2021/12/05

World Trade Center: an interview with former NYPD agent Daniel O'Brien

by Leonardo Salvaggio. An Italian translation is available here.

On the morning or 9/11, police officer Daniel O'Brien was on of the many agents deployed to Ground Zero. To share his account with us, Daniel accepted our proposal for an interview we are today offering our readers.

We would like to thank Daniel O'Brien for his kindness and his time.





Undicisettembre: Can you give me an account of what to you saw and experienced on 9/11? What do you recall of that day?

Daniel O'Brien: The day of 9/11, my team and I worked early morning, staking-out gang members selling guns outside Beach Channel High School located in Far Rockaway, Queens. I’ll never forget the morning of 9/11; the day was beautiful with a sunny and clear blue sky. As my team and I were sitting in our undercover patrol car conducting our surveillance and listening to the local AM radio station, we all overheard the radio broadcaster saying, “Oh my God, a plane just crashed into World Trade Center building”. Our first reaction was maybe the plane that crashed into the building was just a small private plane and prayed the passengers in the plane that crashed survived.

Still continuing our surveillance and listening to local radio station we all overheard the broadcaster make another announcement for the second time, this time yelling; “Oh my God, a second plane is now flying into the second World Trade Center building”. We all just stared at each other with blank faces when hearing the broadcaster make that announcement. My team and I obviously realized this was a terrorist attack. We all jumped out from the unmarked patrol vehicle and ran to the back of the high school to see for ourselves whether the broadcaster who made the announcement about the second plane flying into the second building was right. When we got at the back of the high school where the Hudson River divides the two city boroughs, Queens from Manhattan, we could all clearly see the second airplane flying in the direction of the World Trade Center. When the airplane struck the building, we could all see clear as day the enormous explosion from the plane impact.

Daniel O'Brien pictured on 9/11

Seconds after that, we received a portable radio transmission from the NYPD 911 dispatcher instructing all police units to “10-2 back to the precinct”, which means to return to our station. When we all returned to the precinct, we were informed our post assignment was changed and we were being mobilized to the World Trade Center. I was assigned as the driver of the van. The passengers inside the van were my sergeant and fifteen police officer colleagues. As we were about to pull off a fire chief assigned to the firehouse adjacent to our police station asked “Are you all heading down to the plane crash location?” I told him “Yes”, the fire chief with a desperation tone in his voice asked if he could hitch a ride with us, I looked over to the sergeant and we both said “Sure”. The fire chief thanked us and jumped into the van. The fire chief asked me if I could drop him off as close as possible to the World Trade Center and he would jump out the van from there. I was traveling maybe 100 or 110 miles per hour towards Ground Zero, everyone’s adrenaline was pumping so high listening to the portable radios overhearing the craziness and madness that was going on. Typically, travel time would take about thirty-five to forty minutes from Rockaway, Queens to the World Trade Center. However, since the highways and bridges were all blocked off for emergency vehicles only, we made the driving-distance within fifteen minutes. I remember at one point almost losing control of the van and the van literally tilting on one side and on two wheels. If the fifteen police officers didn’t jump and lean to the opposite side of the van, we would have probably rolled over.

When we arrived at the plane crash location, the fire chief yelled “You have to get me closer to the building, I need to be with my men”. I parked the van in front of World Trade Center 1 and we all exited the van. The first thing I remember seeing was an enormous hole from the plane impact way up the WTC building. That view looked like a scene from a science fiction movie. The view of the enormous hole from the airplane impact still haunts me today, it is something that I will never forget. We all ran into the WTC building lobby. Nobody knew what to do at this point, it was total chaos, something we weren’t trained or prepared for, so we started assisting the firemen who were rescuing trapped people in the stairwells running down from the upper floors. My team and I helped the firemen carry injured people to the EMS ambulances.

We all continued running back and forth as high as the upper mezzanine level to assist the firemen carrying injured people to the EMS ambulances. I will never forget hearing this banging sound noise, seconds apart from each other, as we were carrying injured people out of the building. The banging noise turned out being people trapped in fires on the higher upper floors jumping out of the building because there was no escape route; the only options were either burn to death or jump out from the upper floor windows. Bodies were landing on the lower level roof, sidewalk, street and vehicles. I remember a high-ranking fire chief telling us to all to bow our heads for a moment of prayer intended for the victims jumping. Our sergeant shouted “We have orders to move our van and all patrol vehicles before the jumpers land on them”. We ran as fast as we could, moved our van and all other patrol vehicles when suddenly we felt this enormous trembling that felt like an actual earthquake. The scary trembling noise turned out being the first building collapsing.

When the building started collapsing, we were about two blocks away. We could see this huge cloud of smoke racing in our direction and not able to drive any further because people were stopping their vehicles in the middle of the intersection and jumping out, running off and leaving their vehicles behind. There was no intersection openings or path to drive, so we all jumped out of the van and tucked ourselves under the bottom of the van for protection. I remember seeing this large cloud rumbling and racing towards us from the collapse. We were all petrified not knowing what was behind the huge cloud of smoke. We all thought the worst of what could possibly be mixed in behind the large cloud of smoke. We all thought behind the rumbling cloud racing towards us was building structure and steel beams from the collapsing building. Within seconds we were all totally covered with white powdered dust. I remember my police colleagues and I couldn’t see each other inches away from each other. Everybody was shouting and screaming “Is everyone okay?”. Our sergeant was calling out everyone’s name. I felt my hand trapped, and I didn’t know what was trapping my hand. My sergeant shouted again “We have to leave, we have to leave”, I shouted back “I can’t move my hand, it is wedged between something”. A police officer from my team used his flashlight and noticed my hand was caught in between two concrete debris and pulled them away releasing my hand. Unfortunately, the injury sustained was the cause of my disability line of duty retirement from the NYPD.

I received medical treatment for my injured crushed hand at medial triage location. A doctor wrapped my left hand telling me I needed to follow up with X-rays. I continued working twenty hours that day attempting to help and assist searching for survivors. The search for survives was a horrific work, but we did find and save a few survivors. Early morning when we all returned to our command, my partner drove me to the hospital to have my hand X-rayed. My left hand was diagnosed as fractured with a fifth digit finger deformity. Also, X-rays were taken of my chest revealing my lungs was filled with dust particles. The doctor even asked me if I was a smoker, I told the doctor I never smoked in my entire life and enjoyed working out. The doctor showed me my chest X-rays and told me both my lungs was filled and covered with dust particles caused by breathing in the heavy dust after the buildings collapse.


Undicisettembre: Have you seen World Trade Center 7 collapse?

Daniel O'Brien: No, but we could hear the communication over the portable radio “Building seven is falling, building seven is falling”. When it collapsed we could all hear screaming and yelling “Building seven fell, building seven fell”. It was total chaos over the portable radio, it was hard to understand what was being transmitted.


Undicisettembre: What happened in the period you spent at Ground Zero after 9/11? What did you guys do?

Daniel O'Brien: I was supposed to be out sick from the injuries I sustained. When injured, protocol is reporting to the medical district doctor. But since the city was on high state of emergency, the NYPD medical doctor placed me back to work. I would have felt useless staying home and not being with my NYPD brothers helping down at Ground Zero. I was assigned to Ground Zero for almost seven months and given many different job tasks. One of my duties down ground zero was search and rescue; another was evidence search, to find anything that would help identify the missing victims, this included finding victims body parts such as arms, legs, fingers, eyes, teeth and burnt skin tissue on clothing that may possibly help gather DNA for identification. My team and I were assigned DNA recovery search for almost one month. I also worked the landfill locations where the debris from the building collapse was being transported and dumped. Our task was to go through every inch of debris and search for body parts for possible DNA.


Undicisettembre: When did you retire from the Police Department?

Daniel O'Brien: I retired in 2005. Since my obligation and priority was working down at Ground Zero, I never really took care of hand and later I lost my grip to my dominant left hand. In 2005 the injury I sustained did get worse which ultimately led to my disability retirement from the NYPD.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life even today?

Daniel O'Brien: It’s has been twenty years since that horrific day. It will always haunt and affect me. I am currently diagnosed and being treated for post-traumatic stress disorder, sleep apnea, asthma, constant pain to my left hand. The lifelong injuries and memory of my 9/11 experience will forever be a dark side inside me.


Undicisettembre: In your opinion what’s the position of the USA in the world twenty years after 9/11? Is it worse, better, same?

Daniel O'Brien: 100% worse. I don’t know if you been keeping up on what’s going been going on since Biden became President. Our situation in the USA can’t get any worse with the border crisis he caused by allowing dangerous terrorists and drug cartel to walk into the United States from all over the world. Unfortunately, we are all living in scary times.


Undicisettembre: Do you think anything like 9/11 can happen again?

Daniel O'Brien: Without a doubt 9/11 can happen again, the USA is an open target right now, especially with the Biden administration being extremely relaxed with his approved open border policy.

World Trade Center: intervista all'ex agente dell'NYPD Daniel O'Brien

di Leonardo Salvaggio. L'originale inglese è disponibile qui.

La mattina dell'11 settembre, l'agente di polizia Daniel O'Brien fu uno dei tanti del departimento ad essere inviato a Ground Zero. Per condividere il suo racconto personale, Daniel O'Brien ha accettato la nostra proposta di rilasciarci un'intervista che offriamo oggi ai nostri lettori.

Ringraziamo Daniel O'Brien per la sua cortesia e disponibilità.





Undicisettembre: Puoi farci un racconto ci ciò che hai visto e vissuto l'11 settembre? Cosa ricordi di quel giorno?

Daniel O'Brien: L'11 settembre io e la mia squadra eravamo al lavoro già la mattina presto, stavamo sorvegliando dei membri di bande che vendevano armi fuori dalla Beach Channel High School che si trova a Far Rockaway, nel Queens. Non dimenticherò mai la mattina dell'11 settembre; la giornata era bellissima con un cielo azzurro e soleggiato. Mentre io e la mia squadra eravamo seduti nella nostra auto di pattuglia a fare sorveglianza e ad ascoltare la stazione radio locale, sentimmo tutti la radio della polizia che diceva: "Oh mio Dio, un aereo si è appena schiantato contro uno degli edifici del World Trade Center". La nostra prima reazione fu che forse l'aereo che si era schiantato contro l'edificio era un piccolo aereo privato e pregammo che i passeggeri fossero sopravvissuti.

