2008/06/14

Il Pentagon Memorial cambia l'aspetto del sito

di Paolo Attivissimo. L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Il Pentagon Memorial, la struttura commemorativa dedicata alle 184 vittime civili e militari dell'attacco al Pentagono, aprirà al pubblico tra pochi mesi, l'11 settembre 2008.

L'elemento principale del Memorial sarà costituito da un parco con 184 panche illuminate, situate nella parte di prato del Pentagono sorvolata dal Volo 77 e allineate lungo la traiettoria del velivolo. Le panche saranno disposte in base all'età delle vittime; quelle dedicate ai passeggeri saranno rivolte verso il cielo, mentre quelle dedicate alle vittime che si trovavano dentro il Pentagono saranno rivolte verso l'edificio. La struttura sarà completata da circa 80 alberi. L'immagine qui sopra ne mostra una simulazione.

Il sito militare Pentagon Channel ha pubblicato ieri un video che mostra lo stato dei lavori.



Maggiori dettagli sul Memorial sono disponibili presso Memorial.pentagon.mil, dal quale è tratta quest'immagine digitale del futuro aspetto della struttura.



Questa pianta mostra l'ubicazione del Memorial e gli accessi pedonali che saranno disponibili.



I lavori per la messa in sicurezza del Pentagono post-11/9 hanno comportato modifiche rilevanti anche alle vie d'accesso veicolari che alterano la geografia del luogo rispetto a quella esistente all'epoca dell'attacco. L'immagine qui sotto presenta l'area come la visualizza attualmente Google Earth, in una fotografia che risale a pochi mesi dopo gli attentati. Il prato antistante la facciata colpita è ingombro di strutture erette per una cerimonia commemorativa (all'11 settembre 2001 il prato era libero) e in alto a sinistra si può vedere l'incrocio a quadrifoglio sorvolato dal Volo 77 così com'era all'epoca dell'11 settembre.



La situazione attuale e prevista, visibile qui sotto, è piuttosto differente: verranno eliminati uno dei petali dell'incrocio a quadrifoglio ed il gabbiotto dell'ingresso al parcheggio dal quale fu ripresa l'unica sequenza finora disponibile di immagini dell'impatto.



A partire dall'11 settembre prossimo, il Pentagono sarà quindi visitabile da chiunque per rendere omaggio alle vittime degli attentati. Quelle vittime che, secondo i vari Giulietto Chiesa, Massimo Mazzucco, Alex Jones, Steven Jones e altri sostenitori dell'assenza di un aereo al Pentagono, non esistono.

Ci auguriamo che anche i pochi cospirazionisti statunitensi rimasti colgano l'occasione per recarsi sul luogo, alzare in silenzio gli occhi dal prato del Pentagono e dirigerli lungo la traiettoria del volo American Airlines 77, per notare che la tanto decantata "collina" che secondo loro avrebbe reso impossibile il volo radente pre-impatto è un parto della loro fervida fantasia.

Nel dettaglio mostrato qui sotto e tratto da una fotografia scattata il 2 giugno 2008 (dall'aereo, con buona pace di chi sostiene che l'area sia inaccessibile ai voli) si può vedere chiaramente quanto sia insormontabile la "collina" in questione e si può riscontrare l'attuale mutata configurazione dell'area che fu interessata dall'attentato al Pentagono.



Chi volesse visitare il Pentagon Memorial può chiedere informazioni qui.

27 commenti:

Spinea vivibile ha detto...

Molto interessante.
Stavo cercando di seguire i vari memoriali, ma sono talmente tanti che è dura riassumere il tutto.
Peggio ancora se si considerano tutte le proposte di ricostruzione del WTC.

saluti

studente88 ha detto...

Davvero un bel memoriale, pieno di una simbologia semplice ma necessaria che danno un significato particolare a ogni suo aspetto. Spero di poterlo visitare presto, visto che quando sono andato al pentagono l'ultima volta, stavano ancora lavorando sulla facciata.

p.s. e' impressionante quanto sia grande quest'edificio, per andarci intorno con la macchina (naturalmente sulla strada poco distante) ci sono voluti quasi 10 minuti.

Paolo Attivissimo ha detto...

Studente88, ma come? Hai girato tutto intorno al Pentagono e non hai visto le batterie di missili antiaereo? Eppure Giulietto Chiesa è convinto che ci siano...

Pape ha detto...

Certo che sei ingenuo Paolo. Mi sembra ovvio che siano nascoste, probabilmente sotto il prato. Hai presente Mazinga? Altrimenti, i dirottatori le avrebbero viste, e avrebbero cambiato bersaglio.

Pape

OrboVeggente ha detto...

paolo:
non hai visto le batterie di missili antiaereo? Eppure Giulietto Chiesa è convinto che ci siano...

Il ragionamento corretto di Chiesa è: se a Mosca ci sono e sono grandi come quartieri, allora ci sono anche al Pentagono e sono nascoste sottoterra.

