew it was terrorism at that point. I got dressed, jumped in my car and drove down to the World Trade Center, I’ll never forget going down the West Side Highway and there were literally thousands of people running up the sidewalks along the banks of the river, like in a horror movie, trying to get away from downtown Manhattan.

While I was coming down the West Side Highway I heard a radio call and somebody said, “The tower is gone.” The operator said, “Can you repeat that?” and he said “Two World Trade is gone.” I’ll never forget that, when I got to south Manhattan there was just one tower standing there while the smoke obscured the rest of the city. I drove to our office on 17th Street, right by the Chelsea Pier, about a mile from the World Trade Center. I went into my office and everything was is disarray. People were running around not sure what to do. I got together with a handful of agents - there were twelve of us -, and we decided we were just going to go down to the site and see how we could help. We left our names with the base operator, so if they were looking for us he knew where we were. As we left the office, the second tower came down.

We drove south into the scene and it looked like a war zone, so much smoke and debris in the air. Groups of police officers were standing around the cars and they couldn’t believe what had happened. The twelve of us found a ranking NYPD officer and we asked him what to do, but nobody knew. People were in shock and most of the emergency personnel that had gone into the buildings were dead. We couldn’t see anything, everything was obscured by this heavy metallic-tasting smoke, which covered the entire southern tip of Manhattan.

I separated from my group and went to the site and ended up bumping into an FBI agent who was there doing the same thing that I was, trying to figure out how to help. I walked alone towards the site right after the second collapse, so there was no one around and this guy walked out of the smoke towards me. He was Don Riley, a Suffolk County detective I had worked with on a homicide case a couple of years before. We were joined by a female NYPD officer and the three of us became the first people to get to the North Tower after it came down.

Underneath the street level there were parking garages and sewers, many stories underneath, and there were flames coming out of cracks. I remember walking by a parking lot about a block away, flames were coming out, and a car blew up. We walked to the Verizon building at the northwest corner of the World Trade Center and we found a guy laying in the rubble. We called an EMT, because the man was still alive, but he was missing an arm and burned and obviously barely hanging onto life. We gave aid to him and got him out of there.

So, Don, the NYPD officer, and I decided we were going to search the rubble. We broke into an EMT’s emergency vehicle and took masks and flashlights. We geared up as best as we could. I took a fire helmet. We went vehicle to vehicle. Fire trucks were covered with rubble and there were flames coming out of the ground. I climbed on a large fire truck with the tires on fire, I climbed in and opened up the cab and there was no one in there. I jumped down and got four or five feet away when the engine was consumed in fire.

Slowly, more emergency personnel arrived. Law enforcement people were running into the danger, while everyone else was running away. We had a mix of people: firefighters, medical personnel, and EMTs. Anyone who was in the area converged down there. We went from having three people to dozens. We went back to the Verizon building and searched some of the floors because there was debris from the towers that came crashing into the building and made holes in the side of it. Then we took fire extinguishers and we went back out to the site. Small fires kept cropping up because the ground was littered with paper from the offices. There were several feet of paper and debris, so every time flames would shoot up from down below, things would catch fire and we put them out.

We kept looking for survivors but we couldn’t find any. I spent a few hours there and at one point I helped firefighters pull an injured firefighter out and carry him on a stretcher to an ambulance. While I was doing that, I got a call from my base asking where I was. I said I was at the site and they told me all the agents were required to come back to the office. I wasn’t going to do that, so I refused and the operator said “Ok, just stay down there, we know where you are.”

I stayed there for five hours trying to help, running fire hoses to the site, digging through the rubble. I didn’t find anyone else alive. Then I went back to the office on 17th Street in the afternoon. They gathered all the agents together and the DEA decision was to send everybody home. I suggested they keep us there as a reserve force or just send us down to try to help anyway we could, but they told us it wasn’t our mission. There were over a hundred agents there and they sent us home. That really bothered me for a long time.

We went home and everyday after we asked, “How can we help? What can we do?” After two or three days they told us we could go down to the site and help with the recovery effort, but we had to do it on our own time. We couldn’t identify ourselves as agents, so I went down and spent a couple of days digging at the site. It was horrifying and really a life-defining thing at the same time.


Undicisettembre: You were also part of JTTF after 9/11. What did you do while at JTTF?

Jeffrey Higgins: Yes, the JTTF is a federal task force run by the FBI that includes other agencies. Three weeks after the attacks, my office sent about twenty-five DEA agents to the task force to see how we could help. We were assigned to the PENTTBOM operation and the DEA agents were sent to search the warehouses in the area to look for signs that any of the hijackers had used any of these storage facilities. I spent weeks searching these facilities. DEA is a pretty aggressive law enforcement agency. Another agent and I went to a facility to check their customer list against the names of suspects that we had. We also asked “Who else is here? Did you see anything suspicious? Any other possible links to terrorism?” So we interviewed people and we started turning up to other crimes like drug related organizations that were using the storage facilities.