Continuando la nostra sorveglianza e ascoltando la stazione radio locale, tutti sentimmo l'emittente fare un altro annuncio per la seconda volta, questa volta urlando; "Oh mio Dio, un secondo aereo si sta dirigendo contro il secondo edificio del World Trade Center". Ci guardammo l'un l'altro con sguardi interrogativi quando sentimmo l'emittente fare quell'annuncio. Io e la mia squadra ci rendemmo ovviamente conto che si trattava di un attacco terroristico. Saltammo fuori dal veicolo di pattuglia e corremmo sul retro della scuola per vedere con i nostri occhi se l'emittente che ha fatto l'annuncio sul secondo aereo che si dirigeva verso il secondo palazzo diceva il vero. Quando arrivammo sul retro del liceo, dove il fiume Hudson divide i due distretti della città, Queens da Manhattan, vedemmo chiaramente il secondo aereo che volava in direzione del World Trade Center. Quando l'aereo colpì l'edificio, vedemmo chiaramente l'enorme esplosione dell'impatto.

Daniel O'Brien l'11 settembre 2001

Pochi secondi dopo, la radio della polizia di New York ordinò a tutte le unità "10-2 al distretto", che significava tornare alla nostra stazione. Quando tornammo tutti al distretto, ci venne detto che il nostro incarico era cambiato e che saremmo dovuti andare al World Trade Center. Mi fu assegnato l’incarico di guidare il furgone. I passeggeri all'interno del furgone erano il mio sergente e quindici colleghi agenti di polizia. Mentre stavamo per partire un capo dei vigili del fuoco assegnato alla caserma dei pompieri adiacente alla nostra stazione di polizia chiese "State andando verso il luogo dell'incidente aereo?". Gli dissi "Sì", il capo dei vigili del fuoco con tono disperato chiese se poteva venire con noi, guardai il sergente e insieme dicemmo "Certo". Ci ringraziò e saltò sul furgone. Mi chiese se potevo lasciarlo il più vicino possibile al World Trade Center, lì stesso sarebbe saltato giù dal furgone. Viaggiavamo a circa 160 o 180 chilometri orari verso Ground Zero, l'adrenalina di tutti pompava forte mentre sentivamo alla radio la follia di ciò che stava succedendo. In genere quel tragitto richiede dai trentacinque ai quaranta minuti da Rockaway, nel Queens, al World Trade Center. Tuttavia, siccome le autostrade e i ponti erano stati bloccati e riservati ai veicoli di emergenza, percorremmo quella distanza in quindici minuti. Ricordo che ad un certo punto persi quasi il controllo del furgone che si inclinò su un lato e su due ruote. Se i quindici poliziotti non si fossero spostati e non si fossero appoggiati al lato opposto del furgone, probabilmente ci saremmo ribaltati.

Quando arrivammo sul luogo dell'incidente, il capo dei vigili del fuoco urlò “Devi portarmi più vicino al palazzo, devo raggiungere i miei uomini”. Parcheggiai il furgone davanti al World Trade Center 1 e scendemmo tutti dal furgone. La prima cosa che ricordo di aver visto fu un enorme buco dall'impatto dell'aereo in alto sul lato del palazzo. Quella vista sembrò una scena di un film di fantascienza. La vista dell'enorme buco dall'impatto dell'aereo mi perseguita ancora oggi, è qualcosa che non dimenticherò mai. Corremmo nell'atrio dell'edificio. Nessuno sapeva cosa fare, era il caos totale, era qualcosa per cui non eravamo addestrati o preparati, quindi iniziammo ad assistere i vigili del fuoco che stavano soccorrendo persone intrappolate nelle scale che scendevano dai piani superiori. Io e la mia squadra aiutammo i vigili del fuoco a trasportare i feriti alle ambulanze del pronto soccorso.

Continuammo a correre avanti e indietro fino al mezzanino per aiutare i vigili del fuoco che trasportavano i feriti alle ambulanze del pronto soccorso. Non dimenticherò mai di aver sentito dei botti assordanti, a pochi secondi di distanza l'uno dall'altro, mentre trasportavamo i feriti fuori dall'edificio. Il rumore di quei colpi si rivelò essere quello delle persone intrappolate dagli incendi ai piani superiori che saltavano fuori dall'edificio perché non c'erano vie di fuga; le uniche opzioni erano morire bruciati o saltare fuori dalle finestre. I corpi atterravano sui tetti dei piani più bassi, sul marciapiede, sulla strada e sulle automobili. Ricordo un capo dei pompieri di alto rango che disse a tutti di chinare il capo per un attimo di preghiera per i morti che erano saltati dalle finestre. Il nostro sergente gridò "Abbiamo l'ordine di spostare il furgone e tutti i veicoli prima che quelli che saltano ci atterrino sopra". Corremmo più velocemente possibile, spostammo il nostro furgone e tutti gli altri veicoli di pattuglia quando all'improvviso sentimmo questo tremito enorme che sembrava un terremoto. Lo spaventoso rumore tremante si è rivelato essere il primo edificio che crollava.

Quando l'edificio iniziò a crollare, eravamo a circa due isolati di distanza. Vedemmo questa enorme nuvola di fumo correre nella nostra direzione e non potevamo andare avanti oltre con il furgone perché la gente lasciava il proprio veicolo in mezzo alla strada per scappare abbandonando il veicolo stesso. Non c'erano traverse che potessi prendere o altri percorsi, quindi saltammo giù e ci nascondemmo sotto il fondo del furgone per proteggerci. Ricordo di aver visto questa grande nuvola del crollo correre rombando verso di noi. Eravamo pietrificati non sapendo cosa c'era dietro quella nuvola di fumo. Pensammo tutti al peggio di ciò che potesse essere mescolato dietro la grande nuvola di fumo. Pensammo tutti che dietro la nuvola rombante che correva verso di noi ci fosse la struttura dell'edificio e le travi d'acciaio del palazzo che stava crollando. In pochi secondi ci siamo trovati tutti ricoperti completamente di polvere bianca. Io e i miei colleghi non ci vedevamo l’un l’altro pur essendo a pochi centimetri di distanza. Tutti gridavano e urlavano "State bene?". Il nostro sergente chiamava tutti per nome. Sentii una mano intrappolata e non sapevo cosa la stesse bloccando. Il mio sergente gridò di nuovo: “Dobbiamo andarcene, dobbiamo andarcene”, risposi gridando “Non riesco a muovere la mano, è incastrata da qualcosa”. Un ufficiale di polizia della mia squadra usò la torcia e vide che la mia mano era intrappolata tra due blocchi di cemento e li tirò via liberandomi la mano. Sfortunatamente, questo infortunio fu la causa del mio ritiro per invalidità dalla polizia di New York.

Ricevetti le cure mediche per la mia mano ferita al triage medico. Un medico mi bendò la mano sinistra dicendomi che avrei dovuto fare una radiografia. Continuai a lavorare per venti ore quel giorno cercando di aiutare e assistere nella ricerca dei sopravvissuti. La ricerca dei sopravvissuti è stata un lavoro orribile, ma trovammo e salvammo alcuni sopravvissuti. La mattina presto, quando tornammo al nostro comando, un collega mi portò in ospedale per farmi fare una radiografia alla mano. Mi fu diagnosticata una frattura con deformità al quinto dito. Inoltre, mi sono state fatte delle radiografie al torace che hanno rivelato che i miei polmoni erano pieni di particelle di polvere. Il dottore mi ha anche chiesto se ero un fumatore, risposi che non avevo mai fumato in tutta la mia vita e che mi allenavo regolarmente. Il dottore mi mostrò le radiografie al torace e mi disse che entrambi i miei polmoni erano pieni e ricoperti di particelle di polvere causate dall'inalazione della polvere pesante dopo il crollo degli edifici.


Undicisettembre: Hai visto crollare il World Trade Center 7?

Daniel O'Brien: No, ma abbiamo sentito la comunicazione alla radio portatile "L'edificio sette sta crollando, l'edificio sette sta crollando". Quando è crollato abbiamo sentito tutti urlare "L'edificio sette è caduto, l'edificio sette è caduto". Era il caos totale alla radio, era difficile capire cosa dicevano.



Undicisettembre: Cosa è successo nel periodo che hai passato a Ground Zero dopo l'11 settembre? Cosa avete fatto?

Daniel O'Brien: Avrei dovuto essere in malattia per le ferite che ho subito. In caso di infortunio, la procedura prevede di informare il medico del distretto. Ma dal momento che la città era in stato di emergenza, il medico della polizia di New York mi rimise al lavoro. Mi sarei sentito inutile stare a casa e non stare con i miei colleghi della polizia di New York che lavoravano a Ground Zero. Fui assegnato a Ground Zero per quasi sette mesi e mi furono assegnate molte mansioni diverse. Uno dei miei compiti era ricerca e soccorso; un altro era la ricerca di prove, per trovare qualsiasi cosa potesse aiutare a identificare le vittime, ad esempio parti del corpo come braccia, gambe, dita, occhi, denti e tessuto cutaneo bruciato sugli indumenti da cui si potesse raccogliere il DNA per l'identificazione. La mia squadra e io siamo stati assegnati alla ricerca per il recupero del DNA per quasi un mese. Lavorai anche alle discariche dove venivano trasportati e scaricati i detriti dei crolli degli edifici. Il nostro compito era di esaminare ogni centimetro di detriti e cercare parti del corpo per raccogliere il DNA.


Undicisettembre: Quando ti sei ritirato dal Dipartimento di Polizia?

