2021/01/18

United 93: an interview with Red Cross volunteer Patti Anewalt

by Leonardo Salvaggio. An Italian translation is available here.

Unidicisettembre is offering its readers today the personal account of Red Cross volunteer Patti Anewalt who was among the first responders of flight United 93 who crashed in rural Pennsylvania after a revolt of the passengers and the crew stopped the terrorists from reaching their target.

We would like to thank Patti Anewalt for her kindness and willingness to help.





Undicisettembre: Can you give us a general account of what you saw and experienced on 9/11?

Patti Anewalt: I was based in Lancaster, Pennsylvania. I worked and I still work for hospice, we take care of dying patients and their families. I’m also the Director of the Pathways Center for Grief & Loss. We support not only those grieving the death of a patient my hospice cared for, but we also support anyone in the community grieving a death. This includes death by suicide, accident, overdose, or even homicide. I had been active in recent years with American Red Cross and I did a lot of crisis response work at local level, also with firefighters, police, EMS; when there’s a crisis I helped coordinate the debriefing afterwards on how they were coping with the tragedy. I had said to my supervisor “The next time something happens nationally I’d like to be able to go.” On that day I was at work, totally clueless about the news at it was unfolding. I didn’t know what had happened until my supervisor stepped into my office and said “You need to come and look at the television”, where a lot of people had gathered around one of the televisions and we saw the second plane hit.

I had already planned to go to lunch that day with my boss and seeing what was going on I told her while we were having lunch “I’m going to get a call”, and I did. The Red Cross was rather disorganized initially on the afternoon of 9/11, so my first call from them was “Can you do a press conference before you go to New York?” to which I replied “I don’t know if I’m going to New York, no one has called me”. By the end of the day I was reassigned to Pennsylvania. I was initially disappointed that I wasn’t going to New York, but now in hindsight with all the illnesses and deaths that took place from all that was in the air I’m glad I was sent to Shanksville.

I was in Shanksville by the 13th for the next two weeks. I worked at the morgue, at the crash site and with the families, and we coordinated a memorial service with them. On the first Friday we had the prayer service outside the county court house in Somerset. All the families drove there because the air space was initially closed. I talked with others who had responded to a lot of these national disasters and they explained this one was unique. Usually families immediately descend to the location, but in this case that didn’t happen because the air space was closed. So it was a surreal experience for everybody.


Undicisettembre: How would you describe the crash site? Did anything in particular strike you?

Patti Anewalt: They called “the hot zone” and it was off limits to everyone except those involved in the search for any and all fragments from the crash. Some of the Red Cross vehicles, called ERVs, Emergency Response Vehicles, got closer to bring coffee and food, but everyone else could only see it from a distance. It was smoldering and you could see clouds of smoke coming up.

At the time a memorial area was set up for the families to bring mementos of passengers who died in the crash. This was within sight of where the plane went down but a distance away. I have been back there twice and it looks dramatically different from when I was there right after 9/11. Now they have a large boulder that marks where the plane had gone down.


Undicisettembre: What did you do in those two weeks you spent there?

Patti Anewalt: I traveled to Somerset County with another Disaster Mental Health Red Cross volunteer. He was a psychologist who lived a little further North and East of me. The two of us had twelve hours shifts. Depending on the day, we were assigned to go to different places. The majority of my time was spent by the morgue and there were people from all over the country there to do body identification. Until they found the black box, which took a couple of days, all they did was to mark with different color codes what they were finding because it was a seven mile radius in the field and the woods around it.

At the morgue I was near to the food truck where people who were working in the morgue would come out to get something to eat or to drink. I talked with them about what they were struggling with. They would obtain information from the families about their loved ones. One thing that stuck with me was how one passenger played a wind instrument; their mandible -- the shape of their jaw -- was shaped differently, so the forensic examiners were able to match that description of the passenger with the body part that they found.

I remember one person telling me they found a driver’s license in a passenger’s pocket. For a few years after that if I’d flew anywhere I’d put my license in my pocket in case the plane went down.

Many of the workers talked about calling home, needing to connect with their families, and wanting to know what the news was reporting about 9/11. This was rather surreal and has happened to me when responding to other tragedies. Because we were on site so promptly after the incident occurs, and working long hours, we were not aware of what was going on in the rest of the world. And it was a scary time back then because three other planes had hit targets and we didn’t know if we were under attack and what else might have happened. It was a weird feeling being where everybody else was talking about and yet know less than everybody else, because we were there, working and had little access to current news.


Undicisettembre: What made this case unique in comparison to others you’ve been involved with?

Patti Anewalt: I’ve responded to a lot of local tragedies, but not a lot of national ones. One of things that was an eye opener for me was that there were seventy-two different organizations coming together and within a day or two everything was set up like a business: we had computers, telephone lines, desks. Everything was set up and organized. I’ve always said the Red Cross is kind of like the Army: you do what you are supposed to do and you remain focused on just that. It’s very organized and that’s how they keep the things straight, everybody has a role and that’s what you are expected to do.

It was amazing to see all these different organizations come together to set up and work within the community too. They set up a church somewhere nearby where they would also provide some education to local pastors who wanted to know how to support the community. The community was also very affected by this. I remember talking to some kids who lived in Shanksville. They saw the second plane on TV and they were consoling each other saying “Oh, thank goodness, at least we don’t live anywhere near New York City. Nothing will happen to us” and all of a sudden they heard and felt the whole school shake and a loud boom. When they looked out of the window they could see smoke from the plane when it went down. It was all they kept talking about.


Undicisettembre: Do you think the media pressure had an impact of the job you guys were doing?

Patti Anewalt: Not so much on mine. We were briefed everyday on what to expect and who was going to be visiting the crash site. We heard rumors the President would be coming, so suddenly they paved the entire area, then it turned out it was the Vice President who visited. Press conferences were periodically held as well. It was interesting to see what and how the coroner, who was just a local county coroner, addressed during these press conferences. He was responsible to oversee the morgue and everything else that was going on. He did a fabulous job addressing the media, as some information was confidential.

Media was obnoxious, as they often can be. They had to protect the hot zone and the memorial site with mounted police, as there were media people sneaking through the woods trying to get closer. I’ve seen that in other community tragedies as well, they will do anything they can to get in there and get the scoop.


Undicisettembre: While you guys were working there for such a long time was anyone having doubts about the fact that a plane had crashed there?

Patti Anewalt: Doubts? No! Almost immediately they started finding parts of the plane and proof -- there was absolutely no question that the plane had gone down there. People heard it and saw it, a whole plane went down there and it shook everything around there. There was no question what had happened and that it was that plane. As time went on they also found proof of the passengers who had been on the plane.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

Patti Anewalt: That’s an interesting question because we are all struggling with COVID-19 right now. I did a national webinar last week and my role was to talk about grief and the pandemic. I started off by saying it reminds me of 9/11 because all of a sudden everybody understood grief in some respect. After 9/11 everybody was horrified at what happened and how many people had so tragically died. People were sad, they were angry, they were proud of their country, there were all kind of grief reactions. In these long months of living during this pandemic I don’t believe there isn’t a person anywhere in the world who doesn’t understand grieving all the changes they have endured because their lives are so completely different right now.

And in another way, over the years after 9/11, it started to change people’s understanding about grief. People used to always talk about closure and how they get closure after something tragic happens. Now that news is such a prevalent part of everyone’s life most people realize we don’t really have closure. We always remember, and from time to time we continue to have grief bursts when we are reminded or experience something that triggers our grief. As the years has gone by and the media covers the memorials that take place on the anniversaries it’s helped people understand we don’t just get over them and experience closure, we continue to re-grieve at times throughout our lifetime.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories according to which 9/11 was an inside job and that no plane crashed in Shanksville?

