2022/01/08

World Trade Center: an interview with survivor Nicholas Cagliuso

by Leonardo Salvaggio. An Italian translation is available here.

On the morning of September 11th Nicholas Cagliuso was in his office on the 86th floor of the North Tower when the first plane crashed. To tell us his story about that they and its consequences, Cagliuso accepted our proposal for an interview we are today offering our readers.

We would like to thank Nicholas Cagliuso for his kindness and his time.





Undicisettembre: Can you give us an account of what happened to you on 9/11?

Nicholas Cagliuso:
At that time, I was working as a management associate for the Port Authority at the World Trade Center. On that morning, my father, who also had worked for the Port Authority and had retired in 1996, drove me from our home in Brooklyn to the front of One World Trade Center as he had done many times. I was married with a young child and my wife was expecting our second child. He dropped me off and he went to Jersey City, New Jersey, to visit his former colleagues.

I went up to the offices and it was maybe 8:20 or 8:30. I was at the 86th floor, 8647 was the suite we were in; I had only begun in July, so I had been there for only two months. I was in the office with one of my colleagues and our manager; we had an interior office with no windows. When the first plane struck rather than the sound, which was of course very loud, what I recall is the movement. At that moment I thought it was an air conditioner that had exploded, of course never thinking it was a commercial airliner. Our manager had a heart condition, and I had an EMS background, so immediately my colleague and I went to see her. She was fine, but same as us she was wondering “What was that?”

There were no announcements, and we started to smell smoke and to hear sounds. As the smoke got a bit heavier, we thought “Maybe we should try and get some of these windows open”. My colleague and I went into a corner office of a gentleman who ended up being killed on that day; between two file cabinets there was a hammer. I thought with my EMS and fire science background we might be able to break some of those windows; we went down the hall, the windows were floor to ceiling, and with all my might I started smashing one particular window. I will never forget saying to my colleague “When we come back here next week, they are going to say, ‘Who the hell broke that window?’ I am a new employee, that’s going to be a year of salary to replace that window.”

Lo and behold the winds up there are quite significant compared to being on the ground and they almost blew a door off its hinges. The smoke was clearing somewhat, I went to another corner office from where I could see the Verrazano Bridge and the Statue of Liberty when I saw something striking office furniture such as tables and chairs was coming out from above us and falling out of the building. We understood that clearly something was going on. We went to our pantry area, and we could hear people screaming, we weren’t sure what it was until we realized one of the walls was the elevator shaft and there were people trapped in the elevator. I remember climbing on a small couch saying, again unrealistically, “If we could just open this wall and get to the top of this elevator car, we could get the hatch and get these people out”. Again, in that moment I was not thinking logically.

A few minutes later, the second plane hit and that precipitated things because it meant “Whatever it was, happened again” and it was more impactful than our building being hit. We said “Okay, let’s get out of here.” We ventured out to the nearest staircase; the staircase was empty, now of course we know why, because very few people were able to descend from floors above us. There were a man and a woman, he was covered in blood because he had been hit with something. My colleague, our manager, and I started going down; lights were on, there was no smoke, nothing was hitting us, there was no water pouring on us. We got down to one of the sky-lobbies and went across the floor; there the building was pitch black some of the elevator shafts were open with no car, there were Port Authority people telling us “Be careful, don’t fall down.”


We kept going and going and crisscrossing, meaning changing the staircase that we were in because the building had shaken enough you could not get some of the doors open, so when you were in a particular staircase you could only get so far. We got to the fifties and there was no clear information about what was going, you would hear people saying “It was a plane” but you would think “Maybe a little Cessna” because it was a beautiful crystal-clear day.

We kept going and we reached the twentieth floor and Port Authority police and NYPD asked for people who could do CPR; I stepped up, they gave me a helmet but thankfully no one needed CPR. There was an older woman who could not ambulate; with three other people we each took one of her limbs and carried her down a few flights, unfortunately I don’t remember what happened there.

We made it down to the third floor and we were hearing these thuds which I am retrospectively certain were bodies hitting the ground . At the third floor we heard a tremendous earthquake like sound and the lights started to flicker; that was Tower 2 falling. I got cell service and I called my wife to say, “I’m okay”. She thought I had gone to the Trade Center and took a pool car the Port Authority owned to go to a meeting in Staten Island, so she thought I was there.

When I got to the plaza level, I saw on the ground an airplane seat, which wasn’t a small plane seat but a commercial plane seat. I made it down the “Survivor’s Staircase” to Church Street and the debris was up to my calf of so.

I walked five blocks or so among people screaming and the second Tower came down. I walked to Canal Street, I walked over the bridge and into Brooklyn.


Undicisettembre: What time did you get home?

Nicholas Cagliuso: A few hours later, probably early afternoon or so.


Undicisettembre: What was the reaction of your family when they saw you?

Nicholas Cagliuso: My in-laws were there; my mother was there and our son Nick III was in his crib jumping up and down and screaming “The buildings fall down! The buildings fall down!”, he was processing it that way. He was a year and a half old. My uncle Benny, from Sicily, came to the side door saying “The poor fellow! The poor fellow!” thinking I was gone.

My father ended up driving through New Jersey and northern New York through Westchester. He got home and he did not say much to me, but there was no need to speak. We both knew what just happened. He was watching the smoke from the other side of the Hudson River.


Undicisettembre: What happened to you on the following days?

Nicholas Cagliuso: The following days are one big blur. I can’t give you details because I don’t recall them, I recall phone calls from the Port Authority because I was on the “missing” list and that went on for days. I would answer “It’s Nick, I’m fine, take me off the list”.

One thing I remember was the smell, even though we lived in Brooklyn , miles away. A smell I’ve never sensed before, it wasn’t just smoke, but also human remains and a unique pungent scent that I had never experienced. I don’t remember when it ended but I never sensed that again since.


Undicisettembre: When and how did you restart working after 9/11?

Nicholas Cagliuso: It became an all-hands effort because those were our buildings. To me it was also very personal because also my father had worked for the Port Authority from 1968 to 1996, he was a materials technician on the World Trade Center, he was part of sampling steel, paint, concrete and things of the sort. So, there was a very, very strong personal component.

We ended up going to the Port Authority Technical Center in Jersey City and essentially just working on emergency management, business continuity and disaster recovery. I was there for several months, it was taking me two and a half hours each way to drive from Brooklyn, through Staten Island and through New Jersey to get there. Even with the unimaginable loss, everyone pitched in. With our colleagues killed and our headquarters gone, people just pushed on and The Port Authority made sure not one of us ever never missed a paycheck. There was a real, real sense of commitment and unity that was unprecedented.


Undicisettembre: Did you go to Ground Zero for the twentieth anniversary celebration?

