2011/10/15

Riaprono i commenti. Con moderazione

di Paolo Attivissimo

Sono passati dieci anni dall'11 settembre 2001 e gli eventi di quel giorno stanno scivolando dalla cronaca alla storia. La discussione su cosa effettivamente avvenne in quel limpido martedì di settembre può forse proseguire con toni più sereni ora che è stata superata la tappa psicologica del decennale, con il suo inevitabile riaccendersi di polemiche.

Per queste ragioni, e per consentire più agevolmente critiche costruttive e correzioni, Undicisettembre riapre da oggi a titolo sperimentale i commenti in questo blog. Verrà mantenuta la moderazione preventiva, per scoraggiare i provocatori e gli incivili che si sono presentati in passato e che avevano portato alla chiusura dei commenti. I commenti polemici e offensivi verranno cestinati; quelli civili verranno pubblicati, a prescindere dall'orientamento del loro contenuto.

Poiché il tempo che il gruppo Undicisettembre dedica attualmente a questo blog è limitato, le risposte ai commenti non sono garantite, ma tutti i commenti verranno letti e valutati. Inoltre le domande alle quali è già stata data risposta nelle FAQ (consultabili nella colonna di destra di questo blog) riceveranno come risposta soltanto l'invito a consultare le FAQ stesse.

Per evitare confusioni d'identità, potranno commentare soltanto gli utenti che si identificheranno con un nome o uno pseudonimo tramite il loro account Google o OpenID.

38 commenti:

Manu ha detto...

"I commenti polemici e offensivi verranno cestinati; quelli civili verranno pubblicati, a prescindere dall'orientamento del loro contenuto"

Di questo ti va dato atto e ti fa onore Paolo.

Sono contento che riaprano i commenti, speriamo che rimangano tali.

Fripper ha detto...

Ciao e complimenti a Paolo e a tutto il gruppo undicisettembre. Sono contento che riaprano i commenti, perchè mi da lo possibilità di porre delle questioni che, altrimenti, avrei potuto porre solo durante gli incontri LIVE, che purtroppo non ho mai avuto la possibilità di frequentare.
Stavo pensando, dal momento che praticamente quasi tutte le dinamiche degli attentati sono state analizzate e spiegate, a questo punto sarebbe utile approfondire alcune "zone grigie" di background: in particolare mi riferisco a 4 aspetti.
1)le transazioni economiche avvenute nel WTC il giorno degli attentati, spesso citate su queste pagine.
2)Il ruolo dei servizi segreti pachistani nel caso dell'operazione geronimo. Fare un pò chiarezza, in generale, sull' ambiguità di un governo che dovrebbe essere, sulla carta, collaborativo ma che desta molte perplessità.
3)Il ruolo svolto ed il supporto dato ad Al Qaeda da alcuni membri di facoltose famiglie saudite.
4)Approfondire i motivi per cui i due co-chairman della 9/11 commission siano arrivati al punto di dichiarare che l' inchiesta fosse "set up to fail". Quali colpe e responsabilità si son volute, realmente, tenere nascoste?

Mi rendo conto che molti di questi dubbi sono domande da 1 milione di dollari, facili da porre ma difficili da dissipare. Volevo soltanto elencarle per esprimere quali aspetti mi piacerebbe vedere chiariti. Ovviamente offro la mia totale disponibilità a collaborare col gruppo, in qualunque modo possa essere utile.

ananta ha detto...

Ciao a tutti,
invio questo post per chiedere a Paolo e a voi forumer una vostra opinione/spiegazione inerentemente agli argomenti sollevati da questo filmato http://www.youtube.com/watch?v=ZfC2A0BflQc

e in particolar modo quelli inerenti alle telefonate avvenute sugli aerei.
Come ve lo spiegate.
Grazie fin d'ora per la vostra attenzione

Paolo Attivissimo ha detto...

Ananta,

la risposta è qui:

http://tinyurl.com/3m6nhlr

ananta ha detto...

Grazie Paolo,

ho letto il tuo articolo di risposta e tralascaindo le modalità e rimanendo esclusivamente in merito ai fatti (non mi interessano le diattribe verbali fra fazioni) devo dire che questa volta non la trovo molto efficace.
Questo punto non mi convince per niente..
Comunque grazie
ciao

DomCosmos ha detto...

Questo mi rende davvero felice! Complimenti! :D

Fripper ha detto...

