2020/01/07

Pentagon: an interview with former Arlington police officer Isaac Betancourt

by Hammer. An Italian translation is available here.

Today we offer our readers the personal account of former Arlington police officer Isaac Betancourt who was deployed to the scene at the Pentagon after the crash of the plane.

We would like to thank Isaac Betancourt for his kindness and willingness to help.


Undicisettembre: First of all, what was your job in 2001?

Isaac Betancourt: I was working patrol at the time for the Arlington County Police Department, I was a regular police officer in a police car responding to calls and so forth. Hostage negotiation was my specialty; in every Police Department in the United States it is an extra job, like a part time job.


Undicisettembre: Can you give us a general account of what you saw and experienced on 9/11?

Isaac Betancourt: That day, before the plane crashed into the Pentagon, I had been working nights. I lived in an area called Crystal City, in Arlington and right next to the Pentagon. I was already home and when the plane hit the Pentagon I was almost ready to go to bed; my sister called me and said “A plane just hit the Pentagon!” I looked outside the window and saw the smoke. I immediately got in my police car and I went to the scene.

There was chaos everywhere, there were cars, traffic jams, people panicking. For a few minutes I saw a congestion in one of the intersections and an ambulance was coming, so I stopped to allow the ambulance to pass by and then I proceeded to the Pentagon, and once I got there I remember there were parts of the plane everywhere. A big wheel had hit a construction trailer that was there and made a hole in it.

Firemen were trying to put the fire out and all of a sudden one of the FBI agents told us to run away because they thought another plane was coming. We started running away and he waved his hands to stop us and he said “No, it just crashed in Pennsylvania.”

All my colleagues of Arlington County Police started showing up. I was at the security post making sure that nobody unannounced would come in.

Later on they moved me outside of the post to “395”, the highway that overlooks the Pentagon, to move the people away from there, because at the time we didn’t know what was going on. We feared a sniper might be looking over so people there might have been unsafe. I stayed there till the next morning.

The next morning I needed to use the restroom and I said on the radio: “Hey guys, I’m over here at this post, can anyone come over so that I can use the restroom?” And they said “Where are you?” I said “Where you sent me yesterday, at the 395 post.” They said “We don’t have you on the list, we forgot that you were there.” So they forgot about me and they found out after twentyfour hours, only because I waited before asking to go to the restroom, because it seemed like a minor thing compared to all that was going on. So on the debriefing they reported that one of the things they had to be conscious of is where you send your people.


Undicisettembre: What happened to you on the next days?

Isaac Betancourt: I was assigned there everyday. They divided us into two teams: one team was recovery and the second team was security. I was in the security part, so I was not exposed as much as the recovery team which was in the midst of it. They were looking for belongings of people on the plane and I was hearing stories of what they found. During this period many people from the United States came to help, even people who were not authorized to come and I was the one who had to turn them away because if you were not authorized to be there, you could not go into the scene. But a lot of people came trying to help.


Undicisettembre: While you were there was anyone having doubts that a plane had hit the Pentagon?

Isaac Betancourt: No. Because everybody had seen what had happened. I heard it years later, but not in those days.


Undicisettembre: In your opinion how does 9/11 affect the everyday work of law enforcement agencies even today?

Isaac Bentancourt: Everything changed. Before 9/11 life was more relaxed, after 9/11 every day there was a threat call and you don’t even hear them anymore. As time goes by we are relaxing, and it’s natural for a society to do that. But even when I go to the airport things changed a lot since 2001.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

Isaac Betancourt: At the beginning anytime I heard a plane sound, and my area of patrol was around the Pentagon, it made me think maybe it was going to strike the Pentagon. Then it got better and now only when I really think about it, like on the anniversary, I feel sad. And let me tell you why I feel sad: it’s because when I got there I felt there was nothing I could do for them. I was powerless. My job was to protect people, but there was nothing I could do for them because it was too late.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories according to which 9/11 was an inside job?

Isaac Betancourt: I think it’s easy for somebody who wasn’t there to come up with these theories, which are only based on skepticism towards the system who should create this huge machine. About 9/11 I know what I saw and there’s no way it was made up. Conspiracy theories are spreading lies, the government did not make it happen.


Undicisettembre: What’s your reaction when you hear them?

Isaac Betancourt: I turn it into a teaching moment, because I’m lucky that I’m able to tell them what happened, because I was there. I don’t expect that their minds to change, but I think I give them a truthful thought to think about.


Undicisettembre: What do you think of security today? Is the nation safer than in 2001?

Isaac Betancourt: Yes. A lot of things changed regarding not only what we see. I was in the military also and I went to war and I see how the military operates. I don’t think the US is only protecting in the public eye but also in the private, there’s a lot of things going on people don’t hear about to prevent that from happening again.

If you look at the American history and you think of Pearl Harbor, the US did a great job to make Pearl Harbor not repeat itself, and with 9/11 they did the same.

Pentagono: intervista all'ex agente della polizia di Arlington Isaac Betancourt

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui.

Offriamo oggi ai nostri lettori il racconto personale dell'ex agente della polizia di Arlington Isaac Betancourt che fu inviato sulla scena al Pentagono dopo lo schianto dell'aereo.

Ringraziamo Isaac Bentancourt per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Come prima cosa, che lavoro facevi nel 2001?

Isaac Betancourt: All'epoca lavoravo come agente pattuglia per il dipartimento di polizia della contea di Arlington, ero un normale ufficiale di polizia con un'auto della polizia che rispondeva alle chiamate e così via. La mia specialità era la negoziazione degli ostaggi; in tutti i dipartimenti di polizia degli Stati Uniti è un lavoro extra, come un incarico part-time.


Undicisettembre: Ci puoi fare un racconto generale di ciò che hai visto e vissuto l'11 settembre?

Isaac Betancourt: Quel giorno, prima che l'aereo si schiantasse contro il Pentagono, avevo fatto il turno di notte. Vivevo in una zona chiamata Crystal City, ad Arlington e proprio accanto al Pentagono. Ero già a casa e quando l'aereo colpì il Pentagono ero quasi pronto per andare a letto; mia sorella mi chiamò e mi disse "Un aereo ha appena colpito il Pentagono!" Guardai fuori dalla finestra e vidi il fumo. Salii subito sulla mia macchina della polizia e andai sulla scena.

C'era caos ovunque, c'erano macchine, ingorghi, gente in preda al panico. Per alcuni minuti vidi una congestione a uno degli incroci e stava arrivando un'ambulanza, quindi mi fermai per consentire all’ambulanza di passare e poi proseguii verso il Pentagono, e una volta arrivato ricordo che c'erano parti dell'aereo ovunque. Una grande ruota aveva colpito un container che era lì e aveva fatto un buco.

I pompieri stavano cercando di spegnere l'incendio e all'improvviso uno degli agenti dell'FBI ci disse di scappare perché pensavano che stesse arrivando un altro aereo. Iniziammo a scappare e quindi ci richiamò per fermarci e disse "No, si è appena schiantato in Pennsylvania".

Iniziarono ad arrivare tutti i miei colleghi della polizia della contea di Arlington. Ero nel gabbiotto delle guardie e mi assicuravo che nessuno entrasse senza autorizzazione.

Più tardi mi spostarono alla guardiola della "395", l'autostrada che affianca il Pentagono, per allontanare la gente da lì, perché al momento non sapevamo cosa stesse succedendo. Temevamo che un cecchino potesse sparare sulla folla e che le persone non fossero al sicuro. Rimasi lì fino al mattino dopo.

