2008/04/19

Ipse dixit: Mahmoud Ahmadinejad

di Paolo Attivissimo

"Quattro o cinque anni fa, a New York si è verificato un evento sospetto. Un edificio è crollato, e hanno detto che 3000 persone erano state uccise, ma non hanno mai pubblicato i loro nomi... Con questo pretesto, loro [gli Stati Uniti] hanno attaccato l'Afghanistan e l'Iraq e da allora sono state uccise più di un milione di persone soltanto in Iraq."


– Mahmoud Ahmadinejad, presidente iraniano, in un discorso tenuto a Qom il 16 aprile 2008. Evidenziazioni aggiunte. Testo riportato dall'emittente iraniana PressTv in inglese: "Four or five years ago, a suspicious event occurred in New York. A building collapsed and they said that 3,000 people had been killed but never published their names... Under this pretext, they [the US] attacked Afghanistan and Iraq and since then, over a million people have been killed in Iraq alone." Secondo Associated Press, la dichiarazione è stata trasmessa in diretta dalla televisione di stato iraniana.

14 commenti:

federico ha detto...

giulietto chiesa: hai ancora molto da imparare prima di diventare un vero complottista!

a parte la boiata pazzesca (non hanno pubblicato i nomi?!?!?!?!) è falso anche il dato del milione di morti no?

non che io voglia difendere gli americani dicendo che hanno ucciso "solo" 100 000 persone.

ciao

Anonimo ha detto...

Il conflitto in Iraq fra sunniti e sciti, come l'uso degli attentati terroristici è precedente non solo alla seconda ma anche alla prima guerra in iraq ed agli attentati del 2001.
100000 si raggiungono facilmente 50 persone alla volta.

brain_use ha detto...

Non sto a disquisire sul numero dei morti in Iraq. L'argomento è controverso, oltre che un po' fazioso: dipende sempre da come si calcolano i totali e dal tipo di fonte, angrafica o statistica.
Per chi volesse approfondire, se ne parlò su crono911 qui:
http://www.crono911.net/phpBB2/viewtopic.php?t=393

Vorrei però notare che questo ipse dixit porta inevitabilmente in direzione di analisi politica, per non dire geopolitica.

Ahmadinejad se ne era uscito con esternazioni simili almeno un'altra volta, non ricordo se in visita da Chavez o dove.

Il suo intento è chiaro e coerente con la sua visione del mondo e della politica internazionale.
E non si pensi che non sappia cosa dice: come alcuni complottisti nostrani entrati nell'arena di recente, le sue dichiarazioni sono, indiscutibilmente uno "strumento politico potente, che non esaurirà la sua valenza nei prossimi mesi". ;-)

Andrea Occhi ha detto...

Secondo http://www.iraqbodycount.org/ quelle documentate sono tra 82,856 – 90,390 alla data odierna.
Preciso che si tratta di vittime civili e documentate

OrboVeggente ha detto...

eh sì caro Mahmoud, hai proprio ragione.
Agli americani interessa poco qual'è il numero esatto dei caduti, fino a che in quel numero manchi tu!

Anonimo ha detto...

ciao paolo, ti seguo volentieri e ti ringrazio per il lavoro che fai per noi disinformati(ci)!!
volevo segnalarti questi link che ti/ci riguardano sull'11/9 visto dai "cervelli" in fuga di new york. ho conosciuto alcuni di loro personalmente, e sono ragazzi svegli e intelligenti, ma non capisco come facciano a credere in maniera assoluta alle teorie del complotto e soprattutto alle bombe nel wtc... Ti prego di dare uno sguardo a questi link. un abbraccio.

http://beppegrillo.meetup.com/63/messages/boards/thread/3428956


http://beppegrillo.meetup.com/63/messages/boards/thread/2475973/10#11696695

http://beppegrillo.meetup.com/63/messages/boards/thread/2475973/10#11660383

http://beppegrillo.meetup.com/63/messages/boards/thread/2623843/30#11661090

Anonimo ha detto...

Ahmadinejad che uso ne fa del cospirazionismo?

I complottologi americani lo usano per attaccare politicamente ebrei, o bush, o il governo degli USA, ecc...

Ahmadinejad cosa se ne fa?

Paolo Attivissimo ha detto...