Nicholas Cagliuso: I did not. I deliberately avoided it for years and I’ve never been to any anniversary ceremony, it’s my personal emotional decision. I think about it every day, I think about my colleagues, and how it changed the world. I started working in Lower Manhattan again in 2014; one day I was walking, turned around and “Woo, there it is!” and I got very upset. A few years ago my wife, my kids and I had gone to a restaurant right outside the World Trade Center; they sat us at the table, and, I looked out of the window and there was one of the pools and I got very upset. So, I think of this as a coping mechanism, I avoid the area. I haven’t gone to the pools or the museum itself.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories according to which 9/11 was an inside job?

Nicholas Cagliuso: I am a very evidence-based person and I am not aware of any evidence that supports any conspiracy theory. Simply because somebody has an opinion it does not make it a universal fact or an absolute truth. In twenty years, I haven’t seen anything that convinces me about those theories and those ideas.

Moreover, the fact that those buildings withstood those impacts and fires, and that so many people made it out alive is extraordinary. My father is now 90 years old and I talk to him every day, I tip my hat to him and those people, you couldn’t fathom that scenario, yet the basic physics of what those buildings withstood, the load and the heat, to have that rescue mission thanks to the hands of God working through FDNY, NYPD, PAPD, EMS and so many others, is extraordinary. Absolutely extraordinary.


Undicisettembre: What is in your opinion the standing of the USA in the world twenty years after? Is the nation stronger or weaker than before?

Nicholas Cagliuso: Well, you can’t rest on your laurels, you can’t say “We are the USA and so on and so forth”, that alone doesn’t cut it. The social divisions have been very detrimental for the US. Our full name starts with “united”, so we should be one. Not necessarily the same, but one. The recent social issues have not strengthened us. The good news is that the pendulum swings towards equilibrium and we regress to the mean, but I do think the divisiveness had divided us internally and externally. And I am a firm believer that families, teams and nations largely succeed from the inside out; it’s very easy to play victim and point externally to blame somebody else, but I think strength and weakness largely comes from inside. There are significant opportunities, particularly on social issues that the US needs to continue work on.

World Trade Center: intervista al sopravvissuto Nicholas Cagliuso

di Leonardo Salvaggio. L'originale in inglese è disponibile qui.

La mattina dell'11 settembre Nicholas Cagliuso si trovava nel suo ufficio all'ottantaseiesimo piano della Torre Nord quando il primo aereo si schiantò. Per raccontarci la sua storia di quel giorno e le sue conseguenze, Cagliuso ha accettato la nostra proposta di un'intervista che offriamo oggi ai nostri lettori.

Ringraziamo Nicholas Cagliuso per la sua cortesia e disponibilità.





Undicisettembre: Puoi farci un racconto generale di ciò che hai visto e vissuto l’11 settembre?

Nicholas Cagliuso:
Al tempo lavoravo come dirigente per la Port Authority al World Trade Center. Quella mattina mio padre, che pure aveva lavorato per la Port Authority ed era andato in pensione nel 1996, mi accompagnò da casa nostra a Brooklyn fino a davanti al One World Trade Center come aveva fatto molte altre volte. Ero sposato, avevamo un bambino e mia moglie aspettava il nostro secondo figlio. Mio padre mi lasciò e andò a Jersey City, nel New Jersey, per trovare i suoi ex colleghi.

Arrivai in ufficio che erano le 8:20 o le 8:30. Ero all'ottantaseiesimo piano, il nostro ufficio era il numero 8647; avevo iniziato quel lavoro a luglio, quindi ero lì solo da due mesi. Ero in ufficio con uno dei miei colleghi e con la nostra responsabile; avevamo un ufficio interno senza finestre. Quando il primo aereo colpì più che il suono, che ovviamente fu molto forte, ciò che ricordo fu il movimento. In quel momento pensai che fosse esploso un condizionatore d'aria, ovviamente non avrei mai pensato che fosse un aereo di linea. La nostra responsabile aveva un problema al cuore e io avevo lavorato sulle ambulanze, quindi immediatamente io e il mio collega andammo a vedere come stava. Stava bene, ma come noi si chiedeva "Cos'è stato?"

Non ci furono annunci e iniziammo a sentire odore di fumo e suoni. Siccome il fumo diventava più intenso, pensammo "Forse dovremmo provare ad aprire qualcuna di queste finestre". Io e il mio collega entrammo nell'ufficio d'angolo dove c’era un signore che quel giorno rimase ucciso; tra due scaffali c'era un martello. Pensai che con la mia esperienza di primo soccorso e di antincendio avremmo potuto rompere alcune di quelle finestre; andammo in fondo al corridoio, le finestre erano a tutta altezza, e con tutte le mie forze iniziai a rompere una specifica finestra. Non dimenticherò mai di aver detto al mio collega "Quando torneremo qui la prossima settimana tutti si chiederanno 'Chi diavolo ha rotto questa finestra?' Sono un nuovo dipendente, mi costerà un anno di stipendio la sostituzione della finestra”.

I venti a quell’altezza sono molto più forti rispetto a terra e fecero quasi uscire una porta dai cardini. Il fumo si diradò un po', andai in un altro ufficio d'angolo da dove potevo vedere il Ponte di Verrazzano e la Statua della Libertà e lì vidi una cosa sorprendente: mobili da ufficio, come tavoli e sedie, che uscivano da sopra di noi e cadevano fuori dall'edificio. Capimmo che chiaramente stava succedendo qualcosa. Andammo nella nostra dispensa e sentimmo gente urlare, non sapevamo da dove venisse finché non ci siamo resi conto che dietro a una delle pareti c’era la tromba dell'ascensore e c'erano persone intrappolate nella cabina. Ricordo di essere salito su un piccolo divano e di aver detto, un’altra volta irrealisticamente, “Se riuscissimo a rompere il muro e ad arrivare sopra la cabina dell'ascensore, potremmo aprire il portello e far uscire queste persone”. Di nuovo, in quel momento non stavo pensando in modo logico.

Pochi minuti dopo, il secondo aereo colpì e questo fece precipitare le cose perché significava "Qualunque cosa fosse, è successo di nuovo" ed è stato più impattante di quando era stato colpito il nostro edificio. Ci dicemmo "Va bene, andiamocene di qui". Ci avventurammo per la scala più vicina; era vuota, ora ovviamente sappiamo perché, perché pochissime persone riuscivano a scendere dai piani sopra di noi. C'erano un uomo e una donna, l’uomo era coperto di sangue perché era stato colpito da qualcosa. Il mio collega, la responsabile e io iniziammo a scendere; le luci erano accese, non c'era fumo, non c’era niente che ci cadesse addosso, non c'era acqua che ci si versasse addosso. Scendemmo fino a una delle sky lobby e la attraversammo; lì l'edificio era al buio totale, alcuni vani dell'ascensore erano aperti ma non c’era la cabina, c'era personale della Port Authority che ci diceva "Fate attenzione a non cadere."