We were in one of these units in Queens and I was interviewing the manager and he told me he did have a guy from the Middle East who rented a place and fled a few days after 9/11 and he hadn’t paid his dues. I went to the storage unit and looked at it and found chemicals and bags. It looked like the storage unit had been used for either cutting drugs or maybe he was just storing his stuff there and doing business elsewhere. I tracked the guy down to an address in Queens, talked to his manager and he told me the guy left in the middle of the night a few days after 9/11 and fled to Beirut. I followed some leads and found someone who knew the guy and he was able to contact him in Beirut. I called the suspect there, talked to him a little bit, and got some information. I told him I was more concerned about terrorism than drug trafficking and asked him to help develop intelligence for us.

I developed another source while I was investigating this man in Beirut. I learned from this source that another suspect had claimed he had lived with one of the 9/11 hijackers and had assisted them.

My partner and I tracked that lead down and we identified the guy, who lived in New Jersey, right across the river from Manhattan. We went to New Jersey and we interviewed people who knew the suspect, including a guy who had worked with him. At first he denied knowing this associate of the hijackers and denied knowing anybody from the Middle East. We took him apart in our interviews and he eventually acknowledged he knew who the suspect was. So we identified the suspect who was allegedly an associate of the hijackers and found a car he was using, which he may have used to drive the hijackers around when they arrived in the US. We discovered the suspect had been arrested for immigration violations one week before in New Jersey. He had been picked up for being illegally in the United States. When we interviewed him it was a couple of months after 9/11 and DEA pulled us off the investigation and the FBI took it over.


Undicisettembre: So, was this second man in your opinion an al-Qaeda member?

Jeffrey Higgins: Well, the guy had told people he had lived with the hijackers before and he assisted them when they came to the US. I was never able to prove that and in the end the FBI took over the investigation. I believe he just ended up being deported because other than his statements we weren’t able to tie him to the hijackers. It’s worth noting that the approach we used in counterterrorism is very similar to the approach we used in other crimes like drug enforcement—very proactive and very human intelligence based. DEA tries to proactively discover crimes and the same tactics work very well with counterterrorism. Terrorist cells are similar to small drug cells. They are both amorphous organizations and decentralized. Approaching them using human intelligence and a mixture of other things is really a good approach.


Undicisettembre: What do you think of the alleged Saudi support that the hijackers received?

Jeffrey Higgins: The only information I have on the Saudi Arabian support is the congressional report. It looks fairly evident that there were people within the Saudi regime that were supporting them.

Fundamental Sunni Islam is antithetical to western civilization. There are other sects of Islam which have learned how to be more tolerant of other religions, but Sunni Islam has not. Fundamentalist Sunni Islam is were you find groups like al-Qaeda, ISIS or the Taliban. When you look at these regimes in the Middle East, they are theocracies and they are dealing with a large number of fundamentalist people within their society. Even the Saudi regime has people who are more fundamentalist or more extreme than others, so clearly there were people in that royal family who were supporting the hijackers. Clearly there are people in Saudi Arabia who are supporting a fundamental version of Islam.

In the last few years you saw that change in Saudi Arabia quite a bit. Who knows what the motivation is. Maybe they wanted to reform from within, but you saw the top financiers, who were supporting fundamental Islam, incarcerated in Saudi Arabia. So you see some kind of shift. I don’t know what caused it.

Even Qatar, despite having US bases, is number one financier of Sunni Islamic terrorism in the world. You have nations all across the Middle East which are supporting terrorism whether they are publicly acknowledging it or not.


Undicisettembre: You have also been to Afghanistan during the war and you also told me you had to wrestle a suicide bomber. Can you tell us something about this?


Jeffrey Higgins: At the beginning of 2004 DEA opened up an office in Kabul because 90% of the world’s heroin comes out of Afghanistan. DEA has offices in 93 countries all over the world, and most of the offices are involved in helping law enforcement with training and intelligence gathering. DEA’s strength is in developing human intelligence. If you drop a DEA agent on the face of the Moon he will probably find an informant in the first couple of days. We do signals intelligence and wiretapping, but one of the main ways is by developing human sources within criminal organizations.

My partner at the time - Tim Sellers - developed a source in a terrorist bomber cell, which was operating in Kabul, and which had claimed responsibility for killing a dozen Germans at the airport in December 2003. I got there while Tim was working on this case and on my third day I wanted to go out and have a meeting with his source, who was going to meet one of the bomb suppliers from this cell. The DEA Country Attaché at the time - John O’Rourke - told me we had to go meet the US Drug Czar for dinner and for an informal briefing to explain what our agency was doing there.

