2015/02/13    Permalink       2 commenti         Avvertenze per i commentatori

Pravda: “l'America teme la pubblicazione delle foto satellitari russe dell'11/9”

di Paolo Attivissimo

Un articolo pubblicato il 7 febbraio 2015 su Pravda.ru in russo scrive che “Gli Stati Uniti temono la pubblicazione, da parte russa, delle fotografie satellitari della tragedia dell'11 settembre”. L'articolo afferma che “la Russia sta preparando la pubblicazione di prove del coinvolgimento del governo e dei servizi d'intelligence americana negli attacchi dell'11 settembre” e che “l'elenco di prove include immagini satellitari”. La notizia è stata anche tradotta in inglese da Gordon Duff su Veterans Today.

Tuttavia la notizia è priva di qualunque documentazione che confermi questo asserito timore o la presunta intenzione russa di pubblicare le suddette fotografie. L'articolo non fa nomi di fonti, non descrive l'ipotetico contenuto delle immagini, non spiega in che modo delle foto satellitari potrebbero dimostrare che si trattò di un autoattentato e in sostanza non propone alcun dato concreto a supporto di quello che afferma. Aria fritta, insomma.

Non c'è da sorprendersi: Pravda.ru cita come unica fonte Secretsofthefed.com, sito complottista che pubblica qualunque fantasia attorniandola di una quantità spettacolare di pubblicità. Specificamente, l'articolo di Secretsofthefed.com è questo, che però a sua volta cita come fonte Conspiracyclub.co, altro sito che pubblica qualunque tesi complottista (esempi: “La Russia ordina a Obama: racconta al mondo degli alieni o lo faremo noi”; “demonio fotografato in ospedale mentre aleggia sopra un paziente moribondo”). L'articolo specifico di Conspiracyclub.co è questo.

Ma a sua volta l'articolo di Conspiracyclub dichiara di essere la traduzione di un altro articolo: quello di Pravda.ru.

In sintesi, l'articolo di Pravda.ru cita come fonte Secretsofthefed, che cita Conspiracyclub, che cita l'articolo di Pravda.ru. E il cerchio si chiude su se stesso, in un perfetto esempio del modo in cui il cospirazionismo costruisce le proprie “verità”.

Etichette:

2015/01/30    Permalink       0 commenti         Avvertenze per i commentatori

World Trade Center: an interview with firefighter Frank Papalia

by Hammer. An Italian translation is available here.

World Trade Center 7 has always been one of the favorite topics of conspiracy theorists, who for years have imagined that it was demolished with explosives because, they allege, fires would not have been sufficient to cause it to collapse. To clarify what really happened, Undicisettembre has interviewed New York firefighter Frank Papalia, who has already debunked conspiracy theories on previous occasions. His words join those of firefighters and witnesses who confirmed that there were no mysteries in the collapse of WTC7.

In addition to refuting conspiracy theories, Papalia reports many touching and little-known details of the events of 9/11 and his testimony is an important contribution towards keeping alive the memory of those tragic days.

We thank Frank Papalia for his kindness and willingness to share his thoughts.

Undicisettembre: Can you give us a general account of what you saw and experienced on that day?

Frank Papalia: That day I was working at my side job. I found out that a plane crashed into the World Trade Center, I saw the second plane hit on the TV and at first I thought it was a replay of the first one. When I realized what was going on I knew they would call in all the firemen in, so I went to my firehouse which was in Queens.

We knew we would be going into the site and we got there after both towers fell. The first thing that we had to do, which is the one that really sticks to my head, is that we got sent into building 5, which was one of the smaller buildings to the east of the Towers, only eight stories. When the South Tower came down it actually ripped a part of building 5 and it was completely engulfed with flames from the ground up. When we got there, there was a chief who had been in communication with another chief who was trapped in the building and he asked us to get him. We went into the building with no tools, no breathing apparatus. We were trusting that the building was going to stay up; we went down to the basement and into the PATH train, which was an underground train like a subway, through a gigantic escalator and we made our way into the building through the smoke and as we were making our way through this you could hear something collapse and things falling on the ceiling above us, you could see the ceiling all bowed down and fire was dropping onto the floor.

We ended up about half way to were the chief was but they starting yelling to get out because the building was coming down. So we turned and ran towards the escalator and got outside. That was the most frightening thing that has ever happened to me in my life, I don't think I'll ever be that frightened again. Going up the escalator I knew I was going to die, fortunately it didn't happen. We got outside, we regrouped and the chief told us: “It's not the building coming down, it's something else on the outside. So, go back.” We went and we got the trapped chief out and he was okay.

After that we had to search these areas and it was horrible because we were finding pieces of guys we worked with. I found the top half of a guy I worked with.

It was a horrible day, I saw things no human being should have to see.

There are so many things in my head. In the afternoon we were in the Telephone Building which is close to World Trade Center 7 and we watched building 7 which was on fire. I know there are conspiracy theories about that.


Undicisettembre: What happened in the next days? Were you part of the search and rescue effort?

Frank Papalia: I was not involved as much as other guys were because in my fire house I was a regular chauffeur that meant that I normally drove the firetruck. So while all the firemen went every other day, with 24 hours on and 24 off, I went every third or fourth day; I wanted to be there but I couldn't because I still had to drive my firetruck. I went back the next day and we were trying to find people, looking for void holes hoping against hope that you were going to find someone that was still alive. We were looking for people and picking body parts and anything else that we could find. I found a briefcase with photos of a family, we gave them to the Police hoping that they could contact someone. We did that for a few days.

For the first days we breathed without any apparatus and we breathed as much stuff as was there because they told us not to worry because the air was fine, then they gave us paper masks which didn't stay on your face anyway because the elastic came off and they were useless. For a couple of weeks we didn't use any breathing apparatus.

In the first days it was still pretty warm and while I was looking for people one of the guys showed us how to do it. While looking at the pile he said “Stop and look for the flies” because the flies went for the bodies, and that's how we started to look for people.

The first day that we went we took magic markers and we wrote our Social Security Numbers on our forearms and we wrote our names on our coats because we thought “If we are going to get killed we want them to know who we were.”


Undicisettembre: What are your thoughts about your colleagues who climbed the stairs in WTC Towers 1 and 2 during the evacuation? Most of them died, but they died while trying to save people who would have died instead of them.

Frank Papalia: I have a real problem when people say “Oh, you are a hero”, if you want to call me a hero for something else I did it's fine, but I don't think I'm a hero for that day. Those guys are the real heroes.

With all what was happening, people diving out of the windows, they were beyond brave. I know in my heart I would have done the same thing but those guys who didn't come out knew what was about to happen.

You know about those guys in the Stairwell B, right? While coming down the building they stopped at every floor to make sure that everyone was out and they knew that the first tower already fell and they kept stopping. They could have run out and run for their lives but their bravery was just beyond.

This is what I think of them: they are the bravest men possible.


Undicisettembre: Has this experience given you a new insight into being a firefighter?

Frank Papalia: Absolutely, 100%. I always wanted to be a fireman, I became a fireman and I loved my job. I went to a lot of fires and car accidents because I wanted to help people. Firemen love being firemen, it's something you cannot even explain. It's not even a job, I say I never worked a day in my life. But from 9/11 on the whole world changed, I wasn't fighting fires anymore because we had a new entity which was terrorism. I retired a few years ago and all the training we took was all about terrorism, and this is what I do now: I teach now. I teach those classes now and it's a scary world.

I always wanted my kids to be firemen, but from 9/11 on I told them I don't want them to be firemen anymore because it's too dangerous now.


Undicisettembre: What do you think about conspiracy theories that claim 9/11 was an inside job? Most of these theories believe the Towers and WTC7 were intentionally demolished with explosives. What's your opinion?

Frank Papalia: I think those people suffer from mental disease or defects. I think they are crazy. I was there and I saw things happening. I was standing in the building next to 7 and the whole bottom was gouged out from being hit by the other building. The whole building was on fire, the windows were popping out. Buildings aren't made to be on fire like that, because if there's a fire they are designed to have sprinklers system that is supposed to put it out, so they are not meant to burn indefinitely. If they do steel softens. Steel softens at about 950 F. That's what happened, buildings were not built to be on fire like that.