La mattina dopo dovetti andare in bagno e dissi alla radio: "Ehi ragazzi, sono qui alla guardiola, qualcuno può venire in modo che io possa andare in bagno?" Mi risposero "Dove sei?" Dissi "Dove mi avete inviato ieri, alla guardiola della 395". Dissero "Non ti abbiamo in elenco, ci siamo dimenticati che eri lì." Si erano dimenticati di me e lo scoprirono dopo ventiquattro ore, solo perché ho aspettato prima di chiedere di andare in bagno, perché sembrava una cosa di poca importanza rispetto a tutto quello che stava succedendo. Quindi durante il debriefing riportarono che una delle cose di cui dovevano essere consapevoli era dove mandavano il personale.


Undicisettembre: Cosa ti è successo nei giorni successivi?

Isaac Betancourt: Fui assegnato lì tutti i giorni. Ci divisero in due squadre: una squadra faceva soccorso e la seconda sicurezza. Io ero nella parte della sicurezza, quindi non sono stato in prima linea come il team di soccorso. Loro cercavano effetti personali di passeggeri dell'aereo e sentivamo le storie di ciò che trovavano. Durante questo periodo molte persone da ogni parte degli Stati Uniti vennero per dare aiuto, anche persone che non erano autorizzate e le dovetti respingere perché se non erano autorizzati non potevano andare sulla scena. Ma molti vennero per cercare di aiutare.


Undicisettembre: Mentre eri lì c'era qualcuno che dubitava che un aereo avesse colpito il Pentagono?

Isaac Betancourt: No. Perché tutti avevano visto cosa era successo. Sentii questa storia anni dopo, ma non in quei giorni.


Undicisettembre: Secondo te in che modo l'11 settembre influisce sul lavoro quotidiano delle forze dell'ordine anche oggi?

Isaac Bentacourt: Tutto è cambiato. Prima dell'11 settembre la vita era più rilassata, dopo l'11 settembre ogni giorno c'era una minaccia e non ci facevi neanche più caso. Con il passare del tempo ci stiamo rilassando ed è naturale che una società lo faccia. Ma anche quando vado in aeroporto le cose sono cambiate molto dal 2001.


Undicisettembre: In che modo l'11 settembre influisce sulla tua vita quotidiana?

Isaac Betancourt: All'inizio ogni volta che sentivo un suono di aereo, e la mia area di pattuglia era attorno al Pentagono, pensavo che forse avrebbe colpito il Pentagono. Poi la situazione è migliorata e ora solo quando ci penso davvero, come in occasione dell'anniversario, mi sento triste. E ti dico perché mi sento triste: è perché quando arrivai lì sentii che non c'era nulla che potessi fare. Ero impotente. Il mio compito era proteggere le persone, ma non c'era nulla che potessi fare per loro perché era troppo tardi.


Undicisettembre: Cosa ne pensi delle teorie della cospirazione secondo cui l'11 settembre sarebbe stato un inside-job?

Isaac Betancourt: Penso che sia facile per qualcuno che non era lì elaborare queste teorie, che si basano solo sullo scetticismo nei confronti del sistema che dovrebbe creare questa enorme macchinazione. Sull'11 settembre so cosa ho visto e sicuramente non è stata una messinscena. Le teorie della cospirazione diffondono bugie, non è stato il governo.


Undicisettembre: Qual è la tua reazione quando le senti?

Isaac Betancourt: Lo trasformo in un momento di insegnamento, perché ho la fortuna di poter spiegare cosa è successo, perché ero lì. Non mi aspetto che cambino idea, ma penso di dar loro un pensiero veritiero su cui riflettere.


Undicisettembre: Cosa ne pensi della sicurezza oggi? La nazione è più sicura che nel 2001?

Isaac Betancourt: Sì. Molte cose sono cambiate non solo in ciò che il pubblico vede. Ero nell'esercito e sono andato in guerra e vedo come funziona l'esercito. Non credo che gli Stati Uniti si stiano proteggendo solo agli occhi del pubblico, ma anche in ciò che il pubblico non vede, ci sono molte cose che vengono fatte per evitare che accada di nuovo di cui la gente non sente parlare.

Se guardi alla storia americana e pensi a Pearl Harbor, gli Stati Uniti hanno fatto un ottimo lavoro per evitare che Pearl Harbor si ripetesse, e con l'11 settembre hanno fatto lo stesso.

2019/12/16

Garrett M. Graff - The Only Plane in The Sky: The Oral History of 9/11

di Hammer

In occasione del diciottesimo anniversario degli attentati dell'11/9, il giornalista Garrett Graff ha pubblicato il volume The Only Plane in The Sky: The Oral History of 9/11, in cui ricostruisce gli eventi drammatici di quel giorno attraverso i racconti in prima persona di testimoni, sopravvissuti, soccorritori, di chi ha perso i propri congiunti negli attentati e di persone coinvolte negli attacchi a vari livelli, come gli insegnanti di una scuola di Arlington.

Il libro di Graff costituisce davvero un lavoro monumentale, avendo raccolto centinaia di contributi che offrono uno spaccato completo e toccante dello svolgimento di quei tragici attentati. Grazie ai racconti raccolti da Graff riviviamo infatti le emozioni di chi si è trovato a dover evacuare dalle Torri Gemelle e dal Pentagono in fiamme, dei soccorritori che sono stati chiamati a intervenire e anche di chi ha assistito inerme allo svolgersi degli eventi.

Oltre a raccontare i fatti che si sono svolti nelle tre zone del disastro, narrati anche in numerosi altri libri e documentari, Graff ha raccolto testimonianze più rare come quelle dei controllori di volo, del personale del NORAD, di quello presente nel Presidential Emergency Operations Center (struttura interrata della Casa Bianca utilizzata come centro di comando in caso di emergenze nazionali), dei medici e degli infermieri che accolsero i feriti negli ospedali e di chi era presente sull'Air Force One (come personale della stampa, collaboratori del Presidente e ufficiali dello United States Secret Service) che volava in una zona mai precisamente chiarita al pubblico sul Golfo del Messico. Inoltre, Graff riporta le testimonianze anche di personalità di spicco come Dick Cheney, Condoleezza Rice, Richard Clarke e Rudy Giuliani, che servono a chiarire come l'evento fosse completamente imprevedibile anche per le autorità che dovettero prendere decisioni mai prese prima su come fronteggiare la crisi.

Il libro di Graff è quindi prezioso non solo perché approfondisce i fatti ampiamente noti, ma anche perché racconta aspetti meno conosciuti degli attenti, come ciò che è accaduto nel pomeriggio al World Trade Center e al Pentagono per la gestione della situazione e anche l'intervento dei soccorritori a Shanksville che hanno rinvenuto sul luogo dello schianto solo i frammenti dell'aereo e nessun ferito da soccorrere.

The Only Plane in The Sky: The Oral History of 9/11 è ad oggi uno dei migliori libri mai pubblicati sull'11/9, proprio per la sua completezza e per aver approfondito aspetti che spesso non vengono messi in luce. Garret Graff deve sicuramente essere encomiato per il suo sforzo e per il risultato della sua ricerca che aggiunge una pietra miliare utile a preservare la memoria di quanto avvenuto in quei tragici momenti.