Daniel O'Brien: Mi sono ritirato nel 2005. Dato che il mio incarico e la mia priorità erano lavorare a Ground Zero, non mi ero preso cura della mano e in seguito ho perso la presa alla mano sinistra, che è quella dominante. Nel 2005 l'infortunio è peggiorato e alla fine ha portato al mio ritiro per invalidità dal NYPD.


Undicisettembre: In che modo l'11 settembre influenza la tua vita quotidiana anche oggi?

Daniel O'Brien: Sono passati vent'anni da quel giorno orribile. Mi perseguiterà e mi influenzerà sempre. Mi sono stati diagnosticati, e sono attualmente in cura, il disturbo da stress post-traumatico, apnea notturna, asma, dolore costante alla mano sinistra. Le ferite che mi porterò dietro tutta la vita e il ricordo della mia esperienza dell'11 settembre saranno per sempre un lato oscuro dentro di me.


Undicisettembre: Secondo te qual è la posizione degli USA nel mondo a vent’anni dall'11 settembre? È peggiore, migliore, uguale?

Daniel O'Brien: Al 100% peggiore. Non so se sai quello che sta succedendo da quando Biden è diventato presidente. La nostra situazione negli Stati Uniti non può peggiorare più di cosi con la crisi di confine che ha causato permettendo a pericolosi terroristi e cartelli della droga di entrare negli Stati Uniti da tutto il mondo. Sfortunatamente, stiamo tutti vivendo in tempi spaventosi.


Undicisettembre: Pensi che possa accadere di nuovo qualcosa di simile all'11 settembre?

Daniel O'Brien: Senza dubbio l'11 settembre può ripetersi, gli Stati Uniti sono un obiettivo aperto in questo momento, specialmente con l'amministrazione Biden che è estremamente rilassata con la politica di apertura delle frontiere che ha approvato.

2021/11/24

Cos'è l'ISIS-Khorasan

di Leonardo Salvaggio

Dal ritiro delle truppe americane nel mese di agosto del 2021, in Afghanistan sono tornati al potere i Talebani e nel caos in cui la nazione è piombata nuovamente è cresciuta la minaccia dei gruppi terroristici. In questo secondo regime talebano, la principale potenza terroristica è costituita del gruppo noto come ISIS Khorasan, affiliato dell'ISIS attivo nell'Asia centrale.

L'ISIS, altresì noto come Stato Islamico o DAESH, è nato nel 2014 in Iraq in seguito alla frattura del preesistente gruppo denominato ISI, Stato Islamico dell'Iraq che era inizialmente una costola di al-Qaeda, dalla stessa organizzazione di Osama bin Laden; all'ISI si unirono anche gruppi separatisti di Jabhat al-Nusra, ramo di al-Qaeda attivo il Siria e Libano. Nello stesso anno alcuni emissari dell'ISIS fondarono in Afghanistan un gruppo affiliato unendo gruppi combattenti fuoriusciti dal al-Qaeda, dai Talebani e da Tehrik-i-Taliban Pakistan (ovvero i Talebani del Pakistan) denominato ISIS Kohrasan, che traeva il proprio nome dalla regione storica di Khorasan che comprendeva parte di Iran, Turkmenistan e Afghanistan. La regione fu stabilita nel terzo secolo dalla dinastia Sasanide durante il suo impero, l'ultimo regime iraniano prima della nascita dell'Islam, e fu conquistata nel settimo secolo dagli arabi che la annetterono al califfato omayyade. Il nome Khorasan in persiano significa "terra del sole", per via della sua posizione orientale. La presenza del riferimento geografico nel nome del gruppo è analogo a quella del gruppo principale dell'ISIS il cui nome per esteso significa Stato Islamico di Iraq e Siria; nomi simili hanno anche gli altri gruppi regionali affiliati all'ISIS.


Il primo leader dell'ISIS Khorasan fu Hafiz Saeed Khan, proveniente dal gruppo dei Talebani pakistani, che venne nominato dallo stesso Abu Bakr al-Baghdadi, leader supremo dell'ISIS. Saeed Khan restò in carica fino a luglio 2016, quando venne ucciso in un attacco aereo americano. Dopo di lui il gruppo ebbe altre cinque leader che furono tutti uccisi: Abdul Hasib morto nell'aprile 2017, Abu Sayed ucciso l'11 luglio del 2017, Abu Saad Orakzai fino al 25 agosto 2018, Ziya ul-Haq ucciso dai Talebani nell'aprile del 2019, Abdullah Orokza fino all'aprile 2020. Da allora la guida dell'ISIS Khorasan è l'iracheno Shahab al-Muhajir, ex membro dei Talebani e della rete Haqqani (un altro dei gruppi terroristici attivi in Afghanistan) nonché primo leader dell'ISIS Khorasan a non essere né afghano né pakistano.

I rapporti dell'ISIS Khorasan con i Talebani sono principalmente ostili, al punto che i Talebani sono numericamente il principale obiettivo degli attentati dei miliziani del Khorasan. Il motivo dell'ostilità sta principalmente nel fatto che i due gruppi hanno obiettivi diversi: i Talebani vogliono regnare e imporre la sharia nell'emirato dell'Afghanistan, mentre l'ISIS Khorasan vuole riunire tutta la regione del Khorasan sotto un nuovo califfato. In secondo luogo l'ostilità dell'ISIS Khorasan verso i Talebani risiede nella volontà di imporsi come principale gruppo militante dell'area e strappare guerriglieri agli antagonisti. Tuttavia come spesso accade i confini delle relazioni tra i due gruppi sono spesso sfumati, perché i Talebani e l'ISIS Khorasan hanno collaborato in alcuni attentati contro il governo afghano, prima della caduta, grazie anche alla mediazione della rete Haqqani.

Fonte: Center for Strategic and International Studies

Gli attacchi dell'ISIS Khorasan sono condotti in modo simile a quelli del gruppo principale, con attacchi suicidi, assalti con armi da fuoco, rapimenti e decapitazioni. Oltre ai Talebani, sono obiettivi frequenti degli attacchi del'ISIS-K sia i civili sia le forze di sicurezza afghane e NATO.

Al momento si ritiene che il gruppo sia composto da un numero di guerriglieri compreso tra 4000 e 5000 e che sia cresciuto notevolmente negli ultimi mesi per via degli assalti alle prigioni seguiti alla partenza delle truppe americane che hanno fatto sì che molti terroristi detenuti venissero liberati. Per fare un confronto, nel periodo di massima espansione dell'ISIS la CIA stimava che i combattenti arruolati fossero in un numero imprecisato compreso tra 20.000 e 31.500

Una differenza notevole rispetto al precedente regime dei Talebani è costituita dal fatto che, come già spiegato, questo gruppo terroristico non è alleato del regime come fu al-Qaeda negli anni 90 e inoltre non sembra per ora avere interesse a compiere attentati al di fuori della propria regione. Ovviamente questo rende in alcun modo la minaccia rappresentata dall'ISIS Khorasan meno pericolosa di quella posta dallo Stato Islamico o da al-Qaeda.


Fonti:

2021/11/13

L'FBI rilascia un secondo lotto di documenti desecretati

di Leonardo Salvaggio

A seguito dell'ordine esecutivo del Presidente Joe Biden, l’FBI ha rilasciato un secondo lotto di documenti relativi alle indiagini sull'11 settembre. La mole di documenti è impressionante e in totale ammonta a più di 700 pagine che sono in parte ancora censurate. Per ogni segmento cancellato è specificato in quale casistica rientra (ad esempio, informazioni che richiedono l'autorizzazione di un giudice, informazioni riservate alle forze di polizia o informazioni personali come date di nascita o social security numbers).


Dai documenti emergono numerose conferme di quanto già si sapeva, cioè che il governo saudita, attraverso il Ministero degli Affari Islamici e il suo direttore presso l'ambasciata di Washington, Musaed al-Jarrah, ha aiutato e finanziato due dei dirottatori del volo American Airlines 77, Khalid Al-Mihdhar e Nawaf Al-Hazmi, che si schiantò contro il Pentagono. Il gruppo che li supportò in California era guidato dal saudita Omar al-Bayoumi, che aveva stretti legami con l'ambasciata e che veniva da loro stipendiato. L'FBI, secondo quanto pubblicato, ha interrogato diverse volte lo yemenita Mohdar Abdullah, una delle personalità coinvolte nel supporto ai terroristi su ordine di al-Bayoumi, il quale si disse convinto che il suo mandante fosse stipendiato dal governo di Riyadh, ma non seppe portare prove di ciò.

Dalle oltre settecento pagine emergono anche dettagli importanti sul perché il governo saudita possa aver tollerato o organizzato azioni di supporto del genere. Una delle prime risposta arriva dal documento intitolato Documents Responsive to Executive Order 14040 Section 2-b-i- Part 01 of 02 (di 478 pagine), a pagina 381, in cui si parla di un uomo noto come Omar Khadib (altre volte scritto come Omar al-Khateeb o Omar al-Khatib), membro di al-Qaeda residente negli USA allo scopo di arruolare potenziali terroristi in occidente e stretto contatto di al-Bayoumi. Khadib era stato in passato membro di Al-Ittihad al Islamiya (organizzazione terroristica somala) ed era un sostenitore del rovesciamento del regime saudita. È quindi plausibile che il governo saudita abbia dovuto in parte accontentare gli estremisti islamici per evitare una rivolta contro il regime stesso, come ipotizzato dall'ex agente speciale dell'FBI Kenneth Williams in una recente intervista a Undicisettembre.

Inoltre l'FBI ha indagato quale possa essere il livello di collaborazione tra il Ministero per gli Affari Islamici e al-Qaeda ed è giunta a tre possibili scenari elencati nel file Documents Responsive to Executive Order 14040 Section 2-b-i- Part 02 of 02 a pagina 220: al-Qaeda potrebbe essersi infiltrata nel ministero, oppure membri estremisti del ministero potrebbero aver voluto sostenere al-Qaeda pur non facendone parte, o in ultimo potrebbe esserci un’alleanza tra ministero e al-Qaeda per interessi comuni. A questo interrogativo non esiste ancora una risposta.

