2020/03/16

Able Danger: an interview with former US army major Erik Kleinsmith

by Leonardo Salvaggio (Hammer). An Italian translation is available here.

Military data mining project Able Danger is one of the grey areas surrounding the 9/11 attacks. To help shed some light on it, former EU army mayor Erik Kleinsmith, who was one of the members of the Able Danger team, accepted our proposal for an interview, which we are today offering our readers.

We would like to thank Erik Kleinsmith for his kindness and willingness to help.


Undicisettembre: Can you confirm you still maintain Able Danger identified Atta and three other hijackers when they were already in the USA?

Erik Kleinsmith: Yes, even if it’s been twenty years since we did the analysis. Our mission was to map al-Qaeda worldwide for the US Special Operations Command, because they wanted to take actions to prevent future attacks. Our group at the Land Information Warfare Activity (LIWA) was requested by SOCOM to use our data mining tools to identify and track al-Qaeda members and it was a shock to us when we found that Atta and other hijackers were already in the United States when we did our analysis, specifically in New Jersey and in some other locations in the US.


Undicisettembre: Without breaching classified information can you explain, generally speaking, what kind of data mining techniques Able Danger used to do so?

Erik Kleinsmith: The Land Information Warfare Activity, which I was chief of the intelligence for, was the first organization within the Department of Defense, or maybe the entire US intelligence community, that had a data mining program that was successful in supporting all kinds of operations and that’s why Special Operations Command came to us. A lot of it was centered on being able to harvest massive amounts of information, and instead of having an analyst manually read through each page or message or note or website we then had a tool to read through each of them and give us a visualization of the overall data.

One of the first techniques we used was based on a tool which was called Themescape and we would regularly take four thousand different messages or webpages and the tool would read them and sort each message or each webpage by the phrases that were common between the two. So think of each message as a piece of paper, it would stack them on top of each other and you’d then have a two dimensional map to look down on. This map could then be analyzed for trending topics, outliers, and connections that we didn’t know existed. Instead of the analyst trying to read each of the four thousand messages at one time, they were visualizing all of them together in context with each other.

So we did a search for “al-Qaeda” and we got a big grouping of their operations in four different areas of the world: the Magreb region of North Africa, the Middle East and then what was surprising is we had a large al-Qaeda presence within the South Pacific, specifically with Abu Sayya and al-Jama'a al-Islamiyya, and the last area was in Europe, in the Balkans and other areas of concentration.

We knew from other researches that we would get information for those areas but what was surprising was we started seeing smaller points pop up in the US. One town that did pop up was the one where I was born and raised in Michigan. We would have never been able to get information like that manually, it’s only when using data mining techniques paired with people who knew how to use them that would make them work.


Undicisettembre: Could have 9/11 been avoided if Able Danger had been authorized to share its findings with the FBI?

Erik Kleinsmith: The FBI knew kind of what we were doing because we were working with them on another mission for deception of DoD technologies from different countries that were not considered our friends. We never shared some of the data but more importantly we were never able to follow through and refine the draft of the threat map we had built that showed where they were operating around the world. So we were able to create this initial look and threat map of the organization, we delivered that to SOCOM but we were never able to refine it, go into it, look more deeply because we were shut down for fears of what data mining was doing in terms of violating US law. The main problem was that intelligence personnel is not allowed to surveil or collect information on US persons and the tool was doing it automatically because the tool didn’t care about the law, so the question was “Are these guys collecting information on US personnel directly or incidentally because the tool does it itself?” And since they shut us down I feel we could have alerted or prevented 9/11 in some ways.


Undicisettembre: How come you guys did not share their findings with the FBI? Who prevented you from doing this?

Erik Kleinsmith: It was a purely military operation, so everything stayed within the military. Because we were shut down right at the beginning we didn’t have a chance to alert the FBI. I mean, we came in to work and an order had been received that started all the way up at the Pentagon that said “Cease and desist work” and we couldn’t even open the folders and the files to look at what we had already done. US laws states that if we have information on US persons we can only hold it for ninety days before we have to delete it, so I am the one who had to delete it. We can’t just call out or extract information about a US person and delete that little piece, we are not allowed to touch or look at any of it.

The 9/11 Commission didn’t even know what we were doing because of the classification of what we were working on and when they knew about it they thought it was no big deal until, after the 9/11 Commission Report was published, one of our members, Anthony Shaffer, blew the whistle and said “No, we were a full operation, we had these guys but you guys shut us down”. It’s not like we could explain to the FBI “Hey, we have this cell in Brooklyn that is going to be conducting massive hijacking attacks.” All we knew was there was a cell in New Jersey doing something and we were never able to find them. When you send a message like that to the FBI they can’t act on it either because we are not even able to show them the data.


Undicisettembre: How come no one, not even the FBI, had ever heard of it before and it was such a shock to the intel community when the existence of Able Danger was revealed?

Erik Kleinsmith: Part of it is because it was purely a military Department of Defense operation and the FBI is not involved. And then we couldn’t refine the data, so we couldn’t give them any information. Since we were shut down so early in the process we were never able to build what we thought was a credible threat into something they can act on. So it’s not like somebody stopped us from reporting to the FBI, but we were never able to refine what we had found to the point we could make the decision to let them know.


Undicisettembre: When and by whom was it started?

Erik Kleinsmith: It was started by a member of SOCOM, they had started their own operation at their headquarters in Florida and they sent representatives to each agency of the intelligence community to ask for their help, but they were rebuffed and told “We can’t help you guys, we don’t have the capability to look into that kind of information.” After they were exhausted trying to get help from big agencies they had contacted one of our senior scientist, we gave them a demonstration of our data mining tools and showed them what nobody could show them and they said “We want you guys to work on this as the primary.”

They let us attend one of their brainstorming and planning sessions where all the agencies have their representation and I told my folks “You need to do a map real quick” and in ninety minutes we showed them more information that they had already got from all the different agencies because since we were using data mining tools we were getting information faster. It wasn’t cleared, it took time to look at it but at least it showed we could do it that quickly.

Able Danger: intervista all'ex maggiore dell'esercito Erik Kleinsmith

di Leonardo Salvaggio (Hammer). L'originale inglese è disponibile qui.