People even say “Oh, buildings don't fall like that”, what do they expect? Buildings to just fall off like a cartoon?

I also heard theories that when they were built the construction crews put explosives charges in the buildings “just in case”... come on, come on...

I watched it happen: it wasn't an inside job. Two planes crashed into these buildings, come on.


Undicisettembre: I would like to go into details about WTC7. You saw it burning, can you confirm it was burning out of control?

Frank Papalia: Oh, absolutely! There was an incredible amount of fire, and plus the whole bottom was ripped out. That building was severely damaged on the bottom. If you destroy some of the columns in a building you put more stress on the ones that are still there and if you also start heating them up with 100 to 200 feet of fire from one side of the building to the other the weight of the building is on fewer supports and weaker supports. There's no way that building could have stood up.

And it fell the way it was supposed to, even if folks say “Oh, it fell like buildings fall when there are explosive charges.”


Undicisettembre: What's your reaction to being a witness of such a huge tragedy and then hearing the so-called "truthers" claim it all was fake?

Frank Papalia: I was more angry in the beginning, because I used to take them seriously since I lost many of my friends on that day. Now I think of them as a joke and a lot of them were kids back then, it would be as if I was saying there was a conspiracy in WW2 when they bombed Pearl Harbor. They weren't there; I don't pay them much mind any more.

I don't think they are very intelligent. Anyone who comes up with an idea like that is not very intelligent. Some even say that the plane didn't hit and that it was an optical illusion. They are just a joke to me now. I haven't thought of them for a long time before you asked.

You cannot have a serious conversation with these people.


Undicisettembre: Have you ever met one of these guys and tried to debate them?

Frank Papalia: We have a saying in the firehouse that says “You cannot have a battle of wits with an unarmed person”. You cannot have a serious conversation with those people. So, I generally don't, I don't think it's worth my energy.


Undicisettembre: Do you know any of your colleagues who believe these guys?

Frank Papalia: No, not even one.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

Frank Papalia: I'm more conscious and nervous about the world. When you hear about ISIS or Syria and the fact that terrorists use chemical agents I know that some days these things will happen here also. It's not a matter of if it's going to happen, but when it's going to happen.

And I'm nervous for my country, and for all good countries. Globally I'm more concerned than I was.


Undicisettembre: How long did it take you to get back to normalcy?

Frank Papalia: I got promoted little after and I started working in a firehouse in Manhattan that lost everybody on that day and I tried to steer them into the right way and teach them to care for themselves physically and mentally and it ended up that I had to do that for myself too.

It took me a while, I went to mental health counseling for a while. It took a while but it was good. But I don't know if I ever got totally fixed.


Undicisettembre: Have you been to the 9/11 Memorial Museum yet?

Frank Papalia: No. I have no desire to go. A few friends of mine went a couple of times. But I will not go. I spent enough time there. It's still a construction site and I don't want to smell the concrete or steel cutting because if I smell those again – boom! A flashback! So I don't really feel like going.

Etichette: , , ,

World Trade Center: intervista con il pompiere Frank Papalia

di Hammer. L'originale in inglese è disponibile qui.

Il World Trade Center 7 è sempre stato uno degli argomenti che più ha stimolato la fantasia dei complottisti che da anni immaginano che sia stato demolito con esplosivi poiché gli incendi non sarebbero stati sufficienti a causarne il crollo. Per chiarire quanto in realtà avvenuto Undicisettembre ha raccolto la testimonianza del pompiere Frank Papalia che già in passato ha smentito le teorie del complotto e che si aggiunge agli altri racconti di pompieri e testimoni che hanno confermato che il crollo del WTC7 non ebbe nulla di misterioso.

Oltre a ciò che smentisce le teorie del complotto Papalia racconta molti dettagli toccanti e poco noti su quanto accaduto quel giorno e la sua testimonianza aggiunge un tassello importante che contribuisce a mantenere vivo il ricordo di quei tragici fatti.

Ringraziamo Frank Papalia per la sua cortesia e disponibilità.

Undicisettembre: Ci puoi fare un racconto generale di ciò che hai visto e vissuto quel giorno?

Frank Papalia: Quel giorno stavo lavorando al mio secondo lavoro. Venni a sapere che un aereo si era schiantato contro il World Trade Center, vidi l'impatto del secondo aereo in TV e inizialmente pensai che fosse un replay del primo. Quando capii ciò che stava succedendo mi resi conto che avrebbero richiamato tutti i pompieri, quindi andai nella mia stazione che era nel Queens.

Sapevamo che saremmo stati mandati sulla scena e ci arrivammo dopo che entrambe le torri erano crollate. La prima cosa che dovemmo fare, che è quella che resta costantemente in mente, fu entrare nel palazzo 5, che era uno degli edifici più piccoli a est delle Torri, di solo 8 piani. Quando la Torre Sud crollò, strappò via un pezzo del palazzo 5, che era completamente avvolto dalle fiamme dal piano terra in su. Quando arrivammo lì, c'era un capitano che era in contatto con un altro capitano che era intrappolato dentro al palazzo e ci chiese di andarlo a prendere. Entrammo nel palazzo senza attrezzi, senza respiratori. Confidavamo che il palazzo avrebbe retto, entrammo nei sotterranei e nel PATH, che era un treno sotterraneo tipo metropolitana, attraverso una scala mobile gigantesca ed entrammo nel palazzo attraverso il fumo; mentre lo attraversavamo sentivamo che sul soffitto sopra di noi crollava qualcosa, potevamo vedere il soffitto imbarcato e c'era del fuoco che cadeva sul pavimento.

Arrivammo fino a metà strada rispetto a dove era il capitano, ma qualcuno iniziò a urlare di uscire perché il palazzo stava crollando. Quindi ci volgemmo indietro e corremmo verso la scala mobile e andammo fuori. Fu la cosa più spaventosa che mi sia mai successa, non credo che avrò mai più così tanta paura. Mentre salivamo la scala mobile credevo che sarei morto; fortunatamente non successe. Arrivammo fuori, ci riunimmo e il capitano disse: “Non è il palazzo che sta crollando, è qualcos'altro fuori. Quindi tornate dentro.” Tornammo e portammo fuori il capitano intrappolato, che stava bene.

Fatto questo, abbiamo dovuto perlustrare quelle aree; fu orribile, perché trovammo parti di persone con cui lavoravamo. Io trovai la parte superiore di un uomo con cui lavoravo.

Fu un giorno terribile, vidi cose che nessuno mai dovrebbe vedere.

Ho tante cose nella testa. Nel pomeriggio eravamo nel Telephone Building, che è vicino al World Trade Center 7, e vedemmo il palazzo 7 che bruciava. So che ci sono teorie del complotto su di esso.


Undicisettembre: Cosa successe nei giorni seguenti? Hai partecipato ai lavori di ricerca e soccorso?

Frank Papalia: Non fui coinvolto tanto quanto lo furono altri, perché io ero l'autista per la mia stazione e quindi dovevo guidare il camion. Quindi mentre tutti i pompieri andavano a giorni alterni, con turni di 24 ore, io andavo ogni tre o quattro giorni; avrei voluto rimanere lì, ma non potevo, perché dovevo guidare il camion. Ci tornai il giorno seguente e stavamo cercando di trovare delle persone, cercando degli spazi vuoti nella speranza di trovare qualcuno ancora vivo. Cercavamo persone e raccoglievamo parti di cadaveri e qualunque altro oggetto che potevamo trovare. Io trovai una valigia con foto di una famiglia, le demmo alla Polizia sperando che potessero contattare qualcuno. Facemmo questo per qualche giorno.

Nei primi giorni respirammo senza nessuna apparecchiatura e respirammo tutto ciò che c'era nell'aria, perché ci dissero di non preoccuparci che l'aria era sana; in seguito ci diedero delle mascherine di carta che non stavano attaccate al viso perché l'elastico si staccava, non servivano a nulla. Per le prime due settimane circa non usammo nessuna apparecchiatura per respirare.