Continuammo a scendere e a cambiare rampa di scale perché l'edificio si era deformato al punto che non riuscivamo ad aprire alcune delle porte, quindi quando eravamo in una scala si poteva scendere solo fino a un certo punto. Arrivammo tra il cinquantesimo e il sessantesimo piano e non avevamo informazioni chiare su quello che stava succedendo, si sentiva qualcuno dire “È stato un aereo” ma pensavamo “Forse un piccolo Cessna” perché era una bella giornata cristallina.

Proseguimmo fino al ventesimo piano e la polizia della Port Authority e quella della città di New York chiesero chi fosse in grado di praticare una rianimazione cardiopolmonare; mi feci avanti, mi diedero un casco ma per fortuna nessuno aveva bisogno della rianimazione. C'era una donna anziana che non riusciva a camminare; insieme ad altre tre persone la prendemmo per gli arti e la portammo giù di alcuni piani, purtroppo non ricordo cosa sia successo poi.

Arrivammo al terzo piano e sentimmo dei tonfi che adesso so per certo erano corpi che colpivano il suolo. Giunti al terzo piano sentimmo un tremendo rumore simile a un terremoto e le luci iniziarono a tremare; era la Torre 2 che crollava. Il cellulare funzionava e chiamai mia moglie per dire "Sto bene". Pensava che fossi andato al Trade Center e che avessi preso un'auto aziendale della Port Authority per andare a una riunione a Staten Island, quindi pensava che fossi lì.

Quando arrivai alla plaza, vidi a terra un sedile di un aereo, che non era un sedile di un piccolo aereo ma uno di un aereo commerciale. Scesi dalla "Scala dei Sopravvissuti" [nome con cui è nota l’ultima rampa di scale sopravvissuta al crollo, oggi conservata al 9/11 Memorial Museum] fino a Church Street dove le macerie mi arrivavano al polpaccio. Camminai per circa cinque isolati tra la gente che urlava quando la seconda torre crollò. Camminai fino a Canal Street, attraversai il ponte e tornai a Brooklyn.


Undicisettembre: A che ora sei tornato a casa?

Nicholas Cagliuso: Qualche ora dopo, probabilmente nel primo pomeriggio o qualcosa del genere.


Undicisettembre: Qual è stata la reazione della tua famiglia quando ti hanno visto?

Nicholas Cagliuso: I miei suoceri erano lì; mia madre era lì e nostro figlio Nick III era nella culla che saltava e urlava “Cadono i palazzi! Cadono i palazzi!”, lo stava elaborando in quel modo. Aveva un anno e mezzo . Mio zio Benny, siciliano, venne all’ingresso laterale e disse “Quel poveretto! Quel poveretto!» perché pensava che fossi morto.

Mio padre dovette guidare attraverso il New Jersey e la parte settentrionale dello stato New York attraverso Westchester. Tornò a casa e non mi disse molto, non c'era bisogno di parlare. Sapevamo entrambi cosa era appena successo. Per tutto il giorno aveva visto il fumo dall'altra parte del fiume Hudson.


Undicisettembre: Cosa ti successe nei giorni seguenti?

Nicholas Cagliuso: I giorni seguenti furono una grande confusione. Non ti posso dare i dettagli perché non li ricordo, ricordo telefonate della Port Authority perché ero nella lista dei “dispersi” e questo andò avanti per giorni. Io rispondevo “Sono Nick, sto bene, cancellami dalla lista”.

Una cosa che ricordo era l'odore, anche se vivevamo a Brooklyn, a chilometri di distanza. Un odore che non avevo mai sentito prima, non era solo fumo, ma anche di resti umani e una puzza pungente singolare che non avevo mai provato. Non ricordo quando finì, ma da allora non l'ho più sentito.


Undicisettembre: Quando e come hai ripreso a lavorare dopo l'11 settembre?

Nicholas Cagliuso: Fu uno sforzo collettivo perché quelli erano i nostri edifici. Per me fu una questione anche molto personale perché anche mio padre aveva lavorato per la Port Authority dal 1968 al 1996, era un tecnico dei materiali al World Trade Center, si occupava dei campioni di acciaio, vernice, cemento e cose del genere. Quindi c'era una componente personale molto, molto forte.

Alla fine fummo trasferiti al Centro Tecnico della Port Authority di Jersey City ed essenzialmente ci occupammo solo della gestione delle emergenze, della continuità aziendale e del ripristino delle condizioni lavorative. Rimasi lì per diversi mesi, mi ci volevano due ore e mezza da Brooklyn, attraverso Staten Island e il New Jersey, per arrivarci. Pur con le perdite inimmaginabili, tutti fummo disponibili a collaborare. Con i nostri colleghi uccisi e il nostro quartier generale distrutto, le persone si gettarono in avanti e la Port Authority fece in modo che nessuno di noi perdesse mai uno stipendio. C'era un vero, reale senso di impegno e unità che non aveva precedenti.


Undicisettembre: Sei andato a Ground Zero per i festeggiamenti del ventesimo anniversario?

Nicholas Cagliuso: No. L'ho volutamente evitato per anni e non sono mai stato a nessuna cerimonia per gli anniversari, è una mia decisione emotiva e personale. Ci penso ogni giorno, penso ai miei colleghi e a come ha cambiato il mondo. Ho ricominciato a lavorare a Lower Manhattan nel 2014; un giorno stavo camminando, mi sono girato e "Woo, eccolo lì!" e mi sono sentito molto a disagio. Alcuni anni fa mia moglie, sono andato con mia moglie e i miei figli a un ristorante proprio fuori dal World Trade Center; ci fecero sedere al tavolo, guardai fuori dalla finestra e vidi una delle fontane e mi sentii molto a disagio. Per me questo è un meccanismo di gestione del trauma, evito la zona. Non sono andato alle fontane e nemmeno al museo.


Undicisettembre: Cosa ne pensi delle teorie del complotto secondo cui l'11 settembre sarebbe stato un inside job?

Nicholas Cagliuso: Sono una persona fortemente orientata alle evidenze e non ho mai visto nessuna evidenza che supporti alcuna teoria del complotto. Il solo fatto che qualcuno ha un'opinione, non la rende un fatto universale o una verità assoluta. In vent'anni non ho visto nulla che mi convincesse di quelle teorie e di quelle idee.