Il programma militare di data mining Able Danger è una delle zone grigie riguardo agli attentati dell'11/9. Per dare qualche chiarimento su questo argomento, l'ex maggiore dell'esercito Erik Kleinsmith, che è stato uno dei membri di Able Danger, ha accettato la nostra proposta di un'intervista che offriamo oggi ai nostri lettori.

Ringraziamo Erik Kleismith per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Confermi di ritenere tuttora che Able Danger abbia identificato Atta e altri tre dirottatori quando erano già negli Stati Uniti?

Erik Kleinsmith: Sì, anche se sono passati vent'anni dalla nostra analisi. La nostra missione era fare una mappa di al-Qaeda in tutto il mondo per lo US Special Operations Command [noto anche come SOCOM, organo del Dipartimento della Difesa incaricato di coordinare le operazioni speciali, N.d.T.], perché volevano intraprendere azioni per prevenire attacchi futuri. Il nostro gruppo era la Land Information Warfare Activity (LIWA) ed era stato invitato dalla SOCOM a utilizzare i nostri strumenti di data mining per identificare e tracciare i membri di al-Qaeda ed è stato uno shock per noi quando abbiamo scoperto che Atta e altri dirottatori erano già negli Stati Uniti quando abbiamo fatto la nostra analisi, in particolare nel New Jersey e in alcune altre località degli Stati Uniti.


Undicisettembre: Senza rivelare le informazioni secretate puoi spiegare, in generale, che tipo di tecniche di data mining ha usato Able Danger per fare ciò?

Erik Kleinsmith: La Land Information Warfare Activity, di cui ero il capo dell'intelligence, è stata la prima organizzazione all'interno del Dipartimento della Difesa, o forse nell'intera comunità di intelligence degli Stati Uniti, che aveva un programma di data mining che era riuscito a supportare tutti i tipi di operazioni ed è per questo che lo Special Operations Command è venuto da noi. Gran parte del programma era incentrato sulla capacità di raccogliere enormi quantità di informazioni, e invece di avere un analista che leggeva manualmente ogni pagina o messaggio o nota o sito web avevamo uno strumento che li leggeva e dava una visione di insieme dei dati.

Una delle prime tecniche che abbiamo usato si basava su uno strumento chiamato Themescape, che prelevava regolarmente quattromila messaggi o pagine web e li leggeva e li ordinava in base a delle frasi comuni. Quindi immagina ciascun messaggio come un pezzo di carta, li impilava uno sopra l'altro e dava quindi una mappa bidimensionale da analizzare. Questa mappa consentiva l’analisi dei valori di tendenza, dei valori anomali e delle connessioni che non sapevamo che esistessero. Invece di avere un analista che provava a leggere tutti i quattromila messaggi in una volta sola, li guardavano tutti insieme in relazione l’uno con l’altro.

Abbiamo fatto una ricerca di "al-Qaeda" e abbiamo ottenuto un raggruppamento massiccio delle loro operazioni in quattro diverse aree del mondo: la regione del Magreb in Nord Africa, il Medio Oriente e poi ciò che è stato sorprendente è che abbiamo avuto una grande presenza di al-Qaeda nell’area del Pacifico meridionale, in particolare con Abu Sayya e al-Jama'a al-Islamiyya, e l'ultima area era in Europa, nei Balcani e in altre aree di concentrazione.

Sapevamo da altre ricerche che avremmo ottenuto informazioni per quelle aree, ma la cosa sorprendente fu che iniziammo a vedere spuntare piccoli punti negli Stati Uniti. Una città che è spuntata è stata quella in cui sono nato e cresciuto nel Michigan. Non saremmo mai stati in grado di ottenere informazioni del genere manualmente: succede solo se si utilizzano tecniche di data mining con persone che sanno usarle e che le fanno funzionare.


Undicisettembre: L'11 settembre avrebbe potuto essere evitato se Able Danger fosse stato autorizzato a condividere le sue scoperte con l'FBI?

Erik Kleinsmith: L'FBI sapeva qualcosa di ciò che stavamo facendo, perché stavamo lavorando con loro su un'altra missione relativa al furto di tecnologie del Dipartimento della Difesa da parte di paesi che non erano considerati nostri amici. Non abbiamo mai condiviso alcuni dei dati, ma soprattutto non siamo mai stati in grado di proseguire e perfezionare la bozza della mappa delle minacce che avevamo costruito e che mostrava dove operavano in tutto il mondo. Quindi siamo stati in grado di creare questa vista iniziale e la mappa delle minacce dell'organizzazione, l’abbiamo consegnata a SOCOM ma non siamo mai stati in grado di perfezionarla, approfondirla, guardare più in profondità perché la nostra attività è stata interrotta per paura delle conseguenze del data mining in termini di violazione della legge degli Stati Uniti. Il problema principale era che al personale dell'intelligence non era permesso sorvegliare o raccogliere informazioni su persone statunitensi e lo strumento lo faceva automaticamente perché allo strumento non interessa la legge, quindi la domanda era: "Questi stanno raccogliendo direttamente informazioni su persone americane o come conseguenza del fatto che lo strumento lo fa da solo?" E dato che la nostra attività è stata fermata, credo che avremmo potuto allertare qualcuno o prevenire l'11 settembre in qualche modo.


Undicisettembre: Perché non avete condiviso le vostre scoperte con l'FBI? Chi vi ha impedito di farlo?

Erik Kleinsmith: Fu un'operazione esclusivamente militare, quindi tutto rimase all'interno dell'ambito militare. Poiché è stato fermato tutto proprio all’inizio, non abbiamo avuto la possibilità di avvisare l'FBI. Una mattina siamo entrati al lavoro ed è arrivato un ordine dal Pentagono e che diceva "Cessate l’attività" e non potemmo nemmeno aprire le cartelle e i file per vedere il lavoro che avevamo già fatto. Le leggi degli USA stabiliscono che se abbiamo informazioni su persone statunitensi possiamo conservarle solo per novanta giorni prima di doverle eliminare, quindi sono stato proprio io ad eliminarle. Non potevamo nemmeno estrarre le informazioni su una persona statunitense ed eliminare quel pezzettino, non ci era permesso né toccare né guardare.

