2008/06/24

Il seguito oceanico del "movimento per la verità" / 2

di mother





Nelle foto qui sopra, Giulietto Chiesa risponde alle domande degli spettatori dopo la proiezione del suo video Zero - inchiesta sull'11 settembre 2001 al Centro congressi di Caen, in Francia, 6 giugno 2008.

Recentemente l'associazione Reopen911.info ha organizzato varie date per la pubblicizzazione di Zero in Francia. La proiezione a Caen è avvenuta in occasione dell'apertura, nel museo della città, di un'esposizione dedicata agli attentati, che include foto, video ed alcuni resti delle Torri Gemelle portati appositamente da Ground Zero, compresi frammenti degli aerei. Il sito Internet del museo di Caen propone anche una sezione commemorativa degli attentati.

Alcune immagini dell'esposizione, che sarà aperta al pubblico fino al 31 dicembre 2008, sono disponibili tramite Fox News (link 1; link 2), in un servizio TV in francese e in una serie di fotografie.

La proiezione di Zero è commentata in francese presso Caen.maville.com, che stima in "circa 150" le persone presenti.

41 commenti:

Anonimo ha detto...

boh...
avendo come riferimento la donna col vestito bianco io conto circa 70 persone, non 150.
I posti della sala mi sembrano 12*8 per la fila centrale, e presumibilmente altrettanti per i blocchi di destra e di sinistra, cioè circa 300 posti totali.
Dagli specchi sullo sfondo non sembra vi siano palchi sopraelevati.

saluti C.P.

OrboVeggente ha detto...

maledetti USA, sono così potenti che sono riusciti a convincere TUTTI i francesi...
E anche 59.459.000 italiani.

Chiesa mi ricorda quello che vede l'auto contromano in autostrada, e poi un'altra e un'altra ancora.
Quando arriva anche il TIR contromano, allora si ferma e dice "Ma qui sono TUTTI CONTROMANO!! E' UNA FOLLIA COLLETTIVA!!"

brain_use ha detto...

70 o 150 che siano, per una città di oltre 100.000 abitanti non sono granchè comunque.

Personalmente però non credo che questo sia il termometro giusto per valutare la reale consistenza dei dubbiosi.
A parte i complottisti convinti, quelli che frequentano LC e non si perdono una edizione di Zero e Loose Change, esiste una massa piuttosto ampia di gente comune che non si interessa (e spesso non ci crede affatto) di demolizioni controllate e missili travestiti da liner, ma che sospetta che comunque dietro ci sia qualcos'altro che non ci dicono.
Questa è gente che non perderebbe mai tempo a seguire una conferenza del genere.

Ormai l'11/9 è entrato nell'immaginario collettivo, come e più dell'omicidio Kennedy.

Henry62 ha detto...

Ciao Brain-use,
io non mi sono perso finora una versione di Inganno Globale, Zero e LooseChange, In Plane Site ecc.
ma più li vedo e più penso che i complottisti dell'11 settembre vivano in un mondo tutto loro, dove le regole del buon senso sono bandite.

Ciao

Rado il Figo ha detto...

a C.P.:

però dalle immagini si vede solo metà sala, ovvero manca la parte che dovrebbe stare a destra di Chiesa.

E 70 x 2 = 140 e quindi ci siamo anche.

brain_use ha detto...

io non mi sono perso finora una versione

Oh, bella, Henry...
Ma tu sei un disinformatore professionista della cia, un "kamikaze di Bush", no? ;-P

E' logico che tu debba conoscere ben bene i "venditori di Verità", come li chiamo io.

Anonimo ha detto...

piccolo offtopic

http://www.theonion.com/content/
video/9_11_conspiracy_theories

Stefano Luciani ha detto...

Forse i servizi segreti pagano anche tutti i francesi (tranne 150) per boicottare Zeuro...

stefano m ha detto...

secondo me la distanza tra giulietto chiesa e la prima fila è di 35 metri e non di 5: mi sembra quindi evidente che ci possa passare anche una folla oceanica...

Dog ha detto...

Ma certo si parte sempre da Zero, per contare i pro e i contro la vita e la morte...Ci sono anche magnifici Architetti e Contabili della guerra, che sono inviati in missioni di pace, anche nel fare "preziosi" commenti ed osservazioni "logistiche"...buona conta e approfondimento del pubblico.
Doriana Goracci

Paolo Attivissimo ha detto...

Doriana,

ho pubblicato il tuo commento perché non contiene nulla che violi le regole di moderazione, ma non ne ho capito il senso. Potresti chiarire? Grazie.

alessandro ha detto...

Ma perchè scagliarsi contro Zero e non chiedersi perchè tante risposte ufficiali del governo USA sono meno credibili delle presunte cospirazioni?Invece di perdere tempo denigrando ..provate a cercare risposte.In questo gioco al massacro vedo due fronti:i "cospirazionisti" e i denigratori dei "cospirazionisti".Personalmente penso che nel primo caso ci sia un lavoro di ricerca per smontare tesi "ufficiali", nel secondo caso si lavora per smontare le tesi dei primi...mi sembra tempo perso!Senza pensare ad UFO o alieni sul WTC7:due aerei ma tre torri che cadono..mi pare che sul WTC7 dobbiamo attendere luglio per un rapporto finale.Che ne pensate?

Paolo Attivissimo ha detto...

Alessandro, premetto che nessuno qui si "scaglia" contro Zero. Scagliarsi presuppone che vi sia un antagonista solido e resistente, ma Zero non è nulla di tutto questo.

Premetto anche che non siamo noi quelli che usano termini come "kamikaze di Bush" e simili.

Detto questo: quali sarebbero le "tante risposte ufficiali del governo USA" che "sono meno credibili delle presunte cospirazioni?"



due aerei ma tre torri che cadono

Se è per quello, due aerei e otto edifici che crollano. Fai bene i conti, e documentati, prima di lanciarti in teorie non sostenibili.

Dog ha detto...

Caro Paolo, mi chiedi il senso del mio commento, forse sono stata criptica, poco chiara?
Beh io credo che fare informazione e comunicare sia ben altro che prendere a pretesto un film coprodotto e fatto circolare con molta fatica e, comodamente dalla poltroncina del pc , conteggiare come le pecore che fanno arrivare il sonno, gli imbecilli spettatori francesi-tedeschi-italiani fà lo stesso, che assistono ad un documentario alternativo ad altre Verità, dal nome Zero.
La disinformazione e la manipolazione è anche questo tipo di ridicolizzazione degli eventi...
Che dire allora di quei presidi a Plaza de Majo, dove ci sono magari otto donne a ricordare gli scomparsi? Vogliamo contarle? O i refusnik di fronte alle masse patriottiche del mondo, vogliamo contarli?
La forma, ahimè tanto spesso, è anche sostanza.
A me hanno colpito certe "anticipazioni-antefatto" e ciò che è seguito.
Con rispetto per la dialettica reciproca, ma non stavate parlando di forma ma di Numeri. Ok, conteggiamo i morti dall'11 settembre in poi...se così vi piace.
Doriana Goracci

Paolo Attivissimo ha detto...