2019/12/02

L'incendio al World Trade Center del 1975

di Hammer

Ventisei anni prima dell'11/9 e diciotto anni prima dell'attentato del 1993, il World Trade Center fu colpito da un incendio all’undicesimo piano della Torre Nord il 13 febbraio del 1975, in quello che fu il primo grave incidente occorso al complesso fino ai due attentati terroristici.


Di questo evento parla il libro Tall Building Criteria and Loading, scritto nel 1980 dal progettista delle Torri Gemelle, Leslie Robertson, insieme all'ingegnere giapponese Takeo Naka. Secondo quanto riportato, intorno alle 23:45 un facchino si accorse del fuoco all'undicesimo piano e attivò manualmente l'allarme. La squadra dei pompieri arrivò sulla scena e salì con il montacarichi fino al nono piano, i vigili del fuoco collegarono i tubi agli idranti al decimo piano per poi salire lungo le scale per affrontare l'incendio al piano superiore.

Arrivati all'undicesimo piano, si accorsero che il fuoco si era esteso al piano inferiore e ai piani superiori fino al sedicesimo, passando lungo le condutture per i cavi telefonici; tuttavia agli altri piani i danni furono limitati alle condutture dei cavi e le fiamme non raggiunsero gli uffici. I pompieri impiegarono tre ore a spegnere le fiamme. Inoltre incendi isolati furono trovati al nono e al diciannovesimo piano e furono spenti senza problemi.

Al tempo le condutture per i cavi non erano dotate di protezioni ignifughe e i palazzi stessi non avevano un impianto antincendio ad acqua, in quanto la Port Authority di New York e New Jersey non era tenuta a rispettare le norme di sicurezza locali. Inoltre il sistema di rilevamento del fumo, che pure era presente, non rilevò l'incendio prima che se ne accorgesse il facchino.

Al momento dell'incidente gli unici occupanti dell'edificio erano del personale delle pulizie e di servizio, che furono fatti evacuare; otto di loro dovettero essere curati per ferite o per esposizione al fumo. Dei 132 pompieri coinvolti, 28 rimasero feriti e 16 dovettero essere curati sul posto. Il capitano dei pompieri Harold Kull riferì in seguito che data la violenza dell'incendio, tutti gli uomini della sua squadra riportarono bruciature al collo e all'orecchio; inoltre il calore sprigionato fu sufficiente a causare l'imbarcamento di parte della soletta dell'undicesimo piano, che rimase danneggiato al 21%.

Il dipartimento dei vigili del fuoco chiarì subito che l'incendio era doloso: un piromane aveva imbottito di carta un quadro tecnico dell'apparato telefonico e aveva dato fuoco alla carta stessa. A conferma dell'ipotesi, alcuni giorni dopo la polizia della Port Authority e la Temco Industries (società incaricata della manutenzione dei palazzi) ricevettero telefonate anonime che minacciavano altri incendi se i lavoratori della Temco non avessero ricevuto i pagamenti arretrati che la società doveva loro.

Nella notte del 19 maggio dello stesso anno una nuova serie di incendi scoppiò nella Torre Sud: al ventiseiesimo, ventisettesimo, ventottesimo e trentaduesimo piano. In seguito a questo secondo atto di incendio intenzionale, il dipartimento dei vigili del fuoco, grazie alla presenza di due comandanti sotto copertura come addetti alle pulizie, riuscì a individuare il responsabile di entrambi gli atti nel diciannovenne Oswald Adorno, che lavorava come guardiano notturno alle dipendenze della Temco. Adorno ammise la propria colpevolezza e aggiunse che il motivo dell'assurdo e reiterato gesto stava nel non vedere opportunamente riconosciuto dall'azienda il proprio lavoro faticoso, in quanto l'uomo riteneva di essere responsabile di troppi piani dell'edificio.

Il rapporto del NIST sul crollo delle Torri Gemelle spiega che in seguito ai due incidenti la Port Authority avviò uno studio per il miglioramento della sicurezza negli edifici e questo portò all'installazione di porte tagliafuoco attivate da elettromagneti, al potenziamento del sistema di allarme e di quello di rilevazione dei fumi. Inoltre furono isolate maggiormente le scale, in modo che il fumo non potesse invaderle, e fu migliorata l'aerazione del core che, nel caso dell'incendio causato da Adorno, aveva funzionato come un camino, portando il fumo nei piani superiori, al punto che anche persone oltre il quarantesimo piano riferirono di aver sentito l'odore del fumo. Tra i miglioramenti introdotti ci fu ovviamente l'installazione di un sistema antincendio, che fu completato solo nel 1993.

Purtroppo tutte le contromisure prese non bastarono contro lo sfacelo causato dai terroristi l'11 settembre 2001: a riprova del fatto che l'orrore di quella mattina superò abbondantemente le peggiori previsioni dei progettisti e di chi doveva garantire la sicurezza degli edifici.

2019/11/18

Cosa sapeva l'NSA prima dell'11/9: il centro per le comunicazioni di Sana'a

di Hammer

A metà degli anni 90 al-Qaeda attivò a Sana'a, capitale dello Yemen, un centro di comando che fu utilizzato principalmente come snodo per le comunicazioni. La scelta di porre questa sede nello Yemen fu dettata dai migliori collegamenti telefonici e aerei che la penisola araba aveva rispetto a quelli afghani.

L'edificio utilizzato come centro per le comunicazioni si trova, secondo quanto riportato dal libro The Shadow Factory di James Bamford del 2008, al vertice nord-occidentale del quartiere di Madbah e lo stesso Bamford riferì nel documentario The Spy Factory di averlo identificato con quello riportato nella foto sottostante. Il proprietario dell'edificio che lo mise a disposizione di al-Qaeda era lo yemenita Ahmed al-Hada la cui figlia Hoda avrebbe sposato il terrorista e dirottatore del volo American Airlines 77 (quello che si schiantò sul Pentagono) Khalid al-Mihdhar.


La struttura era dotata di un telefono satellitare Compact M comprato dal miliziano di al-Qaeda Ziyad Khalil a Deer Park, nello stato di New York, per 7.500$ che si poteva connettere alla rete telefonica satellitare Inmarsat.

Il dispositivo venne usato per coordinare molte e importantissime operazioni di al-Qaeda. Non è chiaro quando gli investigatori americani siano venuti a conoscenza dell'esistenza di questa base a Sana'a; secondo James Bamford l'NSA lo scoprì alla fine del 1996, mentre secondo quanto riportato da Lawrence Wright (autore del più completo volume sulla storia di al-Qaeda, The Looming Tower) la scoperta dell'esistenza di questa sede avvenne nel 1998. Gli investigatori riuscirono a risalire al numero di telefono del dispositivo, che al tempo era +967-1-200-578, e grazie a questa scoperta risalirono anche al numero di telefono personale di Osama bin Laden il quale comunicava spesso con il centro yemenita. Al tempo bin Laden utilizzava il numero telefonico +873-682505331 (873 era al tempo il prefisso Inmarsat dell'area dell'Oceano Indiano, i prefissi locali per Inmarsat sono stati dismessi a dicembre del 2018).

