2018/09/10

World Trade Center: an interview with former NYPD detective Michael Greene

by Hammer. An Italian translation is available here. The article was corrected after publication.

On the seventeenth anniversary of the attacks of September 11, 2001, Undicisettembre offers its readers the account of former New York detective Michael Greene, who rushed to provide help at the World Trade Center after the two plane crashes and experienced the collapses of the two towers at close range.

We wish to thank Michael Greene for his kindness and willingness to share his experience.


Undicisettembre: Can you give us a general account of what you saw and experienced on 9/11?

Michael Greene: I was a police detective for NYPD and I worked in the detective unit in midtown Manhattan, we covered Times Square and Hell's Kitchen. We work a lot of hours, people don't realize how many hours we work. People normally work forty hours a week in the US, at the time we worked maybe eighty or a hundred hours a week. I finished working 24 hours straight and I was about to work another eight hours. We had a little lounge in our police station where we could take a break, watch TV, eat, whatever, and we have a dormitory too, so that we could sleep there. At 8:45 AM I was the only guy there, while everybody else was getting dressed, getting ready for work, and I saw on TV that a plane crashed into the World Trade Center.

Every channel was showing it. You could see the smoke coming out of the building. I went upstairs and I told all my buddies, my sergeant, my supervisor "Hey, a plane crashed into the World Trade Center!" and they started speeding up. We are detectives, we investigate. We investigate murders, robberies, rapes, terrorism, espionage, whatever; but we are investigators, not rescuers, we work in suit and tie. Basically without anyone telling us anything we decided to go down there because we knew they might need help.

We took two unmarked police cars, it was like six to seven of us. I was driving the front car and as we were leaving our office one thing I noticed is the traffic was already packed up, way worse than normal and it was very difficult to get through traffic. I made a turn to get on the West Side Highway, the World Trade Center is just next to it, and I give credit to the NYPD traffic officers because immediately they had that whole highway shut down just for emergency vehicles, so it was clear. Driving down there I called my mom and she didn't even know, I told her what happened and I told her I was going to help people.

As I was pulling up, the second plane hit. Immediately we knew it was terrorism, that it was intentional. I parked the police car a few blocks away, and walked down there. On the opposite side of the road from the towers there was an American Express building. At that moment none of our cellphones worked; our commander, who was trying to lead the way, had us go there because we were trying to get through to our headquarter to find out what we should do, what the plan of action was. So we went in the American Express building to use their landline phones, and every call we made it was just busy signal. So no calls went through.

There was a girl there, maybe 22 years old, who was scared but didn't know what was going on because the building had no windows and she asked me "What should I do?" I said "If I were you, I would leave." In the back of my head I always wonder if she did leave because a piece of the tower did fall on that building. We walked out and went towards the South Tower. Everyone was running away from every sides of the building and on every side somebody was jumping, you could hear the loud explosions of the bodies. I'm a detective and I'm also a hostage negotiator, I've seen people jump, I've seen the aftermath of people jump and when it happens there's usually a human body there, even if with broken bones but it's there, but the difference here was that people were jumping from such high floors that when they hit the ground they just exploded into literally nothing. The whole human being would hit the ground and "boom", nothing but a little splat of blood, no body left. And it was constant. There were like two people jumping on this side, then one jumping on the other side, and so on.

I shook hands with two NYPD guys, they were the emergency service unit, they do all kind of rescues and SWAT team operations, they were putting on their gear and breathing apparatus and we shook hands with a smile saying “Hey, you got to be safe”, “You too, you too” and they didn’t make it out. I saw hundreds of firefighters going in, many of them didn’t make it out.

Going in and out the building you had to look up because people and things were falling; some people made it out of the building but were killed by other people jumping. Two people, and then nothing. I saw one guy walk out, he made it out and then a big, big piece of glass came down and split him in half: a whole person walking, a giant piece of glass falling, and the two sides of him falling to the ground.

So, I was with my team and we took a headcount, so in case everyone got separated we knew who's with us. We looked up and there was a woman in work clothes falling, she was wearing a suit, I remember her blonde hair, she had a skirt on and her business blouse, on one foot she still had heels on; while falling her arms and legs were still kicking. While falling she hit a light pole, and she split in half, and both her halves hit the ground. This thing will stay with me forever. There was nothing we could do about it.

We took the headcount, we took everybody's name, then we were about to go inside, we looked up and I saw the top of the tower start to move. It was collapsing. I yelled "Run!" we were right there by the lobby, so we couldn't get far. One of my last visuals before the tower came down was a sea of people who made it to the lobby orderly going out. But they didn’t make it out.

One of my sergeants, Jerry Beyrodt, was thrown by the impact 60 or 100 feet into the air and a police van that was leaving unintentionally run over his leg. As the tower came down the debris and smoke came over him. All my other buddies were five or ten feet behind me and to me they were dead. This had never happened before, so we didn’t know what to expect. There was a black car, I think it was an unmarked police car but it was so dark I couldn't see in, I wanted to go inside there for some kind of cover. I pulled on the handle of the car door and it was locked, I pulled out my gun and I was going to shoot the glass to get in but in the back of my head I thought "What if someone is already hiding in there? I don't want to kill anybody." During the collapse you could hear gunshots because there were cops who were shooting at windows to go into buildings, stores for instance.

I went in front of the car and I got in my knees and I covered my head and torso behind the car and the only part exposed were my legs and my feet. I though "This debris cloud comes and it's going to chop off my legs and feet. I have very good legs and feet and I'm going to miss them."

The whole debris cloud engulfed me and covered me and I thought "Wow! My legs are still here!" I got my suit jacket, I got it over my face as an air filter and it was pitch black, you couldn't see. My heart was racing because I had just run as fast as I could. So I stopped to take a breath. It was as if someone had taken a bucket of sand and threw it into your mouth. All of a sudden my mouth and my nose were full of nothing but cake and that's when you learn "Wow, I can't swallow!" and you and I can swallow now, we involuntarily swallow all day. And you realize you can't breathe either, because there was no air: zero. As I was realizing this, silence came over everything. It was quiet as you could hear a pin drop all of a sudden.

I heard a woman's voice, she was walking next to me. It was dead quiet and she was saying "Help! Help!". I am a cop, a detective, I save people but I remember I couldn't help myself, I couldn't help her and I couldn't see her first off. I heard "Boom!" and she hit the ground. Again, can't breathe, can't see, I remember thinking to myself "I have a minute, and then I am a dead man." because there was no air. I said to myself "Should I lie down and die peacefully or flap around and go crazy and leave like that." I sat there on the street, it was still black, debris still stick everywhere and I could feel the air running out of my lungs. Then I started to get angry inside, I was like "Fucking terrorists, fucking bin Laden!" I have studied international terrorism since 1989, that was a field I was really interested on. I was mad that terrorists just killed thousands of us. I started to pray and all of a sudden a little bit of air started coming; seconds by seconds a little more air and a little more air.

I started to see maybe five feet and first thing I wanted to see where that lady was, I walked a few feet to my right and there was the lady, she was on her back and she was dead, she suffocated to death. Her mouth and nose were all caked up, she was dead.

There was silence everywhere, but you could hear chirping, because the firefighters had devices which if they don’t move after sixty seconds they chirp.

I walked a little south and found the city bus, there were two cops on it and the bus driver, and the air conditioning was on. I thought "This is what I need, I can still help people, but I need to help myself first, I need to breathe." I went inside and the air was clean, I could get my breath. I got off the bus and I started directing as many people as I could to the bus. There was a person on the bus who was a female paramedic, she was traumatized and she was crying, crying, crying. A guy who was also on the bus looked at her and told her "You got to stop, you have to pull yourself together." He smacked her in the face and she was like "Yes, you are right. You are right."

By now, we could see maybe ten feet. I started to see my buddies, they all survived, I saw them walking and I saw the sergeant again, he was 58 years old, six foot five, he had been a cop for more than thirty years already, including working in the Terrorism Task Force years before. He got thrown and his leg got run over, but was carrying a female sergeant on his back because her shoes got blown off. We put her also on the bus. We had the bus loaded, I told the driver "Look, you are going to go down on this street. Don’t go through that tunnel down there, don’t go through any tunnels. Stay above ground, turn around, go to the East Side of Manhattan, there's a hospital on 21st street and 2nd Avenue. Make that, you drop off people and from there go to your bus station." He said "Okay" and drove off.

The rest of us went south to the end of Manhattan, facing the Statue of Liberty, there are no docks for boats, just a wall from where you can see the water. Thousands of people had gathered there in that grassy area, injured and not injured, just laying on the grass just resting and not knowing what to do. There was no docks for boats but just a wall and we started waving boats over.


