2007/09/07

Perché bin Laden non è nella lista FBI dei ricercati per l'11/9?

di mother

FBI UPDATES MOST WANTED TERRORISTS AND
SEEKING INFORMATION – WAR ON TERRORISM LISTS
(February 24, 2006)

WASHINGTON, D.C. – The Federal Bureau of Investigation today announced several additions to its Most Wanted Terrorists and Seeking Information – War on Terrorism lists. Individuals on these lists are being sought for their alleged involvement in various terrorist attacks or planned attacks around the world.

Added to the Most Wanted Terrorists list, which was originally established in October of 2001, are Ramadan Abdullah Mohammad Shallah, Abd Al Aziz Awda, Khadafi Abubakar Janjalani, Isnilon Totoni Hapilon, Jainal Antel Sali, Jr., and Mohammed Ali Hamadei....Added to the Seeking Information – War on Terrorism list are Abu Mus’ab Al-Zarqawi, Saleh Ali Saleh Nabhan and Noordin Mohammad Top. Al-Zarqawi is sought in connection with numerous terrorist attacks and threats in Iraq. Nabhan is wanted for questioning for attacks in Kenya in 2002....Director Robert S. Mueller, III, said, “We will continue to bring all necessary resources to bear to protect Americans from terrorist attacks. The combined strength of law enforcement at home and abroad, with a vigilant and engaged public, will ensure success.” The Rewards For Justice Program, sponsored by the United States Department of State, offers rewards ranging from $5 million to $25 million for many of the terrorists. Information on this program can be found at www.rewardsforjustice.net.
Information on the FBI’s Most Wanted Terrorists and Seeking Information – War on Terrorism lists can be found on the FBI’s web site at www.fbi.gov.
(fonte)

In altre parole, con questo comunicato l'FBI annuncia l'aggiunta di informazioni riguardo Al-Zarqawi ed avverte che il programma Rewards For Justice patrocinato dal dipartimento di Stato americano taglie dai 5 ai 25 milioni di dollari per molti terroristi.

Nel sito di riferimento rewardsforjustice.net troviamo il link ad Osama Bin Laden (qui la descrizione del terrorista):

Usama bin Laden is wanted in connection with the September 11, 2001 attacks on the World Trade Center and the Pentagon and for the August 7, 1998 bombings of the United States Embassies in Dar es Salaam, Tanzania and Nairobi, Kenya. He may be living in Afghanistan.
Indicted for: murder of U.S. nationals outside the United States; conspiracy to murder U.S. nationals outside the United States; attack on a federal facility resulting in death. Usama bin Laden, Ayman al-Zawahiri, Fazul Abdullah Mohammed, Fahid Mohammed Ally Msalam, Sheikh Ahmed Salim Swedan, Abdullah Ahmed Abdullah, Saif al-Adel, Anas al-Liby, Ahmed Mohamed Hamed Ali, and others already in custody are believed to be responsible for the bombings of the
U.S. embassies in Tanzania and Kenya on August 7, 1998. These terrorist attacks killed 224 civilians and wounded over 5,000 others. These terrorists are believed to be part of an international criminal conspiracy headed by Usama bin Laden. The U. S. government is offering a reward for information leading to the location, in any country, of those people listed above.
(
fonte)


In aggiunta si può vedere a questo indirizzo del sito dell'FBI:

In an effort to avoid duplication or interference with the payment of informants or obtaining evidence or information, the secretary of state shall consult with the attorney general regarding—
1) [the identification of] individuals, organizations, and offenses with respect to which rewards will be offered;
2) the publication of rewards;
3) the offering of joint rewards with foreign governments;
4) the receipt and analysis of data; and
5) the payment and approval of payment.27 However, before making a reward payment for any matter over which there is federal criminal jurisdiction, the secretary of state must secure the approval of the attorney general.28


...

Since the days of the “Wanted” posters, new methods and technologies have contributed to the fight against terrorism. The Department of State, in coordination with several media outlets and other private entities, repeatedly has broadcast ways in which the public can assist the government. The Rewards for Justice Program was created in 1984 and is managed by the Diplomatic Security Service (DSS), a component of the Department of State. The director of the DSS chairs an interagency committee that reviews reward candidates and makes recommendations to the secretary of state. Depending upon the type of incident, the committee can include representatives from the National Security Council, Central Intelligence Agency, DOJ, FBI, DEA, U.S. Marshals Service Witness Security program, INS, Federal Aviation Administration, and Department of Energy.29

Il programma Rewards for Justice è stato creato nel 1984 e d è gestito dal DSS (diplomatic Security service), una componente del DoD.
Il direttore del DSS presiede un comitato fra diverse agenzie per scegliere i candidati da inserire nella lista dei ricercati.
A seconda del tipo di azioni compiute il comitato può includere rappresentative dal National Security Council, dalla CIA, dal DOJ, dall'FBI, dalla DEA, dall'U.S. Marshals Service Witness Security, dall'INS, dall'FAA e dal Departement of Energy.
Da ciò si può presumere che gli indiziati inseriti nella lista del Reward for Justice Programm non siano scollegati dai pareri degli altri dipartimenti, anzi vi sia una stretta collaborazione fra questi.
Il motivo per cui conviene definire un solo ente che raccolga i fondi statali e quelli provenienti da enti privati dipende dalla capacità di accentrare in un solo centro di smistamento tutte le taglie o le informazioni che possono essere recuperate con tale metodo di indagine.
Un esempio viene proprio dal terrorismo.