Doriana, grazie del chiarimento.


Beh io credo che fare informazione e comunicare sia ben altro che prendere a pretesto un film coprodotto e fatto circolare con molta fatica e, comodamente dalla poltroncina del pc , conteggiare come le pecore che fanno arrivare il sonno, gli imbecilli

Innanzi tutto, fare informazione ha un presupposto: che si comunichino fatti. Quello che fa Zero, invece, è disseminare fandonie che qualunque tecnico di settore (pilota, vigile del fuoco) riconosce subito come tali.

Sul fatto del "con molta fatica", vorrei ricordarti che Zero, per ammissione dei suoi autori, è stato fatto in gran parte con i soldi degli altri. 500.000 euro di valore dichiarato, per la precisione.

E cosa hanno avuto, gli azionisti di Zero, in cambio della loro fiducia e dei loro soldi? Storielle così vecchie che già le sbufalava Der Spiegel nel 2003. Cinque anni fa. Per non parlare della castroneria cosmica del "cinque metri ripeto cinque metri" a proposito dello squarcio nel Pentagono, messa in bocca a Dario Fo.

Se per te questa è informazione, non condividiamo lo stesso lessico.



Che dire allora di quei presidi a Plaza de Majo, dove ci sono magari otto donne a ricordare gli scomparsi? Vogliamo contarle? O i refusnik di fronte alle masse patriottiche del mondo, vogliamo contarli?

Paragonare quei presidi ai comizi di un europarlamentare che, al sicuro in un continente democratico, va in giro a fare discorsi che accusano i vigili del fuoco di New Yok e di Arlington di essere complici di strage è, a mio avviso, blasfemo.

alessandro ha detto...

Paolo, premettendo che rispetto il tuo lavoro (e il fantastico servizio Antibufala),rispondo alle tue affermazioni (in ritardo):

"Premetto anche che non siamo noi quelli che usano termini come "kamikaze di Bush" e simili."

Fa parte del gioco al massacro (eufemisticamente scambio di opinioni) che si è innescato.Le parole sono importanti ...soprattutto il senso che ad esse si vuol dare.Credo che da queste parti ci si "scagli" contro Zero e minimizzarlo come fai tu è altrettanto offensivo. "Stupidario" è una parola utilizzata da quelli come te per raccogliere le dichiarazioni dei "complottisti".

"Se è per quello, due aerei e otto edifici che crollano. Fai bene i conti, e documentati, prima di lanciarti in teorie non sostenibili."

L'arrogante saccenteria che la tua frase promana è emblematica dell'odio e dell'approccio "prevenuto" che tu hai verso chi
la pensa diversamente e (come me) cerca di capire.Non mi sono lanciato in alcuna teoria ..questo lo faccio fare ad altri (come te)! Non era difficile capire che mi riferivo agli edifici crollati e non a quelli demoliti...quindi (ma posso sbagliare),le twin towers e il wtc7!

Dog ha detto...

Dunque Paolo, partiamo dal "blasfemo" Giulietto o altri che esternano il loro pensiero. Blasfemo è chi bestemmia, chi usa termini che hanno questo valore irreligioso. I fatti come tu li chiami, sono noti a tutti, incisi nel nostro immaginario collettivo, per altri raltà tragica vissuta o defunta. Quei fatti, come Genova lo stesso anno, hanno portato a qualche decina di migliaia di morti, per liberarci dal terrorismo e difendere lo stile democratico occidentale.Bestemmio anche io se sono irreligiosamente poco rispettosa del dio petrolio e dei Signori della guerra, no?
Ma torniamo ai fatti e all'informazione. Tu sai benissimo quale iperbolica caterba di fatti viene scaraventata all'origine dei fatti nazionali e trasnsnazionali, basterebbe vedere le notizie battute dall'ansa in queste ultime ore...Per il mio modo di vedere l'informazione, da piccola pensionata paesana, non iscritta ad alcun Ordine, ma forse con molto disordine in testa e amante quindi della chiarezza, certe notiziole locali ad altre un po' più allargate geograficamente mi colpiscono...e dandosi il caso che ho fatto la consulente finanziaria per 31 anni a Banca Intesa, i conti me li faccio e so che 500 euro della mia liquidazione, li potevo buttare nel progetto partecipativo di Zero, tanto per vedermi scodellare una vecchia storiella di controinformazione da due soldi, già ampiamente abbufalita dal 2003...Ma siccome ti so attivissimo nella ricerca del tana libera tutti, mi sono chiesta come mai fosse per te così importante, conteggiare il pubblico appecoronato a sentire le bufale di un europarlamentare, tanto da farne un'inchiesta, questa si documentata, con misurazioni della sala e grasse risate sul seguito oceanico del "movimento per la verità". Io ti dico francamente Paolo, che i movimenti per la Vita mi hanno sempre fatto ampiamente dubitare, di quanto volessero far vivere il libero pensiero. Ma forse faccio parte di una deriva anarchica, come dice il nostro premier, e amo e rispetto i pompieri che spengono gli incendi veri, reali e non quelli che attizzano roghi...Gli affacci su Casa Bilderberg sono ancora possibili, ti invito a stanare qualche altro fatto, un po' più tragicamente reale. Sapessi quanto si apprende anche in un paese come il mio, con meno di 6000 abitanti, sor Grande Leviatano, lui si che si sfrega le mani e ride a crepapelle,,,,
Doriana Goracci

Paolo Attivissimo ha detto...

Credo che da queste parti ci si "scagli" contro Zero e minimizzarlo come fai tu è altrettanto offensivo.

Sei libero di credere quello che vuoi, ma i fatti ti danno torto. Qui nessuno prende di mira specificamente Zero. Tutti i principali film e libri cospirazionisti sono stati discussi. Zero è soltanto il più recente.

E ripeto: il tuo criterio di "offensivo" è molto personale. Se Dario Fo indica un buco largo 35 metri e afferma che è largo 5, dirgli che sta dicendo una scempiaggine non è offensivo: è una naturale, inevitabile constatazione.

Sempre per rimanere in tema di offensività: è più offensivo dire che un complottista sta dicendo una stupidaggine, o accusare i pompieri di New York di essere complici omertosi della morte di 343 loro colleghi?