The sergeant’s leg was blue, pink, purple, black, and three times the size, so we told him "Look, you now go to the hospital or you are going to lose your leg." but he was a big and strong guy and he wanted to keep helping, so two detectives forced him onto a police boat that took him to a hospital in New Jersey. He stayed there four months and had ten surgeries and they saved his leg. He died three years ago of 9/11 cancer. Other than NYPD he was also in the Navy and a volunteer firefighter in his town.

There at the south end of Manhattan, with thousands of people, there were doctors around, with nurses, off duty or on duty; I took note that there were two middle eastern looking guys who were walking around, they had serious looks on their faces, and they weren't helping anybody, they were just walking around. Half of me wanted to stop them, but I didn't; to this day I look back and I wish I had, but I didn't. It was out of place that they were looking but not helping.

While we were there, the North Tower fell. I couldn’t handle another cloud; I jumped on the other side of the seawall to jump into the river if the debris field would come as far as we were, but it didn't. We kept waving boats over, we started lifting women, children and injured over the seawall and onto the boats There were thousands of people, we got all of them off the island and onto the boats. I have to give credit to the pilots and the captains, because that wasn't a dock, it was a seawall. We did our part loading people on, but they did their part keeping the boats there, there were no boats crashing, nobody got injured; they did a great job.

We got everybody off, then we walked north through the rubble to see if we could find any survivors. We reached Church Street and it was deserted, there was nobody. Debris was everywhere, an inch thick on the ground. There was a hole in street with flames coming out, like hell. We went to the mound where the Towers were and there was nobody to rescue. We ultimately kept walking till we got to the same hospital I told the bus to go to.

Among people of my precinct five died of 9/11 cancer, ten people have cancer but are still alive. But if you go across the whole police department there are hundreds and hundreds and hundreds; I was right there with them, even my day might come sooner or later.


Undicisettembre: Were you also an investigator after 9/11? What was your role in the investigation?

Michael Greene: Yes, I did a portion of it. The part I did was just an account of who lived and who didn’t. There were people committing frauds, who were saying like “Oh, my wife was killed!” and we found later the person wasn’t killed; they were trying to get the money from the insurance policy. There were things like this happening and at least one of them made the news, they were a Canadian couple. She reported her husband was killed in the tower but he wasn’t, he was still alive, so he was just trying to get the insurance money from his death.

So the part that I investigated was who actually died, who were visitors, and so on. We set up a hotline where people could report people missing; basically we had to account for every person. This lasted many months.


Undicisettembre: What happened to you in the following days?

Michael Greene: Well, the NYPD is kind of special. Probably anywhere else you get immediate treating, counseling or whatever; in NYPD no, you are back to work the next day and in the light of what happened we didn’t mind. We were there to help and rescue, do what we had to do. We didn’t care. So I went back to work, and work was a mixture: I did what they call “the pile”, going through debris to rescue people, to see if there was anyone alive. They also brought the debris to Staten Island to a garbage dump, they had us working there on twelve-hour shifts, 24 hours a day, digging through the debris for evidence, body parts, anything.

One day I found a whole bunch of ID’s. At the time if you wanted to visit to the World Trade Center you would go to the front desk and the security would take your name and a picture of you. Digging through the rubble I found some forty ID cards for middle eastern men. Could be something, could be nothing. They were forty, I found all the cards in the same place.

When you found something you would put it in a bucket and at the end of the day it would eventually go to the Terrorism Task Force guys.


I spoke to one of my sergeants, the day after 9/11. He was separate from my group. Right before the South Tower collapsed, he was about to enter. He said he observed an NYPD officer in uniform, with a middle eastern man in handcuffs. He said the officer was walking the man out, but the Tower collapsed, neither made it out.

This was a rescue operation at the time not an arrest operation. A cop with a man in handcuffs, there had to be a very good reason. Again, could be something, could be nothing.


Undicisettembre: Having been a rescuer also in the 1993 attack, were you somehow expecting terrorists to come back?

Michael Greene: I was. The Mayor at the time was Giuliani, he was a great mayor for the time, we needed him but there was good and bad about him. On the bad side, I remember the day he decided to put the New York City office of Emergency Management inside the World Trade Center, after 1993. In my head I was like “The World Trade Center is still a terrorist target, why would you put our command center for emergencies in that building?” He did it and on 9/11 nobody could use it. That was a dumb move. I totally knew they were going to go for it.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories that claim that 9/11 was an inside job?

Michael Greene: I don’t believe it was an inside job. I do believe we made a tremendous amount of huge mistakes that allowed it to happen. But an inside job? No, not at all.


Undicisettembre: What do you think of security in the States today? Is the country safer than in 2001?

Michael Greene: In regard to terrorism I would say yes, to maintain that level costs a lot of money and I don’t know if it will be sustainable. But ISIS did something that al-Qaeda didn’t do, which makes it difficult for us: al-Qaeda was all about “Hey, come train with us.” while ISIS is like “You don’t have to train with us, we are just going to get into your head, make you become a sympathizer from ten thousand miles away and we are going to make you want to commit terrorist acts with your car or any normal thing that is normally not a weapon.” That makes it more difficult because if you are a weak minded person watching ISIS videos at home every day, you are not on anybody’s radar for anybody to detect if that you are planning a terrorist attack.

So it’s a little trickier but in terms of any big terrorist attack, like in the style of 9/11, we are definitely safer now than we were then. These lone wolves attacks are more preventable, not by the federal government or the FBI, but by the local police, because the local police can see if a person looks a little depressed or is acting a little weird or is buying a few guns. I think also the local police has also become more geared towards terrorism and has taken a role in counter-terrorism.

World Trade Center: intervista all'ex detective di New York Michael Greene

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui. L'articolo è stato corretto dopo la pubblicazione iniziale.

In occasione del diciassettesimo anniversario degli attentati dell'11 settembre 2001, Undicisettembre offre ai suoi lettori la testimonianza dell'ex detective di New York Michael Greene, che intervenne sulla scena del World Trade Center dopo i due schianti e visse da vicino i crolli delle due torri.

Ringraziamo Michael Greene per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Ci puoi fare un racconto generale di ciò che hai visto e vissuto l’11/9?

Michael Greene: Ero un detective della polizia nell’NYPD e lavoravo nell'unità dei detective di midtown Manhattan; la nostra area di competenza era Times Square e Hell's Kitchen. Lavoriamo molte ore, la gente non si rende conto di quante ore lavoriamo. Di norma la gente lavora quaranta ore a settimana negli Stati Uniti, a quei tempi lavoravamo forse ottanta o cento ore a settimana. Avevo finito di lavorare per 24 ore consecutive e stavo per lavorarne altre otto. Avevamo un piccolo soggiorno nella nostra stazione di polizia dove potevamo fare una pausa, guardare la televisione, mangiare, qualunque altra cosa, e avevamo anche un dormitorio, così potevamo dormire lì. Alle otto e quarantacinque del mattino ero l'unica persona lì, mentre tutti gli altri si stavano vestendo, preparandosi per il lavoro, e vidi in televisione che un aereo si era schiantato contro il World Trade Center.

Tutti i canali televisivi lo stavano mostrando. Si vedeva il fumo che usciva dal palazzo. Salii le scale e dissi a tutti gli altri, al mio sergente, al mio supervisore “Ehi, un aereo si è schiantato contro il World Trade Center!” e loro iniziarono a fare più in fretta. Siamo detective, investighiamo. Investighiamo omicidi, furti, stupri, terrorismo, spionaggio, qualunque cosa; ma siamo investigatori, non soccorritori, lavoriamo in giacca e cravatta. Praticamente senza che nessuno ci dicesse nulla decidemmo di andare là perché sapevamo che probabilmente ci sarebbe stato bisogno d'aiuto.

Prendemmo due auto civetta della polizia, eravamo sei o sette. Io guidavo quella davanti e mentre partivamo dai nostri uffici mi accorsi che il traffico era già congestionato, molto peggio della norma, ed era molto difficile muoversi nel traffico. Svoltai per prendere la West Side Highway, il World Trade Center è proprio accanto ad essa, e devo riconoscere che gli addetti al traffico dell’NYPD fecero un buon lavoro, perché chiusero immediatamente l'intera autostrada riservandola ai veicoli di emergenza e quindi era sgombra. Mentre la percorrevamo chiamai mia madre; lei non sapeva nemmeno cosa fosse successo, glielo dissi e le dissi che stavo andando ad aiutare della gente.