Patti Anewalt: That’s ridiculous! It’s fake news, there’s no basis for it, and there’s so much proof that it did occur! People who have conspiracy theories seem to have too much time on their hands. It’s the same with COVID: follow science and follow the facts! I don’t have a lot of patience for that, I would say. And they obviously haven’t been to Shanksville to see the museum there. It contains many of the artifacts they found proving the passengers went down on that plane, showing parts of the plane. Most heartbreaking of all are the recordings of the passengers calling loved ones, describing what was happening and their plans to confront the terrorists.


Undicisettembre: How would you compare the crisis after 9/11 to the crisis for COVID-19 the country is living now?

Patti Anewalt: It’s hard to compare because there are so many more losses. In both situations everybody from all over the world is paying attention to it, is aware of and affected by it. So those are the similarities however there are far more differences in that the pandemic impacts every single person around the globe in a personal way and many thousands more have died. September 11 didn’t have that kind of direct impact around the world.

United 93: intervista alla volontaria della Croce Rossa Patti Anewalt

di Leonardo Salvaggio. L'originale inglese è disponibile qui.

Unidicisettembre offre oggi ai suoi lettori il racconto personale della volontaria della Croce Rossa Patti Anewalt che fu tra i primi soccorritori del volo United 93 che si schiantò in una zona rurale della Pennsilvanya dopo che una rivolta dei passeggeri e dell'equipaggio impedì ai terroristi di colpire il proprio obiettivo.

Ringraziamo Patti Anewalt for la sua cortesia e disponibilità.





Undicisettembre: Puoi farci un racconto generale di ciò che hai visto e vissuto l'11 settembre?

Patti Anewalt: Al tempo vivevo a Lancaster, in Pennsylvania. Lavoravo e lavoro tuttora all'hospice, dove ci prendiamo cura dei pazienti morenti e delle loro famiglie. Sono anche la direttrice del Pathways Center for Grief & Loss [ente con sede in Pennsylvania specializzato nel supporto a chi attraversa periodi di sofferenza, NdT]. Sosteniamo non solo coloro che soffrono per la morte di un paziente che è stato curato nel mio hospice, ma chiunque nella zona sia stato colpito da un lutto. Questo include morti per suicidio, incidente, overdose o persino omicidio. Da alcuni anni lavoravo con la Croce Rossa degli Stati Uniti e ho lavorato in molte occasioni nelle reazioni alle crisi a livello locale, con vigili del fuoco, polizia, paramedici; durante le crisi aiutavo a coordinare il debriefing che veniva fatto a posteriori su come era stata affrontata l’emergenza. Avevo detto alla mia responsabile "La prossima volta che succede qualcosa a livello nazionale mi piacerebbe poterci andare". Quel giorno ero al lavoro, completamente all'oscuro di ciò che stava avvenendo. Non sapevo cosa fosse successo fino a quando la mia responsabile entrò nel mio ufficio e disse “Devi venire a vedere la televisione”, molte persone erano riunite attorno a uno dei televisori e vedemmo il secondo aereo colpire.

Avevo già programmato di andare a pranzo con il mio capo quel giorno e vedendo cosa stava succedendo le dissi mentre stavamo pranzando "Penso che riceverò una chiamata", e così accadde. La Croce Rossa inizialmente era piuttosto disorganizzata nel pomeriggio dell'11 settembre, quindi quando mi chiamarono la prima volta mi dissero "Puoi tenere una conferenza stampa prima di andare a New York?", risposi "Non so se dovrò andare a New York, nessuno mi ha chiamato". Più tardi venni assegnata alla Pennsylvania. Inizialmente ero delusa dal fatto che non sarei andata a New York, ma ora con il senno di poi con tutte le malattie e le morti che sono avvenute a causa ciò che c'era nell'aria sono contenta di essere stata mandata a Shanksville.

Arrivai a Shanksville il 13 settembre e ci rimasi per le successive due settimane. Lavoravo all'obitorio, sul luogo dello schianto e con le famiglie, con le quali organizzammo un servizio commemorativo. Il primo venerdì organizzammo il servizio di preghiera fuori dal tribunale della contea del Somerset. Le famiglie arrivavano in macchina perché inizialmente lo spazio aereo era chiuso. Parlai con altri che avevano risposto a molte emergenze nazionali e mi spiegarono che questo era un caso unico. Di solito le famiglie arrivano sul luogo immediatamente, ma questa volta non accadde perché lo spazio aereo era chiuso. Quindi fu un'esperienza surreale per tutti.


Undicisettembre: Come descriveresti il il luogo dello schianto? C’è stato qualcosa in particolare che ti ha colpito?

Patti Anewalt: La chiamarono "la zona rossa", l’accesso era vietato a tutti tranne a chi era coinvolto nella ricerca dei frammenti dello schianto. Alcuni mezzi della Croce Rossa, chiamati ERVs, Emergency Response Vehicles [veicoli per la risposta alle emergenze, NdT], si potevano avvicinare per portare caffè e cibo, ma tutti gli altri potevano vedere la zona solo da lontano. Stava bruciando e si vedevano nubi di fumo che si alzavano.

Fu allestita un'area commemorativa per le famiglie dove portare ricordi dei passeggeri morti nell'incidente. Da lì si poteva vedere il luogo in cui l'aereo era precipitato, ma a distanza. Ci sono tornata due altre volte ed era completamente diversa rispetto a quando sono stata lì subito dopo l'11 settembre. Adesso c’è un masso che indica la zona dove l’aereo è caduto.


Undicisettembre: Cosa hai fatto in quelle due settimane che sei stata lì?

Patti Anewalt: Andai nella contea di Somerset con un altro volontario della Croce Rossa che si occupa di salute mentale nei casi di disastri. Era uno psicologo che viveva un po' più a nord e ad est di me. In due avevamo turni di dodici ore. A seconda del giorno, venivamo assegnati a posti diversi. Io trascorsi la maggior parte del tempo all'obitorio, c'erano persone da tutta la nazione che lavoravano all'identificazione dei cadaveri. Fino a quando non trovarono la scatola nera, un paio di giorni dopo, si limitarono a contrassegnare con codici di colore diversi i resti che trovavano perché era un’area di undici chilometri di raggio, nel campo e nei boschi circostanti.

All'obitorio ero vicino al camion che distribuiva generi alimentari a cui andavano le persone che lavoravano all'obitorio per prendere qualcosa da mangiare o da bere. Parlai con loro di ciò a cui stavano lavorando. Raccoglievano informazioni dalle famiglie sui loro cari. Una cosa che mi è rimasta impressa è stata che uno dei passeggeri suonava uno strumento a fiato; la mandibola, la forma dell’osso, era diversa e così gli esaminatori forensi sono stati in grado di trovare una corrispondenza tra quella descrizione e la parte del corpo che avevano trovato.

Ricordo che una persona mi disse di aver trovato una patente di guida nella tasca di un passeggero. Per alcuni anni, quando prendevo un aereo mi mettevo la patente in tasca nel caso l'aereo fosse caduto.