Un atto terroristico con degli aerei potrebbe spingere sia la FAA (Federal Aviation Administration) sia CIA e FBI ad emettere indipendentemente delle taglie od a recuperare delle informazioni, le quali poi andrebbero smistate all'ente competente con dispendio di tempo ed energie.

Vediamo quindi che nella lista top ten dei Most Wanted fugitive (June 1999 - Poster Revised November 2001), Osama bin Laden non viene accusato degli attentati dell'Undici Settembre, ma dei precedenti attentati di Dar Es Salaam in Tanzania e di Nairobi in Kenya.

USAMA BIN LADEN IS WANTED IN CONNECTION WITH THE AUGUST 7, 1998, BOMBINGS OF THE UNITED STATES EMBASSIES IN DAR ES SALAAM, TANZANIA, AND NAIROBI, KENYA. THESE ATTACKS KILLED OVER 200 PEOPLE. IN ADDITION, BIN LADEN IS A SUSPECT IN OTHER TERRORIST ATTACKS THROUGHOUT THE WORLD.

Tuttavia vi è anche il riferimento al program Rewards For Justice (prima indicato) la cui lista è definita con la presenza di rappresentati di altri enti americani ed in cui si accusa Osama bin Laden degli attentati dell'undici settembre.

The Rewards For Justice Program, United States Department of State, is offering a reward of up to $25 million for information leading directly to the apprehension or conviction of Usama Bin Laden. An additional $2 million is being offered through a program developed and funded by the Airline Pilots Association and the Air Transport Association.

Il riferimento di 25 milioni di dollari è molto interessante se si considera questo articolo:

Established by the 1984 Act to Combat International Terrorism, Public Law 98-533, the Program is administered by the U.S. Department of State's Bureau of Diplomatic Security.
...
The USA Patriot Act of 2001, which became law on October 26, authorizes the Secretary to offer or pay rewards of greater than $5 million if he determines that a greater amount is necessary to combat terrorism or to defend the United States against terrorist acts. Secretary Powell has authorized a reward of up to $25 million for information leading to the capture of Usama bin Laden and other key Al-Qaida leaders.
The program played a significant role in the arrest of international terrorist Ramzi Yousef, who was convicted in the 1993 bombing of the World Trade Center.
....
On September 11, 2001, terrorists hijacked four commercial airliners. Two of these were used to to attack the New York World Trade Center Twin Towers and one was used to attack the Pentagon.The fourth airliner crashed into a field near Shanksville, PA. The death toll on the four airliners was 266 people. The death toll at the Pentagon is approximately 189 military and civilian personnel and the death toll in New York is approximately 3,000 people.
The first flight, American Airlines Flight 11, smashed into the north tower of the Twin Towers at 8:45a.m. The second flight, United Airlines Flight 175, crashed into the south tower at 9:05a.m. The Pentagon was hit by American Airlines Flight 77 at 9:39a.m. American Airlines Flight 93 crashed before it reached its intended target. The reward for information about the September 11th attacks is up to $25 million.

Capiamo quindi che il segretario Powel ha autorizzato l'aumento a 25 milioni della taglia su Osama bin Laden e per avere informazioni sugli attentati dell'undici settembre, la stessa taglia indicata dalla lista dei Most Wanted e Top Ten Fugitive dell'FBI, la stessa indicata dal programma Reward for Justice.

Il dipartimento dell'FBI di New York, indica entrambe le liste (Most Wanted e Top Ten Fugitive).

Un articolo dell'FBI (11-05-2003) accenna all'aumento della taglia a seguito degli attentati dell'undici settembre di New York.