Nel primi giorni faceva ancora caldo e mentre cercavamo le persone un altro pompiere ci disse come fare. Guardando la pila di macerie disse “Fermatevi e cercate le mosche”, perché le mosche andavano verso i corpi, e così iniziammo a cercare le persone.

Il primo giorno prendemmo dei pennarelli e ci scrivemmo il nostro Numero della Previdenza Sociale sulle braccia e i nomi sulla divisa perché pensavamo “Se rimaniamo uccisi vogliamo poter essere identificati.”


Undicisettembre: Cosa pensi dei tuoi colleghi che si arrampicarono lungo le scale nelle Torri 1 e 2 del WTC durante l'evacuazione? La maggior parte di loro è morta, ma lo ha fatto mentre tentava di salvare delle persone che sarebbero morte al posto loro.

Frank Papalia: Ho un serio problema quando la gente mi dice “Oh, sei un eroe”, se vogliono definirmi un eroe per qualcosa d'altro che ho fatto va bene, ma non credo di essere un eroe per ciò che ho fatto quel giorno. Quelli sono i veri eroi.

Con tutto ciò che stava succedendo, persone che si gettavano dalle finestre, sono stati più che coraggiosi. So nel mio cuore che lo avrei fatto anch'io, ma quegli uomini che non ne sono usciti sapevano ciò che stava per accadere.

Sai di quei pompieri nella Scala B, giusto? Mentre scendevano nel palazzo si fermarono ad ogni piano per assicurarsi che tutti fossero usciti; sapevano che la prima torre era già crollata eppure continuarono a fermarsi. Avrebbero potuto correre fuori per salvarsi ma il loro coraggio fu eccezionale.

Questo è ciò che penso di loro: sono gli uomini più coraggiosi che possano esistere.


Undicisettembre: Questa esperienza ti ha dato una nuova visione del tuo lavoro come pompiere?

Frank Papalia: Assolutamente, al 100%. Ho sempre voluto essere un pompiere, sono diventato un pompiere e ho amato il mio lavoro. Sono intervenuto in molti incendi e incidenti d'auto perché volevo aiutare la gente. I pompieri amano il loro lavoro, è qualcosa che non si può nemmeno spiegare. Non è nemmeno un lavoro, io dico di non aver lavorato un solo giorno della mia vita. Ma dall'11/9 tutto il mondo è cambiato, non stavo più combattendo incendi perché c'era una nuova entità, che era il terrorismo. Mi sono ritirato dal servizio pochi anni fa e la formazione che ricevevamo era tutta sul terrorismo, ed è ciò che faccio adesso: insegno. Insegno in quei corsi, ora, ed è un mondo che fa paura.

Ho sempre voluto che i miei figli diventassero pompieri, ma dall'11/9 ho detto loro che non volevo più che lo diventassero, perché adesso è troppo pericoloso.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie del complotto che sostengono che l'11/9 sia stato un "inside job"? La maggior parte di queste teorie sostiene che le Torri e il WTC7 furono demolite intenzionalmente con esplosivi. Qual è la tua opinione?

Frank Papalia: Credo che quelle persone soffrano di malattie o tare mentali. Credo che siano pazzi. Ero là e ho visto le cose succedere. Ero nel palazzo accanto al 7 e l'intera parte inferiore era stata strappata via dal crollo dell'altro palazzo. L'intero edificio era in fiamme e le finestre stavano scoppiando. I palazzi non sono fatti per bruciare in quel modo, perché sono progettati in modo che in caso di incendio il sistema di idranti lo spenga, quindi non è previsto che brucino indefinitamente. Se succede, l'acciaio si ammorbidisce. L'acciaio ammorbidisce a circa 500°C. Questo è ciò che è successo, i palazzi non sono fatti per bruciare in quel modo.

La gente dice anche “Oh, i palazzi non cadono così”. Cosa si aspettano? Che cadano come nei cartoni animati?

Ho anche sentito teorie secondo le quali i costruttori avrebbero messo cariche esplosive nel palazzo in caso servissero.... suvvia, andiamo...

L'ho visto accadere: non fu un autoattentato. Due aerei si schiantarono contro quei palazzi, suvvia.


Undicisettembre: Vorrei entrare maggiormente in dettaglio sul WTC7. Lo vedesti, puoi confermare che stava bruciando fuori controllo?

Frank Papalia: Oh, assolutamente! C'era una quantità di fuoco incredibile e tutta la parte più bassa era stata strappata via. Il palazzo era gravemente danneggiato alla base. Se distruggi alcune colonne in un palazzo poni più carico sulle rimanenti, e se inizi anche a scaldarle con un incendio che va da 30 a 60 metri da un lato all'altro del palazzo il peso dell'edificio grava su un numero minore di colonne oltretutto indebolite. Non c'è modo che quel palazzo potesse rimanere in piedi.

E crollò nel modo in cui doveva crollare, anche se alcuni dicono “Oh, è crollato come crollano i palazzi quando ci sono cariche esplosive.”


Undicisettembre: Come hai reagito al fatto di essere stato testimone di una tale tragedia e poi sentire i sedicenti "ricercatori della verità" sostenere che fu tutta una messinscena?

Frank Papalia: Ero più arrabbiato all'inizio, perché li prendevo seriamente dato che ho perso molti amici quel giorno. Adesso li considero una barzelletta e molti di loro erano bambini allora, è come se io dicessi che ci fu un complotto nella Seconda Guerra Mondiale quando bombardarono Pearl Harbor. Non erano lì; non dedico più molta attenzione a questa gente.

Non credo che siano molto intelligenti. Chiunque se ne esca con idee del genere non è molto intelligente. Alcuni addirittura dicono che l'aereo non colpì e che si trattò di un'illusione ottica. Sono solo una barzelletta per me adesso. Non ci pensavo da molto tempo prima che tu me lo chiedessi.

Non puoi avere una conversazione seria con queste persone.


Undicisettembre: Hai mai incontrato qualche complottista e provato a discuterci?

Frank Papalia: C'è un detto che usiamo nella stazione dei pompieri: “Non puoi combattere un duello d'intelletto con una persona disarmata”. Non puoi avere una discussione seria con queste persone. Quindi in genere non lo faccio, non credo che sia qualcosa per cui valga la pena impegnarmi.


Undicisettembre: Conosci qualche tuo collega che crede a queste persone?

Frank Papalia: No, nemmeno uno.


Undicisettembre: L'11/9 come condiziona la tua vita quotidiana?

Frank Papalia: Sono più consapevole e nervoso riguardo al mondo. Quando si sente parlare dell'ISIS o della Siria e del fatto che i terroristi usano armi chimiche, so che qualche giorno questo succederà anche qui. La questione non è se succederà, ma quando succederà.

Sono nervoso per la mia nazione, e per tutte le nazioni buone. Globalmente sono più preoccupato di prima.


Undicisettembre: Quanto tempo ti ci è voluto prima di tornare alla normalità?

Frank Papalia: Fui promosso poco dopo e iniziai a lavorare in una Stazione dei Pompieri a Manhattan che quel giorno aveva perso tutti e provai a riportarli sulla strada giusta e a insegnare loro a prendersi cura di sé stessi fisicamente e mentalmente; finì che dovetti fare lo stesso lavoro anche su me stesso.

Mi ci volle un po', andai per un po' a fare della terapia. Mi ci volle un po', ma fu una cosa buona. Ma non so se sono del tutto recuperato.


Undicisettembre: Sei già stato al 9/11 Memorial Museum?

Frank Papalia: No. Non ne ho alcun desiderio. Alcuni miei amici sono andati un paio di volte. Ma io non ci andrò. Ho passato abbastanza tempo in quel posto. È ancora un cantiere e non voglio sentire l'odore del cemento o del taglio dell'acciaio, perché se sento ancora quegli odori – boom! Flashback! Quindi non mi sento proprio di andarci.