Molte delle persone che lavoravano lì dicevano spesso che volevano telefonare a casa, di avere bisogno di entrare in contatto con le loro famiglie e di voler sapere cosa dicevano i notiziari sull'11 settembre. Questo fu piuttosto surreale e mi è successo anche in altre emergenze. Essendo arrivati sul luogo così poco tempo dopo l'incidente, e siccome lavoravamo per molte ore al giorno, non eravamo a conoscenza di cosa stesse succedendo nel resto del mondo. Ed era un periodo spaventoso perché altri tre aerei avevano colpito i loro obiettivi e non sapevamo se eravamo ancora sotto attacco o cos'altro potesse accadere. Era una strana sensazione essere nel luogo di cui tutti parlavano e al contempo saperne meno degli altri, perché eravamo lì, lavoravamo e avevamo scarso accesso alle notizie.


Undicisettembre: Cosa ha reso questo caso unico rispetto ad altri in cui sei stato coinvolta?

Patti Anewalt: Ho partecipato alla reazione a molte tragedie locali, ma a poche a livello nazionale. Una cosa che mi ha aperto gli occhi fu che c’erano settantadue organizzazioni diverse a lavorare insieme e nel giro di un giorno o due tutto era organizzato come un’azienda: avevamo computer, linee telefoniche, scrivanie. Tutto era impostato e organizzato. Dico sempre che la Croce Rossa è un po' come l'esercito: ognuno fa quello che deve e si concentra solo su quello. È molto organizzata ed è così che tengono le cose in ordine, ognuno ha un ruolo e deve svolgere solo quello.

È stato fantastico vedere tutte queste diverse organizzazioni unirsi per organizzare il lavoro anche insieme alla comunità locale. Istituirono una chiesa nelle vicinanze e formavano anche i pastori locali che volevano sapere come sostenere la comunità. La comunità stessa ne è stata molto colpita. Ricordo di aver parlato con alcuni ragazzi che vivevano a Shanksville. Avevano visto il secondo aereo in televisione e si erano consolati tra di loro dicendo: “Oh, grazie al cielo, non viviamo vicino a New York. Qui non succederà nulla.” e all'improvviso hanno sentirono un boato e la scuola tremò. Guardarono fuori dalla finestra e videro il fumo dal luogo in cui l’aereo si era schiantato. Parlavano solo di quello.


Undicisettembre: Pensi che la pressione mediatica abbia avuto un impatto sul lavoro che stavate facendo?

Patti Anewalt: Sul mio no. Eravamo informati ogni giorno su cosa aspettarci e su chi avrebbe fatto visita al luogo dell'incidente. Si diceva che sarebbe venuto il presidente, e subito pavimentarono tutta la zona, alla fine venne il vice presidente. Periodicamente facevano anche delle conferenze stampa. Fu interessante vedere cosa disse e come si comportò il medico legale, che era solo un medico legale locale di una contea, durante le conferenze stampa. Era responsabile della supervisione dell'obitorio e di tutto quello che stava succedendo. Fece un lavoro favoloso nel trattare con i media, poiché alcune informazioni erano riservate.

I media erano odiosi, come spesso sono. Fu necessario mettere la polizia a cavallo a protezione della zona rossa e del memoriale, perché c’erano giornalisti che cercavano di avvicinarsi furtivamente attraverso i boschi. L’ho visto succedere anche in altri casi locali, fanno tutto il possibile avvicinarsi e fare uno scoop.


Undicisettembre: Nel periodo in cui lavoravate lì qualcuno aveva dei dubbi sul fatto che un aereo si fosse schiantato in quella zona?

Patti Anewalt: Dubbi? No! Quasi immediatamente furono rinvenute parti dell'aereo e altre evidenze: non c'era assolutamente nessun dubbio che l'aereo fosse caduto lì. La gente del luogo l'ha sentito e visto, un intero aereo si è schiantato lì e ha scosso tutta l’area circostante. Non c'erano dubbi su cosa fosse successo e che fosse proprio quell'aereo. Con il passare del tempo furono trovati anche i resti dei passeggeri.


Undicisettembre: L'11 settembre come influisce sulla tua vita quotidiana?

Patti Anewalt: Questa è una domanda interessante perché stiamo tutti lottando contro il COVID -19 in questo momento. Ho tenuto un webinar nazionale la scorsa settimana e il mio ruolo era quello di parlare del dolore in relazione alla pandemia. Ho iniziato dicendo che mi ricorda l'11 settembre, perché all'improvviso tutti hanno capito il dolore in un modo o nell’altro. Dopo l'11 settembre tutti erano inorriditi per quello che era successo e per quante persone erano morte così tragicamente. Tutti erano tristi, arrabbiati, orgogliosi del loro paese, c'erano reazioni di dolore di ogni tipo. In questi lunghi mesi di pandemia, non credo che esista qualcuno che non colga il dolore causato dai cambiamenti che stiamo vivendo perché le vite di tutti adesso sono completamente cambiate.

E inoltre, negli anni dopo l’11/9, la gente ha cambiato la propria comprensione dolore. Tutti parlavano di lasciarsi tutto alle spalle e di come si chiudano i ricordi dopo che accade qualcosa di tragico. Ora che le notizie sono una parte così prevalente della vita di tutti, la maggior parte delle persone si rende conto che in realtà non ci si lascia nulla alle spalle. Ce lo ricordiamo sempre, e di tanto in tanto continuiamo a sentire raffiche di dolore quando ci torna in mente o quando qualcosa fa scattare il nostro dolore. Con il passare degli anni i media che parlano delle commemorazioni che si svolgono negli anniversari aiutano la gente a capire non ci limitiamo a dimenticare e lasciarci tutto alle spalle, il dolore si ripropone per tutta la nostra vita.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie del complotto secondo cui l'11 settembre è stato un inside job e che nessun aereo si è schiantato a Shanksville?

Patti Anewalt: Sono ridicole! Sono notizie false, non c’è nulla a sostegno di ciò e ci sono molte evidenze che sia accaduto! Le persone che propongono teorie del complotto hanno troppo tempo libero. Con il COVID è uguale: bisogna fidarsi della scienza e dei fatti! Non ho molta pazienza su questi temi. E ovviamente i complottisti non sono stati a Shanksville a vedere il museo. Contiene molti oggetti ritrovati che dimostrano che i passeggeri erano sull’aereo che si è schiantato e ci sono anche parti dell'aereo. La cosa più straziante sono le registrazioni delle telefonate dei passeggeri alle loro famiglie, che raccontano cosa stava accadendo e come pensavano di affrontare i terroristi.


Undicisettembre: Come paragoneresti la crisi dopo l' 11 settembre alla crisi per il COVID-19 che la nazione sta vivendo adesso?

Patti Anewalt: È difficile fare paragoni perché i morti sono molti di più. In entrambi i casi chiunque al mondo si è informato su ciò che succede, ne è consapevole e ne paga le conseguenze. Queste sono le somiglianze, tuttavia le differenze sono molte di più perché la pandemia colpisce ogni singola persona in tutto il mondo in modo personale e i morti sono molte migliaia in più. L'11 settembre non ha avuto un impatto così diretto su tutto il mondo.

2021/01/03

L'incendio al One New York Plaza

di Leonardo Salvaggio

Tra gli incendi nei grattacieli di New York precedenti all'11 settembre ce n'è uno particolarmente rilevante che mostrò quanto fosse difficile per i soccorritori intervenire per spegnere le fiamme ai piani alti. Il 5 agosto del 1970 un incendio scoppiò al trentatreesimo piano del One New York Plaza, aperto solo poche settimane prima nella punta meridionale di Manhattan. Il palazzo, alto cinquanta piani per centonovantacinque metri, è realizzato in acciaio e vetro ed è facilmente identificabile nello skyline della città per via dell'atipica forma "a gradino" e del motivo reticolare delle facciate.