La Commissione sull'11 settembre non sapeva nemmeno cosa stavamo facendo per via della riservatezza di ciò a cui stavamo lavorando e quando lo seppero pensarono che non fosse niente di importante fino a quando, dopo la pubblicazione del 9/11 Commission Report, uno dei nostri membri, Anthony Shaffer, sollevò il problema e disse "No, eravamo un'attività pienamente funzionante, avevamo individuato queste persone ma voi avete chiuso le nostre operazioni". Non potevamo dire all'FBI "Ehi, abbiamo questa cellula a Brooklyn che sta per condurre attacchi con dirottamenti massivi." Tutto ciò che sapevamo era che nel New Jersey c'era una cella che stava facendo qualcosa e non siamo mai riusciti a trovarli. Se avessimo inviato un messaggio del genere all'FBI, non avrebbero nemmeno potuto agire perché non saremmo stati in grado di mostrare loro i dati.


Undicisettembre: Come mai nessuno, nemmeno l'FBI, ne aveva mai sentito parlare prima e fu un tale shock per la comunità di intelligence quando fu rivelata l'esistenza di Able Danger?

Erik Kleinsmith: Parte di ciò è dovuto al fatto che era puramente un'operazione militare del Dipartimento della Difesa e l'FBI non è coinvolta. E poi non siamo riusciti a perfezionare i dati fino al punto da poter fornire loro delle informazioni. Dato che la nostra attività è stata fermata nelle fasi iniziali del processo non siamo mai stati in grado di trasformare quella che pensavamo fosse una minaccia credibile in qualcosa su cui poter agire. Quindi non è che qualcuno ci abbia impedito di riferire all'FBI, ma non siamo mai stati in grado di affinare ciò che avevamo scoperto al punto da poter prendere la decisione di comunicarlo a loro.


Undicisettembre: Quando e da chi è stato avviato?

Erik Kleinsmith: È stato avviato da un membro della SOCOM, avevano avviato i loro lavori presso la sede in Florida e avevano inviato rappresentanti a ciascuna agenzia della comunità dell'intelligence per chiedere il loro aiuto, ma sono stati respinti e hanno ottenuto come risposta “Non possiamo aiutarvi, perché non abbiamo la capacità di esaminare questo tipo di informazioni." Quando erano esausti dei tentativi di ottenere aiuto dalle grandi agenzie, hanno contattato uno dei nostri scienziati senior, abbiamo dato loro una dimostrazione dei nostri strumenti di data mining e mostrato loro ciò che nessun altro poteva mostrare e hanno detto "Vogliamo che voi lavoriate su questo come attore principale."

Ci hanno permesso di assistere ad una delle loro sessioni di brainstorming e di pianificazione in cui tutte le agenzie hanno almeno un rappresentante e ho detto ai miei collaboratori “Ho bisogno di una mappa molto in fretta” e in novanta minuti abbiamo mostrato loro più informazioni di quante ne avessero ottenute da tutte le altre agenzie perché da quando utilizzavamo strumenti di data mining ottenevamo informazioni più velocemente. Non era stato ripulita, ci è voluto del tempo per guardarla, ma almeno ha dimostrato che potevamo farla e in fretta.

2020/03/02

World Trade Center: an interview with first responder Kevin Rosenthal

by Leonardo Salvaggio (Hammer). An Italian translation is available here.

One of the lesser known aspects of the 9/11 attacks is the initial response aimed at restoring essential services to Ground Zero and to the whole lower part of Manhattan. To have a better understanding of this key aspect we are today offering our readers the personal account of Kevin Rosenthal, who back then was the executive director of business development for a company involved with the initial response and who today is one of the associates of Sur-Seal, an MWBE certified company serving the energy market.

We would like to thank Kevin Rosenthal for his availability and willingness to help.


Undicisettembre: On 9/11, you arrived at Ground Zero in the afternoon. What happened to you then?

Kevin Rosenthal: I arrived at 4 pm when Con Edison mobilized their remote command center on West Street, a block away from Ground Zero. That became the central point of command for the whole operation—for the recovery, restoration and repair of lower Manhattan below Canal Street. We began a site assessment, but the first thing we saw was the devastation in the aftermath of the collapse of the two massive towers.

Then we began to see the survivors. There were elementary schools in the area; the teachers and students were all evacuated and were all huddled together at the corners of the surrounding city blocks. There was no cellphone communication, so there was no way to contact the children’s parents, and they just didn’t know if some of their parents who were in the towers had even survived. I remember very, very vividly a student pulling on her teacher’s dress and asking the teacher why the birds were on fire. Since they had evacuated the school in the morning before the towers came down, they were in the streets witnessing people jumping out of the buildings. Some of the jumpers were on fire, and the young students could not comprehend what they were witnessing. And the teacher responded “That’s a very good question, I am not really sure. When you get home you might ask your parents.”

I also remember, before the army set up the perimeter, people walking around in a trance-like state, holding pictures of their loved ones and hoping for a miracle.

There was a smell in the air: a combination of burnt rubber and sulfur. The smell was so intense that six months after I left Ground Zero, I still had that smell in my nose. It was the smell of death.


Undicisettembre: Did you see WTC7 collapsing?

Kevin Rosenthal: I saw the collapse of WTC7 and I will never forget the incredible violence of the crash and the peacefulness of the total silence in its aftermath.

Photo credit: Kevin Rosenthal

Undicisettembre: How long did you spend at Ground Zero after 9/11 and what did you guys do in that period?

Kevin Rosenthal: In the first six days, under presidential order, we had to serpentine 33 miles of high voltage cables above ground to hook up the New York Stock Exchange to a temporary substation at the South Street Seaport. Under the presidential order, by then-United States President George W. Bush, the order had to be adhered to strictly so that on the following Monday, at 9 AM, the New York Stock Exchange bell would ring, signaling to the world that America was back open for business. That was a temporary fix, but one that remained intact for a number of months because it took an additional three months around the clock with nineteen-hundred men and women from Con Edison to restore the essential services like electric, gas and steam service to Manhattan.