Ahmadinejad che uso ne fa del cospirazionismo?

Considerato che le simpatie di Ahmadinejad per il governo degli Stati Uniti sono piuttosto scarse, non credo ci vogliano grandi poteri di deduzione per capire quest'uso.

Giuliano47 ha detto...

Ma se USA e Iran sono pappa e ciccia!
Lo sa pure Al Qaida.

Ipse dixit: Ayman al Zawahiri

"Usa e Iran stanno complottando contro l'Iraq". E' l'accusa lanciata dal numero due di Al Qaida Ayman al Zawahiri in un messaggio diffuso sul web in alcuni siti vicini all'organizzazione terroristica.

http://tinyurl.com/4wfw76

A quando un blog sul complottismo del complottismo?

omar ha detto...

Beh ma le dichiarazioni di Ahmadinejad valgono come quelle di Paperino.

"Quattro o cinque anni fa.." un politico che fa una dichiarazione del genere qui in Italia verrebbe deriso per i prosssimi 6 anni.

Sarebbe interessante sapere che reazioni hanno avuto i media e i politici iraniani..

Anonimo ha detto...

Paolo, non potevi utilizzare la foto di Ahmadinejad che porta fuori dall'ambasciata USA in Iran i prigionieri di guerra?
Quella della rivoluzione culturale iraniana, quando Ahmadinejad era ancora un pashdaran (martire votato al suicidio).

Marco Bove ha detto...

>"Quattro o cinque anni fa.." un politico che fa una dichiarazione del genere qui in Italia verrebbe deriso per i prosssimi 6 anni.


In Italia credo che succeda ben di peggio, Franceschini a Ballarò ne è la prova(comunque)

Detto questo il buon Mahmud può dire quello che vuole sull'11/9. NOn ci sarebbero problemi sotto il profilo finanziario, solo sotto il profilo diplomatico.

E' quando fa dichiarzioni di questo tipo, che fa paura:
"Il greggio non è ancora al giusto prezzo"

E ieri a quanto eravamo?

118$ al barile?

Quindi Ahmadinejad, essendo il secondo produttore di greggio mondiale bisogna tenerselo stretto.

Anche se spara cazzate.

Anche se è antisemita.

Anche se è un arabo.

Anonimo ha detto...

la teoria geopolitica di creare un nemico esterno verso cui catalizzare tutti i problemi del paese per sedare le sommosse viene promulgata da taluni analisti.
L'antisemitismo rientra in effetti in quest'ottica:
disoccupazione al 20% -> è colpa di israele
esplode una bomba-> è colpa di israele
esistono i gay-> è colpa di israele
c'è traffico di droga in Iran->no non dicono che è colpa di israele...semplicemente si limitano a disegnare una stella ebraica con i pani di cocaina sequestrati...


Tuttavia è bene ricordare che la geopolitica o l'interpretazione della piscologia umana di quel ristretto gruppo di persone che siede poltrone "onorevoli" per la direzione del paese sta fra la filosofia politica e la psicologia umana.
Una delle due caratteristiche sono aborrite per principio da questo blog e non amate poichè distolgono dal fatto in se, in questo caso, Mamud da corda al complottismo perchè gli conviene.

PS: 30 miliardi di dollari all'anno nel 1990 (petrolio a 40 dollari) prendevano le nazioni dell'OPEC (gli USA non fanno parte dell'OPEC).
Nel 2002 il petrolio era a 40 dollari.
Considerando che:
1) i paesi occidentali sono tali solo grazie al petrolio, ciò significa che america ed europa sarebbero masochisti a complottare col terrorismo per alzare il prezzo del petrolio (un altro prezzo si ripercuote già oggi sulla governabilità del paese).
2) un alto prezzo del petrolio mina i rapporti occidente/sultani arabi dei vari stati-> ricorda tanto quell'idea mai considerata espressa da Osama Bin Laden: "creare un unico sultanato che raccolga 1.3 mil di musulmani sotto una sola nazione". E per farlo bisogna indebolire gli attuali regnanti musulmani.

stefano ha detto...

@marco bove: Ahmadinejad, come quasi tutti gli iraniani, e' appunto iraniano (ovvero "persiano") e non arabo. Pensa che parla pure una lingua indoeuropea!