Mentre mi stavo avvicinando, il secondo aereo colpì. Immediatamente capimmo che era un atto di terrorismo, che era intenzionale. Parcheggiai la macchina della polizia ad alcuni isolati di distanza, e camminammo fino là. Sul lato opposto della strada rispetto alle torri c'era un edificio dell'American Express. In quel momento nessuno dei nostri cellulari funzionava; il nostro comandante, che stava cercando di guidarci, ci disse di andare lì dentro perché stavamo cercando di contattare il nostro quartier generale per capire cosa avremmo dovuto fare, quale fosse il piano d’azione. Quindi entrammo nel palazzo dell'American Express per usare i loro telefoni fissi, e ogni chiamata che facemmo dava segnale occupato. Quindi nessuna telefonata ebbe successo.

C'era una ragazza, di circa ventidue anni, che era spaventata ma non sapeva cosa stesse succedendo, perché il palazzo non aveva finestre e mi chiese “Cosa dovrei fare?” Le dissi “Se fossi in te, me ne andrei.” Nei miei pensieri mi chiedo sempre se se ne sia andata, perché un pezzo della torre cadde su quel palazzo. Uscimmo e andammo verso la Torre Sud. Tutti stavano scappando da ogni lato del palazzo e da ogni lato qualcuno si lanciava, si sentivano le forti esplosioni dei corpi. Sono un detective e anche un negoziatore di ostaggi, ho visto gente lanciarsi dagli edifici, ho visto quello che succede alla gente che si lancia e di solito c'è un corpo, anche se ha le ossa rotte, ma c'è; ma qui la differenza era che la gente si lanciava da piani talmente alti che quando colpiva il suolo esplodeva e non ne restava nulla. La persona colpiva il suolo e “boom”, nient’altro che una piccola pozza di sangue, non restava niente del corpo. Ed era continuo. C'erano due persone che si lanciavano da un lato, poi una che si lanciava da un altro lato, e così via.

Salutai due uomini dell’NYPD, che erano dell'unità del servizio per le emergenze, fanno ogni tipo di salvataggio e operazioni SWAT, stavano indossando il proprio equipaggiamento e i respiratori, ci salutammo con una stretta di mano e un sorriso dicendo “Hey, fate attenzione”, “Anche tu, anche tu”, ma non ne uscirono vivi. Vidi centinaia di pompieri entrare nelle torri, molti di loro non ce la fecero a uscire.

Entrando e uscendo dal palazzo dovevi guardare in alto, perché cadevano cose e persone; alcune persone uscirono vive dal palazzo ma furono uccise da altre persone che si erano lanciate. Due persone, e poi nulla. Vidi un uomo uscire, riuscì a uscire e poi cadde un pezzo molto grande di vetro che lo tranciò in due: una persona che cammina, un gigantesco pezzo di vetro che cade, e le due metà di quella persona che cadono al suolo.

Quindi, ero con la mia squadra e decidemmo di contarci, così nel caso in cui qualcuno si fosse allontanato avremmo saputo chi era con noi. Guardammo in alto e c'era una donna in abiti da lavoro che cadeva, indossava un tailleur, ricordo i suoi capelli biondi, aveva una gonna e una giacca da lavoro, su un piede aveva ancora la scarpa con i tacchi alti, mentre cadeva agitava le braccia e le gambe. Cadendo colpì un palo della luce, e fu spaccata in due, ed entrambe le metà caddero al suolo. Questa cosa rimarrà con me per sempre. Non potevamo farci nulla.

Ci contammo, prendemmo i nomi di tutti, e stavamo per entrare, guardammo in alto e vidi la sommità della torre che cominciava a muoversi. Stava crollando. Urlai “Correte!”, eravamo proprio vicino alla lobby, quindi non potevamo andare lontano. Una delle ultime cose che vidi prima che la torre venisse giù era il mare di gente che era arrivata nella lobby che ne usciva ordinatamente. Ma non ce la fecero.

Uno dei miei sergenti, Jerry Beyrodt, fu lanciato dall'impatto venti o trenta metri in aria e un furgone della polizia che si stava allontanando passò involontariamente sopra la sua gamba. Quando la torre crollò, le macerie e il fumo lo investirono. Tutti i miei altri compagni erano due o tre metri dietro di me e io pensai che fossero morti. Non era mai successo niente del genere, quindi non sapevamo cosa aspettarci. C'era una macchina nera, penso che fosse un'auto civetta della polizia ma era così buio che non vedevo all’interno, volevo entrare per ripararmi in qualche modo. Tirai la maniglia della macchina, ma era chiusa, tirai fuori la pistola e stavo per sparare al vetro per entrare, ma pensai “E se c’è qualcuno già nascosto all'interno? Non voglio uccidere nessuno.” Durante il crollo si sentivano colpi di pistola perché c'erano poliziotti che sparavano alle finestre per entrare nei palazzi, per esempio nei negozi.

Andai davanti alla macchina, mi inginocchiai e mi coprii la testa e il torso dietro l’auto; l'unica parte esposta erano le mie gambe e i miei piedi. Pensai “Questa nuvola di macerie mi taglierà le gambe e i piedi. Ho gambe e piedi molto buoni, mi mancheranno.”

La nuvola delle macerie mi avvolse e mi coprì e pensai “Wow! Ho ancora le mie gambe!” Presi la mia giacca e me la legai davanti alla faccia come filtro per l'aria ed era tutto nero come la pece, non si vedeva nulla. Il mio cuore batteva all'impazzata perché avevo appena corso al massimo della velocità possibile. Quindi mi fermai per prendere fiato. Era come se qualcuno avesse preso una secchiata di sabbia e me l'avesse lanciata in bocca. Improvvisamente la mia bocca e il mio naso erano completamente impastati ed è allora che capisci “Wow, non posso deglutire!” E tu e io possiamo deglutire ora, lo facciamo involontariamente tutto il giorno. E capisci che non puoi nemmeno respirare, perché non c'era aria: zero. Mentre capivo queste cose, il silenzio calò su tutto. All’improvviso era così silenzioso che avresti potuto sentire cadere uno spillo.

Sentii la voce di una donna, camminava vicino a me. C’era un silenzio totale, e lei diceva “Aiuto! Aiuto!”. Sono un poliziotto, un detective, salvo le persone, ma ricordo che in quel momento non potevo aiutare me stesso, non potevo aiutare lei e non la potevo neanche vedere. Sentii “Boom!” e lei cadde al suolo. Di nuovo, non potevo respirare, non potevo vedere. Ricordo di avere pensato “Tra un minuto sarò un uomo morto” perché non c'era aria. Mi dissi “Dovrei stendermi e morire in pace o dibattermi, impazzire e morire così?” Mi sedetti per strada, era tutto nero, le macerie erano ancora attaccate ovunque e sentivo che l'aria nei polmoni mi si stava esaurendo. Iniziai ad arrabbiarmi, pensai “Fottuti terroristi, fottuto bin Laden!” Studio terrorismo internazionale dal 1989, era un campo che mi interessava davvero tanto. Ero furibondo che i terroristi avessero appena ucciso migliaia di noi. Iniziai a pregare e improvvisamente un pochino d'aria inizio ad arrivare; secondo dopo secondo, un po' più di aria e poi ancora un po' più di aria.

Iniziai a vedere circa un metro e mezzo avanti a me e per prima cosa volevo vedere dove fosse quella donna, camminai per qualche metro verso la mia destra e la donna era lì, era stesa sulla schiena ed era morta, soffocata. La sua bocca e il suo naso erano completamente impastati, era morta.

C’era silenzio ovunque ma si sentivano dei cinguettii, perché i pompieri avevano dei dispositivi che fanno questo suono se restano fermi per più di sessanta secondi.

Camminai un po’ verso sud e trovai un autobus di linea, c'erano a bordo due poliziotti e l'autista, il condizionatore era acceso. Pensai “Questo è ciò di cui ho bisogno, posso ancora aiutare gli altri, ma devo prima aiutare me stesso, ho bisogno di respirare.” Entrai e l'aria era pulita, riuscii a respirare. Scesi dall'autobus e cominciai a indicare a quante persone potevo di salire sull'autobus. C'era una donna sull'autobus che era un paramedico, era traumatizzata e piangeva, piangeva, piangeva. Un uomo che era pure lui sull'autobus la guardò e le disse “Devi smettere, devi ricomporti.” La schiaffeggiò sul viso e lei disse “Sì, hai ragione. Hai ragione.”