Spero di non appesantirmi troppo se torno sul mio post precedente. Tra le mie ricerche riguardanti lo scenario in cui sono maturati gli attentati del 9/11 sono rimasto particolarmente colpito dalla figura di Ahmad Shah Massoud (http://en.wikipedia.org/wiki/Massoud), comandante della Northern Alliance assassinato il 9 settembre 2001.
E', a mio modesto parere, un nome che si pronuncia troppo poco quando si parla di 11 settembre. Un uomo che nella primavera del 2001 aveva viaggiato fino a Parigi, incontrando giornalisti ed esponenti del parlamento europeo, per avvertirci che la questione afghana stava per superare i confini nazionali ed avrebbe presto coinvolto gli stati uniti e tutto il mondo. (http://www.youtube.com/watch?v=gM6IY9uoZc0)
Credo che la sua figura, oltre che ricca di suggestione e meritevole di studio, sia anche di indubbia rilevanza per comprendere le circostanze che hanno portato agli attentati. Ed è anche un chiaro elemento contro qualsiasi teoria cospirazionista pro inside job: Massoud conosceva molto bene Bin Laden, Al Qaeda, il loro modo di agire, le loro mire, e le ha denunciate e combattute per ANNI, ben prima degli attacchi. Faceva parte anche lui della cospirazione? Chi sostiene teorie alternative, dice che Bin Laden era un fantoccio, dovrebbe studiare un pò prima di fare certe sparate. Se Massoud fosse stato ascoltato e protetto dall'occidente (che forse era troppo occupato a stringere accordi con Mubarak e Gheddafi)forse oggi staremmo vivendo una storia diversa. Ovviamente queste sono mie opinioni personali, e forse questa non è neanche la sede giusta per esprimerle, però mi faceva piacere condividerle con chi, come me, segue o si occupa di questo blog da molto tempo. Massoud, prima degli attentati, accusava l'ISI (servizi segreti pachistani), i sauditi e Bin Laden di sponsorizzare i talebani e Al Qaeda.
A 10 anni dalla sua morte, Bin Laden viene scovato in pakistan, sotto il naso dell'esercito. Gli USA stessi compiono una missione pericolosissima (sopratutto da un punto di vista diplomatico) su territorio pachistano SENZA avvisare i servizi segreti di quello che, in teoria, dovrebbe essere un paese amico. Solo negli ultimi anni stanno incominciando le cause civili contro esponenti del regno saudita per il loro coinvolgimento negli attentati del 9/11.
Insomma, correndo il rischio di farmi trascinare dalla suggestione, direi che è lecito pensare che le accuse di Massoud non fossero del tutto infondate e che, comunque, tutta questa questione meriti di essere approfondita.
Io, su questi punti, sono convinto che non tutti i fatti siano venuti a galla.

Hammer ha detto...

Stuart,

ho rifiutato il tuo commento.

Nell'articolo c'è scritto che gli incivili non sono graditi. Era chiaro per tutti tranne che per te.

Francesco81 ha detto...

Giusta decisione, bravi!

Hammer ha detto...

Giandosax,

ho rifiutato il tuo commento.

Linkare un video senza scrivere nulla non ha alcun senso.

katze ha detto...

The year 2001 should not be repeated

F89 ha detto...

Caro Paolo Attivvissimo, io ho una curiosità da togliermi. Innanzitutto reputo assolutamente assurdo che una nazione come l'america si è fatta colpire in questo modo,se è vero che è stato un'attentato, perchè gli aerei dirottati hanno volato nei cieli americani per più di un'ora senza un vero provvedimento da parte di nessuno. In quel momento,x quanto mi sia potuto documentare su internet, gli aerei dirottati erano responsabilità della FAA. Non solo è successo poi quello che sappiamo tutti senza aver mosso un dito ma stando tutti li a guardare la tragedia, ma poi la coincidenza che vorrei che mi spiegasse è come mai un paio di anni prima Hani Hanjour,uno dei dirottatori, abbia conseguito dalla stessa FAA la licenza di volo commerciale,esercitandosi anche nella JetTech Flight School, con un Boeing 737 simile al Boeing 757 schiantatosi in una delle torri gemelle... Penso che sia molto strana come cosa!!! In più tengo a precisare proprio a lei sig. PAOLO che molti studiosi affermano l'incontrario di quello che ha dichiarato lei nelle interviste e cioè che prima del caso delle torri gemelle, mai nessun grattacielo in acciaio protetto sia potuto crollare in quel modo. E questo nè prima nè dopo l'attentato,e anche non tendendo conto di tutto quello che gira sul web, il dubbio che qualcosa all'interno delle torri c'era è cio ke sorge in tutti noi!!!Se no un crollo così sarebbe stato impossibile parole di esperti.

Hammer ha detto...

F89

Innanzitutto reputo assolutamente assurdo che una nazione come l'america si è fatta colpire in questo modo,se è vero che è stato un'attentato, perchè gli aerei dirottati hanno volato nei cieli americani per più di un'ora senza un vero provvedimento da parte di nessuno.

Mi spiace e non vorrei essere scorbutico, ma ciò che reputi tu non ha nessuna importanza. Le cose non stanno come dici tu, leggi le FAQ:

http://undicisettembre.blogspot.it/2006/06/faq-13-gli-attentati-in-generale-gli.html


ma poi la coincidenza che vorrei che mi spiegasse è come mai un paio di anni prima Hani Hanjour,uno dei dirottatori, abbia conseguito dalla stessa FAA la licenza di volo commerciale,esercitandosi anche nella JetTech Flight School, con un Boeing 737 simile al Boeing 757 schiantatosi in una delle torri gemelle... Penso che sia molto strana come cosa!!!

Scusami, ma non ti seguo. Quale sarebbe la coincidenza inspiegabile? Hanjour ha preso la licenza proprio allo scopo di condurre una missione suicida l'11/9. Questo conferma quanto diciamo da 6 anni.


In più tengo a precisare proprio a lei sig. PAOLO che molti studiosi affermano l'incontrario di quello che ha dichiarato lei nelle interviste e cioè che prima del caso delle torri gemelle, mai nessun grattacielo in acciaio protetto sia potuto crollare in quel modo.

Completamente falso.