La stessa logica di dire che siccome siamo andati sulla Luna nel 1969 e c'era molto freddo, allora su Mercurio che è più vicino al Sole ci siamo andati nel 1700.

Giuliano47 ha detto...

... e ci sono anche le batterie di missili terra-terra contro i curiosoni che ci gironzolano attorno in auto per quasi 10 minuti.

Paolo Attivissimo ha detto...

La stessa logica di dire che siccome siamo andati sulla Luna nel 1969 e c'era molto freddo, allora su Mercurio che è più vicino al Sole ci siamo andati nel 1700.

LOL. Grazie, Orboveggente: è per commenti come questo che vale la pena di sopportare la marea di insulti nei commenti (quelli che non vengono pubblicati, specialmente quelli di un certo "m.o.n.n.e.z.z.a").

studente88 ha detto...

giuliano47 ha detto...

... e ci sono anche le batterie di missili terra-terra contro i curiosoni che ci gironzolano attorno in auto per quasi 10 minuti.

LOL, pero' non era colpa mia, era il tassista che ha preso la strada piu' lunga per farmi pagare di piu'. Ma devo dire che ero troppo curioso di vedere i cannoni-laser-antiaerei/navicelle spaziali/uccelli/mucche volanti.... quindi non mi sono lamentato.


paolo attivissimo

si in effetti non le ho viste, ma non erano nascoste nelle serrature delle finestre? O magari erano di tipo nano, quindi sono batterie di missili antiaereo che si possono spalmare insieme alla vernice con un pennello... un po' come hanno fatto con la termite, no? :-)

Sarcasmo a parte, ma i cospirazionisti ci sono mai andati nei luoghi interessati? Basta andarci al Pentagono ed essere sorpresi che nessun aereo ci si fosse mai schiantato prima ad ora, visto dove si trova l'aereoporto.
altro che manovre impossibili...

usa-free ha detto...

Mi ricordo che una volta un utente di un ben noto sito cospirazionista era convinto che il Pentagono fosse NEL DESERTO 0_0

Come se il nostro Ministero della Difesa invece di essere a Roma fosse a Perdasdefogu :D

Anonimo ha detto...

Sono sicuro che ciò che ha colpito il Pentagono è un missile transdimensionale lanciato in concomitanza con il passaggio dell'aereo da una dimensione parallela 100 anni avanti rispetto alla nostra (lo sostiene una che via PC scrive nei forum del furuto). L'hanno camuffato da camion esplosivo con le ali, come asseriva Thierry Meyssan e lanciato contro il muro, neanche fosse il camion generatore. Ovviamente dopo l'impatto ciò che restava era qualcosa di informe simile ad un camion generatore squarciato sul tettuccio.
Poi hanno corretto le menti delle persone con trasmissioni televisive, sfruttando i nanochip termitici impiantati dagli illuminati alieni rettiliani, facendo loro credere di aver sentito un Tokamak, al fine di sostenere la teoria dell'boeing schiantato contro il Pentagono, depistando così dalla verità.
Nel frattempo le postazioni antimissile situate sulle tombe degli "unknow" nel vicino cimitero sparavano a salve per dare l'effetto dell'esplosione e dei rottami che si spargevano sul prato.

OrboVeggente ha detto...

usa-free:
Mi ricordo che una volta un utente di un ben noto sito cospirazionista era convinto che il Pentagono fosse NEL DESERTO 0_0

Come se il nostro Ministero della Difesa invece di essere a Roma fosse a Perdasdefogu :D


hehehe!!
Che poi il mito del Pentagono come "edificio più difeso dell'America"...
Il palazzo del Viminale è forse il più militarmente difeso d'Italia?

Spinea vivibile ha detto...

hehehe!!
Che poi il mito del Pentagono come "edificio più difeso dell'America"...
Il palazzo del Viminale è forse il più militarmente difeso d'Italia?
--------------
Se intendi "difeso dalle maledizioni degli italiani", ne dubito fortemente.

OrboVeggente ha detto...

sarcasmo mode on:

La Torre Nord non era difesa da sistemi missilistici, ed è crollata.
La Torre Sud, uguale.
Il Pentagono è stato colpito.
La Casa bianca... Beh è difesa così bene e così efficacemente, che l'aereo che la doveva colpire è caduto addirittura in Pennsylvania.

sarcasmo mode off:

Anonimo ha detto...

La Casa bianca -> ricordo dei pazzi che in bimotore sono atterrati sul prato della casa bianca.
Ricordo male?

Paolo Attivissimo ha detto...

Nel 1974 un elicottero rubato dell'esercito atterrò nel prato senza autorizzazione, pilotato da un militare, e fu poi bloccato a colpi d'arma da fuoco. Il militare sopravvisse.

Nel 1994 un Cessna 150 rubato, pilotato da Frank Corder, si schiantò a pochi metri dall'edificio, nel prato. Corder morì sul colpo.