Inoltre, il fatto che quegli edifici abbiano resistito a quegli impatti e agli incendi e che così tante persone ne siano uscite vive è straordinario. Mio padre ora ha 90 anni e parlo con lui tutti i giorni, mi complimento con lui e i suoi colleghi, era uno scenario inimmaginabile, eppure la fisica di base di ciò che quegli edifici hanno retto, in termini di carico e calore, consentendo di compiere quella missione di salvataggio grazie alle mani di Dio che hanno lavorato attraverso i vigili del fuoco, la polizia di New York, la polizia della Port Authority, i paramedici e molti altri, è straordinario. Assolutamente straordinario.


Undicisettembre: Qual è secondo te la posizione degli USA nel mondo a distanza di vent'anni? La nazione è più forte o più debole di prima?

Nicholas Cagliuso: Beh, non puoi dormire sugli allori e dire “Noi siamo gli USA e bla bla bla”, questo da solo non basta. Le divisioni sociali sono state molto dannose per gli Stati Uniti. Il nostro nome contiene la parole "uniti", quindi dovremmo essere uno. Non necessariamente identici, ma uno. I recenti problemi sociali non ci hanno rafforzato. La buona notizia è che il pendolo oscilla verso l'equilibrio e noi regrediamo alla media, ma credo che la divisione ci abbia diviso internamente ed esternamente. E sono fermamente convinto che famiglie, squadre e nazioni abbiano successo dall'interno verso l'esterno; è molto facile fare la vittima e puntare all'esterno per incolpare qualcun altro, ma penso che la forza e la debolezza vengano in gran parte dall'interno. Ci sono opportunità significative, in particolare sulle questioni sociali su cui gli Stati Uniti devono continuare a lavorare.

2021/12/17

Ritorno del Talebani al potere in Afghanistan: intervista all'ex funzionario della CIA Glenn Carle

di Leonardo Salvaggio

È disponibile sul mio canale YouTube personale un'intervista con l'ex funzionario della CIA Glenn Carle sul ritorno al potere dei Talebani in Afghanistan. Glenn Carle era già stato intervistato da Undicisettembre in passato sugli errori di intelligence che hanno portato all'11/9.

L'intervista è disponibile solo in inglese.

2021/12/05

World Trade Center: an interview with former NYPD agent Daniel O'Brien

by Leonardo Salvaggio. An Italian translation is available here.

On the morning or 9/11, police officer Daniel O'Brien was on of the many agents deployed to Ground Zero. To share his account with us, Daniel accepted our proposal for an interview we are today offering our readers.

We would like to thank Daniel O'Brien for his kindness and his time.





Undicisettembre: Can you give me an account of what to you saw and experienced on 9/11? What do you recall of that day?

Daniel O'Brien: The day of 9/11, my team and I worked early morning, staking-out gang members selling guns outside Beach Channel High School located in Far Rockaway, Queens. I’ll never forget the morning of 9/11; the day was beautiful with a sunny and clear blue sky. As my team and I were sitting in our undercover patrol car conducting our surveillance and listening to the local AM radio station, we all overheard the radio broadcaster saying, “Oh my God, a plane just crashed into World Trade Center building”. Our first reaction was maybe the plane that crashed into the building was just a small private plane and prayed the passengers in the plane that crashed survived.

Still continuing our surveillance and listening to local radio station we all overheard the broadcaster make another announcement for the second time, this time yelling; “Oh my God, a second plane is now flying into the second World Trade Center building”. We all just stared at each other with blank faces when hearing the broadcaster make that announcement. My team and I obviously realized this was a terrorist attack. We all jumped out from the unmarked patrol vehicle and ran to the back of the high school to see for ourselves whether the broadcaster who made the announcement about the second plane flying into the second building was right. When we got at the back of the high school where the Hudson River divides the two city boroughs, Queens from Manhattan, we could all clearly see the second airplane flying in the direction of the World Trade Center. When the airplane struck the building, we could all see clear as day the enormous explosion from the plane impact.

Daniel O'Brien pictured on 9/11

Seconds after that, we received a portable radio transmission from the NYPD 911 dispatcher instructing all police units to “10-2 back to the precinct”, which means to return to our station. When we all returned to the precinct, we were informed our post assignment was changed and we were being mobilized to the World Trade Center. I was assigned as the driver of the van. The passengers inside the van were my sergeant and fifteen police officer colleagues. As we were about to pull off a fire chief assigned to the firehouse adjacent to our police station asked “Are you all heading down to the plane crash location?” I told him “Yes”, the fire chief with a desperation tone in his voice asked if he could hitch a ride with us, I looked over to the sergeant and we both said “Sure”. The fire chief thanked us and jumped into the van. The fire chief asked me if I could drop him off as close as possible to the World Trade Center and he would jump out the van from there. I was traveling maybe 100 or 110 miles per hour towards Ground Zero, everyone’s adrenaline was pumping so high listening to the portable radios overhearing the craziness and madness that was going on. Typically, travel time would take about thirty-five to forty minutes from Rockaway, Queens to the World Trade Center. However, since the highways and bridges were all blocked off for emergency vehicles only, we made the driving-distance within fifteen minutes. I remember at one point almost losing control of the van and the van literally tilting on one side and on two wheels. If the fifteen police officers didn’t jump and lean to the opposite side of the van, we would have probably rolled over.

When we arrived at the plane crash location, the fire chief yelled “You have to get me closer to the building, I need to be with my men”. I parked the van in front of World Trade Center 1 and we all exited the van. The first thing I remember seeing was an enormous hole from the plane impact way up the WTC building. That view looked like a scene from a science fiction movie. The view of the enormous hole from the airplane impact still haunts me today, it is something that I will never forget. We all ran into the WTC building lobby. Nobody knew what to do at this point, it was total chaos, something we weren’t trained or prepared for, so we started assisting the firemen who were rescuing trapped people in the stairwells running down from the upper floors. My team and I helped the firemen carry injured people to the EMS ambulances.

We all continued running back and forth as high as the upper mezzanine level to assist the firemen carrying injured people to the EMS ambulances. I will never forget hearing this banging sound noise, seconds apart from each other, as we were carrying injured people out of the building. The banging noise turned out being people trapped in fires on the higher upper floors jumping out of the building because there was no escape route; the only options were either burn to death or jump out from the upper floor windows. Bodies were landing on the lower level roof, sidewalk, street and vehicles. I remember a high-ranking fire chief telling us to all to bow our heads for a moment of prayer intended for the victims jumping. Our sergeant shouted “We have orders to move our van and all patrol vehicles before the jumpers land on them”. We ran as fast as we could, moved our van and all other patrol vehicles when suddenly we felt this enormous trembling that felt like an actual earthquake. The scary trembling noise turned out being the first building collapsing.

