2021/11/05

La sparizione di Sneha Anne Philip

di Leonardo Salvaggio

La mattina dell'11 settembre 2001 nella punta meridionale di Manhattan persero la vita più di 2600 persone negli attentati di al-Qaeda contro le Torri Gemelle. Delle vittime esiste un elenco ufficiale nel quale compare anche il nome di una persona la cui fine è in realtà poco chiara, perché era sparita già il giorno prima in circostanze completamente diverse.

La dottoressa Sneha Anne Philip, nata in India trentadue anni prima e trasferitasi negli USA da bambina, viveva con il marito Ron Lieberman in un appartamento a Battery Park City, quartiere di Manhattan a pochi isolati a sud-ovest del World Trade Center. I due erano entrambi medici, Sneha svolgeva il proprio internato presso il Cabrini Medical Center di Manhattan, mentre Ron lavorava al Jacobi Medical Center nel Bronx con un contratto simile. Il 10 settembre Sneha aveva preso un giorno di ferie per riordinare casa, in vista di una cena a cui aveva invitato dei parenti pochi giorni dopo, e per fare degli acquisti. Intorno alle 14 chiamò al telefono sua madre con la quale ebbe una conversazione di due ore durante cui le disse di avere intenzione di visitare il Windows of the World, il ristorante agli ultimi piani della Torre Nord, perché la primavera successiva avrebbe dovuto andarci per una festa di matrimonio. Chiusa la telefonata, Sneha uscì e andò al grande magazzino Century 21 al numero 21 di Dey Street, a un isolato dal World Trade Center, dove acquistò degli indumenti per sé e delle lenzuola. La sera del 10 settembre Ron tornò nell'appartamento di Battery Park City appena prima di mezzanotte e scoprì che Sneha non era tornata; l'uomo non si allarmò perché alle volte la moglie stava fuori per la notte per dormire a casa di amici senza avvisarlo, anche perché lui spesso la sera tornava molto tardi e la donna non stava volentieri a casa da sola. La mattina dell'11 settembre Ron si svegliò alle 6:30 e ancora la moglie non era tornata.

Come ogni mattina, Ron andò al lavoro nel Bronx e quando i due aerei dirottati si schiantarono contro le torri e il caos si diffuse in città, iniziò a preoccuparsi per la moglie. Sneha non aveva un cellulare, quindi Ron tentò di raggiungerla sul telefono di casa ma nessuno rispose alla chiamata. Ron chiamò anche la madre e il fratello di Sneha ma nessuno di loro aveva notizie. Alle tre del pomeriggio Ron abbandonò l'ospedale del Bronx per andare in quello che nel frattempo era diventato Ground Zero in cerca della moglie. Impiegò sei ore a compiere il tragitto in ambulanza ed essendo un medico riuscì ad entrare nella zona che era stata recintata dalla polizia, ma non poté comunque ad entrare in casa perché l'apertura del portone d'ingresso non funzionava senza corrente elettrica. Passò quindi la notte a casa di un amico e la mattina dopo riuscì a entrare, l'appartamento era invaso dalla polvere del crollo ma sulla polvere c'erano solo i segni delle zampe dei due gatti della coppia e nessuna traccia di passaggio umano. Sneha non era mai tornata in casa.


Ron e la famiglia di Sneha iniziarono quindi a distribuire volantini con la sua foto, come facevano tutte le altre famiglie delle vittime dei crolli. Il fratello di Sneha dichiarò mentendo in un'intervista alla ABC di aver avuto una conversazione telefonica con la sorella mentre questa si allontanava dalle torri in fiamme, in modo che il network televisivo mostrasse in diretta il volantino realizzato dalla famiglia, ma all'appello non rispose nessuno.