That was a huge undertaking from a construction, engineering, maintenance, operations, and safety standpoint.

Many different organizations were coordinating the recovery and restoration. I was working together with the United States Army, the Air Force, the FBI, the Police Department, and the Con Edison Emergency Management Response Team to secure critical items around the area. Having supply-chain background and experience, I knew where the materials physically resided, and we were able to contact these companies and coordinate with them. We picked up the essential, mission-critical materials with the assistance of the National Guard and the Army, and they flew it in with Air Force C30s transport planes. With the help of the FBI and NYPD, we caravanned the materials down to our three staging areas: one for electric, one for gas, and one for steam. They were adjacent to the Con Edison mobile command center on West Street. From there, it became a question of dispensing the necessary materials to the nineteen-hundred people. This was an operation that went on 24/7. There was really no difference if it was 3 in the morning or 3 in the afternoon. I did that for 201 days, occasionally grabbing a one-hour nap. We were sleep deprived but we also needed to be able to perform because of the importance and the significance of what we were trying to accomplish all together.

I was amazed by the determination of the men and women of Con Edison to get this job done. The phrase at the time was that they were “ON IT”. They performed miracles and I felt honored to play a part in that role.

I am not only a first responder; I’m also a survivor. I had two heart surgeries as a result of being exposed at Ground Zero. I didn’t get sick until 2012, but thanks to the World Trade Center Health Program, I got the best care and the best surgeons who stood by me 100%. I feel fortunate that I can talk to you about it today, as opposed to people I worked with who developed other kinds of illnesses and aren’t fortunate enough to be here today.

Photo credit: Kevin Rosenthal

Undicisettembre: You have been involved in many recovery efforts after a lot of different disasters. How was Ground Zero different from other cases you've been involved with?

Kevin Rosenthal: The best one that I compare 9/11 to would be Superstorm Sandy and the repair, restoration and recovery effort after that. Every incident is totally unique unto itself. We had never dealt with 14 foot storm surges before, so it presented different challenges than the 9/11 recovery, for example. This was a situation where you had electric components for the power plants adjacent to bodies of water for cooling the turbines. In the case of these storms, all of a sudden you have water coming in contact with a tremendous amount of electrical componentry. Of course this creates failures, fires, and explosions. The challenge in this situation was pumping out the facilities, making an assessment of the level of damage of the componentry and, with the manufacturers, to get replacements on an expedited basis. We were fortunate we were able to work with Con Edison to get the power plants operational by pumping out their substations, which were under water. We worked with a number of tank farms and refineries like Bayway/P66, IMTT, and Kinder Morgan to replace hundreds of actuators and valves, which were used to open and close tanks which house chemicals petroleum products or other liquid materials that are offloaded via pipelines.

Public Service Electric & Gas had customers in New Jersey which were without electricity or gas. They couldn’t use their drinking water and they couldn’t get a bottle of water in six states around New York and New Jersey for eight days. So we helped PSE&G distribute four million dollars worth of bottled water and bagged ice to their customers from twelve distribution centers in and around New Jersey.

So the requirements were different and we were able to assist different clients in different fashions.


Undicisettembre: How was collaboration with other private companies in those months?

Kevin Rosenthal: We were fortunate to collaborate with an association named Affiliated Distributors, a best-in-breed network of hundreds of independent distributors around the United States that works together with the top manufacturers of electrical, industrial, industrial PVF, safety, and construction products. Through the support of an organization like AD, I had the ability to meet any type of client requirement because of the diversity that AD represents and the direct access they afforded me to the key manufacturers. They really shine in times of emergencies and crisis.

Companies like 3M, Duracell, and Kimberly-Clark were donating goods and we were acting like a clearing house for them to get the materials to people who needed them at Ground Zero.

It’s important to have and respect professional business relationships, and maintain them over time. It is what allows you, during unique occurrences, to call in the necessary resources. Being an important part of that entire supply chain and making sure it exists from start to finish allows for getting the right equipment at the right time and at the right price.


Undicisettembre: And how was collaboration with State or Federal agencies?

Kevin Rosenthal: During times of crisis there’s no better agencies to work with than the NYPD, FDNY, the Con Edison Emergency Response Team, the FBI, the US Army, the US Air Force, and the Coast Guard. It was really a joint effort. There were incredible collaborations at unprecedented levels. That was the only way to make the impossible possible.

Photo credit: Kevin Rosenthal

Undicisettembre: What long term impact did 9/11 have in your opinion?

Kevin Rosenthal: It changed the mindset of the country at an individual level and it brought the country together with a real feeling of unity and patriotism that hadn’t been felt since the 1950s. We were able to persevere through such a tremendous assault on the country and do it collaboratively. It was great to see the revival of the patriotism and also of respect. People treated people differently. A good thing that came from that tragedy is a new level of kindness. People were leading from the heart!


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

Kevin Rosenthal: Being a survivor, I’m impacted by it every day. They were able to treat me, but not to cure me. Every day is a challenge. But I don’t regret anything that I did and if it happened tomorrow I’d be there again in support of this great country of ours!


Undicisettembre: What do you think of the conspiracy theories that 9/11 was an inside job?

Kevin Rosenthal: People are looking into spreading discord in order to sell papers and books. I don’t put any credence in those theories. This was totally the work of al-Qaeda. It was a terrorist act perpetrated on our great country.

World Trade Center: intervista a Kevin Rosenthal, membro delle squadre di primo intervento

di Leonardo Salvaggio (Hammer). L'originale in inglese è disponibile qui.

Uno degli aspetti meno noti degli attentati del'11 settembre è stato il primo intervento mirato a ripristinare i servizi essenziali a Ground Zero e all'intera area meridionale di Manhattan. Per conoscere meglio questi aspetti fondamentali offriamo oggi ai nostri lettori il racconto personale di Kevin Rosenthal, che al tempo era direttore esecutivo per lo sviluppo di una delle aziende coinvolte nei primi interventi e che oggi è uno dei soci di Sur-Seal, una società certificata MWBE che lavora nel settore dell'energia.

Ringraziamo Kevin Rosenthal per la sua disponibilità e per il suo prezioso contributo.