La documentazione contiene anche varie testimonianze di Abdussattar Shaikh, cofondatore del Centro Islamico di San Diego e informatore dell’FBI dal 1994, nella cui casa di Lemon Groove, nella contea di San Diego, i due dirottatori abitarono nel primi mesi del 2000. Shaikh non informò l'FBI della presenza di due membri di al-Qadea nel suo complesso abitativo se non dopo gli attentati stessi. Disse di aver sentito dire nella comunità islamica locale che al-Bayoumi fosse un agente dei servizi segreti di Riyadh, ma gli risultava difficile da credere perché lo reputava di bassa intelligenza.

Il rilascio dei documenti non è ancora stato ultimato e ne sono attesi altri entro marzo del 2022.

A distanza di oltre vent'anni, i motivi per cui il governo saudita ha supportato i terroristi sembrano quindi essere una combinazione di tre fattori: la necessità di accontentarli per evitare attacchi contro il regime, l'influenza di al-Qaeda sul Ministero degli Affari Islamici e un probabile tentativo di reclutamento da parte dell'intelligence andato male a causa dell'imperizia delle persone a cui l'incarico era stato affidato.

2021/11/05

La sparizione di Sneha Anne Philip

di Leonardo Salvaggio

La mattina dell'11 settembre 2001 nella punta meridionale di Manhattan persero la vita più di 2600 persone negli attentati di al-Qaeda contro le Torri Gemelle. Delle vittime esiste un elenco ufficiale nel quale compare anche il nome di una persona la cui fine è in realtà poco chiara, perché era sparita già il giorno prima in circostanze completamente diverse.

La dottoressa Sneha Anne Philip, nata in India trentadue anni prima e trasferitasi negli USA da bambina, viveva con il marito Ron Lieberman in un appartamento a Battery Park City, quartiere di Manhattan a pochi isolati a sud-ovest del World Trade Center. I due erano entrambi medici, Sneha svolgeva il proprio internato presso il Cabrini Medical Center di Manhattan, mentre Ron lavorava al Jacobi Medical Center nel Bronx con un contratto simile. Il 10 settembre Sneha aveva preso un giorno di ferie per riordinare casa, in vista di una cena a cui aveva invitato dei parenti pochi giorni dopo, e per fare degli acquisti. Intorno alle 14 chiamò al telefono sua madre con la quale ebbe una conversazione di due ore durante cui le disse di avere intenzione di visitare il Windows of the World, il ristorante agli ultimi piani della Torre Nord, perché la primavera successiva avrebbe dovuto andarci per una festa di matrimonio. Chiusa la telefonata, Sneha uscì e andò al grande magazzino Century 21 al numero 21 di Dey Street, a un isolato dal World Trade Center, dove acquistò degli indumenti per sé e delle lenzuola. La sera del 10 settembre Ron tornò nell'appartamento di Battery Park City appena prima di mezzanotte e scoprì che Sneha non era tornata; l'uomo non si allarmò perché alle volte la moglie stava fuori per la notte per dormire a casa di amici senza avvisarlo, anche perché lui spesso la sera tornava molto tardi e la donna non stava volentieri a casa da sola. La mattina dell'11 settembre Ron si svegliò alle 6:30 e ancora la moglie non era tornata.

Come ogni mattina, Ron andò al lavoro nel Bronx e quando i due aerei dirottati si schiantarono contro le torri e il caos si diffuse in città, iniziò a preoccuparsi per la moglie. Sneha non aveva un cellulare, quindi Ron tentò di raggiungerla sul telefono di casa ma nessuno rispose alla chiamata. Ron chiamò anche la madre e il fratello di Sneha ma nessuno di loro aveva notizie. Alle tre del pomeriggio Ron abbandonò l'ospedale del Bronx per andare in quello che nel frattempo era diventato Ground Zero in cerca della moglie. Impiegò sei ore a compiere il tragitto in ambulanza ed essendo un medico riuscì ad entrare nella zona che era stata recintata dalla polizia, ma non poté comunque ad entrare in casa perché l'apertura del portone d'ingresso non funzionava senza corrente elettrica. Passò quindi la notte a casa di un amico e la mattina dopo riuscì a entrare, l'appartamento era invaso dalla polvere del crollo ma sulla polvere c'erano solo i segni delle zampe dei due gatti della coppia e nessuna traccia di passaggio umano. Sneha non era mai tornata in casa.


Ron e la famiglia di Sneha iniziarono quindi a distribuire volantini con la sua foto, come facevano tutte le altre famiglie delle vittime dei crolli. Il fratello di Sneha dichiarò mentendo in un'intervista alla ABC di aver avuto una conversazione telefonica con la sorella mentre questa si allontanava dalle torri in fiamme, in modo che il network televisivo mostrasse in diretta il volantino realizzato dalla famiglia, ma all'appello non rispose nessuno.

Ron Lieberman denunciò la sparizione all'NYPD e parallelamente si mise autonomamente sulle tracce della moglie, contattando l'American Express (circuito usato da Sneha per il pagamento di quanto acquistato il 10 settembre) e Century 21. Dalle prime verifiche risultò che una commessa di Century 21 ricordava di aver visto Sneha il 10 settembre in compagnia di una seconda donna di origine indiana, la commessa aveva anche pensato che le due fossero sorelle. Liberman assunse quindi un investigatore privato, l'ex agente speciale dell'FBI Ken Gallant, e grazie alle loro indagini emerse un filmato delle videocamere di sicurezza di Century 21 che mostrava Sneha il 10 settembre muoversi all'interno del negozio da sola, la presunta amica non si vede in nessun video. Grazie alle indagini di Liberman si poté risalire anche al video della telecamera di sicurezza del palazzo dove Ron e Sneha vivevano, in cui si vede alle 8:43 dell'11 settembre, pochi minuti prima dello schianto del volo American Airlines 11 contro la Torre Nord, una donna con la fisionomia e la gestualità di Sneha, che indossava un abito simile a quello con cui era uscita il giorno prima, entrare nella lobby e avvicinarsi agli ascensori, aspettare qualche minuto e poi uscire dal palazzo senza entrare nella cabina dell'ascensore. Per via del contrasto e della luce del sole, della donna si vedono solo i contorni e Lieberman non si disse sicuro che si trattasse della moglie, mentre l'investigatore dell'NYPD assegnato al caso riteneva che fosse proprio la dottoressa scomparsa. In ogni caso la persona del video non ha con sé i sacchetti per gli acquisti con cui Sneha era uscita da Century 21.

Lieberman si arrese quindi all'idea che la moglie fosse morta nel crollo delle Torri. L'ipotesi più concreta era che il 10 settembre fosse andata a fare shopping con un'amica incontrata per caso (perché dai tabulati telefonici e dalle sue email non risulta che Sneha avesse appuntamento con qualcuno), fosse poi rimasta fuori a cena e si sia fermata dall'amica per la notte sapendo che il marito avrebbe lavorato fino a tardi. Il mattino dopo stava per tornare a casa quando il primo aereo colpì la prima torre, a quel punto Sneha potrebbe aver deciso di andare al World Trade Center per offrire il proprio servizio come medico.

Fotogramma dal video di Century 21

L'indagine dell'NYPD partì in ritardo, in quanto l'intero dipartimento era coinvolto nei soccorsi e nelle indagini successive all'11/9, e quello che emerse fu un quadro completamente diverso. Secondo il rapporto della polizia l'ospedale presso cui lavorava aveva comunicato a Sneha che non le avrebbe rinnovato il contratto di internato perché si presentava al lavoro spesso in ritardo e per via di un suo presunto abuso di alcolici. Poco dopo aver avuto la notizia del fatto che si sarebbe trovata presto senza lavoro, Sneha accusò un collega di averla molestata durante una serata tra colleghi; secondo il procuratore l'accusa si rivelò falsa e Sneha venne condannata a trascorrere un giorno in prigione. La donna avrebbe anche avuto anche problemi coniugali per il fatto di trascorrere spesso le notti fuori casa in locali gay e per il fatto di avere anche relazioni con donne. Il fratello John avrebbe riportato, sempre secondo il rapporto, di aver incontrato Sneha in atteggiamenti affettuosi con la propria fidanzata. La situazione tra Sneha e Ron era tesa anche al momento della sparizione; infatti secondo le conclusioni della polizia i due avrebbero avuto una lite proprio la mattina del 10 settembre in tribunale, dove Sneha dovette rispondere della falsa accusa sulle presunte molestie dichiarandosi non colpevole, per via del suo abuso di droghe e di alcol e per le sue abitudini sessuali.

Tuttavia la famiglia di Sneha rifiutò tutte le conclusioni a cui l'NYPD era giunto, sostenendo che Sneha fosse davvero vittima di molestie sessuali e discriminazioni razziali e che il suo internato non era stato rinnovato perché era di fatto una whistleblower in quanto altre donne subivano lo stesso trattamento al Cabrini Medical Center. Inoltre il marito ammise che la moglie frequentava locali gay per assistere a concerti da vivo, ma per il fatto che quelli erano gli unici in cui non veniva avvicinata da uomini, respingendo quindi l'idea che Sneha fosse bisessuale. John smentì anche di aver trovato Sneha in atteggiamento equivoco con la propria fidanzata, sostenendo che fosse solo il frutto della fantasia del poliziotto che redasse il verbale.

Ken Gallant sulle prime ipotizzò che Sneha potesse aver finto la propria morte per sottrarsi ai propri problemi personali e iniziare una nuova vita altrove, ma l'ipotesi oltre che molto fantasiosa era anche priva di solide basi, perché Sneha aveva lasciato a casa passaporto, patente, occhiali e carte di credito ad eccezione dell'American Express usata da Century 21. La famiglia continuò a sostenere che con ogni probabilità la loro congiunta era morta dei crolli; in ogni caso, non essendoci prove che Sneha fosse ancora in vita la mattina dell'11/9, nel 2004 il tribunale stabilì che dovesse essere rimossa dalla lista ufficiale delle vittime degli attentati insieme a due coniugi texani, Kacinga Kabeya e Kapinga Ngalula, che erano in visita a New York in quei giorni e che da allora scomparvero nel nulla.