Etichette: , ,

2015/01/12    Permalink       0 commenti         Avvertenze per i commentatori

The Longest War di Peter Bergen

di Hammer

Nel gennaio del 2011 il giornalista della CNN Peter Bergen ha pubblicato il volume intitolato The Longest War: the Enduring Conflict Between America and Al-Qaeda dedicato alla cosiddetta guerra al terrorismo. Il testo, originariamente edito prima dell'uccisione di Osama bin Laden, è stato ampliato per la pubblicazione dell'edizione in brossura in modo da includere anche la morte del leader di al Qaeda. Lo scopo del volume è esplicitato dall'autore nell'introduzione: Bergen vuole mettere in luce gli errori strategici e di valutazione commessi dalle due fazioni durante il decennio intercorso dall'11/9 alla pubblicazione del libro. L'autore chiarisce che questo non sottintende che vi sia equivalenza a livello morale tra al Qaeda e gli USA, ciò nonostante la maggioranza delle critiche è rivolta proprio a questi ultimi.

All'inizio del volume l'autore spiega come la minaccia di al Qaeda verso gli Stati Uniti fosse molto chiara prima dell'11/9, ma fu sottovalutata dalle autorità, al punto che sia Clinton che Bush ridussero la spesa militare quasi rinunciando a stroncare l'organizzazione terroristica prima che potesse colpire sul suolo nazionale.

All'indomani degli attentati l'amministrazione Bush compì da subito errori a livello propagandistico, per esempio asserendo che l'odio di al Qaeda verso gli USA fosse dettato dalla libertà e dalla democrazia che gli Stati Uniti garantiscono ai propri cittadini e che sono parte fondamentale della cultura americana, mentre in realtà la causa era da ricercarsi della politica statunitense in Medio Oriente. Inoltre Bush accostò al Qaeda al Nazismo e anche questo paragone fu fin da principio ovviamente errato sia per le motivazioni che per la capacità bellica dei due movimenti. In ultimo l'autore sottolinea che la celebre frase di Bush "Either you are with us, or you are with the terrorists" (“o siete con noi, o siete con i terroristi”) fu particolarmente infelice e che se al contrario il Presidente avesse detto "If you are against the terrorists, then you are with us" (“se siete contro i terroristi, allora siete con noi”) avrebbe raccolto molto più consenso internazionale.

Anche Osama bin Laden nell'organizzare gli attacchi commise grossi errori di valutazione nel prevedere la magnitudine della risposta americana. Nelle sue intenzioni infatti c'era che gli USA si ritirassero dal Medio Oriente, ma l'effetto che ottenne fu la caduta del regime dei Talebani in Afghanistan, la distruzione di al Qaeda e l'aumento della presenza americana proprio nelle zone interessate.

L'autore dedica quindi un intero capitolo a descrivere gli errori commessi dai militari USA nella gestione della campagna di Tora Bora, sottolineando che se fossero stati impiegati più uomini a terra, anziché affidarsi ai bombardamenti aerei, probabilmente Osama sarebbe stato catturato o ucciso nel dicembre del 2001.

Le critiche di Bergen alla gestione statunitense della guerra al terrorismo proseguono nel capitolo successivo, dedicato al caso di Abu Omar, che dopo essere stato prelevato forzatamente a Milano fu consegnato a un paese, l'Egitto, che applica ancora la tortura nonostante le rassicurazioni in tal senso di Condoleezza Rice e del Presidente Bush. Non fu questo l'unico caso in cui gli USA utilizzarono la tortura; tra gli altri l'autore ricorda i detenuti nella prigione cubana di Guantanamo e Khalid Shaykh Muhammad: in entrambi i casi, stando a quanto scrive Bergen, la tortura non avrebbe portato nessuna informazione utile da parte dei prigionieri. L'autore ha tra l'altro trattato l'argomento dell'inutilità della tortura in un suo recente articolo pubblicato dalla CNN.

Bergen dedica quindi un'ampia sezione del libro a spiegare perché gli USA abbiano deciso di invadere l'Iraq sulla base di un presunto legame, di fatto inesistente, tra Saddam Hussein e al Qaeda. Il clamoroso errore sarebbe stato innescato da un rapporto steso dalla Professoressa Laurie Mylroie dell'università di Harvard e titolare di una cattedra anche al US Naval War College, secondo cui l'11/9 sarebbe parte di un gigantesco complotto contro gli Stati Uniti diretto da Saddam Hussein di cui facevano parte anche l'attentato contro il World Trade Center del 1993, gli attacchi contro le ambasciate in Kenya e Tanzania e quello contro la nave USS Cole. Il rapporto conteneva ovviamente informazioni gonfiate, ma visto il curriculum (fino ad allora impeccabile) della professoressa e il desiderio dei Repubblicani di rovesciare il regime di Saddam fu considerato valido e da esso nacque la decisione di intraprendere la Seconda Guerra del Golfo.

Bergen passa quindi a descrivere come siano migliorate le condizioni di vita in Afghanistan dopo la caduta dei Talebani: alla popolazione fu finalmente concesso di guardare la televisione, di sentire musica, di giocare per strada con degli aquiloni e agli uomini fu permesso di radersi la barba. Inoltre le prime elezioni tenute dopo la caduta dei Talebani furono un grande successo e videro finalmente anche le donne afghane esprimersi al voto. Nonostante il successo raggiunto e il favore della popolazione, gli Stati Uniti furono costretti a impiegare un numero di soldati inferiore alla necessità per via della contemporanea guerra in Iraq. Il processo di mantenere l'ordine fu quindi in parte delegato ad alcuni alleati locali che non garantirono il necessario presidio, consentendo al alcuni gruppi di Talebani di opporre resistenza.

L'autore dedica l'ultimo capitolo alla caccia a bin Laden, durata quasi dieci anni, in cui le autorità americane hanno commesso numerosi errori. A partire dalle migliaia di scatole di fiammiferi lanciate dagli aerei americani nel sud dell'Afghanistan recanti promesse di ricompense per chi fornisse informazioni utili alla ricerca di Osama. Ma le scritte erano in Dari, non in Pashtu che è di gran lunga più diffuso nella zona, e chiedeva che le informazioni venissero fornite per telefono a un numero fisso negli Stati Uniti o via email ma il novantotto percento degli Afghani non aveva una connessione a Internet e pochi di loro potevano permettersi una telefonata intercontinentale.

L'autore si domanda se fosse corretto ritenere che nel 2011 bin Laden fosse ancora vivo e la risposta è positiva. La principale evidenza del fatto che Osama fosse ancora in vita è data dai numerosi messaggi audio e video diffusi dal leader di al Qaeda negli anni, tutti opportunamente verificati dalle autorità americane tramite confronti con campioni della voce di Osama. Inoltre le dicerie sul fatto che fosse gravemente malato non hanno trovato conferma nelle sue apparizioni in video e sono probabilmente nate da esagerazioni sui racconti di Omar bin Laden secondo cui il padre soffriva di calcoli renali.

Bergen chiude il volume con la riflessione che la morte del leader Osama bin Laden ha inferto un colpo durissimo all'organizzazione terroristica da lui fondata, ponendo così le basi per la definitiva chiusura della guerra più lunga in cui gli USA siano stati coinvolti.

Etichette: , , ,

2014/12/15    Permalink       2 commenti         Avvertenze per i commentatori

Operation Sky Shield: il primo stop dell'aviazione civile statunitense

di Hammer

Contrariamente a quanto comunemente si crede, quello occorso l'11/9/2001 e nei giorni seguenti non fu il primo stop completo dell'aviazione civile statunitense. Il primo caso si verificò infatti all'inizio degli anni '60, in piena Guerra Fredda, durante una serie di tre esercitazioni militari chiamate Operation Sky Shield.

Secondo quanto riportato da un articolo di Roger Mola (autore anche di un breve documentario sull'argomento) sulla rivista Air and Space, nel luglio del 1960 il Department of Defense annunciò che il 10 settembre dello stesso anno si sarebbe svolta un'esercitazione militare che avrebbe simulato un attacco aereo sovietico per verificare se le misure di sicurezza implementate dal NORAD fossero effettivamente funzionanti ed efficaci. L'esercitazione avrebbe potuto essere condotta solo se l'aviazione civile si fosse fermata per alcune ore, e dal momento dell'annuncio, le compagnie aeree ebbero 8 settimane per organizzare i propri voli di conseguenza.