Perché alla fine il complottismo si scontra contro questo ostacolo: se c'erano bombe, esplosioni, termite, saildiavolo cosa, allora i pompieri e i soccorritori e coloro che hanno smistato le macerie devono averne visto i segni. Ma tacciono. Quindi sono complici.

Quanto è offensivo questo?



L'arrogante saccenteria che la tua frase promana è emblematica dell'odio e dell'approccio "prevenuto"

Non è prevenuto. Hai detto una stupidaggine di stampo complottista, e io te l'ho segnalato: se ti sembra degno di nota dire "due aerei ma tre torri che cadono", vuol dire che credi che sia sospetto il crollo della terza torre. Io ti ho fatto notare che gli edifici crollati non sono tre, ma otto, e questo dovrebbe farti riflettere sul fatto che se una torre da mezzo milione di tonnellate crolla vicino a un edificio, magari quell'edificio ne risente. Magari viene investito dalle macerie e ne viene incendiato e indebolito. Magari il crollo di un edificio ne induce un altro.

Inoltre hai glissato sulla mia domanda precisa: uali sarebbero le "tante risposte ufficiali del governo USA" che "sono meno credibili delle presunte cospirazioni?"

Sei partito con argomentazioni classiche del cospirazionismo e ti ho risposto in base alle tue argomentazioni. Tutto qui.

Paolo Attivissimo ha detto...

Blasfemo è chi bestemmia, chi usa termini che hanno questo valore irreligioso

Appunto. E per traslato, "blasfemo" si usa per chi è irriguardoso verso un gesto degno di rispetto.

Paragonare chi piange i propri cari scomparsi sfidando un regime totalitario con chi va in giro, con uno stipendio da europarlamentare, a dire castronerie tecniche è una sciocchezza che offende i primi e martirizza il secondo.



mi sono chiesta come mai fosse per te così importante, conteggiare il pubblico appecoronato a sentire le bufale di un europarlamentare, tanto da farne un'inchiesta, questa si documentata

Forse non hai letto bene. Non c'è stata nessuna inchiesta. Sono state semplicemente pubblicate alcune foto che mostrano quanto sia stato scarso il seguito di un evento organizzato dai complottisti francesi. Tutto qui. Nessuna misurazione della sala o grassa risata.

Dog ha detto...

Dal momento che i francesi, ma potevano essere italiani o tedeschi o di qualunque altra "etnia", (il film è giunto anche da altre parti)sono dei complottisti, credo che i miei commenti si concludono quì. Posso sentirmi usata e mi faccio usare per testimoniare con la mia memoria e quella di chi consegna la sua ma non per sentirmi dare della complottista come chi si "serve" dei martiri di questa o quella patria. Questione di rispetto e stile, anche nei confronti di chi butta il suo tempo alla ricerca di controinformazione.
Ad ogni buon conto, affacciati anche ad altre sale come quelle che ti ho menzionato e stana ben altri artefici di menzogne, te ne sarò grata non solo io.
___________________

Paragonare chi piange i propri cari scomparsi sfidando un regime totalitario con chi va in giro, con uno stipendio da europarlamentare, a dire castronerie tecniche è una sciocchezza che offende i primi e martirizza il secondo.

_________
Forse non hai letto bene. Non c'è stata nessuna inchiesta. Sono state semplicemente pubblicate alcune foto che mostrano quanto sia stato scarso il seguito di un evento organizzato dai complottisti francesi. Tutto qui. Nessuna misurazione della sala o grassa risata.
----------
E meno male che l'argomento del giorno è Il seguito oceanico del movimento per la verità...
senza nessuna ironia vero Paolo? L'importante à svergognare questi complottisti e il Manovratore...
Gli italiani ti ringraziano per averli messi sull'avviso, con tanto garbo.
Doriana Goracci

Paolo Attivissimo ha detto...

E meno male che l'argomento del giorno è Il seguito oceanico del movimento per la verità...

No, non lo è affatto. E' uno dei tanti articoli ed è stato in cima al blog meno di un giorno. Tutto qui.

Anonimo ha detto...

Cara Doriana Goracci, abbiamo appena lasciato un anno in cui molti hanno vantato proprio il numero dei partecipanti alle manifestazioni.In genere la protesta vanta sempre un'indicazione sul numero degli aderenti.
Per esempio, nel caso del VDay Grillo si è spesso vantato del numero dei partecipanti, o delle firme che poteva raccogliere.
Nel caso degli scontri di Genova gli organizzatori si vantavano di cifre di adesione sia come singole persone sia come gruppi partecipanti (nascondendo le sigle dei gruppi violenti con una omertà mafiosa, anzi politica).
Nel caso degli scioperi della fame di Pannella il numero dei partecipanti è stato ancora più esiguo: una persona.
Forse anche in quei casi non si sarebbe dovuta dare la notizia, indipendentmente dalla percezione che se ne ha in funzione della militanza politica.

Il film Zero si presentava come:
>>ZERO è un film documentario che rompe il muro del silenzio,un’inchiesta giornalistica rigorosa, costruita con interviste ...esperti, tecnici, scienziati, ..
Immagini di repertorio inedite ed esclusive,...<<

Sta rompendo il muro del silenzio?
Ha fornito nuovo materiale inedito?
Ha intervistato i pompieri sull'effetto di un incendio su una struttura?
Ha fornito agli esperti il materiale utile per ben valutare quanto avvenuto?
Di fatto quasi tutto il materiale presentato in Zero era già presente in internet gratuitamente.
i 500K di euro per metterlo a video promettevano una lauta ricompensa, che a quanto pare non sembra venire, benchè con lo stipendio da europarlamentare Giulietto Chiesa avrebbe potuto tirar fuori da solo i 500000 euro (bastavano 3 anni di stipendio).

Confronto fra i morti: non è semplice fare il confronto fra i morti.
Dipende dai termini che si vuole inserire.
I morti del regime talebano, la repressione degli Hazara, l'eccidio di Mujahedeen vanno conteggiati?
Visto che sei una militante femminista: le donne lapidate nello stadio di Kandahar vanno conteggiate?
I morti nell'esplosione di un kamikaze che sia palestinese, iraqueno, filippini, del bangladesh, egiziano,... o altro vanno conteggiati?
Purtroppo oggi il terrorismo si estende dall'africa all'indocina. Non può essere definito guerra mondiale poichè non è unito sotto un unico fronte, ma in tantissimi gruppi parcellizzati che pretendono la città shariatica, un similare della "città perfetta" di Sant'Agostino.
L'aspetto curioso lo si tocca quando si inizia a parlare di Cina e Xiongjang.
Giulietto Chiesa evita accuratamente di parlare di Xionjiang vista la sua militanza politica, anche se ci sono i numeri per fare qualche articolo.