Ron Lieberman fece ricorso in appello invocando il fatto che un'altra persona di cui non si ha certezza che sia morta nei crolli è conteggiata tra le vittime dell'11/9: il cubano Juan Lafuente, che lavorava con un ruolo dirigenziale alla Citybank a otto isolati dal World Trade Center. Lafuente l'11 settembre 2001 prese la metropolitana alla stazione di Grand Central alle 8:06 diretto a Wall Street, da allora non si hanno più sue notizie ed è considerato una vittima degli attentati. Nel 2008 arrivò la sentenza e il giudice diede ragione a Lieberman sostenendo che rimaneva altamente probabile che Sneha fosse morta nei crolli e che questa ipotesi è più probabile di qualunque altra, perché se Sneha fosse morta il giorno prima in altre circostanze il corpo sarebbe negli anni stato rinvenuto, perché di solito i cadaveri da omicidio vengono prima o poi trovati. Da allora Sneha fa parte dell'elenco ufficiale delle vittime e ad oggi il suo nome è inciso insieme agli altri nei bordi delle fontane che occupano lo spazio che fu delle Torri Gemelle.

Il caso di Sneha Anne Philip è molto intricato, ma non fu l'unico di questo genere nella ricostruzione dell'elenco delle vittime. Oltre ai già citati Kacinga Kabeya, Kapinga Ngalula e Juan Lafuente, esiste almeno un altro caso: quello dell'immigrato messicano ventenne Fernando Molinar che lavorava come fattorino in una pizzeria del quartiere Tribeca, vicino al World Trade Center, e che la sera dell'11 settembre non tornò a casa e da allora non esistono altre notizie di lui.

Che Sneha Anne Philip sia davvero morta nei crollo delle Torri Gemelle è ovviamente la spiegazione più ovvia e probabile del suo triste destino, e purtroppo casi come questi ci ricordano anche quanto sia stato complicato e a volte tortuoso identificare le vittime di un evento così vasto.




Fonti:

2021/10/14

Afghanistan and the second rise of the Taliban: an interview with former NCIS agent Craig Covert

by Leonardo Salvaggio. An Italian translation is available here.

Since last August the Taliban are back in power in Afghanistan after the US withdrew their troops. To understand what happened and why, we invited former NCIS agent Craig Covert for an interview; Covert is also a Pentagon responder and we made a first interview with him about 9/11 a few years ago.

We would like to thanks Craig Covert for his kindness and help.





Undicisettembre: Would you like to tell us something about your mission to Afghanistan? What role did you have and what were the most striking aspects of Afghanistan back then?

Craig Covert:
In 2011, I was deployed with the Second Marine Expeditionary Force, or II MEF (Fwd), to Kabul, Afghanistan, where I was assigned as the United States Marine Corps Liaison Officer to the Drug Enforcement Administration. Not many people were aware that the DEA had a field office in north Kabul aboard a small Afghan compound just several miles from the Kabul International and military Airport. DEA’s mission was to train and mentor Afghan counter-narcotics police, known as the NIU or National Interdiction Unit, as well as Afghan investigators from the Special Investigations Unit, or SIU. Though mentored and trained by the DEA, NIU and SIU were Afghan led and run, reporting to their own Afghan chain of command.The DEA agents in Kabul were similarly supervised by their own executives, and despite working in close proximity with the NIU and SIU daily, lived in a separate compound housed within the larger NIU/SIU base. This location was ideally situated to give the DEA and NIU/SIU teams independence of movement, by virtue of their separation from the larger, bureaucratic coalition forces situated at the airport, the Embassy and the various US military FOB’s (forward operating base) in Kabul.

As you well know, the Taliban funded many of their operations through the export and sale of illicit opium products that were produced in the poppy-fields of Afghanistan, mostly growing in the provinces of Kandahar and Helmand to the south.As such, the NIU and SIU were learning not only how to identify and dismantle large, well-run drug labs, but also how to conduct complex drug investigations and how to cultivate informants and utilize technology in the exercise of those operations.Drug investigations can be highly complex, especially when targeting the dangerous drug networks that were spread throughout the provinces.

DEA utilized and deployed small strike force teams in the various Provinces, and were almost always embedded with a larger U.S. or coalition military unit. The strike force teams were manned by a small team of DEA agents who trained and mentored squad-sized units of NIU paramilitary troops. Often, the existing military units in a particular area were already aware of drug labs in the vicinities of their patrols or operations and were eager to embed the DEA/NIU teams into their patrols to handle not only drug lab encounters, but also to sweep up and arrest high profile drug targets who were identified during operational planning. DEA was far more directly involved in the on-ground military operations than most U.S. civilian organizations, as they embedded directly with Marine Corps and Army units.

As the liaison to the DEA, it was my job to coordinate and de-conflict DEA operations in Helmand Province, where the Marines of II MEF (Fwd) were living and operating. As the Province with the most active drug operations and investigations in the 2011/2012 timeframe, DEA recognized a need for having an on-ground Liaison Officer who could introduce a law enforcement perspective during military operational planning events. The military understood the rule of law, as dictated by their chain of command, but few career military planners had any understanding of drug investigations; the legalities of search and seizure; or the utilization of pen registers, trap and trace operations or informants.

Weekly, I would fly to Helmand to meet with the C-3 Operations cell and coordinate in the planning of operations against the Haqqani drug network, a major source of Taliban funding. As such, the Marine Corps was very interested in suppressing the drug trade in Helmand, knowing every dollar obtained by the Taliban through the export and sale of opium would be used to purchase another bullet that would potentially be aimed at US Marines.


Undicisettembre: The next inevitable question is, was what happened in the last weeks and months the only way to end this war? Was this the only inescapable conclusion?


Craig Covert:I believe the situation that occurred this summer was preventable, but only had the U.S. and her coalition partners maintained an indefinite presence in Afghanistan.History has proven that no matter how well-armed and financed an occupying force is, the will of the Afghan people will always outlive the perseverance of the military force attempting to tame them. The British attempted to colonize Afghanistan in the 1800’s and suffered miserably during the Anglo Afghan wars.In 1979, the Soviet Union conducted an invasion of Afghanistan that eventually led to a withdrawal and absolute failure, eerily similar to ours. It is often referred to in Russia as “the Soviet Union’s Vietnam.”

While we could have stayed and continued to fund and maintain the Afghan National Army (ANA) indefinitely, there was no political will to do so within the Biden Administration. The high financial cost has always been a lightning rod within the US Congress, and after 20 years, many Americans and politicians alike felt it was time to bring our troops home. Unfortunately, the President appears to have conducted a premature withdrawal that was clearly not in line with the recommendations of his most senior military advisors. The failure was exemplified with the unexpected withdrawal of US forces from Baghram Airbase under the cover of darkness, with troops leaving behind millions of items. They included everything from insignificant bottles of water, MRE’s and office furniture to hundreds of armored vehicles and thousands of civilian vehicles.

One could easily argue the beginning of the end actually goes back to 2014 when US forces turned over the massive forward operating base in Helmand Province, or “Camp Leatherneck”, to the ANA. Although the ANA technically took possession of the base, Leatherneck remained mostly deserted, as well as looted, thus leaving large swaths of land in the Province open to the return of the Taliban. To the east, the forward operating base in Khandahar slowly downsized and eventually closed her doors in 2021, leaving the entire southern region occupied by poorly led ANA forces with a minimal footprint.It came of little surprise that the Taliban quickly filled the vacuum created by the disappearance of coalition troops, and much like US politicians, the ANA had no will to continue the fight against them. As the Taliban presence grew, the provinces slowly returned to their old ways of life, plowing under the western-recommended wheat and cultivating new poppy fields. With the poppy, the Taliban once again had a steady source of income with which to finance their militias.

The hasty withdrawal of forces from Kabul absolutely emboldened the Taliban, who conquered Province after Province with lightning speed. All of the warning signs were there, but apparently those in charge of the Pentagon and the White House were asleep at the helm.Despite gathering at the outskirts of the city, I do not believe the Taliban would have entered Kabul had American personnel remained. Unfortunately, American politicians have no stomach for war. They only see diminishing polling percentages and short-lived careers in their current jobs. Today, American exceptionalism is measured in votes, nothing more. Hence, an immediate, unexpected and hastily conducted withdrawal was executed.Without an administration that was willing to sacrifice for the good of the Afghan government and her people, it was an inevitable conclusion.


Undicisettembre: Let's set the point straight on who made the worst mistakes on this: was it the previous administration by signing the peace deal with the Taliban or the incumbent one by withdrawing from Afghanistan so fast?

Craig Covert: Blame lies partially with both administrations, although it was indeed President Biden who made the ultimate decision to pull all troops out of Afghanistan.While it is true that President Trump started the downfall by signing the Doha Agreement with the Islamic Emirate of Afghanistan(Taliban), it can be argued that the agreement with a group that is not officially recognized by the United States cannot be considered valid and can, as a matter of record, be invalidated for good cause.

Many believe that had President Trump still been in power, he would have maintained a nominal presence of troops at KIA, if only to protect our military interests, assets and civilians still living in Kabul. What could have or would have happened had Trump been reelected will never be known, but what cannot be denied is which President ordered the actual that occurred in 2021.

President Biden had an opportunity to escape from the Doha agreement based on the failed Afghan peace talks, but for whatever reason, he chose not to do so.Unfortunately, President Biden was the Commander in Chief when the decision to withdraw was made. Therefore, the blame must rest with him and those General’s who failed to argue against his decision.It should be noted, however, that even General’s cannot make the decisions for POTUS – they can only advise. Ultimately, it is the civilian Commander in Chief – namely the President of the United States, who makes the call.