La mattina del 10 settembre 1960 tra le 2 e le 8 del mattino (orario della costa orientale) le aviazioni civili degli USA (con l'esclusione delle Hawaii) e del Canada si fermarono completamente per consentire lo svolgersi dell'esercitazione in cui venne simulato un attacco sovietico con 310 bombardieri.

Secondo un articolo del 1988 reso disponibile online dal sito Mitchell Gallery, i voli cancellati o ripianificati furono circa 1000 in tutto il Nord America e nonostante gli impatti e i disagi comportati, la FAA confermò la propria disponibilità a concedere nuovi blocchi in caso di ulteriori esercitazioni, specificando però che sarebbe stato necessario un anticipo di 90 giorni nelle comunicazioni e che il blocco sarebbe dovuto avvenire nella notte tra sabato e domenica di un weekend che avesse un giorno festivo adiacente.

L' operazione Sky Shield II si svolse quindi il 14 ottobre del 1961, due giorni dopo il Columbus Day, ma in pieno giorno: tra l'1 del pomeriggio e l'1 di notte. Con le sue 12 ore fu la più lunga delle tre operazioni Sky Shield. Questa seconda fase vide anche il coinvolgimento della Royal Air Force del Regno Unito, che mise a disposizione otto bombardieri Vulcan, che insieme ai velivoli del NORAD simularono un nuovo attacco sovietico. Uno solo dei Vulcan fu intercettato dalla forze del NORAD, mentre gli altri sette giunsero indisturbati ai propri obiettivi per poi tornare alla base di Stephenville, nel Newfoundland, da cui erano partiti. Il sito Mysteries of Canada ha anche reso disponibile un servizio di cinegiornale del 1961 (disponibile anche sul canale AIRBOYD di YouTube a maggiore risoluzione) sull'operazione Sky Shield II.

L' operazione Sky Shield III si svolse il 2 settembre del 1962 e causò un blocco dell'aviazione civile per cinque ore e mezza dalle 3 del pomeriggio alle 8 e mezza. L'esercitazione aveva come scopo proprio quello di testare le tempistiche con cui i voli civili avrebbero potuto atterrare in caso di attacco aereo sul suolo degli Stati Uniti e del Canada. 319 velivoli T-33 (di cui 263 negli USA e 56 in Canada) furono fatti decollare da varie città sul suolo Nordamericano e appena l'FAA dette l'ordine i controllori di volo dovettero farli atterrare nel minor tempo possibile. Tutti gli aeromobili atterrarono in 49 minuti in Canada e in 72 negli USA. Il costo dell'operazione per le compagnie aeree costrette allo stop fu questa volta di un milione di dollari.

Nel 1964 il NORAD propose una quarta operazione Sky Shield, ma gli ufficiali della SAC si opposero, sostenendo che un'esercitazione così grande avrebbe potuto essere sostituita da altre più piccole a livello regionale, più economiche e più efficaci.

Maggiori dettagli su questo argomento possono essere trovati sul sito Old Fulton NY Postcards, che mette a disposizione un ricco archivio di scansioni di pagine storiche di giornali di USA e Canada al cui interno si possono trovare, con una semplice ricerca, molti articoli sulle operazioni Sky Shield risalenti al periodo in cui queste si svolsero.

Etichette: ,

2014/11/22    Permalink       0 commenti         Avvertenze per i commentatori

The Man Who Killed Usama bin Laden: il racconto dell'uomo che ha sparato a Osama

di Hammer. L'articolo è stato corretto dopo la pubblicazione iniziale.

L'11 e il 12 novembre 2014 il canale televisivo Fox News ha trasmesso lo speciale The Man Who Killed Usama bin Laden che presenta una lunga intervista del giornalista Peter Doocy al Navy SEAL Robert O'Neill.

O'Neill fu il secondo dei tre uomini che salirono al terzo piano del compound di Abbottabad in cui si nascondeva Osama bin Laden e, secondo quanto dichiarato dallo stesso O'Neill, fu proprio lui a sparare il colpo mortale alla testa di Osama. O'Neill aveva rilasciato un'intervista a The Esquire nel 2013 nella quale si era celato sotto lo pseudonimo The Shooter.

L'intervista trasmessa da Fox News si apre con una lunga digressione sulla vita personale di Robert: dalla sua infanzia nella città di Butte, nel Montana, ai suoi primi lavori come facchino o come commesso di un McDonald's, fino alla decisione di entrare nei Marines e al duro addestramento fisico e attitudinale a cui ha dovuto sottoporsi.

L'11 settembre 2001 O'Neill si trovava in un ufficio in Germania quando sentì la notizia degli attentati e pensò immediatamente che la responsabilità fosse di Osama bin Laden. "We said the words Osama bin Laden within 30 seconds" dice testualmente. Come membro del SEAL Team 6 avrebbe dovuto partecipare alle prime fasi dell'invasione dell'Iraq, ma poco prima la sua squadra fu dirottata verso la Liberia, dove partecipò a una missione che doveva riportare in patria i militari americani e solo in seguito poté unirsi ai Navy SEALs inviati in Iraq e Afghanistan.

Nel 2009 prese anche parte all'operazione che portò alla liberazione del comandante Richard Phillips del mercantile Maersk Alabama dirottato da pirati somali. La vicenda è stata narrata nel 2013 dal film Captain Phillips - Attacco in mare aperto con Tom Hanks nel ruolo del comandante rapito.

Durante un periodo trascorso a Miami al termine dell'undicesima missione in cui fu coinvolto, la squadra di O'Neill fu richiamata proprio per la missione che avrebbe portato all'uccisione di Osama bin Laden.

Il documentario mostra quindi un intervento del giornalista americano Mark Bowden, autore del libro The Finish: the Killing of Osama bin Laden, che riassume brevemente come le forze americane furono in grado di individuare il luogo dove si nascondeva Osama e le diverse tipologie di missione che furono valutate: un attacco missilistico con aerei, una operazione congiunta con le forze pakistane o un raid dei Navy SEALs. Dopo opportune valutazioni fu scelta quest'ultima opzione.

Ai Navy SEALs chiamati per l'operazione fu inizialmente detto che avrebbero dovuto entrare in una casa a prendere qualcosa e portarla via, inducendo così i militari a pensare che la missione dovesse svolgersi in Libia e che l'obiettivo fosse il Colonnello Gheddafi. Fu quindi comunicato loro che invece l'obiettivo era bin Laden e dapprima il ruolo di O'Neill avrebbe dovuto essere di coordinatore all'esterno del compound. Durante le esercitazioni, svolte con un modello in scala 1:1 dell'edificio ricostruito negli Stati Uniti, O'Neill maturò la convinzione che quella sarebbe stata una missione dalla quale non sarebbe tornato vivo. Pensava infatti che i Navy SEALs sarebbero morti insieme a Osama, se questi si fosse fatto esplodere, oppure arrestati e catturati dalle milizie pakistane per poi trascorrere il resto delle loro vite da detenuti in Pakistan.

Prima di lasciare gli Stati Uniti per il viaggio da cui pensava di non tornare, O'Neill scrisse delle lettere per i suoi figli in cui dava loro delle raccomandazioni per il loro futuro e chiamò suo padre per salutarlo un'ultima volta. Anche il padre di Robert, visibilmente emozionato, ha preso parte al documentario di Fox News raccontando la toccante telefonata dal proprio punto di vista.

Durante il volo in elicottero che avrebbe portato i Navy SEALs dalla base in Afghanistan al compound di Abbottabad, O'Neill contava mentalmente da zero e mille e da mille a zero per tenere occupata la mente e per combattere il pensiero che avrebbero potuto essere abbattuti da un missile in ogni momento; altri militari per evitare di essere assaliti dagli stessi pensieri dormivano o ascoltavano musica.