A quel punto potevamo vedere per circa tre metri. Iniziai a vedere i miei compagni, erano tutti sopravvissuti, li vidi camminare e poi vidi di nuovo il mio sergente, aveva 58 anni, un metro e novantacinque, era un poliziotto da più di trent’anni, aveva anche lavorato nella Terrorism Task Force anni prima. Era stato lanciato in aria e la sua gamba era stata schiacciata da un veicolo che passava, ma stava portando un sergente donna sulla schiena perché le scarpe di lei le erano state strappate dai piedi. La portammo sull'autobus. Caricammo l'autobus, quindi dissi all'autista “Senti, vai lungo questa via. Non entrare nel tunnel laggiù, non andare in nessun tunnel. Sta’ in superficie, gira indietro, vai verso l'East Side di Manhattan, c'è un ospedale all’incrocio tra la ventunesima strada e la seconda avenue. Vai là, fai scendere queste persone e da lì torna alla tua stazione degli autobus.” Mi disse “Ok” e partì.

Noi che eravamo rimasti lì andammo verso la punta meridionale di Manhattan, quella che guarda verso la Statua della Libertà; non ci sono moli per le navi, solo un muro da cui si vede l'acqua. Migliaia di persone si erano raccolte là in quell’area verde. Alcune era ferite, altre no. Si erano sdraiate sull'erba a riposarsi, senza sapere cosa fare. Non c'erano moli per le navi, ma solo un muro, e cominciammo a fare segno alle navi di avvicinarsi.


La gamba del sergente era blu, rosa, viola, nera e gonfia fino a tre volte la dimensione normale, quindi gli dicemmo “Senti, devi andare all'ospedale o perderai la gamba.” Ma lui era un uomo grosso e forte e voleva continuare ad aiutare, e così due detective lo costrinsero a salire su una barca della polizia che lo portò a un ospedale nel New Jersey. Rimase lì per quattro mesi, fu operato dieci volte e gli salvarono la gamba. Morì tre anni fa di cancro in conseguenza all’11 settembre. Oltre che nell'NYPD era stato anche nella Marina ed era stato un pompiere volontario nella sua città.

All'estremità sud di Manhattan, insieme a migliaia di persone, c'erano medici, con infermieri in turno e fuori dal turno; notai che c'erano due uomini mediorientali che camminavano in giro, avevano espressioni serie, e non stavano aiutando nessuno, stavano solo camminando in giro. Una parte di me voleva fermarli, ma non lo feci; ancora oggi ci ripenso e vorrei averlo fatto, ma non lo feci. Era fuori luogo che guardassero in giro senza aiutare.

Mentre eravamo lì, la Torre Nord crollò. Non potevo sopportare un'altra nube; saltai dall'altra parte del muro per saltare nel fiume se i detriti fossero arrivati fino a dove eravamo, ma non successe. Continuammo a segnalare ai battelli di avvicinarsi, iniziammo a far passare donne, bambini e feriti oltre il muro e sui battelli. C'erano migliaia di persone, le facemmo evacuare tutte dall'isola sui battelli. Devo riconoscere l’ottimo lavoro che fecero i piloti e i capitani, perché non c'era un molo, era come un argine. Noi facemmo la nostra parte nel caricare le persone, ma loro fecero la loro parte per tenere i battelli vicini, nessuna imbarcazione si scontrò, nessuno si ferì; fecero un ottimo lavoro.

Riuscimmo a caricare tutti sulle imbarcazioni, quindi camminammo verso nord tra le macerie per vedere se potevamo trovare dei sopravvissuti. Arrivammo a Church Street ed era deserta, non c'era nessuno. Le macerie erano ovunque, spesse più di due centimetri al suolo. C'era un buco nella strada dal quale uscivano fiamme, sembrava l'inferno. Andai alla pila dove c’erano le torri e non c'era nessuno da salvare. Alla fine continuammo a camminare finché non arrivammo allo stesso ospedale a cui avevo detto all'autobus di andare.

Tra le persone del mio distretto, cinque sono morte per tumore causato dall’11/9, dieci hanno il tumore ma sono ancora vive. Ma se guardi tutto il dipartimento di polizia, ce ne sono centinaia e centinaia e centinaia; io ero proprio lì con loro, quindi prima o poi potrebbe arrivare anche il mio giorno.


Undicisettembre: Hai anche investigato sull’11/9 dopo gli eventi? Che ruolo hai avuto nell’investigazione?

Michael Greene: Sì, ne ho fatto una porzione. La parte che feci fu il resoconto di chi era sopravvissuto e chi no. C'erano persone che commettevano frodi, che dicevano “Oh, mia moglie è morta!” e dopo scoprivamo che la persona non era morta; stavano cercando di prendere i soldi dell'assicurazione. Succedevano cose di questo genere e almeno una di queste arrivò sui giornali, si trattava di una coppia canadese. La donna disse che il marito era rimasto ucciso nella torre ma non era vero, era ancora vivo, stava solo cercando di prendere i soldi dell'assicurazione dalla sua morte.

Quindi la parte che io investigai fu chi era morto davvero, chi erano i visitatori e così via. Istituimmo una hotline dove le persone potevano segnalare gli scomparsi; praticamente dovevamo rendere conto di ogni persona. Questo durò molti mesi.


Undicisettembre: Cosa hai fatto nei giorni seguenti?

Michael Greene: Beh, l’NYPD è piuttosto speciale. Probabilmente da qualunque altra parte avremmo ricevuto cure immediate, consulenza o qualunque altra cosa; nell’NYPD no, torni al lavoro il giorno dopo e alla luce di quanto era successo non ci importava. Eravamo lì per aiutare e per soccorrere, fare ciò che dovevamo fare. Non ci importava. Quindi tornai al lavoro, e il lavoro era misto. Lavorai su quella che è chiamata “the pile” [la catasta], cercando tra le macerie per salvare le persone, per vedere se c’era qualcuno vivo. Portavano anche le macerie a Staten Island in una discarica, vi lavoravamo in turni da dodici ore, ventiquattro ore al giorno, scavando tra le macerie alla ricerca di prove, resti umani, qualunque cosa.

Un giorno trovai un intero mazzo di badge per l’accesso al palazzo. A quel tempo se volevi visitare il World Trade Center dovevi andare alla reception e la security avrebbe preso il tuo nome e ti avrebbe fatto una foto. Scavando tra le macerie trovai circa quaranta badge di uomini mediorientali. Poteva significare qualcosa, poteva non voler dire niente. Erano quaranta, li trovai tutti nello stesso posto.

Quando trovavi qualcosa, lo mettevi in un secchio e alla fine della giornata andava in mano agli uomini della Terrorism Task Force.


Parlai con uno dei miei sergenti, il giorno dopo l’11/9. Non era nel mio gruppo. Appena prima del crollo della Torre Sud, lui stava per entrare. Disse di aver visto un agente in uniforme dell’NYPD, con un uomo mediorientale in manette. Mi disse che l'agente lo stava portando fuori, ma nel crollo della torre nessuno dei due era sopravvissuto.

Era una missione di salvataggio, in quel momento, non una missione di arresto. Un poliziotto con un uomo in manette, doveva esserci un'ottima ragione. Di nuovo, potrebbe essere qualcosa, potrebbe non essere nulla.


Undicisettembre: Essendo stato anche un soccorritore nell’attentato del 1993, ti aspettavi che i terroristi sarebbero tornati?

Michael Greene: Sì.Il sindaco al tempo era Giuliani, fu un ottimo sindaco per quei tempi, avevamo bisogno di lui, ma ci sono aspetti positivi e aspetti negativi. Dal lato negativo, ricordo il giorno che decise di mettere l'ufficio di New York per la gestione delle emergenze dentro il World Trade Center, dopo il 1993. Pensai “Il World Trade Center è ancora un obiettivo dei terroristi, perché vuoi mettere un centro di comando per le emergenze in quel palazzo?” Lui lo fece e l’11/9 nessuno poté usarlo. Fu una mossa stupida. Sapevo perfettamente che avrebbero cercato di nuovo di colpire lì.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie del complotto secondo le quali l’11/9 sarebbe un inside job?

Michael Greene: Non credo che sia stato un inside job. Credo che fu fatta un'enorme quantità di giganteschi errori che permisero che tutto questo accadesse. Ma un inside job? No, assolutamente.


Undicisettembre: Cosa pensi della sicurezza negli USA oggi? La nazione è più sicura che nel 2001?