Recently, US Defense Secretary Lloyd Austin and Generals Mark Milley and Kenneth McKenzie, the Chairman of the Joint Chiefs of Staff and the Commander of Central Command respectively, all reported President Biden had been given recommendations to leave between 2,500 and 4,000 American troops on-ground. While America certainly had the military might and technology to keep the Taliban at bay and from taking over Kabul, at least for the short term, the President’s politically charged short-sightedness clearly led to the Taliban quickly taking Kabul. The President failed to grasp what nearly every military man and woman who’d served in Afghanistan already knew –if we left Afghanistan in the hands of the ANA without our support, they were doomed to fail.


Undicisettembre: How come the Afghan army collapsed so fast?

Craig Covert: There were many issues leading to the collapse of Afghanistan, with far too many to list. However, I will touch on a few.First, Afghanistan was never a country to be conquered by a foreign invader, for it isn’t a “country” in the sense that we as westerners think of a country. There is little to no sense of national unity. Afghanistan is truly a conglomeration of tribes and warlords, peasants and politicians, most of whom will fight for their tribe or clan before fighting for their government. Their true loyalty lies with the tribe, clan and group, not the capitol or political leadership. One may speak Pashto or Dari, or one of a dozen different dialects.In fact, Pashtun nationalism is believed to be as great as, if not greater than, political nationalism. This very real lack of national identity creates walls when soldiers and politicians from your country’s ruling government cannot even speak the same language as you or your neighbors. How can one expect national programs to work when dictated by one tribe or clan to another? It doesn’t. As with a lack of national identity, the value of western styled democracy falls on deaf ears throughout the provinces. One cannot introduce a constitutional republic, complete with its western business opportunities and expectations to be accepted by an Afghan national overnight, considering the history of Afghanistan. Westernization is a foreign concept to most Afghans, just as the 1700’s Samurai leadership of Japan would be unfathomable to Americans today.

Corruption within the civilian and military leadership was certainly a factor in the collapse of Afghanistan. We empowered warlords to garner provincial cooperation; we overlooked bribery among politicians; we allowed the Afghan government to by-pass safeguards against the smuggling of cash from Afghanistan to neighboring countries.For every pair of boots we gave to an Afghan Commander for his troops, a certain percentage ended up at the local bazaar, often sold by the Commander himself, with troops showing up to formation in slippers and sandals.Corruption was and remains wide-spread and a lack of will, combined with the lack of resources, to stop the corruption simply led to a deteriorating system of government that would never stand on its own for very long.

The collapse of the ANA itself was always on the mind of every soldier or Marine who had served with them. While there are certainly exceptions, most troops had little confidence in the abilities and the capabilities of the ANA, many of whom were illiterate, poorly educated, or who simply failed to show up for duty at specified places and times. The biggest worry among US forces was the tepid will of the average soldier, which seemed to come and go with no apparent reason beyond how hard the soldier was pushed or how difficult his mission was presumed to be.

There is an old adage that goes something like this:“Give a man a fish, he eats for a day. Teach a man to fish, he eats for a lifetime.”There couldn’t be a better explanation for the ANA’s failure. The US and our partners spoon-fed the ANA, day in and day out, for twenty years. We provided them with resources; we effectively paid their salaries. We allowed the ANA to place incapable and ineffective leaders within their ranks without saying anything for fear of offending them. We provided all logistical resources and combat equipment used by their units, from uniforms to small arms and vehicles. The ANA never took true “ownership” of their end-item equipment when it came to maintenance and caring for that equipment. American service members are expected to master their military occupational specialties and become experts in their field after the first three years of their enlistment, which results in advancement in rank and responsibility. Yet somehow, despite giving the ANA twenty years worth of training and equipment, they mastered little. It all boiled down to dependency. As long as US and coalition forces provided the beans, bullets and band-aids, maintained the vehicles and weapons and babysat the ANA on every patrol and route reconnaissance, the ANA would stay nothing more than a uniformed group of individuals who collected a semi-reliable paycheck, but were ineffective on their own as a fighting force. This became apparent when the ANA quickly laid down its arms at the first hint of an oncoming Taliban offensive. We created a monster that all of the money in the world couldn’t fix.


Undicisettembre: As far as you know are the Taliban in possession of American vehicles and weapons? If so, how come that happened?

Craig Covert: Absolutely!It only takes a quick search on YouTube, social media or any reputable online news agency to find dozens of videos proving US assets fell into the hands of the Taliban. Uniforms, armor, radios, vehicles, trucks, armored personnel carriers, munitions…. the list is endless.Naysayers will state that US troops ensured that the armored vehicles and aircraft at KIA were disabled before the pullout, and that may be true, but those actions have no bearing on the thousands of vehicles, the tens of thousands of weapons, nor the millions of rounds of small ammunition that were captured by the Taliban from surrendering ANA forces who simply dropped or handed over the equipment without a fight.The withdrawal of US forces from Afghanistan has effectively outfitted the Taliban with enough gear and weaponry to become a formidable military force that we will one day have to face on the battlefield.


Undicisettembre: The Taliban are somehow presenting themselves as more modern and maybe more moderate than before. In my opinion they are just faking it and they will prove themselves as violent as they were in the 90s. What do you think, are they somehow reliable in this case?

Craig Covert: The Taliban have proven themselves dishonest and disingenuous and were not in power for more than several weeks before showing their true colors. Barbershops can no longer cut men’s beards or play music.Convicted “prisoners” (for what crimes we may never know) have been strung up beneath cranes and displayed throughout Kabul. Women have been denied schooling and are being segregated from men throughout the city. Interpreters and others who worked for or alongside the US and former Afghan government have been hunted down and executed. The short answer to the question is apparent - the Taliban have never been reliable or truthful and will certainly mimic the fundamentalist savagery they displayed 2 decades ago.


Undicisettembre: One important difference that I see with respect to the past is that while the Taliban used to be allies with al-Qaeda, now ISIS Khorasan is their enemy therefore they probably won't allow the terrorists to build and run their bases. What do you think of this? Can this be an important difference?

Craig Covert: Certainly there will be factions of terrorist organizations in Afghanistan who consider other radical Islamist organizations their enemy, even if both consider the US their common enemy. It would be naïve to think that ISIS-K would submit to the Taliban and vice versa, as both wish to assume power within the country. Much like the divide between the Shia and Sunni in Iraq, or for that matter, the divide between ISIS Iraq and the Iraqi Government, Islam alone will not be enough to bring ISIS-K and the Taliban into partnership. I believe the US and her allies will continue to covertly target elements of ISIS-K in the near future should they exhibit any threat toward western civilians in Afghanistan, with the inevitable targeting of Taliban forces should they continue to tamp down on the freedoms of the Afghan people. I do not believe it will be long before we see the Taliban’s first offensive movement against groups of westerners still remaining within her borders.


Undicisettembre: Isn't it unfair to say the war was lost by the US? I mean, the reason why the US went to Afghanistan was to destroy terrorists' bases, which they did and another 9/11-like attack is now unlikely. What do you think?

Craig Covert: The last war won by the US was World War II. America withdrew her forces from Korea following the signing of the Korean Armistice in 1953. America left Vietnam following the signing of the Case-Church Amendment in 1973, officially ending US involvement. This resulted in the failure of the Paris Peace Accord and the eventual capture of Saigon. Since that time, America has done a great job winning battles, but winning wars has become a lost art. Some will argue that America and her allies “won” Desert Storm (the Gulf War), but Saddam Hussein remained in power and the war was reignited only a decade later.

It was not unexpected that once again, American politicians would bow to the will of the people (aka: the power of the vote) and withdraw her forces from Afghanistan.What was unexpected by most was the manner in which it was done and the speed of the withdrawal. In my opinion, it was done without forethought and thorough planning; in haste and with reckless disregard for the interpreters and Afghan civilians who’d previously assisted US forces.

We left before credible governance was accepted by her own people. We left an Afghanistan that was either unable, or perhaps unwilling to save itself from the Taliban.

Afghanistan e il ritorno al potere dei Talebani: intervista all'ex agente dell'NCIS Craig Covert

di Leonardo Salvaggio. L'originale inglese è disponibile qui.

Dallo scorso agosto i Talebani sono tornati al potere in Afghanistan, dopo il ritiro delle truppe americane. Per capire cosa è successo e perché abbiamo invitato per un'intervista l'ex agente dell'NCIS Craig Covert: Covert è stato anche un soccorritore dell'attacco al Pentagono e alcuni anni fa abbiamo già fatto un'intervista con lui sull'11/9.

Ringraziamo Craig Covert per la sua cortesia e disponibilità.





Undicisettembre: Ci racconti qualcosa della tua missione in Afghanistan? Che ruolo avevi e quali erano gli aspetti più importanti dell'Afghanistan di allora?

Craig Covert:
Nel 2011 sono stato inviato con la Second Marine Expeditionary Force [forza aeroterrestre dei Marines composta principalmente dalla seconda divisione, NdT], altresì detta II MEF (Fwd), a Kabul, in Afghanistan, dove avevo il ruolo di Ufficiale di Collegamento del Corpo dei Marines con la Drug Enforcement Administration. Non molti sapevano che la DEA aveva un ufficio sul campo a nord di Kabul, in un piccolo compound a pochi chilometri dall'aeroporto internazionale e militare. La missione della DEA era quella di addestrare e fare consulenza per la polizia antidroga afgana, nota come NIU o National Interdiction Unit, e agli investigatori afgani dell'Unità Investigativa Speciale, o SIU. Sebbene si avvalessero della formazione e della consulenza dalla DEA, NIU e SIU erano guidati e gestiti da afgani, che riportavano alla loro catena di comando afghana. Gli agenti della DEA a Kabul erano analogamente supervisionati dai propri dirigenti e, nonostante lavorassero quotidianamente in stretta vicinanza con la NIU e la SIU, vivevano in un complesso separato all'interno della base principale della NIU e della SIU. Questa posizione era idealmente situata per dare alle squadre DEA e NIU/SIU indipendenza di movimento, per via della loro separazione dalle più numerose forze burocratiche della coalizione situate all'aeroporto, all'ambasciata e nelle varie basi operative avanzate dei militari statunitensi a Kabul.