Leggi cosa dicono gli esperti:

http://undicisettembre.blogspot.it/2006/07/i-collassi-del-wtc-un-mistero-che-non.html
http://undicisettembre.blogspot.it/2007/06/wtc-mega-esperti-demoliscono-la.html
http://undicisettembre.blogspot.it/2011/01/intervista-danilo-coppe-esperto-di.html


E questo nè prima nè dopo l'attentato,e anche non tendendo conto di tutto quello che gira sul web, il dubbio che qualcosa all'interno delle torri c'era è cio ke sorge in tutti noi!!!Se no un crollo così sarebbe stato impossibile parole di esperti.

Assolutamente no. "tutti noi" è solo uno sparuto gruppo di creduloni. Danilo Coppe non è d'accordo con te, e lui di esplosivi e crolli ne sa sicuramente più di te.

Ho risposto solo perché hai usato toni accettabili ma non posso perdere 15 minuti ogni volta a rispondere a chi pone domande che hanno già risposte da anni e tutte catalogate nelle FAQ.

Hammer ha detto...

F89,

dimenticavo questo:

http://undicisettembre.blogspot.it/2007/09/ingegnere-delluniversit-di-cambridge.html

Come vedi gli esperti non hanno dubbi sui crolli delle TT.

brain_use ha detto...

Mi permetto di aggiungere un dettaglio, visto che ultimamente è di moda citare sedicenti "esperti".

Fino ad ora il tenore dei suddetti "esperti" è questo:
http://undicisettembre.blogspot.it/2010/07/tom-sullivan-e-i-demolitori-demoliti.html

Niente pubblicazioni scientifiche, niente articoli tecnici, niente studi sottoposti a peer-review.

Solo chiacchiere sul web.
Chiediti come mai.

frida kaldo ha detto...

Buongiorno, premetto che sono una scettica della primissima ora, ovvero dalle 19 dell'11.9, quando fu reso noto che in un'auto parcheggiata in non ricordo quale aeroporto, era stato trovato il "testamento del martire". Ricordo l'ora perchè inviai a un amico giornalista una mail perplessa. Perciò la materia ha continuatoo, negli anni, a interessarmi. Qualche anno fa mi sono imbattuta nel servizio fotografico di Sonnenfeld, con gli scatti realizzati all'interno di ground zero. Ricordo in particolare uno scatto dove un fireman stava accanto al troncone di una colonna portante e sia nel pavimento che nel soffitto era visibile un buco di forma circolare proprio intorno alla colonna. Salvai in una cartella molti di quegli scatti e qualche anno dopo, durante una discussione, cercai quel servizio su internet per scoprire che le foto erano state rimosse. Oggi si trovano solo la foto della turbina, di una colonna che appare spezzata in modo netto, come segata e il particolare dell'edificio 7 con la colonna che esce dal muro piegata. Perfino dalla mia cartella erano spariti tutti gli altri scatti, ma questo immagino sia accaduto per mia sbadataggine. Ora le chiedo perchè quelle foto sono state rimosse?
grazie

Paolo Attivissimo ha detto...

Frida,

il tuo commento è molto ingarbugliato, ma provo a rispondere.


Ricordo in particolare uno scatto dove un fireman stava accanto al troncone di una colonna portante e sia nel pavimento che nel soffitto era visibile un buco di forma circolare proprio intorno alla colonna

Non ho capito cosa intendi con "un buco ... intorno alla colonna". I buchi stanno dentro gli oggetti, non intorno. Puoi chiarire?


Salvai in una cartella molti di quegli scatti e qualche anno dopo, durante una discussione, cercai quel servizio su internet per scoprire che le foto erano state rimosse

Succede. Internet è un luogo mutevole. Non è detto che la scomparsa di una foto sia un sintomo di complotto. Magari viene rimossa per problemi di copyright o legali (vedi gli articoli su Sonnenfeld in questo blog).



Oggi si trovano solo la foto della turbina

Quale turbina?

di una colonna che appare spezzata in modo netto, come segata

E se fosse stata tagliata dai soccorritori _dopo_ il crollo? Di questi tagli post-crollo ci sono molte documentazioni.


e il particolare dell'edificio 7 con la colonna che esce dal muro piegata

Dal muro di cosa? Del 7?


Ora le chiedo perchè quelle foto sono state rimosse?

Per poter rispondere, prima di tutto bisognerebbe identificare bene le foto. Poi bisognerebbe indicare con precisione i siti dai quali sarebbero stati rimosse. Mancando questi dettagli, rispondere è impossibile.

Prima si dimostra che è avvenuta la rimozione, poi ci si interroga sul perché.

Detto questo, posso solo fare una considerazione: rimuovere delle foto (ammesso che sia successo) non cambia i fatti, i reperti, le testimonianze.

Giovanni Fadda ha detto...

