2008/09/24

Corsi e ricorsi: i caccia di Andrews

di John - www.Crono911.org

Un recente articolo dell'Herald Tribune intitolato Real Heroes, Fake Stories ("Veri eroi, finte storie") ci offre l'occasione per proporre alcune riflessioni sul modo in cui il trascorrere del tempo induce a far confusione tra fatti e vicende dell'11 settembre e a ripercorrere strade già abbondantemente esplorate anni addietro.

L'Herald Tribune ci racconta la storia di un pilota da caccia della base aerea di Andrews, il Maggiore Billy Hutchison, che al rientro da una missione addestrativa la mattina dell'11 settembre apprese che il volo United 93 stava puntando su Washington D.C. e pertanto decise di tornare in volo per intercettarlo, armato di poche munizioni da esercitazione e con i serbatoi a corto di carburante. La storia vuole anche che Hutchison, pronto a schiantarsi con il proprio caccia contro United 93 se necessario, riuscì a inquadrare il velivolo dirottato sul proprio radar.

Alla fine, l'Herald Tribune rivela la verità: la storia è falsa e quei volponi dei suoi giornalisti l'hanno scoperto leggendo attentamente il Rapporto della Commissione d'Inchiesta sui fatti dell'11 settembre, dal quale si evince che Hutchison decollò dopo che United 93 era già precipitato.

Bene, bravi i giornalisti dell'Herald, ma è davvero difficile credere che Hutchison abbia potuto spacciare una simile corbelleria.

Innanzitutto il Rapporto della Commissione è stato pubblicato nel 2004, quindi la successione cronologica dei fatti è ben documentata da un bel po' di tempo.

Ma la cosa più sconcertante è che Aviation Week, già dai primi di settembre del 2002, pubblicava una dettagliata intervista ai piloti della base aerea di Andrews, dalla quale risultava in maniera molto chiara la sequenza dei fatti. Hutchison fu veramente inviato verso Washington a intercettare United 93, senza munizioni e con pochissimo carburante a bordo, circostanza che non lascia aperte molte ipotesi sul modo in cui avrebbe potuto fermare quell'aereo.

I caccia della base di Andrews (compreso, ma non solo, quello di Hutchison), spiega Aviation Week, arrivarono sulla capitale dopo i caccia di Langley, e quindi dopo le 10.00.

Anche i tracciati radar (recentemente resi pubblici) mostrano che Hutchison e gli altri piloti di Andrews arrivarono su Washington dopo le 10:38, quando United 93 si era da tempo distrutto in una campagna di Shanksville.

Il motivo per cui Hutchison (e molti altri protagonisti di quella giornata) credettero di poter intercettare United 93 sta semplicemente nel fatto che la FAA continuò a tracciare la rotta in avvicinamento del velivolo, ben dopo che questo era precipitato, basandosi su una proiezione grafica e non sull'effettiva posizione dell'aereo.

Probabilmente Hutchison agganciò qualcos'altro sul proprio radar: forse il jet privato inviato dal controllo aereo a sorvolare l'area in cui era sparito United 93.

Hutchison non è stato l'unico a essere stato indotto in errore dalla proiezione di rotta della FAA: il Ministro dei Trasporti Mineta, ad esempio, ha sempre sostenuto che quell'aereo in avvicinamento fosse addirittura il volo American 77, che invece sappiamo essersi schiantato contro il Pentagono ancora prima (link).

E l'Herald pecca di un altro giudizio superficiale quando "scopre" che non fu Mineta a dare l'ordine di far atterrare tutti gli aerei civili in volo sugli Stati Uniti, ma fu il manager della FAA Ben Sliney.

Le due cose sono entrambe vere: la FAA aveva ordinato di far atterrare tutti gli aerei, lasciando però ai piloti un certo margine di discrezionalità in ordine a tempi e modalità per eseguire l'ordine, mentre Mineta intervenne a ordinare che i piloti dovessero atterrare immediatamente senza lasciare loro margini di discrezionalità.

Inoltre Mineta (e solo lui poteva farlo) riuscì a strappare al suo omologo canadese l'autorizzazione a far atterrare sugli aeroporti del Canada i voli intercontinentali in arrivo negli USA: senza questa autorizzazione, i cieli americani non avrebbero potuto essere sgombrati altrettanto efficacemente e tempestivamente.