A record $5 million reward was offered for information leading directly to his arrest -- a sum that has, in the wake of the 9/11/2001 attacks in the United States, risen to up to $25 million. It goes without saying that bin Laden is #1 on the FBI's Most Wanted Terrorist list.
Quindi appare del tutto evidente come vi sia una collaborazione ed un collegamento fra i vari enti americani nell'utilizzare al meglio il programma Reward for Justice, sia per quanto riguarda le persone da inserire nella lista, con motivazioni correlate, sia per decidere quanto deve essere la taglia che pende sui loro capi.
Il fatto che il sito dell'FBI non riporti l'imputazione degli attentati di New York, ma riporti la taglia aumentata proprio a seguito di quegli attentati potrebbe dipendere o da una semplice imprecisione nell'aggiornamento del sito, oppure dal fatto che la giustizia americana si basa su dei principi diversi rispetto quelli italiani in aggiunta alla considerazione che gli attentati fossero "atto di guerra" tale da far intervenire il tribunale militare come spiegato da John di Crono911 qui e riportato su luogocomune qui.
Archive.org ha una copia della pagina iniziale di Rewards For Justice datata 15 dicembre 2001 che contiene già il link a bin Laden; però la data esatta non te la so indicare al volo.
Puoi chiedere questo e tutti i dettagli a rfj@state.gov. Puoi scrivere anche in italiano.

La prima lista connessa all'11 settembre con 22 ricercati tra i quali Bin Laden è stata pubblicata il 10 ottobre del 2001.
Bin Laden a quella data era già inserito nella lista dei 10 ricercati più pericolosi per altri reati precedenti l'11 settembre.
Il 22 novembre del 2001 la taglia su Bin Laden è stata portata a 25 milioni di dollari.

Il programma Rewards for Justice come lo conosciamo oggi, con il sito ecc... è nato il 13 dicembre del 2001.
Per questo la prima pagina disponibile è datata 14 dicembre 2001.
Prima di quel momento, il programma era gestito dal Dipartimento di Stato con altre modalità.
Prima dell'11 settembre del 2001 la taglia era di 2 milioni di dollari, subito dopo (10 ottobre) è passata a 5, poi (22 novembre) a 25.
Con questa taglia è stato inserito nel nuovo programma di cui vediamo oggi il sito Web.
Recentemente il Senato americano ha raddoppiato la taglia a 50 milioni di dollari.


Se ti interessa l'incriminazione formale giudiziaria per i fatti dell'11 settembre, non c'è data perchè l'incriminazione giudiziaria è fatta da un Pubblico Ministero o da un Gran Giurì, e solo allora l'FBI può mettere il nome sul proprio sito.
Al momento, i fatti dell'11 settembre sono trattati come atto di guerra e non come crimine giudiziario, per cui Bin Laden può comparire nell'elenco delle taglie (che prescinde dall'autorità giudiziaria) ma non in quello dell'FBI.
Significa che la ricerca e punizione dei colpevoli non è SOLO un affare di giustizia ma ANCHE un affare militare, e pertanto c'è una libertà di azione che l'FBI non avrebbe (come quella di uccidere Bin Laden anzichè catturarlo).
Inoltre la competenza giudiziaria, almeno al momento, è dell'autorità giudiziaria militare, con la quale l'FBI può collaborare ma che si avvale anche di strumenti diversi.
Quindi la competenza non è più del Dipartimento di Giustizia ma del Dipartimento di Stato, e quest'ultimo gestisce le taglie attraverso il programma Rewards for Justice.

Rewards for Justice è un programma del Dipartimento di Stato, non dell'FBI nè del Dipartimento della Giustizia.
I fondi che opera, sono diversi (frutto in buona parte di donazioni dei cittadini, attraverso un fondo di supporto creato da alcuni privati) e le sue esigenze sono diverse.
Queste possono anche coincidere con le esigenze dell'FBI ma non necessariamente.
Infatti, la taglia su Osama Bin Laden palesemente coincide con le esigenze dell'FBI per quanto riguarda i reati ante 9-11, ma va oltre per quanto riguarda i fatti dell'11 settembre, che invece coincidono con le esigenze del Dipartimento di Stato e quindi del Governo USA inteso nel senso più lato.

Prendiamo il caso di KSM.
Già tra il 2002 e il 2003 aveva ammesso di aver organizzato gli attentati dell'11 settembre, a un giornalista arabo.
Questo elemento ovviamente non è una prova in tribunale (non per come funziona il sistema giudiziario americano, in ogni caso) ma basta e avanza al Dipartimento di Stato per ricercarlo.
Ma non si può comprendere appieno il meccanismo se non si conosce bene il sistema giudiziario americano, dove l'azione penale non è obbligatoria come in Italia, ma è esercitata solo se la Giustizia (intesa però come Stato Accusatore) ha interesse a farlo.
In USA, infatti, il PM non è un organo indipendente (lo è invece il giudice, che però appartiene a un ruolo e a una carriera diversi) ma rappresenta la volontà accusatoria dello Stato.
E dal momento che lo Stato ha già deciso di affrontare la materia 11 settembre sotto il profilo militare, con tribunali militari, è chiaro che lo stesso Stato (PM) non ha interesse a farlo sotto il profilo civile.
In Italia sarebbe impossibile una simile situazione, giacchè ci sarebbe un obbligo di esercitare l'azione penale che investe il magistrato ordinario, a prescindere da cosa decida di fare lo Stato o addirittura in antitesi con esso, perchè il PM non è lo Stato (inteso come governo) ma è un organo indipendente da esso.
Se applichiamo il metro italiano, la questione di cui stiamo argomentando lascia interdetti (ossia: ma come cavolo fa l'FBI a non ricercare Bin Laden anche per i fatti del 9-11?) ma se applichiamo quello americano la cosa diventa assolutamente normale.

E difatti non è un caso se l'Italia, a suo tempo, pur nell'adottare il sistema accusatorio americano (ritenuto più garantista) mantenne due distinguo: l'obbligatorietà dell'azione penale e l'unità di ruoli/carriere tra il magistrato accusatore ed il giudice.
Preciso che KSM è poi stato catturato ed è ora detenuto e sotto processo militare a Guantanamo.
Tuttavia non bisogna nemmeno dimenticare le liste bush.
A seguito degli attentati dell'undici settembre sono cambiati i metodi di indagine verso personalità od organizzazioni terroristiche.
Fra le varie novità introdotte vi fu anche il perseguimento delle attività finanziarie di tali organizzazioni/individui al fine di individuare il luogo da cui venivano compiuti operazioni economiche a favore del terrorismo o di bloccare l'apporto di denaro ad apparati terroristici.
A tal riguardo il Dipartimento del Tesoro americano emette periodicamente un bollettino a cui devono dar seguito soprattutto gli operatori bancari, in cui sono indicati dati e persone a cui viene imposto il blocco dei beni.
Tale lista condivisa con un programma di collaborazione con gli stati aderenti all'ONU non viene automaticamente riconosciuta da altri paesi in quanto emanazione di un altro governo, ma se approvata dal governo nazionale viene inserita nelle misure da adottare sul territorio.
Il programma di interscambio e collaborazione contro il terrorismo è bidirezionale, ovvero nominativi individuati da paesi aderenti all'ONU e riferiti alle altre comunità possono essere approvati ed inseriti nelle misure antiterrorismo adottate dagli USA o da altre nazioni.

Una spiegazione riguardo tali liste può essere letta qui.

Le liste Bush sono disponibili nella confederazione svizzera a questo indirizzo.
Possono essere viste anche qui (ASG, chi siamo)
Anche il Liechtenstein le ha adottate.
Il sito del Tesoro USA in cui vengono raccolte le sanzioni applicate verso gruppi terroristici (le sanzioni in generale).

Dal Terrorist Assets Report 2001 vediamo che:
The U.S. Government has used economic sanctions as a tool against international terrorist organizations since 1995, marking a significant departure from the traditional use of sanctions against hostile countries or regimes. Following the events of September 11, 2001, President Bush issued Executive Order 13224, significantly expanding the scope of U.S. sanctions against international terrorists and terrorist organizations. The combination of innovative programs targeting international terrorist organizations with those targeting terrorist-supporting governments represents a wideranging assault on international terrorism, its supporters and financiers.
Il governo degli Stati Uniti ha usato sin dal 1995 sanzioni economiche verso quegli stati e quelle nazioni ostili o regimi che erano colpevoli di favorire il terrorismo.
A seguito degli attentati dell'undici settembre, Bush con l'Executive Order 13224 ha esteso le sanzioni contro le organizzazioni terroristiche e i terroristi internazionali (azioni non più solo verso gli stati, ma anche contro le organizzazioni non statali e contro singoli individui).
On September 23, 2001, President Bush declared a national emergency pursuant to the International Emergency Economic Powers Act, 50 U.S.C. §§ 1701- 1706 (“IEEPA”), and other authorities in Executive Order 13224 (EO 13224) (Tab 1), "Blocking Property and Prohibiting Transactions With Persons Who Commit, Threaten to Commit, or Support Terrorism." EO 13224 was issued in response to the grave acts of terrorism and threats of terrorism committed by foreign terrorists, including the terrorist acts committed on September 11, 2001 in New York and Pennsylvania and against the Pentagon, and the continuing and immediate threat of future attacks on U.S. nationals and the United States. The terrorist acts of September 11, 2001, were also recognized and condemned in United Nations Security Council Resolution 1368 of September 12, 2001. EO 13224 imposes economic sanctions on persons who commit, threaten to commit, or support certain acts of terrorism. It prohibits transfers, including donations of funds, goods, or services to any organizations or individuals designated under its authority, and it blocks all property in the United States or within the possession or control of a U.S. person in which there is an interest of any designated person. President Bush identified, in the Annex to EO 13224, 12 individuals and 15 entities whose assets are blocked (Tab 1). Additional individuals and entities have subsequently been designated by the Secretary of State and the Secretary of the Treasury.
Il 12 settembre 2001 con l'United Nations Security Council Resolution 1368 sono stati condannati gli attentati dell'undici settembre 2001.
Il 24 settembre 2001 con l'International Emergency Economic Powers Act, 50 U.S.C. §§ 1701- 1706 (“IEEPA”), and other authorities in Executive Order 13224 (EO 13224) sono state estesi i poteri di azione e di lotta al terrorismo individuando nuove sanzioni ed azioni verso nazioni ostili, individuando delle persone correlate con gli attentati dell'undici settembre (con conseguente blocco dei beni ed altre sanzioni) ed individuando altre organizzazioni terroristiche o terroristi in relazione ad altri attentati terroristici.
L'annex dell'EO 13224 individua 12 persone e 15 organizzazioni per le sanzioni (riportate in seguito).

Un piccolo appunto:
On August 20, 1998, President Clinton issued Executive Order 13099,
"Prohibiting Transactions With Terrorists Who Threaten To Disrupt the Middle East
Peace Process" (Tab 6) to amend Executive Order 12947 by adding three individuals
and one organization to the Annex of EO 12947:
Usama bin Muhammad bin Awad bin Ladin
Islamic Army (a.k.a. Al-Qaida)
Abu Hafs al-Masri
...
Il 20 agosto 1998 Clinton nell'EO13099 aggiunge all'EO12947 altre tre persone in correlazione alle sanzioni contro la distruzione della pace in Medio Oriente.
Fra questi c'è Osama bin Laden, Al-Masri (attentati di Madrid dell'11 marzo 2004 e di Londra il 7 luglio 2005).
Inoltre riguardo dei Talebani:
Executive Order 13129 (EO13129) (Tab 9), effective July 6, 1999, imposes trade sanctions and blocks property and interests in property of the Taliban, persons owned or controlled by, or acting for or on behalf of the Taliban, or those providing financial, material, or technological support for, or services in support of, the foregoing, if those assets are in the United States, come within the United States, or are within the possession or control of U.S. persons. Blocked Taliban assets are included in this report because EO 13129 was issued in response to the use of territory under the control of the Taliban by terrorist Usama bin Ladin and a foreign terrorist organization, al Qa’ida, as a safe-haven and base of operations.

(continua con l'embargo sul commercio d'armi in iran, iraq, cuba, syria, Sudan, Nord Korea, ecc...)
L'EO13129 di luglio 1999, emanato da Clinton, impone sanzioni economiche verso i Talebani, poichè questi ospitano nei loro territori Osama Bin Laden e organizzazioni terroristiche come al Qa'ida.

L'Executive Orders 13224 riporta:
GEORGE W. BUSH, President of the United States of America, find that
grave acts of terrorism and threats of terrorism committed by foreign terrorists, including the terrorist attacks in New York, Pennsylvania, and the Pentagon committed on September 11, 2001, acts recognized and condemned in UNSCR 1368 of September 12, 2001, and UNSCR 1269 of October 19, 1999, and
the continuing and immediate threat of further attacks on United States
nationals or the United States constitute an unusual and extraordinary threat
to the national security, foreign policy, and economy of the United States,
and in furtherance of my proclamation of September 14, 2001, Declaration
of National Emergency by Reason of Certain Terrorist Attacks, hereby declare
a national emergency to deal with that threat.
....
Sec. 11. (a) This order is effective at 12:01 a.m. eastern daylight time on September 24, 2001.
La data di pubblicazione ufficiale sulla stampa del coinvolgimento di Osama bin Laden con gli attentati dell'undici settembre non coincide con l'Executive Order.

Nell'Annex vediamo: Abu Sayaf gruop (terrorismo filippino, si ricorda che il giorno degli attentati a New York nelle filippine fu indetto il coprifuoco tanto era ed è presente il terrorismo in quelle zone); Alqaida, islam army; Armed islam group (GIA); ...Usama bin Laden...Ayman al-Zawahiri...Ibn al-Libi (legami con Moussaoui)

Per la curiosità, anche se un po' off-topic si può ricordare anche la presenza di Mohamed Daki nelle liste bush (lista 46 del 11-10-2003)