I primi ad accorgersi dell'incendio furono due addetti alla sicurezza della società immobiliare Cushman and Wakefield, Salvador Martinez e Robert Little il quale era al suo primo giorno di lavoro al One New York Plaza, che si trovavano al trentaduesimo piano. Intorno alle 18 sentirono odore di fumo e di materiale bruciato; i due urlarono attraverso la tromba delle scale al collega Gus Ballas che si trovava al piano di sotto che c'era un incendio, quest'ultimo tentò di andare a verificare di persona ma non poté salire per le scale per via del fumo fitto. L'uomo quindi scese a piedi dieci piani e dal ventiduesimo prese un ascensore fino a terra dove avvisò i responsabili della sicurezza del palazzo. Intanto anche un gruppo di operatori delle linee telefoniche che stavano lavorando al trentanovesimo piano si accorsero dell'incendio. Non potendo usare le scale per via del fumo che le invadeva, la squadra prese uno degli ascensori per scendere al piano terreno, ma durante la discesa l'ascensore fece numerose fermate perché molti altri occupanti dell'edificio tentavano di scappare dall'incendio allo stesso modo, e si fermò anche al trentatreesimo piano dove, secondo quanto gli operatori riportarono al New York Times, sentirono un caldo insopportabile e videro che tutto il piano era avvolto da fumo nero nel quale era impossibile respirare.

I pompieri inviarono un totale di centocinquanta uomini che dovettero combattere contro le fiamme fino a pochi minuti prima di mezzanotte, quando dichinarono che il fuoco era ridotto ad alcune zone ed era sotto controllo. Sulla scena intervenne anche la polizia di New York che dovette gestire il traffico della zona e allontanare la folla di centinaia di curiosi che era radunata all'ingresso dell'edificio e che creava problemi e ritardi ai pompieri. Inoltre la polizia intervenne anche con due elicotteri, perché fu riportata la presenza di persone sul tetto dell'edificio; in realtà gli uomini sul tetto non stavano scappando dalle fiamme, ma erano operatori del sistema di ascensori che stavano intervenendo per garantire la continuità del servizio. Gli elicotteri quindi si fermarono all'eliporto di Wall Street, che si trova proprio accanto al One New York Plaza e non entrarono mai in azione.

La città di New York istituì una commissione di indagine sull'accaduto che stabilì che la causa dell'incendio fu un incidente elettrico a uno dei vani tecnici degli ascensori al trentatreesimo piano. Le fiamme devastarono i piani compresi tra il trentaduesimo e il trentaseiesimo, il fumo e il calore si diffusero anche oltre questi piani propagandosi per le scale e nell'impianto di condizionamento. Nell'incidente persero la vita due persone e ne rimasero ferite trentuno, di cui ventiquattro pompieri. I due che trovarono la morte furono proprio Salvador e Little, i quali tentarono di scendere con un ascensore, ma le pulsantiere ai piani rilevavano il calore delle dita, e non la pressione, la pulsantiera del trentatreesimo piano rilevò il calore delle fiamme e portò la cabina a quel piano, dove i due inalarono fumi tossici che li uccisero.

I danni non furono sono agli oggetti contenuti nel palazzo, come macchinari o mobilio, ma anche alla struttura stessa dell'edificio: i soffitti ai piani interessati dalle fiamme cedettero e anche alcune travi d'acciaio, nonostante avessero la protezione ignifuga, furono contorte dal calore e uscirono dalla loro sede.

Le indagini stabilirono anche che l'incendio era divampato circa mezz'ora prima che venissero chiamati i soccorsi. Con il decesso di Little e Salvador fu impossibile sapere perché attesero così tanto prima di dare l'allarme, è possibile che i due abbiano tentato di aiutare qualcuno a fuggire prima di informare Ballas.

Il comandante dei pompieri John O'Hagan fece anche notare che il design del palazzo contribuì a peggiorare la situazione, perché l'impianto di condizionamento diffuse fumo e calore e l'assenza di finestre apribili impedì al calore di essere dissipato. I pompieri incontrarono anche problemi nello sfondare le finestre fisse per via della loro estrema resistenza, che in condizioni normali garantisce la sicurezza degli occupanti ma che in caso di incendio si può trasformare in una trappola mortale. In ultimo il palazzo non aveva un sistema antincendio a pioggia e il vice comandante dei pompieri Arthur Laufer aggiunse che il 90% dei grandi incendi iniziano come piccoli incendi che possono essere contenuti, se non spenti del tutto, da un sistema antincendio a pioggia.

In seguito all'incendio al One New York Plaza, la città di New York emise nel 1974 un nuovo regolamento che rendeva obbligatori nei grattacieli l'impianto di allarme con rilevamento del fumo, un sistema antincendio a pioggia e un sistema di aerazione che in caso di incendio immetta aria dall'esterno nelle trombe delle scale, in modo da far uscire il fumo. In seguito all'entrata in vigore della nuova normativa anche il One New York Plaza venne adeguato.

Commentando l'incendio al One New York Plaza, O'Hagan aggiunse anche che avrebbe dormito più tranquillo se anche il World Trade Center, che nel 1970 era in costruzione e avrebbe aperto pochi anni dopo, avesse avuto un sistema antincendio; tuttavia le Torri Gemelle non rispondevano alle normative di sicurezza della città, ma a quelle della Port Authority e all'apertura non avevano l'impianto antincendio che fu installato solo a seguito dell'incendio del 1975. Anche se oggi sappiamo che purtroppo nei casi più estremi non è sufficiente neanche quello.



Fonti:

2020/12/20

Storia del World Trade Center - quarta parte

di Leonardo Salvaggio

Le prime tre parti di questo articolo sono disponibili qui, qui e qui.


Le Torri Gemelle non furono gli unici edifici a far parte del complesso del World Trade Center, perché attorno ad esse furono costruiti altri cinque edifici noti come World Trade Center 3, 4, 5, 6 e 7.

Il primo a essere costruito fu il World Trade Center 5, realizzato tra il 1970 e il 1972. L'edificio 5 occupava l'angolo a nord-est della Plaza ed era un palazzo di uffici di nove piani, alto trentasei metri, a forma di "L". Nel 1973 fu completato anche il World Trade Center 6, che occupava l'angolo a nord-ovest, di otto piani e alto ventotto metri; l'edificio 6 era un palazzo governativo che ospitava varie agenzie federali come l'agenzia delle dogane, il dipartimento del lavoro e l'ATF. Nel 1977 aprì anche il World Trade Center 4, all'angolo di sud-ovest, della stessa altezza dell'edificio 6 e occupato principalmente dalla New York Board of Trading (società finanziaria di trading) e dalla Deutsche Bank. Una caratteristica comune di questi tre edifici fu quella di essere prevalentemente di colore nero dall'esterno.


L'ultimo palazzo che completava la Plaza fu il World Trade Center 3, che aprì nel 1981. L'edificio 3 ospitava un albergo; dapprima noto come Vista International Hotel, fu venduto dalla Port Authority alla catena Marriott nel 1995 e da allora fu chiamato anche con il nome Marriott World Trade Center. Il palazzo 3 di trovava tra le due Torri Gemelle, all'angolo sud-occidentale della Plaza.

Nel 1987 un settimo palazzo entrò a far parte del complesso, l'unico a non essere stato previsto inizialmente dal progetto di Yamasaki e a non sorgere all'interno della Plaza ma appena a nord di essa, su Vesey Street. All'edificio fu dato il nome di World Trade Center 7. Il grattacielo era alto 226 metri ed aveva cinquantadue piani; di forma trapezoidale, si ergeva sopra a una sottostazione elettrica della Con Edison. Il World Trade Center 7 era anche noto come Salomon Building, perché la banca d'affari Salomon Brothers era il principale affittuario del palazzo e ne ha occupato la maggior parte dei piani dalla sua apertura fino al 2001.