When the building started collapsing, we were about two blocks away. We could see this huge cloud of smoke racing in our direction and not able to drive any further because people were stopping their vehicles in the middle of the intersection and jumping out, running off and leaving their vehicles behind. There was no intersection openings or path to drive, so we all jumped out of the van and tucked ourselves under the bottom of the van for protection. I remember seeing this large cloud rumbling and racing towards us from the collapse. We were all petrified not knowing what was behind the huge cloud of smoke. We all thought the worst of what could possibly be mixed in behind the large cloud of smoke. We all thought behind the rumbling cloud racing towards us was building structure and steel beams from the collapsing building. Within seconds we were all totally covered with white powdered dust. I remember my police colleagues and I couldn’t see each other inches away from each other. Everybody was shouting and screaming “Is everyone okay?”. Our sergeant was calling out everyone’s name. I felt my hand trapped, and I didn’t know what was trapping my hand. My sergeant shouted again “We have to leave, we have to leave”, I shouted back “I can’t move my hand, it is wedged between something”. A police officer from my team used his flashlight and noticed my hand was caught in between two concrete debris and pulled them away releasing my hand. Unfortunately, the injury sustained was the cause of my disability line of duty retirement from the NYPD.

I received medical treatment for my injured crushed hand at medial triage location. A doctor wrapped my left hand telling me I needed to follow up with X-rays. I continued working twenty hours that day attempting to help and assist searching for survivors. The search for survives was a horrific work, but we did find and save a few survivors. Early morning when we all returned to our command, my partner drove me to the hospital to have my hand X-rayed. My left hand was diagnosed as fractured with a fifth digit finger deformity. Also, X-rays were taken of my chest revealing my lungs was filled with dust particles. The doctor even asked me if I was a smoker, I told the doctor I never smoked in my entire life and enjoyed working out. The doctor showed me my chest X-rays and told me both my lungs was filled and covered with dust particles caused by breathing in the heavy dust after the buildings collapse.


Undicisettembre: Have you seen World Trade Center 7 collapse?

Daniel O'Brien: No, but we could hear the communication over the portable radio “Building seven is falling, building seven is falling”. When it collapsed we could all hear screaming and yelling “Building seven fell, building seven fell”. It was total chaos over the portable radio, it was hard to understand what was being transmitted.


Undicisettembre: What happened in the period you spent at Ground Zero after 9/11? What did you guys do?

Daniel O'Brien: I was supposed to be out sick from the injuries I sustained. When injured, protocol is reporting to the medical district doctor. But since the city was on high state of emergency, the NYPD medical doctor placed me back to work. I would have felt useless staying home and not being with my NYPD brothers helping down at Ground Zero. I was assigned to Ground Zero for almost seven months and given many different job tasks. One of my duties down ground zero was search and rescue; another was evidence search, to find anything that would help identify the missing victims, this included finding victims body parts such as arms, legs, fingers, eyes, teeth and burnt skin tissue on clothing that may possibly help gather DNA for identification. My team and I were assigned DNA recovery search for almost one month. I also worked the landfill locations where the debris from the building collapse was being transported and dumped. Our task was to go through every inch of debris and search for body parts for possible DNA.


Undicisettembre: When did you retire from the Police Department?

Daniel O'Brien: I retired in 2005. Since my obligation and priority was working down at Ground Zero, I never really took care of hand and later I lost my grip to my dominant left hand. In 2005 the injury I sustained did get worse which ultimately led to my disability retirement from the NYPD.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life even today?

Daniel O'Brien: It’s has been twenty years since that horrific day. It will always haunt and affect me. I am currently diagnosed and being treated for post-traumatic stress disorder, sleep apnea, asthma, constant pain to my left hand. The lifelong injuries and memory of my 9/11 experience will forever be a dark side inside me.


Undicisettembre: In your opinion what’s the position of the USA in the world twenty years after 9/11? Is it worse, better, same?

Daniel O'Brien: 100% worse. I don’t know if you been keeping up on what’s going been going on since Biden became President. Our situation in the USA can’t get any worse with the border crisis he caused by allowing dangerous terrorists and drug cartel to walk into the United States from all over the world. Unfortunately, we are all living in scary times.


Undicisettembre: Do you think anything like 9/11 can happen again?

Daniel O'Brien: Without a doubt 9/11 can happen again, the USA is an open target right now, especially with the Biden administration being extremely relaxed with his approved open border policy.

World Trade Center: intervista all'ex agente dell'NYPD Daniel O'Brien

di Leonardo Salvaggio. L'originale inglese è disponibile qui.

La mattina dell'11 settembre, l'agente di polizia Daniel O'Brien fu uno dei tanti del departimento ad essere inviato a Ground Zero. Per condividere il suo racconto personale, Daniel O'Brien ha accettato la nostra proposta di rilasciarci un'intervista che offriamo oggi ai nostri lettori.

Ringraziamo Daniel O'Brien per la sua cortesia e disponibilità.





Undicisettembre: Puoi farci un racconto ci ciò che hai visto e vissuto l'11 settembre? Cosa ricordi di quel giorno?

Daniel O'Brien: L'11 settembre io e la mia squadra eravamo al lavoro già la mattina presto, stavamo sorvegliando dei membri di bande che vendevano armi fuori dalla Beach Channel High School che si trova a Far Rockaway, nel Queens. Non dimenticherò mai la mattina dell'11 settembre; la giornata era bellissima con un cielo azzurro e soleggiato. Mentre io e la mia squadra eravamo seduti nella nostra auto di pattuglia a fare sorveglianza e ad ascoltare la stazione radio locale, sentimmo tutti la radio della polizia che diceva: "Oh mio Dio, un aereo si è appena schiantato contro uno degli edifici del World Trade Center". La nostra prima reazione fu che forse l'aereo che si era schiantato contro l'edificio era un piccolo aereo privato e pregammo che i passeggeri fossero sopravvissuti.

Continuando la nostra sorveglianza e ascoltando la stazione radio locale, tutti sentimmo l'emittente fare un altro annuncio per la seconda volta, questa volta urlando; "Oh mio Dio, un secondo aereo si sta dirigendo contro il secondo edificio del World Trade Center". Ci guardammo l'un l'altro con sguardi interrogativi quando sentimmo l'emittente fare quell'annuncio. Io e la mia squadra ci rendemmo ovviamente conto che si trattava di un attacco terroristico. Saltammo fuori dal veicolo di pattuglia e corremmo sul retro della scuola per vedere con i nostri occhi se l'emittente che ha fatto l'annuncio sul secondo aereo che si dirigeva verso il secondo palazzo diceva il vero. Quando arrivammo sul retro del liceo, dove il fiume Hudson divide i due distretti della città, Queens da Manhattan, vedemmo chiaramente il secondo aereo che volava in direzione del World Trade Center. Quando l'aereo colpì l'edificio, vedemmo chiaramente l'enorme esplosione dell'impatto.