Riassumendo:
  • Da un articolo interno a sito di afferenza al programma Reward for Justice,
    The program played a significant role in the arrest of international terrorist Ramzi Yousef, who was convicted in the 1993 bombing of the World Trade Center.
  • Clinton crea le prime sanzioni economiche da applicare verso le nazioni ostili ed i regimi nel 1995.
  • Il 20 agosto 1998 Clinton nell'EO13099 aggiunge all'EO12947 altre tre persone in correlazione alle sanzioni contro la distruzione della pace in Medio Oriente. Fra questi c'è Osama bin Laden.
  • Clinton nel 1999 con EO13129 emette le prime sanzioni verso i Talebani, regime che ospitava l'organizzazione terroristica di al Qa'ida e Osama bin Laden. Nel giugno 1999 viene inserito Osama bin laden anche nella Most Wanted list con una taglia di 5 milioni di dollari.
  • Bush estende le sanzioni economiche non solo alle nazioni, ma anche alle persone ed alle organizzazioni a seguito degli attentati dell'undici settembre.
  • Il 12 settembre 2001 c'è la condanna degli attentati.
  • Il 24 settembre 2001 c'è l'emissione dell'EO 12334 con cui si condannano gli attentati e si individuano altri attentati terroristici da perseguire e/o nazioni ostili-regimi. Osama bin Laden viene messo in relazione agli attentati ed inserito nella lista delle persone per cui vi sono sanzioni economiche e blocco dei beni.
  • Assieme agli Executive Orders altri paesi dell'ONU approvano e seguono le indicazioni sul terrorismo date dall'america e creano le liste bush.
  • La prima lista connessa all'11 settembre con 22 ricercati tra i quali Bin Laden è stata pubblicata il 10 ottobre del 2001. Bin Laden a quella data era già inserito nella lista dei 10 ricercati più pericolosi per altri reati precedenti l'11 settembre.
  • Prima dell'undici settembre la taglia su Osama bin Laden era di 2 milioni di dollari. Dopo il 10 ottobre è stata portata a 5 milioni di dollari.
  • Il Patriot Act approvato il 26 ottobre 2001 autorizza il Segretario di Stato ad offrire più di 5 milioni di dollari come taglia se ciò è utile per combattere il terrorismo e difendere gli Stati Uniti da atti terroristici. In seguito Powell autorizzerà la taglia a 25 milioni di dollari per informazioni utili a catturare Osama bin Laden o altri capi di AlQaeda.
  • Il 22 novembre del 2001 la taglia su Bin Laden è stata portata a 25 milioni di dollari. Recentemente è stata portata a 50 milioni di dollari.
  • Il programma Reward for Justice così com'è oggi, è nato il 13 dicembre 2001 e la prima pagina internet è stata pubblicata il 14 dicembre 2001. Prima di quel momento, il programma era gestito dal Dipartimento di Stato con altre modalità.
  • Esistono due liste in cui compare Osama bin Laden sui siti dell'FBI la Most Wanted e la Most Wanted fugitive. La prima non riporta alcuna data di aggiornamento, mentre la seconda riporta post: june 1999 (un mese prima dell'EO13099 di Clinton) e revised november 2001 (l'EO13224 di Bush è del 24 settembre). In novembre vi è la variazione di taglia a seguito degli attentati dell'undici settembre.
  • Il programma Reward for Justice non è scollegato dalle varie agenzie governative. A seconda del tipo di azioni compiute da un soggetto che può essere inserito nella lista dei ricercati viene indetto un comitato con rappresentati di varie agenzie (National Security Council, dalla CIA, dal DOJ, dall'FBI, dalla DEA, dall'U.S. Marshals Service Witness Security, dall'INS, dall'FAA e dal Departement of Energy) al fine di cooperare e stabilire se sia vi siano motivazioni per emettere una taglia nei suoi confronti.
  • Vista la collaborazione fra agenzie americane e Reward for Justice, visto che nella scheda del programma Reward for Justice Osama bin Laden viene indicato come autore degli attentati e nelle liste FBI Most Wanted viene riportata la taglia aumentata nei suoi confronti a seguito degli attentati, può essere presumibile che possa esserci un errore nell'aggiornamento della scheda dell'FBI. Tuttavia si può vedere come sia prima di Bush, con Clinton, sia nell'Executive Order, vi siano sanzioni sulla persona di Osama bin Laden a seguito di attentati precedenti all'undici settembre ed a seguito degli attentati di New York. Executive Order e liste Most Wanted/Reward for Justice non sono collegate ed implicano diverse azioni (la prima un'imposizione dello stato agli organismo bancari per bloccare i beni economici, la seconda una taglia su una persona ricercata per ottenere informazioni).
  • Non bisogna tuttavia dimenticare che gli attentati dell'undici settembre sono stati infine recepiti come atto di guerra. Per quanto si siano mosse molte agenzie americane ed enti sia per raccogliere informazioni, sia per indagare sugli attentati, che per colmare il buco nella sicurezza, l'autorità in merito agli attentati è stata spostata ai tribunali militari variando il soggetto amministrativo che deve sostenere o meno le accuse di terrorismo nei confronti dell'imputato (Osama bin Laden). Si può vedere a tal riguardo che KSM ed i suoi complici sono giudicati da un tribunale militare. In questo caso quindi assume poco significato che l'FBI nella Most Wanted list accusi o meno Osama bin Laden degli attentati (anche se abbiamo visto che recepisce l'aumento di taglia dovuto agli attentati), poichè è un altro soggetto che detiene l'autorità per accusarlo.