So while I was at that meeting eating shrimp, my partner was out with his source driving around surveilling a bomber who was trying to deliver a bomb to a suicide bomber for another attack in Kabul. My partner called the International Security Assistance Forces, the ISAF, and he couldn’t get a quick reaction force to react in time and he ended up losing the bomber. Luckily the exchange was never made, so the next day our source told us the bomb maker from the terrorist cell was going to deliver this IED to a suicide bomber for the attack in Kabul.

We got the ISAF forces and the military forces who were responsible for security in Kabul, we got them together and we set up a quick reaction force. We had helicopters flown by the Dutch and the main force were the Canadians who were in charge of that point. ISAF had command and control of the operation and the Norwegians had a special forces team we were working with.

The bomb-maker was supposed to meet with the suicide bomber at a tea house by the Kabul River to deliver this bomb. The source was at the teahouse and we were in a car down the street. When we got word that he was there, we called in the QRF (quick reaction force, a convoy of military vehicles) from the ISAF base in Kabul and they surrounded the teahouse. We got out with them and they went inside the teahouse and when we got in there the suicide bomber was not in there. We debriefed our source and he said the bomber hadn’t arrived yet, because there had been a miscommunication between our source and our translator.

So my partner and I threw the source into the car. He had called the bomber and learned he was on the other side of the river. So we went to the other side of the river trying to get eyes on the bomber and we saw him walking with a plastic bag. He had an IED in a pressure cooker with three kilograms of plastic explosives and a detonator and he was walking with our source. So we called the ISAF convoy to come and make the arrest but they had these large military vehicles and it was too crowded and too congested and they weren’t able to turn around and cross the river. So my partner and I and another guy from the US and the Norwegian radio operator followed the bomber down the street in a very crowded area right by the river. The road opened up into a square and on the far side of the square there were hundreds of Afghans boarding buses to go to various parts of the country.

The guy with the bomb was heading right towards one of the buses and we couldn’t get the QRF to come and make the arrest, so my partner and I jumped out and ran across the square and my partner tackled him. The bomb was flying into the air and landed near us. I jumped on top of the guy. He was a terrorist. He was fighting and while he was fighting he tried to get his hand into his pocket. We fought him for several minutes. I think it was fifteen minutes that we were on the ground with that guy. At a certain point my partner said, “You are going to need to kill him because I can’t get to my gun.” He knew the terrorist was trying to detonate the bomb, which was right next to us. So I took out my gun, put it in the guy’s head and when I did that there was a huge crowd around us, maybe two hundred people, and they all started screaming and yelling because there was a westerner with a gun to the head of an Afghan man (he was Pakistani actually).

The crowd started to get closer and they were throwing bottles. It got very heated and the Norwegian radio operator jumped out of the car and came running while our translator was yelling at the crowd that the suspect was a bad man that we were trying to arrest him. The Norwegian took his rifle and kept the crowd off us, but they were closing in. An Apache helicopter swept over the square and pushed the crowd back. My partner was choking the bomber to knock him unconscious until eventually the QRF came and took custody of him. They recovered the bomb and the detonator, which was in his pocket.


Undicisettembre: Apart from this, what did you guys do in Afghanistan?

Jeffrey Higgins: We were in the DEA office in Kabul and we were training the Afghan police along with the French and the Germans. We also ran intelligence. We developed sources and ran them all over the country to get terrorism and drug intelligence. In Afghanistan it is more or less the same thing, because the drug traffickers support the terrorist groups.

We worked with the police. We stood up like an international force. We did helicopter airborne operations from Kabul, so that we could project the power of the Kabul government into the provinces. I was there from 2004 to 2010, for the first year and few months we established the Kabul office, then DEA realized that in order to function you have to be self sufficient, so they created FAST teams (Foreign-Deployed Advisory and Support Teams), which are basically DEA’s international tactical teams. I joined them in 2005 and I was with these teams until 2010. We would work with US Special Forces around the country, in places like Kandahar and Nangarhar which is historically one of the most criminal provinces of the country and there’s a strong legacy of Taliban and it is one of the highest heroin-producing provinces of the country. I spent a lot of time there working on the nexus between drugs and terrorism.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories that claim that 9/11 was an inside job?

Jeffrey Higgins: They are ridiculous. They are absurd. Conspiracies do happen, so if something looks like a conspiracy, it should be looked into. People come up with these ideas all the time and it’s worth thinking about it and looking for evidence, but coincidence is not evidence. Things that don’t seem rational do not mean they are evidence.

This idea that the US government would have anything to gain by committing an attack against its own people is just absurd. This doesn’t mean that governments don’t lie or that this government hasn’t lied, but in this case there isn’t a shred of evidence. A country doesn’t need to attack itself to justify military intervention.