Daniel O'Brien l'11 settembre 2001

Pochi secondi dopo, la radio della polizia di New York ordinò a tutte le unità "10-2 al distretto", che significava tornare alla nostra stazione. Quando tornammo tutti al distretto, ci venne detto che il nostro incarico era cambiato e che saremmo dovuti andare al World Trade Center. Mi fu assegnato l’incarico di guidare il furgone. I passeggeri all'interno del furgone erano il mio sergente e quindici colleghi agenti di polizia. Mentre stavamo per partire un capo dei vigili del fuoco assegnato alla caserma dei pompieri adiacente alla nostra stazione di polizia chiese "State andando verso il luogo dell'incidente aereo?". Gli dissi "Sì", il capo dei vigili del fuoco con tono disperato chiese se poteva venire con noi, guardai il sergente e insieme dicemmo "Certo". Ci ringraziò e saltò sul furgone. Mi chiese se potevo lasciarlo il più vicino possibile al World Trade Center, lì stesso sarebbe saltato giù dal furgone. Viaggiavamo a circa 160 o 180 chilometri orari verso Ground Zero, l'adrenalina di tutti pompava forte mentre sentivamo alla radio la follia di ciò che stava succedendo. In genere quel tragitto richiede dai trentacinque ai quaranta minuti da Rockaway, nel Queens, al World Trade Center. Tuttavia, siccome le autostrade e i ponti erano stati bloccati e riservati ai veicoli di emergenza, percorremmo quella distanza in quindici minuti. Ricordo che ad un certo punto persi quasi il controllo del furgone che si inclinò su un lato e su due ruote. Se i quindici poliziotti non si fossero spostati e non si fossero appoggiati al lato opposto del furgone, probabilmente ci saremmo ribaltati.

Quando arrivammo sul luogo dell'incidente, il capo dei vigili del fuoco urlò “Devi portarmi più vicino al palazzo, devo raggiungere i miei uomini”. Parcheggiai il furgone davanti al World Trade Center 1 e scendemmo tutti dal furgone. La prima cosa che ricordo di aver visto fu un enorme buco dall'impatto dell'aereo in alto sul lato del palazzo. Quella vista sembrò una scena di un film di fantascienza. La vista dell'enorme buco dall'impatto dell'aereo mi perseguita ancora oggi, è qualcosa che non dimenticherò mai. Corremmo nell'atrio dell'edificio. Nessuno sapeva cosa fare, era il caos totale, era qualcosa per cui non eravamo addestrati o preparati, quindi iniziammo ad assistere i vigili del fuoco che stavano soccorrendo persone intrappolate nelle scale che scendevano dai piani superiori. Io e la mia squadra aiutammo i vigili del fuoco a trasportare i feriti alle ambulanze del pronto soccorso.

Continuammo a correre avanti e indietro fino al mezzanino per aiutare i vigili del fuoco che trasportavano i feriti alle ambulanze del pronto soccorso. Non dimenticherò mai di aver sentito dei botti assordanti, a pochi secondi di distanza l'uno dall'altro, mentre trasportavamo i feriti fuori dall'edificio. Il rumore di quei colpi si rivelò essere quello delle persone intrappolate dagli incendi ai piani superiori che saltavano fuori dall'edificio perché non c'erano vie di fuga; le uniche opzioni erano morire bruciati o saltare fuori dalle finestre. I corpi atterravano sui tetti dei piani più bassi, sul marciapiede, sulla strada e sulle automobili. Ricordo un capo dei pompieri di alto rango che disse a tutti di chinare il capo per un attimo di preghiera per i morti che erano saltati dalle finestre. Il nostro sergente gridò "Abbiamo l'ordine di spostare il furgone e tutti i veicoli prima che quelli che saltano ci atterrino sopra". Corremmo più velocemente possibile, spostammo il nostro furgone e tutti gli altri veicoli di pattuglia quando all'improvviso sentimmo questo tremito enorme che sembrava un terremoto. Lo spaventoso rumore tremante si è rivelato essere il primo edificio che crollava.

Quando l'edificio iniziò a crollare, eravamo a circa due isolati di distanza. Vedemmo questa enorme nuvola di fumo correre nella nostra direzione e non potevamo andare avanti oltre con il furgone perché la gente lasciava il proprio veicolo in mezzo alla strada per scappare abbandonando il veicolo stesso. Non c'erano traverse che potessi prendere o altri percorsi, quindi saltammo giù e ci nascondemmo sotto il fondo del furgone per proteggerci. Ricordo di aver visto questa grande nuvola del crollo correre rombando verso di noi. Eravamo pietrificati non sapendo cosa c'era dietro quella nuvola di fumo. Pensammo tutti al peggio di ciò che potesse essere mescolato dietro la grande nuvola di fumo. Pensammo tutti che dietro la nuvola rombante che correva verso di noi ci fosse la struttura dell'edificio e le travi d'acciaio del palazzo che stava crollando. In pochi secondi ci siamo trovati tutti ricoperti completamente di polvere bianca. Io e i miei colleghi non ci vedevamo l’un l’altro pur essendo a pochi centimetri di distanza. Tutti gridavano e urlavano "State bene?". Il nostro sergente chiamava tutti per nome. Sentii una mano intrappolata e non sapevo cosa la stesse bloccando. Il mio sergente gridò di nuovo: “Dobbiamo andarcene, dobbiamo andarcene”, risposi gridando “Non riesco a muovere la mano, è incastrata da qualcosa”. Un ufficiale di polizia della mia squadra usò la torcia e vide che la mia mano era intrappolata tra due blocchi di cemento e li tirò via liberandomi la mano. Sfortunatamente, questo infortunio fu la causa del mio ritiro per invalidità dalla polizia di New York.

Ricevetti le cure mediche per la mia mano ferita al triage medico. Un medico mi bendò la mano sinistra dicendomi che avrei dovuto fare una radiografia. Continuai a lavorare per venti ore quel giorno cercando di aiutare e assistere nella ricerca dei sopravvissuti. La ricerca dei sopravvissuti è stata un lavoro orribile, ma trovammo e salvammo alcuni sopravvissuti. La mattina presto, quando tornammo al nostro comando, un collega mi portò in ospedale per farmi fare una radiografia alla mano. Mi fu diagnosticata una frattura con deformità al quinto dito. Inoltre, mi sono state fatte delle radiografie al torace che hanno rivelato che i miei polmoni erano pieni di particelle di polvere. Il dottore mi ha anche chiesto se ero un fumatore, risposi che non avevo mai fumato in tutta la mia vita e che mi allenavo regolarmente. Il dottore mi mostrò le radiografie al torace e mi disse che entrambi i miei polmoni erano pieni e ricoperti di particelle di polvere causate dall'inalazione della polvere pesante dopo il crollo degli edifici.