La CIA mise sotto controllo il telefono nella casa di Sana'a ed ottenne informazioni sulle attività di al-Qaeda come summit del terrore che si sarebbe tenuto in Malesia nel gennaio del 2000, ottenendo anche i nomi di due dei partecipanti: Khalid al-Mihdhar e Nawaf al-Hazmi (entrambi futuri dirottatori dell'11/9). Tuttavia la CIA non comunicò le informazioni raccolte all'FBI, ma le condivise solo con i servizi segreti Sauditi grazie a cui scoprì che i due erano legati ad al-Qaeda. Grazie a queste informazioni alcuni agenti della CIA riuscirono ad entrare nella camera di albergo di Dubai in cui al-Mihdhar si era fermato durante il suo viaggio verso la Malesia, gli agenti fotocopiarono il passaporto del terrorista e scoprirono che aveva un visto per entrare negli USA, ma di nuovo non ne informarono l'FBI né il Dipartimento di Stato.

Al-Mihdhar e al-Hazmi arrivarono negli USA pochi giorni dopo l'incontro in Malesia e da San Diego effettuarono varie telefonate verso la sede di Sana'a, e durante il periodo che trascorsero in California ricevettero anche molte chiamate dalla stessa sede. Alcune di queste comunicazione erano di carattere personale, ad esempio tra al-Mihdhar e la moglie che viveva proprio nella casa utilizzata come centro per le comunicazioni, ma altre servivano a dare indicazioni operative ai terroristi.

L'NSA intercettò queste chiamate ma, stando a quando a quanto asserito da Michael Hayden, direttore dell'NSA dal 1999 al 2005, l'agenzia di cui era a capo non poteva risalire al luogo da cui le chiamate venivano effettuate. Tuttavia il membro del Senior Executive Service dell'NSA Thomas Drake sostenne che la tesi di Hayden non corrispondeva alla realtà perché l'NSA è sempre stata in grado di individuare la provenienza delle telefonate al centro di Sana'a, come confermato dal fatto che sono stati in grado di identificare il telefono da cui chiamava bin Laden già negli anni 90.

Un'analisi di Peter Bergen del 2013 evidenzia come ciò che è mancato prima dell'11/9 non è stato tanto la raccolta delle informazioni, quando la condivisione delle stesse tra le varie agenzie e mostra come la situazione non sia migliorata dopo il 2001; l'articolo cita infatti altri quattro casi di mancata comunicazione avvenuti tra il 2008 e il 2009. Il cittadino americano David Headley ebbe un ruolo fondamentale nel coordinamento dell'attentato che a Mumbai uccise 166 persone nel 2008; le autorità americane avevano avuto informazioni sulle sue affiliazioni a gruppi terroristi ma non indagarono a fondo per tempo. Il medico militare Nidal Hasan uccise 13 persone in una sparatoria a Fort Hood in Texas nel 2009; i suoi legami con il terrorista yemenita Anwar al-Awlaki erano noti, ma sottovalutati dagli investigatori. Carlos Bledsoe, americano convertito all'Islam, uccise un soldato a Little Rock nell'Arkansas nel 2009; l'uomo era sorvegliato dall'FBI per un suo recente viaggio in Yemen, tuttavia riuscì a comprare le armi e a realizzare il suo folle intento. Il nigeriano Umar Farouk AbdulMutallab nel giorno di Natale del 2009 tentò di far esplodere il volo Northwest Airlines 253, partito da Amsterdam, sopra la città di Detroit, ma l'ordigno non funzionò; il padre aveva avvisato l'ambasciata del fatto che suo figlio avesse tendenze estremiste e che forse stava pianificando un attentato.

L'analisi di Bergen è tristemente corretta: il caso del centro operativo di Sana'a indica infatti come anche l'11/9 avrebbe potuto essere evitato se le agenzie investigative non avessero sottovalutato la minaccia dei terroristi sul suolo americano.

2019/10/28

World Trade Center: an interview with former US Secret Service agent Samantha Horwitz

by Hammer. An Italian translation is available here.

We are offering our readers today the personal account of former US Secret Service agent Samantha Horwitz who on 9/11 intervened at Ground Zero as a first responder. After 9/11 Horwitz was a victim of post traumatic stress disorder and to tell her story and how she went through it she also wrote a book entitled The Silent Fall.

We would like to thank Samantha Horwitz for her kindness and willingness to help.


Undicisettembre: Can you give us a general account of what you saw and experienced on 9/11?

Samantha Horwitz: I was on my way to work, the Secret Service field office in New York was located in World Trade Center 7, and while on my way to work I got stuck in an accident that - I didn't think about it at the time - would set into motion events that forever changed my life. When I arrived at my field office and parked underneath World Trade Center Tower 1, which was our parking area, I got into the elevator to go up to the Plaza level and while inside the elevator I thought there was a malfunction or I was getting stuck. The lights flickered and the elevator car shook and little did I know, 94 stories above, American Airlines flight 11 had just struck the tower.

We were very lucky that the elevator doors opened. We were met with a debris field that was already in the lobby level area. I got out of the elevator, made my way up an escalator and used an exit door that I never used before in all the time working down there. It put me on the Plaza level where I was stopped in my tracks by what I saw – debris was raining down from the sky. Pieces of metal, pieces of concrete and pieces of people. I knew something very bad had happened, I thought it was some sort of bomb that had been detonated and I made my way around the area across from building 7 and I could see into the lobby.

I could see some of my squad mates and my supervisor who was motioning for me to run. At that point where I stopped, I was shielded from all the debris and I had to run across a pedestrian bridge that connected the World Trade Center Plaza, crossed over the top of Vesey Street and into my building. I finally just took off running and made it into my building. We all thought the dust would settle and we’d be investigating what had just happened. Soon after, Tower 2 got hit and we watched the glass in our building bow inward and almost shatter. We were lucky it held and we then looked at each other, we didn't have to say a word. Everybody was thinking the same thing “We are the 3rd tallest building in the World Trade Center complex and we are next.”

In addition to the Secret Service New York Field Office being in World Trade Center 7, then Mayor Giuliani's Office of Emergency Management was inside that building along with other agencies that the public didn't have knowledge of. We decided to evacuate our building, we made it to West Side Highway where we got our first glimpse as to what had occurred. We were standing on West Side Highway looking at Tower 1 and you could see a huge gaping hole in it and Tower 2 behind it. A thick black smoke trail was coming out of it. We had no idea at that time that full sized passenger jets had flown into the towers.

We stood there assessing the situation as any good crime scene investigator would, figuring out what kind of explosion it was. Our concentration was broken by a fellow agent who was driving, he slammed on his brakes of his government vehicle and got our attention and he asked us if we had seen the planes. We were not comprehending and we were like “What are you talking about? Planes do not fly into the two tallest buildings in New York City. You would have seen them, they are huge”.

He was pretty insistent they were planes and then we heard over his radio that the Pentagon was hit. So we thought “Okay, we are at war. Something is drastically wrong here.” and for us being first responders we immediately thought “Well if we are at war, where's the enemy?” We were armed and there was nobody to shoot at and in our minds we were trying to figure everything out.

Passenger airliners had just flown into Tower 1 and Tower 2 and into the Pentagon, what was going to happen next? We were watching this horrific scene unfold, there's really no other word to describe it. Soon after, we watched as people started jumping out of Tower 1 and after the tenth one I stopped counting, you could feel them as they hit the ground. That's how close we were, we could feel the shockwave.

We watched the smoke and fire continue to pour out. As you can imagine there were a lot of different sounds related to what was going on and there was this one particular sound that stuck out, it was like a grizzly bear making a really deep growl; it got louder and louder and then all of a sudden Tower 2 came down. We took off running and we made it into the closest building that had a front door that was open which happened to be a school. I think there had to be thirty of us, obviously it got some attention from the front office and the principal came out.