Undicisettembre: L’11/9 sei è arrivato a Ground Zero nel pomeriggio. Cosa hai visto da quel momento?

Kevin Rosenthal: Sono arrivato alle quattro del pomeriggio quando la Con Edison aveva spostato il suo centro di comando a West Street, a un isolato da Ground Zero. Quello diventò il centro di comando principale per tutta l’attività: per il recupero, il ripristino e la riparazione dell’area meridionale di Manhattan, a sud di Canal Street. Iniziammo una valutazione del sito, ma la prima cosa che vedemmo era la devastazione causata dal crollo delle due immense torri.

Quindi iniziammo a vedere i sopravvissuti. C'erano delle scuole elementari nella zona; gli insegnanti e gli studenti erano stati fatti evacuare ed erano ammassati agli angoli degli isolati. I telefoni cellulari non funzionavano, quindi non c'era modo di contattare i genitori degli scolari, e questi non sapevano nemmeno se i genitori che si trovavano nelle torri erano sopravvissuti. Ricordo molto, molto vividamente una scolara tirare il vestito della sua insegnante e chiese all'insegnante perché gli uccelli erano in fiamme. La scuola era stata evacuata prima che cadessero le torri, quindi i bambini erano in strada e videro le persone che si lanciavano dall’edificio. Alcuni di quelli che sono saltati giù stavano bruciando e quei piccoli scolari non riuscivano a capire cosa stavano vedendo. E l'insegnante rispose: “È una bella domanda, non lo so. Quando torni a casa potresti chiedere ai tuoi genitori.”

Ricordo anche, prima che l'esercito delimitasse la zona, che c’erano persone in giro come in trance, con in mano le foto dei loro cari sperando in un miracolo.

C'era una puzza nell'aria: una mistura di gomma bruciata e zolfo. La puzza era così intensa che sei mesi dopo aver lasciato Ground Zero me la sentivo ancora nel naso. Era l'odore della morte.


Undicisettembre: Hai visto il WTC7 crollare?

Kevin Rosenthal: Vidi il crollo del WTC7 e non dimenticherò mai l'incredibile violenza del collasso e la pace del silenzio totale che ne seguì.

Photo credit: Kevin Rosenthal

Undicisettembre: Quanto tempo hai trascorso a Ground Zero dopo l'11 settembre e cosa avete fatto in quel periodo?

Kevin Rosenthal: Nei primi sei giorni, su ordine del Presidente, abbiamo dovuto stendere oltre sessanta chilometri di cavi ad alta tensione in superficie per collegare la borsa di New York a una centrale elettrica a South Street Seaport [area di Manhattan affacciata sull’East River e adiacente al distretto finanziario, N.d.T.]. L’ordine presidenziale, dell’allora presidente degli Stati Uniti George W. Bush, doveva essere rispettato rigorosamente in modo che il lunedì successivo, alle 9, la borsa di New York riaprisse, segnalando al mondo che l'America era di nuovo operativa. Quella era una soluzione temporanea, ma rimase in funzione per mesi, perché ci vollero altri tre mesi di lavoro 24 ore al giorno per millenovecento uomini e donne della Con Edison per ripristinare i servizi essenziali come luce, gas e vapore a Manhattan.

È stato un lavoro enorme dal punto di vista della costruzione, dell’ingegneria, della manutenzione, delle operations, e della sicurezza.

Molte organizzazioni diverse lavoravano insieme per il recupero e il ripristino. Io lavoravo con l’Esercito, l'Aeronautica Militare, l'FBI, il Dipartimento di Polizia, e la squadra di gestione delle emergenze della Con Edison per mettere in sicurezza alcuni punti critici nella zona. Avendo esperienza nella supply-chain sapevo dove i materiali stavano fisicamente, e contattammo le aziende e ci coordinammo con loro. Scegliemmo i materiali essenziali e indispensabili con l'assistenza della Guardia Nazionale e dell'Esercito, e li trasportarono con gli aerei C30 dell’Aeronautica Militare. Con l’aiuto dell’FBI e polizia di New York, li portammo alle nostre tre aree di raccolta: uno per il materiale elettrico, uno per il gas, e uno per il vapore. Erano accanto al centro di comando della Con Edison a West Street. Da lì abbiamo dovuto portarli alle millenovecento persone. È stata un'operazione che è andata avanti 24 ore al giorno. Non c’era differenza se erano le tre di notte o le tre del pomeriggio. L'ho fatto per 201 giorni, di tanto in tanto facendo un’ora di sonno. Dormivamo poco, ma dovevamo anche essere in grado di lavorare per via dell’importanza e del significato di quello che stavamo cercando di raggiungere tutti insieme.

Ero meravigliato dalla determinazione degli uomini e delle donne della Con Edison nel portare a termine questo lavoro. La frase che veniva usata all'epoca era che erano "ON IT" [dedicati allo scopo, N.d.T]. Hanno fatto miracoli e sono stato onorato di averne fatto parte.

Non sono solo un primo risponditore; sono anche un sopravvissuto. Ho avuto due operazioni al cuore per essere stato a Ground Zero. Non ho avuto sintomi fino al 2012, ma grazie al World Trade Center Health Program ho ricevuto le migliori cure e ho avuto i migliori chirurghi che mi sono stati vicini al 100%. Mi sento fortunato di poterne parlarne oggi, al contrario di altri con cui ho lavorato che hanno sviluppato altri tipi di malattie e non sono abbastanza fortunati da essere qui oggi.

Photo credit: Kevin Rosenthal

Undicisettembre: Sei stato coinvolto in molti lavori di recupero dopo molte catastrofi diverse. In che modo Ground Zero è stato diverso dagli altri casi in cui sei stato coinvolto?