Aggiornamento 26 febbraio 2008

Inizia il processo ad alcuni terroristi detenuti a Guantanamo, accusati di implicazioni nell'attentato terroristico dell'undici settembre 2001.
In questo post si può trovare il link al PDF elencante i capi di accusa depositati.
L'11 febbraio 2008 la procura militare statunitense ha depositato la lista dei capi d'accusa contro Khalid Sheikh Mohammed (KSM) e altri cinque imputati, nel processo che si terrà presso il tribunale militare (nella foto) instaurato a Guantanamo per giudicare le responsabilità in ordine agli attacchi dell'11 settembre 2001.
...
Un tribunale militare Secondo l'accusa, i primi contatti tra KSM e Bin Laden finalizzati a pianificare attacchi con aerei dirottati avvennero nel 1996, e fu proprio il capo di Al Qaeda ad autorizzarne personalmente l'esecuzione.
Ancorché estremamente schematico, l'atto di accusa evidenzia il certosino lavoro di ricostruzione dei movimenti dei dirottatori e degli organizzatori, nonché delle fasi di ideazione e pianificazione degli attentati e lascia intuire la mole di materiale investigativo che sarà resa disponibile nel corso del processo.

11 commenti:

Asimov ha detto...

Apparentemente il sito dell'FBI gestisce ancora la lista dei TOP WANTED

http://www.fbi.gov/wanted
/terrorists/fugitives.htm

ed è reperibile dalla Home Page.

ildrago ha detto...

Sul tema Bin Laden e la veridicità del suo ultimo videomessaggio leggo da Blondet delle notizie inquietanti che meritano la vostra attenzione. Vi sarei grato se foste in grado di smentirle.

Da:

http://www.effedieffe.com/interventizeta.php?id=2240¶metro=

Chi sono gli esperti che stanno traducendo Bin Laden?


Si scopre infatti che la traduzione della filippica dall'originale arabo è stata fornita da una organizzazione «senza scopo di lucro» chiamata SITE.
Che sta per «Search for Terrorist Entities», ed è nata nel 2002.


inoltre:


Nello «staff» del SITE appaiono solo due persone: tale Rita Katz e tale Josh Devon, entrambi israeliani.


Come è arrivato il video in occidente?


Quanto al video ultimo, anch'esso è stato diramato da IntelCenter, ditta americana il cui capo e fondatore si chiama Ben Venzke (indovinate la sua etnia).
IntelCenter dice però che il video è opera di As-Sahab, la casa di produzione-TV di Al Qaeda, e che IntelCenter si limita a «scoprire» i video in rete.
E' molto strano che solo IntelCenter riesca a fare queste scoperte, più e più volte, meglio della CIA e del Pentagono, o di Echelon.
Può vigere ovviamente il sospetto che IntelCenter sia il produttore reale ed ultimo.
Ma nessun sospetto coglie i grandi giornali e le grandi TV.
Nè dicono che la traduzione dell'ultimo autentico video è uscito dalla testa della Katz.
«Osama dalla testa di Katz» sarebbe il titolo giusto.


Inoltre, in una nota si legge l'intervento di un lettore, dal nome Hassan:


Il video si interrompe al 48esimo secondo, e prosegue solo l'audio con i sottotitoli... così fino alla fine... e indovinate un po', in quei 48 secondi Bin Laden non fa riferimento a nessun fatto «attuale», ma dice un paio delle solite preghierine per iniziare e poi chiede agli americani di «ascoltarlo»... poi il video si interrompe e prosegue solo l'audio e i sottotitoli... e lì inizia a dire le cose da cui si evincerebbe che il video è «attuale»...


Se solo una delle cose che ho postato è vera, la vostra attenzione dovrebbe essere parimenti concentrata alla bufalate della VU oltre che a quelle di Mazzucco e compagnia bella.

Saluti e buon lavoro.

Inverno ha detto...

http://www.fbi.gov/wanted/terrorists/terbinladen.htm

il link preso oggi, effettivamente, non contiene riferimenti all'11 settembre

mentre il link dato come vs riferimento non mi sembra proprio dell'FBI

"who's Watches the Watchmen"

Paolo Attivissimo ha detto...

Inverno, nell'aggiornamento all'articolo c'è indicata la paternità del sito in questione: il Dipartimento di Stato.

Il sito FBI linka al sito Rewards for Justice.

Inoltre OBL non è ancora stato messo formalmente in stato d'accusa (indicted) per lo specifico reato dell'11/9, ma è già ricercato per omicidio in relazione agli attentati alle ambasciate. Questo è già di per sé motivo sufficiente per arrestarlo ed estradarlo negli USA se viene catturato vivo. E questo, più il link a Rewards for Justice del Dipartimento di Stato, all'FBI basta, perché il resto è fuori dal suo mandato.