Nella seconda metà degli anni 80, un altro complesso di edifici fu eretto tra il World Trade Center e il fiume Hudson e si frappose tra l'acqua e le Torri Gemelle nello skyline di New York visto da ovest. Tra il 1982 e il 1988 la società canadese Olympia and York costruì le quattro torri del World Financial Center, un complesso di uffici e negozi costruito anch'esso su una discarica di materiale edilizio, in questo caso quello proveniente dagli scavi per la costruzione del World Trade Center. Le quattro torri, tuttora esistenti, hanno altezza compresa tra i centocinquanta metri del World Financial Center 4, fino ai duecentoventicinque del World Financial Center 3. Oltre alle quattro torri, fa parte del complesso sin dalla sua apertura anche il padiglione di vetro chiamato Winter Garden, che al suo interno ospita negozi e piante.


La Olympia and York fallì nel 1989 e le sue proprietà furono comprate da un'altra società canadese: la Brookfield Properties. Nel 2013 l'azienda acquistò anche l'adiacente One North End Avenue di sedici piani e lo annesse al complesso, di cui cambiò il nome in Brookfield Place.

Dal 1988 al 2001 la punta meridionale di Manhattan costituì quindi uno degli skyline più noti e famosi al mondo che tuttora costituisce un'icona inconfondibile del cosidetto sogno americano. La storia di questo straordinario complesso di edifici affonda le sue radici nel secondo dopoguerra e terminò in una mattina di fine estate a causa della follia distruttiva di diciannove terroristi.

2020/12/12

Storia del World Trade Center - terza parte

di Leonardo Salvaggio

Le prime due parti di questo articolo sono disponibili qui e qui.


La Port Authority iniziò ad acquistare il terreno su cui avrebbe dovuto costruire il nuovo complesso nel marzo del 1965 e un anno dopo nello stesso mese diede l'incarico alla Ajax Wrecking and Lumber Corporation di iniziare la demolizione degli edifici che lo occupavano. Lo scavo iniziò invece il 5 agosto del 1966. Tuttavia i costruttori incapparono subito in un grosso ostacolo: il sito scelto per la costruzione si trovava sopra a una discarica di materiale proveniente da demolizioni, la cui base rocciosa era venti metri più in basso, restava quindi il problema di come scavare così a fondo senza che in fiume Hudson invadesse l'area.


La soluzione individuata fu quella di costruire quella che da allora è nota come bathtub, vasca da bagno, che delimitasse l'area della costruzione. Il metodo escogitato da John Kyle, ingegnere capo della Port Authority, fu quello di tagliare una porzione di ciò che sarebbe diventato il perimetro esterno della bathtub di sette per venti metri, riempire il tratto di una miscela di acqua e bentonite che tenesse fuori l'acqua del fiume, poi calare una gabbia di acciaio che avrebbe fatto da scheletro per la parete esterna, infine riempire la gabbia di calcestruzzo il quale oltre a costruire la struttura definitiva avrebbe fatto uscire la miscela di bentonite. L'operazione doveva essere reiterata per tutto il perimetro. Il lavoro fu affidato alla società canadese Icandia, che era una sussidiaria di un'azienda italiana con sede a Milano, la Impresa Costruzioni Opere Specializzate. Il motivo per cui la scelta cadde su una società italocanadese era che questa tecnica era già stata usata in Canada e in Europa, ma non negli USA, pertanto non esisteva nessuna azienda statunitense che avesse esperienza di un lavoro del genere. La costruzione del muro esterno della bathtub richiese quattordici mesi, al termine dei quali fu possibile iniziare la rimozione del materiale al suo interno.

La costruzione della Torre Nord iniziò ad agosto del 1968, mentre quella della Torre Sud iniziò a gennaio del 1969. La Port Authority decise di comprare l'acciaio da vari fornitori diversi, invece di affidarsi a uno solo. Il materiale veniva stipato presso una sede della compagnia interstatale di trasporto ferroviario Penn Central, che operò tra il 1968 e il 1975; l'acciaio veniva poi portato al sito della costruzione con dei camion e sollevato con gru. Alcuni pezzi più grandi vennero portati nella zona da navi rimorchiatori e sollevati con gru speciali, una delle quali era costruita in Australia ed era per questo nota come kangaroo crane.


I lavori non furono privi di incidenti e problemi di varia natura. Nel marzo del 1969 un'escavatrice tranciò dei cavi telefonici, causando un'interruzione del servizio in tutta l'area di Lower Manhattan che durò ore. Nei primi mesi del 1970 i lavoratori dei rimorchiatori avviarono uno sciopero per il rinnovo del contratto. La Port Authority tentò quindi di trasportare l'acciaio che avrebbe dovuto viaggiare via nave con degli elicotteri. Tuttavia già dal primo tentativo l'elicottero perse il proprio carico, un singolo pannello per i pavimenti, nello stretto Kill Van Kull che collega la baia di Newark con il porto di New York. Il trasporto via elicottero non function di fatto mai, e i lavori ripresero normalmente solo alla fine dello sciopero dei marinai dopo sessanta giorni. Nel marzo del 1970 un altro avvenimento funesto colpì la costruzione delle Torri Gemelle: uno dei camion per il trasporto del materiale fece un incidente con un'autocisterna che trasportava propano, nell'esplosione che ne conseguì persero la vita sei lavoratori. A causa di questo e altri incidenti, persero la vita un totale di sessanta persone durante la costruzione delle torri.

Un ruolo importante nella costruzione dei due edifici fu ricoperto da un nutrito gruppi di nativi americani tra gli operai, in particolare Mohawk. Dapprima relegati a lavori di basso profilo, come scaricare il materiale dai camion, si rivelarono in breve tempo più bravi degli altri nel lavoro di costruzione ai piani più alti, per via di un'innata capacità nell'arrampicarsi, nello stare in equilibrio su basi strette e nel non essere intimoriti dell'altezza.

La cerimonia di completamento della Torre Nord si svolse il 23 dicembre del 1970, mentre la Torre Sud fu inaugurata il 19 luglio dell'anno dopo. Il primo affittuario della Torre Nord avviò la propria attività addirittura prima dell'inaugurazione, il 15 dicembre del 70, mentre la Torre Sud iniziò a essere operativa a settembre del 71.


Due mesi prima dell'apertura la Torre Nord superò l'Empire State Building in altezza superando quota 380 metri e diventando così l'edificio più alto del mondo (inteso come edificio abitabile, perché la torre Ostankino di Mosca di 540 metri era stata completata nel 1967), titolo che perse nel 1974 dopo il completamento della Sears Tower (oggi Willis Tower) a Chicago. Tuttavia la Torre Nord del World Trade Center tornò a superare l'edificio di Chicago quando nel 1979 fu installata sopra di essa l'iconica antenna per le telecomunicazioni, che la portò a 527 metri di altezza. Il World Trade Center mantenne il primato fino al 2000, quando i proprietari della Sears Towers innalzarono la propria antenna, fino a superare le torri di New York di pochi centimetri.


La quarta parte di questo articolo è disponibile qui.


Fonti:
  • Twin Towers: The Life of New York City's World Trade Center di Angus Kress Gillespie, 2002
  • Up from Zero: Politics, Architecture, and the Rebuilding of New York di Paul Goldberger, 2004
  • City in the Sky: The Rise and Fall of the World Trade Center di James Glanz ed Eric Lipton, 2003
  • The World Trade Center: A Modern Marvel: 1973-2001 di History Channel, 2002

2020/11/30

World Trade Center: an interview with survivor Alan Lindquist

by Leonardo Salvaggio. An Italian translation is available here.

Undicisettembre offers its readers today the personal account of survivor Alan Lindquist who was in the South Tower when the first plane crashed into World Trade Center 1.

We would like to thank Alan Lindquist for his availability and kindness.




Undicisettembre: Can you give us a general account of what you saw and experienced on 9/11?

Alan Lindquist pictured with his wife
Alan Lindquist: September 11th was a beautiful day, it was such a great day I thought about not going to work but I had a meeting at 8 o’clock that morning that I had to make, so obviously I went to work. That meeting was in Tower 2 on the 64th floor. At about 8:45, the gentleman giving his speech, his name was Philip Roth and he was the Chief Technical Analyst in Morgan Stanley, opened up for the discussion and asked if anyone had any questions and qualified it “Don’t ask me a question that’s going to take me an hour to answer because I have another meeting in World Trade Center 1 starting at 9 and I want to get out of here on time and get to that meeting.” He called to an individual sitting next to me and that person asked a question that took three minutes to get out of his mouth. Philip got upset and said “I’m not going to answer your fucking question; if anybody has a question like that, please come and see me in my office.” So of course no one else wanted to ask a question. Philip said “Okay, meeting adjourned”, he shut his briefcase up and left.

A buddy of mine named Giovanni came over to me and said “Let’s go grab a quick smoke.” In the towers there were three staging floors, meaning that there were elevators which would take you there without any interruptions or stop. So we got in an elevator at the 64th floor, changed elevator at the 48th floor and went all the way down. I had just walked outside and I heard a plane approaching very rapidly. Planes do fly over Manhattan, but this one was much louder. I looked up in the sky to look at the plane and then I looked at a guy walking across the street right in front of me and all of a sudden he said “Get the fuck inside” and motioned with his hand to get inside.

I don’t recall the sound of the plane impacting Tower 1; obviously I heard it, I just don’t remember it. So I was looking at the guy who motioned me to get inside and ten feet to the side of him a cross section of one of the jet engines fell in the street. There were flames coming off of it; I looked at it and said “What is that?” Debris was coming down and I remember two women screaming across the street, I looked at them and they started running. There was another woman walking and a window came down and hit her, she died from that impact immediately.

That moment I finally woke up and I thought “I might die right now, whatever it’s going on, I might die.” The debris was coming down too intensely so my instinct was to go back inside the tower. Everyone rushed towards the revolving door that I was nearest to, some guy’s leg got stuck in the turnstile and the door wouldn’t turn. For twenty or twenty five seconds I was the farthest guy out of the protection of the building, the door was not turning and I tried to say a prayer of absolution but I couldn’t formulate a prayer in my head, I just couldn’t.

I yelled at the guy in front of me “Turn that fucking door” even though he wasn’t in the door. I looked at the guy in front of me, who was taller than me, and thought “Focus on the guy’s neck and don’t look up”. Those twenty five seconds were like an eternity and after that time someone in the turnstile said “Everybody, stop pushing and back up, there’s a guy’s leg stuck and the door is not going to turn unless we get the guy’s leg unstuck.”

I convinced myself to take a six inches step backwards, it sounds so small but I can’t explain how hard it was. The door started turning, I got inside the building, I found the buddy I wanted to have a cigarette with, he and a few people from Morgan Stanley were gathered in a circle and he had a cellphone in his hand but he was shaking so intensely he was disturbing to look at. He said “We need to call back upstairs and see if everyone is okay, but what’s the number?” and than he said “We need to go back upstairs”

I had an aunt who had died of breast cancer five years before and I kind of felt her presence there and I felt the need to leave the building.

The Port Authority came over the PA system of the building and said “We had an emergency in Tower 1, we need to keep the area clear for EMS, please stay in your places of business.”. I told the group “Listen, whatever is going on Morgan Stanley has an evacuation policy, so let’s not go back upstairs. If anyone get separated, let’s meet in Midtown Manhattan.” We agreed on a place to meet and we made our way to the exits of Tower 2. It took about fifteen minutes to exit because it was obviously a very big building. At the center of the building there was the subway system but no one wanted to take it to get out of there.

There was an odor in the air, a strange smell that I can’t translate to my brain but it was a mixture of fire, jet fuel and this sort of things. I knew something was going on, I just didn’t know what.

I got to the exit and run about 75 yards, I turned around and started looking up at Tower 1: there were floors on fire, smoke coming out and papers coming down. As I was watching I saw an object coming down a lot quicker and I knew it was probably a person. Halfway down I could tell you it was a woman with a navy blue skirt and a white long sleeved shirt. I watched her all the way down and I saw the impact, she hit the ground and I couldn’t believe what I saw. I turned to walk away and to my right were two construction workers, the one farther away said “They are jumping out like flies”, I looked back up and out of one room they were just coming out. I said to myself “I’m not going to watch this”.


I turned again up the street and started walking. I was on the right side of the street and Giovanni was on the left side, he was still looking back at Tower 1. He was twenty feet in front of me and he turned flash white in a second, he yelled “RUN!”. I tried to run with my business shoes on, but I had no traction on my feet. The second plane impacted and I started tripping, maybe because of the sound of the impact, the whole way down the street I was tripping. There was a hot flash on the back of my neck. Your brain works so quickly in combat situations, and this was a war situation, and I thought it was a bomb. I fell while thinking this stuff, my hands hit the ground, I got back up and started running for maybe a mile and a half at full speed.

As I was maybe three hundred yards away from the Tower one of the wheels sections of one of the planes was on the corner of a street, there was a guy standing there who was keeping people away, he said “This is a crime scene, everyone stay away from this!”

Finally I had to stop and the dryness in my throat was such that I was dry into my stomach; I can’t explain this because it only happened once in my life, there was no liquid in my esophagus, I couldn’t catch my breath, it was very weird. I sat there for maybe five minutes with my hands on my knees trying to catch my breath. I finally caught it but I had to start running again, all the way out to the Interstate 495. I jumped in front of a taxi, made it stop and said “Take me to Midtown Manhattan”. He said “I’m going to Brooklyn” and I said “No, you are taking me to Midtown Manhattan right now.” So I went on the expressway and to my left I looked at the towers and I said to the guy “What’s happening to them? What’s going on?” and he goes “You don’t know? Two planes hit the Towers.” I said “I was working in there” and he said “You need to thank Allah right now.”

He drove me to Midtown and I was the first guy to arrive to the meeting place I discussed with my colleagues at Morgan Stanley. I went into a bar and ordered a shot of Jager, I was watching the TV, took the shot and my hands were shaking and I thought “Why am I drinking this? What’s wrong with me? Am I an alcoholic?” Then I looked at a table with three women and they were talking to each other as if it was a regular day and it was so strange I thought “What the fuck is going on today?”

Twenty minutes after that, my tower collapsed, which was the first tower to fall, and still none of the people I’ve been with were there and I thought “My God, everyone died!”.

After both tower collapsed I found out they survived, as pretty much everyone else from Morgan Stanley, who was the largest employer in the World Trade Center. We had an evacuation policy and the only people that died at Morgan Stanley were in the security and they volunteered to stay behind and help.


Undicisettembre: When did you go home?