We briefed him on what was going on and we decided that we were going to go back out and go down to where the tower collapsed because there had to be people to rescue. That's what we do as first responders. Responding to every day emergencies wasn’t necessarily part of the Secret Service’s mission, but we were trained to do that; we are highly trained in the first aid. There was one big problem though - that dust. You could not be outside without having your mouth and nose covered. A bunch of the guys started ripping up their shirts so we could fashion bandanas around our faces. Myself and two other agents decided to stay behind at the school to set up a triage so that we could receive the victims that were coming to us, we could triage them and then get the ambulances coordinated and get them off to the hospital.

None of that happened because about thirty minutes later the school got orders to evacuate. We were about three blocks from what would be called Ground Zero by the end day. Myself, the two agents that were with me, the principal and a student who is about six feet tall and his aide were the last ones out of that school and what we didn't know was the school was made up of a very large population of physically and mentally challenged kids. So we had an evacuation with walkers, wheelchairs, crutches.

We were walking back towards West Side Highway and the student was visibly shaken. He had no idea who we were and he was walking too slow for an emergency evacuation, we were encouraging him to walk faster. As we hit West Side Highway, we heard that low grumbling and growling sound again and the two agents and I looked at each other and said “We’ve got to go now!” I took one of the student’s legs, the other agent took another leg and the third agent scooped him up underneath his shoulder blades. We started running up West Side Highway. We had one mission - To outrun that dust cloud from World Trade Center 1’s collapse coming for us. We did, and we turned around and watched that dust settle.

It was as if watching a scene from a horror movie: people were coming out of this dust cloud completely covered, some of them had blood coming from different areas of their body. We continued our walk up West Side Highway, when we turned around and an ambulance appeared. The paramedics got their stretcher out, we loaded the student onto the stretcher and he and his aide went off to the hospital. The scene of us carrying the student was captured in People magazine. I didn't find out until somebody called me on the phone weeks later.

Again we were wondering “What's going to happen next? And what do we do now?” Our pagers went off and we received a message to go to Pier 63, which is one of the piers on the Hudson River. When we got there our supervisors had arranged with the US Park Police to use their small ferry boats, to ferry us from where we were across the Hudson River to New Jersey where the New Jersey field office agents were already waiting for us to take us home because we had lost all of our transportation. All the government vehicles were gone.

I’ll never forget as I pulled away from the dock. I was looking at a skyline that was forever changed, the two iconic towers and what everybody thought about when they thought about New York City were gone, and in their place was just thick black smoke. It started a new journey for me, called dealing with post-traumatic stress.

The symptoms started as soon as I got back to my apartment where I found that I couldn’t be in an enclosed space because it would cause an anxiety attack, my heart would start racing and I would start sweating. If I got out into the open the symptoms would go away. The nightmares, the hyper-vigilance and survivor’s guilt eventually lead to having to rely on alcohol to go to sleep at night. One day I was holding a gun to my head, it got that bad. It was not a fun time and not only for me, I know that other agents suffered as well.

What we soon realized, and what happened with me, was the mental game that post traumatic stress created in all of us. I remember sitting at my desk reading the same paragraph of a report I had to hand in for the umpteenth time and I thought I was losing my mind. At that time we had set up a makeshift office in some office space that we found, because our building was the last time to come down on 9/11 and we had nowhere to work. I knew I wasn’t able to function 100% so I told my supervisors “I can’t do this anymore” and they didn’t know how to offer help. We had one debriefing by the folks that came from our headquarters in Washington, DC, but other than that, despite asking for it, we didn’t have it, so I made the very difficult decision to resign as an agent. I couldn’t risk being a liability because an agent that doesn’t function 100% basically means someone might not go home that night and I couldn’t have that on my conscience.


Undicisettembre: What did you do on the next days after 9/11?

Samantha Horwitz: We had a few days off, the only ground rules were check in with our supervisors everyday, once a day if not twice, to let them know that we were okay, because we had some agents that were missing and one who was killed. We got orders to report to the JFK airport for a debriefing that took place three days later and that’s when the folks from the headquarters came up to find out where we were and what we saw.

Knowing we had some exposure to that dust, we were ordered to get chest x-rays but at that time nothing was visible. My family was in Maryland, I lived in New Jersey commuting to the city everyday, and I went back to Maryland just to get out of the city.


Undicisettembre: What role did you have in the following investigations and what were your major findings?

Samantha Horwitz: The US Secret Service was tasked with tracing the money from 9/11: what banks were involved, overseas and domestically, how money exchanged hands between the terrorists, how they got to the United States. Now we know the rest of the story with Khalid Sheikh Mohammed and Osama bin Laden and it was very rewarding to help with that. We were part of the Joint Terrorism Task Force and we were putting the puzzle pieces together. We were able to do that and to report our findings working together with other agencies. We pinpointed the ringleader who ended up being the same ringleader as for the bombing in 1993, what he succeeded in doing on 9/11 was what he wanted to do in 1993.


Undicisettembre: How does 9/11 affect the everyday work of US Secret Service even today?

Samantha Horwitz: The biggest change that we saw after 9/11 was when President Bush decided to create the Department of Homeland Security, no one of us thought we would have been absorbed into that agency because we had clearly defined roles and a skillset that no other agency had, and when that happened everything changed. I had already resigned my position along with eight other agents, so I did not go through that change in leadership.

We look at every case of fraud and see if we can tie it back to a terrorist organization, not only us but other federal agencies as well. The investigation revealed the terrorists had their hands in many different pies. So a fraud that was being perpetrated across the globe ended up putting money in their banks and help fund terrorist attacks. As federal law enforcement agencies, we have stopped numerous attacks both here and abroad. As technology expands, and as banking becomes more sophisticated, the terrorists became more sophisticated. It’s our job to level the playing field.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

The cover of The Silent Fall,
the book by Samantha Horwitz
about her 9/11 experience.
Samantha Horwitz: I consider myself one of the lucky ones, despite floundering and struggling after 9/11 I got help and it was very effective. It’s a therapy called EMDR, Eye Movement Desensitization Reprocessing, and what it did was take me back and help me create new neural synapses, new brain connections where if I heard a loud bang or a plane flying low overhead I didn’t go into the “fight of flight” response or be triggered. That allowed me to live a normal life again, because before that if I was out in public and there was a thunderstorm, I’d be diving under furniture, so I didn’t want to be out in public fearing this might happen. This therapy saved my life.

Every once in while I get triggered but there’s no flashback or anxiety response the way it used to. I’m trying to help others, whether they are veterans or local law enforcement or anybody in the first responder community who is exposed to traumas, understand that there’s help out there and that they can get better as well.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories that claim that 9/11 was an inside job?

Samantha Horwitz: I have had many conspiracy theories thrown in my face pretty much starting a year or two after 9/11 and I can confirm 100% what happened to WTC7. There is no conspiracy, the government did not plant explosives in that building. I watched hours and hours of videos, I’ve talked to engineers and I was there. When Tower 1 came down it sheared off the entire front of WTC 7 doing severe damage to the building.

In addition to the US Secret Service having their New York office in there, there were other agencies inside WTC7 as well; that means we had everything inside that building to do our job: ammunition, evidence collected from the crime scenes, and that was multi agency, not just us. At Ground Zero there were firefighters trying to put the fire out in WTC7 and point blank one of them asked me “What is continuing to explode inside that building?” I told them there were a lot of ammunition.

Being a first responder I saw things and I know things these conspiracy theorists don’t know and did not see. And of course they didn’t experience the after effects, I coughed for an entire year after 9/11 and I had a cancer scare last year. This was real, this was not something the government created.