Ron Lieberman denunciò la sparizione all'NYPD e parallelamente si mise autonomamente sulle tracce della moglie, contattando l'American Express (circuito usato da Sneha per il pagamento di quanto acquistato il 10 settembre) e Century 21. Dalle prime verifiche risultò che una commessa di Century 21 ricordava di aver visto Sneha il 10 settembre in compagnia di una seconda donna di origine indiana, la commessa aveva anche pensato che le due fossero sorelle. Liberman assunse quindi un investigatore privato, l'ex agente speciale dell'FBI Ken Gallant, e grazie alle loro indagini emerse un filmato delle videocamere di sicurezza di Century 21 che mostrava Sneha il 10 settembre muoversi all'interno del negozio da sola, la presunta amica non si vede in nessun video. Grazie alle indagini di Liberman si poté risalire anche al video della telecamera di sicurezza del palazzo dove Ron e Sneha vivevano, in cui si vede alle 8:43 dell'11 settembre, pochi minuti prima dello schianto del volo American Airlines 11 contro la Torre Nord, una donna con la fisionomia e la gestualità di Sneha, che indossava un abito simile a quello con cui era uscita il giorno prima, entrare nella lobby e avvicinarsi agli ascensori, aspettare qualche minuto e poi uscire dal palazzo senza entrare nella cabina dell'ascensore. Per via del contrasto e della luce del sole, della donna si vedono solo i contorni e Lieberman non si disse sicuro che si trattasse della moglie, mentre l'investigatore dell'NYPD assegnato al caso riteneva che fosse proprio la dottoressa scomparsa. In ogni caso la persona del video non ha con sé i sacchetti per gli acquisti con cui Sneha era uscita da Century 21.

Lieberman si arrese quindi all'idea che la moglie fosse morta nel crollo delle Torri. L'ipotesi più concreta era che il 10 settembre fosse andata a fare shopping con un'amica incontrata per caso (perché dai tabulati telefonici e dalle sue email non risulta che Sneha avesse appuntamento con qualcuno), fosse poi rimasta fuori a cena e si sia fermata dall'amica per la notte sapendo che il marito avrebbe lavorato fino a tardi. Il mattino dopo stava per tornare a casa quando il primo aereo colpì la prima torre, a quel punto Sneha potrebbe aver deciso di andare al World Trade Center per offrire il proprio servizio come medico.

Fotogramma dal video di Century 21

L'indagine dell'NYPD partì in ritardo, in quanto l'intero dipartimento era coinvolto nei soccorsi e nelle indagini successive all'11/9, e quello che emerse fu un quadro completamente diverso. Secondo il rapporto della polizia l'ospedale presso cui lavorava aveva comunicato a Sneha che non le avrebbe rinnovato il contratto di internato perché si presentava al lavoro spesso in ritardo e per via di un suo presunto abuso di alcolici. Poco dopo aver avuto la notizia del fatto che si sarebbe trovata presto senza lavoro, Sneha accusò un collega di averla molestata durante una serata tra colleghi; secondo il procuratore l'accusa si rivelò falsa e Sneha venne condannata a trascorrere un giorno in prigione. La donna avrebbe anche avuto anche problemi coniugali per il fatto di trascorrere spesso le notti fuori casa in locali gay e per il fatto di avere anche relazioni con donne. Il fratello John avrebbe riportato, sempre secondo il rapporto, di aver incontrato Sneha in atteggiamenti affettuosi con la propria fidanzata. La situazione tra Sneha e Ron era tesa anche al momento della sparizione; infatti secondo le conclusioni della polizia i due avrebbero avuto una lite proprio la mattina del 10 settembre in tribunale, dove Sneha dovette rispondere della falsa accusa sulle presunte molestie dichiarandosi non colpevole, per via del suo abuso di droghe e di alcol e per le sue abitudini sessuali.

Tuttavia la famiglia di Sneha rifiutò tutte le conclusioni a cui l'NYPD era giunto, sostenendo che Sneha fosse davvero vittima di molestie sessuali e discriminazioni razziali e che il suo internato non era stato rinnovato perché era di fatto una whistleblower in quanto altre donne subivano lo stesso trattamento al Cabrini Medical Center. Inoltre il marito ammise che la moglie frequentava locali gay per assistere a concerti da vivo, ma per il fatto che quelli erano gli unici in cui non veniva avvicinata da uomini, respingendo quindi l'idea che Sneha fosse bisessuale. John smentì anche di aver trovato Sneha in atteggiamento equivoco con la propria fidanzata, sostenendo che fosse solo il frutto della fantasia del poliziotto che redasse il verbale.