Undicisettembre: Hai visto crollare il World Trade Center 7?

Daniel O'Brien: No, ma abbiamo sentito la comunicazione alla radio portatile "L'edificio sette sta crollando, l'edificio sette sta crollando". Quando è crollato abbiamo sentito tutti urlare "L'edificio sette è caduto, l'edificio sette è caduto". Era il caos totale alla radio, era difficile capire cosa dicevano.



Undicisettembre: Cosa è successo nel periodo che hai passato a Ground Zero dopo l'11 settembre? Cosa avete fatto?

Daniel O'Brien: Avrei dovuto essere in malattia per le ferite che ho subito. In caso di infortunio, la procedura prevede di informare il medico del distretto. Ma dal momento che la città era in stato di emergenza, il medico della polizia di New York mi rimise al lavoro. Mi sarei sentito inutile stare a casa e non stare con i miei colleghi della polizia di New York che lavoravano a Ground Zero. Fui assegnato a Ground Zero per quasi sette mesi e mi furono assegnate molte mansioni diverse. Uno dei miei compiti era ricerca e soccorso; un altro era la ricerca di prove, per trovare qualsiasi cosa potesse aiutare a identificare le vittime, ad esempio parti del corpo come braccia, gambe, dita, occhi, denti e tessuto cutaneo bruciato sugli indumenti da cui si potesse raccogliere il DNA per l'identificazione. La mia squadra e io siamo stati assegnati alla ricerca per il recupero del DNA per quasi un mese. Lavorai anche alle discariche dove venivano trasportati e scaricati i detriti dei crolli degli edifici. Il nostro compito era di esaminare ogni centimetro di detriti e cercare parti del corpo per raccogliere il DNA.


Undicisettembre: Quando ti sei ritirato dal Dipartimento di Polizia?

Daniel O'Brien: Mi sono ritirato nel 2005. Dato che il mio incarico e la mia priorità erano lavorare a Ground Zero, non mi ero preso cura della mano e in seguito ho perso la presa alla mano sinistra, che è quella dominante. Nel 2005 l'infortunio è peggiorato e alla fine ha portato al mio ritiro per invalidità dal NYPD.


Undicisettembre: In che modo l'11 settembre influenza la tua vita quotidiana anche oggi?

Daniel O'Brien: Sono passati vent'anni da quel giorno orribile. Mi perseguiterà e mi influenzerà sempre. Mi sono stati diagnosticati, e sono attualmente in cura, il disturbo da stress post-traumatico, apnea notturna, asma, dolore costante alla mano sinistra. Le ferite che mi porterò dietro tutta la vita e il ricordo della mia esperienza dell'11 settembre saranno per sempre un lato oscuro dentro di me.


Undicisettembre: Secondo te qual è la posizione degli USA nel mondo a vent’anni dall'11 settembre? È peggiore, migliore, uguale?

Daniel O'Brien: Al 100% peggiore. Non so se sai quello che sta succedendo da quando Biden è diventato presidente. La nostra situazione negli Stati Uniti non può peggiorare più di cosi con la crisi di confine che ha causato permettendo a pericolosi terroristi e cartelli della droga di entrare negli Stati Uniti da tutto il mondo. Sfortunatamente, stiamo tutti vivendo in tempi spaventosi.


Undicisettembre: Pensi che possa accadere di nuovo qualcosa di simile all'11 settembre?

Daniel O'Brien: Senza dubbio l'11 settembre può ripetersi, gli Stati Uniti sono un obiettivo aperto in questo momento, specialmente con l'amministrazione Biden che è estremamente rilassata con la politica di apertura delle frontiere che ha approvato.

2021/11/24

Cos'è l'ISIS-Khorasan

di Leonardo Salvaggio

Dal ritiro delle truppe americane nel mese di agosto del 2021, in Afghanistan sono tornati al potere i Talebani e nel caos in cui la nazione è piombata nuovamente è cresciuta la minaccia dei gruppi terroristici. In questo secondo regime talebano, la principale potenza terroristica è costituita del gruppo noto come ISIS Khorasan, affiliato dell'ISIS attivo nell'Asia centrale.

L'ISIS, altresì noto come Stato Islamico o DAESH, è nato nel 2014 in Iraq in seguito alla frattura del preesistente gruppo denominato ISI, Stato Islamico dell'Iraq che era inizialmente una costola di al-Qaeda, dalla stessa organizzazione di Osama bin Laden; all'ISI si unirono anche gruppi separatisti di Jabhat al-Nusra, ramo di al-Qaeda attivo il Siria e Libano. Nello stesso anno alcuni emissari dell'ISIS fondarono in Afghanistan un gruppo affiliato unendo gruppi combattenti fuoriusciti dal al-Qaeda, dai Talebani e da Tehrik-i-Taliban Pakistan (ovvero i Talebani del Pakistan) denominato ISIS Kohrasan, che traeva il proprio nome dalla regione storica di Khorasan che comprendeva parte di Iran, Turkmenistan e Afghanistan. La regione fu stabilita nel terzo secolo dalla dinastia Sasanide durante il suo impero, l'ultimo regime iraniano prima della nascita dell'Islam, e fu conquistata nel settimo secolo dagli arabi che la annetterono al califfato omayyade. Il nome Khorasan in persiano significa "terra del sole", per via della sua posizione orientale. La presenza del riferimento geografico nel nome del gruppo è analogo a quella del gruppo principale dell'ISIS il cui nome per esteso significa Stato Islamico di Iraq e Siria; nomi simili hanno anche gli altri gruppi regionali affiliati all'ISIS.


Il primo leader dell'ISIS Khorasan fu Hafiz Saeed Khan, proveniente dal gruppo dei Talebani pakistani, che venne nominato dallo stesso Abu Bakr al-Baghdadi, leader supremo dell'ISIS. Saeed Khan restò in carica fino a luglio 2016, quando venne ucciso in un attacco aereo americano. Dopo di lui il gruppo ebbe altre cinque leader che furono tutti uccisi: Abdul Hasib morto nell'aprile 2017, Abu Sayed ucciso l'11 luglio del 2017, Abu Saad Orakzai fino al 25 agosto 2018, Ziya ul-Haq ucciso dai Talebani nell'aprile del 2019, Abdullah Orokza fino all'aprile 2020. Da allora la guida dell'ISIS Khorasan è l'iracheno Shahab al-Muhajir, ex membro dei Talebani e della rete Haqqani (un altro dei gruppi terroristici attivi in Afghanistan) nonché primo leader dell'ISIS Khorasan a non essere né afghano né pakistano.