Michael Greene: Per quanto riguarda il terrorismo direi di sì, mantenere questo livello costa molti soldi e non so se sarà sostenibile. Ma l'ISIS ha fatto qualcosa che al-Qaeda non ha fatto, che rende le cose più difficili per noi: al-Qaeda diceva “Ehi, vieni nei nostri campi di addestramento”, mentre l'ISIS dice “Non serve che vieni nei nostri campi di addestramento, dobbiamo solo entrare nella tua testa e renderti un simpatizzante da quindicimila chilometri di distanza e ti faremo venire voglia di commettere atti di terrorismo con la tua automobile o con qualunque altro oggetto normale che di norma non è un'arma.” Questo rende le cose più difficili, perché se sei una persona dalla mente debole che guarda i video dell'ISIS a casa ogni giorno, non sei sul radar di nessuno che può trovarti nel caso in cui tu stia progettando un attacco terroristico.

Quindi è un po' più complicato, ma in termini di un grande attacco terroristico, come l’11/9, siamo certamente più al sicuro oggi di quanto lo fossimo allora. Questi attacchi di lupi solitari sono più prevenibili, non dal governo o dall’FBI, ma dalla polizia locale, perché la polizia locale può vedere se una persona sembra un po’ depressa o se si comporta in modo un po’ strano o se sta comprando delle pistole. Credo anche che la polizia locale sia maggiormente attrezzata contro il terrorismo e abbia oggi un ruolo nell'antiterrorismo.

2018/08/14

L'intervista del Guardian alla madre di Osama bin Laden

di Hammer

Il 3 agosto di quest'anno il quotidiano britannico The Guardian ha pubblicato un articolo di Martin Chulov che riporta un'intervista dello stesso giornalista a tre membri della famiglia di Osama bin Laden: la madre Alia Ghanem e i fratellastri Ahmad e Hassan. Insieme a loro si trovava anche l'ultimo marito della donna, Mohammed al-Attas (padre di Ahmad e Hassan), che diede un importante contributo alla crescita anche di Osama, essendo Mohammed bin Laden morto in un incidente aereo nel 1967.

Chulov chiarisce che l'intervista è stata autorizzata dal principe reale saudita Mohammad bin Salman, perché essendo la famiglia bin Laden tra le più in vista dell'Arabia Saudita ogni loro azione pubblica deve essere autorizzata dalla famiglia reale. Secondo l'autore il principe ha concesso alla donna di parlare con i media occidentali in modo da dimostrare che il governo e la famiglia reale non hanno mai sostenuto al-Qaeda e che al contrario ci tengono a chiarire che Osama bin Laden è stato cacciato dal suo paese prima che iniziasse la sua attività terroristica. L'incontro comunque si è svolto alla presenza di un'addetta del governo e di un imprecisato numero di traduttori.

Alia Ghanem con il figlio Ahmad

Secondo Chulov, Alia Ghanem ha circa 75 anni (scrive l'autore Now in her mid-70s) ed effettivamente il dato sembra corretto perché in The Looming Tower (il più importante libro sulla storia di al-Qaeda) l'autore Lawrence Wright scrive che nel 1956 la donna aveva 14 anni, quindi oggi dovrebbe averne 76. La madre di Osama riconosce che il figlio (che la famiglia non vede dal 1999) è stato un fanatico terrorista, ma aggiunge che si trattava di una persona rispettosa e che la colpa deve essere data alle persone che lo hanno traviato, in particolar modo al suo mentore Abdullah Azzam.

Quando la madre si assenta dalla stanza dove si svolge l'intervista, i figli aggiungono che la donna non vuole ammettere e accettare che Osama avesse anche un lato jihadista; al contrario, dopo l'11 settembre loro hanno capito in poche ore che c'era il loro fratello dietro alla tragedia e si sono vergognati di lui. Il giudizio di Ahmad su Osama è limpido e lapidario:

"I was shocked, stunned. It was a very strange feeling. We knew from the beginning [that it was Osama], within the first 48 hours. From the youngest to the eldest, we all felt ashamed of him."

La cui traduzione in italiano è:

"Ero scioccato, sconvolto. Fu una sensazione molto strana. Sapevamo fin dall'inizio [che era stato Osama], entro le prime 48 ore. Dal più giovane al più vecchio, ci vergognavamo di lui."

L'atteggiamento della madre a tal proposito è comunque comprensibile, in quanto spesso i genitori dei terroristi tendono a trovare giustificazioni ai gesti distruttivi dei loro figli. Simili spiegazioni si trovano anche, per esempio, nelle parole del padre di Mohamed Atta, della madre dei fratelli Tsarnaev (gli attentatori della maratona di Boston) e in quelle della madre di Zacarias Moussaoui nel suo libro Mio Figlio Perduto.

Nell'articolo l'autore riporta anche di aver parlato anche con il principe Turki bin Faysal Al Sa'ud, che è stato anche capo dell'intelligence saudita per ventiquattro anni fino all'1 settembre del 2001. Il principe dice che nell'estate 2001 l'intelligence sapeva che a breve sarebbe stato compiuto un grosso attentato contro americani, inglesi, francesi e arabi, ma non conosceva il dettaglio di dove sarebbe avvenuto. Turki aggiunge anche che esistono due diversi Osama bin Laden: uno precedente l'invasione sovietica dell'Afghanistan e uno successivo. Perché è stato proprio questo evento a trasformarlo da idealista a guerrigliero.

L'autore scrive anche che la sorellastra di Osama, Fatima al-Attas, che vive a Parigi, si era opposta al fatto che la madre apparisse in un'intervista perché sostiene che la donna abbia ricevuto pressioni, ma la stessa madre smentisce questa ipotesi dicendosi felice di poter parlare con la stampa.

L'ultima parte dell'intervista riguarda il più giovane figlio di Osama, Hamza bin Laden, che ha seguito le orme del padre ed è oggi un miliziano di al-Qaeda di alto livello nella gerarchia dell'organizzazione. Secondo quanto riporta uno dei suoi zii, Hamza avrebbe dichiarato di voler vendicare la morte del padre; entrambi gli zii si dissociano dalle sue intenzioni e dicono che vorrebbero dissuaderlo se avessero la possibilità di parlargli.

In un altro articolo dello stesso autore, apparso sempre sul Guardian il 5 agosto, Chulov riporta anche che dall'intervista sarebbe emerso che Hamza bin Laden avrebbe sposato una figlia di Mohamed Atta. Ovviamente al momento è impossibile verificare la circostanza, che resta sorprendente perché fino ad ora non era mai emerso che Atta avesse dei figli.

Il giornalista della CNN Peter Bergen ha pubblicato un'interessante analisi dell'intervista, in cui aggiunge che la madre di Osama ha confermato di essere una sciita siriana e che questo potrebbe essere il motivo per cui al-Qaeda, contrariamente al altri gruppo terroristici come l'ISIS, non ha mai attaccato gli sciiti. Bergen commenta anche che è interessante il fatto che Alia Ghanem si sia fatta fotografare, perché fotografare delle donne è tuttora poco comune in Arabia Saudita. In ultimo, commenta Bergen, anche se non è emerso dall'intervista secondo quando riferito da Abu Jandal e riportato nel libro The Osama bin Laden I Know dello stesso Bergen, la madre di Osama viaggiò fino a Kandahar per cercare di convincere il figlio ad abbandonare la jihad, ottenendo solo un gentile rifiuto.

L'articolo di Chulov riporta solo un piccolo errore: anche se non menzionata nel testo, viene mostrata la foto dei fratelli bin Laden appoggiati a un'automobile, probabilmente una Cadillac, in Svezia nel 1971 e la didascalia dice che il secondo da destra sarebbe Osama. Tuttavia questo non corrisponde al vero, perché, come spiegato da Steve Coll nel libro The bin Ladens (pubblicato in Italia come Il Clan bin Laden) e dal documentario francese La face cachée de ben Laden, Osama non partecipò a quel viaggio.

Ovviamente, come spesso accade, i complottisti hanno opportunamente taciuto sulla pubblicazione di questa intervista, perché sarebbe estremamente difficile per loro giustificare che la madre e i fratelli di Osama bin Laden lo ritengono responsabile dell'11/9. Ma ci piacerebbe comunque sapere se secondo chi crede alle teorie del complotto la famiglia bin Laden fa parte della cospirazione o se chi ha architettato il complotto è stato tanto bravo da ingannare anche loro.

2018/08/11

La traduzioni non ufficiali del 9/11 Commission Report - prima parte

di Hammer.

Si ringrazia Mattia Butta (www.butta.org) per la consulenza sul giapponese.


Il 9/11 Commission Report è ufficialmente disponibile soltanto in inglese; la pagina delle FAQ del sito della commissione dice chiaramente che non esistono traduzioni ufficiali in nessun'altra lingua, ma essendo il testo pubblico è disponibile per essere tradotto da chiunque in qualunque lingua. Tuttavia nessuna sua traduzione può essere definitiva "ufficiale" o "autorizzata".