I am not saying agencies didn’t miss stuff, we absolutely did. I mean if anyone comes here, goes to a flying school and only learns how to fly but not how to take off or land that should throw up some serious red flags. How were phone calls not made? How did they just disappear into public life? Of course it’s not easy, people want to sit back and be the “Monday morning quarterback”, as we say here in the United States, we can’t prevent all the bad guys from striking and it hurts us. But the Secret Service and other agencies are doing everything that they can every single day to make sure that we are safe.


Undicisettembre: Do you think 9/11 could have been avoided if different agencies communicated better between each other?

Samantha Horwitz: I’d love to say “Yes”, but one thing we learned at that time was that terrorist groups are so patient and we were a little too busy and distracted, so we did not pay attention as much as we should have. I think agencies communicate a lot better now, sharing information to prevent attacks from happening. But I don’t know if 9/11 could have been prevented.

President Clinton also had Osama bin Laden in sight long before 9/11, but it’s easy to look at any situation after the fact. That’s what debriefing is about, when any law enforcement agency goes and does a big operation we always come back to the table and we say “What could we have done better? What should we have not done? How do we move forward and do a better job next time?” And that’s what we had to do after 9/11, we had to admit our faults and that we missed these guys.


Undicisettembre: What do you think of security today? Is the country safer than in 2001?

Samantha Horwitz: Absolutely. We put in place security at the airports because there wasn’t any before, we now have the TSA – love them or hate them – and agencies are talking more with each other and exchanging information. Because our systems have become more sophisticated; there are technologies that are used to assist agencies and identifying new targets and if necessary eliminating them before they can do harm to overseas assets or here at home.

I have done wiretaps before, it’s not like the government is going after your neighbor who’s talking to his wife about what to pick up at the grocery store. There are levels and there are laws that govern what can be recorded and listened to and what cannot, and we always shut down any personal thing like that and if a certain word is used to turn it back on. It’s a necessary part of keeping us safe and if it’s going to prevent another 9/11 I am all for it. I do think we are safer, absolutely.

World Trade Center: intervista all'ex agente dello US Secret Service Samantha Horwitz

di Hammer. L'originale in inglese è disponibile qui.

Offriamo oggi ai nostri lettori il racconto personale dell'ex agente dello US Secret Service Samantha Horwitz che l'11/9 intervenne a Ground Zero tra i primi soccorritori. Dopo l'11/9 Samantha Horwitz fu colpita da stress post traumatico e per raccontare la sua storia e come ne è uscita ha scritto un libro intitolato The Silent Fall.

Ringraziamo Samantha Horwitz per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Puoi farci un racconto generale di ciò che hai visto e vissuto l'11/9?

Samantha Horwitz: Stavo andando al lavoro, l'ufficio di New York dei servizi segreti si trovava nel World Trade Center 7, e mentre andavo al lavoro sono rimasta bloccata per via di un imprevisto che, al tempo non ci pensai, mise in moto eventi che cambiarono per sempre la mia vita. Quando arrivai nel mio ufficio e parcheggiai sotto alla Torre 1 del World Trade Center, che era il nostro parcheggio, sono entrata nell'ascensore per salire al livello della Plaza e mentre ero all'interno dell'ascensore pensai che ci fosse un malfunzionamento e che stavo per rimanere bloccata. Le luci tremarono e la vettura dell'ascensore vibrò, non sapevo che novantaquattro piani sopra il volo 11 dell'American Airlines aveva appena colpito la torre.

Siamo stati molto fortunati che le porte dell’ascensore si siano aperte. Ci imbattemmo in un campo di detriti che si era già formato nell'area della lobby. Uscii dall'ascensore, salii per una scala mobile e usai un’uscita che non avevo mai usato prima in tutto il tempo che avevo lavorato lì. Mi portò al livello della Plaza, dove mi dovetti fermare per quello che vidi: i detriti piovevano dal cielo. Pezzi di metallo, pezzi di cemento e pezzi di persone. Sapevo che era accaduto qualcosa di molto brutto, pensavo fosse stata una bomba di qualche tipo che era stata fatta esplodere e arrivai fino a di fronte all'edificio 7 e potei vedere nella hall.

Potei vedere alcuni dei miei compagni di squadra e il mio supervisore che mi faceva segno di allontanarmi. Nel punto in cui mi fermai ero protetta dai detriti e dovetti correre attraverso un ponte pedonale che arrivava alla Plaza del World Trade Center, attraversai Vesey Street e arrivai nel mio edificio. Quindi iniziai a correre ed entrai nell’edificio. Pensavamo tutti che la polvere si sarebbe depositata e avremmo indagato su ciò che era appena accaduto. Poco dopo, la Torre 2 fu colpita e vedemmo il vetro del nostro edificio piegarsi verso l'interno e andare quasi in frantumi. Siamo stati fortunati che abbia tenuto, poi ci guardammo, non dovemmo dire una parola. Tutti stavamo pensando la stessa cosa “Siamo il terzo edificio più alto del complesso del World Trade Center e siamo i prossimi.”

Oltre all'ufficio di New York dei servizi segreti nel World Trade Center 7 c’erano l'ufficio di gestione delle emergenze del sindaco Giuliani e altre agenzie di cui il pubblico non era a conoscenza. Decidemmo di evacuare il palazzo, arrivammo alla West Side Highway, da dove vedemmo per la prima volta ciò che era accaduto. Mentre eravamo sulla West Side Highway e guardavamo la Torre 1 e si vedeva un enorme buco e la Torre 2 dietro di essa. Ne usciva una fitta scia di fumo nero. Non sapevamo in quel momento che aerei di linea si fossero schiantati nelle torri.

Rimanemmo lì a valutare la situazione come farebbe qualsiasi buon investigatore della scena del crimine, a capire che tipo di esplosione fosse. La nostra concentrazione fu interrotta da un altro agente che arrivò in macchina, frenò di colpo con il suo veicolo governativo attirando la nostra attenzione e ci chiese se avessimo visto gli aerei. Non comprendevamo e dicevamo "Di cosa stai parlando? Gli aerei non volano contro gli edifici più alti di New York City. Li avremmo visti, sono enormi”.

Insisteva che fossero aerei e poi sentimmo dalla sua radio che il Pentagono era stato colpito. Quindi pensammo “Ok, siamo in guerra. C'è qualcosa che va drammaticamente male qui." e noi come primi soccorritori pensammo immediatamente "Beh, se siamo in guerra, dov'è il nemico?" Eravamo armati e non c'era nessuno a cui sparare e nella nostra mente stavamo cercando di capire.

Aerei di linea passeggeri si erano appena schiantati contro la Torre 1 e la Torre 2 e contro il Pentagono, che cosa sarebbe successo dopo? Guardavamo questa scena orribile, non c'è davvero altra parola per descriverla. Poco dopo, vedemmo le persone iniziare a saltare giù dalla Torre 1 e dopo la decima smisi di contarle, potevamo sentirle quando colpivano il suolo. Eravamo tanto vicini che potevamo sentire l'onda d'urto.

Vedevamo il fumo e il fuoco continuare a uscire. Come puoi immaginare c'erano molti suoni diversi per via di ciò che stava succedendo e c'era questo suono particolare che spiccava, era come un orso grizzly che emetteva un ringhio molto profondo; divenne sempre più forte e poi all'improvviso la Torre 2 crollò. Corremmo via ed entrammo nell'edificio più vicino che avesse una porta aperta ed era una scuola. Penso fossimo in trenta, ovviamente attirammo l'attenzione della segreteria e arrivò il preside.