Kevin Rosenthal: Il migliore caso con cui posso confrontare l'11 settembre è l’uragano Sandy e le attività di riparazione, ripristino e recupero successive. Ogni incidente è assolutamente unico a sé stesso. Non avevamo mai affrontato ondate di tempeste di oltre quattro metri, quindi ha presentato sfide diverse rispetto all'11 settembre, ad esempio. Questa era una situazione in cui c'erano componenti elettrici delle le centrali elettriche adiacenti a masse di acqua per il raffreddamento delle turbine. Nei casi di queste tempeste, improvvisamente l’acqua entra in contatto con un’enorme quantità di componentistica elettrica. Naturalmente questo crea guasti, incendi ed esplosioni. La sfida in questa situazione era pompare l’acqua fuori dalle strutture, facendo una valutazione del livello di danno della componentistica e ottenere dai produttori i pezzi di ricambio rapidamente. Siamo stati fortunati ad aver potuto lavorare con la Con Edison per rimettere in funzione le centrali elettriche pompando l’acqua fuori dalle stazioni elettriche che erano sommerse. Abbiamo lavorato con aree di stoccaggio e raffinerie come Bayway/P66, IMTT, e Kinder Morgan per sostituire centinaia di attuatori e valvole che sono stati usati per aprire e chiudere i serbatoi che contengono prodotti chimici petroliferi o altri materiali liquidi che vengono trasportati tramite condutture.

Il Public Service Electric & Gas [la società di servizio pubblico per l’energia del New Jersey, N.d.T.] aveva clienti nel New Jersey che erano senza elettricità e gas. Non potevano usare l'acqua potabile e non era possibile procurarsi una bottiglia d'acqua in sei stati attorno a New York e New Jersey per otto giorni. Così abbiamo aiutato il PSE&G a distribuire bottiglie d’acqua e sacchi di giacchio per quattro milioni di dollari ai loro clienti da dodici centri di distribuzione in ed intorno al New Jersey.

Quindi i requisiti erano diversi e siamo stati in grado di assistere diversi clienti in diversi modi.


Undicisettembre: Com'è stata la collaborazione con altre società private in quei mesi?

Kevin Rosenthal: Abbiamo avuto la fortuna di collaborare con un'associazione chiamata Affiliated Distributors, una rete di centinaia di distributori indipendenti tra i migliori in tutti gli Stati Uniti che lavora con i migliori produttori in ambito elettrico, industriale, di tubi e valvole industriali, di sicurezza e per la costruzione. Con il supporto di un'organizzazione come AD, ho avuto la possibilità di soddisfare ogni tipo di richiesta dei clienti grazie alla varietà che AD rappresenta e all'accesso diretto che mi hanno concesso verso i principali produttori. Sono davvero stupefacenti durante le emergenze e le crisi.

Aziende come 3M, Duracell e Kimberly-Clark donavano il materiale e noi facevamo da distributore per loro per consegnare i materiali al personale che ne aveva bisogno a Ground Zero.

È importante avere e rispettare rapporti professionali e mantenerli nel tempo. È ciò che ti consente, durante questi eventi, di avere a disposizione le risorse necessarie. Essere una parte importante dell'intera catena di approvvigionamento e assicurarsi che esista dall'inizio alla fine consente di ottenere l'attrezzatura giusta al momento giusto e al prezzo giusto.


Undicisettembre: E come è stata la collaborazione con agenzie statali o federali?

Kevin Rosenthal: Durante i periodi di crisi non ci sono agenzie migliori con cui lavorare che l’NYPD, l'FDNY, la squadra di gestione emergenze della Con Edison, l'FBI, l'Esercito degli Stati Uniti, la US Air Force e la Guardia Costiera. È stato davvero uno sforzo congiunto. C'era un livello di collaborazione incredibile, senza precedenti. Era l'unico modo per rendere possibile l'impossibile.

Photo credit: Kevin Rosenthal

Undicisettembre: Quale impatto di lungo termine ha avuto l'11 settembre secondo te?

Kevin Rosenthal: Ha cambiato la mentalità del paese a livello individuale e ha unito il paese con un vero sentimento di unità e patriottismo che non si sentiva dagli anni '50. Siamo stati in grado di mantenere la perseveranza durante un attacco così terribile contro il nostro paese e di farlo in modo collaborativo. È stato bello vedere il risveglio del patriottismo e del rispetto. Le persone trattano le altre persone in modo diverso. Una cosa positiva che è scaturita da quella tragedia è un nuovo livello di gentilezza. Le persone erano guidate dal cuore!


Undicisettembre: In che modo l'11/9 influisce sulla tua vita quotidiana?

Kevin Rosenthal: Essendo un sopravvissuto, ne sono influenzato ogni giorno. Sono stati in grado di trattarmi, ma non di curarmi. Ogni giorno è una sfida. Ma non rimpiango nulla di ciò che ho fatto e se succedesse domani sarei di nuovo lì a sostegno di questo nostro grande paese!


Undicisettembre: Cosa ne pensi delle teorie della cospirazione secondo cui l'11 settembre sarebbe stato un inside job?

Kevin Rosenthal: Le persone stanno cercano di diffondere discordia per vendere giornali e libri. Non do alcun credito a queste teorie. È stato completamente opera di al-Qaeda. È stato un atto terroristico perpetrato contro il nostro grande paese.

2020/02/04

Able Danger: an interview with attorney Mark Zaid

by Hammer. An Italian translation is available here.

Military data mining project Able Danger is one of the grey areas surrounding the 9/11 attacks. To help shed some light on it, attorney Mark Zaid (who is Able Danger member Anthony Shaffer's attorney) accepted our proposal to answer some questions about it.

We would like to thank Mark Zaid for his kindness and willingness to help.


Undicisettembre: Did or didn't Able Danger identify Atta and three other hijackers when they were already in the USA?

Mark Zaid: Off the top of my head I do not recall that the assertions were beyond Atta, but certainly at least four members of the Able Danger team (three civil servants and one contractor) continued to claim that they had identified Atta and his photo was on a chart. Former Congressman Curt Weldon claimed he brought the chart to the White House but it was never located. Beyond their verbal statements, there was no other proof that I recall.


Undicisettembre: Could have 9/11 been avoided if Able Danger had been authorized to share its findings with the FBI?