Undicisettembre: What do you think of security today? Is the country safer than in 2001?

Jeffrey Higgins: Well, we are a free society and in a free society you can only be so safe. But we are safer now because people understood the threat from fundamental Islam and our efforts have made the situation better. Intelligence networks work better, data collection is better, the understanding of the threat is better. So I would say, yes, we are safer because we understand what the threat is, but we are also vulnerable in a lot of ways, like in the shooting in Las Vegas: one guy with a gun. So you can have a handful of terrorists with guns paralyzing the country for a while. In a free country it’s very easy to attack soft targets, like civilians. We are safer than we were, but you can never be completely safe from terrorism.

World Trade Center: intervista con l'ex agente della DEA Jeffrey Higgins

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui.

Undicisettembre offre oggi ai suoi lettori il racconto dell'ex agente della DEA Jeffrey Higgins che l'11/9 arrivò sulla scena dopo il crollo della seconda torre e che in seguito fu inviato all'ufficio della DEA a Kabul.

Ringraziamo Jeffrey Higgins per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Ci puoi fare un racconto di ciò che hai visto e vissuto l’11/9?

Jeffrey Higgins: Ero un agente della DEA, facevo indagini a livello nazionale su cose come il crimine organizzato o i gruppi criminali colombiani transnazionali. Ero in palestra quella mattina prima di andare al lavoro e ricordo di aver sentito che un aereo aveva colpito il World Trade Center. Quindi mentre ero in palestra guardai l’attacco in televisione. Vidi il secondo aereo colpire e a quel punto capii che era un atto di terrorismo. Mi vestii, saltai in macchina e andai fino al World Trade Center. Non dimenticherò mai che mentre attraversavo la West Side Highway c'erano letteralmente migliaia di persone che correvano per i marciapiedi lungo le rive del fiume, come in un film dell'orrore, cercando di allontanarsi da downtown Manhattan.

Mentre scendevo lungo West Side Highway sentii una chiamata alla radio e qualcuno disse “La torre non c'è più”. L'operatore disse “Puoi ripetere?” e lui disse “Il World Trade Center 2 non c'è più”. Non lo dimenticherò mai, quando arrivai alla punta meridionale di Manhattan c'era solo una torre che restava in piedi mentre il fumo oscurava il resto della città. Guidai fino al nostro ufficio sulla 17esima strada, proprio accanto al Chelsea Pier [uno dei moli sulla costa occidentale di Manhattan NdT], circa a un miglio dal World Trade Center. Andai in ufficio e c'era scompiglio ovunque. Le persone correvano in giro senza sapere cosa fare. Mi unii ad alcuni altri agenti, eravamo dodici, e decidemmo che saremmo andati là a vedere come potevamo aiutare. Lasciammo i nostri nomi all'operatore della sede, in modo che se qualcuno ci avesse cercato lui avrebbe saputo dove eravamo. Appena ci allontanammo dall'ufficio, la seconda torre venne giù.

Guidammo verso sud fino alla scena del disastro e sembrava una zona di guerra, tantissimo fumo e macerie nell'aria. Gruppi di ufficiali di polizia erano lì attorno alle macchine parcheggiate e non potevano credere a ciò che era successo. Noi dodici trovammo un ufficiale in comando della polizia di New York e gli chiedemmo cosa dovevamo fare, ma nessuno lo sapeva. Le persone erano in stato di shock e gran parte del personale per le emergenze che era entrato nei palazzi era morto. Non vedevamo nulla, tutto era oscurato da questo fumo che aveva il sapore di metallo pesante e che copriva l'intera a punta meridionale di Manhattan.

Mi separai dal mio gruppo e andai al sito e finii per scontrarmi con un agente dell'FBI che era lì a fare la stessa cosa che stavo facendo io, cercare di capire come essere d'aiuto. Camminai da solo verso la scena appena dopo il secondo crollo, non c'era nessuno in giro e un uomo camminò fuori dal fumo verso di me. Era Don Riley, un detective della contea di Suffolk con cui avevo lavorato su un caso di omicidio un paio di anni prima. Sì unì a noi un ufficiale donna della polizia di New York e noi tre fummo le prime persone ad arrivare alla Torre Nord subito dopo il crollo.

Sotto il livello della strada c'erano dei garage e l'impianto fognario, per molti piani sotto, e c'erano fiamme che uscivano dalle crepe. Ricordo di aver camminato accanto a un parcheggio a circa un isolato di distanza, le fiamme uscivano dal suolo, e un’auto esplose. Camminammo fino al Verizon Building all'angolo nord-occidentale del World Trade Center e trovammo un uomo steso nelle macerie. Chiamammo i paramedici, perché l'uomo era ancora vivo, ma aveva perso un braccio ed era ustionato e ovviamente era vivo a malapena. Gli demmo un primo soccorso e lo portammo fuori da lì.