Sono un ingegnere di cinquantasei anni ed è da parecchio tempo che leggo su internet le tesi dei complottisti e quelle dei debunkers. Non ritengo di essere un credulone e quando ascolto l’esposizione di una tesi cerco sempre di valutare se essa è più o meno in contrasto con le mie cognizioni tecniche. Non mi interessa entrare nei dettagli dei fatti ma volevo esprimere la sensazione che ho provato valutando l’approccio ai fatti delle persone che sostengono le tesi contrapposte. La cosa che trovo più indisponente è l’atteggiamento di Voi debunkers che accettate tutto delle versioni ufficiali e lo difendete strenuamente con un atteggiamento di sicumera veramente incredibile. Possibile che non abbiate un solo dubbio ma, anzi, trattate come deficienti coloro che vi pongono delle domande legittime? Perché è legittimo porsi delle domande su quello che è successo quel giorno, mi riferisco all’undici settembre. Però, visitando i vostri blog e leggendo le vostre risposte, spesso sprezzanti nei confronti di chi vi pone vari interrogativi, rimango esterrefatto.
Mi chiedo se siete in buona fede ed in tal caso quale sia la vostra missione. Non dico che si debba dubitare di tutto ma anche non avere dubbi mi sembra tutt’altro che razionale e non rispondente ad un minimo di buon senso.
Il discorso può tranquillamente essere esteso anche ad altri fatti come l’omicidio di Kennedy e la discesa sulla luna, tutto chiarissimo, limpido e lampante. Avere dubbi non rientra fra le opzioni possibili. I miei complimenti per il vostro impegno nello svolgimento della missione, i cui fini non riesco davvero a cogliere, ma questo è sicuramente un mio limite.

Paolo Attivissimo ha detto...

Giovanni,

La cosa che trovo più indisponente è l’atteggiamento di Voi debunkers che accettate tutto delle versioni ufficiali

Non è così. Se avrai la pazienza di leggere più approfonditamente, noterai che noi abbiamo segnalato anche gli errori della “versione ufficiale" (parola chiave "UPS", per esempio).

Non accettiamo affatto tutto. Valutiamo la plausibilità tecnica delle varie asserzioni. Tutto qui. Se le tesi alternative risultano implausibili e quelle "ufficiali" invece hanno senso, non è colpa nostra. Presentare i fatti non è supponenza o sicumera.


Possibile che non abbiate un solo dubbio ma, anzi, trattate come deficienti coloro che vi pongono delle domande legittime?

Vedo che ci giudichi senza neanche aver letto le FAQ, specificamente la FAQ 6.1.4, che risponde proprio a questa critica fasulla ma ricorrente.

E le altre FAQ spiegano quanto è sbagliato parlare di "versione ufficiale". Ti invito a leggerle, prima di farti un'opinione.

In quanto a trattare da deficienti, non è colpa nostra se i complottisti teorizzano vernici magiche da demolizione o raggi di microonde dallo spazio. Se dicono cose da deficienti, la colpa è soltanto loro. Noi abbiamo l'unica colpa di farlo notare.

Paolo Attivissimo ha detto...

Roberto Santoro,

se pensi che i tuoi commenti (respinti) con avvertimenti di stampo mafioso possano far cambiare idea a me o ai miei colleghi, i tuoi sforzi sono del tutto inutili e non fanno che testimoniare ancora una volta la pochezza delle persone che sostengono le tesi complottiste: sai solo minacciare da dietro il pavido paravento di un computer.

Sei così coraggioso che non metti neanche la foto nel tuo profilo Blogger. Complimenti davvero. Se hai qualcosa da dire, abbi almeno la dignità di metterci la faccia. A proposito, questa è la mia. Guardala bene.

mimmo123liberocittad ha detto...

Voglio dire una cosa!
All'inizio ero molto scettico sulle spiegazioni fornite da Attivissimo! Ma lo ero per un semplice motivo: ero super convinto della versione "alternativa" e non riuscivo a leggere le sue argomentazioni con la mente libera e in maniera oggettiva! Ad oggi, rileggendo meglio e facendo mente libera, devo ammettere che ciò che lui riporta ha un senso ed è ampiamente argomentato!
C'è di più: se finora avevo creduto che c'erano troppi comportamenti illogici da parte dei terroristi accompagnati da molte stranezze, mi sono accorto che in realtà i comportamenti illogici ci sarebbero stati proprio da parte di chi dall'interno avrebbe organizzato l'attentato (se vogliamo prendere come buona l'ipotesi dell'inside job)! Poteva esser fatto tutto in maniera più "tranquilla", senza andarsi a complicare la vita e rischiare di essere scoperti!
Mi spiego meglio: perchè mettere esplosivo nelle torri? Qualcosa poteva andare storto, una torre (o parte di essa restare in piedi e l'esplosivo sarebbe stato scoperto! I due aerei bastavano!
Perchè al pentagono non far schiantare l'eventuale drone tele-comandato sul tetto? Rasoterra era un rischio, e sul tetto sarebbe stato tutto molto più "ovvio" e "tranquillo"!
Perchè, se vogliamo credere al missile... lanciare un missile? Molto meglio, appunto, un bel drone e hai risolto il problema! Se sei capace di organizzare un attentato simile hai anche i mezzi per procurarti un aereo di linea non in un uso da far schiantare!
Perchè mettere una bomba in pensilvenia e non aggiungere insieme alla stessa due motori di un boing e un pò di pezzi di aereo?
Ma poi: c'hai il pentagono e le torri, hai una dichiarazione di guerra bella e buona: a che serve un buco vuoto in una campagna che pone solo dubbi?
Diciamo che se qualcuno ha avuto la capacità dall'interno di fare un lavoro cosi complicato, è strano che poi si sia perso in semplici dettagli cosi ovvi!
Alcuni sostengono che i terroristi non erano capaci di preparare questo attentato; ecco, anche solo volendo rimanere sulla logica, io credo che chi l'ha organizzato dall'interno aveva metodi molto migliori e liberi da ogni dubbio!

mimmo123liberocittad ha detto...

Hem, mi correggo: "chi l'avrebbe preparato dall'interno", non "chi l'ha preparato"!

Ghingo ha detto...