Mark Zaid: My personal opinion is I highly doubt anything different would have occurred. As I understood what the chart reflected, there was no evidence that anyone on it was connected to criminal activity. It just meant there was some sort of associational relationship. Former Secretary of State Condoleezza Rice was on one of the charts dealing with Chinese espionage activity because of her work at Stanford. So while it is possible the FBI could have taken a closer look at those who were connected to the Blind Sheik, which is who I recall was claimed to be at the center of this particular chart, there is no indication that it would have led to the foiling of 9/11. But that is a question we will never have answered.


Undicisettembre: How come they did not share their information with the FBI? Who prevented them from doing this?

Mark Zaid: The Able Danger team claimed that Army lawyers prevented them from sharing the information with the FBI.

Able Danger: intervista all'avvocato Mark Zaid

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui.

Il programma militare di data mining Able Danger è una delle zone grigie riguardo agli attentati dell'11/9. Per dare qualche chiarimento su questo argomento, l'avvocato Mark Zaid (che è l'avvocato del membro di Able Danger Anthony Shaffer) ha accettato la nostra proposta di rispondere ad alcune domande.

Ringraziamo Mark Zaid per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Puoi confermare che Able Danger ha identificato Atta e altri tre dirottatori quando erano già negli Stati Uniti?

Mark Zaid: A memoria non ricordo di aver sentito di altri oltre ad Atta, ma certamente almeno quattro membri del team di Able Danger (tre dipendenti pubblici e un fornitore) hanno continuato a sostenere di aver identificato Atta e che la sua foto era su uno dei grafici. L'ex membro del Congresso Curt Weldon ha affermato di aver portato il grafico alla Casa Bianca, ma non è mai stato individuato. Oltre alle loro dichiarazioni verbali, non c'erano altre prove che io ricordi.


Undicisettembre: L'11 settembre avrebbe potuto essere evitato se Able Danger fosse stato autorizzato a condividere le proprie scoperte con l'FBI?

Mark Zaid: La mia opinione personale è che dubito fortemente che sarebbe andata in modo diverso. Da ciò che ho capito che il grafico riportasse, non c'erano prove che le persone individuate fossero collegate ad attività criminali. Significava solo che c'era una sorta di relazione associativa. L'ex segretario di Stato Condoleezza Rice era in uno dei grafici relativi all'attività di spionaggio cinese a causa del suo lavoro a Stanford. Quindi, sebbene fosse possibile che l'FBI avrebbe fatto una verifica più da vicino sulle persone collegate a The Blind Sheik [Omar Abdel-Rahman, uno dei cospiratori dell'attentato al World Trade Center del 1993, N.d.T.], che secondo quanto dichiarato era al centro del grafico, non vi è alcuna indicazione che avrebbe portato a sventare l'11 settembre. Ma questa è una domanda a cui non avremo mai una risposta.


Undicisettembre: Perché non hanno condiviso le loro informazioni con l'FBI? Chi ha impedito loro di farlo?

Mark Zaid: Il team di Able Danger ha affermato che gli avvocati dell'Esercito [statunitense, N.d.T.] hanno impedito loro di condividere le informazioni con l'FBI.

2020/01/28

Able Danger: il programma di data mining per l'individuazione dei terroristi

di Hammer

Con il nome di Able Danger si identifica un programma militare condotto dallo United States Special Operations Command (il comando per le operazioni speciali controllato dal Dipartimento della Difesa) e dalla DIA (Defense Intelligence Agency) su richiesta degli Stati Maggiori Riuniti allo scopo di raccogliere informazioni sulle organizzazioni terroristiche e sui loro membri. Il programma utilizzava tecniche di data mining incrociando dati pubblicamente disponibili con altri secretati e in possesso dell'intelligence per identificare attività terroristiche.

Uno dei grafici sopravvissuti di Able Danger, reso più leggibile dal sito Intelwire.

La prima menzione pubblica dell'esistenza di Able Danger risale al 2005, quando il membro della Camera dei Rappresentanti Curt Weldon pubblicò il libro intitolato Countdown to Terror, nel quale scrisse che nel 2000 il programma aveva individuato Mohamed Atta, Marwan al-Shehhi, Khalid al-Mihdhar e Nawaf al-Hazmi (la cosiddetta cellula di Brooklyn) come affiliati di al-Qaeda. Dopo la pubblicazione del libro, Weldon disse davanti alla Camera che Able Danger aveva individuato la cellula, ma fu impedito allo staff del programma di passare le informazioni all'FBI perché Atta era in possesso della green card e il Congresso ritenne che l'FBI non potesse fare azioni di forza contro qualcuno in possesso di tale autorizzazione per timore di ripercussioni sull'opinione pubblica simili a quelle causate dall'assedio di Waco.

Nel febbraio del 2006 Weldon ribadì in una conferenza stampa che Able Danger aveva individuato tredici volte attività sospette legate a Mohamed Atta prima dell'11/9 e citò un caso simile in cui il programma aveva segnalato possibili problemi (non meglio descritti) per la nave USS Cole nel porto di Aden, in Yemen, due settimane prima dell'attentato, ma anche in quel caso nessuna azione fu intrapresa. La testimonianza di Weldon fu riportata anche dal bimestrale Government Security News nell'agosto del 2005 e in quell'occasione Weldon aggiunse che i problemi riscontrati da Able Danger furono riportati anche alla commissione di inchiesta sull'11/9, che ignorò la segnalazione.

In risposta alle parole di Weldon, molti membri della commissione smentirono quanto detto dal membro del congresso. Timothy Roemer e John F. Lehman dissero entrambi di non essere stati messi a conoscenza dell'esistenza di Able Danger; Al Felzenberg smentì che la commissione avesse saputo di un'identificazione di Atta, e infine il presidente e il vicepresidente Thomas Kean e Lee Hamilton rilasciarono una dichiarazione secondo cui la commissione sapeva dell'esistenza di Able Danger ma nessuna delle informazioni in loro possesso indicava che il programma avesse individuato Mohamed Atta.

Ad aumentare la confusione su questo intricato caso Weldon dichiarò al Time di non essere più sicuro che Able Danger avesse identificato Atta e in quella dichiarazione aggiunse di non poterlo verificare, in quanto aveva consegnato l'unica copia che aveva del rapporto al vice consigliere per la sicurezza nazionale Steve Hadley. Lo stesso giorno dell'articolo del Time, il giornale del New Jersey The Record pubblicò un articolo del giornalista Mike Kelly in cui l'autore riportava di aver avuto una conversazione telefonica con un membro di Able Danger che confermò che il programma aveva individuato Atta e la cellula di Brooklyn ma che fu impedito loro dal governo di passare i dati all'FBI o alla polizia locale.