Mark Bowden spiega quindi che la missione non andò come previsto in quanto il primo elicottero si schiantò al suolo, costringendo i Navy SEALs ad abbandonare l'ipotesi di entrare nel compound anche dall'alto. I SEALs entrarono quindi nel compound solo dal piano terra, venendo accolti da alcuni spari dalla finestra; uno dei SEALs rispose al fuoco ferendo una moglie di Osama che viveva nel compound. Tre dei Navy SEALs salirono quindi al terzo piano e Robert O'neill si trovò ad essere il secondo nella fila. Il primo dei tre Navy SEALs, noto come the point man, trovò davanti a sé una delle mogli e una delle figlie di Osama e si lanciò su di loro temendo che stessero per farsi esplodere. O'Neill proseguì fino alla camera da letto dove trovò Osama e un'altra delle mogli di fronte a sé; senza esitare sparò tre colpi al volto di Osama, che cadde a terra morto.

Uno dei SEALs che parlava arabo chiese a una delle figlie chi fosse l'uomo morto e la donna confermò che si trattava di Osama bin Laden. I SEALs quindi trasportarono il cadavere all'esterno e prima di infilarlo in un body bag e di caricarlo su un elicottero prelevarono dalla salma un campione di DNA con una siringa. La salma e la siringa viaggiarono poi su due elicotteri distinti in modo che in casi di abbattimento di uno dei due fosse ancora possibile provare che bin Laden era definitivamente morto.

I militari capirono di aver concluso con successo la missione una volta rientrati in Afghanistan dove poterono ascoltare l'annuncio del Presidente Obama in diretta televisiva.

Rientrati negli Stati Uniti il team dei Navy SEALs fu ricevuto privatamente dal Presidente, dal Vicepresidente e dal gabinetto di governo e quando fu chiesto loro chi avesse sparato il colpo mortale O'Neill e un altro soldato risposero che il successo doveva essere attribuito all'intera squadra.

Doocy chiede quindi a O'Neil come si spiega il fatto che il racconto di Matt Bissonnette (foto accanto), scritto con lo pseudonimo di Mark Owen, differisca dal suo.

Bissonnette, che è stato ospite della trasmissione televisiva 60 Minutes del canale CBS il 2 novembre e ha appena pubblicato un nuovo volume intitolato No Hero, infatti sostiene che il point man, appena arrivato al terzo piano, abbia sparato a bin Laden centrandolo e che quando i tre SEALs andarono insieme nella stanza da letto lo trovarono steso a terra. O'Neill risponde che probabilmente per via della velocità con cui si è svolta l'azione e del buio Bissonnette si sbaglia nel ricostruire la vicenda. Mark Bowden aggiunge che l'unica spiegazione possibile che faccia combaciare le due versioni è che il point man abbia sparato a bin Laden mancandolo, O'Neill gli si sia quindi avvicinato e lo abbia colpito a morte inducendo Bissonnette a credere che il primo colpo, e non il secondo, abbia centrato il terrorista. O'Neill aggiunge che prima di essersi trovato faccia a faccia con Osama ha sentito un colpo sparato da uno dei suoi colleghi, non sa dire dove questo colpo sia finito e quindi non può escludere che Osama fosse stato colpito da un proiettile sparato dal point man prima che lui se lo ritrovasse di fronte: l'unica cosa di cui è sicuro è che il terrorista fosse in piedi e non steso a terra.

Doocy chiede anche a O'Neill se siano state scattate foto di Osama morto e O'Neill risponde positivamente, aggiungendo però che il popolo americano non ha bisogno di vedere l'orrore di un cadavere sfigurato, ma è sufficiente che sappia che la giustizia è stata ristabilita.

O'Neill conclude l'intervista raccontando di aver donato al 9/11 Memorial Museum parte della divisa che indossava durante la missione e di essere andato al museo, dove ha tenuto una conferenza in cui ha raccontato come si è svolta la missione di Abbottabad e in tale occasione ha incontrato alcuni parenti delle vittime che lo hanno ringraziato per quanto fatto.

Il racconto di O'Neill è molto emozionante e coinvolgente e le sue vivide parole trasmettono la dedizione e il patriottismo che ha portato il Team 6 dei Navy SEALs a compiere questa singolare missione. Il racconto è impreziosito dai brevi ma precisi interventi di Bowden e dalle parole del padre di Robert, la cui emozione è più che evidente. Va comunque sottolineato che a parte le considerazioni personali dello stesso O'Neill, ad esempio quelle secondo cui pensava di intraprendere una missione da cui non sarebbe tornato vivo in patria, l'intervista non rivela particolari che non fossero già noti.

Etichette: , , , ,

2014/11/10    Permalink       0 commenti         Avvertenze per i commentatori

An interview with airline pilot Patrick Smith

by Hammer. An Italian translation is available here.

Conspiracy theorists often claim that the 9/11 hijackers were not skilled enough to fly airliners towards their intended targets. We have already shown that the vast majority of airline pilots have a completely opposite opinion. To delve further into this matter, we have asked professional pilot Patrick Smith for his point of view.

Patrick Smith is an airline pilot with more than twenty years of experience. He currently flies Boeing 757s and 767s. He is the host of the well-known Ask The Pilot website and author of the book Cockpit Confidential: Questions, Answers, and Reflections.

As you will read below, Smith shatters this conspiracy myth and shows once again that conspiracism is based on false information spread by incompetent people.

We thank Patrick Smith for his kindness and willingness to share his thoughts.


Undicisettembre: In your opinion, were the hijackers skilled enough to do what they did?

Patrick Smith: I think they were skilled enough to do what they needed to do. Their intentions obviously were very specific and relatively simple, from a flying perspective, and only a certain amount of skill was necessary.

They received primary training on small, light airplanes. Later, at least a few of the hijackers rented time on larger aircraft simulators – a Boeing 727 I believe it was – to get the gist of how a jetliner might handle. Additionally they obtained manuals and instructional videos for the 757 and 767, available from aviation supply shops. But they weren't performing complex maneuvers; they were going to steer an already airborne jetliner, in perfect weather, into the side of a skyscraper. That doesn't take a huge amount of skill and preparation.

Having said that, they certainly needed a bit of luck – with respect to the weather, for instance – and they got it.


Undicisettembre: The most mysterious of the hijackers is Hani Hanjour. Most conspiracy theorists think that the maneuver he did is physically impossible. What are your opinions about this?

Patrick Smith: If you look at the radar tracks, there’s nothing impossible about Hanjour’s maneuvering. Neither was there anything graceful, precise, or impressive about it. Basically he was flailing around at dangerously high speeds, in borderline control of the aircraft, demonstrating himself to be the shitty pilot that by all accounts he was.


Undicisettembre: Many conspiracy theorists also believe that it's impossible to fly such a big airliner 20 feet from the ground as Hani Hanjour did. What are your opinions about this?

Patrick Smith: I don’t understand why it should be impossible. It's perfectly possible to fly at a very high speed close to the ground for at least some amount of time.

There are certain aerodynamic phenomena that would make it difficult to continue along very close to the ground at very high speeds, but for a brief amount of time such flying is easily possible.


Undicisettembre: In your opinion why did Hani Hanjour choose to hit the side of the Pentagon instead of hitting the center of the building from above? This second option looks easier at first sight.

Patrick Smith: Hitting a fixed spot from above is very difficult. We really don’t know if Hanjour intended to hit the side of the building, or if he simply missed his target, but in fact he made it easier by coming in obliquely at a very shallow angle. Had he aimed for the middle, there’s a chance he would have overshot and missed building entirely.


Undicisettembre: What do you think about the wreckage of the airplane found at the Pentagon? Is it too small in your opinion?

Patrick Smith: Conspiracy theorists will argue that airplane crashes leave pieces of recognizable wreckage, such as tails, wings, engines, etc – none of which were found in the damage at the Pentagon. But crash dynamics can vary quite a bit, and high energy impacts often result in total devastation, leaving no large or easily identifiable pieces.

Look at photos of the wreckage of the crash in 1994 of American Eagle flight 4184. This was a turboprop that stalled at high altitude and came down nearly vertically into a field of soft earth. The only recognizable piece was a bit of the tail. American 77 was a Boeing 757 traveling at a much higher speed, and it didn't crash into a field but into façade of masonry and steel. The impact was disintegrative: exactly what you'd expect.

Even still, there were some small, twisted pieces of metal where you could see bits of the American Airlines livery.


Undicisettembre: Can you confirm once and for all that it doesn't take any particular skill to turn off the transponder as the hijackers did? Conspiracy theorists used to say that this required lots of knowledge and training, is it true?

Patrick Smith: Turning off the transponder is as simple as moving a switch from one position to another. All they needed to know is where the transponder was.


Undicisettembre: And is this something the pilot can do by himself or does he need support from air traffic controllers?

Patrick Smith: The pilot can easily do it himself. I've been asked many times, “Why can you turn off the transponder?” There are a number of reasons. In normal operations, you turn the transponder “on” before you begin to taxi and you turn it “off” when you arrive at your destination; the reason it's not left on is that it would cause a clutter of signals at the airport. Also there's a chance that the device can malfunction or send a faulty signal to air traffic control, in which case we are asked to “cycle” the transponder, turning it off and than on again; this happens very frequently. Third, it's important to be able to turn off any piece of the cockpit equipment “off” should it catch fire or be emitting smoke or suffer another kind of potentially unsafe failure.

The hijackers turned off the transponder because they did not want the air traffic control tracking their location, altitude and speed; the air traffic controllers were still able to identify the plane by what we call the “primary target” – the raw return of the radar hitting the side of the airplane – but it's not giving you the details the transponder can give you.


Undicisettembre: Many conspiracy theorists say that it's impossible to nose dive an airplane into the ground as Ziad Jarrah did with Flight 93. What do you think about it?

Patrick Smith: Why not? Of course you can nose dive an airplane. The plane is liable to break apart before actually reaching the ground, as apparently happened to flight 93, but there’s no reason you can’t push the jet into a near-vertical dive first.


Undicisettembre: Those pilots were trained on flight simulators, can you explain us what they are? Some conspiracy theorists seem to believe that they are just software you use on your PC.

Patrick Smith: There are different kinds of flight simulators, but the kinds used for airline training are large, full-motion machines that cost many millions of dollars each.

Some of the hijacker pilots rented time in a Boeing 727 simulator. Their training was very cursory, but for what they intended it didn’t need to be anything in-depth. It gave them a basic sense of how a jetliner would feel at the controls. That’s really all they needed.

People might wonder “How did they get access to these simulators?” Airlines have their own in-house training facilities, with their own simulators, but there are many third-party companies out there that rent simulator time to whomever might need it and can afford to pay. The rules and screening protocols may have tightened up since then, but at the time it was easy for someone to rent an hour or two in a full-motion simulator.


Undicisettembre: Is there anything in general that makes you think that the official version of 9/11 is a hoax and that it was an inside job instead?

Patrick Smith: No. From an airline pilot’s point of view, I don't see anything that makes me doubt the official record of what happened on 9/11. There are certain unanswered questions about the events of that day, but I am satisfied so far as the airplane-related “controversies” go.

Etichette: , , ,

Intervista con il pilota commerciale Patrick Smith

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui.

Una delle obiezioni più comuni mosse dai complottisti è che i dirottatori non fossero sufficientemente preparati per guidare gli aerei e condurli verso gli obiettivi prestabiliti. Abbiamo già mostrato in passato come il parere della stragrande maggioranza dei piloti di linea professionisti sia diametralmente opposto e per approfondire l'argomento abbiamo chiesto anche il parere del pilota professionista Patrick Smith.

Patrick Smith è un pilota di linea con oltre vent'anni di esperienza. Attualmente guida dei Boeing 757 e 767. È anche l'autore del noto sito web Ask The Pilot e del libro Cockpit Confidential: Questions, Answers, and Reflections.

Come potrete leggere di seguito, Smith stronca anche questa leggenda complottista e dimostra come, una volta in più, il complottismo si basa su informazioni false diffuse da chi non ha alcuna competenza.

Ringraziamo Patrick Smith per la cortesia e la disponibilità.


Undicisettembre: Secondo te i dirottatori erano sufficientemente preparati per fare ciò che hanno fatto?

Patrick Smith: Penso che fossero abbastanza preparati per fare ciò che dovevano fare. Le loro intenzioni erano ovviamente molto specifiche e relativamente semplici, dal punto di vista del volo, ed era necessaria solo una certa quantità di preparazione.

Avevano avuto una formazione di base su aerei piccoli e leggeri. In seguito, almeno alcuni dei dirottatori avevano fatto pratica su simulatori di aerei più grandi, credo che fossero dei Boeing 727, per provare la sensazione di come si comporta un aereo di linea. Inoltre si erano procurati manuali e video di istruzioni dei 757 e 767, reperibili nei negozi di materiale per l'aviazione. Ma non fecero manovre complesse; dovevano solo guidare un aereo che era già decollato, in perfette condizioni meteorologiche, e condurlo contro la fiancata di un grattacielo. Questo non richiede grandi livelli di bravura e preparazione.

Detto ciò, certamente ebbero anche bisogno di un po' di fortuna, per esempio per quanto riguarda le condizioni meteo, e la trovarono.


Undicisettembre: Il più misterioso dei dirottatori è Hani Hanjour. La maggior parte dei complottisti pensa che la manovra che fece sia fisicamente impossibile. Cosa ne pensi?

Patrick Smith: Se guardi i tracciati radar, non c'è nulla di impossibile nella manovra di Hanjour. Non c'è neanche nulla di morbido, preciso o sorprendente. Sostanzialmente stava volando in modo scoordinato a velocità pericolosamente elevate, tenendo a malapena l'aereo sotto controllo e dimostrandosi il pilota scadente che era secondo tutte le testimonianze.


Undicisettembre: Molti complottisti credono anche che sia impossibile volare con un aereo di linea così grande a sei metri dal suolo come fece Hanjour. Cosa pensi di questa affermazione?

Patrick Smith: Non capisco per quale motivo dovrebbe essere impossibile. È perfettamente possibile volare ad alta velocità vicino al suolo almeno per un po' di tempo.

Ci sono fenomeni aerodinamici che renderebbero difficile continuare a volare vicino al suolo ad alta velocità, ma per un breve periodo volare in quelle condizioni è facilmente possibile.


Undicisettembre: Secondo te perché Hani Hanjour decise di colpire il lato del Pentagono invece di colpire in centro dall'alto? Questa seconda opzione sembra più facile, a prima vista.

Patrick Smith: Colpire un punto preciso dall'alto è molto difficile. In realtà non sappiamo se Hanjour avesse intenzione di colpire il lato dell'edificio o se semplicemente mancò il proprio obiettivo, ma in effetti gli era più facile arrivare in obliquo con un angolo molto piccolo rispetto al suolo. Se avesse puntato verso il centro, avrebbe potuto arrivare lungo e mancare il palazzo completamente.


Undicisettembre: Cosa pensi dei rottami dell'aereo trovati al Pentagono? Credi che siano troppo piccoli?

Patrick Smith: I complottisti obiettano che gli schianti aerei lasciano pezzi di rottami riconoscibili, come code, ali, motori mentre non si vide nulla di ciò nei danni al Pentagono. Ma le dinamiche di uno schianto possono variare considerevolmente e gli impatti ad alta energia spesso portano alla distruzione totale, senza lasciare grossi rottami o pezzi facilmente riconoscibili.

Guarda le foto dei rottami dello schianto del volo American Eagle 4184 nel 1994. Era un aereo a turboelica che andò in stallo ad alta quota e venne giù quasi verticalmente in un campo di terra morbida. L'unico pezzo riconoscibile era un frammento della coda. Il volo American 77 era un Boeing 757 che viaggiava a velocità molto più alta e non si schiantò in un campo ma contro una facciata di muratura e acciaio. L'impatto fu disintegrante: proprio ciò che c'era da aspettarsi.

Nonostante ciò c'erano comunque pezzi di metallo piccoli e contorti sui quali si poteva scorgere qualche frammento della livrea dell'American Airlines.


Undicisettembre: Puoi confermare una volta per tutte che non serve avere grandi capacità per spegnere il transponder come fecero i dirottatori? I complottisti dicevano in passato che serviva grande competenza e pratica, è vero?

Patrick Smith: Spegnere il transponder è facile quanto spostare un leva da una posizione a un'altra. Dovevano solo sapere dove si trovasse il transponder.