In base alle nostre ricerche, abbiamo riscontrato che esistono alcune traduzioni stampate in volumi cartacei. Di seguito descriviamo brevemente i contenuti e le caratteristiche principali delle traduzioni di cui siamo a conoscenza.


Traduzione in spagnolo


La traduzione spagnola del 9/11 Commission Report si intitola 11-S: El informe e come dice il sottotitolo non è una traduzione completa ma un estratto della versione originale.

Il libro è stato pubblicato nel 2005, quindi ad un solo anno dalla pubblicazione del rapporto e i capitoli tradotti sono i seguenti (riportiamo tra parentesi quadre i titoli in inglese per facilitare il confronto):


  • Prefacio [Preface]
  1. "Tenemos algunos aviones" ["We have some planes"]
  2. La fundación del nuevo terrorismo [The foundation of the new terrorism]
  3. Respuestas a los ataques iniciales de Al Qaeda [Responses to al Qaeda’s initial assaults]
  4. Los ataques de Al Qaeda en territorio de EE. UU. [Al Qaeda aims at the American homeland]
  5. De amenaza en amenaza [From threat to threat]
  6. Ataque imminente [The attack looms]
  7. "Saltaron todas las alarmas" ["The system was blinking red"]
  8. Heroísmo y horror [Heroism and horror]
  • Nota a la edición española

La traduzione è stata eseguita da Isabel Fuentes García (capitoli da 1 a 4), Tomás Fernández Aúz (capitolo 5), Yolanda Fontal (capitolo 6), Albino Santos (capitolo 7) e Francisco Beltrán (capitolo 8).

Questi cinque traduttori spagnoli godono tutti di notevole fama e hanno realizzato anche altre traduzioni importanti. Isabel Fuentes García ha tradotto, tra gli altri, la biografia di Saddam Hussein di Con Coughlin e il libro The Shock Doctrine di Naomi Klein. Tomás Fernández Aúz ha tradotto (insieme alla moglie Beatriz Eguibar) volumi di notevole importanza tra cui The Arabs e The Fall of the Ottomans di Eugene Rogan e Istanbul: A Tale of Three Cities di Bettany Hughes. Yolanda Fontal ha tradotto The Looming Tower di Lawrence Wright, testo fondamentale per la comprensione della storia di al-Qaeda e dell'11/9, e la biografia di Adolf Hitler di Ian Kershaw. Albino Santos è invece l'autore delle traduzioni di Because We Say So di Noam Chomsky, Black Mass di John Grey e Mercanti di Uomini della scrittrice italiana Loretta Napoleoni. Non abbiamo trovato notizie precise su Francisco Beltrán e non sappiamo quindi quali siano le sue traduzioni più rilevanti.

Come specificato nella nota all'edizione spagnola che chiude il volume, i traduttori hanno scelto di non tradurre l'intero rapporto ma solo una parte in modo da produrre un libro più snello e più leggibile e che raggiungesse un numero maggiore di lettori. Per lo stesso motivo, specificano i traduttori, non sono state tradotte le note del testo originale.


Traduzione in giapponese


Nel 2008 è stata realizzata un'altra traduzione parziale del 9/11 Commission Report, questa volta ad opera di tre ricercatori giapponesi che lo hanno tradotto nella loro lingua.

Il titolo del volume è 9/11委員会レポートダイジェスト―同時多発テロに関する独立調査委員会報告書、その衝撃の事実, la copertina reca anche la traduzione in inglese del titolo The 9/11 Commission Report Digest.

Gli autori della traduzione sono Toshiaki Matsumoto, Stephan Tanzawa e Yoshifumi Nagata. Anche in questo caso la traduzione è parziale; gli autori hanno selezionato un sottoinsieme dei capitoli da tradurre e in un caso hanno tradotto solo alcuni dei sottocapitoli, anziché il capitolo intero. L'indice del volume è il seguente (riportiamo solo i titoli originali per evidente difficoltà della trascrizione del testo giapponese):

  1. "We Have Some Planes"
    1. Inside the Four Flights
    2. Improvising a Homeland Defense
    3. National Crisis Management
  2. Al Qaeda Aims at the American Homeland
    1. Terrorist Entrepreneurs
    2. The "Planes Operation"
    3. The Hamburg Contingent
    4. A Money Trail?
  3. The Attack Looms
    1. First Arrivals in California
    2. The 9/11 Pilots in the United States
    3. Assembling the Teams
    4. Final Strategies and Tactics
  4. "The System Was Blinking Red"
    1. The Summer of Threat
    2. Late Leads--Mihdhar, Moussaoui, and KSM
  5. Heroism and Horror
    1. September 11, 2001
    2. Emergency Response at the Pentagon
Anche in questo caso le note al testo originale non sono state tradotte.


Le successive parti di questo articolo verranno pubblicate in seguito.

2018/07/09

Gli scambi di identità di Saeed al-Ghamdi

di Hammer

Uno dei più frequenti argomenti proposti dai complottisti vuole che alcune delle persone identificate come i diciannove dirottatori siano in realtà ancora vive; ovviamente nessuno di loro è mai apparso in pubblico in ben diciassette anni e già questo dovrebbe far riflettere chi crede che non siano morti l'11/9, ma spesso il buon senso non basta e asserzioni di questo genere vengono riproposte.

Uno dei casi presunti di dirottatori ancora vivi è quello relativo a Saeed al-Ghamdi, uno dei muscle hijacker del volo United 93. L'FBI pubblicò il primo elenco dei nomi dei dirottatori (con le informazioni anagrafiche incomplete) il 14 settembre 2001 e tra questi compariva appunto Saeed al-Ghamdi. In assenza di dati più precisi, quali ad esempio la data di nascita, la CNN scambiò il dirottatore con un pilota di linea della Saudi Arabian Airlines omonimo, che era ovviamente ancora vivo ed estraneo a tutto, e il 16 settembre mostrò la foto del pilota, insieme a quelle degli altri dirottatori. Il fotogramma trasmesso dalla CNN con la foto del pilota in mezzo a quelle di Ahmed al-Haznawi e di Ziad Jarrah come i dirottatori identificati di United 93 è disponibile sul sito di debunking in inglese 911Myths.com

Il 18 settembre del 2001 il quotidiano panarabo Al-Sharq Al-Awsat dedicò due articoli alla vicenda. In uno di essi il giornale riporta le parole del pilota scambiato per il dirottatore (foto a destra), che fu raggiunto al telefono per un'intervista; l'uomo disse di trovarsi in Tunisia e che avrebbe dovuto a breve spostarsi a Londra e temeva di incontrare problemi o addirittura di essere arrestato. Il secondo articolo riporta anche l'informazione che il pilota si trovava a Parigi quando la CNN trasmise la sua foto e che si vide costretto a contattare l'ambasciata saudita per comunicare la propria estraneità ai fatti. Nell'intervista l'uomo aggiunse che probabilmente la CNN aveva preso la foto dalla scuola di volo Flight Safe di Vero Beach in Florida che aveva frequentato dal 1998 al 1999 e poi ancora nel 2000. Tra l'altro la stessa scuola di volo era stata frequentata anche da un altro pilota saudita, di nome Abdul Rahman al-Omari, che per via della sua omonimia con uno dei muscle hijacker del volo American 11 incappò in un equivoco molto simile.

Lo scambio di persona venne poi risolto definitivamente il 28 settembre dall'FBI, quando diffuse la lista completa e definitiva dei dirottatori, corredata dalle foto, grazie alla quale fu possibile accertare che si trattò solo di un caso di omonimia.

Saeed al-Ghamdi inoltre ha anche due omonimi terroristi, anch'essi appartenenti ad al-Qaeda. Il primo di questi, il cui nome completo è Saeed Abdullah Saeed al-Ghamdi, fu selezionato proprio per l'11/9, ma non fece parte del gruppo finale perché non riuscì a ottenere il visto per gli USA. Il secondo di essi comparve nella lista terroristi più ricercati diffusa nel 2005 dal ministero dell'interno dell'Arabia Saudita (altre versioni della lista sono state pubblicate nel 2003, nel 2009 e nel 2011). Secondo Al-Sharq Al-Awsat, i trentasei ricercati inseriti in questa lista sarebbero miliziani del ramo di al-Qaeda che opera nella penisola arabica; nella lista si trova il nome di Salih Saeed Albitaih al-Ghamdi (foto a sinistra). Dell'uomo non vengono date altre informazioni (nemmeno nell'aggiornamento del 2006), se non che si tratti di un quarantenne saudita. Non può quindi essere confuso con il dirottatore dell'11/9, che era nato nel 1979 e nel 2005 avrebbe avuto 26 anni; inoltre la foto dell'uomo nella lista (immagine sopra) mostra chiaramente una persona diversa rispetto al dirottatore.

Come emerge da questa breve analisi, non è per nulla vero che i dirottatori furono identificati troppo in fretta e nemmeno che alcuni di loro sono ancora vivi. Semplicemente, al mondo esistono le omonimie e alle volte queste possono essere estremamente pericolose per chi porta lo stesso nome di un terrorista.

2018/06/11

I terroristi reclutati da al Qaeda che non presero parte all'11/9

di Hammer

Secondo quanto riportato dal 9/11 Commission Report, Khalid Sheikh Mohammed (spesso indicato con il solo acronimo KSM) confessò in un interrogatorio nel 2004 che nei piani iniziali di al Qaeda il commando suicida impiegato l'11/9 avrebbe dovuto essere composto da 25 o 26 persone. Come è ben noto, però, alla fine i terroristi furono solo 19; al Qaeda quindi reclutò altre persone che non riuscirono a far parte del gruppo per svariati motivi o che furono esclusi dagli stessi organizzatori.

I più famosi tra gli esclusi sono sicuramente Zacarias Moussaoui, che era stato selezionato come possibile sostituto di Ziad Jarrah nel caso in cui questi avesse deciso di abbandonare il gruppo a causa di malumori nei confronti di Mohamed Atta, e Mohammed al-Qahtani, che con ogni probabilità avrebbe dovuto essere il vero ventesimo dirottatore nella composizione finale del gruppo ma che fu fermato alla frontiera degli USA.

Oltre a questi due, al Qaeda ne reclutò numerosi altri e il 9/11 Commission Report chiarisce in una nota quali sarebbero stati gli altri potenziali dirottatori che non presero parte alla missione, chiarendone anche il motivo.

Oltre a quelle che abbiamo già citato, le persone reclutate e poi escluse furono:

  • Khalid al Zahrani: Viaggiò dall'Arabia Saudita, suo paese natale, all'Afghanistan illegalmente perché il suo nome compariva nella lista delle persone pericolose che non avrebbero potuto espatriare. Per lo stesso motivo non ottenne il visto per gli USA. Al Zaharani è stato detenuto a Guantanamo dal 2002 al 2007, anno in cui è stato rimpatriato.
  • Ali Abd al Rahman al Faqasi al Ghamdi (foto accanto, noto anche con il nome di Abu Bakr al Azdi): Saudita, avrebbe dovuto prendere parte all'11/9, ma lo stesso bin Laden lo escluse dal gruppo per impiegarlo in un attentato successivo che non si è mai verificato. Secondo l'intelligence americana, al Ghamdi prese parte alla battaglia di Tora Bora nel dicembre del 2001 e fu uno degli organizzatori di un triplice attentato suicida a Riyadh nel maggio del 2003. A seguito di quest'ultimo evento fu arrestato nel suo paese natale.
  • Saeed al Baluchi e Qutaybah al Najdi: Entrambi sauditi, furono rimandati in patria dall'Afghanistan per chiedere il visto per gli USA, ma durante uno scalo in Bahrein al Najdi fu fermato per un controllo di sicurezza. L'evento spaventò i due al punto che si ritirarono dalla missione, nonostante le pressioni di Khalid Sheikh Mohammed su al Baluchi.
  • Zuhair al Thubaiti: Saudita, si vantava di essere un membro di al Qaeda e di godere della stima di bin Laden; fu escluso dall'operazione in quanto ritenuto troppo nervoso e non dotato del necessario temperamento.
  • Saeed Abdullah Saeed al Ghamdi (soprannominato "Jihad"): Saudita e omonimo di uno dei muscle hijacker del volo United 93. Dopo aver partecipato all'addestramento di al Qaeda in Afghanistan nel marzo del 2000, tornò in Arabia Saudita insieme ad Ahmed al Haznawi (muscle hijacker del volo United 93) per chiedere il visto per gli USA, ma non lo ottenne perché nella richiesta aveva scritto di voler rimanere per dodici mesi, mentre al tempo il visto turistico consentiva sei mesi di permanenza. Inoltre non aveva un lavoro e questo fece pensare all'ufficiale del consolato che volesse immigrare negli USA.
  • Saud al Rashid: Khalid Sheikh Mohammed lo descrisse come cocciuto e immaturo; dopo essere ritornato in patria dall'Afghanistan per chiedere il visto per gli USA non prese più contatti con al Qaeda, forse per un ripensamento o per pressioni della famiglia. Alcune foto tessera di al Rashid, insieme a quelle dei dirottatori Nawaf al Hazmi, Khalid al Mihdhar, e Abdulaziz al Omari, furono trovate nel maggio del 2002 durante un raid a Karachi. Dopo questo episodio si consegnò alle autorità saudite e durante un interrogatorio disse di non sapere perché la sua foto si trovava insieme a quelle di tre dei dirottatori.
  • Mushabib al Hamlan: Tornò in Arabia Saudita dall'Afghanistan insieme ad Ahmed al Nami (muscle hijacker del volo United 93); insieme i due chiesero il visto per gli USA il 28 ottobre del 2000. Ottenne il visto, ma non tornò mai in Afghanistan, forse a causa di un ripensamento.

Oltre a questi nove, la monografia 9/11 and Terrorist Travel (che spiega in dettaglio i viaggi e gli spostamenti compiuti dai terroristi coinvolti nell'organizzazione dell'11/9) elenca altri miliziani di al Qaeda che chiesero il visto per gli USA senza riuscire ad entrarvi. L'elenco include i già citati al Ghamdi e al Hamlan, e oltre a loro indica:

  • Ramzi Binalshibh: Chiese il visto per gli USA, ma gli fu negato quattro volte (il 17 maggio, il 15 giugno, il 14 agosto e il 15 settembre del 2000). Secondo il 9/11 Commission Report il motivo del diniego risiede nello scetticismo nei confronti dei cittadini yemeniti, in particolare quando la richiesta veniva fatta da un altro stato (la Germania, in questo caso). Secondo il 9/11 and Terrorist Travel, invece, il motivo è da ricercarsi nel fatto che Binalshibh non aveva né un reddito né un lavoro e nei suoi frequenti viaggi in Medio Oriente. Venne catturato a Karachi nel settembre 2002 e attualmente è detenuto a Guantanamo.
  • Tawfiq bin Attash: Noto anche con il nome di Khallad, chiese il visto per gli USA in Yemen, ma gli fu negato. L'uomo comunque portava una protesi a una gamba dal 1997 dopo aver perso la propria in una battaglia in Afghanistan contro l'Alleanza del Nord, quindi non avrebbe potuto prendere parte ai dirottamenti in ogni caso. Con ogni probabilità il suo ruolo avrebbe dovuto essere di coordinamento e ausilio ai terroristi, avendo partecipato anche al summit del terrore di Kuala Lumpur. Fu catturato a Karachi nel 2003 e ad oggi è detenuto a Guantanamo.
  • Zakariya Essabar (foto accanto): Chiese il visto per gli USA a Berlino due volte, ma gli fu negato perché non aveva un lavoro o legami stabili in Germania. Secondo quando riferito da Khalid Sheikh Mohammed, fu proprio Essabar a comunicargli la data scelta per gli attentati consegnandogli una lettera proveniente da Binalshibh; tuttavia il racconto di quest'ultimo è diverso, in quanto sostiene di aver comunicato la data al telefono a KSM dopo averla appresa da Atta. Essabar non fu mai catturato, e secondo quanto riportato dal sito Making Sense of Jihad della ricercatrice Marisa Urgo, è morto in Afghanistan dopo la caduta dei Talebani (di questa affermazione non abbiamo trovato un riscontro più affidabile).
  • Ali Abdul Aziz Ali: Secondo la biografia stilata dal governo americano sarebbe un nipote di KSM e di conseguenza cugino di Ramzi Yousef (perpetratore del primo attentato al World Trade Center del 1993). Chiese il visto per gli USA a Dubai, ma gli fu negato. Fu catturato a Karachi insieme a Tawfiq bin Attash, mentre era nelle fasi finali dell'organizzazione di un attentato con aerei dirottati in partenza da Heathrow che avrebbero dovuto schiantarsi contro il consolato americano nella medesima città pachistana.