Caro Attivissimo una domanda che nonostante tutto in 12 anni non ha trovato risposta convincente è questa : perchè gli aerei non sono stati intercettati? In un video della tua conferenza stampa spieghi che i transponder disattivati fanno scomparire gli aerei. Ma questo cozza decisamente con la ricostruzione (anch'essa supportata da ottimi tecnici) della strage di Ustica, dove i radar invece vedono dei velivoli non identificati ( a causa del transponder spento) ma non per questo invisibili. Mi fai capire? Grazie

brain_use ha detto...

A dire la verità, Ghigo, la domanda ha già trovato ampia risposta da anni.

Vedi, per approfondire, Radar e transponder spiegati da un esperto e I caccia dell'11 settembre

vincenzo ha detto...

Mi piace il vostro metodo,piu' ancora del merito, e' la cosa piu' importante, e' un fatto di civilta'.Vi faccio una domanda molto a volo alto,infatti fin dal primo collegamento tv, quel giorno, ebbi la mia idea,ma mi guardai dal calarmi nello specifico, non essendo addetto ai lavori.Non parteggiai ne' per i complottisti ne' per i debunkers,e rivendicai il mio diritto e dovere di non farmi troppo coinvolgere da un evento che,magari proprio perche' punta di un iceberg di dinamiche storiche profonde,come dite voi,(ma gia' allora ,prima di quel giorno,l'iceberg c'era e si sapeva),non volevo fosse per me stravolgente, emozionante,impattante,come si dice.Insommá,nel rispetto delle vittimé,ma di ogni tempo, respinsi il clamore esasperato.Anche ora.I n questi giorni,ho apprezzato i resoconti di Giulietto Chiesa sulla crisi in Ucraina,e da cosa nasce cosa...sono giunto sul vostro blog.Chiaro che molti complottisti che si sono lanciati con leggerezza su questioni specifiche,probabilmente non erano interessati a i dettagli tecnici, ma traevano sicurezza da convinzione precedenti, di tipo storico.Cio' non toglie che sono stati leggeri ed emotivi.Pero' vi domando,a prescindere dalle idee che ciascuno poteva avere gia' prima di quel giorno,non credete che sia impossibile smontare la tesi complottista,nel senso che questa non richiede nessuna delle velleitarie prove portate dai complottisti e smontate,in quanto puo' volare molto piu' in alto? nella Storia?E piu' a fondo puo' scendere,anche voi dite che quel giorno fu la punta di un iceberg,fatto, aggiungo io, di futuro ma anche di passato.In concreto,vi sembra che un terrorista normale,che miri alla leadership tra le masse islamiche,e sapendo di essere in minoranza nel mondo arabo e nei media arabi,e piu' ancora presso i media occidentali,si comporti come bin laden, facendo fughe in avanti e gesti isolati controproducenti,e continui a perseguire un bersaglio noto, le torri, a rischio di farsi scoprire e smantellare tutta l'organizzazione,o piuttosto non si comporterebbe come ,p. es.Arafat, cioe' rafforzandosi gradualmente sul territorio,anche con l'uso del terrorismo, ma su scala locale, ridotta,a fini interni?In fondo, in quel modo,dopo molti anni fu ricevuto perfino dal Papa,per dire.Davvero e' plausibile un terrorista che lavora piu' sulla psicologia delle masse occidentali,senza avere in mano i media occidentali,che su quella delle masse arabe,divise,e senza avere in mano granche' neanche dei media arabi?Forse soffriva d'impotenza?

Hammer ha detto...

Vincenzo,

mi dispiace ma la risposta alla tua domanda è: no.

Non penso che il complottismo non possa essere smontato. Il complottismo a livello storico prevede che Pearl Harbor e l'11/9 siano stati autoattentati, che l'uomo non sia mai stato sulla Luna, che JFK sia stato ucciso dai servizi segreti…. tutte queste cose sono state smontate. Quindi la risposta è negativa.

Per quanto riguarda le tue considerazioni su bin Laden ci sono numerosissimi riscontri sul fatto che quell'uomo fosse davvero a capo di un'organizzazione terroristica che ha compiuto attentati contro obiettivi occidentali. Prova a leggere qualche libro di giornalisti seri (ribadisco, giornalisti seri, non Giulietto Chiesa) tipo Peter Bergen o Jason Burke e vedrai che le fandonie di Chiesa e del suo entourage si basano sul nulla.

vincenzo ha detto...