Alan Lindquist: Later that night. We stayed out drinking basically the all day. That night a bomb sniffing dog positively reacted to a suspicious package at the Empire State Building at one of the top floors. I was watching the news - I had studied biochemistry and microbiology at university - and heard about that and I was so freaked out I said “Ok, listen, if that’s a biological or chemical weapon we’re dead.” and we were so close to it that out of the window I could see the Empire State Building.

I literally wanted to swim the river and get out of Manhattan but everyone convince me to settle down because maybe I was a little too drunk and scared. I was in Manhattan for about three days and then drove all the way to Phoenix that was my hometown.


Undicisettembre: When and how did you restart working after 9/11?

Alan Lindquist: Morgan Stanley was a wonderful employer, when you needed time they gave you time to gather yourself together, but eventually I left Morgan Stanely because I was a little too disturbed. It took me six months to stop medicating, I was drinking everyday till eventually I got in touch with a Vietnam veteran who ended up being my counselor and he told me I had to treat it as an event of power in my life because I would have said for the rest of my live “I’m a 9/11 survivor” and that made it a little bit more manageable for me.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life even today?

Alan Lindquist: For me it has become a thing of power; it’s a gift in the sense that you understand that your days on this Earth are limited and you have no control on it. When you realize it, it gives you freedom in a sense. Each day is a gift, make the most of it as you would.

It still affects me because when we get close to 9/11 I still get nightmares. I don’t always cry or get emotional when I tell someone the story of 9/11, but sometimes I get stirred up and it becomes a little bit more crisp in my memory, as it did today.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories according to which 9/11 was an inside job?

Alan Lindquist: These people are carpetbaggers, they are peddling to make money. The plain and simple explanation is what you saw on TV is what happened. Why the buildings collapsed is the trusses got so hot they folded in and like a deck of cards they fell down. It’s that simple.


Undicisettembre: How would you compare the crisis after 9/11 with the COVID-19 crisis the country is living now?

Alan Lindquist: There are similarities among any drastic events in how they affect the nation; but 9/11 unified anyone, not just in the United States but anyone in the world. In New York it was like every person was your friend or even family. On the contrary COVID is much more individualistic, people don’t want to be told what to do, countries do different things, so there’s no unification worldwide even if everyone is experiencing the same thing because everyone has a different opinion on how to handle it.

World Trade Center: intervista al sopravvissuto Alan Lindquist

di Leonardo Salvaggio. L'originale inglese è disponibile qui.

Undicisettembre offre oggi ai suoi lettori il racconto personale del sopravvissuto Alan Lindquist che era nella Torre Sud quando il primo aereo ha colpito il World Trade Center 1.

Ringraziamo Alan Lindquist per la sua cortesia e disponibilità.




Undicisettembre: Puoi farci un racconto generale di ciò che hai visto e vissuto l'11 settembre?

Alan Lindquist con la moglie
Alan Lindquist: L’11 settembre era una bellissima giornata, così bella che pensai di non andare al lavoro, ma avevo una riunione alle 8 quella mattina a cui non potevo mancare, quindi ovviamente andai a lavorare. La riunione era nella Torre 2 al sessantaquattresimo piano. Verso le 8:45, il signore che aveva presieduto la riunione, si chiamava Philip Roth ed era il capo analista tecnico di Morgan Stanley, aprì la fase di discussione e chiese se qualcuno avesse delle domande specificando "Non fate domande a cui ci voglia un'ora per rispondere, perché ho un altro incontro nel World Trade Center 1 alle 9 e voglio uscire da qui in tempo e arrivarci.” Diede la parola a una persona seduta accanto a me e quella persona fece una domanda che impiego tre minuti a formulare. Philip si arrabbiò e disse: “Non risponderò alla tua fottuta domanda; se qualcuno ha una domanda del genere, venga a trovarmi nel mio ufficio." Quindi, ovviamente, nessun altro volle fare domande. Philip disse "Va bene, riunione aggiornata", chiuse la valigetta e se ne andò.

Un mio collega di nome Giovanni venne da me e mi disse "Andiamo a fumarci una sigaretta velocemente". Nelle torri c'erano tre piani intermedi, nel senso che c'erano ascensori che portavano lì senza interruzioni o fermate. Prendemmo l’ascensore al sessantaquattresimo piano, cambiammo ascensore al quarantottesimo e scendemmo fino a terra. Ero appena uscito e sentii un aereo avvicinarsi molto velocemente. L'aereo sorvolò Manhattan, ma era molto più rumoroso del solito. Guardai in alto per vedere l'aereo e poi vidi un uomo che attraversava la strada proprio di fronte a me e improvvisamente disse "Andate dentro, cazzo" e fece cenno con la mano di entrare.

Non ricordo il rumore dell'aereo che colpisce la Torre 1; ovviamente l'ho sentito, solo che non lo ricordo. Stavo guardando l’uomo che mi aveva fatto cenno di entrare e a tre metri da lui una sezione trasversale di uno dei motori cadde sulla strada. Ne uscivano fiamme; lo guardai e dissi "Cos'è?" Cadevano detriti e ricordo due donne che urlavano dall'altra parte della strada, le stavo guardando e iniziarono a correre. C'era un'altra donna che camminava e una finestra cadde e la colpì, morì sul colpo.

In quel momento finalmente capii e pensai "Potrei morire in questo momento, qualunque cosa stia succedendo, potrei morire". Cadevano troppi detriti, quindi il mio istinto fu di tornare dentro la Torre. Tutti si precipitarono verso la porta girevole a cui ero più vicino, la gamba di un uomo rimase bloccata nel tornello e la porta si bloccò. Per venti o venticinque secondi ero il più lontano dal riparo dell'edificio, la porta non girava e provai a dire una preghiera di assoluzione ma non riuscivo a formulare una preghiera nella mia testa, non ci riuscivo.

Urlai all’uomo davanti a me "Gira quella cazzo di porta" anche se non era arrivato alla porta. Guardai l’uomo davanti a me, che era più alto di me, e pensai "Concentrati sul suo collo e non guardare in alto". Quei venticinque secondi furono un'eternità e dopo quel tempo qualcuno nel tornello disse "Smettete di spingere e state indietro, c'è la gamba di una persona bloccata e la porta non girerà se non riusciamo a sbloccare la gamba."

Mi convinsi a fare un passo indietro di quindici centimetri, sembra poco ma non riesco a spiegare quanto sia stato difficile. La porta iniziò a girare, entrai nell'edificio, trovai il collega con cui volevo fumare una sigaretta, lui e alcune persone di Morgan Stanley erano riuniti in cerchio e aveva un cellulare in mano ma tremava così intensamente che era spaventoso da guardare. Disse "Dobbiamo chiamare di sopra e vedere se stanno tutti bene, ma qual è il numero?" e poi ha disse "Dobbiamo tornare di sopra".

Avevo una zia che era morta di cancro al seno cinque anni prima e sentii la sua presenza lì con me e sentii il bisogno di lasciare l'edificio.

La Port Authority intervenne all’interfono e disse "C’è un'emergenza nella Torre 1, dobbiamo mantenere l'area libera per i mezzi di soccorso, per favore rimanete nei vostri uffici". Dissi al gruppo "Sentite, qualunque cosa stia succedendo Morgan Stanley ha una procedura di evacuazione, quindi non torniamo di sopra. Se qualcuno si perde, incontriamoci a Midtown Manhattan [l’area centrale di Manhttan, NdT]". Concordammo un luogo per incontrarci e ci dirigemmo verso le uscite della Torre 2. Ci vollero circa quindici minuti per uscire perché ovviamente era un edificio molto grande. Al centro del palazzo c'era l’uscita per la metropolitana ma nessuno voleva prenderla.