Purtroppo ad oggi non è chiaro quale sarebbe stato il ruolo di ciascuna di queste persone reclutate da al Qaeda e che non riuscirono ad entrare negli USA. In parte la spiegazione risiede nel fatto che, come detto da KSM, i terroristi volevano squadre più numerose su ciascun aereo; in parte forse anche perché nei piani originali avrebbe potuto esserci una quinta cellula che avrebbe dovuto entrare in azione; e in parte sicuramente per il fatto che i vertici di al Qaeda sapevano che si sarebbero trovati a fronteggiare difficoltà con i visti ma anche rinunce e pentimenti.

Quest'ultima considerazione dovrebbe fare riflettere quelli che pensano che vi sia qualcosa di sospetto nel fatto che per i terroristi è andato tutto troppo bene.

2018/05/14

L'Habbush memo: il documento artefatto che proverebbe i legami tra al Qaeda e l'Iraq

di Hammer

Il 13 dicembre del 2003, giorno della cattura di Saddam Hussein, il quotidiano londinese The Daily Telegraph pubblicò un articolo del famoso giornalista Con Coughlin secondo cui la redazione del giornale aveva ricevuto da fonti irachene non meglio specificate una nota manoscritta inviata da Tahir Jalil Habbush al-Tikriti, ex capo dell'intelligence irachena, al presidente Saddam Hussein.

La nota, datata 1 luglio 2001, riportava che Mohamed Atta aveva partecipato a un addestramento a Baghdad nell'estate del 2001 (quindi, ragionevolmente, pochi giorni prima della stesura del testo stesso) tenuto dal noto terrorista palestinese Abu Nidal (organizzatore, tra gli altri attentati, dell'attacco contro i banchi del check-in delle compagnie aree TWA ed El Al negli aeroporti di Vienna e Roma il 27 dicembre del 1985). Al-Tikriti, nel testo, loda la dedizione di Atta e le sue doti di leader del gruppo che aveva l'incarico di distruggere importanti obiettivi.

La seconda parte del testo menziona anche un carico di uranio che l'Iraq avrebbe ricevuto via nave dal Niger, facendo implicito riferimento al presunto programma di Saddam Hussein di sviluppare armi nucleari, argomento che il presidente George Bush aveva menzionato nel proprio discorso sullo stato dell'unione del 2003. La lettera in questione è nota come Habbush memo, dal nome del presunto autore.

Un secondo articolo dello stesso quotidiano e ancora di Coughlin, autore anche della biografia del leader iracheno Saddam: King of Terror del 2002, riporta maggiori dettagli sulla lettera insieme al commento dello stesso Coughlin secondo cui il documento proverebbe l'esistenza di legami tra il regime di Saddam Hussein e i dirottatori dell'11/9 e che il governo iracheno stava conducendo un piano per la produzione di armi di distruzione di massa.

L'articolo menziona anche un precedente ritrovamento di documenti nella sede di Baghdad dei servizi segreti iracheni che menzionerebbero un incontro avvenuto nel 1998 in Iraq tra un inviato di al Qaeda ed esponenti del governo. L'incontro avrebbe avuto successo, al punto che anche bin Laden stava pianificando un viaggio nello stato di Saddam Hussein.

Intervistato dalla trasmissione televisiva Meet The Press il giorno stesso della pubblicazione del primo articolo, Coughlin disse di aver ricevuto la lettera di al-Tikriti da un esponente del governo ad interim iracheno, di cui non rivelò il nome, aggiungendo che il documento stesso era stato autenticato e che la grafia era proprio quella di al-Tikriti (argomento sul quale negli articoli sul Telegraph era stato più cauto sostenendo invece che non fosse possibile asserire con sicurezza che il documento fosse autentico).

Pochi giorni dopo la pubblicazione dei due articoli, il settimanale americano Newsweek pubblicò un pezzo di Michael Isikoff in cui sollevava alcuni ragionevoli dubbi sul memo e sul suo contenuto. Anzitutto, riporta l'articolo, l'FBI aveva verificato minuziosamente gli spostamenti di Atta e risultava che nel periodo in cui avrebbe dovuto svolgersi l'addestramento a Baghdad, il terrorista si trovava invece negli Stati Uniti. Inoltre anche l'Iraqi National Congress (partito politico iracheno di opposizione fondato con il supporto dell'amministrazione americana nel 1992), che aveva sempre sostenuto che ci fossero legami tra Saddam Hussein e al Qaeda, aveva avanzato forti dubbi sull'autenticità della lettera. L'articolista di Newsweek aveva anche interpellato Coughlin sull'autenticità del memo, ma il giornalista inglese aveva risposto che la redazione del suo giornale non aveva modo di verificare l'autenticità del testo.

Un'altra indagine sull'Habbush memo fu condotta dal giornalista Ron Suskind nel libro The Way of the World, pubblicato il 5 agosto del 2008. Secondo Suskind la lettera sarebbe un falso realizzato appositamente dalla CIA e dalla Casa Bianca; l'autore scrive che la CIA aveva intenzione di far scrivere la lettera dallo stesso Habbush, il quale si rifiutò. Visto il diniego dell'iracheno, l'agenzia decise quindi di realizzare un falso. Suskind cita come proprie fonti Robert Richer e George Tenet della CIA e Nigel Inkster dell'MI6. Tutti e tre hanno però in seguito smentito di aver asserito quanto riportato da Suskind nel suo libro.

Tenet ammise che l'amministrazione Bush fece pressioni alla CIA affinché l'agenzia dipingesse i legami tra al Qaeda e l'Iraq in modo superiore a quanto emergeva dalle evidenze in suo possesso, ma smentì di aver appositamente creato un documento falso. La CIA prese anche una posizione pubblica e ufficiale, smentendo di aver ricevuto una richiesta di fabbricazione del documento.

Anche Nigel Inkster intervenne di nuovo sull'argomento, confermando di aver parlato con Suskind ma di aver detto al giornalista di non essere nella posizione di commentare l'Habbush memo perché non era a conoscenza dei dettagli dell'accaduto.

Due giorni dopo la pubblicizzazione del libro di Suskind, Philipp Giraldi, ex funzionario della CIA specialista di antiterrorismo, scrisse in un articolo su The American Conservative che alcune sue fonti confermavano quanto scritto da Suskind riguardo al fatto che la Casa Bianca aveva ordinato la realizzazione di un falso memo. Tuttavia Suskind sarebbe caduto in errore su chi era stato incaricato di realizzare il falso, in quanto questo non fu commissionato alla CIA ma all'Office of Special Plans (unità del Pentagono che visse per soli dieci mesi e che aveva il compito di fornire dati grezzi di intelligence sull'Iraq al Presidente), al tempo era diretto da Douglas Feith, che nel 2003 ricopriva anche l'incarico di Sottosegretario alla Difesa per la politica militare.

Ayad Allawi
L'8 agosto del 2008, un articolo di Joe Conason sulla rivista online Salon propose un interessante indizio a sostegno della teoria di Suskind, scagionando al contempo Coughlin da possibili accuse di aver partecipato a una falsificazione. L'autore identifica Ayad Allawi (che al tempo presiedeva il governo ad interim iracheno) come la fonte che aveva passato il documento originale a Coughlin aggiungendo che l'iracheno aveva visitato la sede della CIA a Langley pochi giorni prima del primo articolo del Telegraph sull'argomento.

Circa dieci giorni dopo la pubblicazione del volume di Suskind, lo stesso Coughlin tornò sull'argomento con un articolo fortemente critico nei confronti di Suskind nel quale confermava che Allawi fosse la fonte che gli aveva consegnato il documento ma che lo aveva incontrato a Baghdad nel novembre del 2003. Nel testo Coughlin ribadisce con forza che la CIA non ebbe alcun ruolo nel produrre il memo.

Al contempo il presidente del Comitato Giudiziario degli Stati Uniti (ente interno alla Camera dei Rappresentanti preposto a supervisionare l'amministrazione della giustizia) annunciò di aver commissionato al proprio staff un'indagine per verificare le ipotesi avanzate da Ron Suskind, nell'ambito di un'indagine più ambia sugli abusi dell'amministrazione Bush con particolare riferimento alla volontà di una guerra preventiva contro il regime di Saddam Hussein. In riferimento all'Habbush memo, però, la commissione concluse che, nonostante il documento sembrasse effettivamente un falso, non era stato possibile verificare chi lo avrebbe commissionato.

Ad oggi i contorni di questa vicenda restano molto fumosi. Non è noto chi abbia realizzato il memo, in che circostanza e perché. Non è chiaro che ruolo abbiano avuto la Casa Bianca e la CIA. Anche questa rientra tra le zone grigie dell'11/9, che non c'entrano nulla con le sciocchezze che ripetono i complottisti da più di un decennio.