Da tutto ciò a mio parere si può quindi comprendere come oggi l'informazione sia un potere al pari del legislativo, dell'esecutivo e del giuridico.
Andrebbe affiancato e previsto nella costituzione in modo tale che vi sia una garanzia per chi ne usufuisce.
Uno dei miti odierni infatti è che solo la stampa di centro e destra sia alterata per militanza politica.
La realtà invece sembra estendersi a tutto il parco politico nostrano, anzi a varie nazioni in cui vige la libertà di stampa.
Nessuno sostiene mai l'idea che la democrazia ogni 50-100 anni abbia bisogno di una patch, come windows.
Tuttavia se osserviamo il progredire della storia, ogni tot anni ritorna sempre la necessità di evolvere le forme politiche per renderle conforni alle nuove realtà.
A mio parere Zero nel suo piccolo dimostra proprio questo.
Lo si può vedere anche come conflitto di interessi fra editore/i del film e politico europarlamentare che usa Bruxelles per pubblicizzare il "suo" prodotto.
Purtroppo oggi a far notare che il conflitto di interessi è esteso oltre Berlusconi si viene in genere assaliti o minacciati o derisi.
La realtà è che ognuno fa i propri interessi, con tutti i mezzi disponibili leciti e non che sia di destra di centro o di sinistra.

alessandro ha detto...

Cerco di rispondere punto per punto (o quasi)..

E ripeto: il tuo criterio di "offensivo" è molto personale. Se Dario Fo indica un buco largo 35 metri e afferma che è largo 5, dirgli che sta dicendo una scempiaggine non è offensivo: è una naturale, inevitabile constatazione.

____________________________________
Dario Fo e chi come lui dice che il buco è di 5 metri asserisce un’altra cosa rispetto a chi parla di 35 metri. Sono due pareri contrapposti ..entrambi confermati da foto e da persone come te !
L’ormai noto LuogoComune linka a queste immagini:
http://www.luogocomune.net/site/modules/911/index.php?filename=911/3-Pent/dovaereo/dovaereo.html
A meno che tu non sia andato lì di persona a misurare il buco e possa fornirne prova (! A quel punto perché dovrei (non) fidarmi di te?
____________________________________


Sempre per rimanere in tema di offensività: è più offensivo dire che un complottista sta dicendo una stupidaggine, o accusare i pompieri di New York di essere complici omertosi della morte di 343 loro colleghi?
Perché alla fine il complottismo si scontra contro questo ostacolo: se c'erano bombe, esplosioni, termite, saildiavolo cosa, allora i pompieri e i soccorritori e coloro che hanno smistato le macerie devono averne visto i segni. Ma tacciono. Quindi sono complici.
Quanto è offensivo questo?

____________________________________

E’ altrettanto offensivo parlare nei termini che usi tu ...se non altro perché ci sono anche cittadini americani (non solo i parenti delle vittime) che cercano la verità e che non pensano ai pompieri omertosi …sono complottisti quei cittadini? Visto che si usano paragoni sconvenienti ..le associazioni delle vittime di qualsiasi strage hanno diritto di rispetto (vedi Ustica e le recenti affermazioni del Picconatore)..e di verità!
____________________________________


Non è prevenuto. Hai detto una stupidaggine di stampo complottista, e io te l'ho segnalato: se ti sembra degno di nota dire "due aerei ma tre torri che cadono", vuol dire che credi che sia sospetto il crollo della terza torre.

____________________________________

Come ti permetti di etichettare come stupidaggine un mio legittimo dubbio/parere?Solo un arrogante può permettersi di sminuire così le persone e il loro pensiero (diverso dal tuo)!!
____________________________________


Io ti ho fatto notare che gli edifici crollati non sono tre, ma otto,
____________________________________

3 crollati e gli altri demoliti dopo .no? O sbaglio? La differenza tra crollo e demolizione non è sottile !
____________________________________

e questo dovrebbe farti riflettere sul fatto …

____________________________________

Rifletto molto spesso e non campo in base al mero istinto animale ! E poi penso …
Penso che il kerosene e il calore sviluppato non riesca fondere l’acciaio.
Penso che un grattacielo per quanta velocità possa prendere non possa cadere in quel modo senza collassare addosso ad altri …mi fa strano che due siano crollati così!
Mi fa strano che il WTC7 sia caduto (seguono parole tue) perché una torre da mezzo milione di tonnellate crolla vicino a un edificio, magari quell'edificio ne risente. Magari viene investito dalle macerie e ne viene incendiato e indebolito. Magari il crollo di un edificio ne induce un altro.
Posso pensare ed esprimere dei dubbi in questo democratico blog?
Ovviamente ho sentito/letto pareri di ingegneri edili esprimersi in base al loro parere personale sui crolli ma nessuno di loro (anche complottista) ha potuto addurre alcunché di empirico!
Crolli del genere si vedono solo nelle demolizioni controllate e rigraziando Dio non c’è stato un altro evento simile che possa creare una statistica! Quindi complottisti o debunker ..solo parole ,parole ,parole ! La mia contro la tua ,Paolo !
____________________________________


Inoltre hai glissato sulla mia domanda precisa: quali sarebbero le "tante risposte ufficiali del governo USA" che "sono meno credibili delle presunte cospirazioni?"

____________________________________

Ho glissato per mancanza di tempo e perché non tanto le risposte quanto le omissioni delle Istituzioni USA sonostate troppe quindi ho preferito fermare l’attenzione sul crollo (e non demolizione) delle Torri!
Qui c’è un’interessante intervista (che di sicuro già conosci) ad uno specialista IT che lavorava nella Torre Sud (che parla del famoso blackout nel fine settimana precedente quel martedì)!
http://georgewashington.blogspot.com/2005/11/interview-with-scott-forbes.html

oppure (in italiano)
http://xoomer.alice.it/911_subito/intervista_forbes.htm

E’ un cospirazionista vero? O uno sparaballe? Se rispondi sì …mi sa che sei tu che vedi le cospirazioni dei complottisti ovunque.
____________________________________


Sei partito con argomentazioni classiche del cospirazionismo e ti ho risposto in base alle tue argomentazioni. Tutto qui.

____________________________________

Quindi mi hai trattato come un demente (perché a tuo parere ho detto una stupidaggine di stampo cospirazionista) ..perchè nella tua arroganza tale è chi cerca di andare al di là delle notizie ufficiali. Non ne faccio una questione personale,Paolo ...non ti reputo un kamikaze di Bush ma evita di minimizzare (peggio …non considerare) le affermazionie i pensieri degli altri.
Oltretutto checchè tu ne dica ,Zero ti irrita (sicuramente perché contrario a quello che pensi tu) …altrimenti non si spiega Z€URO !