Pochi giorni dopo Weldon riprese l'argomento davanti alla Camera dei Rappresentanti, dapprima sottolineando le apparenti contraddizioni delle dichiarazioni dei membri della commissione e ribadendo quindi la sua posizione originale.

Weldon tornò sull'argomento un mese dopo, nel settembre del 2005, quando dichiarò all'Associated Press di essere entrato in contatto con un membro dello staff di Able Danger, di cui non fece il nome, che gli aveva comunicato che due anni prima dell'11/9 fu ordinato al programma di distruggere i dati in cui veniva menzionato Mohamed Atta. Tuttavia l'Associated Press raccolse anche il parere del portavoce del Pentagono Paul Swiergosz, che spiegò che la distruzione di quei dati rientrava nella normale procedura in base alla normativa vigente sui dati raccolti dall'intelligence.

Dopo le asserzioni di Weldon, il tenente Anthony Shaffer, uno dei membri del gruppo di Able Danger, partecipò come ospite alla trasmissione televisiva The Situation Room with Wolf Blitzer e in quella occasione si identificò come la fonte delle informazioni in possesso di Weldon. Aggiunse Shaffer che Able Danger aveva scoperto l'esistenza della cellula di Brooklyn nel settembre del 2000 e sostenne di aver tentato di avvisare l'FBI di quanto scoperto, ma i tre incontri in cui avrebbe dovuto riferire i dettagli furono bloccati dai legali del Dipartimento della Difesa. Shaffer aggiunse anche di averne riferito alla 9/11 Commission, ma che la sua testimonianza non finì nella stesura finale del rapporto. La versione di Anthony Shaffer venne corroborata dalle testimonianze di altri membri del programma, quali il capitano della marina Scott Phillpott e il fornitore esterno James Smith; inoltre il maggiore Erik Kleinsmith confermò di aver distrutto i dati raccolti da Able Danger.

Il Dipartimento della Difesa avviò un'indagine, i cui risultati furono resi pubblici l'1 settembre del 2005; l'indagine individuò tre ex membri del programma che confermarono di aver visto un diagramma creato con i dati raccolti dal programma che mostrava una foto di Mohamed Atta. Tuttavia non fu possibile produrne l'evidenza, probabilmente perché i documenti erano stati distrutti.

Anthony Shaffer

Una probabile ipotesi che fu avanzata per spiegare perché Able Danger non riuscì a fermare Mohamed Atta è quella nota come "Two Attas Theory", secondo cui il Mohamed Atta individuato dal programma non era il dirottatore del volo American Airlines 11 ma un altro terrorista vicino a Omar Abdel Rahman (uno dei cospiratori dell'attentato al World Trade Center del 1993, più noto come The Blind Sheikh), chiamato Mohamed el-Amir e quindi parzialmente omonimo di Atta, il cui nome per esteso era Mohamed Mohamed el-Amir Awad el-Sayed Atta. Tuttavia l'ipotesi è ovviamente molto debole, perché l'uomo individuato da Able Danger si chiama Atta e non el-Amir; inoltre questa teoria non dà alcuna spiegazione sull'individuazione degli altri terroristi.

Il 21 settembre 2005 il il Comitato Giudiziario del Senato condusse delle audizioni su Able Danger, ma in quell'occasione Shaffer non fu ammesso a testimoniare. Al suo posto fu ricevuto dal comitato l'avvocato Mark Zaid, il quale nel suo discorso spiegò brevemente cosa fosse Able Danger e confermò che il programma aveva individuato quattro dirottatori, tra cui Atta, come associati di The Blind Sheik, ma non era entrato in possesso di informazioni sufficienti per asserire che i quattro si trovassero negli Stati Uniti. Zaid aggiunse che le informazioni raccolte da Able Danger non bastavano a lasciar supporre che fosse in corso la pianificazione di un attentato su larga scala sul suolo americano. Nella stessa occasione testimoniò anche Erik Kleinsmith, a cui fu chiesto se tali dati avrebbero potuto prevenire l'11/9; il maggiore rispose che probabilmente sarebbero stati utili.

Nel 2006 anche il Dipartimento della Difesa condusse un'indagine su Able Danger. La commissione interrogò quattro ex membri di Able Danger che avevano sostenuto di aver identificato Mohamed Atta e ravvisò numerose contraddizioni nei racconti. Nel rapporto finale la commissione sostenne che il programma non aveva individuato nessuno dei terroristi che avrebbero compiuto gli attentati dell'11/9 e che a nessuno dei membri dello staff fu negata la possibilità di riferire le proprie scoperte all'FBI.

Se le indagini ufficiali chiarirono che Able Danger non raccolse informazioni che avrebbero potuto fermare i dirottatori in anticipo, le polemiche sull'argomento non si fermarono con la pubblicazione dei rapporti delle inchieste. Alcuni testimoni, tra cui proprio Anthony Shaffer, sostennero infatti anni dopo che l'Ispettore Generale del Dipartimento della Difesa distorse le loro parole e che la commissione ignorò molte delle informazioni da loro fornite.

Nel 2010 Shaffer pubblicò un libro intitolato Operation Dark Heart, in cui narrava la propria versione dei fatti; tuttavia poco dopo la pubblicazione l'editore St. Martin ricomprò tutte le 9.500 copie stampate e le distrusse su richiesta del Pentagono. Da allora il libro è stato ristampato più volte, ma solo in versioni censurate.

È quindi ad oggi molto difficile stabilire quale sia la verità in questa intricatissima vicenda. Le informazioni disponibile su Able Danger sono talmente confuse che non è facile capire se davvero i dati raccolti dal programma avrebbero potuto prevenire gli attentati. Quello di Able Danger è sicuramente uno dei lati meno chiari, e meritevoli di indagine, di quanto accaduto l'11 settembre del 2001.