Quindi, Don, l'ufficiale dell'NYPD e io decidemmo che avremmo cercato nelle macerie. Irrompemmo in un'ambulanza e prendemmo maschere e torce elettriche. Ci attrezzammo nel modo migliore possibile. Io presi un casco da pompiere. Controllammo veicolo per veicolo. I mezzi dei pompieri erano coperti di macerie e c'erano fiamme che uscivano dal suolo. Salii su un grosso camion dei pompieri le cui gomme stavano bruciando, mi ci arrampicai sopra e aprii la cabina e non c'era dentro nessuno. Saltai giù e dopo che mi allontanai di un paio di metri il motore venne consumato dal fuoco.

Lentamente, più personale di emergenza arrivava. Le forze dell'ordine correvano verso il pericolo, mentre chiunque altro correva via. Avevamo un gruppo di persone miste: pompieri, personale medico, personale del primo soccorso. Chiunque fosse nella zona convergeva lì. Passammo dall'essere tre persone a dozzine. Tornammo al Verizon Building e ispezionammo alcuni piani perché c'erano delle macerie che dalle torri si erano schiantate contro l'edificio e avevano creato dei buchi nel fianco di esso. Quindi prendemmo degli estintori e tornammo sulla scena. Piccoli incendi continuavano a emergere perché il suolo era cosparso di carta che proveniva dagli uffici. C’era carta per decine di centimetri, Quindi ogni volta che delle fiamme uscivano da sotto qualcosa prendeva fuoco e noi dovevamo spegnerlo.

Continuammo a cercare dei sopravvissuti ma non ne trovammo. Passai lì alcune ore e a un certo punto aiutai dei pompieri a tirar fuori un pompiere ferito e a portarlo in barella su un'ambulanza. Mentre facevo questo ricevetti una chiamata dalla base che mi chiedeva dove fossi. Dissi che ero sulla scena e mi dissero che tutti gli agenti dovevano tornare in ufficio. Non avevo intenzione di farlo, quindi rifiutai e l'operatore mi disse “Ok, resta lì, sappiamo dove sei.”

Rimasi lì per cinque ore cercando di aiutare, portando gli idranti sul sito, scavando tra le macerie. Non trovai nessuno vivo. Quindi tornai al mio ufficio sulla 17esima strada nel pomeriggio. Raccolsero tutti gli agenti insieme e la decisione della DEA fu di mandare tutti a casa. Suggerii che ci tenessero lì come forza di riserva o semplicemente che ci mandassero giù a cercare di aiutare in ogni modo possibile, ma ci dissero che non era la nostra missione. C'erano più di cento agenti lì e ci mandarono a casa. Questa cosa mi infastidì per molto tempo.

Tornammo a casa e ogni giorno chiedevamo “Come possiamo aiutare? Cosa possiamo fare?” Dopo due o tre giorni ci dissero che potevamo andare sulla scena e aiutare nei soccorsi, ma dovevamo farlo fuori dall'orario di lavoro. Non potevamo identificarci come agenti, quindi andai là e ci passai un paio di giorni scavando sulla scena. Fu orribile e fu un momento cruciale allo stesso tempo.


Undicisettembre: Dopo l’11/9 hai lavorato nella JTTF. Cosa hai fatto in quel periodo?

Jeffrey Higgins: Sì, la JTTF è una task force federale diretta dall’FBI che include altre agenzie. Tre settimane dopo gli attacchi, il mio ufficio mandò circa venticinque agenti della DEA alla task force per vedere come potevamo aiutare. Fummo assegnati all'operazione PENTBOMB [nome dato dagli investigatori all'indagine sull’11/9 NdT] e gli agenti della DEA furono mandati nei magazzini della zona per cercare se c’erano segni che qualche dirottatore avesse usato uno di quei depositi. Passai settimane frugando quelle strutture. La DEA è un agenzia delle forze dell'ordine piuttosto aggressiva. Io e un altro agente andammo in un magazzino per controllare la loro lista dei clienti e confrontarla con una lista di sospetti che avevamo. Chiedevamo anche “Chi altro è stato qua? Hai visto qualcosa di sospetto? Ci sono altre possibili connessioni con il terrorismo?” Quindi intervistavamo le persone e cominciammo a scoprire altri reati come organizzazioni legate alla droga che usavano quei magazzini.

Eravamo in una di queste unità nel Queens e intervistammo il direttore che mi disse che effettivamente c'era un uomo mediorientale che aveva affittato un posto e scappò pochi giorni dopo l’11/9 senza pagare quanto dovuto. Andai al magazzino e lo frugai e trovai materiale chimico e borse. Sembrava che il magazzino fosse stato usato per tagliare la droga o forse aveva solo depositato lì la roba mentre faceva i suoi affari da un'altra parte. Rintracciai l'uomo fino a un indirizzo nel Queens, parlai con il suo capo e mi disse che l'uomo se n'era andato in piena notte pochi giorni dopo l’11/9 ed era scappato a Beirut. Seguii alcune piste e trovai qualcuno che lo conosceva e riuscì a contattarlo a Beirut. Chiamai il sospettato là, gli parlai un po' e ottenni qualche informazione. Gli dissi che ero più concentrato sul terrorismo che sul traffico della droga e gli chiesi di aiutarci a trovare delle informazioni.

Trovai un'altra fonte mentre stavo indagando su quest'uomo di Beirut. Appresi da questa fonte che un altro sospettato aveva dichiarato di avere vissuto con uno dei dirottatori dell’11/9 e di averlo aiutato.

Io e il mio partner seguimmo questa pista e trovammo un uomo, che viveva nel New Jersey, proprio oltre il fiume rispetto a Manhattan. Andammo nel New Jersey e intervistammo persone che conoscevano il sospettato, incluso un uomo che aveva lavorato con lui. Sulle prime negò di conoscere quest'uomo legato ai dirottatori e disse di non conoscere nessuno dal Medio Oriente. Lo prendemmo da parte per intervistarlo e alla fine ammise di conoscere il sospettato. Quindi identificammo il sospettato che si presumeva essere un collaboratore dei dirottatori e trovammo un'auto che aveva usato, e che può avere usato per portare in giro i dirottatori quando sono arrivati negli Stati Uniti. Scoprimmo che il sospettato era stato arrestato per violazione dell'immigrazione una settimana prima nel New Jersey. Era stato arrestato per immigrazione illegale negli Stati Uniti. Quando lo intervistammo fu un paio di mesi dopo l’11/9 e la DEA ci rimosse dall'indagine e l’FBI ne prese il controllo.


Undicisettembre: Quindi questo secondo uomo secondo te è un membro di al-Qaeda?

Jeffrey Higgins: Beh, quest'uomo disse a delle persone di aver vissuto con i dirottatori in precedenza e di averli aiutati quando sono arrivati negli Stati Uniti. Non ho mai potuto provarlo e alla fine la FBI preso il controllo dell'indagine. Credo che alla fine finì solo per essere deportato perché oltre alle sue affermazioni non c'era modo di provare il suo legame con i dirottatori. Vale la pena di sottolineare che l'approccio che abbiamo usato nell'antiterrorismo è molto simile all'approccio che abbiamo usato in altri crimini come le indagini sulla droga, molto proattivo è molto basato sull'intelligence umana. La DEA prova a scoprire i crimini proattivamente e la stessa tattica funziona molto bene con l’antiterrorismo. Le cellule terroristiche e sono simili alle piccole cellule della droga. Sono entrambe organizzazioni amorfe e decentralizzate. Approcciarle usando l'intelligence umana e un insieme di altre cose è un approccio molto buono.


Undicisettembre: Cosa pensi del presunto supporto saudita che i dirottatori hanno ricevuto?

Jeffrey Higgins: Le uniche che informazioni che ho sul supporto dell'Arabia Saudita provengono dal rapporto del congresso. Sembra molto evidente che c'erano persone nel regime saudita che li stavano supportando.

L'Islam Sunnita fondamentalista è antitetico alla civiltà occidentale. Ci sono altri gruppi dell'Islam che hanno imparato ad essere più tolleranti verso le altre religioni, ma l'Islam Sunnita no. L'Islam sunnita fondamentalista è dove trovi i gruppi come al-Qaeda, l'ISIS o i Talebani. Questi regimi del Medio Oriente sono teocrazie e tutti si trovano ad avere grandi numeri di persone fondamentaliste nella loro società. Anche il regime saudita ha persone che sono più fondamentaliste o più estremiste di altre, quindi chiaramente ci sono persone nella famiglia reale che stavano supportando i dirottatori. Chiaramente ci sono persone in Arabia Saudita che supportano una versione fondamentalista dell'Islam.

Negli ultimi anni c'è stato un cambiamento in Arabia Saudita. Non sappiamo quale sia la motivazione. Forse volevano una riforma dall'interno, ma i principali finanziatori, che supportavano l'Islam fondamentalista, sono stati incarcerati in Arabia Saudita. Quindi c'è un po' di cambiamento. Non so cosa l’abbia causato.

Anche il Qatar, nonostante abbia le basi americane, è il principale finanziatore del terrorismo islamico sunnita nel mondo. Ci sono nazioni in tutto il Medio Oriente che sostengono il terrorismo sia che lo riconoscano pubblicamente sia che non lo facciano.


