2009/08/31

George Clooney, debunker involontario

di Paolo Attivissimo

Segnalo brevemente il prossimo film con George Clooney, The Men Who Stare at Goats: la storia, tragicomicamente vera, di quando i militari USA finanziarono la ricerca sui presunti poteri paranormali, credendo di poter creare una stirpe di guerrieri con superpoteri di precognizione, persuasione e uccisione a distanza. Credevano seriamente di poter uccidere le capre con la forza del pensiero (da cui il titolo), semplicemente fissandole.

Come già accennato in altre occasioni, uno dei membri di questa stirpe, quello che nel trailer del film cerca di attraversare un muro usando i suoi poteri psichici, è Albert Stubblebine: uno degli esperti citati da Giulietto Chiesa e da Massimo Mazzucco a supporto delle teorie di complotto sull'11 settembre.



Già faceva ridere amaramente immaginarsi la scena descritta nel libro omonimo (in italiano s'intitola Capre di guerra), ma vederla rende ancora più forte l'impatto, se mi passate il gioco di parole.

E questi sarebbero gli esperti dei complottisti?

5 commenti:

Iblis_the_logic_daemon ha detto...

Il trailer sembra molto divertente (e, se ho capito bene, Jeff Bridges dovrebbe essere Stubblebine!).

Mi sorprende che l'esercito americano abbia veramente destinato uomini e mezzi (per quanto limitati) a un programma così assurdo. Per capire che si tratta di follie ridicole serve solo un pizzico di razionalità: come ha fatto Stubblebine a far andare avanti, sia pure per poco, il suo programma?
Se fossi americano mi infurierei non poco pensando che c'è chi ha finanziato con fondi pubblici queste scemenze...

Vittorio ha detto...

Dalle mie personali conoscenze (i parenti di mio fratello che vive e lavora negli States) gli americani sono ingenui per certe cose ed estremamente smaliziati per certe altre. Sentendo e conoscendo il loro modo di pensare si può capire come mai possa succedere che programmi come quello dell'uccisione col pensiero sia potuto andare avanti. Agli americani in generale ed ai vertici in particolare non interessa come ottieni qualcosa (anche se questa cosa a prima vista pare assurda e come dici irrazionale), l'importante è che la ottieni. Se lavori in un centro di ricerca sperimentale sull'intelligenza e riesci a convincere il tuo capo che le donnine nude che guardi di nascosto sono in realtà uno studio per capire quanto sono intelligenti le persone dalle dimensioni dell'ombelico lui ti dirà: "Bravo, continui pure, anzi ha bisogno di aiuto?"...

yari.davoglio ha detto...

Iblis_the_logic_daemon, al di là dei Paesi e della mera moneta, io mi rattristo perché siamo ancora in questo sistema che ha le guerre nel proprio DNA...

Iblis_the_logic_daemon ha detto...

@yari:

Purtroppo è dal Neolitico che la guerra fa parte delle dinamiche delle società umane, e non credo che sparirà molto presto.

L'unico modo che finora è riuscito a scongiurare un conflitto è l'escalation militare, che ha reso una eventuale guerra fra USA e Unione Sovietica troppo costosa per tutte e due le parti, quindi credo che le spese militari saranno un componente essenziale degli investimenti statali per molto tempo. C'è da sperare che siano quantomeno investimenti sensati.

Comunque siamo OT. ;)

@Vittorio:

Sì, capisco la logica pragmatica degli investimenti, ma l'esercito è solitamente un'associazione conservatricee queste idee "eccentriche" non hanno largo spazio. Mi chiedo se Stubblebine e i suoi non avessero degli "agganci" politici, visto che hanno operato negli anni Settanta, quando la spesa pubblica americana era schizzata alle stelle.

brain_use ha detto...

Per dirla tutta gli americani non erano soli nel finanziare ricerche sul paranormale, in quegli anni.

Si era in piena guerra fredda e la semplice possibilità che ci fosse qualcosa di realizzabile in questo campo avrebbe aperto scenari di potere incredibili.

Si era, inoltre, in un'epoca in cui le spese per la difesa non soffrivano dei tagli dovuti alla scarsità delle risorse disponibili in economie asfittiche come quelle cui siamo ormai tristemente abituati nella nostra epoca.

Certo, viste con gli occhi di oggi, certe ricerche sono paradossali. Persino risibili.
Ed è significativo che solo personaggi intrisi di quel tipo di approccio siano disposti a dare credito alle farneticazioni dei cospirazionisti.