Detto ciò ti saluto.
Buona notte.
____________________________________

Paolo Attivissimo ha detto...

Alessandro:


Dario Fo e chi come lui dice che il buco è di 5 metri asserisce un’altra cosa rispetto a chi parla di 35 metri. Sono due pareri contrapposti

No, il primo è una scempiaggine, il secondo è un fatto misurabile e misurato. Guarda la foto nella colonna di destra di questo blog. Secondo te quello è un buco di cinque metri? Sono pompieri nani?


L’ormai noto LuogoComune linka a queste immagini

...nelle quali fa finta di non vedere lo squarcio al piano terra.



A meno che tu non sia andato lì di persona a misurare il buco e possa fornirne prova

Facile. Controlla tu stesso. Prendi una foto della facciata, con lo squarcio intero. Sapendo che ogni finestra è larga esattamente 152 centimetri, quant'è largo lo squarcio?

Come vedi, non è un'opinione. E' un fatto. Un dato misurabile con metodi ripetibili.
ci sono anche cittadini americani (non solo i parenti delle vittime) che cercano la verità e che non pensano ai pompieri omertosi

Qualcuno di loro teorizza torri demolite o niente aereo al Pentagono?

Vedi, un conto è avere legittime richieste di chiarezza. Quelle le ho anch'io. Un altro è andare in giro a strillare "cinque metri ripeto cinque metri" e pensare che questo sia la prova che lì non c'era un aereo.



Come ti permetti di etichettare come stupidaggine un mio legittimo dubbio/parere?

Mi permetto perché non è un dubbio legittimo: è una stupidaggine. Basta ragionare un attimo e documentarsi prima di parlare.



3 crollati e gli altri demoliti dopo .no? O sbaglio? La differenza tra crollo e demolizione non è sottile !

Vedo che la tua carenza di documentazione è davvero grave e questo ti porta a dire stupidaggini. Come volevasi dimostrare.

Vai a studiare un po' e scopri quali sono gli otto edifici distrutti l'11/9. Non demoliti: distrutti.



Penso che il kerosene e il calore sviluppato non riesca fondere l’acciaio

E anche qui la tua impreparazione ti tradisce e ti fa dire cose insensate. Infatti nessuno dice che l'acciaio è stato fuso. Nessuno dice, men che meno, che sia stato il kerosene.

Documentati: vai ai tuoi Vigili del Fuoco locali e chiedi a che temperatura brucia un incendio domestico.


Penso che un grattacielo per quanta velocità possa prendere non possa cadere in quel modo senza collassare addosso ad altri …mi fa strano che due siano crollati così!

Anche qui stai dicendo una sciocchezza perché non conosci i fatti. Tutti gli edifici crollati hanno colpito quelli adiacenti.


Mi fa strano che il WTC7 sia caduto

Può farti strano finché ti pare, ma questo è quello che dicono i pompieri di New York che erano sul posto e che hanno rischiato la vita mentre tu te ne stavi a casina a picchiettare sui tasti del computer. Deciditi: ne sai più tu o ne sanno più loro?

O se preferisci: mentono?




Posso pensare ed esprimere dei dubbi in questo democratico blog?

Certamente, ma per non far perdere tempo a tutti, sarebbe meglio che tu li esprimessi dopo esserti documentato.

Ovviamente ho sentito/letto pareri di ingegneri edili esprimersi in base al loro parere personale sui crolli ma nessuno di loro (anche complottista) ha potuto addurre alcunché di empirico!

Falso. Cerca il nome "Bazant".


La mia contro la tua ,Paolo !

No. Io ti porto dei fatti, fornitimi da chi era sul luogo ed è competente. Tu hai solo delle opinioni di persona non competente e non informata.

Ho glissato per mancanza di tempo e perché non tanto le risposte quanto le omissioni delle Istituzioni USA sonostate troppe quindi ho preferito fermare l’attenzione sul crollo (e non demolizione) delle Torri!

Traduco: stavi ripetendo a pappagallo il mantra e adesso che ti chiediamo dati concreti non sai che pesci pigliare

Non attacca. Tira fuori i capi d'accusa, oppure ritira l'accusa.


Qui c’è un’interessante intervista (che di sicuro già conosci) ad uno specialista IT che lavorava nella Torre Sud (che parla del famoso blackout

Ah, Scott Forbes. L'unica persona al mondo che ricorda un blackout che avrebbero notato tutti i newyorchesi e tutti gli inquilini del WTC. Che strano che se lo ricordi soltanto lui. Non c'è una circolare, una ricevuta, un memo aziendale che confermi la sua storiella.

Ma prendiamola per buona. Diciamo che le cose sono andate come dice lui. Lui dice che il blackout ha interessato metà di una torre.

E l'altra metà? E l'altra torre? E l'edificio 7? Quelli, quand'è che li hanno minati?

Come vedi, non stai ragionando adeguatamente sulle tue affermazioni. Per questo le etichetto, senza offesa, come stupidaggini.




nella tua arroganza tale è chi cerca di andare al di là delle notizie ufficiali

No, è tale chi si fida di un teologo, di un regista e di un europarlamentare che discettano di ingegneria strutturale e incendi. Se davvero volessero andare oltre le notizie ufficiali, troverebbero che la comunità dei tecnici è lì ad attenderli per ridere loro in faccia per le scemenze tecniche che hanno detto.

Il carrello a discesa automatica? Il transponder che non si può spegnere? Il fumo nero che prova incendi tiepidi? Ce n'è per tutti.

Zero ti irrita (sicuramente perché contrario a quello che pensi tu) …altrimenti non si spiega Z€URO

Certo che mi irrita. Mi irrita il pensiero che qualcuno sia riuscito a farsi dare 500.000 euro da gente che s'è fidata e invece ora si trova con un pugno di mosche e, al posto della Verità, un ammasso di più di cento bubbole.

dyk74 ha detto...

Per smorzare un po' i toni:
secondo me sono stati quelli di UNDICISETTEMBRE che con photoshop hanno cancellato le persone dalle foto cosicche' sembrassero molte meno ...
(spero si fosse capito che era ironico)
Sono sempre piu' convinto che il lavoro di questo TEAM sia enorme e posso anche capire che qualche volta si possa perdere le staffe con gente che cita a memoria le cose dei complottisti e non pensano con la loro testa.

CIAO CIAO

brain_use ha detto...