Lo informammo di ciò che stava accadendo e decidemmo che saremmo tornati indietro e saremmo andati dove la torre era crollata perché dovevano esserci persone da salvare. Questo è ciò che facciamo come primi soccorritori. Rispondere alle emergenze quotidiane non era necessariamente parte della missione dei servizi segreti, ma eravamo addestrati a farlo; siamo altamente qualificati nel primo soccorso. C'era però un grosso problema: quella polvere. Non potevamo stare all’aperto senza avere la bocca e il naso coperti. Un gruppo di ragazzi iniziò a strappare le magliette in modo che potessimo improvvisare delle bandane attorno ai nostri volti. Io e altri due agenti decidemmo di rimanere nella scuola per organizzare lo smistamento in modo da poter ricevere le vittime che arrivavano da noi, avremmo potuto indirizzarle e poi coordinare le ambulanze in modo che li portassero negli ospedali.

Non successe niente di tutto ciò perché circa trenta minuti dopo la scuola ricevette l'ordine di evacuare. Eravamo a circa tre isolati da quello che sarebbe stato chiamato Ground Zero entro la fine della giornata. Io stessa, i due agenti che erano con me, il preside e uno studente alto circa un metro e ottanta e il suo assistente fummo gli ultimi a uscire da quella scuola e quello che non sapevamo era che la scuola era formata da una grande popolazione di ragazzi con disabilità fisiche e mentali. Quindi abbiamo condotto un'evacuazione con deambulatori, sedie a rotelle, stampelle.

Stavamo tornando indietro verso la West Side Highway e lo studente era visibilmente scosso. Non aveva idea di chi fossimo e camminava troppo lentamente per un'evacuazione di emergenza, lo incoraggiammo a camminare più velocemente. Mentre percorrevamo la West Side Highway, sentimmo di nuovo quel basso rumore e quel ringhio e i due agenti e io ci guardammo e ci dicemmo "Dobbiamo correre ora!" Presi una delle gambe dello studente, l'altro agente prese un'altra gamba e il terzo agente lo prese sotto le scapole. Cominciammo a correre sulla West Side Highway. Avevamo una missione: superare in velocità quella nuvola di polvere proveniente dal crollo del World Trade Center 1 che veniva verso di noi. Lo abbiamo fatto, ci siamo voltati e abbiamo visto la polvere depositarsi.

Era come guardare una scena di un film horror: la gente usciva da questa nuvola di polvere completamente coperta, alcuni avevano sangue proveniente da diverse parti del corpo. Continuammo a camminare lungo la West Side Highway, ci voltammo ed apparve un'ambulanza. I paramedici tirarono fuori una barella, caricammo lo studente sulla barella e lui e il suo assistemte andarono in ospedale. La scena in cui trasportavamo lo studente fu riportata dalla rivista People. Non lo scoprii fino a quando qualcuno non me lo disse al telefono settimane dopo.

Ancora una volta ci chiedemmo “Cosa succederà dopo? E adesso cosa facciamo?” I nostri cercapersone cominciarono a suonare e ricevemmo un messaggio che ci diceva di andare al Pier 63, che è uno dei moli sul fiume Hudson. Quando arrivammo lì, i nostri supervisori avevano concordato con la polizia del parco di usare i loro battelli, per portarci da dove eravamo sul fiume Hudson al New Jersey, dove gli agenti dell'ufficio del New Jersey stavano già aspettando per portarci a casa perché avevamo perso tutti i nostri mezzi di trasporto. Tutti i veicoli del governo erano stati distrutti.

Non dimenticherò mai mentre mi allontanavo dal molo. Stavo guardando uno skyline che era cambiato per sempre, le due torri iconiche e ciò a cui tutti pensavano quando pensavano a New York City erano sparite, e al loro posto c'era solo un denso fumo nero. Per me iniziò un nuovo viaggio, chiamato affrontare lo stress post-traumatico.

I sintomi iniziarono appena tornai nel mio appartamento dove scopriie che non potevo rimanere in uno spazio chiuso perché mi avrebbe causato un attacco d'ansia, il mio cuore avrebbe iniziato a correre e avrei iniziato a sudare. Se fossi uscita all’aperto i sintomi sarebbero spariti. Gli incubi, l'ipervigilanza e il senso di colpa dei sopravvissuti alla fine mi portano a dovermi affidare all'alcol per riuscire a dormire la notte. Un giorno mi sono puntata una pistola alla testa, è arrivato a questo punto. Non è stato un momento divertente e non solo per me, so che anche altri agenti ne hanno sofferto.

Presto ci siamo resi conto, ed è quello che è successo a me, del gioco mentale che lo stress post traumatico creò in tutti noi. Ricordo di essermi seduta alla mia scrivania a leggere per l’ennesima volta lo stesso paragrafo di un rapporto che dovevo consegnare e pensai di star perdendo la testa. A quel tempo avevamo creato un ufficio temporaneo in alcuni spazi per uffici che avevamo trovato, perché il nostro edificio fu l'ultimo a crollare l'11 settembre e non avevamo nessun posto dove lavorare. Sapevo di non essere in grado di funzionare al 100%, quindi dissi ai miei supervisori "Non posso più andare avanti." e non sapevano come aiutarmi. Abbiamo fatto un debriefing con il personale del nostro quartier generale di Washington, ma a parte questo, nonostante lo avessimo chiesto, non ce ne fu, quindi presi la decisione molto difficile di dimettermi da agente. Non potevo prendermi delle responsabilità perché un agente che non funziona al 100% significa sostanzialmente che qualcuno potrebbe non andare a casa quella sera e non potevo averlo sulla mia coscienza.


Undicisettembre: Che cosa hai fatto nei giorni successivi all'11 settembre?

Samantha Horwitz: Abbiamo avuto alcuni giorni liberi, le uniche regole di base erano che dovevamo farci sentire dai nostri supervisori ogni giorno, una volta al giorno se non due, per far loro sapere che stavamo bene, perché alcuni agenti erano dispersi e altri erano morti. Ricevemmo l'ordine di presentarci all'aeroporto JFK per un debriefing che ebbe luogo tre giorni dopo ed è stato allora che il personale del quartier generale seppe dove eravamo e cosa avevamo visto.

Sapendo che eravamo stati esposti a quella polvere, ci fu ordinato di fare radiografie al torace, ma a quel tempo non si vedeva nulla. La mia famiglia era nel Maryland, io vivevo nel New Jersey e andavo in città da pendolare, e tornai nel in Maryland solo per andare via dalla città.


Undicisettembre: Che ruolo hai avuto nelle seguenti indagini e quali sono state le tue scoperte principali?

Samantha Horwitz: Il Secret Service fu incaricato di rintracciare i soldi utilizzati per l'11/9: quali banche erano coinvolte, all’estero e sul territorio nazionale, come i soldi erano stati scambiati tra i terroristi, come sono arrivati negli Stati Uniti. Ora conosciamo il resto della storia con Khalid Sheikh Mohammed e Osama bin Laden ed è stato molto gratificante essere d’aiuto. Facevamo parte della Joint Terrorism Task Force e abbiamo messo insieme i pezzi del puzzle. Siamo stati in grado di farlo e di riferire i nostri risultati collaborando con altre agenzie. Abbiamo individuato il capobanda che alla fine era lo stesso dell’attentato del 1993, ciò che è riuscito a fare l'11 settembre era quello che voleva fare nel 1993.