´mFDAHammer, ti ringrazio, ma la tua risposta non coglie esattamente nel segno di quanto forse ho espresso male.Non parlo di complottismo storico,e non erigo il complottismo storico a rappresentante di noi,per cosi' dire, in questo caso, "minoranza silenziosa",non schierata.Quelli affermano, e vengono smentiti,quindi concedono il ´mFDA´mFDA´mFDA´mFDAcontropiede, calcisticamente parlando, e si prestano a una operazione propagandistica filo Nato e filooccidentale. Ma devi concedermi che niente li obbliga ad affermare che ,p.es.,JFK sia stato ucciso dai servizi segreti.Nessuno li obbliga a improvvisarsi in un mestiere che non e' il loro.Cosa intendete col termine "autoattentato"?Sarebbe troppo riduttivo il senso letterale,e' evidente,cosi' come e' riduttivo limitarsi a ricordare che e' esistito un personaggio con quel nome che ha fatto parte di un'organizzazione terroristica.Limitarsi a questo e' gia' un buon lavoro,da parte vostra, ma e' solo la parte piu' facile,che non basta per eventualmente costruirci sopra un sillogismo valido e corretto.Sillogismo corretto richiede non solo che le prove dei complottisti siano false, ma che la versione ufficiale sia vera e sopra tutto intera.Avete provato a "smontare "il film del regista Martinelli "Piazza delle 7 lune?",dove si parla di Hiperion"? Provate.Portate una vostra verita' intera, plausibile, che stia in piedi da sola, senza appoggiarsi su debolezze altrui.Affrontate tutte le obiezioni e non solo quelle dove capite di poter avere gioco facile.Io non sono difensore di Chiesa,lo conosco poco, anche se mi sembra comunque, sicuramente e purtroppo, nettamente superiore alla media dei giornalisti, e ci vuole poco,me lo dovete concedere,...non m'iscrivo ai complottisti storici, ma al club dei sessantenni che da decenni riflettono con la loro testa.Forse pensate che Chiesa stia dicendo fesserie sulla crisi ucraina?Perche' non e' cosa fuori tema, e' tutto collegato.Capisci che se scrivete che Asckot ,se parte di un complotto,non aveva bisogno di essere allarmato genericamente circa i voli ,perche' doveva sapere con precisione quali voli evitare....fate una caricatura, date una visione riduttiva dell'intelligenza dei complottisti eventuali..Perche' bene o male, quelli hanno spiegato com'e' la struttura realistica ,in un complotto,reale o inventato che sia.I piu' sanno una parte, non l'intero.Studiatevi la struttura delle bierre,a cui arrivavano soldi senza sapere da chi e perche',e anche direttive di breve.Quanto a bin laden,se non volete considerarlo un pazzo privo di senno,non ha senso ipotizzare strategie improbabili di terrorismo, che non poteva portare da nessuna parte,bensi' analizzare l'interesse saudita nei confronti di iraq, di siria attuale, di iran e di asia centrale, e l'alleanza storica con gli usa.E lo sapete, credo, che Erdogan,turco ma tutto il mondo e' paese,anche se non ancora Nato, ha fornito il sarin ai ribelli siriani, mercenari compresi, che l'hanno usato per inguaiare Assad e provocare intervento Nato.Obama lo sa.Oppure volete parlare della Libia ,del suo popolo e di Gheddafi?Della Cambogia,dell'incidente del Tonchino,dei subprime,degli arbitrati finanziari,delle agenzie di rating...intendiamoci, la gente ha bisogno di essere educata a ragionare,e al bando la demagogia, ma purtroppo non sembra questo lo stile ne' il fine dell'impero mediatico e della civilta' delle immagini sparate addosso allo spettatore con violenza e velocita' tali da non lasciarlo riflettere.Saluti.

Hammer ha detto...

Vincenzo,

pubblico il tuo commento anche se faccio veramente fatica a capire dove vuoi arrivare perché è troppo contorto e tocca troppi argomenti sconnessi.

Chiesa,lo conosco poco, anche se mi sembra comunque, sicuramente e purtroppo, nettamente superiore alla media dei giornalisti, e ci vuole poco,me lo dovete concedere

No, non te lo concedo. Chiesa è uno sparaballe professionista. Cerca su questo blog Zerobubbole e la recensione di Zero2. Leggile, poi ne riparliamo.


Forse pensate che Chiesa stia dicendo fesserie sulla crisi ucraina?Perche' non e' cosa fuori tema, e' tutto collegato.

E invece è proprio fuori tema, scollegato e non c'entra nulla.


Quanto a bin laden,se non volete considerarlo un pazzo privo di senno,

Non siamo noi a considerarlo così, ma chi ha fatto indagini e/o lo ha conosciuto personalmente. Ti faccio presente che Omar bin Laden (suo figlio!) ha scritto un libro che conferma che bin Laden è un terrorista e che ha compiuto gli attacchi dell'11/9. Ne sai più tu di Omar bin Laden? Anche il governo pakistano lo ha confermato. Ne sai più tu del governo pakistano? Lo ha confermato anche al Qaeda e anche il genero di Osama, Sulaiman Abu Ghaith. Ne sai più tu anche di loro?

Ripeto il mio precedente invito, leggi i libri di Peter Bergen e vedrai gli esiti della ricerca di chi una ricerca su OBL l'ha fatta davvero. Non Chiesa che si diverte a dire scempiaggini dal divano di casa.

Hammer ha detto...

Vincenzo,

ho rifiutato il tuo commento perché non c'entra nulla con l'argomento di questo blog che è l'11/9.

Se vuoi proseguire la discussione sei benvenuto, però per favore resta in tema e non scrivere commenti confusi e chilometrici ma concentrati su un argomento senza divagare.

vincenzo ha detto...

Hammer, d'accordo, su Chiesa vado subito a leggere,grazie.Ma quanto ha scritto Fripper non va lasciato cadere,perche' farlo ,perdonami,da' l'impressione di non essere tra ricercatori, ma tra avvocati.,o tra commercianti,entrambe categorie con un interesse preciso.Se non e' cosi',´e probabilmente non lo e',hai l'occasione di dimostrarlo.Su bin laden provero',ma rimane che il móvente,e il cui prodest,sono oggettivaménte deboli,se non inseriti nel contesto generale, e comunque la Storia ha dimóstrato che bin laden, per l'impero américano,e per i suoi veri obiettivi, se non c'era bisognava inventarlo.Aver collegato Bin Laden a Hussein,a livello d'immaginario popolare,attraverso i media, e le ménzogne truffaldine di Colin Power,sull'onda del 11/9 saranno pure questioni fuori tema, e rifiuta pure il commento, ma certamente meritano di essere esaminate in un altro capitolo della Storia.Buon proseguimento.