Undicisettembre: Sei anche stato in Afghanistan durante la guerra e mi hai anticipato di aver dovuto lottare contro un attentatore suicida. Ci puoi raccontare qualcosa su questo fatto?

Jeffrey Higgins: All'inizio del 2004 la DEA ha aperto un ufficio a Kabul perché il 90% dell'eroina mondiale viene dall'Afghanistan. La DEA ha uffici in 93 stati in tutto il mondo e la maggior parte degli uffici sono impegnati nel formare le forze dell'ordine su come raccogliere intelligence. La forza della DEA è nello sviluppare intelligence umana. Se lasci un agente della DEA sulla faccia della Luna probabilmente troverà un informatore nei primi due giorni. Quindi noi facciamo intelligence dei segnali e intercettazioni telefoniche, ma uno dei modi principali è sviluppare fonti umane all'interno delle organizzazioni criminali.

Il mio partner di allora, Tim Sellers, trovò una fonte in una cellula terroristica che operava a Kabul e che aveva dichiarato la propria responsabilità nell'avere ucciso una dozzina di tedeschi all'aeroporto nel dicembre del 2003. Arrivai lì mentre Tim lavorava su questo caso e durante il mio terzo giorno volevo uscire e incontrare la sua fonte che avrebbe incontrato uno dei fornitori di bombe della cellula. Il responsabile della DEA in Afghanistan al tempo, John O'Rourke, mi disse che dovevamo incontrare lo zar antidroga americano per cena e per un briefing informale per spiegargli cosa la nostra agenzia stava facendo lì.

Quindi mentre io ero a questo incontro e stavo mangiando gamberetti, il mio partner era fuori in macchina con la sua fonte e stava sorvegliando un fornitore di bombe che stava cercando di consegnare una bomba a un attentatore suicida per un altro attacco a Kabul. Il mio partner chiamò l’International Security Assistant Forces, l’ISAF, e non poté ottenere una squadra di intervento rapido che reagisse in tempo e finì per perdere il fornitore della bomba. Fortunatamente lo scambio non fu effettuato, quindi il giorno seguente la nostra fonte ci disse che il produttore della bomba della cellula terroristica avrebbe cercato di consegnare l’ordigno esplosivo a un altro attentatore suicida per l’attacco a Kabul.

Chiamammo l’ISAF e le forze militari che erano responsabili della sicurezza a Kabul, ci unimmo a loro e preparammo una squadra di intervento rapido. Avevamo elicotteri guidati dagli olandesi e la principale forza erano i canadesi che erano responsabili di quella zona. L’ISAF aveva il comando e il controllo dell'operazione e i norvegesi avevano forze speciali con cui lavoravamo.

Il fornitore della bomba avrebbe dovuto incontrare l'attentatore suicida in una casa da tè sul fiume Kabul per consegnare l’ordigno. La fonte era alla casa da tè e noi eravamo in macchina in strada. Quando ci giunse la notizia che l’uomo era arrivato chiamammo il QRF (quick reaction force, un convoglio di veicoli militari) della base di Kabul dell’ISAF e loro circondarono la casa da tè. Insieme a loro entrammo nella casa da tè e quando arrivammo l'attentatore suicida non c'era. Parlammo con la nostra fonte che ci disse che l'attentatore non era ancora arrivato, perché c'era stata un malinteso tra la nostra fonte e il nostro traduttore.

Quindi il mio partner e io trascinammo la fonte in macchina. Lui chiamò il fornitore della bomba e apprese che si trovava dall'altra parte del fiume. Quindi andammo dall'altra parte del fiume per cercare di mettere gli occhi sull'uomo con la bomba e lo vedemmo che camminava con una borsa di plastica. Aveva un ordigno esplosivo in una pentola a pressione con tre chili di esplosivo al plastico e un detonatore e stava camminando insieme alla nostra fonte. Quindi chiamammo il convoglio dell'ISAF affinché venisse e facesse l'arresto ma loro avevano grossi veicoli militari e la zona era troppo affollata e troppo congestionata e non potevano fare inversione e attraversare il fiume. Quindi il mio partner e io e un altro uomo americano e l'operatore radio norvegese seguimmo l'uomo con la bomba per la strada in una zona molto affollata proprio lungo il fiume. La strada si apriva in una piazza e dalla parte opposta della piazza c'erano centinaia di afghani che salivano sugli autobus per andare in varie zone del paese.