Undicisettembre: L'11 settembre come influisce sul lavoro quotidiano del Secret Service anche oggi?

Samantha Horwitz: Il più grande cambiamento che abbiamo visto dopo l'11 settembre fu quando il presidente Bush decise di creare il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale, nessuno di noi pensava che saremmo stati assorbiti da quell'agenzia perché avevamo ruoli e competenze chiaramente definiti che l'altra agenzia non aveva, e quando accadde tutto cambiò. Avevo già dato le dimissioni insieme ad altri otto agenti, quindi non ho attraversato quel cambiamento nel comando.

Esaminiamo ogni caso di frode e vediamo se possiamo legarlo a un'organizzazione terroristica, non solo noi ma anche altre agenzie federali. L'indagine ha rivelato che i terroristi avevano le mani in molti affari diversi. Quindi una frode che veniva perpetrata dall’altra parte del mondo poteva finire per mettere soldi nelle loro banche e contribuire a finanziare attacchi terroristici. Come forze dell'ordine federali, abbiamo fermato numerosi attacchi sia qui sia all'estero. Man mano che la tecnologia si evolve e quando le attività bancarie diventano più sofisticate, i terroristi diventano più sofisticati. È nostro compito livellare il campo.


Undicisettembre: In che modo l'11 settembre influisce sulla tua vita quotidiana?

La copertina di The Silent Fall,
il libro di Samantha Horwitz
sulla sua esperienza dell'11/9.
Samantha Horwitz: Mi considero uno dei più fortunati, nonostante il mio disappunto e la mia lotta dopo l'11 settembre ho ricevuto aiuto ed è stato molto efficace. È una terapia chiamata EMDR, Eye Movement Desensitization Reprocessing [ritrattamento della desensibilizzazione del movimento degli occhi, N.d.R.], e ciò che ha fatto è stato riportarmi indietro e aiutarmi a creare nuove sinapsi neurali, nuove connessioni cerebrali per cui se avessi sentito un forte botto o un aereo che volava basso non sarei entrata in modalità "scappa o combatti" e non sarei scattata. Ciò mi ha permesso di vivere di nuovo una vita normale, perché prima che se fossi stata in mezzo alla gente e fosse scoppiato un temporale, mi sarei nascosta sotto i mobili, quindi non volevo essere in mezzo alla gente per timore che potesse accadere. Questa terapia mi ha salvato la vita.

Ogni tanto scatto, ma non ci sono flashback e non mi faccio prendere dall'ansia come una volta. Cerco di aiutare gli altri, siano essi veterani o forze dell'ordine locali o chiunque sia in prima linea tra i soccorritori esposti a traumi, a capire che c'è aiuto là fuori e che la situazione può migliorare.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie del complotto secondo cui l'11 settembre fu un inside job?

Samantha Horwitz: Spesso le teorie del complotto mi sono state buttate in faccia a partire da uno o due anni dopo l'11 settembre e posso confermare al 100% ciò che è successo al WTC7. Non c'è nessun complotto, il governo non ha piazzato esplosivi in quell'edificio. Ho guardato ore e ore di video, ho parlato con ingegneri ed ero lì. Quando la Torre 1 è crollata, ha distrutto il lato frontale del WTC7 causando gravi danni all'edificio.

Oltre alla sede di New York del Secret Service, c'erano anche altre agenzie all'interno del WTC7; questo significa che tutto ciò che ci serviva per il nostro lavoro era dentro quell'edificio: munizioni, prove raccolte dalle scene del crimine, e c’era anche il materiale di altre agenzie, non solo noi. A Ground Zero c'erano dei vigili del fuoco che cercavano di spegnere l'incendio nel WTC7 e uno di loro all’improvviso mi chiese "Che cosa continua a esplodere all'interno di quell'edificio?" Dissi loro che c'erano molte munizioni.

Essendo un primo soccorritore, ho visto cose e so cose che questi teorici della cospirazione non sanno e non hanno visto. E ovviamente non hanno avuto effetti collaterali, io ho tossito per un anno intero dopo l'11 settembre e l'anno scorso ho temuto di avere un cancro. È stato vero, non era qualcosa che il governo ha ideato.

Non sto dicendo che alle agenzie non sia sfuggito qualcosa, è successo sicuramente. Voglio dire se qualcuno viene qui, va a una scuola di volo e impara solo a volare, ma non a decollare o atterrare, questo dovrebbe far scattare degli allarmi. Come mai nessuno ha fatto una telefonata? Come si sono mescolati nella società? Ovviamente non è facile, la gente vorrebbe fare il "quarterback del lunedì mattina" [chi dà giudizi sugli errori commessi quando ormai è troppo tardi, N.d.R.], come diciamo qui negli Stati Uniti, non possiamo impedire a tutti i cattivi di colpire e questo fa male. Ma i servizi segreti e altre agenzie stanno facendo tutto il possibile ogni giorno per assicurarci di vivere al sicuro.


Undicisettembre: Pensi che l'11 settembre avrebbe potuto essere evitato se le varie agenzie avessero comunicato meglio tra loro?

Samantha Horwitz: Vorrei dire "Sì", ma una cosa che abbiamo imparato in quel momento era che i gruppi terroristici sono molto pazienti e noi eravamo un po' troppo occupati e distratti, quindi non abbiamo prestato attenzione quanto avremmo dovuto. Penso che le agenzie comunichino molto meglio ora, condividendo informazioni per prevenire gli attacchi. Ma non so se l'11 settembre avrebbe potuto essere prevenuto.

Anche il presidente Clinton aveva come obiettivo Osama bin Laden molto prima dell'11 settembre, ma è facile giudicare a posteriori. Questo è ciò che si fa nei debriefing, quando qualsiasi agenzia di polizia fa una grande operazione, ci sediamo a un tavolo per chiederci “Cosa avremmo potuto fare di meglio? Cosa non avremmo dovuto fare? Come possiamo andare avanti e fare un lavoro migliore la prossima volta? ”Ed è quello che abbiamo fatto dopo l'11 settembre, abbiamo dovuto ammettere i nostri errori e che questi uomini ci sono sfuggiti.


Undicisettembre: Cosa ne pensi della sicurezza oggi? Il paese è più sicuro rispetto al 2001?

Samantha Horwitz: Assolutamente. Abbiamo attivato la sicurezza negli aeroporti perché non ce n'era prima, ora abbiamo la TSA, sia che li si ami sia che li si odi, e le agenzie comunicano di più tra loro e si scambiano informazioni. Perché i nostri sistemi sono diventati più sofisticati; ci sono tecnologie che vengono utilizzate per assistere le agenzie e identificare nuovi obiettivi e, se necessario, eliminarli prima che possano arrecare danno a beni all'estero o qui a casa.

Ho fatto intercettazioni telefoniche in passato, non è come se il governo inseguisse il tuo vicino che sta parlando con sua moglie su cosa comprare al supermercato. Ci sono livelli e ci sono leggi che regolano ciò che può essere registrato e ascoltato e ciò che non può, e chiudiamo sempre qualsiasi comunicazione personale come quella e se una determinata parola viene utilizzata la si riaccende. È una cosa necessaria a tenerci al sicuro e se può impedire un altro 11/9, sono assolutamente favorevole. Penso che siamo più sicuri, assolutamente.