Hammer ha detto...

Vincenzo,

alle motivazioni di bin Laden è dedicato l'ultimo capitolo del libro "Holy War, inc" di Peter Bergen (disponibile anche in italiano).

Se hai pazienza, ma devi averne tanta, prima o poi ne scriverò una recensione su questo blog.

vincenzo ha detto...

Zerobubbole e' cosa buona e giusta,solo un piccolo particolare correggerei,secondario, nel senso che Fo, come ho inteso io, non dice che i progettisti delle Torri hanno sbagliato,nel calcolare la struttura necessaria a reggere l'impatto di un aereo,ma mi sembra che parta da questo per sostenere che devono aver calcolato anche che l'aereo sarebbe arrivato carico di carburante.Solo dimentica che l'aereo impattante lo hanno previsto in arrivo, come normale,e non in partenza e a pieno carico,perche',negli anni '70 hanno ipotizzato un incidente,e non un dirottamento.´Sullo specifico i miei incoraggiamenti,per il poco che possano rappresentare, non possono che andare ai debunkers.I complottisti purtroppo,quelli in buona fede, hanno sbagliato strada.Mi leggo tutto,Faq e altro.Rimango un "diversamente complottista",fiducioso che il lavoro fatto bene dai debunker,un giorno potra' pure portarli a essere complottisti,se ne avranno gli elementi,ma in un puzzle piu' grande e vasto, nel tempo e nello spazio.Nel frattempo,forse, i complottisti diversamente abili avranno perso interesse per la questione, attratti,come sempre,dalle mode del momento.Buon proseguimento e vogliatevi bene.

Davide Cosentino ha detto...

Ho letto tutto il materiale prodotto in questo sito e vi faccio i complimenti per la completezza della informazioni. Cio' che pero' mi lascia particolarmente perplesso, e' che sembra esserci un unico comun denominatore in tutto cio': smontare le tesi complottiste in "per partito preso", in nome non di una verita' assoluta e testimoniata da prove provate, ma di un tentativo scellerato di schierarsi contro i complottisti faziosamente. Il mio punto di vista e' che le testimonianze sono assolutamente inattendibili, e' che l'unica cosa che parla e' la telecamera che non ha ripreso nulla. Stesso discorso vale per il volo United 93 e per il secondo aereo sul WTC, che gli ingrandimenti mostrano chiaramente essere un aereo militare modificato e non un aereo di linea.
Cordiali saluti
Davide

Hammer ha detto...

Davide Cosentino,

in nome non di una verita' assoluta e testimoniata da prove provate, ma di un tentativo scellerato di schierarsi contro i complottisti faziosamente.

Mi stai dicendo che secondo te noi siamo scellerati e faziosi? Non è il modo migliore per cominciare un dialogo.

Il mio punto di vista e' che le testimonianze sono assolutamente inattendibili

Punto di vista tuo personale e francamente incondivisibile. Fammi capire, Mike Walter, Richard Benedetto e Vin Narayanan (che purtroppo non ha accettato l'intervista) mi hanno confermato di aver visto un aereo di linea e non dovrei crederci. Perché mai?

l'unica cosa che parla e' la telecamera che non ha ripreso nulla.

Ecco la spiegazione: http://11-settembre.blogspot.it/2007/01/dossier-di-11-settembre-le-telecamere.html

In estrema sintesi: telecamere di sicurezza che riprendono un frame al secondo non sono adatte a riprendere un oggetto che si muove a 900km/h

Stesso discorso vale per il volo United 93

Cosa non ti torna sul volo 93? Come faccio a risponderti se non me lo dici?

e per il secondo aereo sul WTC, che gli ingrandimenti mostrano chiaramente essere un aereo militare modificato e non un aereo di linea.

Dai, Davide, siamo seri! Questa è una sciocchezza monumentale! Ci sono testimoni oculari che lo hanno visto con i propri occhi (io ne conosco due) e ci sono persone che hanno ricevuto telefonate dai propri cari sul volo UA175 che stavano per morire. Vuoi dire che quelle persone sono bugiarde? Glielo diresti in faccia?

Mi diresti quali sono questi ingrandimenti che mostrano un aereo di linea? Linkameli in modo preciso.

Davide Cosentino ha detto...