L'importante à svergognare questi complottisti e il Manovratore...

L'intervento della Sig.ra Goracci è a mio parere interessante da analizzare.

Personalmente ho frequentato in questi ultimi mesi diversi ambienti umani su internet: dai blog dedicati, ai meetup di Grillo, a forum generalisti come quello di Focus o della RAI.
Una cosa che ho imparato a riconoscere è lo sconcerto caratteristico del neofita di fronte a una sorta di apparente acredine tra complottisti e debunker che sembra trasparire anche da articoli come questo.
Di quella che i complottisti possono eventualmente nutrire verso i debunker se ne occupino loro.
A me interessa approfondire in questa sede l'atteggiamento della comunità dei debunker e "simpatizzanti" (passatemi il termine) verso i complottisti.

Mi risulta comprensibile l'atteggiamento della Sig.ra Goracci: per chi legge occasionalmente e magari da poco undicisettembre o il blog di Henry e dovesse imbattersi in un articolo come questo, ma ancor più per chi dovesse capitare nel bel mezzo di alcuni thread sul forum di Crono911, la prima impressione può facilmente essere sintetizzata dalla frase che ho citato in apertura.
Non parliamo poi di Perle Complottiste!

Molto banalmente, il problema è che chi giunge oggi ad approcciare l'annoso dibattito complottisti-debunker si è perso tutta una serie di antefatti.

Le risposte alle obiezioni dei debunker costantemente eluse e il ricorso alla divagazione.
Il reiterare miti e leggende metropolitane con meccanismo ricorsivo e privo di correzioni.
Il tentativo di spostare non solo i paletti del dibattito, ma anche i contenuti su tematiche non basate sui fatti e sugli accertamenti tecnici ma sui "cui prodest" e sulle illazioni.
Fino ad arrivare ai debunker bannati sistematicamente dai forum dei complottisti e in alcuni casi anche all'insulto gratuito da parte di questi ultimi.

Quando, nel 2008, si vedono gli ultimi arrivati sul filone copia-incollare miti e leggende già sbufalati da molto tempo e spacciarli per anni di "Ricerca della Verità", non si può fare a meno di sorriderne, ma anche di sentire un piccolo fastidio allo stomaco.
E poi si sente parlare di "censura" da parte di chi, viceversa, gode di attenzioni da parte dei media assolutamente impensabili per gli "sbufalatori".
E poi ci si sente etichettati con epiteti come il già ricordato "Kamikaze di Bush".

Dove voglio arrivare?
Voglio dire che oggi, 2008, sarebbe forse opportuno dedicare uno spazio e un'attenzione alla ricostruzione dell'evoluzione o per meglio dire dell'allargarsi a macchia d'olio senza alcun vero approfondimento, del movimento complottista.

L'articolo di Spiegel va in quella direzione.
Il Fo che proclama al mondo "5 metri, ripeto 5 metri" e che in realtà non fa che tenere in vita una bufala vecchiotta e banale, dovrebbe essere ricondotto alle origini, al Meyssan del 2002.

Proprio per fornire al neofita un quadro d'insieme di questi 7 anni di "Ricerca della Verità".
Buttati al vento, vien da dire.

alexandro ha detto...

Come mai c'è poco pubblico? Forse perché è facile fare il cospirazionista dietro una tastiera, a casa, ma quando si deve mostrare la propria faccia e identificarsi come uno che crede a determinate teorie, l'imbarazzo li ferma. O magari il fenomeno è sopravvalutato e tanti presunti simpatizzanti si divertono alle spalle dei vari Mazzucco e Chiesa, riempiendo i loro blog e forum con teorie sempre più azzardate, per vedere fino a che punto si possa convincere la massa di creduloni loro seguaci. Visto comunque il livello di civiltà di molti commentatori nei vari forum o sui video di You Tube, dubito che siano persone che si recherebbero in un luogo ove non si potrebbe insultare qualcuno o calunniare chicchessia senza conseguenze. Mi spiace per la signora Goracci, ma non posso che essere felice dell'insuccesso di pubblico di queste iniziative, perché è un segno positivo che quanti accusino di indottrinamento, non siano in grado a loro volta di coartare il pensiero critico della gente, con una sorte di caccia alle streghe come non se ne vedevano dal maccartismo (ditelo a Chiesa).

alessandro ha detto...

Paolo,cortesemente rileggi il mio primo post.
Premettendo che mi ero limitato all'argomento torri (soprattutto WTC7 perchè ad oggi è quello sul 911 che mi convince sempre meno),avevo scritto "risposte ufficiali del governo USA sono meno credibili delle presunte cospirazioni".Volevo dire che il Rapporto Ufficiale non ha soddisfatto tutti quindi la ricerca della verità prosegue.I parenti delle vittime non parleranno di demolizioni controllate (ma questo lo dici tu)ma di certo credono che ci sia qualcosa di nascosto.Se lo stuolo di tecnici che vanti di conoscere (ma anche dall'altra parte ci si vanta allo stesso modo),è in grado di smontare le tesi "cospirazioniste" e validare il Rapporto Ufficiale (di cui ho letto solo stralci tradotti),mi spieghi perchè molti cittadini americani non sono ancora convinti (oltrechè i familiari delle vittime)?
Non mi sembrava di essere stato così irriguardoso eppure le tue risposte anno dimostrato un’atteggiamento stizzito oltremodo.

Tu dici:Può farti strano (che il wtc7 sia caduto) finché ti pare, ma questo è quello che dicono i pompieri di New York che erano sul posto e che hanno rischiato la vita mentre tu te ne stavi a casina a picchiettare sui tasti del computer."

Uscita pessima e fuori luogo,Paolo.Non è colpa mia se non faccio il pompiere e non vivo negli Stati Uniti.
Visto che era martedì,ero a lavoro come molte persone(probabilmente anche tu?)

Deciditi: ne sai più tu o ne sanno più loro?
Guarda che sei tu che ti ergi come grande esperto (che compare in TV) …e non io.
Nessuno nega che sia crollato il WTC7 ma le argomentazioni tue non mi hanno convinto (se una torre da mezzo milione di tonnellate crolla vicino a un edificio, magari quell'edificio ne risente. Magari viene investito dalle macerie e ne viene incendiato e indebolito. Magari il crollo di un edificio ne induce un altro).

Tu dici:O se preferisci: mentono I pompieri)?
No..non mentono così come non mentono quei pompieri che avevano sentito dei suoni simili ad esplosioni.

Termino qui per la tua gioia, visto che ti avrò fatto perdere altro tempo (parole tue) con la mia impreparazione.Continuerò ad usare il servizio antibufala (ottimo)..ma non ti montare la testa e porta rispetto.
A.