Come ben sai, i talebani finanziavano molte delle loro operazioni con l'esportazione e la vendita di prodotti illeciti dell'oppio che venivano prodotti nei campi di papaveri dell'Afghanistan, per lo più ​​nelle province di Kandahar e Helmand a sud. Pertanto, la NIU e la SIU stavano imparando non solo come identificare e smantellare grandi laboratori di droga ben gestiti, ma anche come condurre complesse indagini antidroga e come ottenere informatori e utilizzare la tecnologia in tali operazioni. Le indagini antidroga possono essere molto complesse, soprattutto se si prendono di mira le pericolose reti della droga diffuse in tutte le province.

La DEA utilizzava e dispiegava piccole squadre di forze d'attacco nelle varie province, quasi sempre in collaborazione con una più grande unità militare statunitense o della coalizione. Le squadre delle forze d'attacco erano gestite da una piccola squadra di agenti della DEA che addestravano e guidavano unità di truppe paramilitari della NIU. Spesso, le unità militari di in una particolare area erano già a conoscenza di laboratori di droga nelle vicinanze delle loro pattuglie o di dove operavano ed erano ansiose di collaborare con le squadre DEA/NIU non solo per gestire gli incontri con i laboratori di droga, ma anche per spazzare via e arrestare narcotrafficanti di alto profilo che erano stati identificati durante la pianificazione operativa. La DEA era molto più direttamente coinvolta nelle operazioni militari a terra rispetto alla maggior parte delle organizzazioni civili statunitensi, poiché lavoravano direttamente all’interno delle unità del Corpo dei Marines e dell'Esercito.

Come collegamento con la DEA, era compito mio coordinare e risolvere i conflitti delle operazioni della DEA nella provincia di Helmand, dove stavano e operavano i Marines del II MEF (Fwd). Siccome era la provincia con le operazioni e indagini antidroga più attive nel periodo 2011/2012, la DEA riconobbe la necessità di disporre di un Ufficiale di Collegamento a terra che potesse introdurre una visione da forze dell’ordine durante la pianificazione di operazioni militari. I militari capivano il ruolo delle forze dell’ordine, come dettato dalla loro catena di comando, ma pochi militari di carriera avevano una qualche comprensione di come funzionano le indagini antidroga; la legittimità di perquisizioni e sequestri, o l'uso di registri cartacei, operazioni di intercettazioni e tracciamento o informatori.

Ogni settimana volavo a Helmand per incontrare la cellula operativa C-3 e coordinarmi nella pianificazione delle operazioni contro la rete di droga Haqqani, una delle principali fonti di finanziamento dei talebani. Per questo motivo, il Corpo dei Marines era molto interessato a sopprimere il traffico di droga a Helmand, sapendo che ogni dollaro ottenuto dai talebani attraverso l'esportazione e la vendita di oppio sarebbe stato utilizzato per acquistare altre armi che avrebbero potuto essere usate contro i Marines statunitensi.


Undicisettembre: La prossima inevitabile domanda è: quello che è successo nelle ultime settimane e negli ultimi mesi era l'unico modo in cui si poteva concludere questa guerra? Era questa l'unica conclusione inevitabile?

Craig Covert: Credo che la situazione che si è verificata quest'estate fosse evitabile, ma solo nel caso in cui gli Stati Uniti e i loro alleati fossero rimasti in Afghanistan per un tempo indefinito. La storia ha dimostrato che non importa quanto ben armata e finanziata sia una forza di occupazione, la volontà del popolo afghano sopravvivrà sempre alla perseveranza della forza militare che tenta di domarli. Gli inglesi tentarono di colonizzare l'Afghanistan nel 1800 e soffrirono miseramente durante le guerre anglo-afghane. Nel 1979, l'Unione Sovietica invase l'Afghanistan e finì con un ritiro e un fallimento assoluto, stranamente simile al nostro. In Russia viene spesso definito "il Vietnam dell'Unione Sovietica".

Avremmo potuto restare e andare avanti a finanziare e mantenere l'esercito afghano a tempo indeterminato, ma non c'era alcuna volontà politica di farlo all'interno dell'amministrazione Biden. L'alto costo finanziario è sempre stato un parafulmine all'interno del Congresso degli Stati Uniti e, dopo 20 anni, molti americani e politici ritenevano allo stesso modo che fosse giunto il momento di riportare a casa le nostre truppe. Sfortunatamente, il presidente sembra aver condotto un ritiro prematuro che chiaramente non era in linea con le raccomandazioni dei suoi consiglieri militari di più alta esperienza. Il fallimento è stato esemplificato con il ritiro inaspettato delle forze statunitensi dalla base aerea di Baghram con il favore dell'oscurità, con le truppe che hanno lasciato dietro di sé milioni di oggetti. C’era di tutto, da insignificanti bottiglie d'acqua, cibo militare e mobili da ufficio a centinaia di veicoli blindati e migliaia di veicoli civili.

Si potrebbe facilmente sostenere che l'inizio della fine risale in realtà al 2014, quando le forze statunitensi consegnarono la grande base operativa avanzata nella provincia di Helmand, o "Camp Leatherneck", all'esercito afghano. Sebbene l'esercito afghano abbia tecnicamente preso possesso della base, Leatherneck è rimasta per lo più deserta, oltre che saccheggiata, lasciando così ampie aree di terra nella provincia aperte al ritorno dei talebani. A est, la base operativa avanzata a Khandahar si è lentamente ridimensionata e alla fine ha chiuso i battenti nel 2021, lasciando l'intera regione meridionale occupata da forze dell'esercito mal governate e con una minima presenza. Non è stata una sorpresa che i talebani abbiano rapidamente riempito il vuoto creato dalla scomparsa delle truppe della coalizione e, proprio come i politici statunitensi, l’esercito afghano non aveva alcuna volontà di continuare la lotta contro di loro. Man mano che la presenza dei talebani cresceva, le province tornarono lentamente ai loro vecchi stili di vita, abbandonando le coltivazioni di grano, raccomandate dall'Occidente, e coltivando nuovi campi di papavero. Con il papavero, i talebani avevano di nuovo una fonte di reddito costante con cui finanziare le loro milizie.

Il ritiro precipitoso delle forze da Kabul ha sicuramente dato forza ai talebani, che hanno conquistato una provincia dopo l'altra alla velocità della luce. Tutti i segnali di pericolo c'erano, ma a quanto pare i responsabili del Pentagono e della Casa Bianca dormivano mentre erano alla guida. Nonostante si siano radunati alla periferia della città, non credo che i talebani sarebbero entrati a Kabul se il personale americano fosse rimasto. Sfortunatamente, i politici americani non hanno stomaco per la guerra. Vedono solo percentuali di sondaggi in diminuzione e carriere di breve durata nei loro lavori attuali. Oggi l'eccezionalità americana si misura in voti, niente di più. Quindi, è stato eseguito un ritiro immediato, inaspettato e condotto troppo in fretta. Senza un'amministrazione disposta a sacrificarsi per il bene del governo afghano e del suo popolo, era una conclusione inevitabile.


Undicisettembre: Chiariamo subito chi ha commesso gli errori peggiori al riguardo: è stata la precedente amministrazione, firmando l'accordo di pace con i talebani, o quella in carica che si è ritirata così velocemente dall'Afghanistan?

Craig Covert: La colpa è in parte di entrambe le amministrazioni, sebbene sia stato proprio il presidente Biden a prendere la decisione finale di ritirare tutte le truppe dall'Afghanistan. Se è vero che il presidente Trump ha dato il via al precipitarsi degli eventi firmando l'accordo di Doha con l'Emirato islamico dell'Afghanistan (i Talebani), si può sostenere che l'accordo con un gruppo non ufficialmente riconosciuto dagli Stati Uniti non può essere considerato valido e può, di fatto, essere invalidato per giusta causa.

Molti credono che se il presidente Trump fosse ancora al potere, avrebbe mantenuto una presenza nominale di truppe all'aeroporto di Kabul, se non altro per proteggere i nostri interessi militari, i beni e i civili che ancora vivono a Kabul. Cosa sarebbe potuto o sarebbe successo se Trump fosse stato rieletto non si saprà mai, ma ciò che non si può negare è quale presidente ha ordinato l'effettivo avvenuto nel 2021.

Il presidente Biden ha avuto l'opportunità di sfuggire all'accordo di Doha sulla base dei falliti colloqui di pace afghani, ma per qualche motivo ha scelto di non farlo. Sfortunatamente, il presidente Biden era il comandante in capo quando è stata presa la decisione di ritirarsi. Pertanto, la colpa deve spettare a lui e ai generali che non hanno dibattuto contro la sua decisione. Va notato, tuttavia, che nemmeno i generali possono prendere le decisioni per conto del Presidente: possono solo consigliare. In definitiva, è il comandante in capo civile, cioè il presidente degli Stati Uniti, che dà l’ordine.

Recentemente, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin e i generali Mark Milley e Kenneth McKenzie, rispettivamente presidente degli Stati Maggiori Riuniti e comandante del Comando Centrale, hanno riferito che al presidente Biden era stato consigliato di lasciare a terra tra 2.500 e 4.000 soldati americani. Mentre l'America aveva certamente la potenza militare e la tecnologia per tenere a bada i talebani affinché non conquistassero Kabul, almeno a breve termine, la miopia politicamente carica del presidente ha chiaramente portato i talebani a conquistare rapidamente Kabul. Il presidente non aveva capito ciò che quasi tutti i militari che avevano prestato servizio in Afghanistan sapevano già: se avessimo lasciato l'Afghanistan nelle mani dell'esercito afghano senza il nostro sostegno, sarebbero stati destinati a fallire.


Undicisettembre: Perché l'esercito afghano è crollato così velocemente?