I rapporti dell'ISIS Khorasan con i Talebani sono principalmente ostili, al punto che i Talebani sono numericamente il principale obiettivo degli attentati dei miliziani del Khorasan. Il motivo dell'ostilità sta principalmente nel fatto che i due gruppi hanno obiettivi diversi: i Talebani vogliono regnare e imporre la sharia nell'emirato dell'Afghanistan, mentre l'ISIS Khorasan vuole riunire tutta la regione del Khorasan sotto un nuovo califfato. In secondo luogo l'ostilità dell'ISIS Khorasan verso i Talebani risiede nella volontà di imporsi come principale gruppo militante dell'area e strappare guerriglieri agli antagonisti. Tuttavia come spesso accade i confini delle relazioni tra i due gruppi sono spesso sfumati, perché i Talebani e l'ISIS Khorasan hanno collaborato in alcuni attentati contro il governo afghano, prima della caduta, grazie anche alla mediazione della rete Haqqani.

Fonte: Center for Strategic and International Studies

Gli attacchi dell'ISIS Khorasan sono condotti in modo simile a quelli del gruppo principale, con attacchi suicidi, assalti con armi da fuoco, rapimenti e decapitazioni. Oltre ai Talebani, sono obiettivi frequenti degli attacchi del'ISIS-K sia i civili sia le forze di sicurezza afghane e NATO.

Al momento si ritiene che il gruppo sia composto da un numero di guerriglieri compreso tra 4000 e 5000 e che sia cresciuto notevolmente negli ultimi mesi per via degli assalti alle prigioni seguiti alla partenza delle truppe americane che hanno fatto sì che molti terroristi detenuti venissero liberati. Per fare un confronto, nel periodo di massima espansione dell'ISIS la CIA stimava che i combattenti arruolati fossero in un numero imprecisato compreso tra 20.000 e 31.500

Una differenza notevole rispetto al precedente regime dei Talebani è costituita dal fatto che, come già spiegato, questo gruppo terroristico non è alleato del regime come fu al-Qaeda negli anni 90 e inoltre non sembra per ora avere interesse a compiere attentati al di fuori della propria regione. Ovviamente questo rende in alcun modo la minaccia rappresentata dall'ISIS Khorasan meno pericolosa di quella posta dallo Stato Islamico o da al-Qaeda.


Fonti:

2021/11/13

L'FBI rilascia un secondo lotto di documenti desecretati

di Leonardo Salvaggio

A seguito dell'ordine esecutivo del Presidente Joe Biden, l’FBI ha rilasciato un secondo lotto di documenti relativi alle indiagini sull'11 settembre. La mole di documenti è impressionante e in totale ammonta a più di 700 pagine che sono in parte ancora censurate. Per ogni segmento cancellato è specificato in quale casistica rientra (ad esempio, informazioni che richiedono l'autorizzazione di un giudice, informazioni riservate alle forze di polizia o informazioni personali come date di nascita o social security numbers).


Dai documenti emergono numerose conferme di quanto già si sapeva, cioè che il governo saudita, attraverso il Ministero degli Affari Islamici e il suo direttore presso l'ambasciata di Washington, Musaed al-Jarrah, ha aiutato e finanziato due dei dirottatori del volo American Airlines 77, Khalid Al-Mihdhar e Nawaf Al-Hazmi, che si schiantò contro il Pentagono. Il gruppo che li supportò in California era guidato dal saudita Omar al-Bayoumi, che aveva stretti legami con l'ambasciata e che veniva da loro stipendiato. L'FBI, secondo quanto pubblicato, ha interrogato diverse volte lo yemenita Mohdar Abdullah, una delle personalità coinvolte nel supporto ai terroristi su ordine di al-Bayoumi, il quale si disse convinto che il suo mandante fosse stipendiato dal governo di Riyadh, ma non seppe portare prove di ciò.

Dalle oltre settecento pagine emergono anche dettagli importanti sul perché il governo saudita possa aver tollerato o organizzato azioni di supporto del genere. Una delle prime risposta arriva dal documento intitolato Documents Responsive to Executive Order 14040 Section 2-b-i- Part 01 of 02 (di 478 pagine), a pagina 381, in cui si parla di un uomo noto come Omar Khadib (altre volte scritto come Omar al-Khateeb o Omar al-Khatib), membro di al-Qaeda residente negli USA allo scopo di arruolare potenziali terroristi in occidente e stretto contatto di al-Bayoumi. Khadib era stato in passato membro di Al-Ittihad al Islamiya (organizzazione terroristica somala) ed era un sostenitore del rovesciamento del regime saudita. È quindi plausibile che il governo saudita abbia dovuto in parte accontentare gli estremisti islamici per evitare una rivolta contro il regime stesso, come ipotizzato dall'ex agente speciale dell'FBI Kenneth Williams in una recente intervista a Undicisettembre.

Inoltre l'FBI ha indagato quale possa essere il livello di collaborazione tra il Ministero per gli Affari Islamici e al-Qaeda ed è giunta a tre possibili scenari elencati nel file Documents Responsive to Executive Order 14040 Section 2-b-i- Part 02 of 02 a pagina 220: al-Qaeda potrebbe essersi infiltrata nel ministero, oppure membri estremisti del ministero potrebbero aver voluto sostenere al-Qaeda pur non facendone parte, o in ultimo potrebbe esserci un’alleanza tra ministero e al-Qaeda per interessi comuni. A questo interrogativo non esiste ancora una risposta.

La documentazione contiene anche varie testimonianze di Abdussattar Shaikh, cofondatore del Centro Islamico di San Diego e informatore dell’FBI dal 1994, nella cui casa di Lemon Groove, nella contea di San Diego, i due dirottatori abitarono nel primi mesi del 2000. Shaikh non informò l'FBI della presenza di due membri di al-Qadea nel suo complesso abitativo se non dopo gli attentati stessi. Disse di aver sentito dire nella comunità islamica locale che al-Bayoumi fosse un agente dei servizi segreti di Riyadh, ma gli risultava difficile da credere perché lo reputava di bassa intelligenza.

Il rilascio dei documenti non è ancora stato ultimato e ne sono attesi altri entro marzo del 2022.

A distanza di oltre vent'anni, i motivi per cui il governo saudita ha supportato i terroristi sembrano quindi essere una combinazione di tre fattori: la necessità di accontentarli per evitare attacchi contro il regime, l'influenza di al-Qaeda sul Ministero degli Affari Islamici e un probabile tentativo di reclutamento da parte dell'intelligence andato male a causa dell'imperizia delle persone a cui l'incarico era stato affidato.