Paolo Attivissimo ha detto...

Drago,

scusa se ti correggo un errore di metodo. Blondet si accanisce contro le presunte fonti (guarda caso sottolineando le loro presunte affiliazioni israeliane o ebraiche, come suo solito), ma l'approccio corretto è un altro.

L'approccio corretto non è contestare l'ebraismo del traduttore, ma alzare il deretano dalla poltrona, mettere mano al portafogli e pagare un traduttore indipendente che traduca. Poi vediamo se la traduzione "ufficiale" è giusta o meno.

Perché tu o Blondet non lo fate? Forse perché è troppo comodo attaccare il messaggero, in modo da non dover ascoltare il messaggio. Forse perché si teme che facendo una verifica, si scoprirebbe di aver preso un granchio anche stavolta.

Francamente, ma molto francamente, mi sono stancato di rincorrere ogni affermazione di persone che hanno dimostrato ampiamente di essere tragicamente incompetenti anche nella metodologia d'indagine più basilare.

Fai tu le pulci a Blondet, se vuoi. Per quel che mi riguarda ha già gridato troppe volte "al lupo, al lupo" quando di lupi non ce n'erano, ma c'erano soltanto allocchi che lo ascoltavano.

ildrago ha detto...


L'approccio corretto non è contestare l'ebraismo del traduttore, ma alzare il deretano dalla poltrona, mettere mano al portafogli e pagare un traduttore indipendente che traduca. Poi vediamo se la traduzione "ufficiale" è giusta o meno.



Mi hai dato una idea.

A proposito: hai letto questo commento qui


Ho appena visto il video "originale" (quello da 700mb che si scarica dai forum di "al-qaeda"), lungo 9 minuti e mezzo. Il video si interrompe al 48esimo secondo, e prosegue solo l'audio con i sottotitoli...così fino alla fine... e indovinate un pò, in quei 48 secondi Bin Laden non fa riferimento a nessun fatto "attuale", ma dice un paio delle solite preghierine per iniziare e poi chiede agli americani di "ascoltarlo"... poi il video si interrompe e prosegue solo l'audio e i sottotitoli... e lì inizia a dire le cose da cui si evincerebbe che il video è "attuale"...


merita di approfondimento da parte di uno che sappia bene l'arabo.

mastrocigliegia ha detto...

Il Drago ha detto...
A proposito: hai letto questo commento qui...

merita di approfondimento da parte di uno che sappia bene l'arabo.


Ottimo.
Qualsiasi seria verifica è benvenuta. Se hai risultati faci sapere.

...e lì inizia a dire le cose da cui si evincerebbe che il video è "attuale"...

Però spiegami perché c'è quel condizionale si evincerebbe.
Se Sarkozy è nominato significa che il video non ha più di 4-5 mesi.
Si evince. Punto e basta.
E questo anche se fosse possibile dimostrare che il video è falso.

Il condizionale serve forse a fare fumo per creare il solito mistero dove non c'è? Perché i complottisti hanno tanta paura di dire le cose chiare?

mc

omar ha detto...

"Nello «staff» del SITE appaiono solo due persone: tale Rita Katz e tale Josh Devon, entrambi israeliani."


Se erano italiani, cosa cambiava???

Hanno tradotto bene o male? Questo è ciò che conta, e basta!

Blondet è solo un antisemita e a questo punto meriterebbe di farsi qualche mese di carcere in compagnia di Irving, così magari la smette!

mother ha detto...

Blondet è solo un antisemita e a questo punto meriterebbe di farsi qualche mese di carcere in compagnia di Irving, così magari la smette!
-----------
Se va in Austria in cui una legge prevede quella pena, potrebbe succedere.

Dan ha detto...

Se cominciassero anche solo ad accusarli per tutti i reati di diffamazione, falso, procurato allarme e simili, altro che qualche mese... a volte penso che sono fortunati a essere considerati con leggerezza, se qualcuno pignolo applicasse le leggi alla lettera certi personaggi avrebbero molte più noie. Ma sicuramente poi si lamenterebbero del Grande Complotto che cerca di chiudergli la bocca... alla fin fine, la reazione dell'astronauta che dà un pugno a quello che lo accusa di essere un bugiardo è forse la più rappresentativa di quello che certe affermazioni meriterebbero (e probabilmente otterrebbero in un faccia a faccia).
(PS: Una denuncia per diffamazione sarebbe l'equivalente legale del pugno.)

Paolo Attivissimo ha detto...

Enrico,

il tuo commento non viene pubblicato perché le tue accuse nei miei confronti sono gratuite e non documentate.

Ti ricordo che l'FBI ha dichiarato più volte di ritenere OBL colpevole dell'11/9.

Se non vuoi accettare la realtà dei fatti, fai pure, ma non pensare che questo ti autorizzi a venire qui a insultare.