SirEdward ha detto...

"risposte ufficiali del governo USA sono meno credibili delle presunte cospirazioni".Volevo dire che il Rapporto Ufficiale non ha soddisfatto tutti quindi la ricerca della verità prosegue.

Sarebbe bello se proseguisse davvero. In realtà finora dagli insoddisfatti non sono arrivate altro che teorie errate, fallate o manipolate apposta.

Nessun rapporto convincerà mai tutti. Bisogna però vedere se chi non è convino ha motivazioni serie o semplicemente non cambierebbe idea di fronte a nulla.

Per questo bisogna dedicarsi ai singoli argomenti. Non c'è una sola teoria cospirazionista che riveda in maniera generale gli eventi di quel giorno. Potrei quasi dire che non c'è una sola teoria complottista che sia valida, ma non voglio esagerare.

Di vero c'è che spesso si escludono a vicenda o sono decisamente fantasiose.


I parenti delle vittime non parleranno di demolizioni controllate (ma questo lo dici tu)ma di certo credono che ci sia qualcosa di nascosto.Se lo stuolo di tecnici che vanti di conoscere (ma anche dall'altra parte ci si vanta allo stesso modo),è in grado di smontare le tesi "cospirazioniste" e validare il Rapporto Ufficiale (di cui ho letto solo stralci tradotti),mi spieghi perchè molti cittadini americani non sono ancora convinti (oltrechè i familiari delle vittime)?


Ti faccio questo esempio: da millenni si discute di religione. Mi spieghi perché mai ci sono persone di fedi diverse.

Oppure: c'è gente ancora convinta che la luna non ruoti su sé stessa (non scherzo). Dovrei prendere questo fatto come base per affermare che la fisica è un complotto?

Certo che no. Per lo stesso motivo, non è importante quanta gente crede in qualcosa, ma è importante quello che la cosa creduta vale davvero.


Non mi sembrava di essere stato così irriguardoso eppure le tue risposte anno dimostrato un’atteggiamento stizzito oltremodo.


Rispondo per Paolo:

Tu continui a mettere sullo stesso piano le teorie complottiste e le teorie "ufficialiste" o il lavoro svolto per smentire le teorie complottiste.

L'errore è lì. le teorie cospirazioniste e la ricostruzione effettuata dai tecnici sulla base dei fatti, dei dati, dei resti, sono profondamente diverse: per metodo, per spirito, per impostazione, prima ancora che per risultato.

Non si possono comparare: il gruppo undicisettembre finora ha cercato proprio di evidenziare la profonda differenza fra questi due approcci. Da una parte hai, semplificando e generalizzando, gente che propone migliaia di pagine di rapporti tecnici molto molto complessi e approfonditi (leggili e capirai), dall'altra hai gente che seleziona accuratamente le foto per poter raccontare delle bufale immonde perfino sulle dimensioni di uno squarcio su una parete.

Fanatismo? Paranoia? Malizia? Interesse? Impreparazione? Faciloneria? Ognuno ha il suo motivo. Ma il risultato non cambia.


Nessuno nega che sia crollato il WTC7 ma le argomentazioni tue non mi hanno convinto.


Amen. Le argomentazioni del gruppo undicisettembre sono ben spiegate, ricche di fonti e liberamente consultabili.

Se non ti convincono, c'è poco da fare (forse non le hai lette attentamente, penso io ovviamente). Ma attento alla sottile linea tra il pensare che non ti convincono, e il venire qui a ribadire la tua posizione senza provare quello che dici. Ti si potrebbe chiedere perché vieni a dircelo, se non ci dici perché.

Paolo Attivissimo ha detto...

Alessandro,

avevo scritto "risposte ufficiali del governo USA sono meno credibili delle presunte cospirazioni".Volevo dire che il Rapporto Ufficiale non ha soddisfatto tutti quindi la ricerca della verità prosegue

Nessun rapporto soddisferà mai tutti, soprattutto perché c'è chi non lo legge nemmeno e non è addetta ai lavori eppure si permette di dare giudizi.

Il problema è che la "ricerca della verità" come la stanno facendo i cospirazionisti non è per niente una ricerca. Dopo sette anni, siamo ancora fermi a "il buco nel Pentagono misura cinque metri", a "le torri sono cadute troppo in fretta", "il WTC7 è caduto in modo sospetto, aveva incendi piccoli".

Tutti concetti ampiamente sbufalati da tempo.

Una vera ricerca delle verità avrebbe accettato di aver commesso errori grossolani (Meyssan e il carrello a discesa automatica, per esempio), li avrebbe purgati dalla propria attività, e sarebbe andata avanti a formulare nuove ipotesi.

Non è successo nulla di questo. Quello che fanno i complottisti non è ricerca: è aria fritta.


I parenti delle vittime non parleranno di demolizioni controllate (ma questo lo dici tu)

Ti invito a smentirmi. Io finora non ho sentito familiari delle vittime fare questo genere di asserzioni.


Se lo stuolo di tecnici che vanti di conoscere (ma anche dall'altra parte ci si vanta allo stesso modo)

Con una piccola differenza: che i tecnici che confermano la dinamica degli eventi sono tecnici _veri_, specialisti di settore, autori di rapporti esaminati anche dai loro colleghi e pubblicati nelle riviste specializzate. I "tecnici" del mondo complottista non hanno nessuna competenza e non sono informati dei fatti.


mi spieghi perchè molti cittadini americani non sono ancora convinti (oltrechè i familiari delle vittime)?

Cosa vuol dire? La verità non cambia secondo il risultato di un sondaggio. C'è anche tanta gente che pensa che Elvis sia ancora vivo. C'è tanta gente che pensa che la Terra sia piatta e che vi sono persone che piegano cucchiai con la forza del pensiero. Questo non vuol dire che sia vero.


Non mi sembrava di essere stato così irriguardoso eppure le tue risposte anno dimostrato un’atteggiamento stizzito oltremodo.

Stizzito? Rileggiti il nostro dialogo. Hai fatto delle domande, ti ho dato delle risposte, senza stizza.

Dopo un po', io ti ho detto semplicemente: "Se è per quello, due aerei e otto edifici che crollano. Fai bene i conti, e documentati, prima di lanciarti in teorie non sostenibili."

E a questo punto mi hai tacciato di "arrogante saccenteria", di "odio" e di "approccio "prevenuto"". Vedi tu da che parte sta la stizza.



Non è colpa mia se non faccio il pompiere e non vivo negli Stati Uniti.

Ma è colpa tua se li accusi di essere complici o di mentire.


