2018/08/11

La traduzioni non ufficiali del 9/11 Commission Report - prima parte

di Hammer.

Si ringrazia Mattia Butta (www.butta.org) per la consulenza sul giapponese.


Il 9/11 Commission Report è ufficialmente disponibile soltanto in inglese; la pagina delle FAQ del sito della commissione dice chiaramente che non esistono traduzioni ufficiali in nessun'altra lingua, ma essendo il testo pubblico è disponibile per essere tradotto da chiunque in qualunque lingua. Tuttavia nessuna sua traduzione può essere definitiva "ufficiale" o "autorizzata".

In base alle nostre ricerche, abbiamo riscontrato che esistono alcune traduzioni stampate in volumi cartacei. Di seguito descriviamo brevemente i contenuti e le caratteristiche principali delle traduzioni di cui siamo a conoscenza.


Traduzione in spagnolo


La traduzione spagnola del 9/11 Commission Report si intitola 11-S: El informe e come dice il sottotitolo non è una traduzione completa ma un estratto della versione originale.

Il libro è stato pubblicato nel 2005, quindi ad un solo anno dalla pubblicazione del rapporto e i capitoli tradotti sono i seguenti (riportiamo tra parentesi quadre i titoli in inglese per facilitare il confronto):


  • Prefacio [Preface]
  1. "Tenemos algunos aviones" ["We have some planes"]
  2. La fundación del nuevo terrorismo [The foundation of the new terrorism]
  3. Respuestas a los ataques iniciales de Al Qaeda [Responses to al Qaeda’s initial assaults]
  4. Los ataques de Al Qaeda en territorio de EE. UU. [Al Qaeda aims at the American homeland]
  5. De amenaza en amenaza [From threat to threat]
  6. Ataque imminente [The attack looms]
  7. "Saltaron todas las alarmas" ["The system was blinking red"]
  8. Heroísmo y horror [Heroism and horror]
  • Nota a la edición española

La traduzione è stata eseguita da Isabel Fuentes García (capitoli da 1 a 4), Tomás Fernández Aúz (capitolo 5), Yolanda Fontal (capitolo 6), Albino Santos (capitolo 7) e Francisco Beltrán (capitolo 8).

Questi cinque traduttori spagnoli godono tutti di notevole fama e hanno realizzato anche altre traduzioni importanti. Isabel Fuentes García ha tradotto, tra gli altri, la biografia di Saddam Hussein di Con Coughlin e il libro The Shock Doctrine di Naomi Klein. Tomás Fernández Aúz ha tradotto (insieme alla moglie Beatriz Eguibar) volumi di notevole importanza tra cui The Arabs e The Fall of the Ottomans di Eugene Rogan e Istanbul: A Tale of Three Cities di Bettany Hughes. Yolanda Fontal ha tradotto The Looming Tower di Lawrence Wright, testo fondamentale per la comprensione della storia di al-Qaeda e dell'11/9, e la biografia di Adolf Hitler di Ian Kershaw. Albino Santos è invece l'autore delle traduzioni di Because We Say So di Noam Chomsky, Black Mass di John Grey e Mercanti di Uomini della scrittrice italiana Loretta Napoleoni. Non abbiamo trovato notizie precise su Francisco Beltrán e non sappiamo quindi quali siano le sue traduzioni più rilevanti.

Come specificato nella nota all'edizione spagnola che chiude il volume, i traduttori hanno scelto di non tradurre l'intero rapporto ma solo una parte in modo da produrre un libro più snello e più leggibile e che raggiungesse un numero maggiore di lettori. Per lo stesso motivo, specificano i traduttori, non sono state tradotte le note del testo originale.


Traduzione in giapponese


Nel 2008 è stata realizzata un'altra traduzione parziale del 9/11 Commission Report, questa volta ad opera di tre ricercatori giapponesi che lo hanno tradotto nella loro lingua.

Il titolo del volume è 9/11委員会レポートダイジェスト―同時多発テロに関する独立調査委員会報告書、その衝撃の事実, la copertina reca anche la traduzione in inglese del titolo The 9/11 Commission Report Digest.

Gli autori della traduzione sono Toshiaki Matsumoto, Stephan Tanzawa e Yoshifumi Nagata. Anche in questo caso la traduzione è parziale; gli autori hanno selezionato un sottoinsieme dei capitoli da tradurre e in un caso hanno tradotto solo alcuni dei sottocapitoli, anziché il capitolo intero. L'indice del volume è il seguente (riportiamo solo i titoli originali per evidente difficoltà della trascrizione del testo giapponese):

  1. "We Have Some Planes"
    1. Inside the Four Flights
    2. Improvising a Homeland Defense
    3. National Crisis Management
  2. Al Qaeda Aims at the American Homeland
    1. Terrorist Entrepreneurs
    2. The "Planes Operation"
    3. The Hamburg Contingent
    4. A Money Trail?
  3. The Attack Looms
    1. First Arrivals in California
    2. The 9/11 Pilots in the United States
    3. Assembling the Teams
    4. Final Strategies and Tactics
  4. "The System Was Blinking Red"
    1. The Summer of Threat
    2. Late Leads--Mihdhar, Moussaoui, and KSM
  5. Heroism and Horror
    1. September 11, 2001
    2. Emergency Response at the Pentagon
Anche in questo caso le note al testo originale non sono state tradotte.


Le successive parti di questo articolo verranno pubblicate in seguito.

Nessun commento: