2016/06/13

World Trade Center: an interview with Coast Guard Officer Brandon Brewer

by Hammer. An Italian translation is available here.

The first rescuers on 9/11 weren’t only firefighters and police officers. Other agencies, too, contributed to saving countless lives. A special mention goes to the US Coast Guard, which handled one of the greatest evacuations over water in history, ferrying to safety hundreds of thousands of people trapped on the southern tip of Manhattan.

To learn more about this action, Undicisettembre has interviewed Coast Guard Officer Brandon Brewer. His words bring out the courage and dedication of the men and women who carried out this massive rescue operation.

We would like to thank Brandon Brewer for his kindness and willingness to share his experience.


Undicisettembre: Can you give us an account of what you saw and experienced on that day? What happened to you on 9/11?

Brandon Brewer: On that day I was in the Coast Guard, I was a Chief Petty Officer, I was stationed in the Battery area of Manhattan, which is at the southern tip of Manhattan, about six or seven blocks from the World Trade Center complex. I was at work that day, I was on duty; at one point when I was returning to the building from a short break a coworker from down the hallway came running into the building yelling “The World Trade Center has been hit! The World Trade Center has been hit! A plane hit the Trade Center!” I didn’t know what he was talking about so I went into my office, turned on the news but in that moment there was very little information. I had a few people working for me and we were glued to the TV, we were watching what was happening, especially because we were so close. After a few minutes we decided that we didn’t have to watch TV, we could have seen the buildings from our building. Our building was situated at the edge of Battery Park, it was a Coast Guard building so it was obviously on the water and it’s a small building only three stories high.

We went to the roof and since we had a park in front of us, we had an unobstructed view of both towers. We were up there talking among ourselves, we were three people up there, and we were discussing what might have happened. There was smoke coming from the North Tower, there was a rain of paper, files and whatever else got blown out of the building. We had been up there for a few minutes when the second plane flew over us, it came from south of us, flew over the New York harbor and right over Battery Park and we saw it hit the South Tower. We didn’t really know what was happening. It was clearly a passenger jet – it was so close we could read the writing on the side of it – but my first thought was “This must be a reconnaissance plane of some kind.” It was the only thing that made sense in my mind. Of course after it hit that idea quickly changed.

There were about fifty people in that Coast Guard building, some uniformed Coast Guard members and some Coast Guard civilians, we started gathering in a large conference room and the senior officer in the building went over safety and security plans we needed to enact to keep ourselves safe and keep the building safe because it was a military installation. While we were doing this, the first tower came down and a lot of people who were evacuating from Ground Zero came to the Battery Park area because right beside our building was the Staten Island ferry terminal. So there were a lot of people gathering down there but they were not going anywhere because the ferries were taken out of service as some kind of safety precaution. When the first tower came down we were downwind, so all the smoke, debris and dust completely covered our building. At this point people started to panic and there were more people coming to our part of the city and getting stopped at the ferry terminal or at the sea wall at Battery Park. They were trying to get as far from the World Trade Center as possible but Manhattan is an island, so there is only so far you can go.

Our visibility outside the windows was a few feet at one point, just because of the dust and debris in the air. People were starting to take care of each other; people were giving each other water. Police and other first responders were starting to get to the Battery Park area to help people and to rendezvous with other first responders. After the second tower came down is when the waterborne evacuation of Manhattan started taking place and it was in the Battery Park area primarily. We had that evacuation happening all around us. Some of the Coast Guard people started helping out, so the main thing that we could do was giving water or anything like that to those who needed it and helping people getting where they needed to go because we knew the neighborhood. We helped people get to the right boats they needed to go to be taken to safety.


Buildings in Manhattan were closing, but our building remained open and we had a pier, so other first responders of different agencies started dropping off supplies at our pier and told us “Take these supplies up to Ground Zero, take it to the first responders that are there.” Everything from food to water to ice to personal protective equipment started getting dropped off at our building, just because of the convenience of the location and because we could take government vehicles and transport those supplies a few blocks up, and we did that for a couple of hours. There were a handful of us who stayed there at the Coast Guard building. That afternoon, that evening and that night, our biggest contribution was taking supplies from our building up to Ground Zero. We also had first responders come to our building for a place to clean up, a place to rest, a place to get something to eat; so we started housing as many first responders as we could and at some time every flat surface in our conference room had somebody sleeping on it, whether it was police or firefighters or anyone else.


Undicisettembre: One thing I did not get is whether you guys received orders to intervene or if you did it just because you were willing to.

Brandon Brewer: Mostly because we were willing to do it. Let me explain it a little bit more in the details. The majority of the Coast Guard in New York is not in Manhattan, most of them are in Staten Island and Bayonne, New Jersey. So our building and the about fifty people that were there were the only Coast Guard personnel permanently in Manhattan. Of course more Coast Guard people were coming, but the main focus of the Coast Guard on that day – operationally and officially – was port security and safety of life during the evacuation and the role the Coast Guard played in the evacuation, which started happening organically with the mariners in the harbor; but then the Coast Guard called for more help. I don’t know if you have seen the video Boat Lift, it’s about ten minutes long and it’s available on YouTube, I helped the producers with the Coast Guard angle of the story. It’s amazing and in ten minutes it tells you anything you need to know about the waterborne evacuation. Those were the Coast Guard’s biggest priorities and then bringing in more forces to do the port security mission.

Undicisettembre: What happened in the next days?

Brandon Brewer: We were doing our official work in the next days, but in my office, we had more people coming. For the first couple of days we kept the Manhattan building open because of what happened on 9/11. More first responders were showing up at our building and our pier because everything was closed down in Lower Manhattan. We did our normal work but also helped other people among the first responders, whatever they needed: water, food, rest. Other agencies started doing the same, some Port Authority police commandeered a kiosk in Battery Park that had a kitchen and they started cooking food for first responders. A lot of personal protective equipment supplies started getting staged there, so if people showed up and they were headed to Ground Zero and needed PPE we took them to that area.


Moreover, people didn’t know how to get to Ground Zero because many ways were blocked – but since we knew what was going on we could also help them logistically. We did that, but we also did our normal Coast Guard work; I was the public information officer for New York City, so a lot of what my staff and I did in the next days was to make sure people knew what was happening with the port security and port safety. The Coast Guard shut down the port of New York and New Jersey to all commercial and recreational traffic and that’s a pretty big deal. Coast Guard forces in New York grew exponentially between September 11th and September 12th, we had cutters coming from all over the East Coast providing for security and dozens and dozens of small boat crews doing patrols. A lot of what we had to do was to tell people what the rules were for the port and make sure they heard them and understood them – that they knew what the boundaries were, where they could and could not go. Also tell people why we were doing what we were doing, talk about our security mission, talk about safety mission. In addition, there were some Coast Guard people doing non-traditional work, like working at Ground Zero doing air monitoring.

We did a little bit of everything and it was very busy.


Undicisettembre: How long did it take to get back to normalcy?

Brandon Brewer: We had a new normalcy and that’s what happened in New York. I was stationed there until summer 2002 and during that time I worked on something 9/11 related every single day. Things were different and even 9 months later the Coast Guard mission in the port of New York and recovery was still happening. Port operations eventually went back to normal, but there were many Coast Guard security and safety patrols happening, it was an ongoing mission, and there was a lot of Coast Guard forces in the city, just like other agencies brought in more people.

So it really was a new normalcy for us. The only time when my life got back to something normal, like it was on September 10th, was when I moved. In summer 2002 I got transferred from New York to Washington DC.


Undicisettembre: You have been part of the greatest rescue effort of the history of mankind. How does it feel and what are your thoughts about it?

Brandon Brewer: It’s amazing. I am really proud of what the Coast Guard did and I’m really proud of what the commercial mariners did and all of what the people in the port of New York and New Jersey did. They didn’t all have to do what they were doing and they didn’t know what was going on when they did it. They just came and rescued people, they took them to safety and went back and picked up more people. It was amazing to see that happen and even more amazing in the days after when we started finding out how many people were rescued. We had no way of knowing at first – we knew it was a lot, we could see a lot of people evacuating right in front of our eyes but we found out in the days after 9/11 that it was hundred of thousands of people. Some estimates say it was about half a million people, which makes it the biggest evacuation in the history of the world – bigger than Dunkirk! But Dunkirk was done in a matter of days, while 9/11 was a matter of hours. And it wasn’t a whole day thing – by the afternoon of 9/11 Lower Manhattan was empty, there were no people, no cars, no boat traffic, everyone had been evacuated and the only people in Lower Manhattan were first responders who were at and around Ground Zero.

It was a little surreal to be in that area that is so busy during a normal workday but was on that day empty. It was a ghost town. I’m happy I did the very small part that I played in it being in the Coast Guard. There are many people who did so much more. In my opinion every first responder was a hero: whether a firefighter, a police officer, a tugboat captain and crew that helped evacuate people. They are all heroes to me. It was amazing to see it happen but I didn’t think about it until a long time after, because of how busy I was in those months after 9/11.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

Brandon Brewer: The memories of that day are there. I don’t know if it affects my everyday life, but it definitely changed my perspective about prioritizing what’s important in life. So it’s there, I don’t talk about it a lot. Especially 15 years later. Some people don’t remember 9/11. Somebody who is 20 years old now was 5 years old when this happened. So it’s there, it’s in the back of my mind, I see a lot of things that remind me of those times and it changed the lives of those who were in the Coast Guard and for the rest of my time in the Coast Guard it was a different organization.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories that claim that 9/11 was an inside job?

Brandon Brewer: I have worked in emergency management and disaster response for 25 years. One of the big things I learned from that experience is that during time of crisis people get upset, that’s human nature. Upset people tend to think negative thoughts. People who are affected by any kind of crisis want to fix this as quickly as possible and they want to know why and how the crisis happened. Those are not easy questions to answer quickly. Typically the bigger the crisis the more time it takes to figure out how and why in great detail. In the absence of these answers people who are thinking negatively start to form ideas on what happened or start to agree with ideas of other people. Those ideas sometimes have nothing to do with the truth. And sometimes people form ideas to support an agenda that they have. That’s just another part of human nature.


Those ideas quickly turn into beliefs, and beliefs are harder to counter than ideas because they are more cemented in people’s minds and it can be very tough to counter, even when you do have answers. I had to do rumor control at other crisis events and it’s very frustrating to tell people the truth about a fact and hear them deny it, because it conflicts with their beliefs or agenda and, unfortunately, fighting these rumors for any situation is a tough battle and people who know the truth don’t always win.

The ultimate truth I know about 9/11 are the things I saw and experienced being in the city and in the Coast Guard. On that day and in days and months after I received a lot of information from people I met from different agencies that were part of the first recovery effort. I think a lot of conspiracy theories come from this process of not having information quickly enough – people start to believe their own ideas or the ideas of other people.

I watched the plane fly over and I know 9/11 was done by terrorists, not by our government.


Undicisettembre: Have you been to the 9/11 Memorial Museum?

Brandon Brewer: I have. I was there about one and a half years ago, on Veterans Day, 11th of November 2014. I was part of a group of about ten veterans who worked on a Multimedia Project that detailed our 9/11 experiences and there was a temporary display of our project at the museum. My part of the project was based on photographs that I took on 9/11 and the days after. Like I said, I was the public information officer, so one of the jobs that my staff did was taking photographs and one of the opportunities I had was to take media members on Coast Guard helicopters as a media escort to look at all the damage from the air and when I was up there I took a camera with me and I also took pictures.

So with my project you can fly around the area and see my photographs compared to what New York City looks like now on Google Earth, compared to what it looked like on 9/11 and the days after.

There were a couple of kiosks in the basement of the museum, next to the big wall, where people could come and watch the shows.


Undicisettembre: What consequences did 9/11 have on the Coast Guard and its way of working?

Brandon Brewer: It didn’t change the missions of the Coast Guard, but it changed the emphasis of the missions. Before 9/11, port security was one of the smaller percentages of Coast Guard operational work, while after 9/11 it became one of the biggest jobs. What the Coast Guard did before 9/11 it also did after 9/11 but to a much greater degree. It was a very big change. Some regulation for commercial or recreational ships changed because of 9/11, since the Coast Guard’s job is to enforce those regulations that became a new or different job for the service.

Those were the major changes.

World Trade Center: intervista all'Ufficiale della Guardia Costiera Brandon Brewer

di Hammer. L’originale inglese è disponibile qui.

Tra i primi soccorritori dell’11/9 non ci furono solo pompieri e poliziotti, ma anche altre agenzie diedero il loro contributo a salvare innumerevoli vite. Tra queste merita una menzione particolare la Guardia Costiera, che quel giorno condusse una delle più grandi evacuazioni su acqua della storia, portando così in salvo centinaia di migliaia di persone intrappolate nella punta meridionale di Manhattan.

Per conoscere meglio i dettagli dell’intervento della Guardia Costiera, Undicisettembre ha raccolto la testimonianza dell’Ufficiale Brandon Brewer, dal cui racconto emergono il coraggio e la dedizione degli uomini che si resero protagonisti di questo colossale salvataggio.

Ringraziamo Brandon Brewer per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Puoi farci un racconto generale di ciò che vedesti e vivesti quel giorno? Cosa ti accadde l’11/9?

Brandon Brewer: Quel giorno ero nella Guardia Costiera, ero un Primo Sottufficiale, la mia sede era nella zona di Battery Park a Manhattan, che è sulla punta meridionale di Manhattan, a circa sei o sette isolati dal World Trade Center. Quel giorno ero al lavoro, ero in servizio; a un certo punto, mentre stavo ritornando nel palazzo da una breve pausa, un collega dal fondo dell’atrio entrò correndo nell’edificio urlando “Il World Trade Center è stato colpito! Il World Trade Center è stato colpito! Un aereo ha colpito il Trade Center!” Non sapevo di cosa stesse parlando e quindi tornai nel mio ufficio, accesi la televisione per vedere le notizie ma in quel momento c’era poca informazione. Avevo alcune persone che lavoravano per me ed eravamo incollati alla televisione, stavamo guardando ciò che succedeva, specialmente perché eravamo così vicini. Dopo alcuni minuti decidemmo che non avevamo bisogno di guardare in TV, avremmo potuto vedere gli edifici dal nostro palazzo. Il nostro palazzo era posizionato al bordo di Battery Park, era un palazzo della Guardia Costiera e quindi ovviamente era sull’acqua ed era un piccolo palazzo di soli tre piani.

Salimmo sul tetto e siccome c’era un parco davanti a noi, avevamo una visione senza ostacoli di entrambe le torri. Eravamo lì a parlare tra di noi, eravamo in tre, e stavamo discutendo di cosa potesse essere successo. C’era fumo che veniva dalla Torre Nord, c’era una pioggia di carta, cartellette d’archivio e qualunque altra cosa fosse stata scagliata fuori dal palazzo. Eravamo lì da pochi minuti quando il secondo aereo volò sopra di noi, arrivò da sud, sorvolò il porto di New York passando proprio sopra Battery Park e lo vedemmo colpire la Torre Sud. Non sapevamo bene cosa stesse succedendo. Era chiaramente un aereo passeggeri, era così vicino che potevamo leggere le scritte sulle fiancate, ma il mio primo pensiero fu “Questo dev’essere un aereo da ricognizione di qualche tipo.” Era l’unica cosa che aveva senso per me. Ovviamente dopo che colpì quell’idea cambiò velocemente.

C’erano circa cinquanta persone in quel palazzo della Guardia Costiera, alcuni membri della Guardia Costiera in uniforme e alcuni civili della Guardia Costiera; cominciammo a riunirci in una grande sala conferenze e l’ufficiale superiore del palazzo ripassò i piani di sicurezza che avremmo dovuto mettere in atto per metterci al sicuro e per tenere il palazzo al sicuro, perché era un’installazione militare. Mentre lo stavamo facendo, la prima torre crollò e molte persone che stavano abbandonando Ground Zero giunsero a Battery Park perché proprio accanto al nostro palazzo c’era il terminal del battello per Staten Island. Quindi c’erano molte persone che si raccoglievano lì ma non andavano da nessuna parte, perché i battelli erano stati sospesi per una sorta di precauzione. Quando la prima torre crollò eravamo sottovento e quindi tutto il fumo, i detriti e la polvere ricoprirono completamente il nostro palazzo. A questo punto le persone iniziarono ad farsi prendere dal panico e c’erano altre persone che venivano nella nostra zona della città e venivano fermate al terminal dei battelli o alla barriera di Battery Park. Cercavano di arrivare il più lontano possibile dal World Trade Center, ma Manhattan è un’isola e quindi ci si può allontanare soltanto fino a un certo punto.

La nostra visibilità fuori dalle finestre era di qualche metro a un certo punto, proprio per via della polvere e dei detriti nell’aria. Le persone cominciavano ad aiutarsi a vicenda; si passavano l’acqua. La polizia e altri primi soccorritori cominciavano ad arrivare a Battery Park per aiutare le persone e per incontrarsi con altri primi soccorritori. Dopo il crollo della seconda torre iniziò l’evacuazione via acqua di Manhattan e questa avvenne principalmente dall’area di Battery Park. L’evacuazione procedeva tutto attorno a noi. Alcune persone della Guardia Costiera cominciarono ad aiutare; la prima cosa che potevamo fare era fornire acqua o altro a chi ne aveva bisogno ed aiutare le persone ad arrivare dove dovevano andare, perché conoscevamo bene la zona. Aiutavamo le persone a salire sulle imbarcazioni giuste per essere portate in salvo.


I palazzi a Manhattan stavano chiudendo, ma il nostro rimase aperto e avevamo un molo, quindi altri primi soccorritori di diverse agenzie iniziarono a lasciare rifornimenti sul nostro molo e ci dissero “Portate questi rifornimenti a Ground Zero, portateli ai primi soccorritori che sono lì.” Ogni cosa, dal cibo all’acqua al ghiaccio a dispositivi di protezione personale, cominciò a essere consegnato al nostro palazzo, semplicemente per via della convenienza del luogo e perché avremmo potuto usare veicoli governativi e trasportare quei rifornimenti a pochi isolati di distanza, e facemmo questo per un paio d’ore. Alcuni di noi rimasero nel palazzo della Guardia Costiera. Quel pomeriggio, quella sera e quella notte il nostro contributo più grande  fu portare rifornimenti dal nostro palazzo a Ground Zero. C’erano anche primi soccorritori che venivano nel nostro edificio per avere un posto per ripulirsi, un posto per riposarsi, un posto per prendere qualcosa da mangiare; così cominciammo a ospitare tutti i primi soccorritori che potevamo, e a un certo punto ogni superficie piana nella nostra sala conferenze aveva qualcuno che ci dormiva sopra, che fosse un poliziotto o un pompiere o chiunque altro.


Undicisettembre: Una cosa che non ho capito è se siete intervenuti perché avete ricevuto ordini di farlo o soltanto perché volevate farlo.

Brandon Brewer: Principalmente perché lo volevamo. Lasciami spiegare in maggiore dettaglio. La maggior parte della Guardia Costiera a New York non è a Manhattan; è a Staten Island e a Bayonne, nel New Jersey. Quindi il nostro palazzo e la cinquantina di persone che erano lì erano le uniche persone della Guardia Costiera che stavano permanentemente a Manhattan. Ovviamente altre persone della Guardia Costiera stavano arrivando, ma l’obiettivo principale della Guardia Costiera quel giorno, operativamente e ufficialmente, era la sicurezza del porto e la sicurezza delle vite durante l’evacuazione, e il ruolo che la Guardia Costiera ebbe durante l’evacuazione, che cominciò in modo organico con i marinai nel porto; ma a quel punto la Guardia Costiera chiamò per avere più aiuto. Non so se hai visto il video Boat Lift; dura circa dieci minuti ed è disponibile su YouTube; ho aiutato i suoi produttori con il punto di vista della Guardia Costiera. È bellissimo e in dieci minuti spiega tutto ciò che devi sapere sull’evacuazione su acqua. Quelle furono le principali priorità della Guardia Costiera, portando poi più forze per svolgere la missione di sicurezza.


Undicisettembre: Cosa successe nei giorni seguenti?

Brandon Brewer: Nei giorni seguenti facevamo il nostro lavoro ufficiale, ma nel mio ufficio arrivavano altre persone. Per i primi due giorni circa lasciammo aperto il palazzo di Manhattan per via di ciò che era successo l’11/9. Altri primi soccorritori stavano arrivando al nostro palazzo e al nostro molo perché tutto era chiuso a Lower Manhattan. Facevamo il nostro lavoro normale ma aiutavamo anche gli altri primi soccorritori, di qualunque cosa avessero bisogno: acqua, cibo, riposo. Le altre agenzie iniziarono a fare lo stesso, alcuni membri della Polizia della Port Authority presero il controllo di un chiosco a Battery Park che aveva una cucina e iniziarono a cucinare del cibo per i primi soccorritori. Molti dispositivi di protezione personale iniziarono a essere raccolti lì, quindi se qualcuno arrivava da noi diretto verso Ground Zero e aveva bisogno di materiale protettivo lo portavamo verso quell’area.


Inoltre le persone non sapevano come arrivare a Ground Zero perché molte vie erano bloccate, ma siccome noi sapevamo cosa stava succedendo potevamo anche aiutarle logisticamente. Facevamo questo, ma facevamo anche il nostro lavoro normale della Guardia Costiera; io ero il responsabile delle relazioni pubbliche per New York, quindi molto di ciò che il mio staff e io facemmo nei giorni successivi era assicurarci che le persone sapessero cosa stava succedendo a riguardo della sicurezza del porto. La Guardia Costiera chiuse il porto di New York e New Jersey a tutto il traffico commerciale e di diporto e fu una scelta molto importante. Le forze della Guardia Costiera a New York crebbero esponenzialmente tra l’11/9 il 12/9, avevamo cutter provenienti da tutta la costa orientale che garantivano la sicurezza e dozzine e dozzine di equipaggi di piccole imbarcazioni che facevano pattugliamento. Molto di ciò che dovevamo fare era dire alle persone quali erano le regole per il porto e assicurarci che le sentissero e che le capissero, che sapessero quali erano i limiti, dove potevano e non potevano andare. Anche dire alle persone perché stavamo facendo quello che facevamo e parlare della nostra missione di sicurezza. Inoltre c’erano persone della Guardia Costiera che facevano lavoro non tradizionale, come lavorare a Ground Zero a monitorare la qualità dell’aria.

Facemmo un po’ di tutto e fu molto impegnativo.


Undicisettembre: Quanto tempo ci volle per tornare alla normalità?

Brandon Brewer: Avevamo una nuova normalità, ed era ciò che stava succedendo a New York. Io rimasi lì fino all’estate del 2002 e in quel periodo lavorai ogni giorno a qualcosa relativo all’11/9. Le cose erano cambiate e anche 9 mesi dopo la missione di recupero nel porto di New York da parte della Guardia Costiera era ancora in corso. Alla fine le attività portuali tornarono alla normalità ma c’erano ancora molti pattugliamenti di sicurezza da parte della Guardia Costiera, era una missione continua, e c’erano molte forze della Guardia Costiera in città, come avevano fatto anche altre agenzie che portarono più persone.

Quindi era una nuova normalità per noi. L’unico momento in cui la mia vita tornò a qualcosa di normale, come lo era il 10 settembre, fu quando fui trasferito. Nell’estate del 2002 fui trasferito da New York a Washington DC.


Undicisettembre: Hai fatto parte della più grande operazione di recupero e soccorso della storia dell’umanità. Come ti senti a tal riguardo e cosa ne pensi?

Brandon Brewer: È meraviglioso. Sono veramente orgoglioso di ciò che hanno fatto la Guardia Costiera, i marinai commerciali e tutte le persone nel porto di New York e New Jersey. Non erano tenuti a farlo e non sapevano cosa stava avvenendo mentre lo facevano. Semplicemente arrivarono e salvarono le persone, le portarono in salvo e poi tornarono indietro e presero altre persone. Fu meraviglioso vederlo accadere e ancor più meraviglioso nei giorni seguenti, quando iniziammo a capire quante persone erano state salvate. Non avevamo modo di saperlo all’inizio, sapevamo che erano molte, vedevamo molte persone che venivano evacuate proprio davanti ai nostri occhi, ma abbiamo scoperto nei giorni successivi all’11/9 che erano centinaia di migliaia. Alcune stime dicono che erano mezzo milione, il che la renderebbe la più grande evacuazione della storia del mondo, più grande anche di Dunkerque! Ma Dunkerque fu gestita nel giro di alcuni giorni, mentre l’11/9 fu risolto nel giro di alcune ore. E non durò l’intera giornata: entro il pomeriggio dell’11/9 Lower Manhattan era vuota, non c’erano persone, non c’erano automobili, non c’era traffico marittimo, tutti erano stati evacuati e le uniche persone a Lower Manhattan erano i primi soccorritori che erano vicino o presso Ground Zero.

Fu un po’ surreale essere in quella zona, che di solito è così trafficata in un normale giorno lavorativo ma quel giorno era vuota. Era una città fantasma. Sono felice di aver svolto la mia piccola parte per il fatto di essere nella Guardia Costiera. Ci sono molte persone che hanno fatto molto di più. Io credo che ogni primo soccorritore sia stato un eroe: sia i pompieri, sia la polizia, sia i capitani dei rimorchiatori che gli equipaggi che hanno aiutato a evacuare le persone. Per me sono tutti eroi. Fu meraviglioso vederlo succedere, ma ci pensai solo molto tempo dopo per via di quanto ero occupato in quei mesi dopo l’11/9.


Undicisettembre: L’11/9 come condiziona la tua vita quotidiana?

Brandon Brewer: I ricordi di quel giorno sono ancora lì. Non so se condiziona la mia vita quotidiana, ma sicuramente ha cambiato la mia visione delle priorità di ciò che è importante nella vita. Quindi è lì, non ne parlo molto. Specialmente 15 anni dopo. Alcune persone non ricordano l’11/9. Chi oggi ha vent’anni ne aveva cinque quando è successo. Quindi è lì, in sottofondo nei miei pensieri, e vedo molte cose che mi ricordano quei tempi; ha cambiato le vite di quelli che erano nella Guardia Costiera e per il resto del tempo che ho vi passato, la Guardia Costiera è stata un’organizzazione differente.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie del complotto secondo le quali l’11/9 fu un autoattentato?

Brandon Brewer: Lavoro nella gestione delle emergenze e nella risposta ai disastri da venticinque anni. Una delle cose più importanti che ho imparato da questa esperienza è che nei momenti di crisi la gente si agita, è la natura umana. Le persone agitate tendono a pensare pensieri negativi. Le persone che sono colpite da crisi di qualunque tipo vogliono risolvere la situazione il più velocemente possibile e vogliono sapere perché e come la crisi si è verificata. Queste non sono domande facili a cui dare risposta velocemente. Di solito più è grande la crisi, più tempo occorre per capire il come e il perché nei dettagli. In assenza di queste risposte le persone che pensano in modo negativo iniziano a formarsi delle idee su cosa è successo o a credere alle idee di altre persone. Queste idee a volte non hanno nulla a che fare con la verità. E a volte le persone si formano delle idee per sostenere i propri obiettivi. Anche questo è semplicemente un altro aspetto della natura umana.


Queste idee si trasformano velocemente in credenze, e le credenze sono più difficili da contrastare delle idee perché sono più radicate nella mente delle persone e possono essere molto difficili da contrastare, anche quando le risposte ci sono. Ho dovuto fare rumor control [gestione delle voci incontrollate, n.d.t.] in altri casi di crisi ed è molto frustrante dire alle persone la verità su un fatto e sentire che loro la negano, perché confligge con le loro credenze o i loro obiettivi e, purtroppo, contrastare queste dicerie in ogni situazione è una battaglia difficile; le persone che sanno la verità non sempre vincono.

La verità definitiva che io conosco sull’11/9 sono le cose che ho visto e vissuto per il fatto di operare nella città e nella Guardia Costiera. Quel giorno e nei giorni e mesi successivi ho ricevuto molte informazioni dalle persone che ho incontrato di diverse agenzie e che facevano parte del primo sforzo di recupero. Penso che molte teorie di complotto nascano da questo processo di non avere informazioni sufficientemente in fretta: le persone iniziano a credere alle proprie idee o a quelle di altre persone.

Io ho visto l’aereo volare sopra di me e so che l’11/9 è stato commesso da terroristi, non dal nostro governo.


Undicisettembre: Sei stato al 9/11 Memorial Museum?

Brandon Brewer: Sì, ci sono stato. Circa un anno e mezzo fa, per il Veterans Day, l’11 di novembre del 2014. Ero in un gruppo di circa dieci veterani che avevano lavorato a un progetto multimediale che ha raccontato in dettaglio le nostre esperienze dell’11/9 e c’era una mostra temporanea del nostro progetto al museo. La mia parte del progetto era basata sulle foto che scattai l’11/9 e nei giorni successivi. Come ho detto, ero il responsabile delle relazioni pubbliche e quindi uno dei lavori svolti dal mio staff fu fare foto; inoltre una delle opportunità che ebbi fu portare i rappresentanti dei media sugli elicotteri della Guardia Costiera come accompagnatore per guardare i danni dall’alto e quando ero là portai con me una macchina fotografica e anch’io scattai delle foto.

Quindi con il mio progetto puoi volare intorno all’area e vedere le mie foto a confronto con ciò che la città di New York è oggi su Google Earth rispetto a com’era l’11/9 e nei giorni successivi.

C’erano un paio di stand nel piano interrato del museo, vicino al muro, dove la gente poteva venire a vedere le proiezioni.


Undicisettembre: Quali conseguenze ha avuto l’11/9 sulla Guardia Costiera e sul suo modo di lavorare?

Brandon Brewer: Non cambiò le missioni della Guardia Costiera, ma ne cambiò le rispettive importanze. Prima dell’11/9 la sicurezza portuale era una delle più basse percentuali del lavoro operativo della Guardia Costiera, mentre dopo l’11/9 divenne uno dei lavori più importanti. Ciò che la Guardia Costiera faceva prima dell’11/9 lo fece anche dopo l’11/9, ma in misura molto maggiore. Fu un cambiamento molto grande. Alcune regole per le navi commerciali o da diporto cambiarono per via dell’11/9, e siccome il lavoro della Guardia Costiera è far rispettare questi regolamenti, questo divenne un lavoro nuovo o diverso per il servizio.

Questi furono i cambiamenti principali.

2016/05/23

Recensione: Guarding bin Laden: My life in al-Qaeda di Nasser al-Bahri

di Hammer

Nel 2010 il terrorista saudita Nasser al-Bahri, noto anche con il nome di guerra di Abu Jandal assunto come membro di al-Qaeda, pubblicò il volume Dans l’ombre de ben Laden (pubblicato in inglese nel 2013 con il titolo Guarding bin Laden: My life in al-Qaeda; è a questa versione che si riferisce la presente recensione), nel quale racconta la sua esperienza all'interno dell'organizzazione terroristica fondata da Osama bin Laden e offre uno spaccato ricco di dettagli di come la stessa al-Qaeda funzionasse durante la sua militanza.

Il libro inizia narrando brevemente la vita di al-Bahri dalla nascita in Arabia Saudita nel 1972 in una famiglia della classe media di origine yemenita da sempre contraria alla monarchia saudita. Il primo interesse di al-Bahri per il terrorismo jihadista nacque durante l’invasione sovietica dell’Afghanistan e nello stesso periodo iniziò a nutrire un crescente interesse verso Osama bin Laden. Quando poi l’URSS si ritirò dall’Afghanistan, bin Laden tornò in Arabia Saudita e poco dopo la monarchia concesse agli USA l’uso del proprio suolo per condurre l’offensiva contro l’Iraq di Saddam Hussein che aveva invaso il Kuwait. Osama si offrì quindi di unire al-Qaeda, al posto delle truppe USA, all’offensiva contro Saddam, ma il governo saudita non accettò la proposta, considerando che i jihadisti non avrebbero potuto fronteggiare un vero esercito.

Nel 1993 al-Bahri si trasferì in Bosnia, dove si unì per la prima volta alla jihad e rimase alcuni anni. Fu proprio nello stato balcanico che nel 1995 gli venne attribuito il nome di battaglia con cui è universalmente noto. Dopo essere rimasto in Bosnia si spostò in Somalia e poi in Tajikistan per unirsi alla jihad anche in questi luoghi; in seguito si spostò in Afghanistan, dove entrò in contatto con un gruppo di Talebani, grazie ai quali riuscì a conoscere bin Laden. Il fondatore di al-Qaeda lo inviò dapprima in un campo di addestramento nella città di Khost, dove Abu Jandal dovette prendere parte a esercitazioni sulla sorveglianza e su operazioni speciali come uccisioni o rapimenti. Nel gruppo delle reclute al-Bahri si distinse per via del proprio senso critico, pe esempio perché contestava il fatto che per esercitarsi nelle uccisioni dovesse davvero uccidere un compagno anziché simulare. Di ritorno dal campo di addestramento chiese di essere impiegato come guerrigliero in prima linea, ma al contrario Osama lo scelse per arruolarlo tra le proprie guardie personali.

Abu Jandal ebbe così occasione di vivere per anni costantemente con bin Laden e di conoscere alcuni aspetti poco noti della personalità di Osama, come il fatto che fosse un uomo di poche parole e non altezzoso, che mangiava e viveva con i propri miliziani rivelandosi anche molto disponibile ad ascoltarli. Abu Jandal riporta anche alcune abitudini alimentari di Osama, come la sua predilezione per i datteri e le omelette, e anche quelle legate all’abbigliamento, come il fatto che indossasse sempre le tradizionali tuniche afghane e solo di rado le divise mimetiche; inoltre al-Bahri non vide mai Osama a capo scoperto, nemmeno quando giocava a calcio o a pallavolo. Osama era inoltre, secondo al-Bahri, un padre e un marito amorevole che aveva a cuore il benessere della propria famiglia e l’educazione dei figli.

Abu Jandal racconta anche come funzionavano le comunicazioni via radio tra le diverse sedi di al-Qaeda in Afghanistan, come era fatto lo studio personale di Osama, come funzionavano i campi di addestramento e quali fossero gli armamenti di cui al-Qaeda era in possesso. L’autore dedica anche un’ampia sezione alla descrizione di come venivano organizzati i grandi attentati, come quelli contro le ambasciate americane in Africa, e di quale fosse il ruolo di ciascuno dei vertici in queste fasi.

Al-Bahri era tra le guardie di bin Laden da un mese quando il 7 agosto del 1998 furono bombardate le ambasciate americane in Kenya e in Tanzania; Osama si trovava a Kandahar, in una casa vicino a quella del Mullah Omar, durante gli attentati e nei giorni seguenti avrebbe dovuto spostarsi a Khost per un incontro con i vertici di al-Qaeda, ma venne informato da una spia che le forze USA avrebbero bombardato la sede di Khost proprio nel giorno dell’incontro e quindi Osama decise di spostarsi invece a Kabul, sfuggendo così all'attacco.

Durante il periodo di permanenza di al-Bahri con bin Laden il leader di al-Qaeda subì numerosi tentativi di uccisione. Secondo il racconto di al-Bahri, il più significativo si svolse il giorno seguente il quarto matrimonio di Osama, quando questi stava guidando la propria auto all'interno di un convoglio verso Kandahar, mentre la sposa viaggiava su un altro mezzo. Il gruppo era circondato da motociclette di protezione ed era preceduto da un altro autoveicolo guidato dallo stesso al-Bahri. Il convoglio fu attaccato da quattro motociclisti intenzionati a schiantarsi conto il mezzo guidato da bin Laden. Probabilmente gli attentatori avevano su di sé degli esplosivi che sarebbero serviti ad uccidere il terrorista saudita. Le guardie di Osama riuscirono a mettere in fuga i quattro motociclisti evitando così che il leader di al-Qaeda venisse colpito.

Nonostante le apparenze i rapporti tra Osama bin Laden e i Talebani non erano buoni, a cominciare dal fatto che Osama non parlava correntemente il pashtu e Omar non parlava bene l’arabo classico, per cui i due dovevano relazionarsi con l’aiuto di un interprete. Oltre a questo bin Laden riteneva che i Talebani fossero troppo influenzati dal marxismo e dal comunismo e che a breve si sarebbero alleati con la Russia. I rapporti erano talmente tesi che al-Qaeda aveva un piano di evacuazione per spostarsi in Somalia nel caso in cui la situazione fosse precipitata. Le relazioni tra i due leader migliorarono dopo che il 25 agosto del 1999 la residenza del Mullah Omar a Kandahar fu attaccata da un’autobomba: bin Laden corse subito a verificare lo stato di salute di Omar e inviò alcune sue guardie, che si trovavano poco lontano, ad aiutare i feriti.


Al-Bahri (foto sopra) abbandonò al-Qaeda poco prima dell'attentato contro la nave statunitense USS Cole, dopo che bin Laden lo mandò in missione di reclutamento in Yemen ma al suo ritorno non fu soddisfatto dell’operato di al-Bahri. Questi rivela quindi di aver saputo, ma non spiega come, che i perpetratori dell’attacco alla nave da guerra americana sbagliarono obiettivo rispetto alle indicazioni di bin Laden perché il leader di al-Qaeda aveva chiesto di colpire una nave in acque internazionali e non yemenite.

Dopo aver lasciato al-Qaeda al-Bahri scappò proprio in Yemen, dove venne braccato dalla polizia e arrestato nel febbraio del 2001 per poi essere interrogato dall’agenzia di intelligence nazionale.

Quando avvennero gli attentati dell’11/9 al-Bahri aveva già lasciato al-Qaeda da tempo, ma comunque riporta alcune informazioni su quanto avvenuto in precedenza e su quanto poi seppe da altre fonti (che non specifica). Bin Laden già dal 1999 parlava di un evento che avrebbe sconvolto il mondo e quando la data si avvicinò disse che l'evento si sarebbe verificato sul suolo americano nel settembre del 2001 ma non ne conosceva esattamente la data; al-Bahri aggiunge a tal proposito di non sapere perché Osama ignorasse la data precisa. Nell'agosto del 2001 bin Laden alzò il livello di allerta del campo di addestramento di Kandahar e l’11 di settembre si rifugiò in una casa nella medesima città, tenendo però la propria famiglia lontana da sé.

Appena i Talebani vennero a conoscenza degli attentati convocarono Osama per accordarsi su come prepararsi alla ritorsione americana che sarebbe da lì a poco avvenuta e insieme decisero di evacuare i campi di addestramento, sia quelli dei Talebani che quelli di al-Qaeda. Nei primi giorni di ottobre del 2001 Osama spostò la propria famiglia dalla regione di Kandahar a quella di Khost e non volle nessuno dei suoi famigliari durante i suoi spostamenti successivi. Al-Bahri sostiene che un numero così alto di vittime non era nei piani di Osama e di conseguenza la forza della reazione americana superò le sue aspettative.

Al-Bhari dedica poi un capitolo ai dirottatori dell’11/9 che conobbe personalmente in Afghanistan, cioè i quattro della cellula di Amburgo, di cui condusse l’addestramento, al-Midhar e Moussaoui (che poi non trovò posto tra i diciannove che condussero gli attentati). Di tutti loro dice di ricordarli come uomini intelligenti e volenterosi.

Il giorno degli attentati al-Bahri era detenuto in Yemen, dove rimase recluso fino al 2002 per poi uscire e partecipare al programma yemenita di recupero per jihadisti che l’autore critica per la sua superficialità. Al-Bahri chiude il volume con una riflessione personale sul fatto che al momento dell’uscita del libro, nel 2010, non sapeva se Osama fosse ancora vivo o no ma riteneva che probabilmente si nascondesse vicino al confine tra Pakistan e Afghanistan: un solo anno dopo la sua previsione si rivelò notevolmente sbagliata perché Abbottabad si trova piuttosto vicino al confine indiano.

Prima di scrivere il testo in questione al-Bahri rilasciò anche un’interessante intervista al Toronto Star nel 2009. Al-Bahri non potrà però rivelare altri dettagli su al-Qaeda e sul suo fondatore, in quanto è morto in Yemen il 26 dicembre del 2015.

2016/05/03

Le 28 pagine mancanti del Joint Inquiry

di Hammer

Nelle ultime settimane ha ripreso una notevole rilevanza mediatica la richiesta di desecretare le 28 pagine mancanti del Joint Inquiry into Intelligence Community Activities before and after the Terrorist Attacks of September 11, 2001, comunemente noto come Joint Inquiry, che secondo diverse fonti conterrebbero informazioni relative al presunto coinvolgimento saudita nel finanziamento degli attentati dell’11/9.

L'ex senatore e governatore della Florida Bob Graham recentemente è apparso recentemente in varie trasmissioni televisive allo scopo di risollevare l'interesse verso le sezioni mancanti del documento e al contempo aumentare la pressione mediatica verso il Congresso affinché il contenuto di queste venga desecretato. Graham è stato infatti ospite della puntata del celebre programma 60 Minutes della CBS lo scorso 10 aprile e il giorno seguente del programma The Kelly File di Fox News Channel.

Riguardo a questo testo non ancora pubblicato esiste anche un sito Internet denominato 28pages, creato dallo scrittore freelance Brian McGlinchey allo scopo di chiederne la pubblicazione.


Anzitutto occorre ribadire, come già scritto su Undicisettembre fin dal 2014, che anche altre parti del Joint Inquiry sono ancora secretate e quindi il testo non pubblicamente disponibile ammonta a molto più di 28 pagine.

Inoltre, contrariamente a quanto riportato da molti media, tra cui anche Fox News, le pagine mancanti non appartengono al 9/11 Commission Report, ma appunto al Joint Inquiry, che è l'indagine governativa, riassunta in un documento di quasi 900 pagine redatto e pubblicato nel 2002, che aveva lo scopo di evidenziare gli errori di intelligence che hanno consentito ai terroristi di condurre gli attentati; si tratta quindi di un pezzo di un rapporto già edito e non di un documento nuovo, come invece descritto da La Repubblica.

Nel 2003 Bandar bin Sultan, ambasciatore saudita negli stati Uniti, si espresse positivamente sulla possibilità che il testo mancante venisse pubblicato e anzi sembrò unirsi alla pressione di chi voleva che questo venisse desecretato. Disse infatti a tal proposito: “Saudi Arabia has nothing to hide. We can deal with questions in public, but we cannot respond to blank pages” (“L'Arabia Saudita non ha nulla da nascondere. Possiamo affrontare le questioni in pubblico, ma non possiamo rispondere a delle pagine bianche.”)

Ma a seguito delle nuove pressioni mediatiche di Bob Graham l’Arabia Saudita sembra aver cambiato parere: infatti, secondo quanto riportato da numerose testate, la prima delle quali è il New York Times, la monarchia saudita sta minacciando gli USA di sanzioni economiche nel caso in cui passasse un disegno di legge che consentirebbe di citare in giudizio governi esteri per gli attentati dell'11/9 ed altri attacchi terroristici.

2016/04/11

An interview with former FBI agent Mark Rossini

by Hammer. An Italian translation is available here.

Today Undicisettembre offers its readers the story of former FBI agent Mark Rossini, whose report is particularly valuable in understanding what mistakes were made by US intelligence and how the 9/11 attacks could have been prevented.

Rossini has already appeared in several documentaries, such as The Spy Factor, Hubris: Selling The Iraq War and The Agent.

We wish to thank Mark Rossini for his kindness and his helpfulness.


Undicisettembre: Hi, Mark, and thanks for the time you’re giving us. Would you like to introduce yourself first?

Mark Rossini: As you already know my name is Mark Rossini, I became an FBI agent in 1991, and I started working on terrorism matters in May 1997; I started working on al-Qaeda matters after the embassies were bombed in Nairobi and Tanzania in August 1998. After that I went to Nairobi and spent almost three months there as an acting supervisor on the ground, and when I returned from Nairobi I was sent to the CIA's Alec Station, located within the CIA headquarters building in Langley, Virginia. Alec Station was a station dedicated solely to investigating Osama bin Laden and al-Qaeda. I was sent there as the representative of the NY FBI Joint Terrorism Task Force known as the JTTF. This is important to note, that I was assigned from FBI NY not FBI headquarters. This was due to the fact that my squad on the NY JTTF was responsible for the investigation of bin Laden and Al-Qaeda. I had this position from from January 1999 until May 2003. In May 2003 I was one of the founding members of the National Counterterrorism Center, and I did that until September 2005.

I guess you want to talk about what happened on Alec Station and what led to 9/11, right?


Undicisettembre: Yes, let’s talk about that. Could 9/11 have been prevented?

Mark Rossini: The 9/11 attacks did not have to happen. The 9/11 attacks happened because of the willful and purposeful non-passage to the FBI of information by the CIA concerning hijackers that had what we call a "Terror Summit" in Malaysia in January 2000. The CIA purposely did not tell the FBI about that meeting nor did they more importantly tell the FBI that two of the people at the meeting, who turned out to be hijackers, had visas to visit the USA. The CIA and the NSA also knew about the travel plans they had to come to America and still did not tell the FBI. If the FBI had been given this information we would have stopped 9/11. A colleague of mine who was with me at the CIA, Special Agent Doug Miller, wrote a draft Central Intelligence Report, known also as a CIR, which is the only official way information is transferred between the agencies, to tell the FBI about the meeting in Malaysia and about these individuals that were there, and the CIA blocked it. To this day no one has ever been held accountable for blocking Doug’s memo from going or for telling me I couldn’t tell the FBI about what Doug tried to send. This is something even the 9/11 Commission neglected to investigate, and I applaud former New Jersey Governor Thomas Kean, who was 9/11 Commission Co-Chairman and who cited this as a failure to pursue and get an answer. There’s so much more about the subject that it would take probably hours to listen to and talk about. There are so many missteps here and willful omissions that it’s criminal. It’s a stain on our society, it’s a stain on our system of justice that three or four key individuals have not been called before a court of law, a Grand Jury or a regular Jury, and been asked “Why did you block his memo?”

Moreover, even if Doug didn’t write his memo, even if Doug and I were never assigned to the CIA, no one asked them “Why did you (Alec Station) on your own not send the information to the FBI?” The question is valid and needs to be asked because everyday information is sent back and forth between the two agencies via a CIR, and I guarantee you there was nothing that was sent between the two agencies before or after 9/11 that was more important than what Doug was trying to send over to the FBI.

And we have to come to understand why that happened. I have many theories, and my first theory that I have been trying to prove is that CIA was on a recruitment operation and they were trying to recruit some of the members of the cell, specifically Khalid al-Mihdhar or Nawaf al-Hazmi [pictured below]. Khalid al-Mihdhar’s father had a home in Sana’a, Yemen, which was the switchboard for al-Qaeda operations around the world and the CIA knew about that since 1998 or according to some rumors since 1996, since the CIA and specifically Alec Station was actively monitoring and investigating al-Qaeda operatives in Kenya. Regardless if it was 1996 or 1998, they purposely did not tell the FBI what was going on at that al-Qaeda switchboard and there is no intention to do so even up until today. It's as if it never existed. Watch the documentary The Spy Factory and the interview of 9/11 Commission member Eleanor Hill. She says bluntly that looking at the NSA was forbidden by the Commissioners. How is that for being a true and transparent society?


The recruitment operation was far more important to the CIA and they didn’t want the FBI, in the personification of my boss John O'Neill, to mess up their operation. Moreover, an arrest by the FBI of Saudi "boys" would have cause great embarrassment to the kingdom of Saudi Arabia and that’s a big “no, no” in any Presidential administration, either Bush or Bill Clinton or Obama or Trump or Hillary Clinton, I don't care who is the President. The absolute rule exists since oil came gushing up from a few inches below the sand: “You must not embarrass the Saudis”. It's because they control the oil and they own the balance of the power in the Middle East and that’s the bottom line: our economy and the world economy is tied to oil. The price of the barrel of oil is done in dollars, not in any other currency, and that is because we protect the king of Saudi Arabia and they also protect us by ensuring as the leader of OPEC that the price of a barrel of oil is pegged to the US dollar. As I said before, you must never embarrass them, this is what it is all about, because the FBI would have arrested the Saudi young men and caused large headlines and inquiries by the media and other governments perhaps, and the CIA was afraid they could not control the FBI. No administration would ever want that.

As a country, as a world, as humanity we have to get to the truth about why Doug’s memo didn’t go, we cannot just sit by idly and accept that. Until we do that, we really have no moral standing, nor can we hold our rules, laws and courts as legitimate. We should not and cannot face our citizens and say “We did everything to prevent this, and we are doing everything to protect you,” because we haven’t and we are not.


Undicisettembre: I would like you to elaborate on the reason why they did that. I can’t believe the CIA were so stupid to make such a big mistake on purpose.

Mark Rossini: It’s not because they were so stupid, but because they had this specific plan of action: to try to recruit somebody in the al-Qaeda cell and not have the FBI interfere. In particular my boss, mentor and friend John O'Neill, whom the people that managed Alec Station despised because they were jealous. Former terrorism "Czar" Richard Clarke, who served under both President Bill Clinton and George W. Bush, said in an interview, which you can easily find online, that on the day Cofer Black became the Director of the CIA’s Counterterrorism Center (CTC), the two chatted after the official meeting to welcome Cofer and Richard Clarke asked Cofer what was the first thing he wanted to address. Per Clarke, Cofer turned to him and said “The only thing that really pisses me off is that we have no sources in al-Qaeda.” If you fast forward from their conversation, to the meeting in Malaysia and the discovery of the travel plans of the terrorists to come to America it would be the perfect opportunity to try to recruit somebody.

We know from the historical record, and as is reported in newspapers, the 9/11 Commission points out the fact that CIA did try to recruit Shakir el-Iraqi, who was the gentleman at the Kuala Lumpur airport who was the "greeter, fixer and expediter" who got them through the airport and hotel rooms. We do know he was approached by Malaysia Special Branch and by CIA to be recruited and he rebuffed the recruitment. So it stands to reason and logic that Alec Station had set their sight on maybe someone in the cell. And two hijackers came to America, unbeknownst to the FBI, and went to stay at the home of an FBI informant and they also had an encounter with Omar al-Bayoumi who was a Saudi agent working in San Diego as a professor.

There’s enough circumstantial evidence to prove that the crime took place of a Willful Omission or Conscious Avoidance of telling the FBI about the meeting in Malaysia and that at least two of the people who attended this "terror summit" had visas to come to the USA. Those FBI cowboys could cause a political stir at the White House and State Department.


Undicisettembre: Generally speaking, how is the relationship between the two agencies? I’m asking this question because I have the impression that former FBI agent Ali Soufan in his book The Black Banners depicts the CIA as the bad guys.

Mark Rossini: Ali and I are very dear friends. I have a lot of respect for CIA and admire the agency greatly, they do tremendous and fantastic work as the FBI does, which you will never hear about. With the exception of 5 people at Alec Station I never worked with brighter and more dedicated people in my life. I wish I worked there. The problem is, and what FBI agents find so frustrating, that the CIA is not interested in a "court of law" or getting to the truth of proving something for court as the FBI is; the CIA is an intelligence gathering organization that is gathering intelligence and yes of course the "truth" in order to assist the President in carrying out his, maybe soon her, agenda and that of the Presidential Administration as a whole. And that’s where and why things get haywire, because there’s a disconnect between the two agencies’, FBI's and CIA's, missions and authorities. In spite of what you think, the CIA provides a vital function in protecting America, but to an FBI agent like me or Ali it’s difficult to understand their mentality. We get evidence, we put people in jail. We don’t have a long term view of the world like who is going to rule a country 60 years from now.

So I agree with Ali, and I understand why he has that feeling. And while Ali had dealings with them in the field they were hiding from him the picture of Khalid and CIA knew Khalid was linked to the meeting in Malaysia but refused to tell him.

Another reason why we must not embarrass the Saudis is that we need to have our air bases there to protect Israel and also maintain the balance of power in the Middle-East, which are two long term vital and strategic goals. As a human being I care and understand these goals and their importance. As an FBI agent, it's not my "portfolio" or mission.


Undicisettembre: What’s your take on the torture? Because as far as I know the CIA used a lot of torture while interrogating people while the FBI did not.

Mark Rossini: Torture is an action and a desire of little weak men. I’ll say it again: torture is an action and desire of little weak men. Torture is a fantasy that is fed down your throat by movies. Torture does not work because it does not get you to truth. It’s just for vengeance fantasies.

It is wrong and it is immoral. A lot of very tough guys sitting on the couch would tell me “What do you mean it’s immoral? These people are immoral, they don’t deserve my morals.” Well. If you want to get down to their level and act like a savage, go right ahead; but I’m not and nor other members of the FBI. We interview people and get in their head and talk to them. Did you ever think perhaps for one second that torturing one of these terrorists is something that they want? It proves their manhood and in their brain they are showing Allah they are withstanding this brutal force to get a greater award in heaven.

“Tough guys” (I say that sarcastically) in a diner drinking coffee don’t think about this. They don't care since they believe they are superior, and they want vengeance on somebody who’s chained up and cannot fight back.

It’s wrong and it’s immoral and it’s repugnant that we even did it. The fact that there are people in my country who think it’s okay to do it and that these people deserve that because they are “evil non-Christian Muslims” makes me not even want to talk to them I cannot even go near them.

It’s just fantasy of small and little men.


Undicisettembre: I agree with you and I remember reading in the book The Longest War by Peter Bergen that you are not getting real information by torturing people because they just tell you the first thing that comes to their mind just to make the torture stop.

Mark Rossini: They will tell you anything you want to hear just to make the torture stop. Look at Ibn Al-Shaikh al-Libi, the guy that was tortured in Egypt. The CIA thought he was not giving them enough information and that he was lying. That the FBI Agent and NYPD detective who were interviewing him were being lied to by him and they were not aggressive enough. So what does the CIA do? They “take over”. He was duct taped onto a wooden board and sent him to Egypt. While he’s laid out tied down with duct tape to the board one tough guy from Alec Station who is a real idiot whispered in his ear “I’m going to go fuck your mother.” Does that make you feel tough and big, you little runt?

So they took him to Egypt and tortured him. He said “Oh yes, Saddam is connected to al-Qaeda” just to make the torture stop. And that was used to justify the war in Iraq.


Undicisettembre: In Italy there’s a very widespread myth according to which the Saudis where somehow behind 9/11, either by supporting the terrorists or by letting them do it without interfering. What are your thoughts about this?

Mark Rossini: No, people are losing track. When something is so brutal as 9/11 was, people have a hard time understanding the simplicity of it. A lot of people feel the need to have a larger explanation like that the Saudis had a role in it. No, no, no. No Saudi wanted that to happen, that’s impossible. There were prominent Saudis, royal and non-royal, that were giving money to al-Qaeda affiliated associations and NGOs. But did those people know that money was being used for terrorism or specifically for 9/11? No. But none of them can look me straight in the face to tell me their money was going for something fair either. That’s the real issue. Remember that after 9/11 there were many Saudis in America that the FBI wanted to interview but in the days right after the attacks, when no plane was flying, only one plane was allowed to come and pick them up and take them out of the country before we could talk to them. Because the Saudis are protected.

This kind of action brings people to believe that the Saudi government wanted it to happen, but no one wanted that to happen because no one of these people who gave money knew that this attack was going to happen, not even the hijackers knew about each other and what their role was.

We theorize that not even the “muscle hijackers” who kept the passengers from reacting knew it was a suicide mission, only the pilots knew it was a suicide mission.


Undicisettembre: In your opinion, were there links between Saddam Hussein and Osama bin Laden?

Mark Rossini: Not in my opinion but in fact there was not one shred, not one contact: nothing. I want this to be perfectly, perfectly clear. I’m sure there will be some couch potato or keyboard genius saying I’m wrong. Oh, you still want to believe you are right? I’m sorry, you are wrong. There was no connection between Saddam Hussein and al-Qaeda and bin Laden. Zero. Saddam had nothing to do with the 9/11 attacks. It was a fantasy that was spun by Dick Cheney and the White House in order to push gullible people who were still afraid because of what happened on 9/11 to swallow a ton of bullshit and support the invasion of Iraq.


Saddam was an evil man. Saddam had killed people and there’s no question about it, but he did not attack America and he did not have anything to do with 9/11 and he was a Sunni that controlled the Shia country. We went in there and removed a powerful Sunni leader and now we have the mess of a Shia-led country of Iraq aligned and friends with another massive Shia country which is Iran, which has always been seen as the enemy. What genius was asleep at this switch and didn’t think beforehand of what we were doing?

If anyone in Washington DC had half a brain they would have realized that, but they were bent on revenge, getting Saddam’s oil and controlling the whole Middle East. Now we created this “megacountry” and alliance between Iraq and Iran controlled by Shia governments and we have Sunnis who live in Iraq who are oppressed and have come to join ISIS.

I don’t care what bullshit a certain network in America wants to spin about how thoughts like mine are wrong and unpatriotic: we have messed it up. And Sunnis in Iraq who have been disenfranchised are now members of ISIS. We created it, we are responsible for it. We created a power vacuum, and had not the brains to realize what we created when we invaded Iraq. The orchestrators of the Iraq illegal invasion are naive, ignorant and small minded people. When the blind lead the blind and slick politicians lead the gullible, this is what happens.

And they tried to shove it down our throats by saying “You’ll see in fifty years that my plan was the smart one.” No it’s not, because people have died right now, and it’s not the sons of the Neocons going to war but the poor slob they put the lie to whose son is going to war.


Undicisettembre: There’s one point I don’t understand. You said that the war in Iraq was done also to get Iraq’s oil. But as far as I know, war costs much more than the oil you can get from the Iraqi wells. So it makes no sense to me.

Mark Rossini: You are right, it makes no sense and the whole thing was a farce, a waste of time and a fraud. It did not have to happen and we will be paying for this for the next one hundred years in blood and economy. It was a wrong move. It was a delusional thought that the Iraqi people would see us as liberators and willfully give us their oil wells so that we could control the world market of oil.

The Neocons also thought they could build Middle East from scratch and control it. It was lead by emotion, not by brain; when you lead by emotion is when you make mistakes.


Undicisettembre: What do you think about the hunt for Osama bin Laden? Could he have been killed before 2011?

Mark Rossini: Perhaps he could have been killed before 2011, but I’m not so sure. I think it was done the correct way and I have no issue on how the Navy SEALs did it, I think it was heroic and that Obama made the right decision. He made the right decision militarily and politically by not informing the Pakistanis we were doing it because there’s no question in my mind that middle or high management of the Pakistani Intelligence Service known as ISI knew that he was there, but they chose to turn a blind eye.


Something we will never understand is the power of Islamic religion and what it means to certain people and how they twist its meaning and they lose sight of what is right and what is wrong. You would have to be blind not to see that someone in the Pakistani military knew that he was in that compound and it shows they did not say anything to us.

He was found not thanks to torture but thanks to interviews and investigation that the CIA did admirably. Admirably! Unequivocally they deserve every accolade in the book for this: for finding him and bringing him to an end.


Undicisettembre: In your opinion was Pakistan shielding him?

Mark Rossini: I think there were certain people in Pakistan who were shielding him, I wouldn’t say the Prime Minister or anyone like that. But I would say certain people at mid-level or lower senior level knew where he was but chose to keep that information suppressed.


Undicisettembre: What do you think about conspiracy theories that claim that 9/11 was an inside job?

Mark Rossini: I have to leave the room if someone says that. I cannot even discuss it for five seconds. There are all these bullshit theories about controlled demolition and how the steel couldn’t break and World Trade Center 7.

These people really need to get a life and go back under the rock they came from.

They are just creating confusion and pain. It’s just wrong, trust me.


Undicisettembre: What’s the level of security today in the USA?

Mark Rossini: The level of security is very, very high. But I have an issue with that, I am a little disturbed by that fact that we have not been able to create a single agency that’s responsible for protection. We have not delineated and designed each agency’s role nor have we defined who’s in charge of operations.

In the US we have FBI, Homeland Security, the Military, CIA, NSA, all contributing and at the same time doing their own thing and agenda; we have a lot of kitchens and a lot of chefs. We haven’t yet created one agency that does it all and coordinates every operation. We should create a new agency comprised of the respective agencies’ competencies that deals with terrorism on a national and international level. There is so much more to explain on this, and it could and should become a reality, but I don’t think it will ever happen, since the change would almost be like an earthquake for all the “stakeholders” in Washington, D.C. who cannot agree basically on anything.

Intervista all'ex agente dell'FBI Mark Rossini

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui.

Undicisettembre offre oggi ai suoi lettori il racconto dell’ex agente dell’FBI Mark Rossini, la cui testimonianza è particolarmente utile per capire quali errori siano stati compiuti dall’intelligence americana e come gli attentati dell’11/9 avrebbero potuto essere evitati.

Rossini ha già partecipato a numerosi documentari come The Spy Factor, Hubris: Selling The Iraq War e The Agent.

Ringraziamo Mark Rossini per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Ciao Mark e grazie per il tempo che ci stai dedicando. Ti va anzitutto di presentarti?

Mark Rossini: Come sai già, mi chiamo Mark Rossini, diventai agente dell’FBI nel 1991 e iniziai a lavorare sul terrorismo nel maggio del 1997; iniziai a lavorare su al-Qaeda dopo gli attentati alle ambasciate di Nairobi e in Tanzania nell’agosto del 1998. Poi andai a Nairobi e passai lì quasi tre mesi come supervisore in loco, e quando tornai da Nairobi fui assegnato alla Alec Station della CIA, che si trova all'interno del quartier generale della CIA a Langley, in Virginia. La Alec Station era una stazione dedicata esclusivamente alle investigazioni su Osama Bin Laden e al-Qaeda. Fui inviato lì come rappresentante della Joint Terrorism Task Force dell’FBI di New York, chiamata JTTF. Questo è importante da sottolineare: fui assegnato dalla sede di New York dell’FBI e non dal quartier generale dell’FBI. Questo accadde perché la mia squadra della JTTF di NY era responsabile dell’investigazione su Bin Laden e al-Qaeda. Ebbi questo incarico dal gennaio del 1999 fino al maggio del 2003. Nel maggio del 2003 fui uno dei membri fondatori del National Counterterrorism Center e vi rimasi fino a settembre 2005.

Immagino che tu voglia sapere cosa successe alla Alec Station e cosa portò all’11/9, giusto?


Undicisettembre: Sì, parliamo di questo. L’11/9 avrebbe potuto essere evitato?

Mark Rossini: Gli attacchi del 11/9 erano evitabili. Accaddero per via del mancato passaggio, deliberato e intenzionale, di alcune informazioni all’FBI da parte della CIA che riguardavano i dirottatori che tennero quello che noi chiamiamo un “terror summit” [“summit del terrore”] in Malesia nel gennaio del 2000. La CIA intenzionalmente non disse all’FBI dell’incontro; cosa ancora più grave, non disse all'FBI che due delle persone che presero parte all'incontro, e che poi risultarono essere due dei dirottatori, avevano il visto per entrare negli Stati Uniti. La CIA e l’NSA sapevano anche dei piani di viaggio che queste persone avevano per entrare in America e comunque non lo dissero all’FBI. Se l’FBI avesse ricevuto questa informazione, avremmo impedito l’11/9. Un mio collega che era con me alla CIA, l’agente speciale Doug Miller, scrisse una bozza di un Central Intelligence Report, chiamato anche CIR, che è l'unico modo ufficiale nel quale le informazioni vengono trasferite tra le agenzie, per informare l’FBI del meeting in Malesia e di queste persone che vi avevano partecipato, e la CIA lo bloccò. Ad oggi nessuno è stato ritenuto responsabile di aver bloccato la nota di Doug o per avermi ordinato di non parlare all’FBI delle informazioni che Doug aveva tentato di mandare. Questo è un punto su cui nemmeno la Commissione 11/9 ha investigato; io elogio l’ex governatore del New Jersey Thomas Kean, che era il copresidente della Commissione e che citò questo fatto come un’omissione nelle indagini rimasta senza risposta. C’è molto altro su questo argomento e potremmo discuterne per ore. La quantità di passi falsi e di omissioni volontarie è così grande da essere criminale. È un’onta per la nostra società e per il nostro sistema giudiziario che tre o quattro persone non siano state chiamate in tribunale, davanti a un gran giurì o a una giuria normale, e che non sia stato chiesto loro “Perché hai bloccato questa nota?”

Inoltre, anche se Doug non avesse scritto quella sua nota, anche se io e Doug non fossimo mai stati mandati alla CIA, nessuno chiese loro “Perché voi alla Alec Station non avete inviato questa informazione all’FBI spontaneamente?” Questa domanda è importante e va fatta, perché le due agenzie si scambiano informazioni quotidianamente informazioni tramite un CIR e ti garantisco che fra le due agenzie non è mai stato scambiato nulla, prima o dopo l’11/9, che fosse più importante di ciò che Doug stava cercando di mandare all’FBI.

E dobbiamo arrivare a capire perché questo è successo. Io ho molte teorie, e la mia prima, che sto cercando di dimostrare, è che la CIA avesse in corso un’operazione di reclutamento e che stesse cercando di reclutare alcuni membri della cella, nello specifico Khalid al-Mihdhar o Nawaf al-Hazmi [foto sotto N.d.R.]. Il padre di Khalid al-Mihdhar aveva una casa a Sana'a, nello Yemen, che veniva usata come centrale di comunicazione per le operazioni di al-Qaeda nel mondo e la CIA lo sapeva dal 1998 o, secondo alcune voci, dal 1996, perché la CIA e specificamente la Alec Station stavano attivamente tenendo sotto controllo e investigando gli agenti di al-Qaeda in Kenya. Indipendentemente dal fatto che fosse il 1996 o il 1998, intenzionalmente non dissero all’FBI ciò che stava succedendo in quella centrale di al-Qaeda e ad oggi non c'è ancora intenzione di farlo. È come se non fosse mai esistita. Guarda il documentario The Spy Factory e l’intervista al membro della Commissione 11/9 Eleanor Hill. Dice chiaro e tondo che esaminare l’NSA fu vietato dai membri della Commissione. E questa sarebbe una società trasparente?


L'operazione di reclutamento era molto più importante per la CIA e non volevano che l’FBI, nella persona del mio capo John O’Neill, disturbasse la loro operazione. Inoltre un arresto da parte dell’FBI di uomini sauditi avrebbe causato grande imbarazzo al regno dell'Arabia Saudita e questo è un tabù in ogni amministrazione, sia Bush sia Bill Clinton sia Obama sia Trump sia Hillary Clinton, non importa chi sia il presidente. Questa regola assoluta esiste da quando il petrolio è sgorgato da poco sotto la sabbia: “Non devi causare imbarazzo ai sauditi”. Perché loro controllano il petrolio e controllano gli equilibri di potere nel Medio Oriente e questa è la cosa più importante: la nostra economia e l'economia mondiale sono legate al petrolio. Il prezzo del barile è espresso in dollari e in nessun altra valuta, e questo avviene perché noi proteggiamo il re dell'Arabia Saudita e anche loro proteggono noi, garantendo come leader dell'OPEC che il prezzo del barile sia legato al dollaro statunitense. Come ho detto prima, non bisogna mai causare imbarazzo ai sauditi, è tutta qui la questione, perché l’FBI avrebbe arrestato i giovani sauditi e avrebbe causato titoloni e inchieste dei media e probabilmente di altri governi, e la CIA aveva paura di non poter controllare l’FBI. Nessuna amministrazione vorrebbe una cosa del genere.

Come nazione, come mondo, come umanità, dobbiamo arrivare alla verità del perché la nota di Doug non è andata avanti; non possiamo semplicemente sederci immobili e accettarlo. Finché non lo facciamo non abbiamo statura morale, non possiamo ritenere legittime le nostre regole, le nostre leggi e i nostri tribunali. Non dovremmo e non possiamo guardare in faccia i nostri cittadini e dire “Abbiamo fatto tutto il possibile per evitarlo e stiamo facendo di tutto per proteggervi”, perché non l'abbiamo fatto e non lo stiamo facendo.


Undicisettembre: Vorrei che approfondissi la spiegazione del perché lo hanno fatto. Non posso credere che la CIA sia stata così stupida da commettere questo errore apposta.

Mark Rossini: Non è perché siano stati così stupidi, ma perché avevano un piano d’azione specifico, cioè cercare di reclutare qualcuno nella cellula di al-Qaeda, e non volevano che l’FBI interferisse. In particolare il mio capo, mentore e amico John O’Neill, che le persone che gestivano la Alec Station disprezzavano perché erano invidiose. L'ex “zar” sul terrorismo Richard Clarke, che fu in servizio sia sotto Bill Clinton che sotto George W. Bush, disse in un’intervista che puoi facilmente trovare in Internet che il giorno in cui Cofer Black divenne direttore dei Counterterrorism Center (CTC) della CIA i due si parlarono informalmente dopo l’incontro di benvenuto ufficiale di Cofer e Richard Clarke chiese a Cofer quale sarebbe stata la prima cosa che voleva fare. Secondo Clarke, Cofer si volse verso di lui e disse “L’unica cosa che mi infastidisce è che non abbiamo fonti all’interno di al-Qaeda.” Se parti da questa conversazione e vai avanti nel tempo fino all’incontro in Malesia e alla scoperta dei piani di viaggio dei terroristi per venire in America, questa sarebbe stata l'occasione perfetta per cercare di reclutare qualcuno.

Sappiamo dai dati d’archivio, ed è stato riportato dai giornali, che la Commissione 11/9 sottolineò il fatto che la CIA cercò di reclutare Shakir el-Iraqi, che era l'uomo all'aeroporto di Kuala Lumpur che “accoglieva, sistemava e organizzava” e che li condusse attraverso l'aeroporto e fino alle loro stanze in hotel. Sappiamo che fu avvicinato dalla Malaysia Special Branch e dalla CIA per essere reclutato e che rifiutò il reclutamento. Quindi è logico e ragionevole che la Alec Station avesse gli occhi su qualcuno della cellula. E due dirottatori vennero in America, all’insaputa dell’FBI, e vennero a stare a casa di un informatore dell’FBI e incontrarono anche Omar al-Bayoumi, che era un agente saudita che lavorava a San Diego come professore universitario.

Ci sono abbastanza prove circostanziali per dimostrare che fu commesso il reato di omissione volontaria di dire all’FBI dell’incontro in Malesia e che almeno due delle persone che avevano partecipato a questo “Terror summit” avevano i visti per entrare negli Stati Uniti. Quei cowboy dell’FBI avrebbero potuto causare tensioni politiche alla Casa Bianca e al Dipartimento di Stato.


Undicisettembre: In generale come sono i rapporti tra le due agenzie? Faccio questa domanda perché ho l'impressione che l’ex agente dell'FBI Ali Soufan, nel suo libro The Black Banners, descriva la CIA come i cattivi.

Mark Rossini: Io e Ali siamo molto amici. Io ho molto rispetto per la CIA e la ammiro grandemente, fanno un lavoro fantastico ed eccezionale, così come lo fa l’FBI, di cui non sentirai mai parlare. Con l'eccezione di 5 persone alla Alec Station non ho mai lavorato con persone più intelligenti e più appassionate nella mia vita. Mi piacerebbe lavorarci adesso. Il problema è, e gli agenti dell'FBI trovano questo molto frustrante, che la CIA non è interessata ai tribunali o ad arrivare alla verità di aver provato qualcosa per la corte come lo è l’FBI: la CIA è un'agenzia di intelligence che raccoglie informazioni e la “verità” in modo da assistere il presidente nel portare avanti il suo piano e quello dell'intera amministrazione. Ed è qui, e per questo motivo, che le cose vanno storte, perché c'è una frattura tra le missioni e le autorità delle due agenzie, l’FBI e la CIA. Contrariamente a ciò che pensi, la CIA ha una funzione vitale nel proteggere l’America, ma per un agente dell’FBI come me o come Ali è difficile capire la sua mentalità. Noi raccogliamo prove, mandiamo la gente in galera. Non abbiamo una visione del mondo a lungo termine, tipo chi governerà una nazione tra 60 anni.

Quindi sono d’accordo con Ali e capisco perché lui la pensa così. E mentre Ali lavorava con loro sul campo gli hanno tenuto nascosto il profilo di Khalid e la CIA sapeva che Khalid era connesso all'incontro in Malesia ma non glielo disse.

Un’altra ragione per cui non dobbiamo causare imbarazzo ai sauditi è che abbiamo bisogno di avere lì le nostre basi aeree per proteggere Israele e anche per mantenere l’equilibrio del potere nel Medio Oriente, che sono due obiettivi a lungo termine vitali e strategici. Come persona ci tengo e capisco questi obiettivi e la loro importanza. Come agente dell’FBI queste cose non fanno parte dei miei compiti o della mia missione.


Undicisettembre: Cosa pensi della tortura? Perché per quanto ne so la CIA praticò molto la tortura mentre conduceva gli interrogatori, mentre l’FBI non lo fece.

Mark Rossini: La tortura è un atto e un desiderio di uomini piccoli e deboli. Lo ripeto: la tortura è un atto e un desiderio di uomini piccoli e deboli. La tortura è una fantasia che ci è stata inculcata dai film. La tortura non funziona, perché non ti porta alla verità. Serve solo alle fantasie di vendetta.

È sbagliata e immorale. Molti uomini duri, seduti comodi sul proprio divano, mi direbbero “Cosa intendi dire che è immorale? Queste persone sono immorali, loro non meritano la mia morale.” Beh, se vuoi abbassarti al loro livello e comportarti da selvaggio, fai pure; ma né io né altri agenti dell’FBI lo faremo. Noi intervistiamo le persone, entriamo nelle loro teste, parliamo con loro. Hai mai considerato, almeno per un secondo, che magari torturare uno di questi terroristi è qualcosa che loro vogliono? Prova la loro virilità e nella loro mente stanno mostrando ad Allah che resistono a questa forza brutale per avere una ricompensa maggiore in paradiso.

I “duri” (lo dico sarcasticamente) che se ne stanno al bar a bere caffè non pensano a queste cose. A loro non importano, perché si credono superiori e vogliono vendetta su qualcuno che è incatenato e non può reagire.

È sbagliato ed è immorale ed è ripugnante il fatto stesso che lo abbiamo fatto. Il fatto che ci siano persone nella mia nazione che pensano che vada bene farlo, e che queste persone se lo meritino perché sono “musulmani cattivi non cristiani”, fa sì che io non voglia nemmeno parlare con loro o andar loro vicino.

È solo la fantasia di uomini piccoli.


Undicisettembre: Concordo con te e ricordo di aver letto nel libro The Longest War di Peter Bergen che torturando le persone non si ottengono informazioni vere, perché diranno la prima cosa che passa loro per la testa pur di far cessare la tortura.

Mark Rossini: Ti racconteranno qualunque cosa tu voglia sentire per far smettere la tortura. Guarda Ibn Al-Shaikh al-Libi, l’uomo che fu torturato in Egitto. La CIA pensava che non stesse dando loro informazioni sufficienti e che stesse mentendo. Che stesse mentendo all’agente dell’FBI e all’investigatore della Polizia di New York che lo stavano interrogando, e che non fossero abbastanza aggressivi. Quindi la CIA cosa fece? Lo “prese in carico”. Fu legato con del nastro adesivo a una tavola di legno e mandato in Egitto. Mentre era steso e legato con il nastro adesivo alla tavola un vero duro della Alec Station, che è un vero idiota, gli sussurrò all'orecchio “Vado a scoparmi tua madre.” Ti fa sentire forte e grande, piccolo omuncolo?

Così lo mandarono in Egitto e lo torturarono. E lui disse “Oh si, Saddam è legato ad al-Qaeda” solo per fare cessare la tortura. E questo fu usato per giustificare la guerra in Iraq.


Undicisettembre: In Italia è molto diffusa la teoria secondo la quale i sauditi in qualche modo abbiano avuto un ruolo nell’11/9, supportando i terroristi o lasciandoli fare. Cosa pensi di questa teoria?

Mark Rossini: No, la gente sta perdendo la cognizione. Quando succede qualcosa di così brutale come l’11/9, per la gente è difficile capire la sua semplicità. Molte persone sentono il bisogno di avere una spiegazione più grande, per esempio che i sauditi vi ebbero un ruolo. No, no, no. Nessun saudita voleva che succedesse, è impossibile. C’erano sauditi importanti, membri della famiglia reale e non, che stavano dando soldi ad associazioni affiliate ad al-Qaeda e ad associazioni non governative. Ma queste persone sapevano che i loro soldi erano utilizzati per il terrorismo e specificamente per l’11/9? No. Ma al contempo nessuno di loro può guardarmi in faccia e dirmi che i loro soldi venivano usati per qualcosa di lecito. Questo è il vero problema. Ricordati che dopo l’11/9 c'erano molti sauditi in America e l’FBI avrebbe voluto intervistarli, ma nei giorni immediatamente successivi agli attacchi, quando nessun aereo volava, solo a un aereo fu consentito di atterrare per prelevarli e portarli fuori dal paese prima che noi potessimo intervistarli. Perché i sauditi sono protetti.

Azioni di questo tipo portano le persone a credere che il governo saudita voleva che succedesse, ma nessuno voleva che succedesse, perché nessuna delle persone che diedero soldi sapeva che questo attentato sarebbe successo; nemmeno i dirottatori si conoscevano tra di loro e sapevano quale fosse il loro ruolo.

Pensiamo che nemmeno i “muscle hijackers”, quelli che avevano il compito di evitare che i passeggeri reagissero, sapessero che si trattava di una missione suicida, e sospettiamo che solo i piloti sapessero che era una missione suicida.


Undicisettembre: Secondo la tua opinione, esistevano legami tra Saddam Hussein e Osama bin Laden?

Mark Rossini: Non è una mia opinione, ma di fatto non c'è uno straccio di prova, non un contatto: nulla. Voglio che questo sia perfettamente, perfettamente chiaro. Sono sicuro che c'è qualche leone da divano o genio da tastiera che dice che sbaglio. Oh, vuoi ancora credere di aver ragione? Mi dispiace, ti sbagli. Non c’era nessun legame tra Saddam Hussein e bin Laden. Zero. Saddam non ebbe nulla a che fare con gli attentati dell’11/9. È una fantasia che fu fabbricata da Dick Cheney e dalla Casa Bianca per spingere gli ingenui che avevano ancora paura per ciò che successe l’11/9 a inghiottire una marea di stronzate e sostenere l’invasione dell’Iraq.


Saddam era malvagio. Saddam uccise molte persone e su questo non ci sono dubbi, ma non attaccò l'America e non ebbe nulla a che fare con l’11/9. Inoltre era un sunnita che controllava la nazione sciita. Noi siamo andati lì e abbiamo rimosso un potente leader sunnita e ora abbiamo il caos di una nazione guidata da sciiti in Iraq allineati e amici di un’altra grande nazione sciita, che è l'Iran, che hanno sempre considerato il nemico. Quale genio stava dormendo durante questa trasformazione e non ha pensato in anticipo a ciò che stavamo facendo?

Se qualcuno a Washington avesse avuto mezzo cervello lo avrebbe capito, ma erano concentrati sulla vendetta, su prendere il petrolio di Saddam e controllare l’intero Medio Oriente. Adesso abbiamo creato questa “mega-nazione” e un’alleanza tra Iraq e Iran controllata da governi sciiti e abbiamo i sunniti che vivono in Iraq che sono oppressi e che sono arrivati ad unirsi all’ISIS.

Non m’importa quali stronzate un certo network televisivo in America voglia diffondere su come pensieri come il mio siano sbagliati e non patriottici: abbiamo creato un caos. E i sunniti in Iraq che hanno perso i propri diritti sono ora membri dell’ISIS: lo abbiamo creato noi, ne siamo responsabili noi. Abbiamo creato un vuoto di potere e non abbiamo avuto l’intelligenza di renderci conto di cosa abbiamo creato quando abbiamo invaso l’Iraq. Gli organizzatori dell’invasione illegittima dell’Iraq sono ingenui e ignoranti dalla mente piccola. Quando i ciechi guidano i ciechi e i politici furbi guidano le persone impressionabili, questo è ciò che succede.

E hanno provato a farcela ingoiare dicendo “Vedrete tra 50 anni che il mio piano erano quello saggio”. No, non lo è, perché le persone sono morte adesso, e non sono i figli dei Neoconservatori che vanno in guerra, ma quelli dei poveri a cui hanno rifilato la menzogna.


Undicisettembre: C’è un punto che non capisco. Hai detto che la guerra in Iraq è stata fatta anche per il petrolio iracheno. Ma per quanto ne so la guerra costa più del petrolio che si può estrarre dai pozzi iracheni. Quindi per me non ha senso.

Mark Rossini: Hai ragione, non ha senso e l'intera faccenda è stata una farsa, una perdita di tempo e una frode. Non era necessario che succedesse e ne pagheremo le conseguenze per i prossimi cento anni, con il sangue ed economicamente. È stata una mossa sbagliata. È stato un pensiero delirante che gli iracheni ci avrebbero visti come liberatori e che intenzionalmente ci avrebbero dato i loro pozzi di petrolio così che noi potessimo controllare il mercato mondiale del petrolio.

I Neoconservatori pensavano anche che avrebbero potuto ricreare il Medio Oriente da zero e controllarlo. Questo è governare di pancia, non di testa, e quando governi di pancia fai degli errori.


Undicisettembre: Cosa pensi della caccia ad Osama bin Laden? Avrebbe potuto essere ucciso prima del 2011?

Mark Rossini: Forse avrebbe potuto essere ucciso prima del 2011, ma non ne sono sicuro. Credo che sia stato fatto nel modo giusto e non ho obiezioni su come i Navy SEALSs l’hanno fatto, credo che sia stato eroico e che Obama abbia preso la decisione giusta. Ha preso la decisione giusta dal punto di vista militare e politico non informando i pakistani che lo stavamo facendo, perché non ho dubbi che la dirigenza media o alta dei servizi segreti pakistani, l’ISI, sapesse che era lì ma decise di chiudere un occhio.


Una cosa che non comprenderemo mai è il potere della religione islamica e ciò che significa per certe persone e come ne distorcono il significato e perdono di vista cosa è giusto e cosa è sbagliato. Devi essere cieco per non vedere che qualcuno nei reparti militari pakistani sapeva che lui era lì in quel compound, e il fatto che decisero di non dirci nulla è eloquente.

Non fu trovato grazie alla tortura, ma grazie agli interrogatori e all’investigazione che la CIA condusse in modo ammirevole. Ammirevole! Senza dubbio meritano ogni riconoscimento per questo: per averlo trovato e per averlo finito.


Undicisettembre: Secondo te il Pakistan lo stava proteggendo?

Mark Rossini: Credo che alcune persone in Pakistan lo stessero proteggendo, non credo il primo ministro o qualcuno di quel genere. Ma credo proprio che certe persone a livello medio o medio-superiore delle gerarchie sapessero che era lì ma decisero di nascondere quest’informazione.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie del complotto secondo le quali l’11/9 sarebbe stato un inside job?

Mark Rossini: Devo andarmene dalla stanza se qualcuno dice queste cose, non riesco a discuterne neanche per cinque secondi. Ci sono tutte queste stronzate di teorie sulla demolizione controllata e su come l’acciaio non avrebbe potuto rompersi e sul World Trade Center 7.

Queste persone devono farsi una vita e tornare sotto il sasso dal quale sono venute.

Stanno solo creando confusione e dolore. È sbagliato e basta, credimi.


Undicisettembre: Qual è il livello di sicurezza oggi negli USA?

Mark Rossini: Il livello della sicurezza è molto, molto alto. Ma ho un’osservazione su questo: mi dà un po’ fastidio che non siamo ancora stati capaci di creare una singola agenzia che sia responsabile della protezione. Non abbiamo ancora stabilito il ruolo di ciascuna agenzia né abbiamo stabilito chi ha il comando delle operazioni.

Negli Stati Uniti abbiamo l’FBI, il Dipartimento della Sicurezza Interna, i militari, la CIA, l’NSA e tutti contribuiscono e allo stesso tempo fanno le proprie cose e perseguono i propri obiettivi; abbiamo molte cucine e molti cuochi. Non abbiamo ancora creato una singola agenzia che faccia tutto e che coordini ogni operazione. Dovremmo creare una nuova agenzia, composta da tutte le competenze delle rispettive agenzie, che si occupi del terrorismo a livello nazionale e internazionale. Ci sarebbe molto altro da spiegare su questo tema, e potrebbe e dovrebbe diventare realtà, ma non penso che succederà mai, perché il cambiamento sarebbe quasi come un terremoto per tutti gli stakeholder a Washington, che non riescono a mettersi d'accordo sostanzialmente su nulla.