Le approssimate "rivelazioni" dell'Herald ci rammentano altri episodi: quello di Vanity Fair che annunciò lo scoop delle registrazioni audio delle conversazioni tra militari e centri di controllo aereo (che invece erano state già fedelmente trascritte nel Rapporto della Commissione) o quello della "scoperta" che l'aereo misterioso che sorvolò la Casa Bianca poco dopo l'impatto del Pentagono era un centro di comando volante E-4B (circostanza che invece risulta documentata in articoli e libri pubblicati vari anni prima della "scoperta").

In conclusione: è verosimile che molti testimoni abbiano ritoccato o adattato le proprie storie per millantare comportamenti eroici ed esperienze agghiaccianti... ma prima di sparare a zero su di loro accusandoli di aver mentito deliberatamente, sarebbe opportuno studiarsi a fondo documenti e rapporti, altrimenti si rischia di rimediare figure peggiori.

8 commenti:

Ice_Rocket ha detto...

Bell'articolo.
Un'altro pilota accusato di aver abbattuto UA fu il Maj. Ricky D. Gibney, ND ANG. In realtà egli partì da Fargo a bordo di un F-16B (sto cercando il tail number, ce ne sono due in concorso), per recuperare un funzionario per strada e portarlo ad Albany.

Lessi su un sito comunque, che Marc Sassaville, Lt. Col. DC ANG, leader del primo team che decollò da Andrews, disse che, se fosse stato strettamente necessario, avrebbe tentato una manovra per tagliare un ala a UA93 con un ala del suo F-16A, armato di solo M61A1. Però non ho elementi seri per dare credito a questa fonte.

EmiBro ha detto...

Beh, una raffica di Vulcan ben piazzata avrebbe "fermato" lo stesso l'aereo. Purtroppo, essendo i piloti già determinati a schiantarsi, l'unica possibilità era di farli schiantare in un posto dove non avrebbero potuto fare altre vittime.

Ma questo lo diciamo noi, sapendo cos'è successo.

E*

Ice_Rocket ha detto...

511 rounds di Vulcan, a 6000 rounds/min non assicurano chissà quale opportunità...

EmiBro ha detto...

@ice rocket.

il Vulcan spara raffice controllate da 20-25 colpi... Che vista la velocità, sono molto concentrati. Non bisogna pensare ai moderni Gatling come a delle MG normali, o a quelle dell'800. E tantomeno prendere come riferimento Predator... :D

E*

Ice_Rocket ha detto...

Certo che 25 colpi a 100/s, sono una raffica di un quarto di secondo e c'è da considerare anche il ritardo iniziale tra sparo ed uscita effettiva del colpo che affligge l'M61A1.
Se consideri che i rounds erano TP e non HEI, non lo so perchè non sono un pilota, ma non credo che sia compito facile...

EmiBro ha detto...

Huhmmhmh, credo che cmq il sistema di controllo di tiro ci sia appunto per quello, ma non so se i vari tipi di munizione hanno caretteristiche balistiche particolarmente diverse. E poi la "pelle" di un aereo di linea non è quella di un MiG-31 o un Su-27.

Prendo da GlobalSecurity:


PGU-27/B Target Practice (TP)

The PGU-27/B projectile consists of a steel body with a solid aluminum nosepiece swaged or crimped to the steel body. This cartridge has no explosive filler in the projectile. The cartridge is used in practice firing, for boresighting of weapons, and testing of new guns. The projectile shape and ballistic properties are similar to those of other PGU configuration ammunition.


http://www.globalsecurity.org/military/systems/munitions/pgu-28.htm

Comuque bene non fanno neanche i TP...

E*

Ice_Rocket ha detto...

Paolo, ti segnalo che Touching History di Lynn Spencer racconta la stessa storia per Testy.
Racconta minuziosamente l'inseguimento di Testy come UA93 scomparve dal suo radar.

Ice_Rocket ha detto...

"Probabilmente Hutchison agganciò qualcos'altro sul proprio radar: forse il jet privato inviato dal controllo aereo a sorvolare l'area in cui era sparito United 93."

Chissà, forse il fatto che poi sia sparito indica che il Falcon 20 se ne sia andato a bassa quota.
Non lo so.
Rimane comunque che (a detta di Spencer, che dice di aver intervistato Testy) lo stesso Testy è convinto di aver inseguito UAL93.