C'era un odore nell'aria, uno strano odore che il mio cervello non riesce a tradurre ma era un misto di fuoco, carburante avio e cose del genere. Sapevo che stava succedendo qualcosa, ma non sapevo cosa.

Arrivai all'uscita e corsi per circa cento metri, mi girai e iniziai a guardare la Torre 1: c'erano piani in fiamme, fumo che usciva e carta che volava. Mentre guardavo vidi un oggetto scendere molto più velocemente e sapevo che probabilmente era una persona. A metà capi che era una donna con una gonna blu navy e una camicia bianca a maniche lunghe. La guardai fino alla fine e vidi l'impatto, colpì il suolo e non potevo credere a quello che avevo visto. Mi voltai per allontanarmi e alla mia destra c'erano due operai, quello più lontano disse “Saltano giù come mosche”, alzai lo sguardo e da una stanza c’erano persone che saltavano. Mi sono dissi "Non guardo più".


Mi voltai di nuovo e iniziai a camminare. Ero sul lato destro della strada e Giovanni era sul lato sinistro che stava ancora guardando la Torre 1. Era sei metri davanti a me e in un secondo diventò bianco cadaverico, gridò "CORRI!". Provai a correre con le scarpe da ufficio, ma non avevo presa al suolo. Il secondo aereo si schiantò e iniziai a inciampare, forse a causa del rumore dell'impatto, per tutta la strada inciampavo. Sentii una vampata di calore sulla nuca. Il cervello funziona velocemente in situazioni di combattimento, e quella era una situazione di guerra, e pensai che fosse una bomba. Caddi mentre pensavo a queste cose, toccai terra con le mani, mi rialzai e iniziai a correre per oltre due chilometri alla massima velocità.

Quando mi trovavo a circa trecento metri dalla Torre, c’era ad un angolo di una strada una delle sezioni delle ruote di uno degli aerei, c'era un uomo che teneva lontane le persone dicendo "Questa è una scena del crimine, state alla larga!"

Mi dovetti fermare e avevo la gola così secca che avevo secco anche lo stomaco; non riesco a spiegarlo perché mi è successo solo una volta nella vita, non avevo liquido nell’esofago, non riuscivo a riprendere fiato, fu stato molto strano. Rimasi seduto lì per circa cinque minuti con le mani sulle ginocchia cercando di riprendere fiato. Alla fine ripresi fiato e dovetti ricominciare a correre, fino all'Interstate 495 [strada interstatale che porta al Queens, NdT]. Saltai davanti a un taxi, lo feci fermare e dissi "Portami a Midtown Manhattan". Mi disse "Vado a Brooklyn" e io risposi "No, mi porti a Midtown Manhattan adesso". Così presi la superstrada e alla mia sinistra vedevo le torri e dissi al tassista: “Cosa sta succedendo alle torri? Cosa sta succedendo?" e lui: “Non lo, sai? Due aerei hanno colpito le Torri." Dissi "Ero al lavoro lì dentro" e lui disse "Devi ringraziare Allah immediatamente".

Mi ha portato a Midtown e sono stato il primo ad arrivare al luogo d'incontro che avevo concordato con i miei colleghi di Morgan Stanley. Entrai in un bar e ordinai un bicchiere di Jagermeister, guardavo la TV, presi il bicchiere e mi tremavano le mani e ho pensai "Perché lo sto bevendo? Cosa mi sta succedendo? Sono un alcolizzato?" Poi ho guardai un tavolo con tre donne che stavano parlando tra loro come se fosse un giorno normale e era così strano che pensai "Che cazzo sta succedendo oggi?"

Venti minuti dopo la mia torre crollò, fu la prima a crollare, e ancora nessuna delle persone con cui ero era arrivata e pensai "Mio Dio, sono morti tutti!".

Dopo che entrambe le torri crollarono scoprii che erano sopravvissuti, come quasi tutti gli altri di Morgan Stanley, che era il più grande datore di lavoro del World Trade Center. Avevamo una procedura di evacuazione e le uniche persone morte a Morgan Stanley erano nella sicurezza e si sono offerte come volontari per rimanere indietro ad aiutare.


Undicisettembre: Quando sei tornato a casa?

Alan Lindquist: Più tardi quella sera. Siamo rimasti fuori a bere praticamente per tutta la giornata. Quella notte un cane antibomba rilevò un pacco sospetto all'Empire State Building a uno dei piani più alti. Stavo guardando il notiziario, avevo studiato biochimica e microbiologia all'università, e sentii la notizia ed ero così fuori di testa che dissi "Ok, sentite, se è un'arma biologica o chimica siamo morti". Ed eravamo così vicini che dalla finestra vedevo l'Empire State Building.

Volevo letteralmente attraversare il fiume a nuoto e scappare da Manhattan, ma mi convinsero a riprendermi perché forse ero un po' troppo ubriaco e spaventato. Rimasi a Manhattan per tre giorni e poi andai in macchina fino a Phoenix, la mia città natale.


Undicisettembre: Quando e come hai ricominciato a lavorare dopo l'11 settembre?

Alan Lindquist: Morgan Stanley è un ottimo datore di lavoro, quando avevi bisogno di tempo ti lasciavano il tempo per sistemarti, ma alla fine lasciai Morgan Stanely perché ero un po' troppo sconvolto. Mi ci vollero sei mesi di cure, bevevo tutti i giorni finché alla fine entrai in contatto con un veterano del Vietnam che diventò il mio consulente e mi disse che dovevo trattarlo come un evento della mia vita da cui trarre forza perché avrei detto per il resto della mia vita "sono un sopravvissuto dell'11 settembre" e questo lo ha reso un po' più sopportabile per me.


Undicisettembre: L'11 come condiziona la tua vita quotidiana anche oggi?

Alan Lindquist: Per me è diventato un aspetto da cui trarre forza; è un dono nel senso che capisci che i tuoi giorni su questa Terra sono limitati e non hai alcun controllo. Quando te ne rendi conto, ti rende libero in un certo senso. Ogni giorno è un regalo, va sfruttato al meglio che sia possibile.

Ancora mi condiziona perché quando ci avviciniamo all'11 settembre ho tuttora gli incubi. Non sempre piango o mi commuovo quando racconto a qualcuno la storia dell'11 settembre, ma a volte mi agito e diventa un po' più nitido nella mia memoria, come mi è successo oggi.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie del complotto secondo cui l'11 settembre è stato un inside job?

Alan Lindquist: Queste persone sono sciacalli, lo fanno per soldi. La chiara e semplice spiegazione è che quello che si è visto in TV è quello che è successo. Il motivo per cui i palazzi sono crollati è che le travi si sono scaldate fino a piegarsi e sono crollati come un mazzo di carte. È tutto qui.


Undicisettembre: Come paragoneresti la crisi dopo l'11 settembre alla crisi per il COVID-19 che il paese sta vivendo adesso?

Alan Lindquist: Ci sono similitudini tra eventi drastici nel modo in cui influiscono sulla nazione; ma l'11 settembre ha unito tutti, non solo negli Stati Uniti ma chiunque nel mondo. A New York era come se tutti fossero amici o anche famigliari. Al contrario, il COVID è molto più individualista, la gente non vuole sentirsi dire cosa fare, le nazioni fanno cose diverse, quindi non c'è unità in tutto il mondo anche se tutti stanno vivendo la stessa cosa perché ognuno ha un'opinione diversa su come gestirla.