Guarda che sei tu che ti ergi come grande esperto

Errore fondamentale: io non mi atteggio ad esperto. Io cito gli esperti. Io cito i testimoni. Cito i pompieri.


Continuerò ad usare il servizio antibufala (ottimo)..ma non ti montare la testa e porta rispetto.

Sta' tranquillo che non ho alcuna voglia di montarmi la testa. Mica sono io quello che va in giro a raccogliere 500.000 euro.

Sul fatto di portare rispetto, perdonami ma sei tu che manchi di rispetto verso i vigili del fuoco e verso le vittime ogni volta che ti lanci in argomentazioni che sostengono le teorie cospirazioniste.

Sul WTC7: i pompieri dicono che era in fiamme, e ci sono le immagini a confermarlo. I pompieri dicono che era pericolante e lo hanno evacuato, e infatti nessuno è morto nel crollo. I pompieri dicono che non c'è nulla di strano nel crollo e che era previsto e prevedibile.

Ora se tu insisti a dire che c'è qualcosa di strano nel crollo del WTC7, stai andando contro il parere professionale di esperti che erano lì, sul posto. Vedi tu se la tua posizione è ragionevolmente sostenibile.

Anonimo ha detto...

@alessandro:
"...due aerei ma tre torri che cadono..."

Ragazzi, fatelo parlare che lo stiamo tracciando, mentre chiamo la CIA, l'FBI, la NSA...

acc... mandera' a monte tutto... E pensare che per 7 anni nessuno se ne era accorto!!!!

Cmq la prossima volta a fare attentati ci mandiamo qualcuno che sappia contare!!!! ;)

alessandro ha detto...

Simpatico...com'è che ti chiami?

Hammer ha detto...

Ragazzi, evitiamo polemiche e screzi personali!

Alessandro, devo dare atto all'anonimo che le tue osservazioni sono davvero superficiali e denotano una certa ignoranza sull'argomento e possono suscitare ilarità.

Ciò detto, piantiamola qui con le liti.

Anonimo ha detto...

Mi chiamo Piero Mancino.

alessandro ha detto...

Hammer non posso che darti ragione ma davvero non mi ero presentato come un esperto.Il 25 giugno ho avuto il link a questo blog tramite un carteggio mail (tra colleghi che si sfottono proprio sull'argomento 11 settembre)..mi sono presentato con dei dubbi legittimi di un inesperto (parlo del mio primo post che terminavo con una domanda "che ne pensate?",senza aver visto che qui siete molto esperti pur sapendo di Attivissimo)!In un post successivo avevo spiegato di aver volutamente limitato il campo vastissimo dell'argomento alle torri (non era importante il numero delle torri nel mio caso specifico e cmq sapevo che erano di più -non la cifra esatta -ho parenti proprio a Manhattan come molti italiani e quindi l'argomento mi ha toccato oltremodo..questo per rispondere anche ad Attivissimo).Mi è stata fatta notare l'impreparazione in maniera molto diretta e direi anche "cattiva"(accusa di Attivissimo:di farvi perdere tempo).Oggettivamente ci siete andati un po' pesantucci.Detto ciò,Hammer,sei stato quantomeno gentile a differenza del simpatico Piero Mancino,uomo esperto sul 911 e che sa contare.Qui termino il mio personalissimo sfogo che non farà perdere troppo tempo ad Attivissimo.Ciao

Hammer ha detto...

Alessandro,

capisco il tuo disappunto, ma tu cerca di capire anche la nostra posizione (mi ci metto anche io insieme a Paolo).

Sono 2 anni che esiste undicisettembre e in questi anni alcuni aspetti delle vicende di quel giorno si sono chiarite oltre ogni ragionevole dubbio.

Ciò nonostante i complottisti fingono di ignorare alcune di queste spiegazioni o semplicemente le ignorano per inerzia mentale. Proprio a questo scopo abbiamo preparato anche una sezione di FAQ e i video "Misteri da Venedere" su questi aspetti più noti e non ci sembra di chiedere troppo ai lettori se richiediamo che almeno questi vengano consultati prima di venire qui a fare domande su cose note, stranote e debunkate da anni.

La risposta di Paolo era in questo senso, se nelle pagine di questo blog esistono da anni le risposte alle domande che poni (e anche ben in evidenza, nelle FAQ) è una perdita di tempo doverle scrivere ancora una volta.

Dobbiamo forse rispondere alla stessa domanda mille volte? Una per ogni lettore che non legge le FAQ?

Non credo.

Ciò detto ti invito a non andartente da qui. Continua a leggerci, piuttosto inizia proprio dalle FAQ e da "Misteri da Vendere".

Ciao

alessandro ha detto...

Ok.Chiarissimo.Grazie

Anonimo ha detto...

Voglio accogliere l'appello di Hammer e non voglio alimentare questo flame.

Piero Mancino il "simpatico".

P.S.: non ho mai detto di essere un "esperto" del 9/11 e si... so contare.

airone76 ha detto...

Per alessandro:
Ok.Chiarissimo.Grazie

Faccio solo notare che sopra il box per i commenti c`è scritto:

"... Prima di fare domande, leggete per favore le FAQ nella colonna di destra del blog."

(il grassetto non è mio)

Un neofita normalmente, visto che è esplicitato, si legge le FAQ e quindi non si presenta a fare domande o illazioni assurde se non vuole soltanto fare polemica... Nelle FAQ esiste la sezione WTC7 che ti dava già la risposta alla tua domanda Che ne pensate?...
So che spesso in un blog uno scrive in preda al sentimento momentaneo, ma è sempre buona norma rispettare le regole, e in questo caso è esplicitata la lettura delle FAQ che ti avrebbe permesso di ottenere già una risposta.

alessandro ha detto...

Ascolta Airone76 per me la cosa è inziata il 25 giugno ed è finità il 4 luglio.Ho spiegato come sono arrivato fin qui.Se io avessi letto le F.A.Q. ,non avrei scritto e non starei oggi ancora a rispondere a te dopo più una settimana.Se pensi che volessi fare polemica stai prendendo una cantonata(se tu avessi letto la cronologia dei vari post l'avresti capito).Detto questo ..detto tutto.Addio

Hammer ha detto...

Hey Alessandro,

ma perchè dici "addio"? :-)

Pensavo fossimo giunti all'accordo che dopo aver consultato la documentazione di base saresti rimasto tra i nostri lettori.

Eddai... non farti distogliere da un argomento che ti interessa da un incomprensione iniziale.

Comunque Airone non ti accusava di polemica (te lo spiegherà meglio lui se ritiene opportuno), ma ha solo fatto notare che le istruzioni erano scritte chiare: tutto qui.

Ciao