OrboVeggente ha detto...

e il meraviglioso efficientissimo distruttivo prontissimo super-controllato sistema di sicurezza sovietico...

Nel 1987 non ha impedito che Mathias Rust atterrasse nel centro della Piazza Rossa!!!!!

mother ha detto...

[QUOTE]e il meraviglioso efficientissimo distruttivo prontissimo super-controllato sistema di sicurezza sovietico...[QUOTE]

Erano in pausa caffè?

brain_use ha detto...

Scherzi a parte, anche i sistemi di difesa più sofisticati hanno dei buchi come quello che permise a Rust di atterrare sulla Piazza Rossa.

E, se amplificati dall'effetto sorpresa, possono addirittura permettere a 8 F-16 di attraversare indisturbati l'Iraq fino a Baghdad e tornarsene a casa (Osirak, 1981).

Figuriamoci poi dove l'antiaerea non c'è. ;-)

Paolo Attivissimo ha detto...

Anonimo,

il tuo commento non viene pubblicato perché è di pura polemica.

Visto che non ti è chiaro, te lo scrivo per esteso: qui non si sta facendo umorismo alle spalle delle vittime dell'11/9. Lo si fa nei confronti dei complottisti e delle loro teorie ridicole.

OrboVeggente ha detto...

paolo per anonimo:
qui non si sta facendo umorismo alle spalle delle vittime dell'11/9.

Anzi, perseguendo questo atteggiamento anche in incontro personale, si rischia di vincere un bel massaggio gratuito alle mandibole.
Parlo d'esperienza personale, poi non so come reagiscono altri.

Anonimo ha detto...

"nei confronti dei complottisti e delle loro teorie ridicole".

Tua opinione personale.
A me sembra molto ridicolo questo:

"Ci auguriamo che anche i pochi cospirazionisti statunitensi rimasti colgano l'occasione per recarsi sul luogo, alzare in silenzio gli occhi dal prato del Pentagono e dirigerli lungo la traiettoria del volo American Airlines 77, per notare che la tanto decantata "collina" che secondo loro avrebbe reso impossibile il volo radente pre-impatto è un parto della loro fervida fantasia."


Rispetto a questo:

http://www.luogocomune.net/site/modules/newbb/viewtopic.php?
topic_id=4439&forum=3&post_id=120542#forumpost120542

Da una parte vedo rigorosi documenti.
Dall'altra cartoline e battutine.

Hammer ha detto...

Ben detto, anomino!

Infatti quelli che linki tu sono deliri di chi ha già dimostrato di non avere nessunissima conoscenza di fisica.

Se vuoi dei calcoli precisi li trovi qui:

http://undicisettembre.blogspot.com/2006/08/curve-di-livello-altimetria-del.html

Hammer ha detto...

Anonimo,
tra l'altro l'immagine di Google Earth che compare in quella discussione dimostra proprio che la pendenza è pochissima.

Sono sicuro che l'autore del post non ha neanche capito quali dati sta riportando, altrimenti saprebbe di aver fatto un'autorete spettacolare: sta proprio dimostrando il contrario di ciò che vorrebbe.

Tu sei capace di fare i conti e calcolare la pendenza, vero?

Dai... ti aspetto con i risultati.

Pape ha detto...

La cosa ridicola è che i cospirazionisti proprio dimostrano di non aver imparato nulla in questi anni. Invece di cercare di dimostrare le loro tesi, preferiscono tentare, disperatamente, di debunkare quelle dell'avversario. Ovviamente, commettendo errori ancora più clamorosi.

Il post citato di LC dimostra proprio l'ignoranza di chi cerca di dimostrare la sua tesi sbufalandosi da solo, tanto accecato dall'ideologia da non rendersene conto.

E poi, nonostante le magre figure raccolte, ancora si ostinano a prendere le parole letteralmente. Probabilmente, nelle scuole che hanno frequentato il metodo scientifico e le figure retoriche erano argomenti tabù...

Pape

Andrea ha detto...

Con 2 calcoli di trigonometria si risale all'inclinazione in gradi (5.3°) tra il punto più alto da loro indicato ed il punto d'impatto.

Non so cosa vogliano dimostrare con quel post, forse non lo sanno nemmeno loro.

Anonimo ha detto...

Non so cosa vogliano dimostrare con quel post, forse non lo sanno nemmeno loro.
----------------
Che la vita è a scale...c'è chi scende e c'è chi sale.

C.P.

Giuliano47 ha detto...

Hanno spianato la collina!

http://www.chilit.org/Papers%20by%20author/pentagon.jpg

Secondo me hanno usato dei laser tagliandola alla base, come si usa fare con uno spago per tagliare la polenta calda sul tagliere. Poi e' stata portata via da un UFO. La polenta? Mhhh, scusate, forse sto facendo un po' di confusione.