Ciao
intanto grazie per aver pubblicato il mio commento. Sono di frettissima (coincidenza mi aspetta un AA) ma ci tengo a rispondere su un punto, e ci tengo oltresi' a rispondere al resto e ad approfondire la cosa, perche' (non so realmente il motivo) dopo anni di studi sulla questione ho scoperto questo sito da poco e mi ha abbastanza destabilizzato (positivamente, perche' la critica fa sempre bene, aiuta a conoscere e capire). Mi piacerebbe quindi avere la possibilita' di un confronto serio e maturo con te/voi, se possibile.
Non volevo darti/vi degli "scellerati", assolutamente, un enorme lavoro come questo va solo premiato ed applaudito perche' frutto di studio e passione per la verita', anche da un punto di vista opposto e criico, appunto.
La questione del secondo aereo e' la seguente: come tu/voi date per buona la testimonianza di XYZ sia per il Pentagono sia per il secondo aereo, alla pari io posso dare per buona la signora che urla "It wasn't an AA", concordi?
Per quanto riguarda la telecamera, grazie per il link appena ho tempo lo verifico.
Per quanto riguarda lo United 93, per me e' un buco nero, ma mi riprometto di approfondire.
Ti dico pero' una cosa, mi avete fatto riflettere, sono pronto a mettere in discussione le mie teorie decennali grazie al vostro lavoro.
Per chiudere, sempre per quanto riguarda il mio improvvido commento, intendevo dire che noto un accanimento "politico" nei confronti di Chiesa & C, una posizione troppo filoamericana per partito preso. Se mi sbaglio, sono sempre pronto ad inchinarmi alla verita'. Saluto e spero di poter dialogare con te ancora.
Ciao
Davide

Hammer ha detto...

Davide Cosentino,

La questione del secondo aereo e' la seguente: come tu/voi date per buona la testimonianza di XYZ sia per il Pentagono sia per il secondo aereo, alla pari io posso dare per buona la signora che urla "It wasn't an AA", concordi?

Mah... guarda, Mike Walter lo conosco di persona, conosco la sua famiglia e lo sento regolarmente. Non ho lo stesso rapporto con Benedetto o Narayanan, con il primo ho parlato solo via Skype, con il secondo di persona al ristorante. Con questi ho parlato e ho chiesto loro cosa hanno visto, mi hanno confermato personalmente e guardandomi negli occhi di aver visto un volo AA. Ho potuto chiedere loro dettagli e questi sono coerenti.

Non posso metterli sullo stesso piano di una persona che non so come si chiami, non so chi sia e a cui non posso chiedere approfondimenti. Considera anche che i danni e i resti trovati al Pentagono sono coerenti con un Boeing 757 e non con altro.



Per quanto riguarda lo United 93, per me e' un buco nero, ma mi riprometto di approfondire.

Prima di inziare a studiare per Undicisettembre pensavo anche io che fosse stato abbattuto, poi però sono emersi altri dettagli che trovi qui:

http://attivissimo.blogspot.it/2006/04/119-aggiornamenti-dal-processo.html
http://undicisettembre.blogspot.it/2009/04/united-93-una-foia-di-troppo.html

e mi sono ricreduto. Considera che ci sono stati altri casi di schianto verticale in passato e il risultato è molto simile a UA93


Per chiudere, sempre per quanto riguarda il mio improvvido commento, intendevo dire che noto un accanimento "politico" nei confronti di Chiesa & C, una posizione troppo filoamericana per partito preso.

Capisco il tuo punto di vista. Guarda, posso capire che sembri così però le nostre idee politiche non cambiano il fatto che l'acciaio a 600 gradi si indebolisce e non regge la struttura sovrastrante o le dimensioni del foro sulla facciata.

Inoltre considera che Undicisettembre è composto da 11 persone con idee politiche diverse. Qualcuno di noi può essere filoamericano, ma non necessariamente tutti.


Saluto e spero di poter dialogare con te ancora.

Sei benvenuto su queste pagine e anche in privato, se vuoi. Trovi la mia email sul mio profilo di Blogger.

Daniele ha detto...

Scusatemi, ma da qualche giorno su Facebook gira questo:
http://www.meteoservice.net/un-dossier-di-architetti-e-ingegneri-sconvolge-gli-stati-uniti-le-torri-del-wtc-distrutte-da-cariche-esplosive/
E' relativo ad un nuovo dossier della Architects & Engineers for 9/11 Truth presentato nel settembre 2015.
Non riesco a capire se porta elementi nuovi rispetto a quelli da voi già analizzati (si veda http://undicisettembre.blogspot.it/2006/06/faq-62-le-obiezioni-ai-debunker-le.html)
Ritenete che sarebbe utile esaminare anche questo?
Mi piacerebbe avere elementi per rispondere ai miei contatti che continuano a condividerlo.
Grazie e buon lavoro!

Paolo Attivissimo ha detto...

Daniele,

Personalmente non credo che sia utile esaminare quest’ennesimo scritto di AE911: se contenesse qualcosa di davvero sostanzioso, quelli di AE911 lo sottoporrebbero per la validazione e la pubblicazione a una rivista scientifica specializzata. Se non lo fanno, vuol dire che è l'ennesimo concentrato di aria fritta.

Ho poco tempo per seguire ogni parto letterario di tesi alternative, per cui la mia posizione è questa: il giorno che qualcuno pubblicherà una tesi alternativa sull'11/9 in una rivista tecnica qualificata e soggetta a peer review, come si fa in tutti gli altri campi della scienza, allora varrà la pena di parlarne. Fino a quel momento non ha senso investire tempo e risorse.

Ai tuoi contatti che continuano a condividerlo dovresti chiedere come mai si fidano di questo dossier non validato da nessuno e invece non si fidano degli articoli scientifici validati che confermano la ricostruzione comunemente accettata degli eventi. Coerenza, questa sconosciuta?

Infine, sull'asserzione che quel dossier "sconvolge gli Stati Uniti" calo un velo pietoso. Negli Stati Uniti sono stufi marci di questi complottisti che strillano da quattordici anni e in quattordici anni non sono riusciti a presentare una sola prova di quello che dicono.