L'uomo con la bomba si stava dirigendo proprio verso uno di questi autobus e il QRF non riusciva ad arrivare per fare l'arresto. Quindi io e il mio partner saltammo fuori, attraversammo la piazza di corsa e il mio partner lo placcò. La bomba volò per aria e atterrò vicino a noi. Saltammo addosso all'uomo. Era un terrorista. Combatteva e durante il combattimento cercò di mettersi la mano in tasca. Combattemmo contro di lui per molti minuti. Credo che rimanemmo per terra con lui per quindici minuti. A un certo punto il mio partner disse “Dovrai ucciderlo perché non riesco a prendere la pistola”. Sapeva che il terrorista stava cercando di far esplodere la bomba, che era proprio accanto a noi. Quindi presi la pistola, la puntai alla testa dell'uomo e quando lo feci c'era un'enorme folla intorno a noi, circa duecento persone, e tutti loro iniziarono a urlare e a inveire perché c'era un uomo occidentale con una pistola alla testa di un uomo afghano (anche se in realtà era pakistano).

La folla iniziò a venire più vicino e lanciavano bottiglie. La situazione si scaldò e l'operatore radio norvegese saltò fuori dalla macchina e corse verso di noi mentre il nostro traduttore urlava alla folla che il sospettato era un uomo cattivo e che stavamo cercando di arrestarlo. Il norvegese prese il fucile e tenne la folla lontana, ma cercavano comunque di avvicinarsi. Un elicottero Apache passò sopra la piazza e allontanò la folla. Il mio partner stava soffocando l'uomo per farlo svenire fin quando finalmente il QRF arrivò e prese l’uomo in custodia. Recuperarono la bomba e il detonatore che teneva in tasca.


Undicisettembre: Oltre a questo cosa avete fatto in Afghanistan?

Jeffrey Higgins: Eravamo nell'ufficio della DEA a Kabul e facevamo formazione alla polizia afghana insieme ai francesi e tedeschi. Facevamo anche operazioni di intelligence. Trovavamo fonti e le mandavamo in tutto il paese a trovare informazioni su terrorismo e droga. In Afghanistan è più o meno la stessa cosa, perché i trafficanti di droga supportano i gruppi terroristici.

Lavoravamo con la polizia. Formavano una forza internazionale. Facevamo operazioni aeree con l'elicottero da Kabul, in modo da poter trasferire i poteri del governo di Kabul fino alle province. Sono stato lì dal 2004 al 2010, per il primo anno e pochi mesi eravamo stabiliti presso l'ufficio di Kabul, quindi la DEA capì che per poter funzionare devi essere autonomo, quindi crearono le squadre FAST (Foreign-Deployed And Support Teams) che sono sostanzialmente team tattici internazionali della DEA. Mi unii a loro nel 2005 e rimasi con queste squadre fino al 2010. Lavoravamo con le forze speciali americane in giro per il paese, in posti come Kandahar e Nangarhar che è storicamente una delle province della nazione con la più alta criminalità e dove c'è una forte influenza dei Talebani ed è una delle province del paese con la più grande produzione di eroina. Passai molto tempo lì lavorando sui legami tra la droga e il terrorismo.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie della cospirazione secondo cui l’11/9 è stato un autoattentato?

Jeffrey Higgins: Sono ridicole. Sono assurde. Le cospirazioni accadono, quindi se qualcosa sembra una cospirazione deve essere investigata. Le persone se ne escono con queste idee costantemente e vale la pena di considerarle e di cercare delle evidenze, ma le coincidenze non sono evidenze. Cose che non sembrano razionali non sono evidenze.

L’idea che il governo americano abbia avuto qualcosa da guadagnare nel commettere un atto del genere contro il proprio popolo è semplicemente assurda. Questo non significa che i governi non mentano e che questo governo non abbia mentito, ma in questo caso non c'è neanche una briciola di evidenza. Una nazione non ha bisogno di attaccare sé stessa per giustificare un intervento militare.


Undicisettembre: Cosa pensi della sicurezza oggi? La nazione è più sicura di quanto fosse nel 2001?

Jeffrey Higgins: Beh, siamo una società libera e in una società libera puoi essere al sicuro solo fino a un certo punto Ma oggi siamo più al sicuro perché la gente capisce le minacce dell'Islam fondamentalista e i nostri sforzi hanno reso la situazione migliore. Le reti di intelligence funzionano meglio, la raccolta dei dati funziona meglio, la comprensione di questa minaccia è migliore. Quindi direi di sì, siamo più al sicuro perché siamo consapevoli di quale sia la minaccia ma siamo anche vulnerabili sotto molti aspetti, come la sparatoria a Las Vegas: un uomo con un fucile. Quindi ci potrà sempre essere un gruppo di terroristi con delle armi da fuoco che paralizzano la nazione per un po'. In una nazione libera è molto facile colpire obiettivi deboli, come i civili. Siamo più sicuri di come eravamo, ma non puoi mai essere completamente al sicuro dal terrorismo.