Craig Covert: Ci sono stati molti problemi che hanno portato al crollo dell'Afghanistan, troppi da elencare. Ne descriverò alcuni. Primo, l'Afghanistan non è mai stato una nazione facile da conquistare da parte di un invasore straniero, perché non è una "nazione" nel senso in cui noi occidentali intendiamo una nazione. C'è poco o nessun senso di unità nazionale. L'Afghanistan è un agglomerato di tribù e signori della guerra, contadini e politici, la maggior parte dei quali combatte per la propria tribù o clan prima di combattere per il governo. Sono fedeli alla tribù, al clan e al gruppo, non alla capitale o alla leadership politica. Si parlano Pashto, Dari e un’altra dozzina di dialetti diversi. Si ritiene che il nazionalismo pashtun sia importante tanto quanto, se non di più, il nazionalismo politico. Questa reale mancanza di identità nazionale crea muri quando soldati e politici del governo al potere non parlano nemmeno la stessa lingua del popolo. Come ci si può aspettare che i programmi nazionali funzionino quando sono imposti da una tribù o da un clan a un altro? Non è possibile. Come per la mancanza di identità nazionale, il valore della democrazia di stampo occidentale cade nel vuoto in tutte le province. Non si può introdurre una repubblica costituzionale, con le sue opportunità commerciali in stile occidentale e con l’aspettativa di essere accettata da un cittadino afghano dall'oggi al domani, considerando la storia dell'Afghanistan. L'occidentalizzazione è un concetto estraneo alla maggior parte degli afgani, proprio come la leadership dei samurai giapponesi del 1700 sarebbe incomprensibile per gli americani di oggi.

La corruzione all'interno della leadership civile e militare è stata certamente un fattore nel crollo dell'Afghanistan. Abbiamo dato ai signori della guerra gli strumenti per ottenere la cooperazione delle province; abbiamo trascurato la corruzione dei politici; abbiamo permesso al governo afghano di aggirare i controlli contro il contrabbando di denaro contante dall'Afghanistan ai paesi vicini. Per ogni paio di stivali che davamo a un comandante afghano per le sue truppe, una certa percentuale finiva al bazar locale, spesso venduto dal comandante stesso, con truppe che si presentavano in formazione in ciabatte e sandali. La corruzione era e rimane molto diffusa e la mancanza di volontà, combinata alla mancanza di risorse, di fermare la corruzione ha semplicemente portato al deterioramento del sistema di governo che non sarebbe mai rimasto in piedi a lungo da solo.

Il crollo dello stesso esercito afghano era atteso da ogni soldato o Marine che aveva prestato servizio con loro. Sebbene ci siano certamente delle eccezioni, la maggior parte delle truppe aveva poca fiducia nell’abilità e nella capacità dell'esercito, perché molti erano analfabeti, scarsamente istruiti o semplicemente non si presentavano in servizio nei luoghi e orari negli orari stabiliti. La più grande preoccupazione tra le forze statunitensi era la tiepida volontà del soldato medio, che sembrava andare e venire senza una motivazione oltre all’insistenza con cui gli veniva chiesto e quanto difficile si presumeva fosse la sua missione.

C'è un vecchio modo di dire che dice qualcosa del genere: “Dai un pesce a un uomo, mangerà per un giorno. Insegna a un uomo a pescare, mangerà per tutta la vita”. Non potrebbe esserci spiegazione migliore per il fallimento dell’esercito afghano. Gli Stati Uniti e i nostri alleati hanno dato da mangiare all’esercito afghano ogni giorno per vent’anni. Abbiamo fornito loro risorse; abbiamo pagato i loro stipendi. Abbiamo permesso loro di inserire nei propri ranghi leader incapaci e inefficaci senza dire nulla per paura di offenderli. Abbiamo fornito tutte le risorse logistiche e l'equipaggiamento da combattimento utilizzato dalle loro unità, dalle uniformi alle armi leggere e ai veicoli. L'esercito afghano non ha mai preso la vera "proprietà" della propria attrezzatura in termini di cura e manutenzione. I membri del servizio americano imparano a padroneggiare le loro specialità professionali militari e diventano esperti nel loro campo dopo i primi tre anni dall’arruolamento, il che si traduce in un avanzamento di grado e responsabilità. Eppure, nonostante abbiano dato all'esercito afghano vent’anni di formazione e di attrezzature, questi hanno imparato poco. Tutto si riduceva alla dipendenza. Fintanto che le forze statunitensi e della coalizione fornivano cibo, munizioni e cerotti, facevano manutenzione ai veicoli e alle armi e facevano da babysitter all'esercito in ogni giro di pattuglia o di ricognizione, l'esercito afghano è rimasto solo che un gruppo di individui in uniforme che prendeva uno stipendio più o meno sicuro, ma erano inefficaci da soli come forza combattente. Ciò è diventato evidente quando l'esercito ha rapidamente deposto le armi al primo accenno di un'offensiva talebana in arrivo. Abbiamo creato un mostro che neanche tutti i soldi del mondo non avrebbero potuto aggiustare.


Undicisettembre: Che tu sappia i talebani sono in possesso di veicoli e armi americani? Se sì, come è successo?

Craig Covert: Assolutamente! Basta una rapida ricerca su YouTube, sui social media o su qualsiasi agenzia di stampa online credibile per trovare dozzine di video che mostrano che i materiali statunitensi sono caduti nelle mani dei talebani. Uniformi, armature, radio, veicoli, camion, mezzi corazzati, munizioni… la lista è infinita. Gli oppositori affermeranno che le truppe statunitensi si sono assicurate che i veicoli corazzati e gli aerei siano stati disabilitati prima del ritiro, e ciò potrebbe essere vero, ma tali azioni non hanno alcuna influenza sulle migliaia di veicoli, sulle decine di migliaia di armi, né sui milioni di proiettili che sono stati presi dai talebani dalla resa delle forze afghane che hanno semplicemente lasciato cadere o consegnato l'equipaggiamento senza combattere. Il ritiro delle forze statunitensi dall'Afghanistan ha effettivamente dotato i talebani di equipaggiamento e armi sufficienti per diventare una formidabile forza militare che un giorno dovremo affrontare sul campo di battaglia.


Undicisettembre: I talebani si presentano oggi come più moderni e forse più moderati di prima. Secondo me stanno solo fingendo e si dimostreranno violenti come lo erano negli anni '90. Cosa ne pensi, sono in qualche modo affidabili in questo secondo regime?

Craig Covert: I talebani si sono dimostrati disonesti e falsi e già dopo poche settimane hanno mostrato il loro vero volto. I barbieri non possono più tagliare la barba agli uomini o accendere la radio nei negozi. I “prigionieri” condannati (per quali crimini forse non sapremo mai) sono stati impiccati a delle gru ed esposti in tutta Kabul. Alle donne è stata negata l’istruzione e vengono segregate dagli uomini in tutta la città. Interpreti e altri che hanno lavorato per o al fianco degli Stati Uniti e dell'ex governo afghano sono stati braccati e giustiziati. La risposta breve alla domanda è evidente: i talebani non sono mai stati affidabili o sinceri e certamente replicheranno la ferocia fondamentalista che hanno mostrato vent'anni fa.


Undicisettembre: Una differenza importante che vedo rispetto al passato è che mentre i talebani erano alleati di al-Qaeda, ora l'ISIS Khorasan è loro nemico quindi probabilmente non permetteranno ai terroristi di costruire e gestire le loro basi. Cosa ne pensi? Può essere una differenza importante?

Craig Covert: Certamente ci saranno fazioni di organizzazioni terroristiche in Afghanistan che considerano le altre organizzazioni islamiche radicali come loro nemico, anche se entrambi considerano gli Stati Uniti il ​​loro nemico comune. Sarebbe ingenuo pensare che l’ISIS-K si sottometta ai talebani e viceversa, poiché entrambi desiderano assumere il potere all'interno del paese. Proprio come ci sono divisioni tra sciiti e sunniti in Iraq, o tra l’ISIS in Iraq e il governo iracheno, l'Islam da solo non basta a per portare l’ISIS-K e i talebani a un accordo. Credo che gli Stati Uniti e i suoi alleati continueranno a prendere di mira segretamente elementi dell'ISIS-K nel prossimo futuro se dovessero costituire una minaccia ai civili occidentali in Afghanistan, inevitabilmente prenderanno di mira anche le forze talebane se dovessero continuare a calpestare le libertà dei popolo afghano. Non credo che passerà molto tempo prima di vedere il primo movimento offensivo dei talebani contro gruppi di occidentali che restano all'interno dei suoi confini.


Undicisettembre: Non è ingiusto dire che la guerra è stata persa dagli USA? Voglio dire, il motivo per cui gli Stati Uniti hanno invaso l’Afghanistan era distruggere le basi dei terroristi, cosa che hanno fatto al punto che un altro attacco simile all'11 settembre è ora improbabile. Cosa ne pensi?

Craig Covert: L'ultima guerra vinta dagli Stati Uniti è stata la seconda guerra mondiale. L'America ha ritirato le sue forze dalla Corea in seguito alla firma dell'armistizio coreano nel 1953. L'America ha lasciato il Vietnam dopo la firma dell'emendamento Case-Church nel 1973, ponendo ufficialmente fine al coinvolgimento degli Stati Uniti. Ciò ha provocato il fallimento dell'accordo di pace di Parigi e infine la caduta di Saigon. Da quel momento, l'America ha fatto un ottimo lavoro vincendo battaglie, ma vincere le guerre è diventata un'arte perduta. Alcuni sosterranno che l'America e i suoi alleati "vinsero" Desert Storm (la Guerra del Golfo), ma Saddam Hussein rimase al potere e la guerra ripartì solo un decennio dopo.

Non era inaspettato che ancora una volta i politici americani si piegassero alla volontà del popolo (in altre parole: il potere del voto) e ritirassero le truppe dall'Afghanistan. Ciò che è stato inaspettato per molti è stato il modo in cui è stato fatto e la velocità del ritiro. A mio parere, è stato fatto senza lungimiranza e pianificazione approfondita; in fretta e con sconsiderato disprezzo per gli interpreti e i civili afgani che in precedenza avevano aiutato le forze statunitensi.

Ce ne siamo andati prima che un governo credibile fosse accettato dal suo stesso popolo. Abbiamo lasciato un Afghanistan che non poteva, o forse non voleva, salvarsi dai talebani.