Undicisettembre: Il pilota può farlo da solo o ha bisogno di aiuto dai controllori di volo?

Patrick Smith: Il pilota può farlo facilmente da solo. Mi è stato chiesto molte volte: “Perché puoi spegnere il transponder?” Ci sono varie ragioni. Durante le normali operazioni accendi il transponder prima di muovere l'aereo e lo spegni quando arrivi a destinazione; il motivo per cui non viene lasciato acceso è che causerebbe segnali indesiderati in aeroporto. Inoltre c'è la possibilità che il dispositivo non funzioni correttamente o mandi segnali erronei al controllo del traffico aereo, nel qual caso viene chiesto di fare un “ciclo” del transponder, cioè spegnerlo e riaccenderlo; succede molto spesso. Terzo, è importante poter spegnere qualunque pezzo della strumentazione di bordo se dovesse prendere fuoco o fare fumo o subire qualunque tipo di guasto potenzialmente pericoloso.

I dirottatori spensero il transponder perché non volevano che i controllori di volo tracciassero la loro posizione, altitudine e velocità; i controllori di volo potevano ancora identificare l'aereo con quello che noi chiamiamo “radar primario”, il ritorno grezzo del radar che colpisce il lato dell'aereo, che però non ti dà i dettagli che il transponder può dare.


Undicisettembre: Molti complottisti sostengono che sia impossibile schiantare al suolo un aereo di linea verticalmente come fece Ziad Jarrah con il Volo 93. Cosa pensi di questa asserzione?

Patrick Smith: Perché no? Certo che si può schiantare verticalmente un aereo di linea. L'aereo potrebbe iniziare a distruggersi prima di arrivare al suolo, come sembra sia successo al volo 93, ma non c'è motivo per cui non si possa anzitutto portare l'aereo in picchiata quasi verticale.


Undicisettembre: I piloti dirottatori si esercitarono sui simulatori di volo. Puoi spiegarci cosa sono? Alcuni complottisti sembrano credere che siano solo software che si installano sul PC di casa.

Patrick Smith: Ci sono vari tipi di simulatori, ma quelli usati per l'addestramento dei piloti di linea sono grandi macchinari “full motion” che costano svariati milioni di dollari l'uno.

Alcuni dei piloti dirottatori affittarono un simulatore di un Boeing 727 per un po' di tempo. Il loro addestramento fu molto sbrigativo, ma per le intenzioni che avevano non serviva un addestramento dettagliato. Diede loro la sensazione generale di come sia pilotare un aereo di linea. Era tutto ciò di cui avevano bisogno.

La gente potrebbe domandarsi “Come ebbero accesso a questi simulatori?” Le compagnie aeree hanno le proprie strutture per l'addestramento, con simulatori propri, ma ci sono anche società terze che affittano i simulatori a tempo a chiunque possa permetterselo. Le regole e i protocolli di selezione possono essere diventati più rigidi da allora, ma all'epoca era piuttosto semplice noleggiare un simulatore “full motion” per un'oretta o due.


Undicisettembre: In generale, c'è qualcosa che ti fa pensare che la versione ufficiale sull'11/9 sia una bufala e che in realtà fu un autoattentato?

Patrick Smith: No. Dal punto di vista di un pilota di linea, non c'è nulla che mi faccia dubitare della ricostruzione ufficiale di ciò che accadde l'11/9. Ci sono sicuramente domande senza risposta sugli eventi di quel giorno, ma non ho dubbi sulle “controversie” legate agli aerei.

Etichette: , ,

2014/10/27    Permalink       0 commenti         Avvertenze per i commentatori

Il volo Delta 1989

di Hammer

Tra i casi di “falso allarme” che si sono verificati l'11 settembre 2001, quello relativo al volo Delta 1989 è sicuramente il più noto e ne parla anche il 9/11 Commission Report.

La mattina dell'11/9 tre Boeing 767 decollarono dall'aeroporto Logan di Boston con destinazione Los Angeles; due di questi, i voli American Airlines 11 e United Airlines 175, si schiantarono contro le Torri Gemelle del World Trade Center tra le 8:46 e le 9:03. Alle 9:19 il centro di controllo di Boston informò l'FAA che un terzo velivolo, il volo Delta 1989, corrispondeva alla descrizione dei primi due e che poteva quindi essere anch'esso stato dirottato. Il centro di comando del NEADS di Cleveland, nel cui spazio aereo il volo si era nel frattempo spostato, e la FAA iniziarono a tenere sotto controllo il volo 1989 e la stessa FAA ordinò al centro di controllo di Cleveland di chiedere al volo Delta 1989 di aumentare la sicurezza nella cabina di pilotaggio. Anche il centro di controllo di Boston tentò di contattare il volo Delta 1989, ma non ottenne risposta in quanto l'equipaggio era in contatto con Cleveland, ma questo semplice errore da parte dei controllori di Boston bastò ad aumentare l'allarme.

Poco dopo, alle 9:28, uno dei controllori di volo di Cleveland credette di aver sentito due frasi molto allarmanti provenire dal volo Delta: “Get out of here” e “We have a bomb on board”. In realtà queste comunicazioni provenivano dal volo United 93, che si sarebbe poi schiantato a Shanksville e che in quel momento si trovava a sole 25 miglia dal volo Delta. Nel dubbio il NEADS ordinò di far decollare dei caccia dall'Ohio e dal Michigan per intercettarlo. A seguito di un nuovo contatto da parte dei controllori di Cleveland, il pilota confermò che non c'era alcuna attività sospetta sull'aereo e chiese di poter atterrare proprio nell'aeroporto di Cleveland. Stando a quanto riportato da USA Today, la richiesta del pilota generò nuovi allarmi e sorpresa tra i controllori, che non capivano per quale motivo il pilota chiedesse di atterrare prima che fosse diffuso l'ordine dell'FAA di liberare lo spazio aereo. Fu poi chiarito che anche la Delta Airlines ebbe gli stessi dubbi riguardo alla possibilità che il proprio volo fosse dirottato e chiese quindi al pilota di cercare di atterrare nell'aeroporto più vicino.

Importanti dettagli sul volo e sull'atterraggio del Boeing 767 si possono leggere sul sito 50 Shades of Grey Watson, che pubblica un'email inviata da un amico del gestore del sito, che si trovava proprio sul volo Delta 1989. L'autore dell'email aggiunge infatti che il capitano aveva comunicato attività preoccupanti tra i passeggeri in quanto una persona stava parlando al cellulare in quella che sembrava una comunicazione urgente e rifiutava di interromperla nonostante i ripetuti richiami dell'equipaggio.

Il volo atterrò a Cleveland su ordine dell'FAA e fu subito fatto spostare in una zona isolata dell'aeroporto. Dopo un'attesa di oltre due ore, durante la quale ai passeggeri fu concesso di effettuare solo brevi telefonate per un periodo di tempo limitato, un gruppo di agenti dell'FBI con cani antibomba salì sull'aereo e dopo una lunga ispezione ai passeggeri fu consentito di scendere. Gli effetti personali dei passeggeri furono controllati in dettaglio mentre i passeggeri stessi venivano interrogati per oltre tre ore all'interno dell'aeroporto.

Al termine di tutte le verifiche si capì che si era trattato soltanto di un colossale errore e che non vi era mai stata alcuna attività sospetta sul volo Delta 1989.

Ovviamente questa vicenda ha da sempre stimolato la fantasia dei complottisti, che lo hanno immaginato parte dell'immenso complotto. Secondo il video Loose Change, per esempio, il volo Delta 1989 fu sostituito a United 93 e servì a far scendere i conniventi passeggeri di quest'ultimo e a farlo così sparire dai tracciati.

Inutile sottolineare che secondo queste assurde e infondate teorie i parenti delle vittime di United 93 che negli anni hanno raccontato la propria storia sarebbero prezzolati disinformatori, ed è anche inutile rimarcare che gli scenari immaginati dai complottisti, secondo cui i voli che generano sospetto possono essere abbattuti in pochi minuti, sono solo frutto di menti troppo fantasiose.

Etichette: ,

Articoli Precedenti