Ken Gallant sulle prime ipotizzò che Sneha potesse aver finto la propria morte per sottrarsi ai propri problemi personali e iniziare una nuova vita altrove, ma l'ipotesi oltre che molto fantasiosa era anche priva di solide basi, perché Sneha aveva lasciato a casa passaporto, patente, occhiali e carte di credito ad eccezione dell'American Express usata da Century 21. La famiglia continuò a sostenere che con ogni probabilità la loro congiunta era morta dei crolli; in ogni caso, non essendoci prove che Sneha fosse ancora in vita la mattina dell'11/9, nel 2004 il tribunale stabilì che dovesse essere rimossa dalla lista ufficiale delle vittime degli attentati insieme a due coniugi texani, Kacinga Kabeya e Kapinga Ngalula, che erano in visita a New York in quei giorni e che da allora scomparvero nel nulla.


Ron Lieberman fece ricorso in appello invocando il fatto che un'altra persona di cui non si ha certezza che sia morta nei crolli è conteggiata tra le vittime dell'11/9: il cubano Juan Lafuente, che lavorava con un ruolo dirigenziale alla Citybank a otto isolati dal World Trade Center. Lafuente l'11 settembre 2001 prese la metropolitana alla stazione di Grand Central alle 8:06 diretto a Wall Street, da allora non si hanno più sue notizie ed è considerato una vittima degli attentati. Nel 2008 arrivò la sentenza e il giudice diede ragione a Lieberman sostenendo che rimaneva altamente probabile che Sneha fosse morta nei crolli e che questa ipotesi è più probabile di qualunque altra, perché se Sneha fosse morta il giorno prima in altre circostanze il corpo sarebbe negli anni stato rinvenuto, perché di solito i cadaveri da omicidio vengono prima o poi trovati. Da allora Sneha fa parte dell'elenco ufficiale delle vittime e ad oggi il suo nome è inciso insieme agli altri nei bordi delle fontane che occupano lo spazio che fu delle Torri Gemelle.

Il caso di Sneha Anne Philip è molto intricato, ma non fu l'unico di questo genere nella ricostruzione dell'elenco delle vittime. Oltre ai già citati Kacinga Kabeya, Kapinga Ngalula e Juan Lafuente, esiste almeno un altro caso: quello dell'immigrato messicano ventenne Fernando Molinar che lavorava come fattorino in una pizzeria del quartiere Tribeca, vicino al World Trade Center, e che la sera dell'11 settembre non tornò a casa e da allora non esistono altre notizie di lui.

Che Sneha Anne Philip sia davvero morta nei crollo delle Torri Gemelle è ovviamente la spiegazione più ovvia e probabile del suo triste destino, e purtroppo casi come questi ci ricordano anche quanto sia stato complicato e a volte tortuoso identificare le vittime di un evento così vasto.




Fonti:

4 commenti:

marcorighi1979@gmail.com ha detto...

articolo interessante. c'è abbastanza materiale per fare un film, anche senza un finale conclusivo, visto che non si può. un film tipo "changeling" di eastwood. al pubblico piace più il mistero che la trama lineare e qui di mistero ce n'è parecchio. e poi c'è anche qualcosa per i nostri amici complottisti. a loro suggerisco di iniziare a fare indagini sul marito. lieberman è un nome di origine ebraica e parlando di undici settembre..ok, era di pessimo gusto, non fucilarmi !

Leonardo Salvaggio ha detto...

Non dare idee del genere che qualcuno potrebbe prenderti sul serio. La fantasia dei complottisti non ha limiti.

marcorighi1979@gmail.com ha detto...

volevo fare una battuta sulla tristemente nota teoria del complotto circa l'undici settembre. casi come questo sono importanti anche per farci capire come certe teorie siano totalmente infondate. riguardo al film però non stavo scherzando. altrimenti un libro. coppia in crisi, alcol, tradimenti. anche se non tutto vero può servire da spunto. esiste un genere, il noir, che potrebbe adattarsi all'argomento.

Leonardo Salvaggio ha detto...

Ovvio, avevo capito che era una battuta.